Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Five Finger Death Punch
F8
Demo

Conception
State Of Deception
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

10/04/20
PRETTY MAIDS
Maid In Japan

10/04/20
FM
Synchronized

10/04/20
MEGATHERIUM
GOD

10/04/20
DENNIS DEYOUNG
26 East Vol. I

10/04/20
METAL CHURCH
From the Vault

10/04/20
JOE SATRIANI
Shapeshifting

10/04/20
DOOL
Summerland

10/04/20
ACROSS THE SWARM
Projections

10/04/20
HER CHARIOT AWAITS
Her Chariot Awaits

10/04/20
CORDYCEPS
Betrayal

CONCERTI

07/04/20
VAN DER GRAAF GENERATOR (POSTICIPATO)
AUDITORIUM PARCO DELLA MUSICA (SALA SINOPOLI) - ROMA

08/04/20
VAN DER GRAAF GENERATOR (POSTICIPATO)
TEATRO CELEBRAZIONI - BOLOGNA

09/04/20
VAN DER GRAAF GENERATOR (POSTICIPATO)
AUDITORIUM DI MILANO - MILANO

09/04/20
IMONOLITH (ANNULLATO)
BLAH BLAH - TORINO

09/04/20
WILLIAM DUVALL
FABRIK - CAGLIARI

10/04/20
WILLIAM DUVALL
SANTERIA TOSCANA 31 - MILANO

10/04/20
IMONOLITH (ANNULLATO)
CENTRALE ROCK PUB - ERBA (CO)

11/04/20
IMONOLITH (ANNULLATO)
THE FACTORY - SAN MARTINO BUON ALBERGO (VR)

16/04/20
CULT OF FIRE + MALOKARPATAN
CAMPUS INDUSTRY MUSIC - PARMA

16/04/20
STORMTIDE + TBA
UFO CLUB - BERGAMO

Nirvana - Nevermind
( 26589 letture )
Ho sempre avuto delle tendenze suicide: non mi è mai importato molto di vivere o di morire, a parte il fatto che spesso ho considerato la morte come fine di ogni tormento. Ma il fatto è che la morte, a volte, mi fa anche paura…
(Kurt Cobain 1967-1994)

Nevermind, prodotto da Butch Vig e mixato da Andy Wallace, oltre che essere il capolavoro assoluto dei Nirvana, costituisce anche uno degli ultimi apici raggiunti nel rock.
Il titolo può essere tradotto in non importa e si riferisce al distacco dei giovani dai problemi reali: più esplicitamente menefreghismo rende meglio l’idea.
La musica di questo full length è una micidiale mistura di indicibile angoscia, inquietudine, frustrazione e dolore che scaturisce nota dopo nota, come lava da un vulcano, avviluppando l’ascoltatore in antitetiche atmosfere a volte pacate, quasi eteree, ed altre convulse, rabbiose e pregne di devastazione interiore.
Il mentore è il carismatico leader Kurt Cobain con il suo particolare vocalism acido/struggente e la sua chitarra in grado di produrre suoni strazianti alternati a cristalline armonie.

Il disco uscì il 24 settembre 1991 ed è il secondo lavoro della formazione statunitense dopo il promettente Bleach del 1989, nonché il primo inciso per una major label.
La stupenda e sin troppo significativa cover ritrae un bambino di quattro mesi (Spencer Elden) fotografato in una piscina di Pasadena in California mentre insegue un biglietto da un dollaro infilato in un amo da pesca.
Il platter è praticamente perfetto e contiene dodici pezzi più una ghost track che rappresentano la quintessenza della musica grunge. Si tratta di un genere classificabile come alternative rock sviluppatosi a Seattle a partire dalla seconda metà degli anni ottanta; in pratica è il risultato di una commistione tra svariate sonorità -punk, heavy, hardcore e hard rock- che, oltre naturalmente ai Nirvana, è stato portato in auge da gruppi storici come gli Alice In Chains, i Pixies, i Soundgarden, i Pearl Jam e gli Stone Temple Pilots.

La track d’apertura è la famosissima Smell Like Teen Spirit strutturata in modo molto semplice ma devastante come un uragano; splendido il lavoro alla batteria di Dave Grohl, mentre l’assolo avvolgente di chitarra di Cobain che riprende la linea melodica della voce è uno dei più belli nella storia della musica rock.
La successiva In Bloom inizia con un lamentoso giro di basso e si caratterizza per una melodiosa ritmica e per il rabbioso refrain.
Come As You Are è un altro capolavoro con il basso di Krist Novoselic a farla da padrone e ancora un assolo di chitarra da brividi. Il testo parla, tra l’altro, dell’insicurezza di Kurt a relazionarsi con gli altri sebbene sia comunque pronto ad accettarli.
Breed ha una ritmica scatenata decisamente più orientata all’hardcore/punk.
Lithium è una vera e propria gemma sospesa tra la melanconia e l’incisività del ritornello.
Polly catapulta l’ascoltatore in una dimensione più armoniosa ed è contraddistinta dall’ammaliante voce di Kurt che per le liriche trovò ispirazione da un fatto realmente accaduto a Tacoma nel giugno del 1987: una ragazza di 14 anni tornando da un concerto punk venne rapita da un uomo che l’appese a testa in giù, la violentò e la torturò. La ragazza riuscì fortunatamente a scappare ed il delinquente fu arrestato.
Domina il punk in Territorial Pissing che riprende a martellare senza pietà.
Drain You (bello il testo che parla d’amore) e Lounge Act hanno un incedere nell'insieme spensierato e gradevole; in quest’ultima canzone va evidenziato un Novoselic in autentico stato di grazia.
Si ritorna a ritmi più sostenuti con Stay Away, una song trascinante stranamente mai eseguita dal vivo.
La lamentevole quasi ripetitiva voce di Cobain domina l’ottima On A Plain.
Spettacolare l’intima ballata acustica Something In The Way che vede la collaborazione di Kirk Canning al violoncello e si riferisce ad un periodo difficile della vita di Cobain costretto a vivere sotto il ponte di Aberdeen perché cacciato di casa; il brano sarà reso immortale nella versione contenuta nell’album Mtv Unplugged In New York del 1994.
Dopo dieci minuti di silenzio esplode Endless, Nameless la ghost track: chitarre distorte all’inverosimile ed urla selvagge ti aggrediscono senza pietà! Da notare che questa song non era stata inclusa nelle prime 50.000 copie di Nevermind.

Sui Nirvana, la band del rock felice del male di vivere, è stato detto di tutto: sopravvalutati, incapaci di suonare, in grado solo di copiare altri gruppi come gli Husker Du o i Sonic Youth (provate, ad esempio, a confrontare la magnifica introduzione di Smell Like Teen Spirits con quella di U-Mass dei Pixies o il riff di Come As You Are con quello di Eighties dei Killing Joke); Cobain, poi, è spesso giudicato un cantante mediocre, stonato ed inascoltabile.
Ma forse qualcuno è in palese errore visto che, tra l'altro, Nevermind ha venduto oltre 25 milioni di copie in tutto il mondo e l’autorevole rivista Rolling Stone lo colloca al 17° posto della lista dei 500 migliori album di tutti i tempi!

Voglio concludere con queste parole di Kurt Cobain; fanno da presagio alla tragedia imminente che porrà anche fine all’esistenza dei Nirvana dopo soli tre album in studio (il terzo fu In Utero del 1993):

Ho cominciato a farmi regolarmente dopo il successo di Nevermind; non so spiegare il perché, forse perché in realtà sono stato sempre uno scoppiato. Sto cercando di venirne fuori, ma sinceramente non posso dire di esserci ancora riuscito.

Ma non ci riuscirà mai: il 5 aprile 1994 (il giorno è incerto a dire il vero) Cobain si suiciderà con un colpo di fucile lasciando una lettera con un monito finale: E’ meglio bruciare in fretta che spegnersi lentamente.

Voi che ne pensate?



