Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Premiata Forneria Marconi
Emotional Tattoos
Demo

Cortex Complex
Memoirs of an Apocalypse
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

24/11/17
ALMANAC
Kingslayer

24/11/17
WILDNESS
Wildness

24/11/17
DEGIAL
Predator Reign

24/11/17
STRAY TRAIN
Blues From Hell

24/11/17
HOUSTON
III

24/11/17
AETHERIAN
The Untamed Wilderness

24/11/17
DEEP AS OCEAN
Lost Hopes | Broken Mirrors

24/11/17
SCORPIONS
Born To Touch Your Feelings

24/11/17
STARBLIND
Never Seen Again

24/11/17
LOCH VOSTOK
Strife

CONCERTI

23/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
QUIRINETTA - ROMA

24/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
ALMAGIA' TRANSMISSIONS FESTIVAL - RAVENNA

24/11/17
DESPITE EXILE
VECCHIA SCUOLA PUB - PALAZZOLO (BS)

24/11/17
BLACK STAR RIDERS
CIRCOLO COLONY - BRESCIA

24/11/17
6TH COUNTED MURDER + KALIAGE
THE ONE - CASSANO D'ADDA (MI)

24/11/17
UFOMAMMUT + GUESTS
EREMO CLUB - MOLFETTA (BA)

24/11/17
INDACO + MOUNTAINS OF THE SUN
COMUNITA' GIOVANILE - BUSTO ARSIZIO (VA)

25/11/17
THE MODERN AGE SLAVERY + DESPITE EXILE + AMBER TOWN
LA TENDA - MODENA

25/11/17
COUNCIL OF RATS + NIDO DI VESPE + MALLOY
CASEIFICIO LA ROSA - POVIGLIO (RE)

25/11/17
PROSPECTIVE + UNDERTHEBED + OBSCURAE DIMENSION
CENTRO GIOVANILE CA' VAINA - IMOLA

Slash - Slash
( 12817 letture )
Il primo disco da solista dell’unico e solo Slash, forse il chitarrista più famoso del mondo, è una cavalcata esaltante, in cui l’ex Guns N’ Roses e Slash’s Snakepit -nonché attuale leader dei Velvet Revolver- cambia pelle come i serpenti di cui si attornia, passando con facilità tra tessuti blues, rock e metal a seconda dell’ospite che presta la voce al brano. Slash si avvale di due compagni d’avventura di tutto rispetto, Chris Chaney dei Jane’s Addiction e il turnista tuttofare Josh Freese (membro full-time dei The Vandals che vanta collaborazioni con artisti come Sting, Nine Inch Nails, A Perfect Circle, Suicidal Tendencies, Weezer e decine di altri), i quali, pur restando in una discreta e ovvia penombra, sono il complemento più efficace per un platter scoppiettante.

