Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Enslaved
Utgard
Demo

Veritas
Threads of Fatality
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

27/11/20
ONDSKAPT
Grimoire Ordo Devus

27/11/20
SCOUR
Black

27/11/20
EAST TEMPLE AVENUE
Both Sides of Midnight

27/11/20
ULTIMATIUM
Virtuality

27/11/20
DARKNESS
Over and Out

27/11/20
CARNAGE ALPHA
From There to Oblivion

27/11/20
DIAMOND HEAD
Lightning to the Nations 2020

27/11/20
WITHIN THE RUINS
Black Heart

27/11/20
ARRAYAN PATH
The Marble Gates to Apeiron

27/11/20
WRECK-DEFY
Powers That Be

CONCERTI

26/11/20
RHAPSODY OF FIRE (POSTICIPATO)
TRAFFIC CLUB - ROMA

27/11/20
RHAPSODY OF FIRE (POSTICIPATO)
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

28/11/20
RHAPSODY OF FIRE (POSTICIPATO)
LEGEND CLUB - MILANO

28/11/20
BELPHEGOR + GUESTS
BLACK WINTER FEST - MILANO

29/11/20
ORPHANED LAND
REVOLVER CLUB - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

29/11/20
MARDUK (RIMANDATO)
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

30/11/20
MARDUK (RIMANDATO)
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

01/12/20
ORPHANED LAND
LEGEND CLUB - MILANO

02/12/20
ORPHANED LAND
TRAFFIC CLUB - ROMA

03/12/20
ROSS THE BOSS + GUESTS (CANCELLATO!)
LEGEND CLUB - MILANO

Dark Quarterer - Under the Spell (DVD)
( 3924 letture )
Abbiamo ripetutamente affrontato, anche in tempi recenti, il discorso relativo a certi gruppi i quali, pur producendo musica di ottimo livello e dedicando anni ed anni alla causa, non hanno mai raccolto in proporzione a quanto seminato. Uno degli esempi più eclatanti che è possibile fare in questo senso è certamente quello riguardante il gruppo più importante per lo sviluppo dell’Epic nella nostra Penisola e non solo: i Dark Quarterer.
Avevo già detto quanto avevo da dire in proposito all’interno della recensione del loro ultimo Symbols e pertanto non mi dilungherò ulteriormente in merito, quel che conta è che oggi, con una carriera di circa quarant’anni e con cinque albums alle spalle, i Dark Quarterer giungono alla pubblicazione di un DVD che può essere considerato forse come il coronamento di una carriera che ad ogni modo non è certo terminata.

Dal punto di vista tecnico il prodotto si presenta piuttosto bene, pur non offrendo soluzioni particolarmente ricercate le immagini risultano nitide e godibili, (forse qualcuna un po’ troppo scura in alcuni frangenti), telecamere ben sfruttate, (qualche incursione dei cameraman nel campo visivo si poteva forse evitare), ed un sonoro abbastanza buono. Solo qualche inquadratura con figura non ripresa interamente mi ha leggermente infastidito, ma nel complesso il prodotto si fa guardare e sentire, anche a causa di una felice scelta scenica che privilegia lo scorrere di immagini fotografiche a sostegno dei pezzi e nessun fronzolo od orpello scenico fuori luogo rispetto alla musica ed alla storia dei Dark Quarterer.
In questo senso anche la staticità della band on stage fa parte del “pacchetto Dark Quarterer, ossia niente fronzoli , musica e basta.
Musicalmente l’intera prima parte si snoda proponendo la tracklist di Symbols, (tracce da 1 a 6), con i pezzi che da un lato confermano le qualità già espresse nelle versioni da studio e dall’altra acquistano quel quid di potenza che la dimensione live esige per ottenere il giusto risalto sul palco. Buona la fusione musica/immagini e la cifra tecnica espressa dal gruppo, come è lecito attendersi da gente di questa esperienza, specialmente da parte di Nepi, Longhi e Ninci, ma anche il chitarrista Sozzi ne possiede un buon bagaglio.

Il tutto occupa circa un’ora prima di cedere il passo alla storia, ciò in quanto il resto del Dvd si compone di una serie di pezzi che faranno palpitare il cuore dei vecchi metallers e dall’altro possono risultare utilissimi per spiegare a chi non conosce i trascorsi della band il perché il nome dei Dark Quarterer sia così quotato tra gli addetti ai lavori e susciti il rispetto di tutti quelli che si piccano di essere intenditori del verbo metallico.
Dark Quarterer, Colossus of Argil, Retributioner, Lady Scolopendra, Deep Wake, Last Song, tutti pezzi lunghissimi ed intricati come la band ci ha abituati a sentire e che sono il loro trademark più noto, con una sequenza temporale che si snoda da quelli più vecchi fino a quelli di Violence.
Meno riuscita la parte riguardante i bonus che è veramente striminzita, anzi, più che striminzita dato che contiene solo i ringraziamenti. Non meglio il booklet, quattro sole pagine con la storia del gruppo, qualche foto ed ancora i ringraziamenti.
Strano, perché di solito la casa discografica interessata –la My Graveyard- si segnala in positivo anche per queste cose, non mi rimane altro che pensare a problemi di budget per giustificare la cosa.

Un prodotto comunque più che buono, di sostanza, e che –spero- può contribuire a sdoganare una volta per tutte il nome dei Dark Quarterer facendoli passare dal ruolo di cult band a quello di signori italiani di un certo settore musicale, anche perché all’estero sono stati in molti ad ispirarsi a loro, e non sarebbe giusto ricordarli tra anni come band per addetti ai lavori, non dopo decenni di musica ad alti livelli.



VOTO RECENSORE
80
VOTO LETTORI
79 su 71 voti [ VOTA]
Harlan
Giovedì 8 Marzo 2018, 21.41.08
3
Non lo trovo in vendita da nessuna parte, peccato veramente. Questa band è leggenda dell'HM italiano, peccato la conoscano in pochi..
Marco Aimasso
Martedì 27 Luglio 2010, 23.59.34
2
“Under the spell – Live at Concordi Theatre”, spettacolare DVD degli altrettanto favolosi Dark Quarterer consumate senza controindicazioni questo “Under the spell” 90/100.
Vittorio
Sabato 27 Marzo 2010, 1.52.56
1
E' stata una splendida serata di musica in uno splendido contesto. La testimonianza di un piccolo evento per una Grande band. Onorato di essere stato ricordato tra i ringraziamenti !!!
INFORMAZIONI
2010
My Graveyard
Epic
Tracklist
1 - Wandering in the Dark
2 - Ides of March
3 - Pyramids of Skulls
4 - The Blind Church
5 - Shadow of the Night
6 - Crazy White Race
7 - Dark Quarterer
8 - Colossus of Argil
9 - Retributioner
10 - Lady Scolopendra
11 - Deep Wake
12 - Last Song
Line Up
Gianni Nepi - voce e basso
Francesco Sozzi - chitarra
Francesco Longhi - Keys
Paolo Ninci - batteria

Special Guest
Alice Bertoncini - voce track 4
 
RECENSIONI
80
80
74
79
88
89
ARTICOLI
04/08/2015
Intervista
DARK QUARTERER
Un viaggio chiamato vita, in compagnia del fato
01/03/2009
Intervista
DARK QUARTERER
Parla la band
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]