VOTO RECENSORE
98
VOTO LETTORI
82.35 su 354 voti [ VOTA]
Michele
Martedì 10 Marzo 2020, 0.01.03
373
Stay away è fenomenale
Mauri66
Martedì 9 Luglio 2019, 11.24.41
372
Un disco che va al di là delle etichette, chissenefrega quale sia il genere, grunge hard rock heavy metal alternative boh. Un capolavoro è un capolavoro a prescindere. Come as you are una delle più belle canzoni della storia della musica!
GRC
Venerdì 12 Aprile 2019, 18.39.18
371
@Il Puntualizzatore commento #364, ovviamente mi riferivo agli album Temple Of The Dog (disco dell'omonima band) e Above disco del supergruppo Mad Season.
swan
Venerdì 12 Aprile 2019, 18.24.03
370
voto 100. disco da avere .pietra miliare.il grunge in tutta la sua essenza .anche chi non ama il grunge lo deve avere
dead again
Mercoledì 10 Aprile 2019, 19.51.19
369
ogni volta che lo riascolto a tutto volume le membrane del cervello ringraziano lostereo....
Area
Mercoledì 10 Aprile 2019, 15.04.42
368
Non avevo notato che alcuni di voi avevano omaggiato Kurt nei giorni scorsi... io resto dell'idea che questo sia uno dei miei dischi Rock preferiti di sempre. Tra l'altro per me é invecchiato benissimo e non é una cosa da poco, visto che parecchi dischi di quell'epoca ormai suonano irrimediabilmente datati. Questo invece é perfetto.
thrasher
Sabato 6 Aprile 2019, 0.12.56
367
Grande ammirazione per quest artista come lui e tanti. Dico una cosa mia strettamente personale, ci sono persone che vogliono viver la vita e non possono, ci sono persone che la vita la posseggono e se la tolgono. Questa non è una critica, ma una considerazione solamente
lisablack
Venerdì 5 Aprile 2019, 17.18.13
366
Condivido tutto progster78
progster78
Venerdì 5 Aprile 2019, 17.05.20
365
Esattamente 25 anni fa moriva Kurt Cobain e vorrei ricordarlo scrivendo due righe su questo disco che anche i marziani conoscono. Album stupendo dove il dolore e la sofferenza vengono trasformati in musica (come lo splendido Dirt degli Alice In Chains) . Grazie Kurt R.I.P.
Il Puntualizzatore
Sabato 30 Marzo 2019, 16.13.10
364
GRC forse intendi i Mad Season di Layne Stanley, Above è il titolo del disco
lisablack
Sabato 30 Marzo 2019, 13.33.37
363
Album che ha fatto storia..poco da dire, al di la' dei gusti, metal o grunge che sia, disco che è gia un'icona di un'epoca.
GRC
Sabato 30 Marzo 2019, 13.24.27
362
Grandissimo album, ma in ambito Grunge Pearl Jam e soprattutto Alice in Chains hanno saputo fare di meglio, senza dimenticare dischi, a mio avviso migliori di questo, come Temple Of The Dog e Above (capolavori). A Nevermind dò 87.
Stagger Lee
Sabato 30 Marzo 2019, 12.57.39
361
Per me un capolavoro, ma sono perfettamente in linea col ragionamento di Rob Fleming.
thrasher
Sabato 30 Marzo 2019, 12.53.45
360
Rob sono d'accordo sulla descrizione di ogni singola traccia da parte di mattiacoast. Poi logicamente ci sono canzoni più belle e meno belle. In questo disco ammiro la genialità di aver costruito delle canzoni con 2 accordi talmente belle e con un sound personalissimo da essere ricordate nella storia... La tecnica aiuta ma se non si ha quel che di geniale diventa fine a se stessa. Kurt era un autodidatta ma ha avuto quel guizzo di genialità nel comporre un pezzo di storia... Capolavori per me sono altri dove tutto è perfetto ad esempio un reign in blood
Rob Fleming
Sabato 30 Marzo 2019, 9.16.52
359
Uhm...@thrasher sei d'accordo con quale parte del commento? Sul capolavoro assoluto che però vale 90? O la parte in cui il capolavoro assoluto consta di solo 4 canzoni su 12 strepitose, e ne ha altre definite "carina", "non esaltante"; "buone"; "bella ma meglio l'altra versione". Lo so è una provocazione e non è nemmeno tanto rivolta a te. Ma è che per me un capolavoro assoluto è un disco perfetto in ogni suo brano o quasi. Non lo è quando solo 1/3 è sopra la media (discorso che vale per ogni album e non solo per Nevermind)
thrasher
Sabato 30 Marzo 2019, 8.31.36
358
Assolutamente d'accordo con l ultimo commento.
MattiaCost
Venerdì 29 Marzo 2019, 22.05.29
357
Capolavoro assoluto. "Smells like teen spirit", nella sua semplicità, riesce a trasmettere una grinta assurda. Incredibile come un riff così semplice sia così trascinante. "In Bloom" è carina, "Come as you are" è un altro pezzo da novanta, "Breed" mette una carica allucinante, "Lithium" è un buon pezzo, ma non l'ho mai trovato così esaltante, "Polly" è carina, "Territorial pissings" è divertentissima! Da "Drain you" a "On a plain" una serie di buoni pezzi, sicuramente solidi. "Something in the way" è molto bella ma preferisco la versione con la chitarra elettrica. "Endless, nameless" è allucinante, grandissimo pezzo: grezzo, aggressivo, urlato, ma quei brevi intermezzi "mother..." e "no mas" sono quasi onirici. Per me è un 90 su 100.
TheSkullBeneathTheSkin
Sabato 24 Novembre 2018, 10.20.05
356
Rob sei poco lucido perché appena alzato... Conosco poco Joe Cocker ed in effetti se mi fai l'esempio di summer breeze hai ragione tu. Kerrang un po' di tempo fa aveva pubblicato una versione (di Nevermind) completamente fatta di cover e l'opener la ricordo mi fosse piaciuta, stravolta in chiave quasi industrial. Però io amo quelle cover che si discostano dall'originale, oppure quelle che attualizzano suoni vetusti... indipendentemente che si tratti di Joe cocker o dei Nirvana o degli stessi Beatles o chi vuoi tu, cover migliori dell'originale ne ho sentite talmente poche che forse dire 1 su 100 è tanto
TheSkullBeneathTheSkin
Sabato 24 Novembre 2018, 10.20.04
355
Rob sei poco lucido perché appena alzato... Conosco poco Joe Cocker ed in effetti se mi fai l'esempio di summer breeze hai ragione tu. Kerrang un po' di tempo fa aveva pubblicato una versione (di Nevermind) completamente fatta di cover e l'opener la ricordo mi fosse piaciuta, stravolta in chiave quasi industrial. Però io amo quelle cover che si discostano dall'originale, oppure quelle che attualizzano suoni vetusti... indipendentemente che si tratti di Joe cocker o dei Nirvana o degli stessi Beatles o chi vuoi tu, cover migliori dell'originale ne ho sentite talmente poche che forse dire 1 su 100 è tanto
Rob Fleming
Sabato 24 Novembre 2018, 9.58.37
354
@Analizzatore al 350: lo faccio. A parte che entrambi stiamo sostenendo la magnificenza dei Beatles, è ovvio che se la metti sul piano della tecnica i Beatles non erano dei fuoriclasse, ma non ritengo che le strutture delle canzoni soprattutto nella seconda parte della carriera, quella degli studio-album per intenderci, fossero così semplici: A day in the life, Happiness is a warm gun, Strawberry fields forever,I've got a feeling (per rimanere in tema grunge), il secondo lato di Abbey road non sono così lineari. Se poi mi verrai a dire che si tratta di brani che sono stati fusi insieme, ma che sezionandoli sarebbero semplici, allora ti risponderei che hai ragione. Ma devi avere una mente superiore per concepire il puzzle. E si ritorna daccapo. Siamo OT? Certamente, ma sui Beatles sono poco lucido e se si discute di loro non mi trattengo
Rob Fleming
Sabato 24 Novembre 2018, 9.50.37
353
@TheSkull: se la frase che commentavo era riferita ai Nirvana non saprei cosa risponderti perché non conosco o mi vengono in mente cover dei Nirvana (se non la parodia, eccellente, Di Al Weird Yankovic). Per quanto concerne i Beatles a parte "With a little help..." di Joe Cocker ritengo che le varie cover sentite (dai Type o Negative a Mina) per quanto interessanti non superino l'originale.
TheSkullBeneathTheSkin
Sabato 24 Novembre 2018, 9.33.20
352
... non ho capito bene il concetto di "cover migliore" al 344, mi ritengo - abusivamente - un "coverologo" quindi mi piacerebbe capire di più... Cmq qui a casa skull cominciano le grandi pulizie, in sottofondo All Apologies coverizzata dai DOA in versione elettrica. Buon sabato bastardi
Analizzatore
Sabato 24 Novembre 2018, 9.28.09
351
Il grunge non andrebbe visto come un genere vero e proprio, ma una etichetta commerciale che mette insieme cose diverse. Come nu metal.
Analizzatore
Sabato 24 Novembre 2018, 9.17.49
350
@Rob Fleming: dovresti imparare a discernere tra capacità tecnico-esecutive e valore musicale.
TheSkullBeneathTheSkin
Sabato 24 Novembre 2018, 9.16.56
349
... il brutto della retorica, queste frasi ad effetto di (ormai) terza / quarta mano... basta dai che sono ridicole. Non è stato spazzato via un cazzo, solo qualcosa di diverso lo ha fatto sembrare di colpo vecchio e demodé.. la scena di Seattle è molto molto vicina temporalmente a quella della bay area, che già aveva portato un bello scossone a tutta l'industria musicale. Si dice ridefinire uno standard, non è che i Motley Crue sono svaniti con Nevermind, semplicemente molti non se li filava o più... ... il bello della retorica, invece, è per @lisablack: "se sono polvere" colpisce secco
TheSkullBeneathTheSkin
Sabato 24 Novembre 2018, 9.16.56
348
... il brutto della retorica, queste frasi ad effetto di (ormai) terza / quarta mano... basta dai che sono ridicole. Non è stato spazzato via un cazzo, solo qualcosa di diverso lo ha fatto sembrare di colpo vecchio e demodé.. la scena di Seattle è molto molto vicina temporalmente a quella della bay area, che già aveva portato un bello scossone a tutta l'industria musicale. Si dice ridefinire uno standard, non è che i Motley Crue sono svaniti con Nevermind, semplicemente molti non se li filava o più... ... il bello della retorica, invece, è per @lisablack: "se sono polvere" colpisce secco
Maurizio
Sabato 24 Novembre 2018, 8.16.51
347
Il disco che ha mandato a casa tutti gli anni 80 del metal. A posteriori, visto il grande seguito odierno che hanno ancora gruppi oramai molto in là con gli anni, è stato dannoso. Improvvisamente i Maiden, i Crue, i Van Halen e tutti gli altri diventano preistoria e tutti per avere un contratto devono girare sul Seattle Sound. Sunset Boulevard chiude per fallimento. Per fortuna non tutti si genuflettono (Painkiller, Vulgar display, Streets) ma la vita per loro diventa dura. Niente da dire, un disco che ha fatto epoca.
Galilee
Sabato 24 Novembre 2018, 0.36.58
346
Analizzatore, ti attacchi così ad una provocazione? Stay easy Hai piu band? Fico, anch'io ho avuto un paio di gruppi, ora però sono in stallo. Troppo lavoro zero tempo, vabbeh....... Comunque, come hai scritto tu, è proprio suonarle nel modo giusto che rende le cose non cosi semplici. E poi punti di vista, alcune cose dei Beatles non le vedo così semplici. Tornando ai Nirvana, non li ho mai considerati come scarsi musicisti, anzi, però non mi sono mai posto il problema. A me piacevano punto.
Silvia
Sabato 24 Novembre 2018, 0.02.36
345
"I Nirvana hanno un'impostazione molto punk, quindi è normale che siano minimali . E va bene così eh." Esatto e x me va di lusso, questo album mi è sempre piaciuto da matti e trovo che parlare di tecnica qui significhi non aver colto l'essenza di questo disco. Non so perché oggi ci sia questa ossessione x la tecnica... La musica è fondamentalmente saper trasmettere emozioni, un concetto banale che sembra sfuggire.../// Penso che Kurt fosse profondamente infelice e tormentato, almeno ho percepito questo dalle sua la sua lettera di addio (che secondo me non era il caso di pubblicare fra l'altro) e non penso che le dipendenze c'entrino in generale con i suicidi./// Comunque la notizia della morte mi colpì parecchio
Rob Fleming
Venerdì 23 Novembre 2018, 23.51.36
344
@Analizzatore: i Beatles, forse, e dico forse, giusto all'inizio componevano cose semplici. Ma da Rubber Soul in avanti sono diventati inarrivabili. Di cover migliori degli originali anche nel loro caso - se la frase era riferita ai Nirvana - ce ne sono poche (Joe Cocker e pochissimi altri), ma McCartney è un signor bassista. Tra i primi, se non il primo, a interpretare il basso come strumento non solo di accompagnamento (Rain è emblematica in tal senso). Non era John Entwistle, ma tecnicamente non era uno sprovveduto. Come si è passati a parlare di Loro nella recensione di Nevermind? Boh? di certo c'è che Cobain ha sempre detto che tra i tanti obiettivi era c'era quello di essere i Cheap Trick degli anni '90
Analizzatore
Venerdì 23 Novembre 2018, 23.48.31
343
Ah ecco, mi pareva strano che tu fossi un grande musicista. Però tu hai i superpoteri e sai che io non ho mai preso uno strumento in mano... azz e mo chi glielo dice a quelli delle mie band? Il senso del mio intervento, che pure era molto chiaro, è che dei brani tecnicamente semplici, come appunto quelli dei Beatles (che, ribadisco, sono tecnicamente molto semplici), bisogna pure suonarli nel modo giusto altrimenti non rendono.
Galilee
Venerdì 23 Novembre 2018, 23.30.45
342
Non ho mica detto che sono un grande musicista, non sono io che dico che questo o quello sono semplici da suonare. Brano difficile? Dipende sempre a cosa lo paragoni. Ma ad esempio una bulldog non è paragonabile a nessun brano dei Nirvana. Siamo su altri standard nettamente. I Nirvana hanno un'impostazione molto punk, quindi è normale che siano minimali . E va bene così eh.
Analizzatore
Venerdì 23 Novembre 2018, 23.23.35
341
Manco a capire l'italiano siete buoni...
Analizzatore
Venerdì 23 Novembre 2018, 23.21.12
340
No aspe', chiedo al grande musicista, quale giro di basso dei Beatles è così impegnativo?
Galilee
Venerdì 23 Novembre 2018, 23.06.48
339
Chi continua a dire che i The Beatles suonano musica semplice non ha mai preso in meno uno strumento. Il paragone con i Nirvana è ridicolo. I The Beatles non saranno i King Crimson, ma fidatevi, non è proprio musica semplice semplice. Io da bassista trovo lungo a suonare alcuni pezzi del The Beatles, di tante altre band rock e metal compresi i Nirvana proprio no.
Galilee
Venerdì 23 Novembre 2018, 23.03.03
338
I due personaggi sono molto differenti. Kurt era un persona abbastanza semplice che è stata travolta dal successo e si è rifugiata nelle droghe. E non è riuscita a gestire il tutto, facendosi travolgere, sino ad arrivare al suicidio. Droghe, depressione, esaurimento. Morrison cercava l'autodistruzione da sempre e godeva del suo successo, e non si è ucciso. È stato male dopo l'assunzione di Cocaina. Il cuore non ha retto . Inoltre non era schiavo dell'eroina ma dell'alcol. Non vedo comunque punti in comune tra le due band e i due personaggi. Poi vabbè dai mio punto di vista l'arte, la musica e la poesia del The Doors stanno su un altro pianeta.
jaw
Venerdì 23 Novembre 2018, 22.57.09
337
Bah i Nirvana hanno a che fare con il rock tanto quanto i backsteet boys, quali dei due sono depressi? Possibile che bands come i Dream Theater i Purple gli Zeppelin, tre e caso, abbiamo a che fare con questi zappatori degli strumenti? I Beatles suonano veri come i Nirvana? Altri tempi, certo che i Nirvana al confronto con i Beatles fanno cagare molto, ma nessuno dei due ha a che fare con l'hard rock
Tbone
Venerdì 23 Novembre 2018, 22.39.41
336
Non mi piace il grunge in generale e non mi piacciono neanche i nirvana, nel senso che non è proprio il genere che rientra nelle mie preferenze. Però ammetto che questo disco è fenomenale e non ce n'è una brutta. Poi il discorso depressione e del perché si sua suicidato é tutta un'altra storia, sicuramente non era una persona felice nonostante avesse fama e successo. Non penso l'infelicità dipenda dall'uso di droghe. Ce ne sono tanti che si sono fatti di ogni e sono vivi e felici, vedi ozzy i crue e tanti altri.
Analizzatore
Venerdì 23 Novembre 2018, 22.15.41
335
È meglio bruciare in fretta che spegnersi lentamente è una frase che si trova pure nel film Highlander, la dice il cattivone quando esce dalla chiesa, ed è presa da un brano di Neil Young My My, Hey Hey. A me questo album piace non poco, ha grandi melodie ed una idea di base interessante con i testi alla William Burroughs. E non è cosa da tutti. I brani dei Nirvana saranno pure tecnicamente semplici, lo erano anche quelli dei Beatles, ma non ho mai visto una band suonare decentemente una loro cover.
Hagen
Venerdì 23 Novembre 2018, 21.52.03
334
@TheSkullBeneathTheSkin diversa sì, non nel senso di migliore o peggiore: penso che semplicemente loro non dessero al bene "vita" la priorità che gli danno altre persone, tutto qui. Dio l'ho nominato perché la priorità che si dà alla vita e l'avversione al suicidio che tanto caratterizza la nostra società è un derivato del cristianesimo, perché se si guarda ad altre culture o a certi correnti filosofiche (come lo stoicismo) il suicidio non viene visto in maniera così negativa.
TheSkullBeneathTheSkin
Venerdì 23 Novembre 2018, 20.40.28
333
@Hagen: scusami ma essendo entrambe occidentali ed entrambe del dopoguerra ed entrambe dediti agli eccessi... la "visione" di tipo religioso al massimo possiamo averla noi da fuori, adesso, oppure la stessa società di cui facevano parte. Permettimi, ma ad essere altrettanto decisi e lapidari io il tuo punto lo tolgo e ritorno all'essere umano, senza Dio che nessuno ha nominato. Intendevi forse sottointendere una visione diversa della vita da parte di questi personaggi, magari una più profonda sensibilità?
Lucignolo
Venerdì 23 Novembre 2018, 20.04.00
332
Grazie Hagen,bella considerazione,aggiungo che ogni persona è un universo a se,e tale è il suo dolore,per comprenderlo spiegarlo o giustificarlo bisognerebbe vestire i suoi panni,o meglio,la sua vita.Credo nessuno lo verrebbe,quindi lasciamo che lui si "goda" la sua scelta in pace.
lisablack
Venerdì 23 Novembre 2018, 20.01.16
331
Mah io come Cobain e Jim Morrison vedessero il mondo, proprio non lo so..penso che tutti gli acidi che si sono messi nelle vene, senz'altro non li hanno fatti andare oltre i 27 anni ( entrambi). Sarà stata la depressione, boh, o altro, ma se sono polvere da tanti anni, devono dire grazie alla coca che piace a tanti.
Hagen
Venerdì 23 Novembre 2018, 19.10.21
330
Tutti questi discorsi sul suicidio sono secondo me condizionati da una serie di fattori, uno su tutti la visione cristiana della vita come bene supremo e inviolabile, bene di dio e non dell'individuo. Basta leggere scritti e opere di altre culture, come quella greco-romana, per accorgersi di quanto da loro il suicidio fosse invece molto più tollerato se non ben visto in certi casi: il suicidio di Lucrezia violentata da Tarquinio, il suicidio di Aiace Telamonio come unica fuga dalla vergogna, il suicidio di Catone Uticense come protesta... Trattare certe figure, come Kobain o Jim Morrison, come se vedessero il mondo con la stessa mentalità cristiano-occidentale della maggior parte delle persone è sbagliato, punto.
lisablack
Venerdì 23 Novembre 2018, 18.41.36
329
Ahahahah siete fortissimi!
TheSkullBeneathTheSkin
Venerdì 23 Novembre 2018, 18.11.22
328
arma letale 2 insegna
No Fun
Venerdì 23 Novembre 2018, 18.06.26
327
Allora io vado tranquillo, la vasca non ce l'ho, solo la doccia, al limite mi trovano seduto sulla tazza del cesso... no ok scusate eh però già che si dice che il grunge è musica da depressi...
lisablack
Venerdì 23 Novembre 2018, 17.55.22
326
Anche Withney Houston la trovarono in bagno, credo nella vasca, è un vero mistero..il suicidio è bruttissimo, soprattutto per chi resta e si sente in colpa..
TheSkullBeneathTheSkin
Venerdì 23 Novembre 2018, 17.49.33
325
...ragazzi ma secondo voi è possibile che vadano tutti ad accopparsi nella vasca da bagno? Elvis, Jim Morrison, Jimi Hendrix, Kurt Cobain, Chris Cornell... sempre tutti trovati nella vasca da bagno... brutto il suicidio ed ancora più brutto pensare non lo sia...
lisablack
Venerdì 23 Novembre 2018, 17.42.57
324
Si, sua figlia poteva essere l'unica motivazione per vivere, ma il depresso è "egoista" nel senso che non vedo altro che il suo dolore, tutto il resto non esiste. Anzi ci sono depressi che non si considerano tali, non si considerano malati, quando la depressione è una malattia. E il suicidio è a due passi..ma nel caso di Kurt, secondo me, la dipendenza dalla droga è stata determinante a farlo morire.
No Fun
Venerdì 23 Novembre 2018, 17.41.46
323
Eh Skull, non so, purtroppo spesso invece c'è chi decide di cadere nel baratro trascinandosi con sé anche i propri cari, pensando di alleviare loro le sofferenze di un mondo crudele. Non è facile. Spesso è impossibile. Di certo gli amici possono molto, amici non conoscenti. Il conoscente è quella persona che se ci chiede "come stai" rispondiamo "bene" anche se non è vero, perché è una formalità. Gli amici no. Non so niente di Kurt, di chi fossero i suoi amici e cosa hanno fatto. Ma con un tossico è diverso perché quella schifezza diventa più importante di ogni altra cosa, amici familiari compresi.
TheSkullBeneathTheSkin
Venerdì 23 Novembre 2018, 17.21.41
322
@NoFun: ricordavo Morrison, non so perchè, grazie della precisazione.. è importante perchè NY è sempre stato uno degli idoli/ispiratori di Cobain ed alla luce di ciò l'impiego di quella frase assume più senso, ma il significato originale che riporti la fa comunque sembrare fuori contesto.... non so, ma se penso alla depressione come dice ElectricVomit allora ancora di più non ritengo possibile il suicidio. EV dice "è una via di fuga", io dico che non puoi fuggire da qualcosa che hai dentro.... restano solo opinioni riguardo un tema delicato, ma IMHO il depresso non si comporta come Kurt, si comporta come Layne (sigh) che lasciandosi vivere si è lasciato morire, chiudendo tutto il mondo fuori dalla porta... magari è ancora troppo poco per essere scettici ed allora aggiungo anche che Kurt era padre di una bimba e un genitore ha ulteriori motivi per stringere i denti...
lisablack
Venerdì 23 Novembre 2018, 17.15.44
321
TheSkull.."Kurt non voleva uccidersi" be' però l'ha fatto. Chissà' cosa pensava o provava per arrivare a fare questo passo. È una fuga, ha ragione Electic Vomit, una fuga dal dolore, dal male di vivere, penso io. Depressione senz'altro..ma anche la dipendenza dalle droghe, ancora di più. Le droghe maledette che distruggono il cervello, deviano la mente di chi ne fa' uso, magari voleva vivere Kurt, chi non vuole questo?? Ma è la droga che comanda in questi casi..la celeberrima frase "del bruciare in fretta" mi pare una cazzata, non da prendere d'esempio. È stata anche fin troppo mitizzata, bruciarsi la vita è sempre sbagliato, tanto è talmente breve che passa via senza che ce ne accorgiamo..
No Fun
Venerdì 23 Novembre 2018, 17.02.26
320
La frase finale è di Neal Young della canzone Hey Hey My My. Molti lo criticarono dopo che Cobain usò quelle parole. Ma lui spiegò che non era affatto un inno al suicidio ma un omaggio alla mentalità rock n roll che quella frase riassume. Poi certo è qualcosa che è sempre presente nel pensiero pessimista (il massimo fu Carlo Michelstaedter) ma legata al rock per me ha un altro senso, non il suicidio bensì il vivere pericolosamente. E questa non è una cosa stupida, non necessariamente: se ti fai i selfie con l'orso dietro mentre arriva il treno sì sei un coglione, ma se vivi come chessò, Rimbaud, oppure Buenaventura Durruti, allora è diverso perché cerchi di creare qualcosa e il "pericolo" non è altro che una vita appassionata.
ElectricVomit
Venerdì 23 Novembre 2018, 16.59.41
319
Io penso che Cobain volesse vivere ma non sia riuscito a convincersene abbastanza. Essere dipendente dall'eroina ha accresciuto un problema di base (la depresione) che andava affrontato in modo diverso (terapie piscologiche e farmacologiche). La depressione è una malattia. Si può guarire. Vero è che serviva un atto volitivo da parte sua. Forse non ha avuto il tempo di capirlo. Mai e poi mai mi permetterei di associare un genere musicale ad una stigmatizzazione sociale (la musica è musica, punto; sta a chi ascolta avere la capacità critica di scindere eventuali messaggi ambigui dalla loro attuazione; esiste il libero arbitrio). Quando ho fatto scoprire a mia figlia il punk (quello storico) le ho passato Undisputed Attitude degli Slayer. Questo non fa di me, né di lei, un satanista (e manco gli Slayer lo sono, anzi quando li ho visti martedì a fine concerto erano quasi dei "teneroni", passami la battuta). Però non si può negare che la figura di Cobain sia stata mitizzata fondendosi coi Nirvana. E' possibile scindere le due cose. Non è immediato farlo.