A Freese è affidata l’apertura di Ghost, che vede Ian Astbury dei The Cult -che fecero da supporto ai Guns N’ Roses nel loro primo tour- alla voce. Il riff estremamente melodico e la voce calda di Astbury si accoppiano e figliano un brano “di feeling”, a tratti torrido negli arrangiamenti. Il passaggio a Crucify the Dead sarebbe impercettibile, se non arrivasse Ozzy Osbourne a colorare di viola il sound, estremamente vario e melodicamente prestante. Slash qui gioca assai più volentieri con suoni di sfondo, complemento alla voce malata del Madman; e capite bene come passare a Beautiful Dangerous sia quasi uno shock. Ma Fergie (Black Eyed Peas) ha davvero una voce rock, come sostiene Slash, e, se all’inizio il brano appare pacchianotto, quando il guitar hero spinge sull’acceleratore il senso di Guns N’ Roses irrompe prepotente: primo azzardo riuscito. Promise è ancora un cambio di atmosfera repentino, con i toni postromantici urbani di un Chris Cornell sempre ispirato, e Slash che spadroneggia con la cortesia di chi ospita un amico e si diverte assieme a lui. Da notare come il confronto con altri chitarristi (Zakk Wylde nel caso di Ozzy, Tom Morello per Chris Cornell, Mark Tremonti per Myles Kennedy) non veda mai Slash battuto, anche se a onor del vero sarebbe anche difficile accreditarlo come vincitore. È poi il momento del primo singolo al di fuori del Giappone, By the Sword, brano che dopo ogni ascolto assume sempre più i caratteri del capolavoro grazie alla prestazione incredibile di Andrew Stockdale dei Wolfmother e a melodie ruggenti; il cambio dinamico là dove ci si aspetterebbe un assolo sparato è pura antologia. Non è purtroppo tutto oro quello che luccica, e in Gotten di ingannevoli lustrini ce ne sono pure troppi, portati in dote dall’impalpabile voce di Adam Levine (Maroon 5…), probabilmente notato da Slash per le sue presunte prestazioni sessuali (Maria Sharapova in primis) piuttosto che per le sue altrettanto presunte dote vocali. Secondo azzardo miseramente fallito. Certo che Doctor Alibi è veloce, rozza, con un testo grandioso: ma certo, è Lemmy! Due dei rocker più veri insieme, ne viene fuori un brano quasi impossibile da commentare. Watch This non vede guest vocalists, ma affianca a Slash due nomi da niente: Dave Grohl e Duff McKagan. Una strumentale solida e compatta, con una certa tendenza all’assolo autocompiacente (qualche volta sembra di vedere le note virtuali di Guitar Hero scendere sullo schermo…), ma anche con buone variazioni; per quanto valida, non un highlight in un disco del genere. I Hold On ha la malaugurata idea di vedere Kid Rock al microfono, e i risultati sono un po’ traballanti, per quanto superiori alla discografia dell’ex marito di Pamela Anderson (ah, non era lì per quello?), e il brano trova una parvenza di decollo con un assolo degno di rispetto. Forse la traccia più moderna -meglio, modernista- del disco è Nothing to Say, davvero ben eseguita dal frontman degli Avenged Sevenfold, M Shadows; ma emerge clamorosamente la versatilità di Slash, che gli scrive una canzone su misura pur appartenendo ad un mondo completamente diverso. Starlight è un’occasione per testare la formazione da tour di questo solo project, visto che sarà proprio il dotato e intenso Miles Kennedy (dei grandi Alter Bridge) ad assumere il ruolo di singer fisso; e se i risultati sono questi, corro a comprare i biglietti! Lo stralunato artista indie Rocco DeLuca colora Saint Is a Sinner con toni a tratti mutuati dal buon Pino Daniele, e non sempre azzeccatissimi: il brano, soffuso e tuttavia non alla giusta temperatura, non regge a confronto delle bordate rock che abbiamo sentito finora. L’iguana Iggy Pop chiude con la rapida We’re All Gonna Die, e ancora è da ammirare il lavoro strumentale e compositivo. Le varie edizioni in commercio comprendono diverse bonus tracks: non così la nostra, purtroppo, ma possiamo segnalarvi un duetto che si preannuncia esplosivo tra Alice Cooper e Nicole Scherzinger delle Pussycat Dolls.

L’anno scorso abbiamo avuto grandi dischi hard rock (avete detto Sonic Boom?), è vero; ma questo è qualcosa di indescrivibile per quantità e qualità. Certo, due o tre ospitate sono decisamente fuori luogo, e precludono al platter un voto che avrebbe spaccato vetri e bucato soffitti. Così, con le sue piccole imperfezioni e una montagna di canzoni di rock assassino, è un’uscita imprescindibile, un candidato a disco dell’anno, almeno di genere: Slash ha voglia anche di osare, di esporsi a critiche per scelte di personalità, ed è il suo ego geniale che traspare dal disco. Un lavoro che trasuda passione, feeling, tecnica, amicizia (con i singer ospiti: ancora, un applauso alla maggior parte di loro), e anche quel sano disincanto scanzonato che fa così rock, così Slash, così magia.



