Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Progenie Terrestre Pura
starCross
Demo

Dead Like Juliet
Stranger Shores
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

20/07/18
THE LIONS DAUGHTER
Future Cult

20/07/18
MUTILATION RITES
Chasm

20/07/18
CRYONIC TEMPLE
Deliverance

20/07/18
SCARS ON BROADWAY
Dictator

20/07/18
CEMETERY LUST
Rotting in Piss

20/07/18
SANDRIDER
Armada

20/07/18
KHÔRADA
Salt

20/07/18
BLACK ELEPHANT
Cosmic Blues

23/07/18
ATAVISMA
The Chthonic Rituals

25/07/18
MANTICORA
To Kill To Live To Kill

CONCERTI

17/07/18
IRON MAIDEN + TREMONTI + RHAPSODY OF FIRE + THE RAVEN AGE
PIAZZA UNITA` D`ITALIA - TRIESTE

18/07/18
STEVEN TYLER
PIAZZA UNITA' D'ITALIA - TRIESTE

18/07/18
MYLES KENNEDY + DORIAN SORRIAUX
TEATRO DAL VERME - MILANO

19/07/18
MYLES KENNEDY + DORIAN SORRIAUX
TEATRO ROMANO - OSTIA ANTICA (ROMA)

20/07/18
PROTEST THE HERO + GUESTS
ROCK PLANET CLUB - PINARELLA DI CERVIA (RA)

21/07/18
COLONY SUMMER FEST (Day 1)
CENTRO FIERA - MONTICHIARI (BS)

21/07/18
MYLES KENNEDY + DORIAN SORRIAUX
CASTELLO - UDINE

21/07/18
DIVINE METAL FEST
ALTERNATIVE MUSIC CLUB - MONTENERO DI BISACCIA (CB)

22/07/18
RICHIE KOTZEN
ESTATE IN FORTEZZA SANTA BARBARA - PISTOIA

22/07/18
COLONY SUMMER FEST (Day 2)
CENTRO FIERA - MONTICHIARI (BS)

Raven - Walk Through Fire
( 3148 letture )
Come qualcuno di voi avrà forse intuito dal mio Nick ho sempre reputato i Raven -in particolare per ciò che attiene a Rock Until You Drop- una band fondamentale per lo sviluppo del Thrash e di conseguenza i Raven uno dei gruppi più palesemente defraudati dei loro meriti, (sarà una futura intervista a chiarire meglio questo punto), della storia del metal.
E’ quindi con grande gioia che ho appreso dell’uscita di Walk Through Fire a circa dieci anni di distanza dal precedente One for All, inoltre non potevo certo privarvi del gusto di un Raven che recensisce i Raven, non vi pare?

Fautori ed inventori del cosiddetto Athletic Rock -una definizione perfettamente calzante alla loro proposta musicale- fatto di sudore, velocità, follia, attitudine al sano cazzeggio e look originale comprendente elementi tratti da vere divise sportive, i Raven incendiarono i primissimi anni ottanta con la loro miscela di HR/Speed unita ad elementi prossimi al prog ed aperture reggae e così proseguirono almeno fino ai tours con Metallica ed Anthrax ed al famigerato Live At The Inferno, per poi sgonfiarsi un po’ nel momento più topico della loro carriera fino a perdere di vista i connotati salienti della loro musica e della loro immagine.
La band dei fratelli Gallagher e del batterista ex Pentagram, Joe Hasselvander, dovette anche affrontare guai fisici quando un muro rovinò addosso a Mark Gallagher rompendogli le gambe, ed è questo il motivo fondamentale del loro lunghissimo stop.

L’attesa da parte mia per Walk Through Fire era quindi spasmodica, e devo dire che i tre folli individui che compongono il gruppo hanno senza dubbio qualche anno e qualche chilo in più sulle spalle e sull’addome, ma sono sempre quegli svitati, sfottuti rockers che ricordavo.
L’album si apre –tralasciando l’intro- con Ashes Against the Grain, e sono subito i vecchi Raven che conoscevo, veloci, sporchi e folli, un piacere da risentire per me.
Stesso discorso per il R’n’R Metal di Breaking you Down, con John Gallagher a sfoderare i suoi acuti malati e sgraziati, Mark Gallagher a torturarci le orecchie con i suoi soli scombinati e senza regole ed Hasselvander a pestare come un fabbro ferraio incazzato.
Under Your Radar si mantiene sulla stessa falsariga, mentre la title-track è rocciosa come un tempo e dispone di un bel chorus.
Bulldozer è esattamente quello che il titolo promette, ma in maniera ritmata e sinuosa, in stile anni 70, (il gruppo è nato nel 74, non dimentichiamolo), così come Long Day’s Journey rappresenta un bel mid time quadrato ed ammiccante, basta su un riff semplice e indovinato.
Da qui in poi l’album si fa forse un po’ di maniera, con qualche concessione anche a ritornelli e riff più in linea con i tempi “americani”, ma non mancano buoni momenti come Grip e Space Station #5 , (cover dei Montrose), mentre non mi ha convinto molto Running Around in Circles.
A chiudere la bonus track dal vivo The King.

