Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Ghost
Prequelle
Demo

SpellBlast
Of Gold and Guns
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

20/06/18
HAENESY
Katrusza

22/06/18
MARTYR LUCIFER
Gazing at the Flocks

22/06/18
HAKEN
L-1VE

22/06/18
WOLFEN RELOADED
Chaiging Time

22/06/18
KHEMMIS
Desolation

22/06/18
ARSTIDIR
Nivalis

22/06/18
THE HERETIC ORDER
Evil Rising

22/06/18
GAEREA
Unsettling Whispers

22/06/18
THE SEA WITHIN
The Sea Within

22/06/18
IMPENDING ROOM
The Sin And Doom Vol. II

CONCERTI

19/06/18
MARILYN MANSON + GUEST TBA
IPPODROMO SAN SIRO - MILANO

19/06/18
MESHUGGAH + DESTRAGE
ORION - ROMA

19/06/18
UNDEROATH + CROSSFAITH
ZONA ROVERI - BOLOGNA

20/06/18
MESHUGGAH + DESTRAGE
ESTRAGON - BOLOGNA

20/06/18
UNDEROATH + CROSSFAITH
MAGAZZINI GENERALI - MILANO

21/06/18
ANAL VOMIT + FINGERNAILS + ASPHALTATOR
TRAFFIC CLUB - ROMA

22/06/18
PEARL JAM
I-DAYS FESTIVAL - RHO (MI)

22/06/18
ANAL VOMIT + LECTERN + GUEST
CIRCUS - SCANDICCI (FI)

22/06/18
17 CRASH + LET ME KILL THE MISTER + STINS
EXENZIA - PRATO

23/06/18
ANAL VOMIT + DAEMUSINEM + LECTERN
CENTRALE ROCK PUB - ERBA (CO)

At The Gates - Slaughter Of The Soul
( 11246 letture )
Parlare di Slaugher of the Soul significa scomodare uno dei pilastri portanti del death metal (melodico e non), il punto cruciale di un genere intero.
Il death metal nasce dal thrash, impone i suoi confini ed i suoi trademark ma dopo qualche anno sembra aver già esaurito tutte le cartucce in suo possesso. Gli At the Gates rappresentano (insieme, se possibile, ai Sentenced) la prima eccezione. Il death metal dei loro primi album indica che la band era già proiettata in avanti di almeno 5 anni rispetto alla scena mondiale. Quei riff vorticosi, il tremolo, la plettrata veloce, l'amore viscerale per il black metal (Tompa benchè non sia il compositore principale della band, militò nei Grotesque -leggendaria creatura black/death che annoverava fra le sue file Shamaatae/Arckanum-, disegnò il logo dei Darkthrone ed era legato alla scena black di Oslo), portarono a creare un sound fluido e melodico che scolpì la prima forma del death metal svedese (In Flames, Dark Tranquillity in primis, ma nello stesso tempo perfino i Dissection presero molto da loro).
Slaughter of the Soul da una parte soffre dell'enorme rivelazione che fu Heartwork un paio di anni prima, ma la lontananza geografica e "tangibile" (la band di Amott era ormai una leggenda, non viveva più nell'underground da anni e non aveva contatti diretti con band emergenti) dei Carcass fece in modo che gli At the Gates ricevettero il testimone da parte della band inglese.
Per le band locali, gli At the Gates furono la risorsa principale fino a Terminal Spirit Disease; con Slaughter of the Soul i giochi cambiarono. L'Earache (enorme industria del death metal) li mise sotto contratto proprio per rilasciare il loro capolavoro, gli At the Gates suonarono in tutto il mondo ed il loro nuovo sound ebbe diffusione capillare.