VOTO RECENSORE
90
VOTO LETTORI
66.57 su 129 voti [ VOTA]
TheSkullBeneathTheSkin
Giovedì 7 Settembre 2017, 0.02.02
59
Concordo su tutto tranne che sul pezzo con Levin, a livello emozionale funziona come un limoncello fra una portata e l'altra, volendo è apprezzabile. Fergie fa venire voglia di ascoltarne di più da come graffia e sì, sono diversi gli azzardi che rendono unico questo album. Bello, ma non andrei oltre l'80 come voto complessivo... solo che Zarathustra ha scovato la gemma e ne è rimasto abbagliato... il disco vale intorno al 75... poi c'è By The Sword che da sola vale un 95 tanto è bella... vero Zara?
Oleg Costiuc
Giovedì 27 Agosto 2015, 9.09.17
58
Brani molto belli . Slash come sempre esprime al meglio il suo amore per la chitarra .
MetalMark
Lunedì 29 Dicembre 2014, 16.38.55
57
Sinceramente io l'ho trovato un grandissimo disco Rock! Del resto con tutte queste "popò" di collaborazioni non poteva essere altrimenti! Sicuramente i migliori episodi sono quelli con Myles Kennedy (che non a caso entrerà poi in pianta stabile nella formazione sia live che da studio di Slash) - due pezzi straordinari "Back From Cali" e la magnifica "Starlight". Ma tutti gli altri non sono poi così da meno. Lemmy un grande in "Doctor Alibi", molto carina e coinvolgente anche l'opener "Ghost" dal riff di chitarra incalzante e mi piace molto "By the sword" con Andrew Stockdale alla voce! Vi dirò di più anche la presenza di quella vocina insopportabile di Adam Levine in un pezzo come "Gotten" ha il suo perchè! e poi che dire: Ozzy, Alice Cooper, Iggy, Kid Rock, Chris Cornell... e che dianime ci mancava solo Freddy Mercury!!!! Grandissimo Slash
Alessio T
Martedì 19 Marzo 2013, 23.49.14
56
Un disco globalmente più che buono, sebbene ci siano dei picchi in basso non da poco... 75.
Conte mascetti
Sabato 2 Giugno 2012, 16.13.09
55
a me ha stufato dopo 4-5 ascolti.Molto commerciale e banale a volte. ci sono comunque ottimi pezzi con ozzy,iggy e lemmy.Slash vive di rendita grazie ai guns e alla sua tuba che fa figo.Preferisco l'ultimo "Apocalyptic love"...ma non vorrei che anche lui dopo 4-5 ascolti...
antomie
Mercoledì 16 Maggio 2012, 23.04.48
54
disco di alti e bassi, i migliori episodi sono quelli con Myles, Ozzy e Lemmy..
il vichingo
Sabato 7 Gennaio 2012, 10.34.19
53
Sopravvalutato! Tutto questo successo soltanto perchè c'è il nome slash stampato in copertina! Per me un 70 è anche troppo!
Gildenlow
Sabato 20 Agosto 2011, 19.43.31
52
50 è anche troppo
MAIDEN 65
Mercoledì 3 Agosto 2011, 16.00.13
51
Sopravalutato .
BILLOROCK fci.
Mercoledì 3 Agosto 2011, 15.51.42
50
cosaaa cè una traccia con Ozzy .... O-O' !!! eh va benedai.... mi comprerò sto benedetto cd di slash e vi dirò !! axl, non ti offendere eeeh ?? ih ih ih
Radamanthis
Venerdì 8 Luglio 2011, 19.08.39
49
Un disco molto bello e molto vario (anche grazie ai vari singers che si alternano), uno Slash in forma strepitosa, ispirato sia musicalmente che come songwriter. Bellissime le tracce con Myles Kennedy, quella con Ozzy e ovviamente con quella topolona di Fergie - anche il video è eccelso -. Segnalo anche il brano con Rocco De Luca, sconosciuto ma grande promessa con una voce accattivante! Grandissimo Slash, polverizza il disco dei GN'R in un frangente di mezza nota!
Bloody Karma
Martedì 22 Febbraio 2011, 14.40.13
48
dopo svariati mesi che lo ascolto, devo ammettere che il disco merita parecchio, forse mancano degli assoli particolarmente brillanti, ma la qualità delle tracce è molto elevata. bravo SLASH!
qwerty9035
Mercoledì 18 Agosto 2010, 10.28.25
47
disco assolutamente perfetto, senza sbavature, voci eccezionali, da 99