TheSkullBeneathTheSkin
Venerdì 23 Novembre 2018, 16.52.12
318
@ElectricVomit: quindi anche tu fatichi ad attribuire quella frase alla complessa sensibilità del personaggio Kurt? Non lo ha capito bene, comunque grazie di aver raccolto. Ora, non sono molto concorde quando dici che non ci si avvicina ai Nirvana solo per la musica... cioè, o leviamo di mezzo i Nirvana, perchè anche chi si avvicina ai Dark Tranquillity potrebbe avere le sue belle paturnie da sfogare... oppure si fa una mezza allusione al grunge, in particolare quella/quelle band, come musica da tossici... ma è una cosa che Magari non si sarebbe detta dei Sonic Youth.
ElectricVomit
Venerdì 23 Novembre 2018, 16.45.28
317
Una cosiderazione del tutto personale: essendo padre ed essendo stato un adolescente con del disagio, capisco che Cobain rappresenti ed incarni il simbolo di un malessere che molti provano. E' questa la funzione dei simboli: tenere insieme significati universali in cui tutti possono rispecchiarsi. Ma la frase del bruciare in fretta mi pare una sciocchezza. Capisco il non sprecarsi ma la mitizzazione che si fa di questa figura va contestualizzata. Kurt aveva dei problemi di droga e depressione. Non fraintendetemi, non lo dico con tono moralistico. Anzi, lo dico con tutta la solidarietà che mi è data avere. Il punto è che il gesto che ha compiuto non è soluzione, è una fuga. E questo va detto chiaramente, perché, volenti o nolenti, quando ci si approccia ai Nirvana non lo si fa solo per la musica.
TheSkullBeneathSassari
Venerdì 23 Novembre 2018, 16.27.17
316
@REDAZIONE: premesso che i trapassati vanno trattati con rispetto e possibilmente lasciati riposare, premesso che ci viziate con di tutto un po' e tentate anche (invano) di acculturarci con pittura, cinema ed altro, premesso che ho scoperto da poco lo spazio nel forum dedicato alle risse dove le grrrls menano come fabbri.... una bella rubrica stile "Delitti Rock" su Metallized non ci starebbe male, no?!
TheSkullBeneathTheSkin
Venerdì 23 Novembre 2018, 16.22.38
315
Riguardo all'album preferisco non dire nulla, credo sia più equilibrato il voto dei lettori che non quello della rece... ma, chissene, a prescindere, parliamo di quella famosa "frase conclusiva" che nella mia ignoranza attribuirei più a Jim Morrison... secondo voi è possibile che i due pensieri riportati in corsivo li abbia scritti la stessa persona? Secondo me no, vi prego pensateci bene attingendo a tutta la vostra sensibilità... secondo me non è proprio nelle sue corde, imho, Kurt non voleva uccidersi
Galilee
Venerdì 23 Novembre 2018, 16.11.35
314
I primi asoundgarden secondo me sono più Stoner che grunge. Non sapevo che nel 86 esistesse già questa etichetta. Sono sorpreso. È si il grunge è un gran calderone. Gli smashing pumkins artisticamente sono top. Soprattutto da Siamese ad Adore.
ElectricVomit
Venerdì 23 Novembre 2018, 16.03.53
313
Visto che si fanno giochini cronologici, i Green River avevano pubblicato Come On Down nel 1985 e i Soundgarden avevano pubblicato Ultramega OK nel 1988, per non parlare della compilation Deep Six del 1986, con canzoni dei 6 migliori gruppi grunge di Seattle dell'epoca, tra i quali i Nirvana non figurano. Detto questo, gli Smashing sono iper grunge nei primi due cd, poi si evolvono (a mio avviso dimostrando una duttilità più valida dei Nirvana; gusti). Nevermind sta a In Utero come The Number of the Beast sta a Piece of Mind. PS: il grunge è un gran calderone in cui convivono allegramente Alternative Rock, Punk, Metal, Rock.
Galilee
Venerdì 23 Novembre 2018, 15.36.00
312
Gli SP sono un gruppo di rock alternativo / moderno o quel che è. Di grunge tranne in Gish non c'e praticamente nulla. Nemmeno io li considero tali. Ten dei Pearl jam nemmeno, è VS che secondo me entrano a far parte di quel movimento. Ten era strano non assomiglia nulla, nemmeno al sound che caratterizzo il gruppo dal secondo album in poi. Ah, il primo lavoro dei Nirvana ,bleach, uscì prima del dischi elencati. E quello si che è 100% grunge.
Analizzatore
Venerdì 23 Novembre 2018, 15.14.46
311
Giusto, sono funk pop psichedelico con venature brutal death metal sentimentale.
il Puntualizzatore
Venerdì 23 Novembre 2018, 14.58.49
310
Gli Smashing Pumpkins non sono grunge.
ElectricVomit
Venerdì 23 Novembre 2018, 14.15.50
309
Disco importante più a livello storico che musicale (cosa comunque valida, sia chiaro). I Nirvana hanno prodotto il loro capolavoro con In Utero. E comunque, nel 1991, prima di questo erano già usciti Ten e Gish.
Area
Venerdì 23 Novembre 2018, 13.21.50
308
Io sono tra quelli che pensa che questo sia uno degli ultimissimi dischi Rock che hanno davvero lasciato un segno e che abbia detto qualcosa di diverso. Che non abbia inventato nulla di nuovo non é poi tanto vero per me, perché non c'é un disco uscito prima che suona anche lontanamente simile a Nevermind. Anzi i Nirvana proprio cno questo disco sono riusciti a fondere Hard Rock e Punk Rock con i ritornelli e le melodie dei Beatles.
Philosopher3185
Mercoledì 21 Novembre 2018, 19.55.31
307
Premetto che non ho mai sopportato il genere grunge..a parte qualcosa degli Stone temple pilot,il resto l'ho sempre odiato,sopratutto i Nirvana..ma ora mi devo ricredere..non è il mio genere ma non si puo' rimanere impassibili dinnanzi a questo disco..forse l'ultimo vero disco Rock che ha detto qualcosa di diverso senza inventare nulla di nuovo..
American Graffiti- Lupo solitario
Venerdì 7 Settembre 2018, 14.17.58
306
ma io penso che Lemmy gli abbia dedicato killed by death senza che lui lo sapesse, riguardo la prima frase, che poi uno del genere faccia successo con Smells like teen spirit e poi scriva è meglio bruciare in fretta che spegnarsi lentamente, è la solita cazzata nichilista, intanto perché nel rock si è sempre detto smoke on the water fire in the sky, infatti preferisco i Firehouse, chi ha li fuoco se lo tiene, shake & tumble
Area
Martedì 22 Maggio 2018, 13.50.18
305
Capolavoro della musica! Un successo planetario come tutti i dischi che han fatto la storia del Rock. Me lo fecero ascoltare quando avevo 11 anni nel 1998. Kurt non c'era già più da 4 anni, ma i Nirvana continuavano anche in quel periodo a collezionare nuovi fans proprio grazie a questo album. Dimostrazione appunto che alcuni dischi sono oggettivamente belli oltre che efficaci. Senza tempo!
theskulletuttoilresto
Venerdì 3 Novembre 2017, 20.31.25
304
Raga, tutte verità nei vostri commenti a sto giro. Bella discussione. Devo dire che anche il voto medio è centratissimo. Fabio forse è stato schiacciato dal peso politico del disco... non credo che nessun album di quegli anni e di quella scena valga più di un 90/92. Compreso il mio amatissimo DIRT
Metal Shock
Giovedì 2 Novembre 2017, 17.39.58
303
Infatti Bleach all`epoca usci` sotto Sub Pop e nessuno se lo filo`, questo usci` per la Geffen, prodotto in modo da far classifica come i vari singoli, da Smell... a Come as you are, pure a Kurt la produzione troppo laccata non piaceva, infatti per In Utero volle Steve Albini. Nevermind, come tanti altri dischi fu fatto con l`intenzione di vendere, altrimenti perche` chi lo compro` non fece altrettanto con Bleach anche a posteriori. I veri appassionati di musica, che ci sono qui sul sito, non sono la massa che prende ed ascolta cio` che e` di moda, o all`epoca dava in pasto Mtv.
Silvia
Giovedì 2 Novembre 2017, 13.29.46
302
Ma scusate i dischi non si comprano perchè piacciono i pezzi e li si vuole ascoltare e riascoltare? Io tutti questi discorsi di nuovo o vecchio non li ho mai fatti, ho sempre e solo comprato quello che mi piaceva, e così tutti quelli che conosco.
lisablack
Giovedì 2 Novembre 2017, 13.13.47
301
Ma il 90 per cento di chi ascolta musica..figurati se nell'89 comprava Bleach, un disco che avranno ascoltato in 4 gatti all'epoca dell'uscita..
Metal Shock
Giovedì 2 Novembre 2017, 12.56.28
300
Questo disco poteva rappresentare qualcosa di nuovo per la massa di ascoltatori occasionali, che al 90% hanno comprato il disco, ma chi ascolta veramente musica no: come sentii per la prima volta Bleacjh subito ci sentii il garage rock fine anni 60` del punk. Certo che se il 90% non sa` chi erano i The Sonics, questo poteva anche sembrare nuovo, ma non e` cosi`
Silvia
Mercoledì 1 Novembre 2017, 11.02.27
299
@Lisa, sono d’accordo con te, si vuole fare della musica una scienza esatta dimenticando il fattore più importante e soggettivo, l’emozione che quel disco rappresenta o ha rappresentato in quel periodo storico, che poi è il motivo x cui si compra un disco . Poi certo, è bello poter discutere di influenze, tecnica, o altri fattori però secondo me il valore storico non si dovrebbe mettere in discussione. A volte x rendere rivoluzionaria una proposta basta una voce distorta o un riff preso da un altro genere che in quel momento storico è importante e colpisce quell’audience.
Silvia
Mercoledì 1 Novembre 2017, 10.55.20
298
@Psychosys, sì sì è vero, abbiamo proprio due punti di partenza diversi quindi dubito possiamo convergere ma non importa, è bello poter esprimere le opinioni comunque. Tu stai cercando di fare un’analisi strettamente critica senza tenere conto dell’impatto che un disco ha avuto sull’ascoltatore, ma se si parla di storia è impossibile non tenerne conto (parlo solo di musica non di miti o di camicie di flanella). Perchè la storia la fanno quei gruppi che (x qualsivoglia motivo) hanno fatto il botto, hanno colpito le persone, vuoi perchè hanno influenzato altre bands o perchè sono piaciuti di piu’. Secondo me si può fare qualunque analisi critica ma è impossibile scardinare il ruolo importante di certi albums, soprattutto se non si è vissuta la scena all’epoca e quindi non si capisce/percepisce il peso di quella proposta in quel periodo storico. Insomma, il fattore emozionale e il contesto della proposta non si possono ignorare, la musica non è una scienza matematica. Inoltre, oggi analizziamo gli albums a posteriori, abbiamo accesso a mille titoli e possiamo facilmente indovinare le influenze, ma prima non era così. Ma alla fine quello che importa è il risultato che arriva alle orecchie e secondo me nel caso dei Nirvana era qualcosa percepito come nuovo. Anche se fosse stato solo x la voce del cantante particolare, comunque ha fatto la differenza, non sarà “migliore” di altri ma ha fatto...storia (Ovviamente è solo la mia opinione)
Psychosys
Mercoledì 1 Novembre 2017, 7.58.11
297
@Silvia Emergono qui anche le nostre differenze. Un disco importante, secondo me, non fa emergere qualcosa, non è per forza il manifesto di nessun genere e men che meno è il simbolo di una generazione, perchè ciò esula dal discorso strettamente lirico musicale. Che poi nessuno inventi niente ho seri dubbi: l'elettronica antiestetica di Allen Ravenstine, l'orchestrina jazz-rock di Frank Zappa, la musica ambient di Brian Eno, qualunque nome vogliate dare alla musica dei Faust, ma per rientrare in campo metal basta dare un'occhiata ai primi Black Sabbath... Qualcuno dice che era pur sempre blues, ma se lo era, era praticamente praticamente irriconoscibile.
lisablack
Martedì 31 Ottobre 2017, 21.29.53
296
D'accordo con Silvia..torna sempre il solito ritornello"bel disco ma non hanno inventato nulla. Prima c'erano tizio caio e Sempronio.." Io dico..ce la facciamo ad ascoltare i dischi senza pensare a niente? A chi c'era 50 anni fa e a chi non c'era? A chi ha inventato qualcosa e a chi no? È tanto semplice..
Silvia
Martedì 31 Ottobre 2017, 21.01.55
295
Ma scusa Psychosis, più impatto e innovazione di far venire allo scoperto una scena, fra l’altro molto eterogena, con proposte chi più punkeggiante chi più rock chi più raffinata..... Io credo che questa sia storia, da un punto di vista critico. Nessuno poi inventa niente in musica (fra l’altro le note sono solo 12), ma c’è chi sa amalgamare molto bene le influenze precedenti e tirar fuori quella che suona come una novità. Almeno io la penso così, altrimenti diamo i crediti solo a Chuck Berry, anzi no, neppure a lui perchè in fondo aveva ripreso musica già esistente ma aveva reso protagonista la chitarra anzichè i fiati
Psychosys
Martedì 31 Ottobre 2017, 20.27.20
294
@Freedom È qui si rivelano le nostre differenze. Tu per "impatto" intendi l'influenza che Nevermind ha avuto altri sottogeneri, io intendo, con il medesimo termine, la qualità e l'innovazione che un disco ha apportato al rock in generale, in senso lato. Un disco che ha impatto, a mio avviso, espande il concetto di musica rock in generale, porta questo genere ad esplorate nuove frontiere. Non metto assolutamente in dubbio che Nevermind abbia avuto l'impatto che intendi tu, ma metto in dubbio che abbia l'impatto che intendo io. Nessuno deve portarmi dati oggettivi, avevo semplicemente impostato la discussione su un taglio critico e oggettivo piuttosto che su uno emotivo e soggettivo, tutto qua. Poi sul fatto che Zappa influenzò i Velvet possiamo anche discuterne
Jackie so bad
Martedì 31 Ottobre 2017, 18.39.47
293
Quando uno mi avrà spiegato la differenza tra i Seeds e i Nirvana sarò pronto per la math così divento un children of a miracle
Silvia
Martedì 31 Ottobre 2017, 18.13.39
292
Che poi secondo me più che di impatto si è trattato di successo, è un po' diverso secondo me.
Silvia
Martedì 31 Ottobre 2017, 18.04.53
291
@Vitadathrasher, credo che abbia avuto un grande impatto su chi ascoltava anche molto hc/punk oltre al metal, anche se il mainstream è sempre stato visto con sospetto dagli intransigenti (io lo ero negli anni 80). Neppure a me il contorno è mai interessato comunque. Alla fine quando si ascolta qualcosa conta che i pezzi piacciano, tutte le altre elucubrazioni non servono a niente imo. O meglio, servono a chiacchierare come stiamo facendo ora ma non posso credere che influenzino gli ascolti perchè allora non si tratta di passione x la musica ma di attitudine. @TheSkull, sono d’accordo con te
Rob Fleming
Martedì 31 Ottobre 2017, 18.04.33
290
Oggettivamente questo disco è uno spartiacque: c'è un prima e c'è un dopo. E' il simbolo di un'epoca. Soggettivamente non mi ha cambiato la vita manco di striscio (in compenso l'ha fatto Ten). I Nirvana sono quelli che meno mi piacciono di quell'ondata; sono quelli tecnicamente meno dotati; e quelli più dotati di anima "pop", quando gli altri erano più metal (AIC, Soundgarden) o rock (Pearl Jam) o blues (Screaming Trees). Infatti, se si toglie la scorza ruvida delle chitarre e della voce (bella) di Cobain, quello che resta sono melodie in alcuni casi eccellenti. Non per niente i Cheap Trick (e i Knack) erano tra gli idoli di Kurt. In ogni caso un 80 glielo do sempre
Vitadathrasher
Martedì 31 Ottobre 2017, 17.56.44
289
A me piace giudicare intrinsecamente un lavoro. E' un bell'album, poi tutto il contorno, il mito ecc. non mi è mai interessato. E' un bell'album, ma per un metallaro come me, in quel momento passava in secondo piano per altri ottimi dischi del 90/91 e ancora quelli ottantiani sulla breccia. La mia intransigenza non amava quel genere di schitarrate che trovavo lontano dal mio gusto. Il resto poi mi interessa poco, maglioni strappati, droghe, revolverate.....
Metal Shock
Martedì 31 Ottobre 2017, 17.48.27
288
"Purtroppo" un impatto lo hanno avuto, ma non hanno inventato niente come detto da Psy. Della scena grunge, musicalmente i peggiori (nel senso che AIC, Soundgarden, Pearl Jam gli sono superiori) e per me questo album viene dopo Bleach, il migliore in assoluto, ed In Utero, io gli do` un 70.
TheSkullBeneathTheSkin
Martedì 31 Ottobre 2017, 16.52.47
287
Secondo me, un'altra rece da concludere con "SV", senza voto. E' un album di una portata tale da non essere giudicabile facilmente, meno che mai a distanza di così tanti anni... non sono mai stati i miei preferiti ma certo quel dollaro in acqua e quel ragazzo col maglione stracciato hanno lasciato un segno indelebile nella storia del rock e chiunque lo disconosca ha bisogno del dottore. Il dottor House, se basta!
Silvia
Martedì 31 Ottobre 2017, 15.15.55
286
@Psycosys, voglio anche dirti che ogni singolo piccolo evento contribuisce alla storia, ma ci sono alcune persone (in questo caso gruppi) che riescono a distinguersi. Senza togliere nulla agli altri. @Lisa, esatto, non vuol dire nulla il bacino di ascolto. Mi dispiace non poterti portare “prove oggettive” ma non ce ne sono Esempio, senza i i Wishbone Ash (gruppo che ha ispirato Steve) non esisterebbero gli Iron Maiden così come sono oggi, ma quanti si ricordano (memoria collettiva) di loro? Eppure avevano pezzi da pelle d’oca e se sei un vero fan dei Maiden sai della loro importanza x Steve (senza voler andare OT)
lisablack
Martedì 31 Ottobre 2017, 15.01.29
285
Ha ragione freedom nel post qui sotto. Psychosis..se dvessi parlare di gusti, come dici te, io del grunge e delle band di Seattle non ti direi che ci vado matta, non sono proprio il mio genere. Ma so riconoscere lo stesso quando un disco come questo ha importanza storica. Non quanto per le 25 milioni di copie..non è solo quello, anche perché ci sono stati album ascoltati da 4 gatti che son capolavori. Io quel poco che so' è che questo disco ha lasciato un segno nella storia della musica, non neghiamo l'evidenza.
Silvia
Martedì 31 Ottobre 2017, 14.52.13
284
Naturalmente secondo me, sia chiaro
Silvia
Martedì 31 Ottobre 2017, 14.51.26
283
@freedom, sono d’accordo con te al 100%, stavo x rispondere in modo analogo quindi non occorre che aggiunga altro. Anzi, io non ho mai creduto all’oggettività del valore di una proposta musicale. Non esiste.
freedom
Martedì 31 Ottobre 2017, 14.48.28
282
Ma poi scusami, perché mai dovremmo fornire a te un "riscontro oggettivo" riguardo ad un disco di musica? Di cosa stiamo parlando? Di chimica e fisica quantistica? Non potremo mai convincerti di quanto sia figo Nevermind se a te fa schifo. La musica ha poco e niente di oggettivo. Semmai si diceva che oggettivo fu il loro impatto sull'industria musicale e sulla gioventù dell'epoca.
freedom
Martedì 31 Ottobre 2017, 14.42.17
281
@Psychosys: Guarda, ti dico solo che pressoché tutto ha un precedente, basta fare i collegamenti giusti. I Suicide ebbero la grande intuizione di trasportare la performance art in musica, Pink Floyd e Velvet Underground furono influenzati da gente come AMM e The Byrds, Frank Zappa si ispirò ad un certo Edgard Varèse e via dicendo. La chiave sta nel prendere da altri per poi dare al tutto un tocco personale, cosa che le grandissime band da te citate hanno fatto, nessuno può negarlo. Stesso discorso coi Nirvana, che però prestano più facilmente il fianco allo "sputtanamento" poiché figli di un'epoca moderna in cui risulta molto semplice risalire alla fonte. Non ebbero impatto rilevante sulla scena? Caspita...tu cosa intendi per impatto scusa? L'heavy metal subì forse lo scossone più duro della sua storia durante l'era grunge, cose che portò i più ad allinearsi con le coordinate stilistiche della Seattle del tempo. Così come la musica e la cultura pop in generale assorbirono l'attitudine grunge, di cui Cobain è l'emblema, rubandola letteralmente ed incorporandola definitivamente in tutto ciò che ancora oggi vendono per "moda". Le tracce del passaggio dei Nirvana sono ancora ben visibili a distanza di quasi trent'anni, sia in musica che altrove. Se questo non è impatto allora non lo so.
Psychosys
Martedì 31 Ottobre 2017, 14.30.28
280
Ragazzi in 5 commenti non avete risposto a quello che ho detto io però Il fatto che il disco sia piaciuto molto non è indice di qualità... Galilee mi invita a tornare ad ascoltare Virtual XI: adoro quel disco ma non mi sognerei mai di dire che oggettivamente sia un capolavoro o nemmeno qualcosa di memorabile. @lisa, per te Nevermind è bello, profondo, attuale e invecchiato bene ma oggettivamente non trovo riscontro in questa affermazione, perché sono sensazioni e gusti. @Silvia, purtroppo o per fortuna la memoria collettiva non è storia, perché altrimenti le band nate e morte nell'underground non sarebbero parte della storia (e noi appassionati di metal conosciamo bene le pietre miliari poco famose e per questo escluse dalla critica).
lisablack
Martedì 31 Ottobre 2017, 14.17.43
279
Esatto..a distanza di 26 anni è molto attuale, è invecchiato bene, diciamo. È destinato a diventare un classico.
Silvia
Martedì 31 Ottobre 2017, 14.09.46
278
E quando uscì fu una bella novità, almeno a me è piaciuto molto. Oggi si tende a sminuire molto gli album che hanno avuto successo, ma alla fine non si cancellano dalla memoria collettiva e quindi dalla storia. Poi di se e ma son pieni i mari secondo me
lisablack
Martedì 31 Ottobre 2017, 13.59.53
277
Questo album ormai è storia...perché negarlo? Ed è anche molto bello e profondo..
galilee
Martedì 31 Ottobre 2017, 13.27.12
276
Scusa Psy, ma a volte le dici troppo grosse.
galilee
Martedì 31 Ottobre 2017, 13.25.46
275
Ma perché le persone cercano di cambiare la storia con le proprie opinioni da 4 soldi , che tra l'altro fanno ridere i polli? Psychosis, torna ad ascoltare Virtual XI che è meglio.... Ma ti rendi conto delle castronerie senza ne capo ne coda che hai scritto? Un vero guazzabuglio. Ma pensi che qua la gente abbia iniziato ad ascoltare musica oggi??????
Psychosys
Martedì 31 Ottobre 2017, 12.42.44
274
Che i Nirvana abbiano riscosso molto successo non mi sembra utile al fine del giudizio dell'artista. Il loro sound era un erede diretto di band ben note nel circuito rock, i Nirvana non ebbero un impatto rilevante sulla scena musicale ma lo ebbero le band proto punk/garage rock degli anni '60, ancora copiate negli anni '90 da gruppi come i Nirvana. Non tutti gli artisti sono accostabili ad altri musicisti, infatti i piú grandi del secolo scorso hanno scritto dischi senza precedenti: Neu!, Faust, Pere Ubu, Royal Trux, Velvet Underground, Type O Negative, Captain Beefheart, Frank Zappa, Suicide, Pink Floyd, Soft Machine, Robert Wyatt, The Doors, The Residents, Pop Group e via discorrendo
freedom
Martedì 31 Ottobre 2017, 9.02.32
273
@Psychosys: Il successo dei Nirvana e il loro impatto nella scena musicale dei '90 è un fattore oggettivo, nel senso che ciò che è successo è storia. Totalmente soggettiva invece la simpatia che uno può avere verso la loro musica. Credo sa inutile tirare fuori le ispirazioni di Cobain nel tentativo di sminuirne il lavoro. Un esercizio del genere potremmo farlo con ogni artista che si sia affacciato alla vita dal secondo dopoguerra ad oggi. Perfino Elvis copiò un certo Arthur Crudup.
Psychosys
Martedì 31 Ottobre 2017, 7.40.43
272
Un mix dell'irruenza garage rock dei Sonics combinato al sound pop dei Kinks e quello proto punk "stradaiolo" degli Stooges. Il poeta maledetto Cobain si rifà ai miti di Robert Johnson, Jim Morrison e Alan Vega senza aggiungere praticamente nulla. Che dal punto di vista soggettivo possa piacere alla follia non ne dubito ma da un punto di vista oggettivo ci trovo ben poco di valido o addirittura di rivoluzionario.
ObscureSolstice
Sabato 30 Settembre 2017, 13.09.07
271
