Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Sons Of Apollo
MMXX
Demo

Ira Green
7
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

27/01/20
MARRASMIELI
Between Land And Sky

31/01/20
NATTVERD
Styggdom

31/01/20
RAVENWORD
Transcendence

31/01/20
THE RAGGED SAINTS
Sonic Playground Revisited

31/01/20
SERIOUS BLACK
Suite 226

31/01/20
SECRET ALLIANCE
Solar Warden

31/01/20
HOUNDS
Warrior of Sun

31/01/20
GARY MOORE
Live In London

31/01/20
MOON REVERIE
Moon Reverie

31/01/20
LORDI
Killection

CONCERTI

28/01/20
IMMINENCE + GUESTS
CIRCOLO SVOLTA - ROZZANO (MI)

31/01/20
NOVERIA + METHODICA
TRAFFIC CLUB - ROMA

01/02/20
METAL PUNK FEST
CSO PEDRO - PADOVA

01/02/20
INCITE
DEDOLOR MUSIC HEADQUARTER - ROVELLASCA (CO)

01/02/20
EXTREMA
CRAZY BULL - GENOVA

01/02/20
CORAM LETHE
1001 - COLLE VAL D'ELSA (SI)

01/02/20
HIDEOUS DIVINITY + GUESTS
EKIDNA - CARPI (MO)

02/02/20
GLORYHAMMER + NEKROGOBLIKON + WIND ROSE
ALCATRAZ - MILANO

06/02/20
THE DARKNESS + DZ DEATHRAYS
ALCATRAZ - MILANO

06/02/20
EXTREMA
FREAKOUT CLUB - BOLOGNA

Avantasia - The Metal Opera: Part I
( 9704 letture )
L’incubo dei detrattori del power metal e il sogno dei fan di Sammet, il primo capitolo della metal opera targata Avantasia è un disco che, con i suoi pregi e i suoi difetti, si pone come una delle uscite imprescindibili del genere. Tanto è stato detto negli anni, anche in virtù delle successive release del side project di Tobias Sammet, che, se con gli anni ha progressivamente perso la voce, non ha smarrito la voglia di scrivere musica. The Metal Opera è un trattato scientifico sui clichées del power metal: doppia cassa assillante, voci acute, cori stucchevoli, trama pseudofantasy. Chiaro che, con questi presupposti, diventa al contempo quasi impossibile per chiunque non sia un power kid trarre piacere dall’ascolto, e una libidine pura per chi di Helloween, Gamma Ray e Edguy ha fatto il proprio vangelo. Il cast è imponente, e lo esamineremo nei dettagli più avanti, ma va detto che Sammet spadroneggia, cantanto, oltre alle sue “battute”, anche tutti i cori, lasciando ai compagni d’avventura spazi irrisori all’interno dei brani. Questo ha fatto avanzare a molti un’obiezione sensata: non è una metal opera, ma un disco degli Edguy con una manciata di guest. Bene, a questa critica è spontaneo rispondere che tuttavia ogni personaggio è caratterizzato psicologicamente e attualmente, ha un suo posto nella storia perfettamente coerente con gli altri.

A questo punto cominciamo l’avventura di Avantasia: il Prelude introduce un tema orchestrale sognante e magico, che la chitarra di Henjo Richter amplifica in Reach Out For the Light, che svela l’identità del misterioso Ernie: ad impersonare il druido Vandroiy (ma per la trama vi rimandiamo al booklet del cd) è nientemeno che il figliol prodigo del power, Michael Kiske. E, bontà loro, l’ex Helloween e Tobi Sammet sembrano essere nati per duettare, conferendo grazia armonica stupefacente a quest’opener. Ma il frontman degli Edguy non disdegna avversari canori più impegnativi, e Serpents in Paradise lo vede alle prese con i ringhi di David DeFeis, unico cantante non power del lotto: ne viene fuori uno dei migliori episodi di Avantasia, con frequenti cambi di atmosfera e una tensione narrativa raramente eguagliata altrove. L’intermezzo Malleus Maleficarum -che prende il nome dal libro utilizzato nei processi per stregoneria- ci presenta la figura del balivo von Kronberg, impersonato dal dotato Ralf Zdiarstek, che qui si limita ad un recitato. È allora il momento di Breaking Away, brano veloce e acuminato in cui Kiske surclassa Sammet sui toni alti; il frontman degli Edguy non fa una figura eccelsa neanche in Farewell, dove la grazia incontestabile di Sharon den Adel lo spiazza, ma un coro imponente tiene alto il livello qualitativo generale. Zdiarstek e Rob Rock rendono The Glory of Rome un pezzo imponente per struttura e altezze raggiunte, grazie anche al contributo finale di un Oliver Hartmann impressionante. Interviene in anticlimax la strumentale In Nomine Patris, solenne e inquietante nella ripresa soffocata del tema iniziale, ma lascia presto spazio al singolo Avantasia, manco a farlo apposta un duetto tra Sammet e Kiske, con il primo in netta ripresa, nonostante gli arcinoti limiti tecnici. Ancora una strumentale -A New Dimension, che fa tanto videogame- e poi è il momento di Andre Matos e Kai Hansen, che affiancano Sammet in un pezzo (Inside) in cui melodie interessanti non pareggiano un testo ridicolo oltre ogni limite (Matos esordisce con: “siamo le creaturine che vivono nella tua testa”, e non vado oltre) e un’interpretazione di Sammet imbarazzante. Pro memoria cantantorum: è impossibile imitare Matos e il suo stile iperemotivo. Smettete di provarci, si collezionano solo brutte figure come questa. Sign of the Cross dona dignità al personaggio dell’ex Angra -un folletto senza arte né parte, che almeno evita di toccare ulteriormente il fondo- e presenta una buona interazione fra i vari singers, oltre ad una serie di melodie di alto livello. Chiude la mastodontica , che vede in fase iniziale uno dei più bei cori che io ricordi e un ritmo trascinantissimo; i primi tre minuti sono monopolizzati da Sammet, ma è l’arrivo di Kiske a dare nuova spinta al brano. Da segnalare infine la comparsata di Timo Tolkki come misteriosa voce nella torre, e la dolcissima chiosa di DeFeis.