Gemini
Sabato 7 Agosto 2010, 14.27.21
46
Nonostante lo scetticismo iniziale (dovuto agli altisonanti nomi di Fergie e Kid Rock tra le collaborazioni), ascoltando i vari singoli postati in rete, mi sono convinto a comprarlo... bhè, è stata davvero una bella sorpresa, certo non un capolavoro, ma un buonissimo album di rock energico e ben suonato (poi Slash è stato il primo chitarrista che ho ascoltato da piccolino con i Guns, per cui ci sarò sempre affezionato). Le tracce peggiori per me sono "I Hold On", la strumentale, "Gotten" (troppo lagnosa) e "Saint...". Ottime invece "Ghost", il duetto con lo zio Ozzy, "By the Sword" e le 2 con Myles Kennedy (tra l'altro, visto dal vivo a Milano: è stato un concerto fantastico, Myles è pauroso O_O). Niente male anche le tracce con Fergie e la bonus con Alice Cooper e la tizia delle Pussycat, davvero due sorprese inaspettate (visti i nomi coinvolti mi aspettavo chissà quale patacche e invece...); un buon 80 per me ci sta tutto
Filippo Festuccia
Venerdì 2 Luglio 2010, 14.03.29
45
Slub, se tu banalmente e approssimativamente ti fossi degnato di scorrere i commenti, avresti saputo che nel mio promo Back from Calì non c'era. Non me la sono potuta inventare, purtroppo. Sono invece curioso sulle "cose che invece secondo me sono più che ammirabili". Dimmi tutto.
SLUB
Venerdì 2 Luglio 2010, 13.58.58
44
Ma di back from cali non c'è traccia? Che c'è, è stata saltata in tronco? Per di più vorrei far notare che a Ghost ha partecipato un chitarrista ritmico da niente, tale Izzy Stradlin, qualcuno di voi lo conosce per caso? -.- Recensione abbastanza banale, approssimativa e che critica alcune cose che invece secondo me sono più che ammirabili. Vabbè...
matt
Venerdì 2 Luglio 2010, 12.16.42
43
L'album nel complesso mi è piaciuto tutto ma apprezzo di più le due bonus track della versione importata: paradise city rifatta con fergie che canta alla grande e cypress hill che ha aggiunto un pò di hip hop e sopratutto baby can't drive scritta e cantanta dal mitico alice cooper!
Edo
Martedì 18 Maggio 2010, 10.00.21
42
Premesso che sono cresciuto a GNR & Co. di cui ho semre amato l'impareggiabile mix hard rock-blues... l'album mi è piaciuto molto, anzi per adesso è ancora il cd fisso in macchina... in alcuni pezzi emerge abbstanza chiaramente l'impronta GNR con risultati nostalgicamente (in senso positivo) più che buoni. In altri secondo me giustamente slash ha costruito i pezzi sui vocalist, sembrando quasi lui stesso ospite di un pezzo di altri (gotten e il pezzo con kid rock su tutti)... ma non per questo da disprezzare, anzi proprio questi due pezzi sono per me invece molto belli e danno un giusto contrappeso melodico (come era tra l'altro abitudine fare proprio dai GNR... don't cry, patience, etc...) ...d'altronde se avesse fatto un intero album "GNR", sotto sotto ad ogni canzone ci saremmo aspettati (magari) di sentire attaccare la voce di axl, e si sarebbe per tanto restati delusi... Dal punto di vista strettamente chitarristico, non c'è che dire, è sempre lui (meno male), e anche se non suona come altri (ad esempio Tremonti chitarrista degli alter bridge con Kennedy) chisse ne frega, lo sa bene anche lui e infatti resta nel suo rock sporcato di blues che lo rende emotivamente ispirato e trascinante. Che dire, non vedo l'ora di vederlo live col buon kennedy ...in scaletta ci dovrebbero essere un paio di pezzi "storici" dei GNR, speriamo non cada nell'errore di voler imitare axl Voto album: oggi è 90 (ma sono ancora nelal fase "ascolto solo questo dalla mattina alal sera"... tra qualche mese potrò essere più obbiettivo Per i fortunati come me, ci si vede a MIlano tra meno di un mese