L'avidità, la gelosia, la stronzaggine di prevalere sugli altri è un sentimento umano che si ha fin dal momento in cui si arriva al mondo da subito, fin da piccoli. Il neonato che insegue la banconota può sembrare una stronzata ma e' azzeccata. Io penso che non si è ascoltato in quel tempo Kurt Cobain soltanto per la sua morte, per un ragazzo che si spara in faccia perché non era uno qualunque, ma perché il contenuto dei dischi è pregno di gran bei pezzi. Puo' anche essere senza inventarsi che Cobain non sa suonare, non sa scrivere ed e' una pippa e fesserie di questo tipo. Il metallaro o l'hardcorista (si dice così? ) non ammetterà mai l'importanza per l'attrazione mediatica globale che ha avuto in quegli anni e perché la linfa di punk/ hardcore che contiene la band Nirvana non essendo underground e pura per colpa che abbiano venduto la loro notorietà al pubblico di tutto il mondo infastidisce non poco. E poi va a vedere che a qualcuno di questi ultimi gli piace la robetta piu' in voga nel music-business come manson......ohibo'. Ma io dico: il disco è bello? Si. Il motivo del commerciale è perché ha fatto il botto ed è apparsa su mtv?Evabeh quel canale c'era e non solo loro..prima o poi ogni grande artista deve fare il passo più grande per spopolare a chiunque e sdoganare il rock, come hanno fatto anche altri grandi. Ma il disco si erge sempre su quelle note da rock malato chiamato poi col nome "grunge", non sono passati mica a fare musica di merda non loro e ammorbidendo il sound e diventando una pop star. E quindi cari amici? Non credo si ammetterà ancora completamente dai piu' integerrimi e ottusi l'importanza di tale band su musica senza fare spirito che si soffermano sempre sulla cronaca sui fatti come per altri artisti rock e metal, parlando di tutto tranne che del contenuto. A me il grunge da metallaro non mi ha mai acchiappato completamente come anche altri loro colleghi( Pearl Jam, Sound Garden etc..), ma sul valore musicale non si può dire niente, è pur sempre un pezzo di storia del rock. Che sia il più importante disco è risaputo, come anche il primo 'Bleach' il meno calcolato che farebbe invidia anche al più trucido hardcorista zozzo, musica fatta da bettola o garage squallido, titoli corti e diretti, sound sporco con trame ossessionanti. Io penso e finisco lasciando un quesito e andando controcorrente: vecchi amici metallari: fratelli che oggigiorno in questo stato di immobilità senza leader pagherei eccome per avere un artista come Kurt Cobain e una band come i Nirvana, piuttosto che aver "visto" uscire una band inutile come marilyn manson nei '90 la merda della merda. Questo è rock marcio, siatene fieri. Disco fondamentale
Undertow
Venerdì 29 Settembre 2017, 20.20.11
270
Ma che sono tutti sti pippotti sul genere e sulla vita di Cobain? Anche io, come gusto personale, preferisco Pearl Jam, Soundgarden e Alice in Chains ai Nirvana, ma Nevermind è una album semplicemente FONDAMENTALE e ha lasciato un segno indelebile per tutti gli anni 90. E ancora oggi si sentono gli echi. Le chiacchiere di contorno valgono molto poco. Voto recensione giustificatissimo per ragioni storiche. L'album in sè, valutato fuori dal tempo e dallo spazio, in base al mio personalissimo gusto, per me non va sopra l'88.
Giaxomo
Giovedì 23 Marzo 2017, 21.11.23
269
@InvictuSteele: hai detto tutto, non ho altro da aggiungere . Ora commento il disco altrimenti, come al solito, parlo di tutto tranne che dell'opera in questione: l'album è sicuramente un lavoro importante, uno dei manifesti del genere. Spiego perché ho detto "uno dei" e non "il": il grunge è sempre stato definito e dai media, e dalle testate giornalistiche non specializzate " il frutto del genio artistico di Kurt Cobain", o no? Inutile star qui a scannarci su quale album sia il miglior del genere o chi sia il miglior leader delle band principali. La concenzione dell'ascoltatore medio, compresi miei amici molto altezzosi è la seguente: "grunge = Nirvana" PUNTO Perché? Perché è il frutto delle informazioni veicolate prima dalla televisione (MTV ad esempio) e ora dai social media / biografie artistiche. Fortunatamente, io come una grossa fetta di voi (da quello che posso, cum gaudio, notare) appartiene allo step successivo di ascoltatori. Non ho detto più bravi, non ho detto più colti, ma più attenti sì. Nessuna megalomania, nessuna boria. Abbiamo semplicemente compreso che il grunge è una corrente artistico-culturale che NON nasce con i Nirvana, NON muore con "In Utero", NON è Nevermind (per me né oggettivamente, né soggettivamente è il migliore della grande tetrarchia di cui si parlava sotto) e abbraccia problematiche molteplici e sfumature musicali ancora più vaste, spaziando dall'acustico al doom / stoner più dissonante. I Nirvana hanno avuto successo perché i singoli di Nevermind erano (e sono) più accessibili rispetto ad altre band etichettate "grunge") ma se stiamo a parlare della singola qualità degli album, si è leggermente acciecati da "informazione-spazzatura" per definire quest'album il migliore del grunge, o peggio ancora, della decade stessa. Detto questo, Lounge Act è leggenderia La morte di Kurt, vogliate o no, ha contribuito alla sua mitizzazione. Sua e della sua band.
InvictuSteele
Giovedì 23 Marzo 2017, 19.59.18
268
Eccomi, allora Giaxomo, adoro gli Smashing, soprattutto i primi album che erano fantastici, "Siamese Dream" lo trovo eccelso, forse il loro migliore, poi hanno cominciato a sperimentare ma sempre con gusto, anche se io ho smesso di seguirli. I Queens of the stone age mai piaciuti invece, hanno un non-so-che di commerciale che non me li fa gustare per bene, mentre i Kyuss penso siano una delle band più grandi e gloriose della storia e che amo alla follia. Roba di un altro pianeta. I Foo Fighters sì, credo stiano sullo stesso livello delle boyband degli anni 90, roba per 14enni. @Third Eye, ho detto che per me i Nirvana erano i peggiori del movimento grunge, non ho detto che facevano schifo, ho premesso che sono stati ottimi ma il mito è cominciato con la morte di Kubain, lo stesso si può dire di Mercury e di Jim Morrison, quando muori giovane, si sa, non puoi più essere criticato e diventi una leggenda. Le vendite milionarie c'entrano poco con la grandezza di una band, loro il successo lo hanno meritato evidentemente ma poi tutto è accresciuto in seguito alla morte di Kubain.
Third Eye
Giovedì 23 Marzo 2017, 13.16.00
267
@ InvictuSteele (n. 256): mah, non capisco come si faccia a dire che i Nirvana fossero i peggiori della scena, visto che i gruppi che hai citato erano chiaramente diversi l’uno dall’altro, ciascuno con il proprio stile. Poi, non mi convince neanche l’idea che la band sia stata sopravvalutata dalla “gente” e dai “media” a causa della scomparsa di Cobain visto che avevano già ottenuto un ampio successo con tutto quello che questo poteva comportare (e ha comportato) in termini di apprezzamenti da parte del pubblico.
LAMBRUSCORE
Giovedì 23 Marzo 2017, 12.55.24
266
A distanza di tanti anni dico che...gran disco, gran chitarrista, quasi quasi oggi mi metto la camicia a quadri, vado in piazza e canto a squarciagola: uen te uagan uanagana..am a stupi, che ne mele.....
Rob Fleming
Giovedì 23 Marzo 2017, 12.12.25
265
Oh! Per una volta siamo tutti d'accordo su tutti i gruppi menzionati. In alto i calici
Red Rainbow
Giovedì 23 Marzo 2017, 11.56.12
264
@Giaxomo: Grandissimo anche tu, coi Samsara !!! Purtroppo abbiamo un grosso buco in archivio, ma prima o poi giuro che mi applico e lo scrivo, il peana per Long Distance Trip...
Giaxomo
Giovedì 23 Marzo 2017, 11.48.44
263
@Psychosys: vero pure questo. Salvo un paio di band (che non ascolto più) ma il resto è puro trend. Oggi è già anacronistico come genere, non per niente certe band (tipo Parkway Drive) si spostano su altri lidi.
Psychosys
Giovedì 23 Marzo 2017, 11.39.28
262
Non sono il fan numero 1 dei Foo Fighters (nemmeno il numero 2, 3 o 4), però sono qualcosa di ben migliore che una boy band da 4 soldi. Se vogliamo parlarlare di rock commerciale per ragazzini possiamo tirare in ballo buona parte del filone emo degli anni 2000 e metalcore\deathcore ma non i Foo Fighters.
Giaxomo
Giovedì 23 Marzo 2017, 11.36.33
261
@Red Rainbow: GRANDISSIMO!!! Nel frattempo torno ad ascoltarmi i Samsara Blues Experiment: forse ho trovato gli eredi dei miei amatissimi Kyuss
Giaxomo
Giovedì 23 Marzo 2017, 11.33.48
260
@Morlock: AHAHAHAH grande Morlock! Effettivamente non hai tutti i torti a definirli così Quando ascolto musica ho la necessità di percepire nelle cuffie il sudore e la polvere della sala prove. L'autenticità dell'artista. Nei QotSA sento solo il tanfo dei verdoni (che nel loro caso non saranno neppure così tanti ma hanno cambiato Josh Homme di brutto) e la mano del produttore. Il prossimo album sarà d'accompagnamento a Ed Sheeran o giù di lì, me lo sento
Red Rainbow
Giovedì 23 Marzo 2017, 11.32.19
259
Sottoscrivo tutto quello che hanno detto InvictuSteele & Giaxomo, a cominciare dal doveroso incenerimento dei Foo Fighters e dalla sostanziale sopravvalutazione "alla memoria" dei Nirvana. Anche per me Ten, Dirt e Badmotorfinger viaggiano su altri livelli, ma se devo scegliere la mia band-simbolo del movimento (con tutte le sue "atipicità" rispetto ai classici) punto dritto a Cincinnati, in casa Afghan Whigs...
Morlock
Giovedì 23 Marzo 2017, 11.25.21
258
@Giaxomo ti rispondo prima io e il tuo ragionamento sui Quotsa non fà una piega....i Kyuss per quanto non ci esco pazzo e band che ho sempre definito ironicamente "i Black Sabbath dei centri sociali" erano di un'altro pianeta rispetto a quella monnezza....Sugli Smashing daccordissimo Mellon Collie pietra miliare e tombale della band!
Giaxomo
Giovedì 23 Marzo 2017, 11.18.32
257
@InvictuSteele: concordo su tutto. I Foo Fighters stanno ai primi anni '10 del XXI secolo come i Backstreet Boys stavano alla fine degli anni '90 del XX secolo. Puro prodotto d'etichetta, plasticoso, commerciale, quel tipico rock inclassificabile da classifica e che non ha nulla a che vedere col disagio (perlomeno interiore) del filone del primo grunge, che era tutto tranne che trend. Dietro di loro nella mia classifica personale di "sopravvalutati a dismisura" vengono i QofSA di Josh Homme, altro artista che per me, paradossalmente, muore con la mia band preferita (o quasi), ovvero i Kyuss...eh vabbè, non si può volere tutto dalla vita...Se qualcuno ritiene "Dirt" trend si dia tranquillamente a qualcos'altro, ma la musica di sicuro non gli compete. InvictuSteele: e degli Smashing Pumpkins che mi dici? Fino a Mellon Collie non hanno sbagliato un colpo!
InvictuSteele
Giovedì 23 Marzo 2017, 11.04.23
256
I Nirvana sono stati un vero fenomeno di massa, bisogna riconoscergli i meriti, e hanno composto 4 dischi ottimi. Certo è che nel grunge erano i peggiori, liricamente e musicalmente e vocalmente. Alice in Chains, Pearl Jam, Soundgarden, Screaming trees, Smashing Pumpkins, Mud Honey, mettiamoci anche i Melvins (anche se non li considero grunge, piuttosto stoner, ma vengono messi tra i padri del grunge), e molti altri gruppi sono decisamente superiori ai Nirvana. La morte di Kubain ha fatto entrare la band nel mito e perciò da allora la gente e i media hanno cominciato a sopravvalutarli. A questo album, oggettivamente, darei un 85 massimo. Arrivo a 90 perché è un dei dischi simbolo degli anni 90 e di un intero genere musicale, ma un Ten, un Dirt o un Badmotorfinger lo sotterrano a occhi chiusi. Incece sui Foo FIghters meglio stendere un velo pietoso, un rock commerciale per ragazzi ingenui che si credono alternativi. Gruppetto inutile per bambini.
Morlock
Giovedì 23 Marzo 2017, 10.52.54
255
@Rob Felming.....direi il terzo il + furbo...non il + coerente ......parliamoci chiaro i Foo Fighters sono una band pop/rock come descrivi tu "innocua" e aggiungerei anche parecchio sputtanata
Rob Fleming
Giovedì 23 Marzo 2017, 10.45.24
254
Però gli artisti sono strani. @Lisablack centra in pieno il punto quando scrive: "in caratteri deboli e complessi, il Successo, il Mainstream..posso nuocere e i risultati poi si vedono". Da un lato ovviamente non si vuole suonare in eterno nella propria cameretta o negli scantinati; dall'altro si cambia dalla Subpop (ma a livello underground Bleach aveva venduto parecchio anche prima del megasuccesso) alla Geffen (una superpotenza all'epoca) con tutto quello che ne consegue in termini di spinta promozionale. E poi che succede? Succede l'imponderabile. Quel tipo di musica e di atteggiamento fa il botto. Anche il modo di vestirsi cambia. E i caratteri deboli si lamentano: uno si spara; l'altro si dà alla politica; il terzo, il più coerente, lascia la batteria, inforca la chitarra e suonando musica a mio avviso innocua vende milioni di album forse ancor più di Nevermind.
Morlock
Giovedì 23 Marzo 2017, 10.39.42
253
menomale che c'è @lisablack .....i Dream theater non hanno COPIATO i Nirvana attenzione ma in Falling into infinity le "influenze"(imposte ad hoc dal trend del momento) si sentono e pesantmente...e si sentono anche delle soluzioni non proprio loro..che dite?
lisablack
Giovedì 23 Marzo 2017, 10.01.58
252
Mah..io mi ricordo che in quel periodo, Cobain era, come dice Morlock, nauseato dal successo planetario di questo album. C'è da dire però che non si è suicidato per questo, la sua era una personalità fragile..e lo si capisce tra le righe dei brani che scriveva, certo la sua dipendenza dalla droga lo ha ucciso, come del resto anche Layne, ma in caratteri deboli e complessi, il Successo, il Mainstream..posso nuocere e i risultati poi si vedono.
Calcutta
Giovedì 23 Marzo 2017, 9.06.27
251
Diffidate dal mainstream,il mainstream uccide.E se i Dream Theater hanno copiato i Nirvana,allora io ti giuro me ne vado a casa,non so di chi.
Rob Fleming
Giovedì 23 Marzo 2017, 8.42.06
250
...ma se lo stesso Kurt Cobain definì il proprio gruppo una sorta di Cheap Trick con le chitarre distorte (o qualcosa di simile)?!? Le mie preferenze in ambito grunge - quale che sia il significato che si voglia attribuire alla parola - vanno altrove. I Nirvana erano, per le mie orecchie, troppo punk (in senso lato), ma sicuramente Nevermind con l'Unplugged è l'unico loro disco che ascolto volentieri. E sono belli. Dove invece si possano ascoltare gli influssi grunge nei Dream Theater non è dato saperlo. Al contrario si sentono negli Skid Row; nei Motley Crue (con Corabi nel bellissimo omonimo) e chissà in quanti altri che mi sfuggono.
d.r.i.
Giovedì 23 Marzo 2017, 7.54.27
249
Premetto che ritengo Bleach abissalmente meglio di questo ma il mainstream l'ha ucciso? Cioè senza questo disco e Smell nessuno se li sarebbe cagati di striscio tant'è che avendo Bleach e Blew ne parlavo con amici che manco consideravano quei due dischi, uscito nevermind sono stati riscoperti. Quindi il mainstream gli ha dato fama e soldi e credo che nessuno abbia puntato la pistola alla testa dei nirvana per firmare un contratto con una major sapendo che avrebbero perso gran parte della voce in capitolo sulle diretive della band. Parlando del disco il mio voto di oggi sarebbe ben diverso di quello della data di uscita quindi lascio perdere.
Metal Shock
Giovedì 23 Marzo 2017, 6.31.46
248
Ma quand`e` che i Dream Theatre hanno fatto grunge???? Poi il mainstream ha ucciso Cobain e Layne??? A gia` mica la droga e la depressione sopratutto il primo. Perche`viene uno che ti punta la pistola alla testa dicendo di fare il musicista firmare per una major ecc... Ma per piacere, continuiamo ad esaltare certi personaggi che sembrano aver cambiato il mondo ma poi effettivamente che cazzo hanno rappresentato?? Ribellione??? Ed allora la flower power generation cos`era?????
Morlock
Mercoledì 22 Marzo 2017, 22.03.55
247
Ho letto in un commento "mainstream rock indimenticabile"????La cosa più ABOMINEVOLE che io avessi mai letto probabilmente in vita mia,aggiungo che Cobain di questo disco era letteralmente "NAUSEATO"...vi invito a trovare un live dove facessero Smells like teen spirit che non sia storpiata/suonata male,suonata a metà o solo accennata....addirittura vennero anche denunciati da un'emittente se non erro Spagnola che li avevano come ospiti perchè appunto fecero una versione delirante del pezzo che lasciò tutti basiti XD. Fu proprio il MAINSTREAM a portare gente come Cobain e Layne alla morte(ovvio...la droga ha avuto il suo peso...)!!!Da MANIACO della band ho le versioni embrionali che Cobain porto al produttore dell'epoca Butch Vig e vi assicuro erano ben altri pezzi...un bel siparietto lo potete vedere nel video del making of del disco... Cobain quando si allontanava il fonico cercava di nascosto a cambiare suoni/togliere doppie voci e tutte le "commercialate" inserite ad hoc per renderlo quello che è ......tantochè una delle clausole che fece mettere Cobain alla Geffen per In Utero fù proprio quella che la scelta di suoni e fonico l'avrebbe fatta la band...infatti fu scelto non a caso Steve Albini...e la differenza di suono si sente e come....si passa da un patinato ad un ritorno alle origini.....Cmq finito sto preambolo ci si trova nolenti o volenti ad una pietra miliare a tutti gli effetti in grado di dar vita ad una GENERAZIONE di cui vado ORGOGLIOSO di appartenere..e cioè quella degli anni 90....e nno sapete quanta pena mi facevano le band metal che cercavano di imitare il sound di Seattle,Dream Theater in primis con risultati esileranti!!
Havismat
Domenica 13 Novembre 2016, 14.08.37
246
Questo disco ha segnato indelebilmente una generazione: la mia generazione! Una cosa del genere non può avvenire per caso o solo grazie a manovre commerciali. Senza offesa, ma chi lo critica credo che lo faccia solo per qualche pretesto.
V.P.
Domenica 21 Agosto 2016, 21.27.37
245
100. Un'opera d'arte rappresentante il cuore di kurt
Undercover
Venerdì 20 Maggio 2016, 23.11.50
244
@Metal Shock non voleva essere un attacco diretto al tuo post eh, solo che quando si parla di grunge, dal vivo e non, si finisce sempre per tirare fuori le classiche argomentazioni, trite e ritrite, che poi di basi vere e proprie non ne hanno, lo dico da appassionato di metal quanto del mondo grunge. La solita storia che la musica di Seattle ha corrotto il metal, che il decadimento di certe band fu colpa di Cobain & Soci e puttanate di altro giro le ho lette e sentite, ahimé, troppe volte, se fai un disco di merda perché vuoi vendere e accappararti le simpatie della generazione Mtv cazzi tua, vale per i Metallica, per me il Black Album aka Metallica è una mezza merda, quanto per i Testament del più discreto "The Ritual" etc.. et... se cambi stile per guadagnare consensi, il pubblico che ti segue non può, o per lo meno non dovrebbe, essere tanto pecorone e idiota da dare la colpa ad altri che con le tue scelte ECONOMICHE e stilistiche non c'entrano una beata mazza. Riprendendo parte di un altro post che scrissi qui in passato, mi tocca sempre ricordare che quella Seattle con gruppi come Metal Church e Sanctuary (poi Nevermore) avevano un buon rapporto e non mi pare che queste produssero cagate in quel periodo e riprendendo anche quanto scritto poco più sutto da Mulo, in quegli anni di roba pazzesca nel metal ne uscì a valanga, se poi ci sono state band che si sono mandate a puttane da sole, alcune recuperando dignità nel corso degli anni altre sprofondando invece nel liquame, eh beh, erano e so cazzi loro
Third Eye
Venerdì 20 Maggio 2016, 19.18.09
243
A quanto pare, il termine “grunge” fu coniato dai ragazzi della Sub Pop, lo dichiarò, infatti, in un’intervista il batterista dei Mudhoney, Dan Peters. Sulla crisi del metal in quel periodo non dico niente, è sempre la solita tiritera…
rik bay area thrash
Venerdì 20 Maggio 2016, 17.51.11
242
@Undercover : (post 239) si è come dici Tu. In alcune riviste, metà anni 80, la pubblicità della subpop usava quel termine. @ Metal Shock : post 238 ; hai toccato un argomento di quelli 'tremendi' per me. Il fatidico 'voltafaccia' di pseudo metallari che da un giorno all' altro te li vedi dalla parte opposta della 'barricata'. Che schifo !! ( Scusate per l' ot ).
Mulo
Venerdì 20 Maggio 2016, 17.47.44
241
I primi a cambiare look sono stati proprio i big 4 del trash che da chiodo,jeans aderenti, borchie e scarpe da basket alla caviglia son passate a camici di flanella ( mi vengono in mente i Megadeth del '92),maglie da football americano ( kerry king nel live intrusion),per non parlare degli Anthrax che già nel '87 vestivano con short al ginocchio... Questo solo x citare il look.... Comunque io dal '90 al 2001 ho comprato tonnellate di dischi con immensa soddisfazione... X un Load che usciva c'era un The gallery o un End of all days a farmi godere.... Poi è tipico delle major e di mtv dopo qualche anno cambiare le "mode",infatti le campavano grazie ad un audience "mtv addicted" sono sparite.... Come sono sparite molte band grunge ( quasi tutte a dire la verità) a fine anni '90...
Metal Shock
Venerdì 20 Maggio 2016, 17.25.56
240
@Undercover: e` solo da un`anno circa che commento qua e la e non ho mai letto tutti i commenti fatti, quindi magari dico cose gia` dette senza malizia. E se ne sai di piu` su certe cose, ben venga non si e` mai finito di imparare. Grazie
Undercover
Venerdì 20 Maggio 2016, 17.02.15
239
Il termine grunge fu "studiato" a tavolino dalla Subpop e intendeva racchiudere lo spettro ampio di sonorità che fuoriuscivano da quella Seattle, le prime band, lo scrissi anche in un post di molto tempo fa, erano già attive nei primi anni 80 (83-84) e poi ognuno può specularci su quanto vuole, inventarsi storie e dar credito a leggende metropolitane o meno... Il fatto che i Mudhoney non siano poi così conosciuti, IN ITALIA, può essere, fuori dai nostri confini, come per altro dicevi tu stesso Metal Shock parlando del metal in genere, è tutt'altra storia, quindi siamo sempre qui a rigirare le stesse frittate e a scrivere delle stesse cose anno dopo anno?
Metal Shock
Venerdì 20 Maggio 2016, 16.57.17
238
@Tinoebe: non e` che lo dico io, ma il termine grunge, ribadisco, fu usato per definire in primis il suono dei Mudhoney quando nessuno sapeva chi fossero, non che adesso siano cosi` conosciuti, e poi fu espanso a tutte le band di Seattle, anche se avevano influenze diverse, e poi divenne cultura popolare. Io avevo amici che ascoltavano glam o thrash che da un giorno all`altro me li ritrovai con quelle camicie canadesi e ad ascoltare Nirvana e company, quando prima manco sapevano chi fossero,
tino ebe
Venerdì 20 Maggio 2016, 16.42.02
237
Grunge secondo me è un termine non prettamente musicale ma che comprendeva un’attitudine e un look in contrapposizione con la filosofia anni 80 che aveva dominato fino ad allora, una filosofia edonista e dissoluta all’ennesima potenza figlia di città vive e maledette come Miami, New york e soprattutto LA. Il discorso musicale viene inglobato perché le band di seattle incarnavano quel modello esistenziale ed estetico. I big 4 del grunge musicalmente parlando erano ai poli opposti nonostante le atmosfere decadenti e opprimenti erano un denominatore comune: nirvana vicini al punk, alice in chains vicine all’heavy metal, soundgarden vicini all’hard rock degli zeppelin e i pearl jam vicini alla musica popolare americana.
freedom
Venerdì 20 Maggio 2016, 16.34.56
236
Mother Love Bone e Green River ok, ma direi che anche i Melvins giocarono un ruolo importante nella scena di Seattle, pur essendosi sempre posti come un ibrido tra vari generi. In ogni caso, il boom lo si deve ai soliti quattro: Nirvana, Soundgarden, AIC e Pearl Jam. Che comunque, dite quello che vi pare, hanno regalato un periodo di mainstream-rock indimenticabile e soprattutto di qualità. Adesso dovete sorbirvi tutti quei gangsters neri con le pistole e le mazzette di dollari che gli escono dalle mutande. Il metal anni '80 ha avuto il suo ciclo e anzi, è in qualche modo sopravvissuto, mentre il grunge sembrava essere per sua stessa natura destinato all'estinzione, e fu anche troppo sfruttato dai media, che finirono per distruggerne l'autenticità. Le camicie di flanella a Seattle venivano indossate dai boscaioli figuratevi...eppure in quel periodo i modelli ci sfilavano in passerella. Non credo che Kurt e soci ne fossero molto felici, anche se grazie a tutto ciò si ricoprirono di milioni. Almeno lui non lo era di sicuro.
Metal Shock
Venerdì 20 Maggio 2016, 16.12.42
235
