Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Body Count
Carnivore
Demo

Ira Green
7
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

30/03/20
DAWN OF OUROBOROS
The Art Of Morphology

03/04/20
LOVIATAR
Lightless

03/04/20
AD INFINITUM
Chapter I: Monarchy

03/04/20
THORN IN SIDE
Tales Of The Croupier

03/04/20
P.O.E. (PHILOSOPHY OF EVIL)
Of Humanity And Other Odd Things

03/04/20
AUGUST BURNS RED
Guardians

03/04/20
AARA
En Ergô Einai

03/04/20
BONFIRE
Fistful Of Fire

03/04/20
MANAM
Ouroboros

03/04/20
PALACE
Reject The System

CONCERTI

28/03/20
TANKARD + GUESTS (ANNULLATO)
CAMPUS INDUSTRY MUSIC - PARMA

28/03/20
RUSSIAN CIRCLES + TORCHE (ANNULLATO)
CENTRO SOCIALE TPO - BOLOGNA

28/03/20
IMAGO MORTIS + GUESTS (ANNULLATO)
UFO ROCK PUB - MOZZO (BG)

29/03/20
TANKARD + GUESTS (ANNULLATO)
TRAFFIC LIVE - ROMA

31/03/20
KRISIUN + GRUESOME + VITRIOL (ANNULLATO)
CIRCOLO SVOLTA - ROZZANO (MI)

02/04/20
TYGERS OF PAN TANG + GUESTS TBA (ANNULLATO)
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

02/04/20
NECRODEATH (ANNULLATO)
EXCALIBUR PUB - CHIAVARI (GE)

03/04/20
TYGERS OF PAN TANG + GUESTS TBA (ANNULLATO)
SANTOMATO LIVE CLUB - PISTOIA

03/04/20
NECRODEATH (ANNULLATO)
CIRCUS CLUB - SCANDICCI (FI)

04/04/20
GUTALAX + GUESTS TBA
CIRCOLO EKIDNA - CARPI (MO)

Pensées Nocturnes - Vacuum
( 2901 letture )
La Francia si sta rivelando ricca di sorprese.
Ricorderete sicuramente la bella recensione dei Les Fragments de la Nuit ad opera del mio esimio collega Luca Chieregato: in quel caso si trattava di una musica di stampo classicista più o meno pura, dalle forti tinte drammatiche, ma scevra da influssi diretti in ambito Metal.

Dalla stessa nazione ecco dunque arrivare una diversa interpretazione della nuova musica classica, a cura dei -o per meglio dire del- Pensées Nocturnes. Non ho intenzione di definire questa musica né contemporanea né moderna. A tutti gli effetti siamo di fronte ad una nuova musica classica, ibridata da lunghi inserti Black. Non aspettatevi tuttavia la componente punk, propria (quasi sempre) del Black puro: in questo caso le melodie ricalcano pedissequamente quelle della sezione classica/acustica, intimiste e profuse di tristezza come non mai.
La voce addirittura fa il verso agli indimenticati Elend, in virtù di un uso massivo (e forse esagerato) di urla angosciate, in vece del più canonico scream. Quest'ultima scelta stilistica, quella della voce sofferta ed urlata, potrà piacere o meno, ma lasciatemi dire che, nel contesto descritto dalla melodia e dai testi, la trovo deliziosa.
Per quanto concerne l'ultimo punto, quello dei testi, bisogna sottolineare che ancora una volta è stata data voce (scusate il gioco di parole) alla cosiddetta grandeur francese, prediligendo la lingua madre rispetto all'anglosassone.
Nonostante la cura profusa sul versante Metal, nella musica di Vaerohn, unico compositore del progetto Pensées Nocturnes, ritengo comunque predominante la componente classicista. Si potrebbe paragonare la sua musica ad una trasfigurazione dei temi malinconici cari al grande maestro contemporaneo Danny Elfman, temi resi qui più intimi, meno pomposi, e soprattutto aperti ad influenze Metal.
E così timidi violoncelli cantano su arpeggi di pianoforte e chitarra, clarinetti e fagotti sussurrano di antiche ferite dell'animo umano, di contrappunto al violino.

Immagino una Parigi dell'Ottocento, immersa nella foschia della notte, in cui si muovano furtive centinaia di figure, tutte prese dai propri affari. Persone infreddolite che si affrettano per le piazze ed i vicoli, persone così unite a prima vista, accalcate nella folla, ma così disperatamente sole nei loro pensieri. Una visione gotica della musica di Pensées Nocturnes, certo, ma facilmente condivisibile da molti, e pertanto efficace.

Questo album non vi terrà compagnia, ma altresì vi offrirà una tristezza infinita, talvolta un'angoscia dolceamara. Niente di meglio, aggiungo, per vanificare la solitudine che ci ha regalato il nuovo millennio, complici la tecnologia e la globalizzazione: alle volte, per poter risalire, bisogna toccare il fondo dell'animo umano.



VOTO RECENSORE
80
VOTO LETTORI
35.66 su 24 voti [ VOTA]
INFORMAZIONI
2009
Les Acteurs de l’Ombre
Black/Ambient
Tracklist
1. Lune Malade
2. Flore
3. Dès-espoir
4. Coup de Bleus
5. Epitaphe
6. Repas de Corbeaux
Line Up
Vaerohn: all instruments, programming
 
RECENSIONI
90
80
ARTICOLI
15/07/2013
Intervista
PENSEES NOCTURNES
L'Arte per sconfiggere la Noia.
25/05/2009
Intervista
PENSEES NOCTURNES
Dalla Francia con dolore
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]