Bloody Karma
Lunedì 26 Aprile 2010, 15.48.59
41
Dopo un paio di ascolti di questo disco solista di Slash non riesco ancora a farmene un idea precisa...alcune songs sono molto belle, però non riesco a sentire una presenza netta e distintiva di Slash (ma forse è solo dovuto ai pochi ascolti) e poi la produzione è troppo leccatina x i miei gusti...cmq da riascoltare in ogni caso...
AndreaRocky
Venerdì 16 Aprile 2010, 21.36.30
40
FAVOLOSO!!!!!! peccato le 2-3 tracce lente e brutte. il resto è da pietra miliare. IL DIO DELLA CHITARRA E' TORNATO!!! voto 98
Fotturion
Giovedì 15 Aprile 2010, 12.08.24
39
Magari 90 sembrerebbe troppo.. ma cavolo, gran bell'album! mi è piaciuto anche il fatto che i pezzi sono stati relizzati in base a chi li cantava, ogni traccia si avvicina molto allo stile delle band madri dei cantanti! tranne quello con Fergie naturalmente.. e dopo averla ascoltata non si può non pensare che sia sprecata per cantare musica commerciale! che gran voce! come del resto anche gli altri, soprattutto Myles Kennedy e Chris Cornell. Spettacolo!
Ubik
Mercoledì 14 Aprile 2010, 20.09.35
38
Per me nnt di che nn + di 70
Filippo Festuccia
Mercoledì 14 Aprile 2010, 11.13.56
37
@Rob: ci mancherebbe, me l'avevi già accennata quest'opinione allora, intanto va considerato che il contributo degli ospiti nel songwriting è grande, visto che le canzoni sono state quasi sempre scritte a quattro mani. Sul mettersi in gioco io parlavo solo del confrontarsi con grandi chitarristi, alcuni dei quali superiori allo stesso Slash. Non so, io ho gradito molto l'andare oltre il classico schema hard rock aerosmithiano (e bisogna contare che io non sono un fan dei Guns, anzi) e cercare qualche soluzione diversa. Il lavoro di arrangiamento è molto più profondo di quanto non sembri, e molti cambi dinamici lo rendono per me un lavoro superiore.
Rob
Mercoledì 14 Aprile 2010, 1.23.32
36
Mi dispiace signori ma vengo a rompere le uova nel paniere! O meglio, ne rompo la metà. Provo a ribaltare la tesi di Filippo, peraltro argomentata ottimamente, e da cui potrebbe nascere qualche interessante riflessione. Secondo me Slash si è limitato a svolgere il proprio compitino, e non ha osato per nulla. Un esempio di quello che dico? Bene, prendete 'Nothing To Say' o 'Doctor Alibi' o ancora 'Crucify the Dead', potrebbero essere state scritte benissimo dagli Avenged Sevenfold, dai Motorhead o da Ozzy. Se Slash avesse voluto davvero osare, avrebbe dovuto far esprimere questi artisti in contesti diversi da quelli a cui sono normalmente abituati. Questo sì che avrebbe significato mettersi in gioco e "sperimentare". L'unica volta in cui lo fa in maniera netta è proprio con Fergie. Inoltre, sono l'unico a cui 'Gotten' non dispiace? Temo di si... Ma proprio per il discorso che ho appena espresso (la vicinanza tra la band dei cantanti e le canzoni che hanno inciso con Slash) non vedo il motivo per cui denigrare Adam Levine, visto che anche 'Gotten' potrebbe benissimo passare per un pezzo dei Maroon 5. La mia valutazione resta cmq positiva, ma non tanto da arrivare a 90. Il mio voto è: 73...
Dephacer
Martedì 13 Aprile 2010, 23.00.43
35
secondo me questo disco non va oltre il 6. che fine ha fatto la capacità di scrivere capolavori di Slash? forse si è esaurita ai tempi dei gnus. non c'è nulla di lontanamente paragonabile ai guns dei tempi d'oro nella produzione post-guns di Slash.molta noia e molta maniera.
Dephacer
Martedì 13 Aprile 2010, 23.00.41
34