Infatti il grunge e` solo un`invenzione dei media, ed il termine nacque soli per definire il suono dei Mudhoney. Ma non sono d`accordo che il metal anni 80` si suicido` fa solo, fu aiutato. Non mi delungo troppo, ma tante band glam stavano iniziando una trasformazione verso altri lidi hard rock e tante band thrash continuavano a suonare allo stesso modo ma non vennero piu` cagate. E non esistevano solo Iron o Judas. Quello che non sopporto e` il fatto che tanta gente prima ascoltava e si vestiva in in modo ed il giorno dopo in un`altro. Potrei scrivere per ore facendo tante citazioni, ma lasciamo perdete
Rob Fleming
Venerdì 20 Maggio 2016, 15.56.54
234
Concordo con chi dice che per certi versi il metal degli anni '80 si è suicidato da solo. Aveva dominato in ogni sua sfaccettatura per dieci anni, ma stava implodendo. E di questo non si può dare la colpa al grunge; almeno non di più di quanta ne ha avuta il punk nei confronti del prog. E poi, il grunge, musicalmente, non esiste. L'ho scritto altrove (nel commento a TEN) e quindi non sto a ripetermi. Ma non si può non riconoscere che i Soundgarden e gli Alice in Chains siano metal (soprattutto i primi sino a Badmotorfinger compreso). I Nirvana sono quelli più punk e a loro ne ho sempre preferiti altri. I Mother love Bone da cui nascono tutti sono divini, ma li conosciamo in 5 tra il sì ed il no.
Mulo
Venerdì 20 Maggio 2016, 15.18.56
233
Il metal anni '80 si è suicidato da solo... Le band thrash americane più famose decisero di rammollirsi x cercare di vendere milionate (black album docet),i maiden avevano finito la benzina,priest si separarono da Halford,la scena street glam aveva detto tutto ciò che doveva dire... Nei '90 esplose il death floridiano e scandinavo,ci furono i Pantera,i Sepultura fecero 3 dischi della madonna,esplose il black e il power tedesco... Averne adesso di band come nei '90.... Comunque Nevermind ottimo disco x me 90/100
Metal Shock
Venerdì 20 Maggio 2016, 14.42.01
232
Per me il vero capolavoro dei Nirvana e` e sempre restera` Bleach. Nevernind e` sicuramente il loro disco maggior successo e li ha catapultati nell`olimpo del rock, ma e` un album commerciale, mentre Bleach, che comprai quando nessuno conosceva i Nirvana, e` piu` punk e per me meglio rappresenta l`anima della band. Poi Nevermind ` l`album che ha sdoganato il grunge, la piu` grande disgrazia della musica metal. Non perche` non mi piacciono le bands, anzi le adoro, Pearl Jam, i cui due primi album sono due gioielli hard rock, Soungarden, Alice in chains, Stone temple, ma anche band meno conosciute come Mudhoney, Temple of dog, i magnifici e sfortunati Mother love bone, Apple un capolavoro, Tad e altri ancora. Odio il grunge perche` ha distrutto tante band degli anni ottanta, hard rock e metal, per colpa delle compagnie discografiche ma anche della gente che cambia a seconda delle mode come cambia i calzini. Almeno per fortuna tante bands si sono riprese col tempo, ma quanti anni hanno perso? E devo fare l`elenco delle bands valide scomparse? Meglio di no!
Vitadathrasher
Venerdì 20 Maggio 2016, 14.35.14
231
Ricordo che lo comprai perché il mio truccatore di fiducia, truccatore di motorini piaggio, nello specifico di "SI". Disse che questo album spaccava le ossa al mio osannatissimo the number of the beast, di cui avevo maglietta e adesivo sul parabrezza. Non voglio dire che è un brutto album, ha un'importanza storica ecc., ma in quel preciso momento avevo talmente tanti dischi da comprare, che nevermind passava sempre in secondo piano. Era il sound perfetto per accontentare i metallari da salotto, infatti girava di continuo su videomusic.
tino ebe
Venerdì 20 Maggio 2016, 13.51.03
230
non l'avevo ancora commentato. Grandissimo disco, grandissimi ricordi, dei big four del cosiddetto grunge sono quelli che mi piacciono di meno ma questo disco mi emoziona ancora come la prima volta.
LAMBRUSCORE
Venerdì 20 Maggio 2016, 13.26.41
229
Nei commenti 154 e 155 ho scritto ben 2 volte "qual è" con l'apostrofo, bravo Lambru, te che riprendi gli altri per gli errori , sei un somaro astemio e adesso ti ciucci tutto Nevermind..anzi, la discografia dei Nirvana, cassi tuoi...
Ihsahn
Venerdì 20 Maggio 2016, 11.23.04
228
55, disco sopravvalutato oltre ogni motivo
V.P.
Venerdì 20 Maggio 2016, 10.39.42
227
Uno degli album più belli che abbia mai sentito voto 100
Rob Fleming
Lunedì 1 Febbraio 2016, 11.14.31
226
Dell'invasione grunge i Nirvana sono quelli che meno mi piacciono; troppo legati al punk. Certo che qui vi è il brano simbolo di quel periodo - Smells Like Teen Spirit - ed è un oggettivo capolavoro. Ma ho sempre preferito Pearl Jam (Ten è l'album del decennio). Comunque da avere. 80
patrick
Giovedì 23 Luglio 2015, 11.12.19
225
epocalmente nevermind suona come nevermind the bollock dei sex pistols sia per portata commerciale e contenuti di disagio sociale, anche se amo il metal Cobain era sicuramente un antidivo come sid Vicious o neil Young ( sue le parole ; meglio bruciare presto ) sicuramente questa introspezione non apparteneva allo sowbitz del tempo , e la cosa eccezionale era che i ragazzi dell'epoca si identificavano con questa voglia di ribellarsi e di apparire strani. Io ho avuto la fortuna di vedere a modena nel 94 i nirvana e vi posso assicurare che non avevo mai visto uno show cosi pesante in vita mia, slam dance, pogo insostenibili, bellissimo mi è rimasto nel cuore
klostridiumtetani
Domenica 21 Giugno 2015, 21.39.30
224
Questo album portabandiera del "movimento grunge?, ,allora non ci siamo..." Manifesto di una generazione?" , quale? Il grunge non esiste, è una sfuggevole illusione...
lisablack
Domenica 21 Giugno 2015, 21.25.49
223
Come as you are è un' opera d'arte..album immenso, manifesto di una generazione. 100
Kephalos
Domenica 17 Maggio 2015, 22.47.39
222
Bello sì ma preferisco Bleach e Nevermind, hanno più cose da dire . Fatta eccezione per Breed.
Lisa Santini metallara forever
Mercoledì 9 Luglio 2014, 11.32.17
221
I Nirvana mi sono sempre piaciuti! L'album migliore x me e' Nevermind assolutamente!!!!!!! Ha delle tracce stupende, io l'ho ascoltato e mi sono innamorata sia del cd , che della band!!!! All'album si deve meritare un 100. Com il mio cuore...
Topuno
Martedì 20 Maggio 2014, 8.08.36
220
Ma quale movimento? 50 album forse e 10 anni di vita?? ahahahahah! ovio che questo è un mini capolavoro.
zaw73
Martedì 20 Maggio 2014, 7.43.51
219
Quoto freedoom questo cd è il portabandiere del movimento grrrunge!
freedom
Martedì 20 Maggio 2014, 0.33.18
218
Mah, punti di vista...io continuo a ritenere Nevermind un disco a dir poco fantastico.
susda74
Lunedì 19 Maggio 2014, 21.10.49
217
@carlitos; Purtroppo è vero,il grunge ha avuto poca vita rispetto ad altri generi, gia nel 95/96 era da sfigati ascoltare i nirvana e co..questo genere ha creato una moda che si è consumata velocemente... pensare che tutto questo è nato da una situazione disastrata e da un malessere giovanile che imperava a seattle e che poi è stata la gallina dalle uova d'oro per tante case discografiche...e si, ultimamente è stato anche l'ultimo genere musicale (se di genere si parla) che sia stato creato negli ultimi 20 anni...
susda74
Lunedì 19 Maggio 2014, 21.10.47
216
@carlitos; Purtroppo è vero,il grunge ha avuto poca vita rispetto ad altri generi, gia nel 95/96 era da sfigati ascoltare i nirvana e co..questo genere ha creato una moda che si è consumata velocemente... pensare che tutto questo è nato da una situazione disastrata e da un malessere giovanile che imperava a seattle e che poi è stata la gallina dalle uova d'oro per tante case discografiche...e si, ultimamente è stato anche l'ultimo genere musicale (se di genere si parla) che sia stato creato negli ultimi 20 anni...
susda74
Lunedì 19 Maggio 2014, 21.10.47
215
@carlitos; Purtroppo è vero,il grunge ha avuto poca vita rispetto ad altri generi, gia nel 95/96 era da sfigati ascoltare i nirvana e co..questo genere ha creato una moda che si è consumata velocemente... pensare che tutto questo è nato da una situazione disastrata e da un malessere giovanile che imperava a seattle e che poi è stata la gallina dalle uova d'oro per tante case discografiche...e si, ultimamente è stato anche l'ultimo genere musicale (se di genere si parla) che sia stato creato negli ultimi 20 anni...
Carlitos
Sabato 17 Maggio 2014, 2.10.44
214
@SUSDA74 : capisco il tuo discorso... io ho 6 anni meno di te, che proprio pochi non sono ma non è nemmeno un altra epoca, eppure quando avevo io 15-16 anni .. ascoltare Nevermind era già tutt'altro che una moda ... eheh , mi mancano quei tempi... quand'è che finisce sto periodo insulso musicalmente parlando
metal
Giovedì 15 Maggio 2014, 20.26.21
213
Rispondo a freedom: passare nevermind (io l'ho ascoltato per quasi un anno e quindi so quello che dico) per un capolavoro assoluto per me è un'esagerazione: è vero può aver segnato un'epoca ma non per questo è un capolavoro. Negli annni 70 e 80 ci sono stati album nettamente superiori. Oggi a distanza di più di trent'anni vengono passate ancora canzoni hard rock ed heavy metal degli anni 70 e 80: se qualcuno le ascolta capisce come siano superiori a nevermind e a tutto il movimento grunge. E' chiaro poi che ogni epoca ha le sue mode...
susda74
Giovedì 15 Maggio 2014, 12.29.14
212
quando uscì nevermind io ero un pischello del liceo,avevo appena 17o18 anni. sinceramente parlando il grunge l'ho vissuto con estremo distacco ai tempi. ascoltavo molto metal: i manowar e gli iron erano i miei gruppi preferiti ed impazzivo per i pantera e sepultura. Sinceramente mi infastidiva molto che da un certo momento in poi tutti ascoltassero nirvana e affini; ho fatto il liceo artistico perciò lascio immaginare, c'era una certa voglia di essere strani per forza. comunque ricapitolando, ragazzi che sino a due mesi prima ascoltavano i metallica di colpo si resero portatori fieri della bandiera grunge ascoltando i nirvana a tutto spiano.lo vedevo come un seguire la moda e basta. daltro canto,questo distacco che avevo non mi ha fatto apprezzare all'epoca il vero valore che questo genere a portato in quegli anni , solamente in quest'ultimi anni ho apprezzato e sto apprezzando davvero i nirvana: nevermind è davvero un capolavoro, bellissima la voce di kurt e la sonorità e le atmosfere dell'album sono intimamente graffianti.. il grunge è la cosa che ultimamente apprezzo e amo davvero..
freedom
Mercoledì 23 Aprile 2014, 0.57.01
211
Sopravvalutato Nevermind? Non credo proprio. Comunque...questo mese sono vent'anni che Kurt ha mollato, per cui sto ripassando tutta la loro discografia, così per onorare la memoria. La mia opinione è che tutti i loro dischi riascoltati oggi suonano ancora più micidiali di 20 o 25 anni fa', come se adesso, a distanza di tutto questo tempo, finite le mode e i deliri adolescenziali (ci sono passato anch'io) l'opera di questo immenso ed unico artista si presentasse finalmente chiara e pura: un grande, il più grande, o almeno il più importante e rappresentativo di quell'epoca. Il riff di Smells Like Teen Spirit è di quelli che non invecchiano mai, una carica di violenza e disperazione che non credo abbia eguali nella storia della musica contemporanea...ricordo ancora i brividi nell'ascoltarla per la prima volta, una roba proprio da farti sentire minuscolo di fronte a tanta ispirazione e potenza. Kurt, Dave e Krist sono stati - per poco purtroppo - una delle massime incarnazioni del rock: tre sfigati/tossici (chi più chi meno) con poca tecnica ma tanta tanta anima e voglia di fare RUMORE, il tutto condito da un gusto per la melodia che sfiorava la perfezione. Dell'album in questione comunque non c'è traccia che non sia un gioiello, anche se forse i primi 6 brani più Something In The Way hanno una marcia in più. Inoltre vorrei aggiungere che il riff di Come as You Are è si uguale a quello dei KJ, ma che questi ultimi a loro volta lo rubarono letteralmente da "Life Goes On" dei The Damned, pubblicata nel 1982. Voto al disco 100.
metal
Mercoledì 15 Gennaio 2014, 21.13.34
210
Secondo me Nermind sta alla musica come Blade Runner sta al cinema : non brutti prodotti ma solo sopravvalutati (mi perdonino i fan dei Nirvana). Nel 1991 giocò a favore del Grunge anche un certo effetto novità ma poi svanito quello l'intero movimento si è disciolto. Ma perchè nessuno ricorda dischi come Metal Health dei Quiet Riot: quello sì che è stato rivoluzionario e ha segnato un'epoca avvicinandoo le persone al rock molto più di Nevermind. Chi scrive ha avuto la fortuna di vedere un po' di anni 80 e di avere anche ascoltato i Nirvana. Onestamente molto meglio il primo decennio.
grande i polli
Mercoledì 4 Dicembre 2013, 13.02.30
209
e un album bello
grande i polli
Mercoledì 4 Dicembre 2013, 13.02.02
208
e un album bello
utente non riconosciuto
Mercoledì 6 Novembre 2013, 12.37.22
207
Polly e una delle meglio zitti e basta
freedom
Venerdì 25 Ottobre 2013, 0.39.33
206
Arriva sempre un artista o una band capace di cogliere le sensazioni ed i sentimenti di un determinato momento storico e trasformarle in musica. Cobain fu uno di questi, non fategliene una colpa. Gli addetti ai lavori capirono e investirono su Seattle. I gruppi non c'entrano, facevano quello che dovevano fare.
grunge vs. hair metal
Giovedì 24 Ottobre 2013, 23.59.49
205
anche secondo me Hair è una definizione senza senso, sia perchè Hair è un termine usato solo dagli anni 2000 in poi, quandò il genere spopolava invece veniva definito glam, strreet, AOR, ecc a seconda dei casi. Class pare sia solo una definizione italiana. Poi anche il termine "metal"..mah, per me è molto più vicino all'hard rock, rimodellato, chiaramente con le sfaccettature che dicevi tu. E poi il termine Hair che cosa c'entra con la musica?? Come dire per chi fa epic alla manowar, chiamare il genere Muscle metal Comunque la mia sotto era solo un'analisi di quello che successe, poi ognuno può preferire ciò che vuole senza schemi preconcetti, chiaro. Cobain era solo un ingranaggio di un meccanismo delle case discografiche e forse anche il peso di quel successo inaspettato gli fu fatale.
Galilee
Giovedì 24 Ottobre 2013, 18.31.25
204
Hair metal è una definizione veramente del cazzo. E' glam metal, che alla fine è un mix di hard rock, punk, blues e glam anni 70. Nello stesso girone c'era un po' di tutto e di certo non tutti avevano un look alla Pretty boy Floyd. Caro HM vs G Cobain non ha ucciso proprio niente, è tutto un gioco delle case discografiche. E poi sinceramente chi ama il rock non si fa certo questi problemi. Il glam è il mio genere preferito ma questo non mi vieta di preferire chessò.... gli Alice in chains ai Ratt. La musica onesta e fatta col cuore è tutta bella. O in ogni caso ha una chance per essrerlo.
grunge vs. hair metal
Giovedì 24 Ottobre 2013, 18.12.59
203
"il successo più grande di Kurt Cobain fu quello di aver distrutto l'hair metal", scrive wikipedia e non solo, riguardo il cambio del trend musicale nei primi anni '90. Volevo parlare dell'argomento grunge vs. hard rock 80s (o hair metal che vogliate chiamarlo). Si dice tanto che a inizio anni'90 i ragazzi non si riconoscessero più nella musica degli 80s e quindi la scena grunge era più attinente al momento storico che i ragazzi stavano vivendo. Quindi più testi e musiche depresse, introspettive, ribelli...Uhm...mi pare strano che in soli 2 anni, tra un '89 ultra glam con miriadi di band che ottenevano contratti e altrettante in cerca e un '91 dove esplose il grunge e tutti i contratti alle band hair degli 80s vennero cancellati, ci sia una differenza così abissale. Io credo fu certamente di più una mossa commerciale delle etichette che se nell'89 volevano vendere il divertimento e la spensieratezza glam, nel 92 invece la "cosa" da vendere erano la depressione e il malessere. Fa peròsorridere che solo 5 anni anche la scena grunge volse al capolinea e che a quel punto toccò al punk finire nel mirino delle majors, reso anche questo commerciale con abbondanti dosi di pop. Il che di per sè è un abominio ben maggiore rendere commerciale e pop, il genere punk (a cui anche gli stessi Nirvana prendono a piene dosi), musica anticonformista e di ribellione dalle regole sociali, rispetto all'hard rock. Che senso poteva avere sottoscrivere centinaia di contratti a band hard rock nell'89 , per reciderli 2 anni dopo??? E' ovvio che le etichette puntassero solo al profitto pompando a mille il loro nuovo prodotto Nirvana & C e dimenticando tutto il resto. Non a caso il video di Smells passava 50 volte al giorno su Mtv (le ho contate, era una ogni 8 minuti e 29 secondi... scherzo e di Alive dei P.Jam uguale. Che qualcosa a livello di musica stesse cambiando anche in altri generi è vero.. anche nella musica pop c'è una differenza tra canzoni di fine 80s e quelle dei primi anni 90..ad esempio le voci, dalla voce tipica 80s per la maggior parte delle volte acuta, a voci di cantanti di colore e musiche piu ossessive e meno orecchiabili degli anni '90. Però ci poteva essere spazio per tutti. Ricordo che l'hard rock '80s continuava a vendere valangate di album quanto il grunge nei primi anni'90..Esempi? Guns di Use Your Illusion, Skid Row di Slave to the grind, i mr.big di lean into it, gli extreme, bon jovi, i def leppard di adrenalize, i firehouse che vinsero il grammy. Infine riguardo l'album nevermind sicuramente è un ottimo disco per il suo genere, però quanto è COSTRUITOa tavolino?? " La storia la fanno i vincitori" si suol dire, quindi oggi è facile sostenere che Nevermind è l'eccelso e i Winger sono una merda, così come sarebbe stato se fosse successo l'opposto, cioè se l'hair metal fosse venuto dopo il grunge...avrebbe "salvato" i kids dalla depressione con una ventata di ottimismo e perizia strumentale. beavis and butthead avrebbero deriso Cobain dicendo che vangava male col suo strumento...La storia invece la sappiamo tutti, ma è innegabile che come un disco dei Winger e simili potesse essere (almeno in parte) costruito in studio, è innegabile che lo stesso sia per Nevermind..ascoltate Bleach...quanto successo ebbe Bleach all'epoca? Perchè?
hm is the law
Martedì 22 Ottobre 2013, 20.02.38
202
@ Macca: grazia a te e a tutti coloro che capiscono il senso del nostro lavoro
Macca
Martedì 22 Ottobre 2013, 18.49.08
201
Una delle cose più belle di questo sito è che, appena entri, nel box dei commenti alle recensioni sulla sinistra vedi titoli che ti hanno fatto sognare ma che negli anni avevi quasi dimenticato esistessero...sembra incredibile ma con miliardi di artisti e generi da ascoltare a me succede. E chi se la ricordava la cassetta registrata di Dookie verde evidenziatore che ho consumato a 12 anni?? O il cd di Nevermind con la cover venata che mi avevano passato sotto il banco al liceo?!? E la sera stessa quegli album vai a risentirteli tutti d'un botto, ricordando le prime volte che li hai tenuti tra le mani e li hai messi nel lettore mentre sfogliavi il booklet: ieri Nevermind, stasera sarà la volta di Dookie. Grazie Fabio, Lizard e la redazione tutta anche per questi amarcord.
hm is the law
Martedì 22 Ottobre 2013, 18.33.28
200
@ Lizard:
freedom
Martedì 22 Ottobre 2013, 14.54.49
199
Quoto @Galilee. Non recensire una pietra miliare del rock come Nevermind su un sito che tratta di musica rock sarebbe una follia.
Galilee
Martedì 22 Ottobre 2013, 12.48.13
198
Dire che I Nirvava non centrano col Metal significa non conoscere né i Nirvana né il metal perché un disco come in Utero ha influenzato gran parte del metal da li in poi coi suoi suoni noise e moderni etc.. E poi perché il grunge non dovrebbe starci su questo sito? Alcuni gruppi suonano più metal(alice in chains) altri più hard rock( pearl jam) e allora, qual è il problema? Secondo questo ragionamento su questo sito non dovrebbero neppure esserci i kiss, gli AC/DC, gli Aerosmith, i Primus, Alice Cooper etc etc. Ascoltare la musica con queste chiusure mentali non porta molto lontano.
Lizard
Martedì 22 Ottobre 2013, 12.43.04
197
Ecco... ora ci fate anche cazziare da Fabio...
hm is the law
Martedì 22 Ottobre 2013, 12.38.00
196
Ragazzi utilizzate il forum del sito per discutere di altri argomenti e torniamo a parlare di Nevermind per favore
Er Trucido
Martedì 22 Ottobre 2013, 12.15.02
195
@rada: certo, non era rivolto a te Sai benissimo che ne penso dei Litfiba, in ogni caso vedremo come detto non sono decisioni da prendere di pancia
Radamanthis
Martedì 22 Ottobre 2013, 12.10.56
194
No no, ben venga la low gain..era solo il mio parere che forse certe band rock italiane ci starebbero (e non dico Vasco che mi sta sul cazzo ma come detto Timoria, Litfiba...). Grazie della risposta!
Er Trucido
Martedì 22 Ottobre 2013, 12.04.37
193
@Rada: il discorso delle colonne sonore (che da tempo, se hai notato, non sono state più fatte) era legato ad una certa concezione della musica orchestrale, presente anche in una caterva di symphonic metal. Su Mike Oldfield se non sbaglio c'è Tubular Bells, non proprio paragonabile a Vasco Rossi, il quale non credo proprio che tratteremo per una serie di motivi (per quanto io riesca ad apprezzare nella prima parte di carriera. Altro boh, rendiamoci conto che c'è un'infinità di roba da trattare, che abbiamo un lavoro e degli affetti e che comunque siamo tante teste, per cui non è che uno si sveglia e dice "domani faccio i Timoria". Più sono borderline e più vanno discusse tra di noi le cose, tenendo presente che facciamo anche 5 rispolverati a settimana, gli autoprodotti, gli articoli, i dischi per database e le nuove uscite. Insomma, mi pare che di metal ne trattiamo parecchio ed ogni tanto con la Low Gain ci concediamo e regaliamo qualcosa, se poi ci sono utenti che pretendono che non esista quella sezione non so che farci.
Radamanthis
Martedì 22 Ottobre 2013, 11.53.20
192
Innanzitutto volevo precisare che la mia non era una critica ma una richiesta di informazione e spero si sia capita la cosa senza fraintendimenti: sapete bene quanto apprezzi il vostro lavoro che ci date quotidianamente. Detto ciò non ha colto la risposta lal mia domanda ne nei post di Raven e nemmeno in quelli di Lizard e Hm is the law. La mia domanda è semplice: al di là del tempo che uno mette a disposizione ecc ecc in un sito che tratta di heavy metal e sottocategorie o sopracategorie (Rock)come mai la scelta di non recensire Vasco Rossi (che a me sta pure sul cazzo, intendiamoci) ma che fa o emglio faceva soprattutto agli inizi musica rock (o ad esempio come ho scritto sotto i vari Litfiba, primi Ligabue, Timoria) o un vero musicista come Zucchero (al di là del genere che può piacere o meno, ma è un signor bluesman) mentre si trovano dischi di rock straniero al pari di Vasco o peggio (leggasi Mike Oldfield) e colonne sonore di cartoni animati o film per ragazzini? Credo ci azzeccherebbe di più quello che ho scritto io con Metallized piuttosto che Kung fu panda o Branduardi...o sbaglio?
Lizard
Lunedì 21 Ottobre 2013, 20.22.33
191