L'accordatura del disco si abbassa notevolmente (come nei Carcass), le influenze thrash si moltiplicano allo stesso modo come le influenze hardcore, genere amatissimo dalla band (famose le foto al CBGB, e altre insieme a membri di band punk/hardcore); i testi della band sono stati quasi sempre incentrati sui disagi sociali della propria generazione, una generazione sofferente e viziata dalla ricchezza mascheratrice della loro stessa nazione. Ecco perchè da un lato gli At the Gates diventeranno gli alfieri de quel genere (per sonorità e strutture) che, oltrepassata la soglia del 2000, prenderà il nome di metalcore; dall'altro, il loro suono primitivo, diretto, violento e dalla lingua polemica sarà apprezzato e usato in egual misura dal mondo hardcore contemporaneo (i dischi dei Tragedy, Carpathian, Rise and Fall non sono così distanti da Slaugher of the Soul).
Musicalmente Slaugher of the Soul può tranquillamente essere considerato come la perfetta messa in armonia dei vecchi canoni degli At the Gates con le contaminazioni descritte. Blinded by Fear è l'esempio calzante di come il riff portante di matrice death metal venga alternato da riprese thrash, dalla batteria tipicamente svedese ma di derivazione hardcore; il cantato scandito metricamente e urlato in uno dei modi più malsani che la storia della musica abbia mai concepito; l'accenno di chitarra acustica e l'assolo raddoppiato con una terza chitarra sono ulteriori elementi della tradizione della band.
L'intero disco è una fucilata, una raffica inarrestabile formato da riff che ormai sono diventati leggendari (Slaughter of the Soul, Cold...) e da frasi manifesto della band

My tired eyes have seen enough [...] Slaughter of the soul, Suicidal final art, Children - born of sin, Tear your soul apart.

Under the Serpent Sun cresce progressivamente da una melodia di chiara derivazione svedese che diventa thrash prima della manifestazione violenta della batteria e finisce con un arpeggio acustico che sarà sovrascritto da un tipico riff death.
Into the Dead Sky è un intermezzo strumentale totalmente acustico, che diventerà uno degli esempi preferiti dai Dark Tranquillity e dagli In Flames; la canzone nonostante abbia dei toni pacati trasmette un senso di tensione che si scatenerà nella revolverata di Suicide Nation: questa canzone manifesta gli stilemi di denuncia sociale più cari ai portavoce hardcore d'oltreoceano piuttosto che ai connazionali divoratori di morti e/o horror/gore, ed è persino condita di coscienza intellettuale (quella di Burroughs).

Suicide nation, Mass-appeal, death-addiction, Dead but dreaming, Restrained by phobia, brainwashed into submission [...] The face of evil is always the face of total need...

Nausea è una rivelazione bukowskiana in chiave thrash.
L'ennesimo esempio di una band che incarna gli elementi di una "no-future-generation" sono dichiarati nella violentissima Need

[...]killing yourself to live. For we are enslaved, forever enslaved[...]

Il disco si chiude con una strumentale di synth e archi, leggermente punzecchiati dalle chitarre, sulla falsariga di The Swarm o dei pezzi di The Red in the Sky is Ours.
Le canzoni scorrono via veloci e con semplici strutture, marcate ognuna dal proprio assolo: questo apparente segno di ripetitività è tutto tranne che stancante. I tempi sono stati distribuiti in modo che l'intero disco si faccia riascoltare all'infinito, autodefinendosi il capolavoro quale è.

Non sarà forse il disco death per eccellenza (anche se per il sottoscritto lo è eccome), ma senz'ombra di dubbio Slaughter of the Soul rappresenta la migliore incarnazione di sempre del death melodico.



