Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Amorphis
Queen of Time
Demo

Below a Silent Sky
A View from Afar
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

25/05/18
SKYBORNE REVERIES
Winter Lights

25/05/18
SCIENCE OF DISORDER
Private Hell

25/05/18
SPACE ELEVATOR
Space Elevator II

25/05/18
MICAWBER
Beyond The Reach Of Flame

25/05/18
FILII NIGRANTIUM INFERNALIUM
Hóstia

25/05/18
BLEEDING THROUGH
Love Will Kill All

25/05/18
DJEVELKULT
Når Avgrunnen Åpnes

25/05/18
FORGED IN BLOOD
Forged in Blood

25/05/18
LIV SIN
Inverted - EP

25/05/18
ABHOR
Occulta ReligiO

CONCERTI

24/05/18
CIRCUS MAXIMUS + ANGEL MARTYR + NEW HORIZONS (ANNULLATO!)
EVOL - ROMA

24/05/18
ALKYMENIA
CLUB HOUSE 22 - AULLA (MC)

25/05/18
CIRCUS MAXIMUS + ANGEL MARTYR + NEW HORIZONS (ANNULLATO!)
CIRCOLO COLONY - BRESCIA

25/05/18
MORTIIS + GUESTS
OFFICINE SONORE - VERCELLI

25/05/18
ALKYMENIA + ANCIENT DOME + RAWFOIL
COMUNITA' GIOVANILE - BUSTO ARSIZIO (VA)

25/05/18
METAL QUEEN FESTIVAL (day 1)
SALONE POLIVALENTE - STRAMBINO (TO)

25/05/18
CORAM LETHE + SYMBIOTIC + CELEPHAIS
EXENZIA - PRATO

25/05/18
THE CRUEL INTENTIONS + SPEED STROKE + LETHAL IDOLS
GRIND HOUSE CLUB - PADOVA

26/05/18
CIRCUS MAXIMUS + ANGEL MARTYR (ANNULLATO!)
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

26/05/18
MILADY METAL FEST
ARCI TOM - MANTOVA

Darkthrone - Circle the Wagons
( 6175 letture )
I Darkthrone hanno registrato un nuovo album, evviva. Gli ubriaconi sono sempre i migliori.

Lasciate perdere il voto dato a quest'album, quel voto è un simbolo: i Darkthrone sono un'istituzione, e votare un'istituzione appare così sdolcinatamente democratico da mal adattarsi allo spirito aristocratico di questa band norvegese.
Soprattutto ora che, dopo aver scritto una parte fondamentale nella storia del black metal, i nostri amati Darkthrone hanno esplicitamente preso le distanze da buona parte della corrente musicale estrema, proclamandosi attori di una "costante imboscata" ai danni del contemporaneo "overground metal" nonché sempre più agli antipodi della "travolgente massa del cosiddetto raw-metal".

A partire almeno dal 2006 con The Cult is Alive, ma più marcatamente con i successivi F.O.A.D. (2007) e Dark Thrones and Black Flags (2008), lo spostamento verso sonorità punk, speed metal e heavy metal ottantiane è apparso evidente, e quest'ultima fatica - si fa per dire - non fa che confermarlo.
Per chiunque segua i Darkthrone ciò è diventato, negli ultimi anni, una consuetudine, calamitando così i giudizi dei vecchi fan, perennemente divisi tra coloro che apprezzano e coloro che ne biasimano il nuovo corso. Consapevoli dunque della facilità con cui il voto, agli occhi di questo o quel lettore, può aumentare o diminuire di venti punti, non ci soffermeremo ulteriormente su tale consuetudine e tenteremo invece di osservare le cose da una diversa prospettiva.

Tanto, sia chiaro: se non conoscete i Darkthrone, non inizierete ad approfondirli certo da quest'album; se li conoscete e non ne avete apprezzato gli ultimi lavori, non apprezzerete nemmeno questo; se li conoscete e vi garbano sempre, non rimarrete delusi.

