Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Helloween
United Alive in Madrid
Demo

Freakings
Rise of Violence
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

17/10/19
MAESKYYRN
Interlude

17/10/19
SHRINE OF INSANABILIS
Vast Vortex Litanies

17/10/19
BREAK ME DOWN
The Pond

17/10/19
SHRINE OF INSANABILIS
Vast Vortex Litanies

18/10/19
SECRET CHAPTER
Chapter One

18/10/19
INFECTED RAIN
Endorphin

18/10/19
PSYCHOPUNCH
Greetings from Suckerville

18/10/19
DEEZ NUTS
You Got Me Fucked Up

18/10/19
HOLY SERPENT
Endless

18/10/19
UNAUSSPRECHLICHEN KULTEN
Teufelsbücher

CONCERTI

16/10/19
BLACK FLAG - ANNULLATO
Magazzini Generali - Milano

16/10/19
SLEEP
TPO - BOLOGNA

16/10/19
A PALE HORSE NAMED DEATH
LEGEND CLUB - MILANO

17/10/19
BLACK FLAG - ANNULLATO
Teatro della Concordia - Torino

17/10/19
THUNDERMOTHER
LEGEND CLUB - MILANO

18/10/19
BLACK FLAG - ANNULLATO
ORION - ROMA

18/10/19
PINO SCOTTO
STAMMITCH TAVERN - CHIETI

18/10/19
TIDES FROM NEBULA + GUESTS
HT FACTORY - SEREGNO (MB)

18/10/19
STAGE OF REALITY + NEW DISORDER + WHITE THUNDER
TRAFFIC LIVE - ROMA

18/10/19
SHORES OF NULL + SEDNA
BIKE BAR CINETICO - CERVIA (RA)

Chthonian - The Preachings Of Hate Are Lord
( 1788 letture )
Gli Chthonian sono una band finlandese che con questo nuovo album, dal titolo The Preachings are Lord, si cimenta in un death che conosce però anche momenti decisamente più vicini al black. Per la verità, la band dà l'impressione di non essersi sforzata più di tanto, dato che l'album è composto da appena otto canzoni, per un totale di appena 32 minuti. I brani, inoltre, pur potendo potenzialmente presentare anche qualche buona idea, si adattano talvolta a delle soluzioni troppo semplicistiche, che rafforzano l'idea di un approccio un po' superficiale verso la realizzazione di questo disco. I testi, poi, perlopiù anti-cristiani, sono a dir poco banali, intrisi di frasi fatte o trite e ritrite, tanto da rendere arduo ogni tentativo di prendere seriamente in considerazione questa band.

Tra l'altro, già l'inizio dell'album non è dei migliori: questo si apre infatti con Scoff at the Benign, un brano tiratissimo e che trasuda malignità, ma che presenta una batteria che, per quanto veloce e potente, è di una banalità incredibile, al di là del pessimo suono. Non va molto meglio con la successiva You should be ashamed of yourselves, per quanto vi sia qualche timido tentativo di creare qualcosa di buono con le chitarre. Più interessante Might makes right, un buon pezzo che inizia sparato su sonorità black, per poi spostare il tiro verso territori prossimi al death, con efficaci cambi di tempo, tra rallentamenti ed accelerazioni ben studiati. Un tentativo del genere viene operato anche su You will not lie to me, Christ!, con risultati però davvero mediocri: uno dei brani più insignificanti del disco. As we grow horn tenta un approccio verso sonorità più moderniste e con qualche apertura melodica, mantenendo però l'aggressività di fondo che contraddistingue tutto l'album. Su The Filthmonger vengono riproposte atmosfere black, che certo sarebbero state più efficaci se ci fosse stato un eventuale apporto di tastiere; peraltro, qui il riffing è anche meno incisivo del solito. Deciso cambio di passo con i ritmi veloci di Oppose, enlighten, ma qui il livello sonoro ed esecutivo della batteria è a tratti quasi irritante. La title track è, invece, come Might makes right, uno dei pezzi più accettabili e sicuramente il meglio riuscito dell'album. Lascia un po' perplessi solo il finale, dove la band fa ascoltare una fisarmonica che intona un canzone che potrebbe far pensare a qualcosa di italiano degli anni '50 (o forse accostabile piuttosto a qualcosa di folk dell'Europa dell'est): peccato però che venga intonata una melodia con un improponibile "lalalala", che finisce per trasformare una bella idea in qualcosa ai confini del ridicolo. D'altronde, a volte, la linea che separa il genio dal kitsch è abbastanza sottile.

Questo secondo album degli Chthonian lascia dunque alquano a desiderare: forse solo il cantante Mathias Lillmåns (che è anche quello con più esperienza, visto che può vantare collaborazioni con Carnaticum, Degenerate, Finntroll, Twilight Moon e Decomposter nel suo background), sembra uscirne a testa alta.

Per il resto, c'è ancora molto da migliorare e The preachings are lord è un disco assolutamente trascurabile.



VOTO RECENSORE
45
VOTO LETTORI
26 su 15 voti [ VOTA]
INFORMAZIONI
2010
Woodcut Records
Death
Tracklist
1. Scoff at the Benign
2. You Should Be Ashamed of Yourselves
3. Might Makes Right
4. You Will Not Lie to Me, Christ!
5. As We Grow Horns
6. The Filthmonger
7. Oppose, Enlighten
8. The Preachings of Hate Are Lord
Line Up
Link e Contatti:
Mathias Lillmåns (vocals, bass)
Jonas Frilund (guitars)
Staffan Holmnäs (guitars)
Markus Rosenberg (drums)


Link & Contatti:
Chthonian@Myspace
Chthonian @OfficialSite
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]