Un cast di poche stelle, alcune delle quali ridotte al lumicino, e di tanti bravi cantanti, alcuni dei quali davvero in grado di elevare il livello complessivo delle composizioni, che in generale risultano ben scritte ma eccessivamente autoreferenziali. Sammet innegabilmente non è il genio assoluto che ritiene di essere, tuttavia The Metal Opera ha un’alchimia di fondo che la rende irrinunciabile per qualsiasi fan di power metal. Anche perché Kiske canta come quasi mai ha fatto nelle sue infelici traversie musicali, e questo varrebbe il prezzo del biglietto; ma la possibilità di sentire insieme autentici talenti nobilita ulteriormente il resto dell’album. Certo, The Electric Castle -a firma Ayreon- è un’altra cosa…



VOTO RECENSORE
83
VOTO LETTORI
73.09 su 62 voti [ VOTA]
HeroOfSand_14
Sabato 16 Febbraio 2019, 15.59.03
15
Capolavoro. Dico solo che forse suona un pò "vecchio" per il sound che non mi fa impazzire, ma songwriting di livello assoluto per un'idea geniale di un musicista geniale come Sammet. Riportare Kiske al metal è stato un azzardo che ha dato i suoi frutti. The Tower rimane il top del disco per me, canzone pazzesca
Luky
Venerdì 2 Febbraio 2018, 15.06.56
14
90 per bellezza delle canzoni e importanza storica, capolavoro. Inoltre è il disco che ha riavvicinato Kiske al metal!
Little
Sabato 5 Novembre 2016, 18.10.11
13
Trovo veramente strano come si possa dare meno di 90 a un disco del genere. La recensione non mi pare gli faccia molta giustizia. Capolavoro!
lux chaos
Giovedì 24 Marzo 2016, 19.20.30
12
Capolavoro assoluto
Daniele 68
Giovedì 30 Ottobre 2014, 23.49.00
11
Mi unisco alle valutazioni di steelminded e matteo. Capolavoro. Punto
Steelminded
Giovedì 30 Ottobre 2014, 23.31.46
10
Matteo, leggo ora il tuo commento e avrei voluto scriverlo io pregiudizio e ingiuste valutazioni a mio avviso emergono da questa recensione ("Sammet innegabilmente non è il genio assoluto che ritiene di essere"... maddai...). A leggere la rece non meriterebbe neanche un 83 risicato, ma questo è un autentico capolavoro del power metal mondiale, insieme al suo sequel portano Sammet in cima insieme ai grandissimi del genere. Gnosis and Life AVANTASIA!!! Evviva!
Matteo
Martedì 15 Luglio 2014, 19.16.27
9
Qualche considerazione sparsa: 1- definire deFeis un avversario più impegnativo di Kiske è quantomeno una stronzata: deFeis è bravissimo, per carità, ma chiunque si scontri con Kiske sul suo campo è FOTTUTO 2- limiti tecnici di Sammet? Mah... Forse ora, con la voce che ha adesso, ma sentitevi un po' Sign of the cross live con gli Shaman di un certo Andre Matos, o il Burning down the opera con gli Edguy; entrambi i concerti sono dei primi anni 2000, subito dopo i due Metal Opera. DEVASTANTE 3- Sammet fa il corista e quindi questo è un disco degli Edguy con qualche guest? HAHAHAHAHAHAHA. I cori, quando ci sono, sono così pompati che riconoscere proprio Sammet dietro al microfono è difficile, in più ricordo che all'epoca Sammet non era ancora così conosciuto, probabilmente ha cantato i cori per non dover ingaggiare ANCHE dei coristi, oltre al cast di all-star che di sicuro non hanno lavorato gratis. 4- Elderane sarebbe un folletto (che poi sarebbe un elfo) senza nè arte nè parte? È solo il re di Avantasia, dopotutto.
Struzzo
Sabato 29 Marzo 2014, 16.39.44
8