secondo me questo disco non va oltre il 6. che fine ha fatto la capacità di scrivere capolavori di Slash? forse si è esaurita ai tempi dei gnus. non c'è nulla di lontanamente paragonabile ai guns dei tempi d'oro nella produzione post-guns di Slash.molta noia e molta maniera.
AdemaFilth
Martedì 13 Aprile 2010, 17.33.15
33
Certo che Maroon 5 è un nome proprio azzeccato! Direi che Gotten è l'unico pezzo da saltare.
antomie
Martedì 13 Aprile 2010, 14.32.36
32
myles kennedy è stata la scelta più azzeccata per portare le canzoni in tour,comunque l'album ad ogni ascolto migliora,ora non riesco a sopportare soltanto quella con adam..
anonimo
Martedì 13 Aprile 2010, 14.05.53
31
ok, comunque è ottima, bel cd
Filippo Festuccia
Martedì 13 Aprile 2010, 13.54.45
30
@anonimo: mi sono espresso male, ma abbiamo torto e ragione entrambi. Back from Cali non è una bonus track, ma non ci sono due pezzi con Kennedy in tutte le edizioni. Nella mia c'è Starlight, in altre no, etc etc etc.
anonimo
Martedì 13 Aprile 2010, 13.51.49
29
ma che bonus track! b.f.c. è in tutte le edizioni!
ROSSMETAL65
Lunedì 12 Aprile 2010, 23.29.57
28
GRANDISSIMO DISCO,SICURAMENTE SUPERIORE A QUELLO DEI GUN'S.
The Darius
Lunedì 12 Aprile 2010, 21.05.30
27
Slash grande sperimentatore!
Frankiss
Lunedì 12 Aprile 2010, 20.31.17
26
Slash mi piaceva tempo fa...lo adoravo per quel suo stile ribelle....ora ha ampiamente mostrato la corda..tecnica sufficiente, buon feeling ma per il resto...dannatamente ripetitivo....buonissima ed appassionata la recensione di Phil, bravo!...io personalmente in questo periodo preferisco nutrirmi a botte di Wig Wam e Poodles...i loro rispettivi ultimi album triturano e rendono onore al grande Hard Rock fatto con gonadi de luxe!!
AdemaFilth
Lunedì 12 Aprile 2010, 19.58.05
25
...zzzzzione siente? scusate la sgrammatica scrivevo di sfretta!!
AdemaFilth
Lunedì 12 Aprile 2010, 19.55.33
24
Beh si, sicuramente non ce n'è mai abbastanza di rock. Glam, Street, Hard e tutto il gusto retrò sta lentamente scomparendo. Insomma se ci fai caso a parte qualche sporadica eccezzione sono sempre le stesse band che (fortunatamente) ci propongono il loro repertorio. Son da poco maggiorenne e non ho avuto la fortuna (forse sfortuna in italia?) di vivere gli anni d'oro del vero rock e nonostante ami davvero tutti i generi mi rattrista molto vedere un sempre maggior pressapochismo nel rock malboro&jack. Ah comunque mi raccomando ci siente tutti per i Kiss a Milano?! (maledetto chi ha messo gli AC/DC il giorno seguente! Me li perdo!!!!)
Filippo Festuccia
Lunedì 12 Aprile 2010, 19.45.08
23
@Ademafilth: beh, l'anno scorso è uscito un disco incredibile a nome Lynyrd Skynyrd, poi anche quello degli Europe non era male per niente, l'ultimo di Bon Jovi in miglioramento...chi ha il rock nel sangue lotta sempre, anche se magari i kidz vogliono tanto metalcore.
tribal axis
Lunedì 12 Aprile 2010, 19.45.06
22
che barba co sta "coerenza". qualcuno qua dentro sa cosa vuol dire "sperimentare" o, se è un termine troppo forte, "cambiare"?
The Darius
Lunedì 12 Aprile 2010, 19.41.51
21
io per corenza stilistica non dico che deve rimanere nei confini dell'hard rock-blues a tutti i costi...Slash può fare anche un cd di polka,basta che tutto il cd sia coerente, e non un volo pindarico continuo...
Filippo Festuccia
Lunedì 12 Aprile 2010, 19.30.35
20
@Darius: infatti trovo i lavori degli Snakepit infinitamente peggiori di questo, proprio perché troppo slash-dipendenti. ora, che slash abbia un carisma e uno stile unico ci sto, ma come chitarrista in sé è piuttosto limitato. un disco con un solo cantante sarebbe stato limitato, palloso, sempre uguale. e a me -si sarà notato nelle mie recensioni- quella che viene fatta passare per "coerenza", ma che è mancanza di coraggio, non piace. ripeto, slash si è confrontato con chitarristi molto migliori di lui in questo disco. per me è coraggio.