VOTO RECENSORE
93
VOTO LETTORI
88.44 su 154 voti [ VOTA]
Mauri66
Martedì 23 Gennaio 2018, 14.44.08
63
Blinded by fear....basterebbe questa ma tutto il disco è formidabile. Leggenda del metal di ogni tempo
Steelminded
Mercoledì 13 Settembre 2017, 23.27.09
62
Disco top... stesso pensiero dell'ultimo commento... violentissimo e pur melodico. Classe a non finire. Evviva!
TheSkullBeneathTheSkin
Venerdì 14 Aprile 2017, 14.08.46
61
Slaughter Of The Soul picchia con una ferocia senza pari! Disco incredibile, voto 99, anzi, calibro 99, una vera fucilata come scrive Andrea.
emptambaN1
Martedì 21 Febbraio 2017, 0.23.54
60
Non sono mai stato un amante del Death. Come in tutti i settori ci sono però le eccezioni, e reputo questo cd un capolavoro assoluto. Chiunque sia dotato di orecchie funzionanti lo reputerebbe musicalmente meraviglioso. "Under a serpent's sun" e "Cold" di un altro livello. Voto: 95
LexLutor
Domenica 29 Gennaio 2017, 18.55.10
59
Un album che da ormai 20 anni, non mi stanco mai di ascoltare. Perdonatemi se non lo considero deathmetal tout-court (è una opinione personale), perché a volte mi viene di associarlo al thrash più ricercato piuttosto che al cd "melodeath" - insopportabile neologismo che non finirei mai di ironizzare; Ma una simile questione da "sesso degli angeli" non sminuisce lo spessore granitico di un album consegnato alla storia e ai classici senza tempo dell'Heavy Metal. 96
Mirco Morgese
Sabato 7 Maggio 2016, 17.47.21
58
Disco tremendamente bello e assimilabile molto facilmente. Suoni chiari e bassi come piace a me. Voto: 96
Rob Fleming
Sabato 16 Gennaio 2016, 16.06.56
57
Non è il mio genere, ma questo è un disco a suo modo affascinante. Cold e Unto others sono di una bellezza stratosferica.
Philosopher3185
Domenica 1 Novembre 2015, 22.52.13
56
Un capolavoro.Death melodico come dio comanda..
lux chaos
Domenica 11 Ottobre 2015, 10.48.52
55
Buon album, ascoltato mille volte, molto influente su un miliardo di band e per questo forse giusto un "filino" esaltato, un po troppo...resta un grandissimo album, scorre bene, ma come al solito a mio parere i primi a fare una cosa non sono necessariamente i migliori, anche se spesso si tende a giudicare in tal modo...perfetto nel suo genere ma anche secondo me soffre un pò di monotonia...cmq grande album, un 85 se lo becca tutto
Galilee
Domenica 19 Aprile 2015, 20.24.10
54
Devo dirlo, c'è l'ho e l'ho ascoltato un bel po di volte, ma non mi ha mai detto granchè. Mi piace eh, però questo tipo di Death più sul melodico non riesce a darmi le giuste emozioni. Stessa cosa vale ad esempio per gruppi come unanimated, necrophobic etc.. Gusti, ma è una via di mezzo che non concepisco. O Entombed, Grave etc o Dark tranquillity, children Of Bodom è così via. Comunque rimane un super disco di una super band.
Mario
Domenica 19 Aprile 2015, 20.02.37
53
il più bel album death in assoluto
ObeYM86
Giovedì 6 Novembre 2014, 16.48.06
52
Pietra Miliare!!voto 95!1Non male anche l'ultimo lavoro,un pò canonico ma la classe si sente..i migliori del loro genere!
Steelminded
Sabato 11 Ottobre 2014, 15.26.49
51
Molto bello, una vera rasoiata. I precedenti non mi piacciono mi dispiace...
Macca
Mercoledì 23 Luglio 2014, 0.12.30
50