Ora veniamo al punto: l'atteggiamento di onesta ironia che viene delineandosi nel concept-Darkthrone, avendo il raro pregio d'essere allo stesso tempo ignorante ed intelligente, attrae malcontenti di ogni sorta: dalle reprimende su produzione ed esecuzione agli anatemi sulla carenza di black metal, dalle accuse di infiacchimento del sound alla scarsa sopportazione del lato demenziale della proposta artistica oppure della voce pulita da ubriacone in luogo del vecchio scream malefico. Ma queste cose, signori, sono fatte di proposito, sono volutamente provocatorie, ed è nella loro irriverenza anacronistica che dovrebbero essere giudicate. La merda può non essere inutile, finché puoi gettarla addosso a chi ti sta sulle balle.
Diversamente, il "coro dei lamentosi professori"* (così li definisce Nocturno Culto in una breve dissertazione dal sapore vagamente satirico; coro del quale, nonostante la mia qualifica, non ho intenzione di far parte) ad ogni nuova uscita targata Darkthrone, sbrodola sistematicamente le stesse insoddisfazioni circa il sound "poco moderno", i "4 riff a canzone", la produzione "marcia". Come se tali caratteristiche significassero di per se stesse che una creazione musicale è scadente.

Darkthrone has a very bad sound, where is the punch? Listen to those weak guitars, where is the "fat"? Drums are not cool, they sound old, out of date, the bass drums are not balanced in the mix. You use far too short time recording, why only 4 riffs in a song? Darkthrone does everything wrong. How can anyone listen to this shit? Shut them down.

Invece in questo Circle the Wagons c'è tanta bella merda old-style, basta andarsela a cercare (la sola title-track ne contiene un gran quantitativo): tutto è maledettamente ironico, le ritmiche minimali, le registrazioni stile buona-la-prima, le stonature di voce, l'attitudine fuck-off-and-die!, i cori heavy anni '80 declamati da un ubriacone molesto... tutto ciò è delizioso.
Si aggiungano inoltre numerose tracce interamente azzeccate (ad esempio le settantiane Black Mountain Totem e Running for Borders, la punkeggiante I am the Grave of the 80's, la lunga Stylized Corpse) ed una certa varietà di riff punk, heavy e hard-rock, e si otterrà così una buona realizzazione di ciò che ai due album precedenti era riuscito solo per metà: musica ironica, nella sua forzata ignoranza, che riesca a non annoiare subito.

Per questo consideriamo Circle the Wagons come la miglior sintesi dei secondi Darkthrone. Per questo ci teniamo a separare i giudizi sulla valenza artistica di questi ultimi lavori dalla comparazione forzata con i primi Darkthrone. Per questo ce ne fottiamo del voto, e decidiamo per un bel 69, speranzosi ed anzi convinti che nessun'altra cifra possa meglio simboleggiare i nuovi, e tuttavia così vecchi, Darkthrone. Che sono sempre quelli di "odio, dunque sono".