AdemaFilth
Lunedì 12 Aprile 2010, 19.30.02
19
Certo che in questo periodo i capolavori Hard Rock si sprecano letteralmente! Kiss, Scorpions, Slash, Ace e sono sicuro di dimenticare tanto altro!
tribal axis
Lunedì 12 Aprile 2010, 19.21.13
18
scusate volevo ampliare il mio commento: dunque l'unica vera pecca del disco è la canzone con Adam Levine. per il resto secondo me sono ottime, le mie preferite sono quella con Fergie (ha una voce rock con i controcoglioni, secondo il mio umile parere), Ghost, By The Sword e Starlight.
tribal axis
Lunedì 12 Aprile 2010, 19.14.55
17
io l'ho trovato bellissimo! concordo appieno col recensore!
The Darius
Lunedì 12 Aprile 2010, 18.25.24
16
Io sono cresiuto con Slash eh, ci tengo a precisarlo, è uno dei quei chitarristi che mi ha fatto innamorare della chitarra...però secondo me un disco, deve avere, sempre e comunque un preciso percorso stilistico coerente, i pezzi di quest'album mi sembrano un po' buttati lì, alcuni sono bei pezzi altri meno ma mancano proprio di coerenza stilistica...il disco suona come un best of per intenderci, senza quel preciso filo indispensabile per me in un full length. E poi Slash mi sembra messo anche in secondo piano dagli altri guest...per me lavori come i due dischi degli Snakepit mi sembrano piu album da solista di Slash, dove lui la fa da padrone e i dischi hanno una loro coerenza...Se fossi stato Slash avrei fatto un disco con una band fissa e un cantante fisso per tutti i pezzi
horrorifico
Lunedì 12 Aprile 2010, 17.55.50
15
A me piace molto questo lavoro di slash stupenda Ghost
zerba
Lunedì 12 Aprile 2010, 17.35.19
14
le più belle per me sono 1) Doctor Aliby 2) Promise 3) By The Sword il disco non è assolutamente da 90, merita molto meno.
Filippo Festuccia
Lunedì 12 Aprile 2010, 17.28.02
13
@Darius. diciamo che quello che per te è una debolezza per me è la grande forza di questo disco. Slash si è messo in gioco, si è messo anche a confronto con chitarristi che di tecnica pura lo massacrano (Wylde, Morello, Tremonti, i due dei Sevenfold), ma che raggiunge grazie a tanto feeling e un songwriting superiore.
Maiden1976
Lunedì 12 Aprile 2010, 17.28.01
12
La penso esattamente come The Darius. Da usare come sottobicchiere.
The Darius
Lunedì 12 Aprile 2010, 17.17.19
11
Io l'ho trovato un disco mediocre, scialbo e assolutamente anonimo, non arriva alla sufficienza. Pezzi senza un filo, ogni canzone suona troppo differente dall'altra, la linea comune che doveva chiamarsi Slash si trasforma asseconda del partner...un'uscita abbastanza inutile.
Filippo Festuccia
Lunedì 12 Aprile 2010, 14.13.25
10
@Antomie: tu io ti ho solo risposto che effettivamente è una bonus track, nel senso che non è in tutte le versioni. peace.
antomie
Lunedì 12 Aprile 2010, 14.00.35
9
ma chi ha detto niente?
Filippo Festuccia
Lunedì 12 Aprile 2010, 13.55.39
8
@antomie: in quella europea no, altrimenti l'avrei messa nella recensione.
antomie
Lunedì 12 Aprile 2010, 13.47.06
7
nella versione che ho io importata dagli USA back from cali fa parte della tracklist,è la numero 4
roby
Lunedì 12 Aprile 2010, 13.42.46
6
