Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Epica
Omega
Demo

Profanity (GER)
Fragments Of Solace
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

05/03/21
MORK
Katredalen

05/03/21
WITHERFALL
Curse of Autumn

05/03/21
TAAKE / HELHEIM
Henholdsvis

05/03/21
EXANIMIS
Marionnettiste

05/03/21
SOM
Awake

05/03/21
BRAND OF SACRIFICE
Lifeblood

05/03/21
REAPER (SWE)
The Atonality of Flesh

05/03/21
LINISTIT
Evil Arises

05/03/21
DREAMSHADE
A Pale Blue Dot

05/03/21
WOLVENNEST
Temple

CONCERTI

13/03/21
MICHALE GRAVES + NIM VIND
LEGEND CLUB - MILANO

14/03/21
MARK LANEGAN BAND
TEATRO MANZONI - BOLOGNA

18/03/21
MAYHEM + MORTIIS + GUESTS TBA (POSTICIPATO!)
DEMODE CLUB - MODUGNO (BA)

19/03/21
MAYHEM + MORTIIS + GUESTS TBA (POSTICIPATO!)
ORION - CIAMPINO (ROMA)

20/03/21
MAYHEM + MORTIIS + GUESTS TBA (POSTICIPATO!)
CAMPUS MUSIC INDUSTRY - PARMA

23/03/21
THE SISTERS OF MERCY
ORION - ROMA

23/03/21
SWANS + NORMAN WESTBERG
ALCATRAZ - MILANO

24/03/21
THE SISTERS OF MERCY
ALCATRAZ - MILANO

25/03/21
TYGERS OF PAN TANG + GUEST TBA
TRAFFIC CLUB - ROMA

25/03/21
RECKLESS LOVE + GUESTS
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

downset. - Downset
( 3558 letture )
Los Angeles 1994, sgomento sociale, popolo in ribellione nei confronti del sistema opprimente, anime appesantite dalle ingiustizie quotidiane, una società compromessa dalla regolamentazione di conti fai da te, costretta a scendere a patti con le gang cittadine fino al punto di insultare la propria città usando queste parole:

L.A. Swine not guilty… Coming straight from the L.A. concrete, true blue motherfucker about for generations deep.

Rabbia, denunce a cielo aperto senza freni né paure, stupri fisici ed omicidi psicologici, rituali di violenze sistematiche e programmate, disuguaglianze e vanità… questi i temi trattati da Rey Anthony Oropeza e compagni, che uniranno rabbia linguistica a composizioni altrettanto crude e violente.

Formatisi nella città di Los Angeles nel 1987 sotto il nome Social Justice e mutati in Downset nel 1992, la band sarà una delle co-fondatrici di una nuova corrente musicale mondiale, ancora molto presente nell'odierno panorama discografico.
Il rap-metal è stato concepito per sfidare i cliché della scena heavy metal, dove il dominio della razza bianca ha sempre spiccato su tutto; la provocazione dei “modelli” Rage Against the Machine o Biohazard, hanno portato in controtendenza qualsiasi aspetto compositivo, puntando sulla linearità della base strumentale ed avvicinando le tematiche trattate e lo stile vocale del popolo nero.

Leggere la parola rap affiancata a metal, farà sicuramente torcere il naso a molti di voi e vi spingerà in uno stato di pre-giudizio nei confronti del genere.
Non fatevi prevaricare da questa sensazione e ricordatevi che molte band di spicco nel panorama discografico mondiale hanno testato questo nuovo style; i primi furono inaspettatamente gli Aerosmith
che produssero una versione rivista di Walk This Way in collaborazione con i Run-D.M.C. nel lontano '86 e non spaventatevi per quello che sto per dirvi, ma anche gli Antrax, nota band speed/thrash/metal osannata da molti dei nostri lettori, ha tentato di sellare questo style nel '87 con l'uscita della singolare “I'm the Man”.

Rispetto ai suoi pochi predecessori i Downset hanno sempre proposto un sound distinguibile e decisamente unico, caratterizzato sempre da tappeti ritmici cadenzati e lineari, ma con l'ammorbidimento del peso delle distorsioni e definendo la lyric-line, ponendola in primo piano come un oggetto prezioso.
Esiste poco spazio per la fazione virtuosistica, in quanto la compagine vuole portare ed incentrare la concentrazione sul impeto ritmico-tematico piuttosto che sulla complessità solistica.
Ascoltando questo omonimo ed assaporando profondamente i testi, dentro di voi si scatenerà una reazione paradossale.
Sentirete la rabbia gonfiarsi come schiuma che resterà ingabbiata fino a quando non capirete la funzione della linea ritmica, un potente deterrente che vi aiuterà a non esplodere d'ira ed indignazione.
Testi come quelli dei Downset possono provocare stati di sdegno e collera, ma potrete trovare la valvola di sfogo lasciando strada alla prontezza sussultoria, liberando il corpo lanciandolo verso l'istintività più pura, dove la razionalità perde l'orientamento e l'irrazionalità la fa da padrona.
Seguite il mio consiglio… ascoltate e sensibilizzatevi.