Primo disco metal della mia vita! Intoccabile sia dal punto di vista affettivo che da quello compositivo. Tobias è essenzialmente i primi due capitoli della saga. Il resto è spazzatura pop. Voto 100! Questo è un disco difficile da migliorare perchè ha davvero tutto. E' super dinamico, mai noioso, cantato e suonato perfettamente, fresco, zeppo di artisti motivati e di qualità e poi dove lo trovate un album che inizia con reach out for the light e finisce con sign of the cross e the tower??!!! Ripeto, difficile da ripetere, figuriamoci da battere!
Sandro70
Domenica 21 Aprile 2013, 10.09.09
7
Questo è uno dei pochi album, usciti negli ultimi dieci anni ,che ha il diritto di far parte dei classici del power metal europeo. Eccezzionale!
nicco
Sabato 30 Marzo 2013, 19.04.52
6
Secondo me Sammet poteva osare di più su qualche assolo come quello di Breacking Away che non ho mai digerito molto ma questo disco ne complesso è spaziale.... Colonna del power: 95
il vichingo
Venerdì 22 Marzo 2013, 15.22.37
5
Soltanto quattro commenti in calce alla recensione di uno dei massimi picchi del Power europero? Non ho parole. Comunque anche qui capolavoro come il secondo episodio, sinceramente tra i due non saprei scegliere. Certe sonorità (leggasi Power sinfonico) non le digerisco più come una volta ma ogni tanto dischi come questo me li ascolto con molto piacere, è prioprio il caso di dire "Quando la classe non è acqua".
xXx
Sabato 10 Novembre 2012, 18.20.57
4
Oh my God...solo 3 commenti a questo capolavoro? E' un disco favoloso, veloce, dinamico, melodico...è l'apice del power! Stupendo! 95 non glielo toglie nessuno!
fabriziomagno
Domenica 19 Agosto 2012, 14.50.54
3
i primi due avantasia li continuo ad ascoltare con gusto, davvero belli. Gli altri li trovo nettamente inferiori.
Radamanthis
Domenica 19 Agosto 2012, 14.47.59
2
Con The Metal Opera pt. II il top del power metal insieme alla coppia dei Keeper...amo questo disco e il progetto Avantasia; favoloso! Voto 98
Rashomon
Venerdì 11 Novembre 2011, 0.40.05
1
Davvero un bel disco: veloce e con tanta melodia, come il buon Power Metal deve sempre essere. I brani sono tutti quantomeno gradevoli, con due o tre picchi assoluti.
INFORMAZIONI
2001
AFM Records
Power
Tracklist
01.Prelude
02. Reach Out For the Light
03. Serpents in Paradise
04. Malleus Maleficarum
05. Breaking Away
06. Farewell
07. The Glory of Rome
08. In Nomine Patris
09. Avantasia
10. A New Dimension
11. Inside
12. Sign of the Cross
13. The Tower
Line Up
CAST
Tobias Sammet – Gabriel Laymann
Ernie – Lugaid Vandroiy
David DeFeis – Friar Jakob
Ralf Zdiarstek – Bailiff von Kronberg
Sharon Den Adel – Anna Held
Rob Rock – Bishop von Bicken
Oliver Hartmann – Pope Clemens IIX
Andre Matos – Elderane the elf
Kai Hansen – Regrin the dwarf
Timo Tolkki – Voice in the Tower
BAND
Henjo Richter (Guitar)
Jens Ludwig (Lead Guitar)
Norman Meiritz (Acoustic Guitar)
Markus Groβkopf (Bass Guitar)
Frank Tischer (Piano)
Tobias Sammet (Keyboards, Orchestration)
Alex Holzwarth (Drums)
 
RECENSIONI
82
80
58
75
74
83
ARTICOLI
06/04/2019
Live Report
AVANTASIA
Alcatraz, Milano (MI), 31/03/2019
26/03/2016
Live Report
AVANTASIA
Alcatraz, Milano (MI), 22/03/2016
10/01/2016
Intervista
AVANTASIA
Luci fantasma
21/04/2013
Live Report
AVANTASIA
Alcatraz, Milano, 16/04/2013
22/03/2013
Intervista
AVANTASIA
Viaggiare con la musica
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]