Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Uriah Heep
Living the Dream
Demo

Raum Kingdom
Everything & Nothing
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

24/09/18
AZAGHAL
Valo Pohjoisesta

24/09/18
HUMAN DECAY
Mefitico

25/09/18
TO END IT ALL
Scourge of Woman

25/09/18
SINATRAS
God Human Satan

26/09/18
OSSUARY ANEX
Holy Blasphemition

27/09/18
STELLAR DESCENT
The Future is Dark

28/09/18
BONEHUNTER
Children of the Atom

28/09/18
RUNNING WILD
Pieces Of Eight - The Singles, Live and Rare 1984 – 1994"

28/09/18
NAZARETH
Loud & Proud! The Box Set

28/09/18
EVILON
Leviathan

CONCERTI

28/09/18
HOUR OF PENANCE
ENJOY CLUB - VICENZA

28/09/18
GRAVEYARD + BOMBUS
ZONA BRONSON - BOLOGNA

28/09/18
THE SECRET + GUESTS
KRAKATOA FEST - TPO - BOLOGNA

28/09/18
EDU FALASCHI
DEFRAG - ROMA

28/09/18
SVLFVR + GUESTS
EXENZIA - PRATO

29/09/18
GRAVEYARD + BOMBUS
BLOOM - MEZZAGO (MI)

29/09/18
EDU FALASCHI + ACID TREE + GUESTS
ARCI TOM - MANTOVA

29/09/18
TORCHIA
KRACH CLUB - MONASTIER (TV)

29/09/18
NWOIBM FEST
GARAGESOUND - BARI

29/09/18
GO! FEST
CSOA SPARTACO - ROMA

Umbah - Trilobeth (Reissue)
( 2477 letture )
Eclettismo, intelligenza, audacia, ed estro infinito. Basterebbero queste parole per definire la proposta musicale targata Umbah, che poi altro non è che una studiata e affascinante one man band inglese, la quale, sotto la guida del geniale Cal Scott (già Necrosanct e Microcosm), sfodera questo re release di Trilobeth, opera del 2007, dopo una parentesi produttiva di ben diciassette anni.
Per i neofiti, riassumo brevemente: il progetto Umbah nasce nel 1990 a Brighton, in terra d’Albione, ed ha al suo attivo ben tredici lavori, tra cui cito, secondo il mio personalissimo gusto, Solaris (1997), 7 Days of Horror (2000), e Alien Beauty (2005). Nonostante i cambi di formazione, il monicker rimane lo stesso, sfornando (e bisogna dirlo!) con una impressionante produttività un full lenght dietro l’altro, affinando il proprio sound in una direzione che non è certo facile e possibile dimensionare come experimental death metal.
Gli Umbah amano definire il loro genere cyber grind: uno stranissimo ma riuscitissimo mix tra industrial, avantgarde e grind è infatti quello che suonano, riuscendo a creare mirabili ponti e collegamenti tra bands come Nine Inch Nails, KMFDM, Laibach, Marilyn Manson, Katatonia e che rappresentano il loro bagaglio d’ispirazione.
Certo è che (lo dico subito) volendo essere precisi, ci sono talmente tante stratificazioni e influenze che sarebbe una grande sfida citarle tutte: Fatboy Slim, addirittura gli Underworld, ma anche echi della new wave britannica, racchiusa in alcuni passaggi alla Julian Cope.

Detto questo, Trilobeth potrebbe apparire un album indigesto: ebbene, non lo è affatto. Perché, quando si è capaci di scrivere buoni pezzi, brani che funzionano, quando si ha veramente qualcosa da dire come ce l’hanno gli Umbah, penso sinceramente che non ci siano barriere musicali, e le definizioni, le etichette, gli inquadramenti, lasciano il tempo che trovano.
Prendete ad esempio un brano come Torn again: è una song elettronica stratosferica, easy listening, quasi di cellulosa e molto, molto riecheggiante, per l’appunto, Fatboy Slim oppure Moby; stesso discorso per Subconscience Function, capace di rimanere in testa per ore, con un arrangiamento lineare ma davvero contagioso.
L’altra faccia della medaglia, l’altra parte di Giano bifronte, è caratterizzata da brani molto più crudi, veloci e violenti, come Sheep of sad fate, Beehive (squisitamente Trentreznorniano!), mentre To a somber place e la title track sono indubbiamente orientate verso un sound ancorato al death metal, anche se proprio Trilobeth, a ben vedere, rappresenta una sorta di delirio, ossimoricamente cristallino nella sua intenzione.
Ribadisco il fatto che, nonostante i salti di genere e l’apparente mancanza di coerenza tra un brano e l’altro, un filo conduttore tuttavia c’è.
Al di là della già citata bravura compositiva, gli Umbah puntano infatti anche sulle lyrics, ad opera di Sokaris, Suleiman e Shamanek: paranoia, ribellione al conformismo, inquietudine, a metà tra James Ballard e Pigreco-Il teorema del delirio o Eraserhaed di Lynch.
Un album da avere.



VOTO RECENSORE
85
VOTO LETTORI
40.34 su 23 voti [ VOTA]
Filippo Festuccia
Sabato 17 Aprile 2010, 14.59.16
2
Devo dire che al primo approccio gli Umbah non mi avevano fatto impazzire. Riproverò, forse non ero pronto.
enry
Sabato 17 Aprile 2010, 9.50.29
1
Non li conosco, ma Katatonia,NIN,Laibach e Underworld sono bands che mi piacciono parecchio...ci farò un pensierino.
INFORMAZIONI
2010
Voidhanger Records
Industrial
Tracklist
01. A Happy Story
02. The Fall Of Modern Thought
03. Beryllium Crisis
04. A Little Uneasy
05. Sheep Of Sad Fate
06. Beehive
07. Mesoria A Larkara
08. A Zen Horizon
09. Trilobeth
10. To A Somber Place
11. Subconscience Function
12. Torn Again
Line Up
Cal Scott - All
 
RECENSIONI
85
ARTICOLI
19/09/2010
Intervista
UMBAH
Uno per tutti
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]