Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Summoning
With Doom We Come
Demo

Steven Wilson
Last Day of June
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

19/01/18
FACELESS BURIAL
Grotesque Miscreation

19/01/18
ARKONA
Khram

19/01/18
UNSHINE
Astrala

19/01/18
RISE OF AVERNUS
Eigengrau

19/01/18
VERHEERER
Maltrér

19/01/18
WALKING PAPERS
WP2

19/01/18
DEATHLESS LEGACY
Rituals of Black Magic

19/01/18
SONIC PROPHECY
Savage Gods

19/01/18
XENOSIS
Devour and Birth

19/01/18
PERFECT BEINGS
Vier

CONCERTI

17/01/18
ARCH ENEMY + WINTERSUN + TRIBULATION + JINJER
ALCATRAZ - MILANO

17/01/18
KREATOR + VADER + DAGOBA
ZONA ROVERI - BOLOGNA

20/01/18
BANCO DEL MUTUO SOCCORSO + HAMNESIA + LA STANZA DI IRIS
CIRCOLO COLONY - BRESCIA

20/01/18
FATES WARNING + METHODICA
LEGEND CLUB - MILANO

20/01/18
VEXOVOID + EXPLORER + SHENANIGANS
CASEIFICIO LA ROSA - POVIGLIO (RE)

20/01/18
AMRAAM + A TASTE OF FEAR + TRACTORS
ALVARADO STREET - ROMA

20/01/18
SAIL AWAY + GUESTS
PADIGLIONE 14 - COLLEGNO (TO)

20/01/18
RAW POWER + TRUTH STARTS IN LIES
BE MOVIE - SANT'ILARIO D'ENZA (RE)

20/01/18
ALEA JACTA + METHEDRAS + CRUENTATOR
COMUNITA' GIOVANILE - BUSTO ARSIZIO (VA)

21/01/18
FATES WARNING + METHODICA
ORION - CIAMPINO (RM)

Marc Rizzo - Legionnaire
( 2141 letture )
Ammetto con aria colpevole e sguardo chino di essermi un attimo sentito smarrito: “chi sarà ‘sto Marc Rizzo?” è una domanda di cui mi vergognerò sempre. Il caso ha voluto che l’occhio mi cadesse su Inflikted, by Cavalera Conspiracy, e allora ragionare a ritroso ha prodotto la (ri)scoperta imbarazzante: Marc Rizzo, ex Ill Niño e compagno d’avventura di Max Cavalera anche nei Soulfly, chitarrista noto per la sua tecnica e la sua cultura musicale molto legata ai patrimoni etnici – non discostandosi in questo senso dal più noto mentore – e alla jazz fusion. Il tutto inserito ovviamente in un contesto metallico di grande impatto, perché non si può suonare thrash –quel thrash poi– se la carica animale non la si ha dentro sempre e comunque.

Legionnaire è una goduria strumentale senza pause e senza freni, ma cerchiamo di fare ordine: l’opener è Release the Kraken, poderosa ed eccellente, con una prestazione non solo di Marc Rizzo ma anche dei suoi due compagni davvero da rimarcare. Più lineare –o comunque più basata sul riff che non sulla fuga eclettica- …By Great Odin’s Beard, mentre le sperimentazioni sul suono e sui temi spadroneggiano in Bandidas, che per fortuna non ha niente a che vedere con un orribile film di qualche anno fa. Se Victim in Shred già dal titolo suggerisce velocità incontrollabili –e mantiene le attese– The Emerald Goblet predilige il fusion flamencato che è un po’ il marchio di fabbrica di Rizzo solista. Legionnaire va avanti così, a strappi, tra ipervelocità metalliche e brani che dimostrano l’ampiezza di vedute e preparazione del chitarrista statunitense di nascita ma latino di sangue ed estrazione. Non è tutto oro però ciò che luccica di note sgargianti, soprattutto se un buon trenta per cento dei riff e qualche assolo qua e là è clamorosamente preso di peso dai precedenti due album di Rizzo, in modo talmente spudorato da far sperare in una citazione piuttosto che in un esito involontario. Non se ne vede in ogni caso il senso, e anzi il risultato è quello di innervosire l’ascoltatore attento, vanificando in parte il magnifico lavoro del grandioso Anthony Devizio alle pelli. I tre hanno un equilibrio quasi magico, da grande jazz trio più che da solo project, e le atmosfere mutano senza soluzione effettiva di continuità, o con salti che circondano l’ascoltatore o con rapidi colpi al petto. Qualcosa manca rispetto ai due notevolissimi predecessori, Colossal Myopia e The Ultimate Devotion, dischi che suggerisco prima di questo Legionnaire per conoscere e comprendere Marc Rizzo: ma la qualità è assicurata, e la libidine uditiva pure.



VOTO RECENSORE
82
VOTO LETTORI
36.21 su 23 voti [ VOTA]
Almetallo
Venerdì 14 Giugno 2013, 14.41.17
2
Gran chitarrista , suona veramente bene e in Dark Ages ha fatto degli ottimi assoli
Soulfly18
Lunedì 11 Ottobre 2010, 21.41.59
1
Uno dei cd solisti più belli! Sono molto belli anche gli altri due cd solisti di marc rizzo.
INFORMAZIONI
2010
Phlamencore Records
Shred/Fusion
Tracklist
1. Release the Kraken
2. …By Great Odin’s Beard
3. Bandidas
4. Victim in Shred
5. The Emerald Goblet
6. The Wrath of Crom
7. Peaks and Valleys
8. Legionnaire
9. Life and Will
10. Fenestrelle Fortress
11. The Metallurgist
Line Up
Marc Rizzo (Guitar)
Elo Hernandez (Bass Guitar)
Anthony Devizio (Drums)
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]