Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Progenie Terrestre Pura
starCross
Demo

Dead Like Juliet
Stranger Shores
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

20/07/18
MUTILATION RITES
Chasm

20/07/18
BLACK ELEPHANT
Cosmic Blues

20/07/18
THE LIONS DAUGHTER
Future Cult

20/07/18
SCARS ON BROADWAY
Dictator

20/07/18
SANDRIDER
Armada

20/07/18
CRYONIC TEMPLE
Deliverance

20/07/18
KHÔRADA
Salt

20/07/18
CEMETERY LUST
Rotting in Piss

23/07/18
ATAVISMA
The Chthonic Rituals

25/07/18
MANTICORA
To Kill To Live To Kill

CONCERTI

18/07/18
STEVEN TYLER
PIAZZA UNITA' D'ITALIA - TRIESTE

18/07/18
MYLES KENNEDY + DORIAN SORRIAUX
TEATRO DAL VERME - MILANO

19/07/18
MYLES KENNEDY + DORIAN SORRIAUX
TEATRO ROMANO - OSTIA ANTICA (ROMA)

20/07/18
PROTEST THE HERO + GUESTS
ROCK PLANET CLUB - PINARELLA DI CERVIA (RA)

21/07/18
COLONY SUMMER FEST (Day 1)
CENTRO FIERA - MONTICHIARI (BS)

21/07/18
MYLES KENNEDY + DORIAN SORRIAUX
CASTELLO - UDINE

21/07/18
DIVINE METAL FEST
ALTERNATIVE MUSIC CLUB - MONTENERO DI BISACCIA (CB)

21/07/18
MALESSERE FEST
DAGDA LIVE CLUB - RETORBIDO (PV)

22/07/18
RICHIE KOTZEN
ESTATE IN FORTEZZA SANTA BARBARA - PISTOIA

22/07/18
COLONY SUMMER FEST (Day 2)
CENTRO FIERA - MONTICHIARI (BS)

Leaves` Eyes - Lovelorn
( 2744 letture )
Lovelorn segna il gradito ritorno sulla scena di Liv Kristine, la madrina Gothic per eccellenza : dopo aver abbandonato gli ormai semiderelitti Theatre Of Tragedy alle loro masturbazioni elettroniche, dopo aver sposato Alexander Krull, la bionda fata norvegese fa cinquina, 'sposando' anche il resto della band del suo maritino (gli Atrocity) e mettendo così in piedi i Leave's Eyes.
La cantante, come si può facilmente intuire, è il fulcro di tutta l'opera: di fronte alla sua voce (buoni anche i tentativi di variare un po’ il timbro, come nella semi-lirica ‘Ocean’s Way’) il resto della band ammutolisce, svolgendo il semplice compito di comparsa, di strumentisti al servizio della prima donna, tanto che gli sporadici (fortunatamente...) inserimenti in growl di Alexander Krull risultano addirittura fastidiosi all'ascolto, facendo quasi pensare ad interferenze nell’etere di chissà quali altri cd.
Lovelorn non ha la devastante forza innovatrice di un Velvet Darkness They Fear nè la freschezza di Aegis, le canzoni sono soffuse, a tratti forse un po’ piatte e prive di grande emotività, ma sempre cariche di una dolcezza disarmante, di una luce fioca e avvolgente che pare spuntare da un fiordo della terra natìa di Liv.
L’album, se vogliamo essere pignoli, non risponde pienamente ai canoni del Gothic Metal e anzi, l’aggettivo ‘Metal’ è un pochetto fuorviante:se da un lato si cerca sì di strizzare l'occhio agli amanti del genere e ai Theatre Of Tragedy-nostalgici, con i già citati growl che richiamano lo schema di vocals alla ‘bella e la bestia’, qualche schitarrata qua e là e sparuti pestoni alla batteria, dall'altro il tutto risulta di una commerciabilità, o per meglio dire, di una fruibilità, estremamente vasta, grazie a canzoni easy-listening come ' Into Your Light', 'Norwegian Lovesong' , la dolcissima ballad 'For Amelie', tracce che in questo periodo di estremo successo per Evanescence, Lacuna Coil et similia, farebbero anche il loro porco effetto sul grande pubblico.
Una valvola di sfogo, un macigno tolto dallo stomaco, ecco cosa pare essere questo Lovelorn: un grido d'aiuto da parte di una voce rimasta incastrata (con questo album sembrerebbe allontanarsi dalle scelte elettroniche dei suoi ex compagni, ma chi può mai dirlo...) in una lampada d'Aladino; prendetelo così, con le sue luci e le sue ombre, senza troppe pretese, come fosse una vecchia musicassetta dove scorre la voce di un amico che non sentite da troppo tempo, solo in questo modo arriverete all'essenza di questo album, in grado sia di donare piacevoli momenti ai palati affini, quanto piacevoli dormite ai neofiti del genere.



VOTO RECENSORE
65
VOTO LETTORI
36.17 su 41 voti [ VOTA]
INFORMAZIONI
2004
Napalm Rec.
Gothic
Tracklist
1. Norwegian Lovesong
2. Tale Of The Sea Maid
3. Ocean's Way
4. Lovelorn
5. The Dream
6. Secret
7. For Amelie
8. Temptation
9. Into Your Light
10. Return To Life
Line Up
Liv Kristine Espenæs Krull (Female Vocals, Keyboards)
Alexander Krull (Death Grunts, Programming, Keyboards)
Torsten Bauer (Guitars, Keyboards)
Mathias Roderer (Guitars, Keyboards)
Christopher Lukhaup (Bass, Keyboards)
Martin Schmidt (Drums, Percussion, Keyboards)

Guests
Carmen Elise Espenæs (Backing vocals for Into Your Light)
Timon Birkhofer (Piano & Cello in "For Amelie" and "The Dream")
 
RECENSIONI
71
77
69
70
65
ARTICOLI
09/01/2018
Intervista
LEAVES` EYES
Di saghe vichinghe e cambiamenti
10/11/2009
Live Report
LEAVES` EYES
Lo show di Triora
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]