VOTO RECENSORE
83
VOTO LETTORI
73.20 su 58 voti [ VOTA]
tartu
Sabato 14 Dicembre 2013, 10.09.27
15
disco immenso!
Swan Lee
Domenica 25 Novembre 2012, 23.03.50
14
Discone. E grande band. Altro che i Limp Bizkit.
Nu Metal Head
Venerdì 13 Luglio 2012, 16.24.36
13
lasciando perdere il voto lettori (c'è lo stesso scempio nella recensione dei biohazard), la loro pietra miliare dovrebbe essere "do we speak a dead language?", ma a me piace molto anche "universal" del 2004, il loro ultimo disco prima dello scioglimento. questo purtroppo non lo conosco.
FABRYZ
Mercoledì 25 Aprile 2012, 19.50.53
12
voto lettori da abolire....se non vi piace il genere e la band non votate,che senso ha votare una cosa che a priori non piace ???? questo cd e' un classico del crossover anni 90 come lo e',in maniera differente il primo dei RATM, quindi che voto e' 31 ? e' ovvio che se il voto lo mette uno a cui il crossover fa' schifo poi si hanno questi risultati...allora a me non piace il black e vado sulla recensione di transilvanian hunger dei darkthrone e voto 1....e' giusto distruggere cosi' un capolavoro solo xche' a me non piace il genere proposto ?
FABRYZ
Mercoledì 25 Aprile 2012, 19.43.46
11
Grande e sottovalutata band, possiamo dire che questo cd perde il paragone con il primo dei RATM ma poi gia' da do we speak a dead language e check your people li battono alla grande secondo me soprattutto xche' l' anima hardcore non e' stata mai abbandonata e dona alle loro canzoni quell'idea di rivolta urbana che x band dai forti valori sociali come questa non deve mancare.
onofrio
Giovedì 1 Luglio 2010, 21.16.24
10
Downset album bellissimo, magnifico, straordinario, il cd in questione si erige su altissimi livelli non conosce cali di tensione vi cito alcune gemme "anger" "ritual" "take 'em out" "prostituionalized" "downset" "my american prayer". Ora tocca a voi comprarlo, compratelo compratelo compratelo compratelo compratelo compratelo compratelo compratelo. Voto 95/100.
Filippo Festuccia
Sabato 1 Maggio 2010, 15.36.41
9
strumenti nobilissimi tutti e due. io non potrei tradire il microfono per il basso...non sarei capace! faccio fatica a suonare qualsiasi cosa
Aileen
Sabato 1 Maggio 2010, 15.31.14
8
No Filippo, ho tradito il basso per il microfono ...ma proprio nell'ultimo mese ho rispolverato il bimbo e ora conto di rifarmi pian pianino i calli...
Filippo Festuccia
Venerdì 30 Aprile 2010, 17.14.29
7
@Aileen: meriterebbe un racconto più lungo immagino. suoni ancora il basso?
Aileen
Venerdì 30 Aprile 2010, 17.01.10
6
Non ne serbo un buon ricordo. Mollai il gruppo in cui suonavo il basso perchè si passò dal thrash a questa roba qua, per l'incapacità delle altre sui loro strumenti.
LAMBRUSCORE
Venerdì 30 Aprile 2010, 10.16.08
5
proprio non mi vanno giù, preferisco il loro vecchio gruppo, social justice, ho qualcosa su una comp. devo cercare il loro album unity is strength.
AdemaFilth
Giovedì 29 Aprile 2010, 23.14.17
4
"De gustibus" ovviamente... Non bisogna, però, lasciarsi intimidire da sonorità diverse da quella a cui siamo abituati. Un cantato rap non deve trarci nell'inganno del pregiudizio della poca profondità ecc. Un bel disco davvero, 85 anche per me.
Bone Pumpkin
Giovedì 29 Aprile 2010, 12.45.25
3
@Lambruscore: i Downset ed i Biohzard hanno un modo diverso di proporre musica, i primi sono molto politici ed incentrano i loro messaggi sugli abusi sociali -molto più forti e predominanti a Los Angeles piuttosto che a New York- mentre i secondi puntano più sulla potenza sonora ed estetica. Non sto difendendo i Downset, ovviamente "de gustibus non disputandum est", ma se li confrontiamo bene, possono essere paragonati solo per il loro modo di strutturare compositive. Sei d'accordo con me?
LAMBRUSCORE
Giovedì 29 Aprile 2010, 9.13.08
2
non mi sono mai piaciuti molto, piuttosto vorrei vedere recensioni dei citati biohazard, soprattutto del loro capolavoro, secondo me, urban discipline.
polenta violenta
Mercoledì 28 Aprile 2010, 12.25.08
1
ottimo gruppo, che al contrario dei tanto osannati ratm ha provato ad evolversi e non ha fatto per tutta la vita la stessa roba.
INFORMAZIONI
1994
Fontana Island
Metal
Tracklist
01. Anger
02. Ritual
03. Take 'Em Out
04. Prostitutionalized
05. Downset
06. My American Prayer
07. Holding Hands
08. About To Blast
09. Breed The Killer
10. Dying Of Thirst
Line Up
Rey Anthony Oropeza – voce
Rogelio Lozano – chitarra
James Morris – basso
Chris Lee – batteria
Ares – chitarra
 
RECENSIONI
83
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]