Tanta carne al fuoco e troppo poco tempo e spazio per rispondere a tutti in maniera esaustiva. Intanto, oltre ai nomi di chi fa cosa, trovate anche i generi trattati nella pagina staff. Se sono lì, per noi ogni genere ha pari dignità e viene trattato con speriamo la stessa attenzione e lo stesso sforzo. Se manca qualcosa, dato che dal 1950 ad oggi sarà uscito qualche milione di album, non fatecene una colpa. I numeri del nostro impegno ve li diamo ogni anno nel consuntivo e per quanto è nelle nostre possibilita' cerchiamo di ssoddisfare tutti, partendo da alcune direttrici stabilite e da una organizzazione che sia il più possibile coerente tanto da un punto di vista delle scelte di fondo, quanto da quello dei voti, per i quali una scala comune esiste. Visto che non siamo una dittatura, ma un sito gestito da volontari, capirete anche che esistono dei limiti fisici a quello che possiamo fare. Si fa alla svelta a pretendere che le recensioni escano tutte in tempo e che coprano tutte le nuove uscite, ma certi appunti, nostro malgrado, lasciano il tempo che trovano. La Low Gain è da sempre un nostro tratto caratteristico, un servizio in più che offriamo a lettori che siano interessati ad approfondire anche qualcosa che è comunque correlato con il genere che tutti amiamo, ma che va un po' al di là di esso e continueremo così. Perché la nostra mission non è solo quella di recensire gli album, ma quella di contribuire alla diffusione di una cultura del rock che sia il più ampia e paritaria possibile e che vada al di là degli stupidi e miopi steccati di genere per creare una comunità consapevole e unita nelle sue diversità. Rivalità, divisioni, odi vari tra ascoltstori di musica sono una cosa assurda e mortificante per l'intelligenza e per la creazione di una scena, che trasformano il tutto alla stregua di tifoserie di calcio, che è quanto di più lontano dovrebbe rappresentare la musica (e in realtà anche lo sport). Per quanto riguarda infine i voti e una volta per tutte, pretendere una coerenza assoluta e livellata oltretutto sui gusti dei singoli è assurdo. Da noi vige una scala di valori comuni alla quale tutti i redattori devono cercare di uniformarsi, ognuno con la propria personalità e il proprio vissuto. Più di questo è impossibile chiedere e pretendere, ma non per metallized, per chiunque. Quindi è inutile e fuorviante buttare in fila nomi e numeri di generi diversi, anni diversi, importanza storica e impatto sulla scena diversi e incomparabili tra loro. Ma anche fossero comparabili, non si può pretendere comunque una coerenza assoluta a fronte di recensork diversi, periodi storici diversi etc a fine anni 80 i dischi thrash/black/grind/death venivano stroncati a priori anche su riviste blasonate. A metà anni 90 i dischi di metal classico che non fossero power erano tutti valutati comw patetici e superati e così via. Facile arrivare anni dopo e dire che si sbagliavano i recensori... scrivere e valutare la musica è un esercizio soggetto a troppe variabili, nel quale è già estremamente difficile essere coerenti con se stessi, figuriamoci con gli altri. Questo non vuol dire che non debba esistere o che non si debba ricercare una coerenza, ma ripeto... abbiamo un metro di valutazione comune e tutti ci sforziamo di seguirlo, come di fornire un servizio di qualità quanto più possibile elevato. Quello che non possiamo fare è imporre un Min-Cul-Pop a tutti per obbligare tutti a ragionare nello stesso modo e valutare tutto nello stesso modo.
hm is the law
Lunedì 21 Ottobre 2013, 19.42.26
190
Abbiate rispetto per il lavoro degli altri per favore, per chi sacrifica il tempo libero per voi e davvero incredibile quello che ho letto. Non vi piacciono i Nirvana? Non commentate e passate ad altro. Non vi piacciono i Green Day idem. Evitate di insozzare le recensioni con commenti imbarazzanti. La direttrice perseguita dal sito da anni ormai è quello di allargare i confini anche ad altri generi. Non vi piace l'idea? Pazienza, qui troverete metal in quantità industriale non occorre criticare una scelta redazionale che, comunque, ha un enorme seguito. Ok ragazzi?
Raven
Lunedì 21 Ottobre 2013, 19.35.03
189
defender, non sono io che decido, è un sito con circa 60 redattori. Se avessi usato un tono meno sferzante e più rispettoso non avresti ottenuto una risposta piccata.
Nu Metal Head
Lunedì 21 Ottobre 2013, 19.21.37
188
@freedom: eh eh, io e te siamo d'accordo su parecchie cose... (a parte sul discorso sepultura/soulfly, che la pensiamo in modo diametralmente opposto, però anche lì col tempo si può migliorare...! ) @defender: dipende dai gruppi... alcune band nu metal c'entrano eccome col metal, molto di più dei gruppi grunge secondo me, invece altre molto meno... un nome su tutti: i crazy town. dovessi chiedere alla redazione di recensire i crazy town mi rendo conto di poter attirare qualche insulto, poi vabbè, a parte che neanche mi piacciono se si esclude una canzone, sono più pop che metal... infine ti do un consiglio: se vuoi sapere chi "comanda" qui, basta che vai in alto a destra dove c'è scritto "redazione" e vedrai tutti i nomi di chi decide qui... è facilissimo...
satanasso
Lunedì 21 Ottobre 2013, 19.05.32
187
Nevermind è oggettivamente un ottimo disco e non ho nessuna intenzione di minimizzarne la portata storica/commerciale ma sinceramente il pesantissimo 98 affibbiato stride parecchio col misero 85 dato a Heaven & Hell (eresia epocale), o l'83 a Draconian Times (bestemmia che fa coppia con il 79 a Gothic), l'83 a Phenomenon degli UFO, il 79 al black album e così via... soprattutto tenendo conto che questa è una testata che tratta PRINCIPALMENTE di musica heavy metal, mica rumore o rolling stone. Volendo ci si può anche impelagare nelle solite considerazioni sui gusti personali e relativa fuffa ma nevermind, per quanto carino, NON è nettamente superiore ai dischi appena citati (credo che manco gli si avvicini); non ho alcuna intenzione di sostenere che il valore delle opere d'arte possa essere determinato con oggettiva certezza ma credo che avendo la possibilità di esprimere giudizi con la corretta prospettiva storica - ovvero quando è passata un po' di acqua sotto i ponti e si conosce ciò di cui si parla - sia possibile stabilire una scala di valori e giudicare la opere più rilevanti degli ultimi decenni secondo una logica relativa, che qui su metallized talvolta sembra mancare... ovvero 98 a nevermind che sarebbe meglio anche di The Number Of The Beast, Screaming For Vengeance, Machine Head, che hanno tutti valutazioni più basse, anche se di poco. Capisco che siate in tanti a recensire, ma non sarebbe meglio scegliere una linea redazionale per evitare certe sparate nei voti? So già che qualcuno risponderà che i voti non sono così importanti ma allora toglieteli... finché ci sono determinano rapporti di valore fra i dischi recensiti e certe sparate sembrano davvero frutto di scarsa obbiettività (o di scarsa conoscenza della materia, ma assolutamente non credo sia il caso di Fabio, che immagino nutra un gradimento particolare per il disco qui recensito). Per quel che riguarda l'eterogeneità dei generi trattati... sinceramente non è per leggere recensioni dei pooh, di springsteen o di elio e le storie tese che visito metallized; la cosa è ovviamente apprezzabile in senso lato, ma preferirei una maggiore puntualità sulla copertura delle uscite recenti, o sulle discografie delle grandi band...il tutto imho e senza alcuna polemica
Defender
Lunedì 21 Ottobre 2013, 19.04.56
186
se permetti Nu metal head, Nu Metal ed Heavy Metal sono due cose ben distinte..e non solo per me. Di solito ai festival metal una buona parte di metallari sono insofferenti se ci sono band nu metal nel bill. E credo viceversa...
freedom
Lunedì 21 Ottobre 2013, 19.01.11
185
Straquoto Nu Metal Head su tutto. Hai citato due dei miei dischi preferiti.
Defender
Lunedì 21 Ottobre 2013, 19.01.11
184
quindi sei tu Raven che decide cosa ci può stare oppure o no..mi è chiaro adesso... E' però facile dire agli utenti sgraditi: che ci fai tu alllora su questo sito? Di altri siti ne trovi finchè ne vuoi. Vuoi che me ne vada? Va bene sarà fatto, ma mi pare assurdo dire alla gente che la pensa diversamente dalla propria linea di pensiero (e linea editoriale in questo caso mi pare d'aver capito) di andare altrove. Per il mio pensiero parlare dei Nirvana su un sito metal, band che sappiamo che tolse immensi consensi al genere metal è veramente fuori luogo, per quello ho pensato di scrivere un post. Vado (e non torno, sarete contenti , un saluto
Nu Metal Head
Lunedì 21 Ottobre 2013, 18.57.25
183
che non hai tutti i torti... anche se con la frase "il grunge è un genere all'opposto del metal" mi sono sentito un po' chiamato in causa perchè il nu metal, proprio insieme al grunge, sono due delle correnti più odiate qui, perchè tacciate di non essere "vero metal"... io sulla frase del grunge non sono d'accordo, perchè un gruppo come i nirvana ci può stare benissimo qui, insieme agli altri del filone, per il resto invece il tuo discorso può avere un senso (e io ricollegandomi a defender ci aggiungo pure i green day, che potevano essere tralasciati benissimo, però leggendo bene quella recensione ho capito il motivo per cui è stata messa qui su metallized e rispetto la decisione della redazione) e credo che sia solo una questione di tempo, nel senso che col tempo piano piano la redazione cercherà di accontentare un po' tutti e di inserire le band essenziali che mancano... anch'io da parte mia vorrei vedere le recensioni di gruppi o di dischi crossover e nu metal che mancano, ne dico due su tutti, we have come for your parents degli amen e il debut omonimo dei coal chamber, che a me piacciono da impazzire, però allo stesso tempo mi rendo conto che non si può stare sempre lì a stressarli con le nostre richieste...
Radamanthis
Lunedì 21 Ottobre 2013, 17.56.37
182
Ahahah...ho sbagliato anche nel correggermi! Che asèn...voi altri che ne pensate in attesa della risposta di Raven?
Metal Maniac
Lunedì 21 Ottobre 2013, 17.52.10
181
battitura, non battuta... eh eh eh radamanthis...
Radamanthis
Lunedì 21 Ottobre 2013, 17.50.34
180
@Raven: O ad esempio mancano i Beatles...sono stati una belle rock band più importanti della storia! (però ci sono i Rolling Stones...). probabilmente un disco dei Beatles sarebbe più interessante della rece della colonna sonora di Harry Potter...no?
Radamanthis
Lunedì 21 Ottobre 2013, 17.45.28
179
Genere, non gruppo, scusa l'errore di battuta...
Radamanthis
Lunedì 21 Ottobre 2013, 17.42.10
178
@raven: credo di essere aperto mentalmente riguardo alla msuica e al panorama metal e ti chiedo (senza polemica sia chiaro, ma solo per informazione...): perchè recensire album grunge (che è storicamente un gruppo all'opposto del metal) o dischi nella sezione Low gain e non album rock italiani come Litfiba (che mi piacciono) i primi dischi di Ligabue, Timoria o i primi di Vasco mentre ci sono quelli di Bruce Springsteen, Santana, Mike Oldfield o le colonne sonore di Hans Zimmer o James Horner, Nicholas Hooper ecc...Ci starebbe di sicuro meglio una rece di Viaggio senza vento dei Timoria in un sito che si chiama Metallized piuttosto che la colonna sonora di Kung fu Panda...nooo?????
Raven
Lunedì 21 Ottobre 2013, 17.19.59
177
Infatti noi parliamo soprattutto di metal, ma non abbiamo paraorecchie. parlarne non vuol dire incensare, solo analizzare. I paletti li evinci chiaramente da cosa c'è e da cosa non c'è. Vasco non ci sarà. Comunque non preoccuparti, di siti che si scandalizzano di trovare musica "impura" sulle proprie pagine ne trovi quanti ne vuoi.
Defender
Lunedì 21 Ottobre 2013, 16.52.47
176
perchè probabilmente (ma per qualcuno non è poi tanto ovvio) uno su un sito metal si aspetta che si parli di metal saoprattutto un sito che si chiama metallized..e al di là del genere adesso non ditemi che i Green day fanno musica di alta qualità. Perchè i Green Day si e i Litfiba o il Liga no allora??? Perchè sono un po piu duri?? Ci saranno dei paletti o allora si può parlare di tutto ma proprio tutto? Perchè se così fosse allora davvero prima o poi mi aspetto la recensione su Vasco...
Raven
Lunedì 21 Ottobre 2013, 16.42.35
175
Si, ed anche di De Andrè, Branduardi, Battiato. La domanda è: che ci fai tu allora su questo sito?
Defender
Lunedì 21 Ottobre 2013, 16.35.53
174
Perchè l'album che fece allontanare il grande pubblico dal metal è qui presente? Siete impazziti? Siete Metallized o Rockized? Vi ricordo che tante band metal e hard rock dovettero adattarsi a etichette indipendenti se non sparire nel nulla... I Nirvana a livello di stile sono anni luce lontani dal metal in tutto.. Ah è vero su sto sito ci sono anche recensioni sui Green Day
Delirious Nomad
Lunedì 21 Ottobre 2013, 0.35.47
173
Si cresce... Dal mio commento 135 non ho riascoltato Nevermind nemmeno una volta. Eppure il mio giudizio é cambiato, nessun astio, nessun odio. Band fondamentale per il corso della musica, che piaccia o meno, e album simbolo di un'attitudine più che un genere, questo er il grunge. Il tutto va analizzato con freddezza e oggettività, come col tempo si impara a fare. E per la storia delle classifiche... La colpa non é certo di Cobain, sono le classifiche ad essere idiozie per antonomasia. Lo riascolterò!
paolo
Domenica 20 Ottobre 2013, 23.50.01
172
fa ridere che un "musicista" come Cobain che a malapena sapeva fare 4 accordi e anche non sempre precisi dal vivo....che venga messo tra i migliori chitarristi della storia del rock..e sto album come nell'olimpo dei dischi rock..ma stiamo scherzando??? Che sia un bell'album, che influenzò la scena musicale dei suoi anni, e in parte di quelli a venire, che sancì la morte del glam e del metal classico, ok, ma quanto giocò un ruolo fondamentale la promozione del disco l'etichetta, o MTV che girava il video di Smells 50 volte al giorno???Cobain ...un musicista talmente preso dalle droghe da non essere in grado nemmeno di tenere in mano una chitarra a momenti..ebbene è tra i migliori chitarristi al mondo...alla faccia di gente che il culo sullo strumento se lo è fatto davvero ( e non parlo di shredders)
SNEITNAM
Lunedì 15 Aprile 2013, 23.13.13
171
No nessuno deve dimostrare assolutamente nulla perchè ognuno è libero di avere i propri punti di vista. E se a uno piace di più Bleach non vedo perchè bisogna per forza fargli credere il contrario. Il mio era solo un discorso che il più delle volte, e inconsciamente per tanti, viene da mettersi in posizione opposta alla maggior parte della gente ritrovandoti a sentire più vero un album comunque validissimo che più di tanto non viene considerato perchè non trascina quanto quello che ha venduto di più
Third Eye
Lunedì 15 Aprile 2013, 20.19.35
170
L’accezione che volevo dare al termine “commerciale” non era certo negativa, però è innegabile che l’album abbia venduto tantissimo e contenga canzoni che ruotano attorno a melodie/ritornelli vincenti (alcuni dei quali micidiali, tipo quello di ‘Lithium’) e con partiture essenziali (è un profluvio di accordi dall’inizio alla fine). Ora è chiaro che nella musica dei Nirvana la melodia abbia sempre avuto un ruolo importante ma nel caso di Nevermind diventa assolutamente predominante, l’album ha una forte connotazione pop, su questo non ci piove. Io preferisco Bleach non perché sia figo pensarla così ma per questioni puramente artistiche; adoro il grezzume di quell’album, l’atmosfera… è un disco che, a mio parere, interpreta ed esalta alla perfezione l’energia, le frustrazioni e i sentimenti della band. Quando ho detto che è “schietto e sincero” (ho pensato per un attimo alla birra Moretti e) intendevo dire che racchiude al meglio l’energia primordiale del gruppo, è un puro concentrato di rock. Che poi sia Nevermind a svettare su tutto il resto la cosa non mi meraviglia affatto perché sono uno che solitamente si trova in disaccordo con le tendenze (e i gusti) generali… Oh, poi magari c’è qualcuno che è anche convinto di poter dimostrare che è oggettivamente così e non mi riferisco a te… ma questo è una filosofia ed un modo di pensare che considero abbastanza discutibile.
SNEITNAM
Sabato 13 Aprile 2013, 19.05.16
169
Third Eye secondo me si utilizza in maniera troppo generica il termine "commerciale". C'è la Muisca creata solo ed esclusivamente per vendere e quindi una sorta di situazione studiata a tavolino mentre c'è quella che riesce ad entrare nell'anima di molta, molta gente. Quindi secondo me Nevermind è arrivato al diamante perchè ha le composizioni più riuscite di Cobain. Questo per dirti che Nevermind non prenderlo come un album meno schietto e sincero di Bleach. E te lo dice uno che della discografia dei Nirvana adora sia questo che Incesticide. Hai i tuoi gusti come è giusto che sia ma non cadere nell'errore di giudicare un album meno schietto e sincero solo perchè è il più apprezzato e venduto andando a rifugiarti nel classico esempio "a me piace quello meno cagato da tutti". Questo a prescindere dai tuoi gusti personali però il troppo considerato ho visto che a tanti fa l'effetto inverso perchè si sentono come se non avessero dei gusti propri andando a idolatrare i lavori meno considerati. Ma in questo caso, parlando di gusti miei, è normale che Nevermind svetti sopra a Bleach e comunque a tutto ciò che i Nirvana hanno realizzato
Third Eye
Sabato 13 Aprile 2013, 17.47.05
168
Sneitman, tu giustamente parli di “stronzate”, io aggiungo che nel caso dei Nirvana o più in generale del “grunge” è chiaro che in molti parlano senza conoscere le cose, per partito preso; odiano un genere (che non è neanche tale, per la verità) senza che ne abbiano mai approfondito la conoscenza, è evidente che ad alimentare certe critiche siano spesso i pregiudizi… E come sempre spunta fuori la storiella del grunge che avrebbe ucciso il metal… questa si una stronzata, un’insieme di menzogne frutto dell’ignoranza e di un vittimismo che non ha eguali nel mondo della musica… Detto questo, io non vado pazzo per quest’album, della band statunitense è quello più accessibile (commerciale), preferisco di gran lunga Bleach (schietto e sincero… dalla prima all’ultima nota)!!
SNEITNAM
Sabato 13 Aprile 2013, 14.08.10
167
Secondo me alle volte si sta troppo dietro a varie stronzate perdendo la divina essenza dell’Arte Musicale. Stiamo a badare se qualcosa è per forza innovativo, ci stiamo a perdere che quel musicista è stato messo come uno tra i migliori quando non è ipertecnico e varie cagatine dove anche il sottoscritto si è ritrovato a perdersi. Ci si rifugia da ignoranti nella nicchia perché quello che ascolta la maggior parte della gente è scontato e banale. Ma queste sono tutte stronzate se si prendono gli artisti coinvolti. Per riuscire a trasmettere emozioni vere e profonde non occorre essere super mega virtuosi e nemmeno dei cantanti che arrivano a chissà che ottava. La voce di Jim Morrison e Kurt Cobain sono tra le mie preferite perché sanno trasmettermi un qualcosa di loro che è sia vero e sia profondo nonostante non abbiano la potenza di uno come Freddy Mercury. Ci sono parti cantate da questi due che riescono ad arrivare fino in fondo alla mia anima, come anche la Musica dei loro rispettivi gruppi, Doors e Nirvana. Gente che cercava di far risultare come dei niente di che una band grandiosa come i Pink Floyd. Beatles, Doors, Pink Floyd, Led Zeppelin e Nirvana tra i tanti hanno avuto un’enorme successo soprattutto perché la loro Musica riesce ad arrivare dentro l’anima di chiunque, eccetto per alcuni che stranamente si interessano alla recensione di uno dei più bei album della storia del Rock solo per dire che è una merda. Strano veramente. Certe band hanno dalla loro una buona o un’ottima tecnica ma soprattutto riescono a creare una Musica talmente profonda, vera e magnetica che non può non catturarti e il rifugiarsi nella sola nicchia ti fa godere della Musica per metà. Chissenefrega se Cobain viene giudicato come uno tra i migliori chitarristi quando c’è stata gente come Hendrix, Metheny o McLaughlin. Fanculo quelle classifiche del cazzo. A me importa la voce dell’anima degli artisti che canalizzano nella Musica. Kurt Cobain è una delle dimostrazioni che non serve fare chissà che cosa pere esprimere un qualcosa di veramente tuo e vero, ci vuole la creatività prima di tutto perché si potrà essere i più preparati e virtuosi del proprio strumento ma se non hai nell’anima un qualcosa da dire agli altri tramite la Musica nessuno te lo può inventare. Anche un capolavoro come Ten dei Pearl Jam non avrà inventato nulla di nuovo ma quanto immenso è? E questo è stato il cosiddetto “Grunge” che non è stato negli anni ’90 il nemico del Metal come tanti stupidamente dicono ma piuttosto una rinascita del Rock. E questo capolavoro è una delle pagine più belle sia del Rock che della storia della Musica
GlamRow
Martedì 26 Marzo 2013, 19.08.18
166
A parte dei dischi dei nirvana che altri dischi ho commentato negativamente??? Ho solo espresso un'opinione sulla band Nirvana, giudicandoli musicamente, e la mia opinione può essere benissimo non condivisibile. Non ho insultato nessuno, nè tanto meno i Nirvana come persone, ma come musicisti. Ripeto, la mia opinione non è IL giudizio sulla band, ma una considerazione di una persona come un'altra, e se per me questo album è una merda, non vedo perchè dovrei essere insultato per questo.
Raven
Martedì 26 Marzo 2013, 17.01.33
165
Evitiamo flames, grazie. Per gli insulti e le discussioni private ci sono le mail.
Chris
Martedì 26 Marzo 2013, 16.43.49
164
Glamrow piantala con il vittimismo,tu sei intervenuto solamente per insultare nirvana o slipknot come ogni buon metaliota chiuso di mente,se evitassi di scrivere stronzate faresti un favore a tutti,compreso te stesso
Raven
Martedì 26 Marzo 2013, 16.39.46
163
Se poi lo facessi argomentando e non insultando, come hai fatto in parecchie recensioni, forse la gente ti risponderebbe con più calma e con più voglia di parlare. Andare in giro a scrivere "questo disco è una m--da" e basta non è un buon biglietto da visita.
GlamRow
Martedì 26 Marzo 2013, 16.35.57
162
Boh, se non posso neanche commentare allora vaffanculo. Solo non mi capacito di come una "band" possa diventare famosa con un cantante pessimo e chitarrista peggio ancora, basso inesistente e batteria discreta. Ma questa è solo la mia opinione, perchè ve ne dovrebbe fregare qualcosa?? Io posso commentare qualsiasi gruppo che mi piaccia o meno, e voi potreste avere considerazioni differenti, non è il mio obbiettivo cambiare la vostra opinione.
il vichingo
Lunedì 25 Marzo 2013, 20.45.54
161
Quoto valereds.
valereds
Lunedì 25 Marzo 2013, 20.20.09
160
@ GlamRow: vergognosi sono i tuoi commenti
GlamRow
Lunedì 25 Marzo 2013, 18.08.16
159
24 settembre 1991: il giorno in cui la musica è morta. Vergognoso che Kurt Cobain sia considerato un musicista.
AL
Venerdì 8 Marzo 2013, 14.02.09
158
mai sopportati. noiosi. avevo anche accompognato il mio cuginetto al loro concerto...
BILLOROCK fci. (prenderebbe a Speronate Strama..)
Venerdì 8 Marzo 2013, 13.51.06
157
Spara lambruscore....
Alessandro Bevivino
Venerdì 8 Marzo 2013, 12.52.23
156
Ciao LAMBRUSCORE secondo mua il peggiore non c'è sono tutti belli però Nevermind è. Si a me interessa sapere quale album ti piace di più.
LAMBRUSCORE
Sabato 2 Marzo 2013, 9.27.18
155
@Alessandro Bevipoco: e secondo te il peggiore qual'è?
LAMBRUSCORE
Sabato 2 Marzo 2013, 8.33.16
154
A qualcuno interessa qual'è il mio preferito dei Nirvana???
Alessandro Bevivino
Sabato 2 Marzo 2013, 8.29.16
153
Per me è il migliore album di sempre.
Swan Lee
Sabato 2 Marzo 2013, 2.59.39
152
Dei Nirvana in assoluto quello che meno preferisco. Sono sempre stato del parere che il loro apice sarà In Utero.
Macca
Giovedì 14 Febbraio 2013, 10.50.02
151
Uno di quei dischi che ha cambiato definitivamente il panorama musicale mondiale. Il fatto che sia un album prevalentemente costruito su 3 accordi dimostra come la genialità a volte non abbia nulla a che vedere con la complessità. GRANDE DISCO.
SNEITNAM
Sabato 24 Novembre 2012, 11.23.53
150
Quest'album per me è stato un vero e proprio colpo di fulmine. Questo e Incesticide sono gli album che più preferisco senza nulla togliere agli altri due che ovviamente meritano un casino. Personalmente faccio parte di quella massa di anime innamorate di questo capolavoro. 100
Sambalzalzal
Lunedì 12 Novembre 2012, 9.51.27
149
freedom@ non sono mai riuscito nè a capirli e nè ad apprezzarli(per vari motivi, loro e le altre bands del movimento grunge) ma non posso fare altro che ammettere l'importanza e la risonanza che ebbe questo album all'epoca e che ancora ha oggi. Detto questo aggiungo che in tutta la storia della morte di Cobain secondo me la figura più squallida in assoluto fu quella baldracca della moglie del povero Kurt. Probabilmente ancora oggi continua a camparci di rendita. Oh, per tutti i fans di Cobain invito alla lettura della biografia di Duff McKagan dei Guns, anche lui nativo di Seattle, e dell'ultimo incontro casuale che ebbe con lui poche ore prima della sua morte...