Rispolvero grandi nomi ultimamente. Per me il miglior disco swedish death in assoluto, un capolavoro da amare e custodire.
Punto Omega
Giovedì 13 Febbraio 2014, 13.11.18
49
Fondamentale nella storia del metal e non solo, disco che ha influenzato in maniera indelebili le due decadi a seguire e seolo per questo merita di essere ascoltato da chiunque. E' il disco che segna anche la fine dello stile primigeno di Gothenburg, oggi ormai morto e sepolto da anni, se si esclude qualche rianimazione senza conseguenze (Unanimated, tanto per fare un nome).
Reyals
Martedì 19 Novembre 2013, 19.48.34
48
Per quanto riguarda il swedish death questo disco è la punta di diamante. Semplicemente perfetto, capolavoro assoluto! Da 100 e lode! Da avere assolutamente nella propria discografia.
Macca
Giovedì 27 Giugno 2013, 14.03.46
47
Nulla da invidiare a The Gallery e The Jester Race. Grande disco di swedish, quello vero.
AL
Giovedì 31 Gennaio 2013, 11.31.06
46
capolavoro. stupendo..
Bo
Giovedì 31 Gennaio 2013, 4.48.37
45
Album stupendo porca miseria!
Gyroscope
Martedì 11 Dicembre 2012, 19.39.10
44
album perfetto da ogni punto di vista e importantissimo per le influenze che avrà poi (senti la titletrack e senti mezzo metalcore moderno..) ma secondo me soffre un po' di monotonia..preferisco terminal spirit desease
Acciecato Dalla Paura
Martedì 6 Novembre 2012, 17.57.36
43
correggo il mio post n. 35... disco troppo importante, voto: 99.
Undercover
Sabato 6 Ottobre 2012, 15.10.20
42
Va beh è la solita storia del purista che la domenica si alza e spara la cazzata tanto per passarsi un po' di tempo e scatenare un flame a caso, lasciate perdere.
Delirious Nomad
Sabato 6 Ottobre 2012, 15.06.27
41
carnage... Formalmente il death melodico esiste eccome! Mi sa che sei rimasto un po' indietro, é uno stile e un sottogenere a tutti gli effetti!
piro
Sabato 6 Ottobre 2012, 14.56.37
40
d accordo cn il vichingo...ah ah ah ah
il vichingo
Mercoledì 12 Settembre 2012, 9.28.57
39
Gli At the gates non sono death? Woah... per caso è la giornata della bestemmia libera??
Carnage
Mercoledì 12 Settembre 2012, 3.39.20
38
A prescindere dai gusti personali, questo disco non è death metal proprio per niente. Al massimo può essere considerato "death melodico", nonostante comunque formalmente non esista. Moretti, leggendo alcune tue frasi è evidente che non tu sappia nemmeno dove stia di casa il death metal.
Sonny
Mercoledì 18 Luglio 2012, 14.14.02
37
Album di rara bellezza... Capolavoro e basta, nient'altro!
Gianki93
Mercoledì 13 Giugno 2012, 16.39.16
36
Uno dei vertici dello swedish death e il vertice della carriera degli At the Gates. Spettacolo per tutte le traccie ma le migliori per me restano le prime 3. Voto 95/100
Acciecato Dalla Paura
Martedì 3 Aprile 2012, 22.24.33
35
questo disco è bellissimo, la massima espressione del death scandinavo. belle anche le tracce strumentali, che servono a spezzare l'incredibile pesantezza dell'album. voto: 95.
Sudparadiso
Sabato 10 Marzo 2012, 18.10.05
34
All'epoca dell'uscita lo si aveva soprannominato "il Reign in Blood Scandinavo"... disco che ti aggredisce senza darti scampo,fiato,vie d'uscita...piccolo capolavoro.
Kinuz
Lunedì 19 Settembre 2011, 21.43.18
33
