Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Caligula’s Horse
Rise Radiant
Demo

Black Pestilence
Hail the Flesh
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

05/06/20
CURRENTS
The Way it Ends

05/06/20
BLIGHT
Temple Of Wounds

05/06/20
16
Dream Squasher

05/06/20
GRUESOME/EXHUMED
Twisted Horror (split)

05/06/20
HAKEN
Virus

05/06/20
DEVIN TOWNSEND
Empath - The Ultimate Edition

05/06/20
NANOWAR OF STEEL
Sodali Do It Better

05/06/20
-(16)-
Dream Squasher

05/06/20
HANGING GARDEN
Against the Dying of the Light

05/06/20
MAKE THEM SUFFER
How To Survive A Funeral

CONCERTI

09/06/20
PERIPHERY (ANNULLATO)
ORION - CIAMPINO (ROMA)

10/06/20
IN.FEST
CIRCOLO MAGNOLIA - MILANO

12/06/20
SYSTEM OF A DOWN + KORN + GUESTS TBA (SOSPESO)
I-DAYS - AREA EXPO - MILANO

12/06/20
GUNS N` ROSES + GUESTS TBA (ANNULLATO)
FIRENZE ROCKS - VISARNO ARENA (FIRENZE)

13/06/20
AEROSMITH + GUESTS (SOSPESO)
I-DAYS - AREA EXPO - MILANO

16/06/20
STEEL PANTHER + THE WILD (SOSPESO)
ALCATRAZ - MILANO

16/06/20
DEATHLESS LEGACY
CRAZY BULL - GENOVA

17/06/20
SOCIAL DISTORTION + GUEST TBA
CARROPONTE - SESTO SAN GIOVANNI (MI)

18/06/20
GLORYHAMMER
ALPEN FLAIR - BOLZANO

21/06/20
INFECTED RAIN + ANKOR + TBA
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

Votum - Metafiction
( 3035 letture )
Ho sempre avuto un sogno nel cassetto che non ho mai rivelato a nessuno: mi sarebbe piaciuto ascoltare un disco degli Opeth particolarmente atmosferico e pulito. Non mi riferisco al sound seventies acustico di Damnation; no, avrei gradito un esperimento più moderno, magari strabordante di synth e pianoforti, con un Åkerfeldt caldo ed accomodante fino all'ultima nota, capace di lasciarsi alle spalle per una volta il potente gutturale e l'attitudine death degli esordi.
Ho come l'impressione che i polacchi Votum, arrivati con Metafiction alla seconda prova in studio, abbiano avuto i miei stessi pensieri, o abbiano altresì deciso di esaudire i miei desideri. Certo, se il mio sogno è rimasto a lungo nel cassetto un motivo c'è, ed è perchè non credevo fosse possibile ottenere precisamente l'effetto sperato. In effetti anche nel caso dei Votum non possiamo parlare esattamente di una "versione pulita" degli Opeth: Metafiction si avvicina piuttosto al sound inaugurato dai grandi Riverside, soprattutto per l'utilizzo delle tastiere ed i riff riverberati di chitarra, e ciò non può che giovare al risultato complessivo in virtù di così tante influenze diverse. Le note biografiche citano anche Porcupine Tree ed Anathema come punti di riferimento, ma su questi nutro grosse riserve (soprattutto a causa della totale assenza di paragoni con lo stile di Wilson).

Il disco fila via liscio come l'olio dalla prima alla settima traccia: il progressive dei nostri sei polacchi è leggero come l'aria, impreziosito da rilassanti break pseudo psichedelici e dolci sussurri di pianoforte, il tutto eseguito in punta di piedi -con l'esclusione di alcuni frangenti più robusti, come ad esempio nel roccioso intro di Glassy Essence e nella strofa di Stranger Than Fiction. I brani a mio avviso più avvincenti sono stranamente quelli di coda, ovvero Indifferent, pezzo dotato di un climax centrale riuscitissimo, da pelle d'oca, e December 20th, uno splendido esempio di progressive rock atmosferico e multisfaccettato, diviso tra influssi fusion, incursioni elettroniche e, nel finale, esplosioni distorte di grande effetto.

Inserite nello stereo Metafiction ed ascoltatelo in loop, all'infinito. Per essere un lavoro progressive bisogna riconoscere che può apparire atipico, a causa del minutaggio ridotto -per cui il loop si ripeterà in men che non si dica- ma d'altra parte il mood che lo contraddistingue è tanto uniforme quanto azzeccato, permettendo un ascolto reiterato virtualmente eterno; le vostre orecchie non saranno mai paghe delle atmosfere candide e rarefatte cesellate dalle mani dei Votum, e potrete così reinterpretare le sette tracce proposte in questo platter anche come un'unica, monolitica avventura acustica.
Non c'è che dire, la Mystic Production promuovendo Metafiction ha messo a segno un colpo notevole: se siete amanti del progressive raffinato ed avulso dai clichè del metal estremo, questo lavoro fa per voi. Mettete a segno lo stesso colpo, e fatelo vostro.



VOTO RECENSORE
84
VOTO LETTORI
31.79 su 24 voti [ VOTA]
Nilo
Giovedì 18 Marzo 2010, 15.10.42
3
gran bell'album...li ho scoperti da poco ma non ne posso fare più a meno. adesso sono curioso di ascoltare l'album precedente
Renaz
Giovedì 18 Marzo 2010, 1.28.23
2
Roba buona Ixo, roba buona!
ixo
Mercoledì 17 Marzo 2010, 22.20.18
1
Grazie renaz per la dritta, lo ascolterò presto, sembra interessante
INFORMAZIONI
2010
Mystic Production
Prog Rock
Tracklist
1. Falling Dream
2. Glassy Essence
3. Home
4. Faces
5. Stranger Than Fiction
6. Indifferent
7. December 20th
Line Up
Maciej Kosinski - vocals
Alek Salamonik - guitar
Adam Kaczmarek - guitar
Zbigniew Szatkowski - keyboards
Bartek Turkowski - bass
Adam Lukaszek - drums
 
RECENSIONI
84
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]