In Denial! In Denial! In Denial!!!
Domenica 4 Novembre 2012, 22.54.14
148
voto: 99.
vecchio peccatore
Mercoledì 29 Agosto 2012, 17.33.14
147
Un grande disco, per me. Il fatto che il Grunge abbia ucciso il Metal, è una cosa per me assurda. Negli anni '90, sono usciti grandissimi dischi, abbiamo avuto l'esplosione del Death e del Black... E poi, non è un genere per depressi: forse Cobain lo era, ma la sua musica non mi sembra da depressi, e tantomeno quella di altri gruppi come Mudhoney, Screaming Trees, Soundgarden e Pearl Jam. In più, questo disco mi sembra commerciale sino a un certo punto: cos'ha di commerciale territorial pissing? O something in the way? Si tratta di un disco che generalmente piace, è vero, di certo non è tra i grandissimi capolavori del Rock anni '90, ma è veramente bello, da voto 90 per me
freedom
Mercoledì 22 Agosto 2012, 4.14.39
146
Su ragazzi, non date credito a queste telenovelas sulla morte dei personaggi famosi....è ovvio che vogliono far girare un po' di soldi col "mistero della morte di Cobain", ma per piacere! Kurt l'ha fatta finita, punto, e non era mica la prima volta che ci provava...che riposi in pace.
In Denial! In Denial! In Denial!!!
Martedì 21 Agosto 2012, 22.28.11
145
@letypaxxa: non ci vuole molto a capirlo... e poi non l'hai mai visto fare nei film? se l'è puntato alla tempia tenendo il braccio basso, lungo il corpo, e non alzandolo all'altezza della testa... comunque, siccome non è divertente, sarebbe meglio cambiare discorso...
LAMBRUSCORE
Martedì 21 Agosto 2012, 19.13.47
144
Non male il tuo cinismo eh? Tornando al disco, ho la cassetta originale, non comprata da me, me l'ha lasciata qualcuno a cui evidentemente interessava molto (come a me), potrei barattarla con un bianco macchiato campari.....
letypaxxa
Martedì 21 Agosto 2012, 18.03.02
143
Io non ho mai capito come cazzo si faccia a suicidarsi puntndosi un FUCILE sulla tempia. Chi era, l' uomo dalle braccia elastiche? Mistero... xD
In Denial! In Denial! In Denial!!!
Martedì 21 Agosto 2012, 17.48.36
142
@drmetallo: non per dire, non è l'unico nel mondo del rock, ma kurt cobain era un tossico di merda che soffriva di dolori lancinanti allo stomaco, e lui pensava di curarli con la droga... la moglie, la troia suprema courtney love, era una tossica anche lei, e sembra che non abbia fatto nulla per impedire il suicidio del marito, anzi, si vocifera che sia stata addirittura lei ad ammazzarlo... p.s.: per la cronaca era una bambina piccola, frances bean, non un bambino...
freedom
Martedì 21 Agosto 2012, 16.36.00
141
Ognuno fa della propria vita ciò che vuole, non credi? E poi se una persona arriva a suicidarsi vuol dire che soffre veramente ma veramente tanto, non giudicarlo per questo.
drmetallo
Martedì 21 Agosto 2012, 14.11.26
140
cobain come personaggio mi sta tremendamente sulle palle, come persona pace all'anima sua. Ditemi, come si può suicidarsi quando hai un figlio piccolo??? Aspetto una risposta dei defenders di Kurt. E la moglie true bitch (infatti non a caso era la leader indiscussa delle hOle) non gli ha dato una mano di certo, anzi...
999eddie999
Domenica 17 Giugno 2012, 3.58.19
139
da non sottovalutare la presenza nel video di SMELLS LIKE TEEN SPIRIT di un certo BURTON C.BELL...storia!!!
conte mascetti
Sabato 16 Giugno 2012, 14.50.18
138
Le divisioni (tipo tifosi di calcio) anche nella musica mi fanno schifo. QUelli che dicono "i nirvana non mi piacciono e non li ascolto perchè non sono metal, perchè il grunge ha ucciso il metal,perchè cobain era depresso..." non sono amanti della musica ma dei veri e propri tifosi. un disco,una canzone o un artista non può piacere e su questo niente da dire, anzi, però non deve essere una scelta fatta solo per "presa di posizione". Detto questo voto 99 perchè per me è stato insieme ad altri 5-6 dischi un album fondamentale di quel periodo. In Utero forse mi piace di più ma quando uscì Nevermind fu veramente una scossa. Opinione personale naturalmente.
In Denial! In Denial! In Denial!!!
Venerdì 30 Marzo 2012, 17.13.58
137
la storia della musica. punto.
freedom
Martedì 13 Marzo 2012, 16.29.52
136
Una delle più grandi band di sempre, capaci di trasmettere emozioni incredibili con 4 accordi. Io questo lo chiamo genio, e Cobain lo era senza ombra di dubbio. Un disco immenso che ho ascoltato fino alla nausea, come tutto il resto della loro discografia. Non esagero dicendo che questo gruppo mi ha cambiato la vita. Un vero peccato che Kurt se ne sia andato in quel modo, chissà quante altre gemme avrebbe sfornato...
Delirious Nomad
Martedì 13 Marzo 2012, 16.18.43
135
Parere superextrapersonale: a livello tecnico quest' album fa schifo; a livello di emozioni trasmette (a me) una incredibile voglia di buttarlo via o in alternativa di suicidarmi; a livello di successo non ho mai capito come questo tipo di musica simile ad un punk ove la rabbia sia stata sostituita dalla depressione abbia avuto un tale successo mediatico tale da far mettere costantemente Cobain tra i primi 20 chitarristi di tutti i tempi. A questo punto perchè non Johnny Ramone? Voglio dire, hanno detto dei punk "sono solo provocatori", dei metallari "ragazzacci andate a lavorare che è meglio" e dei nirvana? "l'ultima leggenda del rock". Anche se il rock e il metal vanno avanti. Anche se il grunge è meno "ascoltabile" del metal (intendo Hard&Heavy e Hair). Non capirò mai. Con ciò non intendevo offendere nessuno, sono solo mie elucubrazioni mentali.
JPJ
Lunedì 23 Gennaio 2012, 13.41.32
134
Compito difficile descrivere questo disco, ma soprattutto questa Band. Credo che basti la frase di un mio amico più grande di me, che è un fan, di quelli forti, dei Beatles: "Ho ascoltato tanta musica per tutta la vita mettendo i Beatles al primo posto e scoprendo tantissimi gruppi, nessuno dei quali mi ha dato però, anche dopo molti ascolti, quel brivido che mi spinge a definire un disco un capolavoro vero. Poi arrivarono i Nirvana. Fu come uscire dalla tomba. Un risveglio musicale incredibile. Quando ascoltai Nevermind, capii che col grunge il rock era non morto, ma semplicemente andato in pensione, non ci poteva essere nulla di portata così influente e rivoluzionaria dopo Nevermind, Dirt e gli altri. Da li in poi il rock,, ancora vivo, ha regalato solo buoni dischi che o sono troppo sperimentali per essere definiti propriamente rock o non fanno altro che vivere per inerzia di quella forza dirompente che era il grunge".
Thunder In The Sky
Domenica 11 Dicembre 2011, 8.34.54
133
Dopo avere aperto la mente non riesco neanche a mettere più il commento di quello che penso veramente sui nirvana , alice e compagnia bella .............
Andrea
Martedì 22 Novembre 2011, 17.43.38
132
Disco storico, niente da dire, ma il capolavoro del 1991 (e non solo di quell'anno) è l'immenso "Loveless" dei My Bloody Valentine - che nessuno ha nominato.
conte mascetti
Martedì 22 Novembre 2011, 0.41.38
131
che dire di fronte a questo disco: storia...che vi piaccia o no. Un disco che insieme a Ten dei PJ ha segnato una generazione.
valereds
Giovedì 17 Novembre 2011, 16.45.51
130
@ Thunder In The Sky: open your mind!
Thunder In The Sky
Giovedì 17 Novembre 2011, 14.07.31
129
Abbasso il grunge e w il vero metal !!!!
letypaxxa metallica 4ever
Mercoledì 31 Agosto 2011, 14.17.46
128
è un capolavoro. w grunge,w metal, w rock e W NIRVANA.
Sorath
Domenica 28 Agosto 2011, 14.30.26
127
Se sono su questo sito e' anche per questo lavoro...una tappa fondamentale nella mia vita
Vinnie Paul
Mercoledì 24 Agosto 2011, 23.50.51
126
Smells like teen spirit 10 In bloom 9 Come as you are 9,5 Breed 8 Lithium 9 Polly 8 Territorial pissings 7,5 Drain you 9 Lounge act 8,5 Stay away 8 On a plain 8.5 Something in the way 8 Endless nameless 7
The Special One
Venerdì 22 Luglio 2011, 0.20.43
125
Non potrei mai dare un voto a questo album, sicuramente uno dei dischi più importanti della mia vita, dove la musica mi ha davvero aiutato a superare i momenti più difficili!!!!
hm is the law
Giovedì 14 Luglio 2011, 11.52.47
124
@ Echoes: lo reputo un capolavoro assoluto anzi svestendomi dei panni di recensore lo adoro!
Echoes
Giovedì 14 Luglio 2011, 11.48.07
123
Sarebbe falso dire che non lo apprezzato ma secondo me 98 è un po esagerato come voto. poi sulla storia che ha ucciso il metal eccetera iol dico che se non ci fosse stato questo album sarebbe cambiato poco in sostanza visto che comunque tempo massimo 5 anni e la situazione sarebbe stata la stessa.
hm is the law
Lunedì 27 Giugno 2011, 22.45.19
122
Abbassiamo i toni nei commenti per favore e magari argomentiamo meglio le proprie posizioni anche antitetiche senza usare inutili termini offensivi. Ok?
Rashomon
Lunedì 27 Giugno 2011, 22.39.50
121
Cioè è come la musica che ti senti tu
valereds
Lunedì 27 Giugno 2011, 20.27.43
120
@ Rashomon: il tuo commento si commenta da se cioè è una m...
Er Trucido
Lunedì 27 Giugno 2011, 17.47.53
119
Bella cosa la soggettività eh
Rashomon
Lunedì 27 Giugno 2011, 17.38.46
118
Ma come stai? Questo disco ha la stessa consistenza artistica di quella cosa che il corpo espelle dopo che si è conclusa la fase di digestione del cibo. Inizia per M e finisce per ERDA. Indovina un po'?
grunge77
Domenica 29 Maggio 2011, 1.13.19
117
capolavoro
cobmust
Mercoledì 13 Aprile 2011, 16.54.51
116
come album nevermind non è un concentrato di tecnica ....ci sono album dei nile o dei cannibal corpse che sono solo concentrati di tecnica mostruosi che a mio parere lasciano davvero poco a chi li ascolta e mi pare abbiano voti alti . nevermind sarà poca tecnica ma ciò che lascia a livelli di emozioni è tantissimo
Painkiller
Mercoledì 13 Aprile 2011, 10.10.25
115
@VALERERDS: non c'è problema, rispetto la tua opinione. Fabio ha anche scritto che Superunknown è l'apice creativo dei Soundgarden per lui, per me è il contrario. Anche quando non sono d'accordo mi piace leggere le opinioni altrui, e qualche volta cambio anche idea se mi aiutano a guardare le cose in modo differente. Ma nessuno riuscirà a convincermi che Kevin Shirley sia un bravo produttore!!! Ora attendo la rece di Badmotorfinger!
valererds
Martedì 12 Aprile 2011, 19.16.14
114
@ Painkiller: Per me Badmotorfinger non vale minimamente Nevermind vediamo cosa scriverà chi lo recensirà.
Er Trucido
Martedì 12 Aprile 2011, 18.48.00
113
dico la mia perchè un argomento sul quale ho sempre cercato di ragionarci su: questo rappresenta un più una deadline discografica che cronologica, nel senso che le etichette con l'uscita di questo disco abbandonarono l'inflazionato (da loro) mercato thrash metal per questo. In più anche il Black Album (uscito un mese prima di questo) ci mise del suo. Infine il metal in se non morì, dato che proprio in quel periodo il death vedeva il suo periodo di maggior successo. Morì invece l'esposizione mediatica delle band, che si spostò appunto verso il grunge. Ovviamente questo è solo il mio pensiero
hm is the law
Martedì 12 Aprile 2011, 18.38.08
112
Personalmente trovo il grunge l'ultimo acuto della musica rock Pearl Jam, Nirvana e Alice In Chain hanno realizzato grandissimi dischi. Superunknow dei Soundgarden è molto bello rappresenta il loro apice creativo, ma generalmente li apprezzo di meno, ovviamente è una mera questione di gusti. Quoto, infine,. in toto l'intervento n. 107.
Undercover
Martedì 12 Aprile 2011, 18.26.33
111
E ok allora è un giudizio basato sul proprio gusto personale ma non è il tuo commento che riprendevo quanto la frase di Argo: Odio tutto il grunge, questo disco è stata la pietra tombale per il metal, non posso che odiarlo. E poi é un disco molto sopravvalutato, se non fosse stato fatto dai Nirvana nessuno lo avrebbe cagato. Sono frasi immotivate, prive di un senso e che indicano solo una chiusura mentale di base.
sans
Martedì 12 Aprile 2011, 18.23.45
110
non ci capiamo: a me il genere non piace musicalmente, non lo ascolto e non mi interessa. E non è il genere in sè che ha determinato quello che si diceva, ma il successo commerciale di questo album,e pochi altri, che ha avuto conseguenze sulla scena metal. Poi, in più, io aggiungo che questo album specifico fa cagare, ma è unamia opinione personalissima e minoritaria.
Undercover
Martedì 12 Aprile 2011, 17.42.39
109
Veramente il grunge esiste dalla prima metà anni Ottanta signori come Green River e Screaming Trees giravano già dall'83 e 84 quindi la vostra tesi va a quel paese, oltretutto sparare su un genere nato in una Seattle che conviveva con realtà quali Metal Church e Sanctuary e che rispettavano entrambe questo movimento oltre conoscerne molti dei personaggi in quanto amici o ex del giro band che frequentavano vedi Alice In Chains proprio con la formazione di Dane e soci. Se poi gente come Metallica e altri hanno deciso di sputtanarsi per vendere è altro discorso, la colpa non è del grunge ma di chi segue le mode e il mercato. Ricordo che i Testament dopo "The Ritual" comunque sottovalutato hanno risalito la china, i Megadeth hanno prodotto un discone come "Countdown To Extinction" in quel periodo quindi di cosa stiamo parlando? E' un pretesto bello e buono prendersela con questo filone che poi in molti dei casi chi usa tale argomentazione conosce solo le 3-4 band famose e sconosce tutto ciò che ruotava intorno alla Subpop e a quel circolo ampio di musicisti.
sans
Martedì 12 Aprile 2011, 17.27.50
108
@hmitl: mah, non sono tantod'accordo: ovviamente è uno slogan che sintetissa inmodo assolutamente eccessivo e brutale il concetto che vuole esprimere. Però pensa a questo: non c'è gruppo hard rock o heavy metal nato negli anni '70 o '80 che in qualche intervista non abbia dichiarato qualcosa del tipo: "andava tutto a gonfie vele, poi è arrivato il grunge e ci siamo ritrovati col culo per terra". Ora, sarà anche vero che certi fenomeni sono sembre frutto di un'insieme di concause, ma è anche vero che se negli anni '90 certe sonorità hanno vissuto un'epoca buia, sotto tutti ipunti di vista, lo si deve anche al grunge in generale, e a questo disco in particolare. Disco che oltretutto è anche brutto.
Alex Ve
Martedì 12 Aprile 2011, 17.13.49
107
Argo: permettimi, dire che un disco non metal sia la pietra tombale e quindi la causa della fine del metal (o forse dell' heavy metal), è un po' come dire che se faccio un incidente in autostrada con la macchina a 250 all'ora è colpa del guardrail!
Argo
Martedì 12 Aprile 2011, 16.52.22
106
@ hm is the law: ho scritto così perchè penso che in quel periodo già il metal era agli sgoccioli come idee, con l'avvento di questo cd e di questo genere di musica, direi che il metal come lo abbiamo conosciuto negli anni 80 sia finito definitivamente. Spero di essere stato più esaustivo con questa risposta, peace man!
Painkiller
Martedì 12 Aprile 2011, 16.34.16
105
Non sono per nient un fan del grunge ma ritengo Badmotorfinger un disco trasversale e inarrivabile, una combinazione di generi e stili unica, una prova tecnica eccelsa, tecnica che i Nirvana non hanno mai avuto, cobain in primis. Poi io non ho detto che questo disco è una cagata pazzesca, anche io ho apprezzato smells e qualche altra canzone all'epoca e sarei falso a dire il contrario, ma passato l'effetto novità basta.....Badmotorfinger è ancora oggi un disco nel quale scopro sfumature nuove ad ogni ascolto. Ricordo perfettemente le recensioni dell'epoca, quindi HM...occhio alla penna, ops alla tastiera!!!
hm is the law
Martedì 12 Aprile 2011, 16.05.54
104
@ sans: "questo disco è stata la pietra tombale per il metal" è una frase che non significa niente completamente fuori luogo e pretestuosa
sans
Martedì 12 Aprile 2011, 16.02.52
103
Ottimo Argo! condivido, il commento 99 meriterebbe i 90' minuti di applausi come il celebre "la corazzata potemkin è una cagata pazzesca"!
hm is the law
Martedì 12 Aprile 2011, 16.01.56
102
@ Painkiller: Dirt per me vale 98 su Badmotorfinger per ora non mi esprimo e se hai pazienza capirai anche il perché. (Me so magnato il se)
hm is the law
Martedì 12 Aprile 2011, 16.00.44
101
@ Painkiller: Dirt per me vale 98 su Badmotorfinger per ora non mi esprimo e hai pazienza capirai anche il perché
hm is the law
Martedì 12 Aprile 2011, 15.59.33
100
Gli ultimi quattro commenti la dicono lunga sulle opinioni contrastanti su questo album. Per me è un capolavoro assoluto della storia del rock così come per cobmust e Franky1117, mentre per Argo e Painkiller è una cagata. C'est la vie!
Argo
Martedì 12 Aprile 2011, 14.50.16
99
Odio tutto il grunge, questo disco è stata la pietra tombale per il metal, non posso che odiarlo. E poi é un disco molto sopravvalutato, se non fosse stato fatto dai Nirvana nessuno lo avrebbe cagato.
Painkiller
Martedì 12 Aprile 2011, 14.14.53
98
Se questo merita 98 allora Dirt e Badmotorfinger sono come la mastercard, non hanno voto!!! Sopravvalutatissimo!
cobmust
Martedì 12 Aprile 2011, 13.53.33
97
la musica è fatta di emozioni e trovatemi altri dischi oltre nevermind e in utero che esprimano così tante emozioni ,sentimenti .
Franky1117
Lunedì 28 Febbraio 2011, 20.33.16
96
capolavoro, poche balle
eddie
Lunedì 28 Febbraio 2011, 20.23.12
95
fu l iniziazione...per l importanza a non ascoltare le cacate che tutti ascoltano...si dovrebbero dare 2 voti,uno molto alto per l importanza storica...l altro,un voto mediocre visto che nel complesso i veri capolavori sono altri...
SnotMMA82
Sabato 26 Febbraio 2011, 18.49.22
94
Il "grunge" sono The Melvins e Mudhoney. I Nirvana sono venuti dopo.
hellvis
Sabato 8 Gennaio 2011, 18.55.25
93
Faccio fatica a valutare questo disco. Dovrei dargli 100 per l'importanze culturale e anche sociale che ebbe quando uscì, eppoi dopo la sua uscita mi fu molto più facile spiegare Amleto in classe. Prendevo un testo da Nevermind, la classe si gasava e il gioco era fatto. 26 sedicenni di colpo tutti fans di Shakespeare grazie ai Nirvana. Non male. Però musicalmente non fa per me. 2/3 pezzi li reggo ma poi alle mie orecchie suona troppo uguale e svaccato. Troppo unidimensionale. E' vero che fu l'ultimo grande assalto del rock (anche un po' con il Britpop) ma fu anche il genere che fece sparire molto gruppi rei solamente di non essere di Seattle, di non indossare camicie a quadri e jeans lisi e di non essere depressi.
Matocc
Sabato 8 Gennaio 2011, 18.22.03
92
@ Gouthi: vatti a riileggere il commento n° 70 -che hai scritto TU- e facci sapere cosa hai deciso...
valereds
Domenica 2 Gennaio 2011, 15.43.16
91
Il grunge è fantastico!
zoso
Domenica 2 Gennaio 2011, 15.15.39
90
poi il grunge lo trovo palloso, ma questo è un gusto personale.
zoso
Domenica 2 Gennaio 2011, 15.14.26
89
@hm is the law: sull'ultimo rigurgito del rock ti do ragione, ma perchè dovrai ammettere che dopo c'è stato ben poco.
Gouthi
Domenica 2 Gennaio 2011, 15.01.11
88
@Matocc: Se levassimo i Nirvana, il Grunge sarebbe un gran bel genere.
hm is the law
Domenica 2 Gennaio 2011, 14.54.30
87
e gli alice in chains se li scordamo?
Matocc
Domenica 2 Gennaio 2011, 13.33.51
86
Nirvana, Pearl Jam, Soundgarden... il grunge non è poi così disprezzabile, vi pare?
hm is the law
Domenica 2 Gennaio 2011, 12.58.16
85
@ zoso: rispetto la tua opinione sebbene non la condivida secondo me il grunge è stato un grande movimento di rilancio del rock forse l'ultimo vero rigurgito del rock
zoso
Domenica 2 Gennaio 2011, 12.44.47
84
un album che nel bene e nel male ha fatto la storia, però secondo me il grunge è sempre stata una montatura per riportare lo spirito punk alla ribalta; comunque non voglio iniziare a sputare merda sul grunge (oddio, forse l'ho già fatto), perchè i suoi meriti ce li ha,e tanti.
leonardo
Domenica 2 Gennaio 2011, 12.29.52
83
vedi commento sull' articolo di axl miglior frontman di sempre
Giaxomo
Sabato 1 Gennaio 2011, 21.01.20
82
E' un 17esimo posto tutto meritato.
Stefano
Sabato 1 Gennaio 2011, 20.56.56
81
Era gia riportato nella recensione ma qualcuno non ha letto bene!
Stefano
Sabato 1 Gennaio 2011, 20.51.11
80
L'album si trova al 17 posto della Lista dei 500 migliori album secondo Rolling Stone (font wiki)
hm is the law
Sabato 1 Gennaio 2011, 20.42.43
79
Gli ultimi due comenti non hanno necessità di essere commentati: i lettori Matteo e leonardo spiegano il loro punto di vista davvero in modo magistrale ed easustivo!
leonardo
Sabato 1 Gennaio 2011, 19.51.19
78
mah robetta
Matteo
Domenica 26 Dicembre 2010, 17.30.52
77
A me i Nirvana stanno proprio sulle palle e credo che sia la band più sopravvalutata della storia!!! E quest'album mi fa schifo
Luigi
Martedì 14 Dicembre 2010, 14.13.44
76
Chi lo considera un schifezza è solo prevenuto!
Renaz
Martedì 2 Novembre 2010, 21.17.39
75
Beh oddio, non direi proprio che Grohl sia dotato di capacità modeste...
LedVoglinaro
Martedì 2 Novembre 2010, 20.54.17
74
C'e' chi considera questo album un capolavoro e chi una schifezza....Per me la verita' sta nel mezzo. "Nevermind" non rasenta assolitamente la perfezione per i troppi suoni ripetitivi, troppe scopiazzate e la modeste capacita' tecniche dei tre componenti. Ad ogni modo questo album e' comunque da annoverare tra i piu' importanti della storia del rock per l'arrivo del grunge e di questo riconosco il merito. Inoltre ci sono 3-4 pezzi storici che sono ormai leggendari, pero' questo album non mi ha lasciato nulla. E' un buon album, niente di piu', niente di meno.
Matocc
Domenica 25 Luglio 2010, 13.57.24
73
Lo comprai in vinile ai tempi della sua uscita (poi sono passato al CD) perchè trovavo SLTS un pezzo stupendo e ascoltato il resto ebbi l'impressione di ritrovarmi tra le mani un qualcosa che sarebbe rimasto nella storia, e infatti... TP è una mina, IB sublime, come anche Lounge Act, Lithium, Breed... non c'è un solo filler, tutte canzoni magnifiche. Non fermiamoci alle "etichette" o ai " generi" quando un disco è un capolavoro, è un capolavoro e basta... e Nevermind lo è senz'altro.
Masterburner
Martedì 20 Luglio 2010, 15.35.45
72
Voto al disco, 100, perchè è uno degli album top di sempre. PS: Cobain mica si è ammazzato... l'ha ucciso sua moglie. E non è una bufala, è tutto provato, provate a guardare siti come justiceforkurt dove ci sono i dossier con le prove raccolte da un investigatore privato che ha seguito cobain nei giorni della sua morte. Consiglierei la lettura (e magari un articolo a proposito) soprattutto alla redazione di Metallized.
Anthony
Martedì 20 Luglio 2010, 15.22.05
71
Sinceramente non capisco perchè ci si debba soffermare così tanto sui voti... Per quanto mi riguarda sia il disco oggetto della recensione che Images & Words non meritano quei voti (soprattutto il primo) ma non capisco perchè bisogna costruirci sopra delle polemiche inutili e prive di fondamento.
Gouthi
Martedì 20 Luglio 2010, 14.07.51
70
Mhà... sarà che ho sempre odiato il Grunge, ma sto disco non mi dice proprio niente... Ma soprattutto trovo abbastanza paradossale dare a questo disco 98, e poi ad un VERO capolavoro, un concentrato di tecnica ed armonia come Images and Words, 99... So che sono generi diversi, ma la trovo molto ridicola come cosa....
Painkiller
Mercoledì 7 Aprile 2010, 13.42.53
69
@ Filippo: io mi riferivo ai nomi più noti del metal e non conoscendo benissimo Mayhem & c... non posso commentare...
Maurilio
Lunedì 5 Aprile 2010, 13.10.02
68
Li ho molto apprezzati quando uscí il disco e negli anni successivi, ma alla lunga ho smesso di ascoltarli.Anche secondo me sono stati sopravalutati e qualitativamente sono migliori gli altri gruppi della scena Grunge.
Filippo Festuccia
Domenica 4 Aprile 2010, 17.02.41
67
@ Dannyboy, Painkiller: torno rapidamente sul discorso innovazione per ricordare che in quegli stessi anni di disadattati al potere (commerciale) il metal estremo dava il meglio di sé in ogni sua forma. e scusatemi se preferisco i MayheM ai Nirvana.
ares
Sabato 3 Aprile 2010, 13.50.03
66
Il miglior album rock degli ultimo vent'anni!
Electric Warrior
Venerdì 2 Aprile 2010, 15.59.02
65