Mi permetto di riprendere dalla recensione: "...il cantato scandito metricamente e urlato in uno dei modi più malsani che la storia della musica abbia mai concepito..." e ancora "L'intero disco è una fucilata, una raffica inarrestabile formato da riff che ormai sono diventati leggendari (Slaughter of the Soul, Cold...)" Leggendo queste queste ho provato lo stesso brivido sulla schiena e la carica che provo ogni volta che ascolto il disco.E' impossibile descrivere meglio di così il capolavoro Slaughter Of The Soul, se si ama il melodeath un disco immmancabile. E poi diciamolo qui il hardcore fa un gran bene. VOTO: 95 SLAUGHTER OF THE SOUL SUICIDAL FINAL ARTuicidal final art CHILDREN, BORN OF SIN TEAR YOUR SOUL APART!!!! BRIVIDI!!!
Finntrollfan
Venerdì 22 Luglio 2011, 17.12.46
32
AT THE GATES I SIGNORI DEL DEATH!!!
Feanor
Mercoledì 8 Giugno 2011, 3.51.40
31
Semplicemente perfetto!
enry
Sabato 9 Aprile 2011, 16.27.29
30
Mi è scappata una "P"...
enry
Sabato 9 Aprile 2011, 16.25.20
29
Doppia coppia, stampa originale e il Dual Disc del 2006. Capolavoro del Metal tutto...95/100
Autumn
Sabato 9 Aprile 2011, 16.08.08
28
Grande disco, preferisco però quelli dell'era Peaceville, più innovativi e "pazzi"
hsb
Mercoledì 15 Dicembre 2010, 3.04.33
27
M A S T E R P I E C E
Emiliano
Martedì 12 Ottobre 2010, 22.40.19
26
death metal=slaughter of the soul..devo aggiungere altro?..recensione molto bella..voto..101/100
onofrio
Lunedì 5 Luglio 2010, 21.10.07
25
ottimo cd questo Slaughter of the Soul l'impressione è che gli at the gates siano dei grandi musicisti.
Luci di ferro
Domenica 4 Luglio 2010, 21.11.31
24
"Into the dead sky" e "the flames of the end" due GEMME questa è musica con la M maiuscola.
onofrio
Domenica 4 Luglio 2010, 20.46.03
23
"Into the dead sky" e "the flames of the end" due perle nere del metal.
AL
Martedì 27 Aprile 2010, 12.13.13
22
@crushed: ...giuro sei il primo che sento che si commuove a sentire Reign in blood... ))
Crushed Liver
Lunedì 26 Aprile 2010, 19.27.14
21
Sono due gli unici album che in qualsiasi situazione emotiva e luogo riescono a farmi praticamente commuovere e più li ascolto e più mi piacciono...il primo è Raining Blood degli Slayer e il secondo è questo Slaughter of the Soul...(che guarda caso sono per me strettamente legati)
Crushed Liver
Lunedì 26 Aprile 2010, 19.27.12
20
Sono due gli unici album che in qualsiasi situazione emotiva e luogo riescono a farmi praticamente commuovere e più li ascolto e più mi piacciono...il primo è Raining Blood degli Slayer e il secondo è questo Slaughter of the Soul...(che guarda caso sono per me strettamente legati)
LAMBRUSCORE
Mercoledì 14 Aprile 2010, 20.10.25
19
allora anche nei dischi di omar codazzi c'è del metalcore frangettato, lui ha un ciuffo a volte,uaoooo.....
wangel
Mercoledì 14 Aprile 2010, 10.37.26
18
era ironico il mio "core"(visto che adesso si usa dappertutto e difatti ho accennato alle frangette) forse dovevo dire metalcore/frangettato....certo che cè dell' hardcore sono daccordissimo con te!!!come c'e anche negli slayer!!
LAMBRUSCORE
Martedì 13 Aprile 2010, 20.40.30
17
qui di "core" ce n'è molto x fortuna (secondo me), i migliori dischi thrash/death/black, sono pieni di "core" e (sempre secondo me) molti gruppi punk validi sono pieni di "metal".....