Ascoltato e a mio modesto parere non è un granchè. Ma visto che mi ci vuole un po' per giudicare un album, questo commento probabilmente lo amplierò in futuro. Ora come ora posso dire che la canzone con Fergie la trovo del tutto fuori luogo. Quella con il cantante dei cult sinceramente mi aspettavo di più. Quella con Ozzy mi piace, ma mi ricorda troppo "goodbye to romance" non so a voi. Mi è piaciuta quella col cantante degli avenged sevenfold, ma più che altro per la sua voce e per la ritmica (mi sembra thrash). Però ascoltandola bene, alla fine non è tutto sto granchè. Sulle altre non so che dire, non mi hanno emozionato... Comunque probabilmente lo rivaluterò, mi occorre tempo per apprezzare (o disprezzare, owiamente) un album.
Filippo Festuccia
Lunedì 12 Aprile 2010, 13.41.13
5
@antomie: l'altra con Kennedy è una bonus track, purtroppo. e Rocco DeLuca è relativamente famoso, lnei paesi dove l'indie non è una moda ma un genere musicale. maledetta Italia @fabriziomagno: il voto, per paura proprio di lasciarmi prendere la mano, è stato calcolato in modo abbastanza scientifico, tenendo conto delle brutte canzoni (Levine e Kid Rock; quella con Rocco DeLuca non me la sento di bocciarla solo perché estranea ai miei gusti personali) e delle grandi canzoni (hai ragione su By the Sword!). @Enricosixx: purtroppo per mio codice personale non rispondo ai commenti in caps.
ENRICOSIXX
Lunedì 12 Aprile 2010, 11.40.52
4
HO ASCOLTATO IL DISCO E DA GRANDE ESTIMATORE DI GUNS N ROSES GLAM METAL E ROCK N ROLL PER ME IL VOTO E' 6 GIUSTO PERCHE' CI CANTANO LEMMY, IAN ASTBURI ,OZZY E IGGY FRA L'ALTRO LE CANZONI NON SONO GRANCHE ' , PER IL RESTO VERGOGNA POTEVA CHIAMARE A CANTARE ALTRA GENTE CON I COGLIONI COME DAVID BOWIE O MICK JAGGER
antomie
Lunedì 12 Aprile 2010, 11.29.12
3
credo che sia un album da 7,5 perchè le canzoni con maroon 5 e tale rocco de luca proprio non le digerisco..così così anche quelle con fergie e kid rock..le più belle per me sono ghost,le due con myles kennedy,quella con iggy pop e quella con lemmy..poi una cosa,non mi spiego perchè dalla tracklist siano rimaste fuori la canzone con nick dei qotsa e la canzone con alice cooper..con queste due al posto dei marroni e de luca allora sì che sarebbe stato un album da 8,5..
Bloody Karma
Lunedì 12 Aprile 2010, 8.54.02
2
sto in pieno revival con i Guns...credo sia giusto ascoltare anche questo nuovo lavoro di Slash
fabriziomagno
Lunedì 12 Aprile 2010, 2.11.02
1
continuo a preferire il debutto del 1995, un vero capolavoro. Con questo album Slash torna ad ottimi livelli, anche se il 90 mi pare un voto decisamente alto. Alcune canzoni sono splendide, molte sono belle, 2-3 davvero mediocri. La mia preferita è By The Sword, sia per l'interpretazione vocale di Andrew Stockdale che per l'atmosfera settantiana, anzi - concedetemelo - woodstockiana che crea. Un tuffo indietro di quasi 20 anni, ogni tanto mi ci vuole Voto: 83
INFORMAZIONI
2010
Roadrunner Records
Hard Rock
Tracklist
1. Ghost
2. Crucify the Dead
3. Beautiful Dangerous
4. Promise
5. By the Sword
6. Gotten
7. Doctor Alibi
8. Watch This
9. I Hold On
10. Nothing to Say
11. Starlight
12. Saint Is a Sinner
13. We’re All Gonna Die
Line Up
Slash (Guitar)
Chris Chaney (Bass)
Josh Freese (Drums)

GUEST VOCALISTS
Ian Astbury (Track 1)
Ozzy Osbourne (Track 2)
Fergie (Track 3)
Chris Cornell (Track 4)
Andrew Stockdale (Track 5)
Adam Levine (Track 6)
Lemmy Kilmister (Track 7)
Kid Rock (Track 9)
M Shadows (Track 10)
Myles Kennedy (Track 11)
Rocco DeLuca (Track 12)
Iggy Pop (Track 13)

GUEST MUSICIANS
Dave Grohl (Drums on Track 8)
Izzy Stradlin (Rhythm Guitar on Track 1)
Duff McKagan (Bass, Choir on Track 8)
 
RECENSIONI
90
ARTICOLI
02/07/2015
Live Report
SLASH FEAT. MYLES KENNEDY AND THE CONSPIRATORS + RIVAL SONS
Arena Mediolanum Forum, Assago (MI), 26/06/2015
02/08/2011
Live Report
SLASH
Ippodromo delle Capannelle, Roma, 29/07/2011
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]