E c'è Cartesio che headbanga nella tomba.
\m/



VOTO RECENSORE
69
VOTO LETTORI
56.59 su 49 voti [ VOTA]
giusep80
Giovedì 15 Dicembre 2011, 14.51.37
20
...è vero, non è più black però l'attitudine punk ed il true black hanno più di qualcosa in comune...il migliore della nuova era...
FontaMetal
Lunedì 30 Maggio 2011, 22.15.27
19
Mon dieu, ma i Darkthrone non ne sbagliano una...'sto disco è divertimento. Puro. Marcio. Grezzo. Un Mattone in piena faccia che ti rompe il naso...e non si può fare a meno di sporcare di sangue tutt'intorno dall'headbanging che ti scaturisce quasi involontario! Io li adoro. Sempre Adorati. Da Soulside Journey. Sono una delle poche black metal band che si sono sapute rinnovare e, paradossalmente," rinfrescare " negli anni, pur andando a ripescare sonorità vecchie di 30 anni. Stima. Sempre. Grandi e unici Darkthrone.
Dirk
Martedì 4 Gennaio 2011, 13.55.49
18
Buon disco..sano,genuino,grezzo.Non è più black da anni,ma comunque un discreto prodotto.
antiborgir
Lunedì 1 Novembre 2010, 22.34.49
17
I am the graves of the 80's!!!!
viktorward
Giovedì 9 Settembre 2010, 11.50.23
16
A mio modesto avviso questo non è più black metal...
Bloody Karma
Giovedì 29 Aprile 2010, 14.29.48
15
Ho sentito x bene il disco...prosegue bene l'ultimo percorso della band, inserendo qualche influenzetta sabbathiana qua e la, forse i pezzi finali sono un po' tediosi macchissenefrega il disco mi va bene così comè
Bloody Karma
Giovedì 29 Aprile 2010, 14.29.48
14
Ho sentito x bene il disco...prosegue bene l'ultimo percorso della band, inserendo qualche influenzetta sabbathiana qua e la, forse i pezzi finali sono un po' tediosi macchissenefrega il disco mi va bene così comè
Heimdallr
Venerdì 23 Aprile 2010, 23.09.15
13
si,è vero che quando si pensa a lavori come under a funeral moon e transilvanian hunger,sorge quasi sicuramente il pensiero di perchè ora i darkthrone siano così,,ma io penso che questa svolta punk abbia lil suo fascino,a me il punk piace e ha molti punti in comune con il black se ci si pensa,basti pensare che i true blackster dell'inner erano thrasher e punk.... buon album
Ghenes
Martedì 30 Marzo 2010, 0.17.41
12
@Khaine ...niente di che, era solo che non capivo,)
Khaine
Lunedì 29 Marzo 2010, 23.54.48
11
@ Ghenes: io e Gabriele ci si conosce, era solo un modo per salutarlo mi spiace di aver dato adito a fraintesi! @ Lambru: vedremo cosa potremo fare... come sai non sono abituato a promettere ciò che non posso garantire, ma dammi tempo e vediamo cosa ne viene fuori, ok?
Marduk
Lunedì 29 Marzo 2010, 23.19.25
10
Precisando che ho tutta la discografia dei Darkthrone, ormai li seguo solo per completare la discografia. Appena potrò andrò a compare il nuovo album, ma scommetto già che non mi piacerà per niente. Per la precisazione sono della vecchia guardia e mi piange il cuore sentire i Darkthrone odierni. Avrei preferito il loro scioglimento anni or sono fa...avrei sofferto meno.
Ghenes
Lunedì 29 Marzo 2010, 10.25.28
9
@Khaine. pensa te cosa?
Bloody Karma
Lunedì 29 Marzo 2010, 8.56.55
8
finalmente qualcuno che la pensa come me...non ho ancora sentito quest'ultimo ma sono un gran sostenitore di questi ultimi Darkthrone...robba merdosa anni '80 e genuina...loro vogliono fare questo, perchè continuare a rompergli le balle con i tempi d'oro di Transilvanian hunger e Panzerfaust?
Renaz
Domenica 28 Marzo 2010, 21.46.21
7
@Arekusu: proprio lui
Uno qualsiasi
Domenica 28 Marzo 2010, 20.45.41
6
Straquoto gli ultimi due commenti!!! Quanto al disco, bello, proprio bello! Solo il penultimo non mi aveva fatto impazzire, ma questo è ok!
Arekusu
Domenica 28 Marzo 2010, 20.43.39
5
Ma lo stesso professore di Spinoza?
LAMBRUSCORE
Domenica 28 Marzo 2010, 13.36.28
4
finalmente trovo qualcuno che la pensa come me , PUNK & METAL (e anche ALCOOL) uniti finchè morte non li separi, biiip biip (sono le bestemmie che dovrei tirare) quindi proporrei recensioni di gruppi crust/core/power violence/....e romanticismi vari....khaine ti tiro in ballo, eheh , non deludermi. ho già fatto vari bar, quando torno, se sono in condizioni ne riparliamo c'è tanta buona musica nell'underground, secondo me, ciao e buona domenica a tutti
alessio
Sabato 27 Marzo 2010, 17.25.07
3
ancora non l'ho sentito comunque grandi darkthrone ritorno alle origini anni 80 dove metal e punk si mischiavano,e la facevano da padroni altro che roba moderna del cazzo!!!comunque bravi
Khaine
Sabato 27 Marzo 2010, 16.34.54
2
Pensa te... benvenuto Gabri
Ghenes
Sabato 27 Marzo 2010, 16.27.26
1
il disco non l'ho ancora ascoltato ma sarebbe stato facile per loro continuare a fare la solita roba con produzione adeguata ai tempi e proclami anticristiani a iosa. a pensarci bene ci avrebbero anche guadagnato ma i criticoni vari a questo forse non ci hanno pensato. ho imparato ad amare il metal proprio per questo suo essere al di fuori di tutto. la coerenza prima di tutto. HAILS DARKTHRONE!
INFORMAZIONI
2010
Peaceville Records
Black
Tracklist
1. Those Treasures Will Never Befall You
2. Running for Borders
3. I Am the Graves of the 80s
4. Stylized Corpse
5. Circle the Wagons
6. Black Mountain Totem
7. I Am the Working Class
8. Eyes Burst At Dawn
9. Bränn Inte Slottet
Line Up
Nocturno Culto (Ted Skjellum) - Vocals, Guitar, Bass
Fenriz (Gylve Fenris Nagell) - Drums, Vocals
 
RECENSIONI
78
s.v.
69
70
72
80
60
s.v.
74
70
94
85
99
87
74
ARTICOLI
05/11/2016
Intervista
DARKTHRONE
Slow heavy metal
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]