wangel
Martedì 13 Aprile 2010, 12.17.58
16
i gruppi metalcore hanno rovinato questo disco.......è un disco da paura e di "core" non ha niente per fortuna!!!ops.. non vedo le frangette.....
ALESSIO
Venerdì 9 Aprile 2010, 15.39.11
15
QUESTO E' METAL!
DIMMONIU73
Mercoledì 7 Aprile 2010, 8.53.50
14
DISCO DA 1000 E LODE!!!
Nilo
Martedì 6 Aprile 2010, 19.42.53
13
C A P O L A V O R O .
LAMBRUSCORE
Martedì 6 Aprile 2010, 18.52.38
12
gran disco, dove c'è tompa secondo me, c'è sempre buona musica. mi raccomando non dimenticate, ma recensite anche uno dei suoi grandi gruppi, i DISFEAR.
Alex Ve
Martedì 6 Aprile 2010, 12.15.16
11
sLAUGHTER oF tHE sOUL è il primo disco death/core della storia
Ghenes
Martedì 6 Aprile 2010, 11.37.20
10
se non il primo esempio di death svedese (quello è da attribuirsi alla scena di Stoccolma) sicuramente un'influenza per tutto il death metal melodico e non solo (vedi Killswitch Engage e co.). mio voto: 100
Alex Ve
Lunedì 5 Aprile 2010, 21.21.26
9
IL disco!
Mika
Lunedì 5 Aprile 2010, 20.42.59
8
100 e lode!!!
Sangi
Lunedì 5 Aprile 2010, 20.32.01
7
CE L'HOOOO! Stupendo, il disco che mi ha fatto avvicinare al death in generale e mi ha fatto iniziare a cantare. Posso dire tranquillamente che mi ha cambiato la vita.
Er Trucido
Lunedì 5 Aprile 2010, 19.46.08
6
Bellissimo disco, da avere!
Electric Warrior
Lunedì 5 Aprile 2010, 18.33.14
5
L'insuperato capolavoro dello swedish death. Imitatissimo
Uno qualsiasi
Lunedì 5 Aprile 2010, 16.14.24
4
Il disco di riferimento (probabilmente l'unico) per TUTTE le band metalcore. Ottimo disco, ma paradossalmente talmente copiato che l'ascolto di questo disco non mi dice più niente ormai. Lo so, è un paradosso, ma è così.
Moro
Lunedì 5 Aprile 2010, 15.00.58
3
The Red in the Sky è incredibile per come veniva rappresentato questo il death metal svedese: un connubio fra death e blackmetal; le chitarre suonate in stile blackmetal; un disco stupendo che nella mia personale classifica degli AtTheGates è proprio in seconda posizione dopo Slaughter.
Giasse
Lunedì 5 Aprile 2010, 14.39.02
2
Album fondamentale, ma non tanto quanto The Red in The Sky Is Ours, in my opinion.
tribal axis
Lunedì 5 Aprile 2010, 14.33.13
1
una delle punte più alte in assoluto di tutto l'heavy metal: immortale, immenso, insuperabile. Ne i Dark Tranquillity ne gli In Flames hanno saputo raggiungere un tale livello. Molto buona la recensione. voto:100
INFORMAZIONI
1995
Earache Records
Death
Tracklist
1. Blinded by Fear
2. Slaughter of the Soul
3. Cold
4. Under a Serpent Sun
5. Into the Dead Sky
6. Suicide Nation
7. World of Lies
8. Unto Others
9. Nausea
10. Need
11. The Flames of the End
Line Up
Tomas Lindberg - Vocals
Anders Björler - Guitars
Martin Lardsson - Guitar
Jonas Björler - Bass
Adrian Erlandsson - Drums
 
RECENSIONI
82
93
89
88
90
ARTICOLI
21/06/2015
Live Report
SLIPKNOT + AT THE GATES + TEMPERANCE
Ippodromo delle Capannelle, Roma, 16/06/2015
29/12/2014
Live Report
AT THE GATES + TRIPTYKON
Fritzclub, Berlino, Germania, 20/12/2014
22/05/2014
Live Report
AT THE GATES + IMPALED NAZARENE + MASTER + ALTRI
Live Club, Trezzo sull'Adda (MI) - 17/05/14
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]