Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Evergrey
The Atlantic
Demo

BlurryCloud
Pedesis
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

01/03/19
QUEENSRYCHE
The Verdict

01/03/19
CLIMATE OF FEAR
The Onset of Eternal Darkness

01/03/19
HEAUME MORTAL
Solstices

01/03/19
CARTOGRAPHS
Wilt & Blossom

01/03/19
WHILE SHE SLEEPS
So What?

01/03/19
MARK MORTON
Anesthetic

01/03/19
IN FLAMES
I, The Mask

01/03/19
DARKWATER
Human

01/03/19
BROWBEAT
Remove the Control

01/03/19
DER WEG EINER FREIHEIT
Live In Berlin

CONCERTI

23/02/19
BUCKCHERRY + GUESTS
ROCK PLANET - PINARELLA DI CERVIA (RA)

23/02/19
...AND YOU WILL KNOW US BY THE TRAIL OF DEAD
COVO CLUB - BOLOGNA

23/02/19
UNDISPUTED ATTITUDE FESTIVAL
DEFRAG - ROMA

23/02/19
SATAN + RAM + SCREAMER
CIRCOLO ARCI MU - PARMA

23/02/19
OPERATION MINDCRIME
MEPHISTO - ALESSANDRIA

23/02/19
PROSPECTIVE
DA MONSTAS - PORTO POTENZA (MC)

23/02/19
NANOWAR OF STEEL
FUORI ORARIO - TANETO (RE)

23/02/19
FORGOTTEN TOMB + GUESTS
BOCCIODROMO - VICENZA

23/02/19
BLACK THERAPY + EVIL NEVER DIES
EVILUTION CLUB - ACERRA (NA)

23/02/19
ENUFF Z' NUFF + SISKA
REVOLVER CLUB - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

Munruthel - Oriana’s Tales (Reissue)
( 1738 letture )
Dunque, aiutatemi voi: qual è quella sensazione di inerzia e di fastidio, talvolta molesta talaltra frustrante, in cui ci si ritrova in seguito a monotonia e totale mancanza di interesse?

Munruthel è il progetto piuttosto misconosciuto dell'ormai ex batterista del gruppo black ucraino Nokturnal Mortum; nata dapprima sotto il nome di Silentium (da non confondere con l'omonimo gruppo gothic finlandese), la one man band decise di mutare il proprio nome in Munruthel in seguito al conflitto concettuale di fondo tra il monicker in latino ed i testi ispirati alla concezione del mondo delle nazioni slave. Ed è proprio in questi territori che si muove, perlomeno nelle intenzioni, la musica di Oriana's Tales (edito originalmente nel '99, ora ristampato con nuovo artwork dalla russa Gardarika Musikk), in forma di una sorta di dark ambient ricca delle contaminazioni più disparate: rumori ambientali, folk, elettronica e pure black metal. Un piatto ricco insomma... ma non certo di stile!
Eh sì, perchè Oriana's Tales pare una cronaca di un universo conosciuto solamente in superficie, caricato di improbabili significati e simbologie ed infine spacciato all'ascoltatore nella maniera più dozzinale possibile. Inizia così: synth orridamente retrò (costante di tutto il disco) e banali giochi di filtri (lo “spippolare” tipico di chi è alle prime armi con quel meraviglioso giocattolino chiamato sequencer) fanno da scheletro ad inserti di ululati e strani gorgoglii. Non è un inizio travolgente, ma il disco riesce a peggiorare su tutti i fronti, come fosse un'eco della più becera colonna sonora per ragazzini infatuati di epicità e di misticismo spicciolo: ad una prima parte chiamata “night” più contemplativa, oscura e solenne, caratterizzata da loop di synth corredati occasionalmente da screaming, fa da contraltare la seconda parte “day” (l'avevate intuito eh?), più folkeggiante ed epica, persino marziale e militare. Di idee ce ne sono quindi, ma sono raffazzonate e buttate nella mischia senza criterio, quasi “per contratto”; le composizioni e soprattutto gli arrangiamenti (Dio mio!) sono puro ciarpame: banali come pochi e oltremodo irritanti nel loro forzato prendersi sul serio. La scelta dei suoni e la programmazione della batteria sono i due principali contendenti al titolo di maggior disastro: al primo angolo abbiamo dei suoni che persino i tanto vituperati (limitatamente a questo ambito) anni ottanta bollerebbero come giurassici, al secondo dei pattern di batteria scandalosi nel loro incedere sempre uguale e senza sussulti né groove (per non parlare delle marcette... brr!).
Dal punto di vista del coinvolgimento emotivo (stiamo parlando pur sempre di ambient) siamo nella zona dei superconduttori, ossia presso lo 0 assoluto!
Il disco riesce comunque a regalare qualche sussulto positivo quando si spinge oltre i territori ambient per approdare nella forma canzone più classica: in questo senso Brilliance of the thundering sword è un onesto pezzo black, ma si tratta solamente di un'oasi in un deserto di anonimato pressochè totale.
Insomma, se Oriana's Tales fosse un libro vorrebbe dire che Munruthel ce la stia mettendo proprio tutta per rendere gente come Moccia un grande maestro di stile. Ho detto tutto.

La risposta alla domanda iniziale l'avrete ormai capita, ed Oriana's Tale è veramente tutto descritto in quelle quattro lettere: noia, pura e semplice noia.
Ma sì, dopotutto la noia vince sempre sull'invidia e sull'odio. Amen.



VOTO RECENSORE
39
VOTO LETTORI
37 su 23 voti [ VOTA]
Bloody Karma
Martedì 23 Marzo 2010, 9.33.29
2
Non è certo un capolavoro, ma concordo con undercover è cmq un disco bello underground da digerire con molta calma...
Undercover
Lunedì 22 Marzo 2010, 11.06.30
1
Bello vedere come il feeling di un disco venga distrutto così...ormai son abituato a certi ehm voti e critiche, spero il disco sia stato ascoltato più di due volte visto che l'assimilazione non è fra le più semplici.
INFORMAZIONI
2009
Gardarika Musikk
Ambient
Tracklist
1. Mother-Moon (Sunrise)
2. The Lord Of The Bog Swamps
3. The Procession Of Nav'
4. Overlimiting Chambers Of Kromeshniks
5. Darker Than Black
6. The Preceding Dawn Dance Of Dennitsa
7. The Brilliance Of The Thundering Swords
8. The Legend Of Sviatoslav
9. The Mysteries Of Rusaliyas And Wormwood
10. The Call Of Beriginias
11. Twilight Of Judeochrist
12. Father-Sun (Sunset)
Line Up
Munruthel: Vocals, all instruments
 
RECENSIONI
65
39
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]