Non è un capolavoro e forse chi è abituato a suoni e modo di suonare di oggi potrebbe storcere il naso ascoltando questo lavoro, ma per conto mio è un Cd che terrò a portata di mano per un pezzo.
Bentornati corvacci, è un piacere constatare quanto il tempo non abbia intaccato più di tanto la vostra musica fastidiosa.



VOTO RECENSORE
75
VOTO LETTORI
31.16 su 25 voti [ VOTA]
rik bay area thrash
Giovedì 21 Settembre 2017, 18.46.11
14
Grandissimo album di heavy/thrash. Le song scorrono che è un piacere ed è prodotto veramente bene, cioè con suoni 'veri' e non artefatti. Album di qualità e per certi versi sorprendente ( in positivo) considerato che i 'lunatics' non sono più dei ragazzini. Questi sono dischi che ti riconciliano con l"heavy metal quello ruspante, pastoso, suonato con passione e sudore. A scanso di equivoci: ogni riferimento a produzioni 'moderne e computerizzate' è puramente voluto. (Imho).
blackie
Martedì 11 Settembre 2012, 3.27.02
13
anch io ho la mia bella copia di walk throug fire rigorosamente in vinile!!!!e devo dire che mi fa piacere sentirli ancora in perfetta forma!spero tanto che la gente gli dia il giusto riconoscimento perche sono una grande band!
MAIDEN 65
Domenica 7 Agosto 2011, 21.49.30
12
A me non è dispiaciuto ,
pincheloco
Venerdì 9 Aprile 2010, 17.22.07
11
Adesso sono curioso di sentire il nuovo Armoired Saint
pincheloco
Venerdì 9 Aprile 2010, 17.18.26
10
Finalmente sono riuscito a passare a ritirarlo. Ascoltato già diverse volte devo dire che mi piace parecchio. E' un tuffo nel passato, hanno ancora parecchia grinta e non sono per niente spompati rispetto ad altri della vecchia scuola. Veramente un piacevole ritorno.
horrorifico
Martedì 6 Aprile 2010, 17.34.02
9
Sinceramente non l'ho trovato un bel album. Mi sono annoiato nell'ascoltarlo....i pezzi sono mediocri.
Filippo Festuccia
Lunedì 5 Aprile 2010, 12.49.18
8
Perdonate il provincialismo, ma non vedo l'ora di sentire la cover dei Montrose
Raven
Giovedì 1 Aprile 2010, 13.31.07
7
Lo dice anche mia moglie, (o almeno dovrebbe farlo)
frankiss
Giovedì 1 Aprile 2010, 13.28.49
6
Double Raven....che c'è di meglio in circolazione?
Raven
Giovedì 1 Aprile 2010, 8.13.23
5
Aspetto il tuo giudizio.
pincheloco
Mercoledì 31 Marzo 2010, 17.27.11
4
L'ho già ordinato. Devo andare a ritirarlo.
hm is the law
Mercoledì 31 Marzo 2010, 11.43.56
3
Mitici Raven e mitico Raven! Il disco me lo procurerò volentieri!
Raven
Mercoledì 31 Marzo 2010, 11.03.59
2
Bè, era un pò che volevo farne uno....
Electric Warrior
Mercoledì 31 Marzo 2010, 11.01.08
1
Caspita i Raven! Non sapevo che stessero per uscire con un nuovo disco! Lo farò mio il prima possibile!
INFORMAZIONI
2010
Steamhammer
Heavy
Tracklist
01. Intro
02. Against The Grain
03. Breaking You Down
o4. Under Your Radar
o5. Walk Through Fire
o6. Bulldozer
o7. Long day's Journey
o8. Trainwreck
o9. Grip
10. Running Around In Circles
11. Hard Road
12. Armageddon(the beginning)
13. Attitude
14. Space Station #5 (cover Montrose)
15. The King (live) - bt
Line Up
John Gallagher - Basso, Voce
Mark Gallagher - Chitarre
Joe Hasselvander - Batteria
 
RECENSIONI
79
75
40
85
89
88
88
ARTICOLI
20/05/2017
Live Report
KISS + RAVENEYE
Pala Alpitour, Torino, 15/05/2017
27/07/2016
Live Report
IRON MAIDEN + THE RAVEN AGE
Lisbona/Assago (MI), 11-22/07/2016
16/06/2015
Live Report
MASTODON + THE RAVEN AGE
Estragon, Bologna - 10/06/15
02/04/2015
Intervista
RAVEN
Sempre oltre i limiti
27/04/2010
Intervista
RAVEN
Ancora atletici, ancora metallici
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]