Dei Nirvana ho solo ascoltato le canzoni più celebri, a loro ho sempre preferito 1) Alice In Chains 2)Pearl Jam e Soundgarden. Kurt Cobain per me è sopravvalutato al massimo.
Maynard
Giovedì 1 Aprile 2010, 15.18.37
64
Disco epocale. Punto.
defsna
Mercoledì 31 Marzo 2010, 19.38.27
63
gli ho sempre preferito IN UTERO ( in quanto lo trovo "più delirante & malato") ad oggi ascolto solo l'intera discografia dei Sonic Youth (davvero seminali!) appartenenti però più alla scena Indie/Noise e rappresentativi del Grunge solo in occasione di un album: il bellissimo e mainstream "DIRTY" stesso produttore di Nevermind tralatro...)
Grunge
Mercoledì 31 Marzo 2010, 19.05.25
62
Nevermind è l'ultimo capolavoro dl rock dire una cosa diversa è blasfemia: voto 100
Painkiller
Mercoledì 31 Marzo 2010, 17.13.41
61
@Danny Boy: concordo sul fatto che ci fosse bisogno di novità .....il finale degli anni '90 era stato col botto (inutile citare igli album strepitosi anche del solo 1990) ma che il grunge abbia portato musica "nuova" per me vale solo in una manciata di casi (album), per il resto il fenomeno si rifaceva a sonorità anni '70 con una iperdilatazione della chitarra ritmica a scapito della tecnica solista (tranne la manciata di casi...) e di quel movimento, oggi, rimane ben poco guarda caso. Ma questo è il mio pensiero.
danny boy
Mercoledì 31 Marzo 2010, 13.52.11
60
Voglio solo dire che la mia non è una considerazione metallocentrica. Non esiste solo il metal anzi... il grunge è stato un movimento che ha permesso a tantissima musica nuova di uscire e farsi sentire. I pearl jam, RHCP i soundgarden sono esplosi in quel periodo e va bene, pure se magari con dischi non sempre eccelsi. Il punto è che questo ha portato allo scoperto una miriade di gruppi, suoni, idee nuovi. Una ventata d'aria fresca. E questo ha beneficiato anche il vecchio metal. Lo sa chi si ricorda degli speciali di videomusic, i programmi radio (rumore su radio 2...roba con Claudio Sorge che iniziava al brutadeath i gioani virgulti), indies ecc. Decisamente altri tempi rispetto a oggi dove vedo molta chiusura, iperghettizzazioni e i soliti vecchissimi gruppi che, poveri, ormai non possono dire più nulla. Quello che vedo poco sono delle idee valide; e se ci sono fanno fatica ad emergere. Il grunge ha fatto emergere molte idee valide. Ricordo poi che ad esempio i carcass nel 1991 radunavano folle di punks, metal, ubriaconi e ogni genere di individuo interessante. Non ci si poneva molto il problema se fosse metal o meno. Lo stesso accadeva per i concerti dei RHCP, Ramones, Soundgarden...Per carità, non che fosse l'epoca dell'apertura mentale, però c'era freschezza nell'aria e voglia di nuova musica. Qualcosa di positivo insomma.
Kurt
Mercoledì 31 Marzo 2010, 12.38.52
59
Bellissima recensione molto profonda ed esauriente. L'assolo di Smell è qualcosa di stupendo non ti stancheresti mai di ascoltarlo. Il grunge è stato purtroppo l'ultimo rigurgito del rock il dopo è stato il nulla.
hm is the law
Martedì 30 Marzo 2010, 17.29.05
58
o continuiamo a spacciare per buoni per partito preso i vari Black Ice, St Anger e compagnia cantando. Io sto con la musica quella valida a prescindere dalle etichette ed il grunge visto che qui si parla di questo genere ha espresso capolavori assoluti come dirt degli alice e ten dei pearl
hm is the law
Martedì 30 Marzo 2010, 17.22.33
57
Interessante discussione, ma io sto con Danny Boy: adoro i Korn, i Nirvana, gli Alice In Chains, i Nine Inch Nails, i Pearl Jam che hanno portato una bella ventata di novità nel rock e pure nel metal come fate a dire il contrario. E' forse meglio l'incredibile piattume odierno?
Painkiller
Martedì 30 Marzo 2010, 17.11.48
56
@Danny Boy: mi sa che Filippo è stato troppo dolce ..... il grunge è stato da sempre accusato di non aver portato nulla di nuovo alla musica e di essere stato il là di un movimento pop rock da classifica americana ..... anche se ha avuto qualche momento di eccellenza con Alice In chains, Soundgarden & co. per la maggior oarte non ha lasciato nulla di nuovo o degno di nota ..... e moltissimi gruppi nati negli anni '90 e su quella scia, oggi non ci sono più, guarda caso. Per il metal "classico" è stato un momentaccio perchè non tirava altro che quello che passava MTV come new-metal, nu-metal, grunge et simila ..... non a caso gli anni '90 sono stati gli anni degli scioglimenti o divisioni "storiche" (Iron Maiden., Sepultura, Judas, Helloween etc ...). Non che queste siano state generate dalla venuta del grunge ma certamente sono state determinate anche dalle difficoltà che certe band hanno avuto nel mercato, sfociate anche in litigi che hanno fatto epoca ..... io e molti altri chiamiamo gli anni '90 gli "anni bui", un po' come il medioevo ..... gli anni 200 ci stanno portando musica mediamente migliore credo, ma il "rinascimento" mi pare ancora lontano ...
The Thrasher
Martedì 30 Marzo 2010, 16.03.42
55
Gran bel disco, mi piacciono molto Breed e Territorial Pissings; su Kurt, non riesco a sbilanciarmi riguardo al gesto estremo del suicidio, però lo ammiro tantissimo per quello che ha sofferto, per aver dimostrato che i soldi, il successo ed una moglie esuberante (per non oltrepassare i limiti dell'offesa...) non sempre danno la felicità; Kurt aveva dei sentimenti, era un ragazzo fragile come chissà quanti, e come quei chissà quanti è stato travolto dalle consuetudini fredde e implacabili della società, la società dove l'apparire conta più dell'essere, dove non sono ammesse debolezze perchè fa poco figo, fa poco cool...
Filippo Festuccia
Martedì 30 Marzo 2010, 14.14.11
54
@Danny Boy: "penso che l'epoca "grunge" sia stata l'ultima vera novità musicale della storia". meh. potrei discutere a lungo su questa frase, ma lascio perdere. mi basta una polemica a recensione
LAMBRUSCORE
Martedì 30 Marzo 2010, 13.48.14
53
x danny: io conservo ancora molti numeri di blast e dynamo, erano riviste molto competenti nell'underground musicale dell'epoca, peccato non esista più niente del genere, ah se qualcuno conoscesse qualche giornale che tratta questa roba, me lo faccia sapere qui, ok internet è importante, ma a me piace anche leggere di musica su carta (marco carta, ovvio)
danny boy
Martedì 30 Marzo 2010, 13.29.06
52
quando il disco uscì i nirvana erano ancora poco conosciuti in Europa. Ricordo che suonarono per circa 200 persone a Muggia (TS) e per me erano un gruppo valido che otteneva recensioni su fanzine e riviste undergoud dell'epoca (si ricorda qualcuno dell'ottimo BLAST!?). Bleach era un grandissimo disco e poi è arrivato Nevermind...secondo me inferiore e furbescamente prodotto per piacere ai nuovi giovani americani. Che i nirvana l'abbiano voluto o meno in qualche mese sono diventato il gruppo più famoso del pianeta e la cosa mi ha stupito. Però forse nessuno come Nevermind ha saputo interpretare l'atmosfera culturale e sociale delle nuove generazioni americane...era la colonna sonora ideale per le nuovissime ribellioni. Resta vero che ha aperto la strada all nuova musica che giungeva da oltre oceano e penso che l'epoca "grunge" sia stata l'ultima vera novità musicale della storia. A distanza di 20 anni non abbiamo ancora nulla del genere! Oggi rimane Dave Ghrol che è un grandissimo, tra l'altro ex batterista defgli Sream di Washington DC...quello era un grande gruppo. I
ENRICO
Martedì 30 Marzo 2010, 11.34.10
51
PER ME NON E' NULLA DI SPECIALE COME ALBUM , MOLTO MEGLIO ALLA GRANDE GLI ALICE IN CHAINS ,
horrorifico
Martedì 30 Marzo 2010, 11.13.32
50
beh che dire....supercapolavoro !!!!
Luigi
Martedì 30 Marzo 2010, 8.37.29
49
Uno dei miei dischi preferiti di sempre: voto 100!!!!!
The Darius
Martedì 30 Marzo 2010, 2.07.15
48
Ahhh come suona Jerry Cantrell !
Enzo
Lunedì 29 Marzo 2010, 23.01.07
47
Un disco particolare... grunge,metal,death,thrash ,rock,pop QUI nn ha importanza il genere...ma io come sono un estimatore della musica in generale questo disco mi ha segnato la vita come me lo ha segnata pure kill' em all,led zeppelin IV,iron maiden,innuendo,wish you were here,machine head etc etc io do 100 a questo capolavoro e concordo con chi ha fatto la recensione.GRAZIE NIRVANA
hm is the law
Lunedì 29 Marzo 2010, 22.19.22
46
@ P2K!: in questo caso ci sta il latinismo de gustibus. Per quanto riguarda l'ultima tua frase...aspetta un pò di giorni ed avrai una gradita sorpresa!
P2K!
Lunedì 29 Marzo 2010, 21.37.44
45
Confermo quanto espresso prima... Posso capire la stima e l'affezione per questo disco, che innegabilmente ha segnato un punto importante nella storia della musica (fatto oggettivo), ma giudicare gli "assoli"(?) di "Smells..." e "Come As..." come dei capolavori... Cioè, per me gli assoli di questo disco non sono quel granché descritto nella recensione non perché mancanti di tecnica o perché suonati con 2 note messe in croce, anche perché mettere poche note in un assolo è una GRANDE dote che i più grandi hanno (Gillmoure, BB King, Iommi, ecc...), ma proprio perché non sento nulla di così epocale. Riproducono in parte la melodia vocale... e ribadisco... sono suonati in maniera grezza, ma su questo ci posso stare visto che lo stile dei Nirvana richiedeva questa rozzezza!!! E poi, essendo un amante del Grunge, se proprio devo arraparmi per un chitarrista in fase solista, Mike McReady deiu Pearl Jam in più occasioni mi ha fatto arrapare con i suoi assoli. E aggiungo l'IMMENSO Jerry Cantrell...
horus
Lunedì 29 Marzo 2010, 19.48.59
44
un disco epocale ne uscissero cosi altro che storie. condivido in toto l'ottima recensione
Filippo Festuccia
Lunedì 29 Marzo 2010, 18.25.13
43
@Screamforme77: io né l'uno e né l'altro. non è che tutto quello che ci piace è metal. esiste il rock, esiste il grunge, il punk, la classica. @Darius, HMITL: sarò fazioso io a vedere un trait d'union nei testi metal più disparati...
Screamforme77
Lunedì 29 Marzo 2010, 17.58.57
42
Che dire.Si tratta d un album storico che ha fatto la storia della musica.Ma al di la di tutto io lo adoro perchè ha accompagnato un periodo della mia vita a me molto caro(l'adolescienza).Peccatro solo che il troppo uso ed abuso di SLTS mi ha rovinato una canzone che ai primi ascolti straamavo.Cmq preferisco il molto meno celebrato In Utero,che trovo più grezzo e ispirato,nnke più originale.Concludo cn una considerazione.Leggendo i vostri commenti,nn è la prima volta che noto ke chi è amante del metal in gran parte nn vede di buon occhio il grunge.Eppure io dico(rischiando d essere impopolare) vedo molto più vicino al metal il grunge rispetto al suo stesso sottogenere pop o soft-metal dei vari aerosmith,bon jovy ecc...band che francamente non ho mai amato.
pincheloco
Lunedì 29 Marzo 2010, 17.30.07
41
Io ho molto apprezzato gruppi grunge come Alice in Chains, Pearl Jam ecc. ma i Nirvana non li ho mai digeriti. Li ho sempre ritenuti molto sopravvalutati.
hm is the law
Lunedì 29 Marzo 2010, 17.09.01
40
@ The Darius: mi trovi in accordo sul tema delle liriche; @ Raven: è normale che su qualcosa siamo in disarmonia anzi mi sembra che questo sia il primo caso da quando ci conosciamo, ma è giusto e apprezzo che tu abbia espresso le proprie perplessità.
The Darius
Lunedì 29 Marzo 2010, 16.32.26
39
sinceramente non trovo nessuno comun denominatore nei testi di Opeth, Judas Priest e Cannibal Corpse, tanto per fare un esempio...credo che ogni sfumatura del metal e ogni singolo gruppo abbia una propria autonomia e sensibilità, poi che nel metal ci siano tendenze verso argomenti più trasgressivi questo è vero, ma deriva tutto dal rock, e allora non vedo tutte queste macroscopiche differenze con le liriche grunge...
Raven
Lunedì 29 Marzo 2010, 16.13.40
38
Fabio, non me ne volere -del resto ne abbiamo già parlato- ma il grunge non mi prende proprio: Questo è un buon disco, qualche buon riff, ma lo trovo anche io sopravvalutato, ciò a prescindere dalla bontà della recensione.
Filippo Festuccia
Lunedì 29 Marzo 2010, 16.09.30
37
@Darus: cioè, tu non trovi nei testi metal uno spirito comune?
The Darius
Lunedì 29 Marzo 2010, 15.51.59
36
beh anche i testi...poi i testi "metal" cosa vogliono dire?...il metal è un calderone tanto ampio in cui rientrano gruppi che poco hanno a che vedere l'uno con l'altro...sinceramente non saprei definire un tipico testo metal....i testi dei gruppi grunge poi sono tutti diversissimi, ci sono quelli decisamente orientati sulla droga (alice in chains, stone temple pilots), quelli più sentimentali (smashing pumpkins) e quelli che parlano di qualsasi cosa (nirvana, pearl jam, etc...)
metal4ever
Lunedì 29 Marzo 2010, 15.43.00
35
Io ascolto metal e altri tantissimi generi, ma cmq a me il grundge mi piace (anche se non alla follia), però devo ammettere che questo è un bellissimo album, anche se secondo me 98 è un pò esagerato, ci sta in utero che a me piace di più e trovo ten dei Pearl Jam molto più bello. Ma sicuramente quest'album è una pietra miliare del genere, voto85
Filippo Festuccia
Lunedì 29 Marzo 2010, 14.47.53
34
i testi, Darius, i testi! non la musica
The Darius
Lunedì 29 Marzo 2010, 14.46.34
33
Per chi dice che il grunge e il metal non sono compatibili rimando all'ascolto di 3 capolavori come "Facelift" "Dirt" e "Alice In Chains"...
Maiden1976
Lunedì 29 Marzo 2010, 14.44.25
32
Al contrario della recensione che invece è scritta benissimo come al solito !!!
Filippo Festuccia
Lunedì 29 Marzo 2010, 14.12.26
31
@Painkiller: avevo capito che non eri un anti-grunge, tranquillo. ma, al di là di musica ben suonata e musica suonata male io sono uno che dà molta importanza ai testi. sono scelte. @HMITL: io sono un cantante, e a me Cobain dà sui nervi come Ozzy, come Axl Rose, yadda yadda yadda. è più forte di me.
hm is the law
Lunedì 29 Marzo 2010, 13.37.51
30
Diciamo così milioni di appassionati di musica e risolviamo la questione!
Painkiller
Lunedì 29 Marzo 2010, 13.30.49
29
@Filippo: Io adoro BADMOTORFINGER, potente, tecnico e molto GRUNGE. Per me la classificazione in generi serve più che altro per far capire che tipo di musica viene suonata, per il resto esiste la musica ben suonata e quelle suonata male..... Però è vero quel che scrivi, per molti non è così. E non c'è nulla di male in questo. @"Hm is the Law": io la recensione l'ho letta tutta ma concordo con Ballbreaker ..... non discuto su quel che tu senta o provi ascoltando questo disco, ci mancherebbe altro, ma non sono certo di quel che hai scritto dopo (condivisa da milioni di fans)... intendevi da milioni di fans dei nirvana vero? Non da milioni di fans metal (per tornare alla "provocazione" di Filippo) che non amano i Nirvana vero?
LAMBRUSCORE
Lunedì 29 Marzo 2010, 13.19.15
28
OK, volevo dire che cobain è stato un gran chitarrista e compositore, poi ehm....buahuahuahuah!!!!!
LAMBRUSCORE
Lunedì 29 Marzo 2010, 13.17.52
27
NON RIESCO A POSTARE IL MIO COMMENTO, PERCHE'???
Arekusu
Lunedì 29 Marzo 2010, 12.39.41
26
Io so solo che nello stesso anno uscì Images & Words! All'epoca ero un bimbetto, ma già allora ero molto più attratto dalle sonorità "nobili" che non da quelle "scaciate"!
hm is the law
Lunedì 29 Marzo 2010, 12.13.36
25
@ Maiden1976: non avevo dubbi
hm is the law
Lunedì 29 Marzo 2010, 12.12.57
24
@ Filippo: sinceramente ai testi do un'importanza relativa. Ho sempre considerato la voce come uno stuimento musicale e l'ugola di Kurt è attraente come poche altre @ Ballbreaker peccato magari il resto della recensione ti sarenne piaciuta. Sapevo che nel scrivere questa recensione in un sito metal molto aperto di vedute comunque ci sarebbero state critiche ma dire che quei due assoli sono straordinari e ti entrano dentro è il minimo che potessi fare perchè è quello che personalmen te sento io. Non sei d'accordo con la mia veduta (condivisa da milioni di fans) e va bene lo stesso
hm is the law
Lunedì 29 Marzo 2010, 12.11.56
23
@ Filippo: sinceramente ai do un'importanza relativa. Ho sempre considerato la voce come uno stuimento musicale e l'ugola di Kurt è attraente come poche altre @ Ballbreaker peccato magari il resto della recensione ti sarenne piaciuta. Sapevo che nel scrivere questa recensione in un sito metal molto aperto di vedute comunque ci sarebbero state critiche ma dire che quei due assoli sono straordinari e ti entrano dentro è il minimo che potessi fare perchè è quello che personalmen te sento io. Non sei d'accordo con la mia veduta (condivisa da milioni di fans) e va bene lo stesso.
Maiden1976
Lunedì 29 Marzo 2010, 11.42.26
22
Mai piaciuti.
Filippo Festuccia
Lunedì 29 Marzo 2010, 10.40.01
21
La anti-grunge coalition colpisce ancora! scherzo ovviamente... quello che dicevo prima (e che HMITL non ha del tutto afferrato secondo me) è che a livello musicale, per carità, si può apprezzare tutto, ma a livello di testi e di filosofia è forse necessario porsi qualche domanda. Poi ovvio, uno può ascoltare Nirvana e Pain of Salvation e trovarci due espressioni dfferenti dello stesso spleen esistenziale, così come trovare sentimenti di potenza, più tipicamente metal, nel fantasy dei blind guardian e nel superomismo dei morbid angel o nella rabbia -anche- sociale dei Metallica.
Ballbreaker
Lunedì 29 Marzo 2010, 10.29.18
20
Smells Like Teen Spirit: "...l’assolo avvolgente di chitarra di Cobain che riprende la linea melodica della voce è uno dei più belli nella storia della musica rock..."; Come as You Are: "...e ancora un assolo di chitarra da brividi.": fantastico, dopo queste 2 frasi ho smesso di leggere...
Er Trucido
Lunedì 29 Marzo 2010, 9.43.14
19
Un disco che tutto sommato mi fa piacere ascoltare, non sono in estimatore del grunge, ma questo è tra i pochi dischi che posseggo. Per rispondere alla domanda di Filippo: non credo che ci possa essere della musica incompatibile con dell'altra perchè ritengo che ognuno di noi debba asoltare ciò che gli fa piacere, per i testi anche Blind Guardian, Morbid Angel e Metallica si discostano parecchio uno dall'altro, ma credo che che ognuno di noi abbia almeno un disco dei gruppi citati. Sicuramente i Nirvana sono stati portati troppo in alto da mass media ecc, pompando il discorso dei giovani disadattati...belin cosa dovrebbero fare adesso? La storia dei Nirvana per certi versi mi ricorda molto quella dei Sex Pistols
Painkiller
Lunedì 29 Marzo 2010, 9.28.39
18
Il riff di Smells è immortale, poi già dalla seconda canzone sa tutto di già sentito...inascoltabili dal vivo, non hanno più saputo ripetere il colpo perchè alla base della loro musica c'era il NULLA più completo. I già citati album di PJ, Soundgarden (badmotorfinger, quelli sì che è un capolavoro...), Alice in chains etc ... sono di altra levatura. Se vogliamo riconoscerne il valore storico, dovuto al successo che ha avuto, allora ok. Altrimenti credo che la buia decade dell'H&H abbia partorito pochi capolavori nel genere grunge, quelli già sopra citati.
Bloody Karma
Lunedì 29 Marzo 2010, 9.06.09
17
nella mia adolescenza ho consumato letteralmente questo disco, ma con il senno di adesso preferisco molto di più Bleach e il disco di B-Side Incesticide...li trovo più genuini e meno costruiti in studio...
hm is the law
Lunedì 29 Marzo 2010, 9.00.00
16
@ P2K: non si tratta di essere fan è che la penso così non tanto l'assolo di Come che è comunque bellissimo quanto l'assolo di Smell che è tra i migliori che abbia ascoltato in vita mia. Poi se sono stati fatti con "2 note messe in croce" è del tutto irrilevante. I riff di paranoid, satisfaction, smoke on the water non sono il massimo della tecnica chitarristica ma sono passati alla storia lo stesso. @ Filippo: ascllto punk, death, grunge, musica classica, rock anni 70, hardcore, cantautori (adoro il primo Battisti) ecco...ti ho già risposto. Se la musica vale vale punto e basta.
AL
Lunedì 29 Marzo 2010, 8.57.24
15
un grande disco per quello che ha rappresentato... non per la qualità del disco in sè... anche io ho sempre preferito gli Alice in chains di Dirt!!
P2K!
Lunedì 29 Marzo 2010, 8.46.06
14
Mi ricordo che all'epoca ascoltavo quasi solo Grunge, e quando mettevo questo disco mi dicevo "Bello si, ma... boh?! MOLTO meglio Ten dei Pearl jam, Dirt degli Alice In Chains, Badmotorfingers dei Soundgarden, Core degli Stone Temple Pilots", cioè bei pezzi quelli di Nevermind ma molto derivativi (come segnalato anche dalla recensione) e soprattutto con quell'attitudine sporca, rozza che sinceramente non me lo hanno mai fatto decollare tra le mie preferenze assolute. Una nota per la recensione, giudicare quelle 2 note messe in croce (su Smells Like ten Spiritis e Come As You Are) come splendidi assoli... per cortesia... Capisco l'essere fan, ma suvvia...
Filippo Festuccia
Lunedì 29 Marzo 2010, 1.53.18
13
@Frankiss: e finalmente ci troviamo d'accordo su un disco!!!
Minchius Maximus
Lunedì 29 Marzo 2010, 1.31.31
12
beh,... non sono estimatore del grunge e generi affini ma devo ammettere che questo album è magnifico per la qualità delle canzoni,diciamo che è stato il chiaro esempio di album giusto nel momento storico giusto,caposaldo e iniziatore del grunge a livello mondiale.nn mi interessa il fatto che sia un genere incompatibile per chi (come me) ascolta metal...qui si tratta oggettivamente di buona musica punto e basta.
frankiss
Lunedì 29 Marzo 2010, 1.22.58
11
bella recensione per un disco notevole, un tantinello sopravvalutato dalla critica...diciamocela tutta però...dal vivo i Nirvana erano inascoltabili e davvero scarsi...
tribal axis
Lunedì 29 Marzo 2010, 0.30.04
10
ottima recensione complimenti! sul disco non si può dire molto: CAPOLAVORO ASSOLUTO.
Filippo Festuccia
Lunedì 29 Marzo 2010, 0.20.44
9
@Wrathchild: mi sembra che nel pannello di controllo non ci sia grunge come genere, e quindi HM abbia optato per la soluzione più vicina. @Frank: semplice, si è convinto di essere cantante e chitarrista quando era un ottimo batterista.
frank
Lunedì 29 Marzo 2010, 0.17.25
8
Mi sono sempre domandato come abbia fatto Dave Grohl a cadere così in basso (queen of the stone age a parte) dopo essere stato partecipe nella creazione di capolavori come questo...
Wrathchild
Lunedì 29 Marzo 2010, 0.09.45
7
Ma perchè su genere c'è scritto "Post Grunge" ? Sbaglio o i Nirvana sono i pionieri del genere Grunge?
Filippo Festuccia
Domenica 28 Marzo 2010, 23.43.54
6
io ho una teoria, e la espongo qua per scatenare una piccola -e spero pacifica- polemica: chi ascolta metal non può ascoltare grunge. lasciando perdere le menate su "il grunge ha provato a uccidere il metal", che lasciano il tempo che trovano, io trovo un'incompatibilità di pensiero tra grunge e metal. confrontate i testi del vostro gruppo preferito (se sono i manowar mi facilitate la vita XD scherzo, vanno bene tutti: Maiden, Metallica, Burzum, Morbid Angel, Queensryche, Dream Theater...) e quelli dei Nirvana, e ditemi che ne pensate. cheers
The Darius
Domenica 28 Marzo 2010, 23.10.44
5
grande disco...anche se per me la vera pietra miliare del grunge rimane "Dirt" degli Alice In Chains
hm is the law
Domenica 28 Marzo 2010, 22.58.06
4
@ abbondio: infatti è la qualità eccelsa delle canzoni che determina la grandezza dell'album
abbondio
Domenica 28 Marzo 2010, 22.52.58
3
penso che sia lampante che non siano le vendite o il rolling stone a decidere la grandezza di una band
Master Of Pizza
Domenica 28 Marzo 2010, 22.18.50
2
Semplice,capolavoro.Un disco con cui io sono praticamente cresciuto(la primo volta che l'ho ascoltato avevo 5 anni circa xD) e sono molto legato a canzoni come Smells,Come as you are e Drain you.Semplicemente un capolavoro.Come la rencensione,breve e azzeccata xD.
valereds
Domenica 28 Marzo 2010, 22.16.00
1
Semplicemente stupendo...
INFORMAZIONI
1991
Geffen Records
Grunge
Tracklist
1. Smells Like Teen Spirit
2. In Bloom
3. Come As You Are
4. Breed
5. Lithium
6. Polly
7. Territorial Pissings
8. Drain You
9. Lounge Act
10. Stay Away
11. On A Plain
12. Something In The Way
13. Endless, Nameless (hidden track)
Line Up
Kurt Cobain (Voce, Chitarra)
Krist Novoselic (Basso)
Dave Grohl (Batteria)
 
RECENSIONI
74
98
87
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]