Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Rome in Monochrome
Away from Light
Demo

Arch Echo
Arch Echo
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

23/04/18
NO FUN AT ALL
Grit

23/04/18
SHRINE OF THE SERPENT
Entropic Disillusion

26/04/18
AETRANOK
Kingdoms Of The Black Sepulcher

27/04/18
TOTALSELFHATRED
Solitude

27/04/18
SPITEFUEL
Dreamworld Collapse

27/04/18
DRAKKAR
Cold Winters Night

27/04/18
BLOOD TSUNAMI
Grave Condition

27/04/18
FACING THE ORACLE
Haunted One

27/04/18
MIDAS FALL
Evaporate

27/04/18
FOREIGNER
Foreigner With The 21st Century Symphony Orchestra & Chorus

CONCERTI

22/04/18
ROSS THE BOSS
CIRCOLO COLONY - BRESCIA

22/04/18
NE OBLIVISCARIS + ALLEGAEON + VIRVUM
DAGDA LIVE CLUB - RETORBIDO (PV)

24/04/18
ROGER WATERS
UNIPOL ARENA - BOLOGNA

24/04/18
DARK TRANQUILLITY + EQUILIBRIUM + BLACK THERAPY + MIRACLE FLAIR
LARGO VENUE - ROMA

25/04/18
DARK TRANQUILLITY + EQUILIBRIUM + BLACK THERAPY + MIRACLE FLAIR
LIVE CLUB - TREZZO SULL'ADDA (MI)

25/04/18
CRASHDIET
LEGEND CLUB - MILANO

26/04/18
DARK TRANQUILLITY + EQUILIBRIUM + BLACK THERAPY + MIRACLE FLAIR
ZONA ROVERI - BOLOGNA

26/04/18
ENSIFERUM + EX DEO
LIVE CLUB - TREZZO SULL’ADDA (MI)

26/04/18
SPOIL ENGINE + LOSTAIR
CIRCOLO SVOLTA - ROZZANO (MI)

26/04/18
DEE CALHOUN + LOUIS STRACHAN
BLUE ROSE CLUB - BRESSO (MI)

Thy Disease - Anshur-Za
( 1653 letture )
Sono davvero combattuto. Non è un album facile da recensire il quinto full lenght dei polacchi Thy Disease. Non lo è per nulla, in certi momenti mi sono quasi sentito preso per i fondelli. Iniziamo proprio da questo, a discapito del manuale del buon scribacchino: la fatica in questione contiene due cover, una dei Depeche Mode (per la quale, anzi, faccio i complimenti alla band) e l'altra di Madonna. Si, avete letto bene. Madonna. E non si tratta di una cover stravolta e violentata di un pezzo della "regina del pop" -come magari altri hanno già sperimentato- ma bensì di una "canzone" molto simili all'originale, con addirittura la riproduzione della voce della popstar, o di chi per Lei, e con sottofondo le grida gutturali della bestia di turno. Sarò sincero con tutti voi: una delle cose più rivoltanti e di pessimo gusto che riesca a ricordare, persino più sgradevole delle copertine dei Regurgitate.

Detto questo, mi chiedo: quanto tempo è passato da Zero the Hero dei Cannibal Corpse, Dog Day Sunrise dei Fear Factory, Message in a Bottle dei Machine Head o ancora Symptom of the Universe dei Sepultura? Ascoltando Frozen (e i brividi, fidatevi, vi verranno per davvero) rifatta dal combo si ha l'impressione o di trovarsi di fronte a dei ragazzini che hanno solo voglia di farsi notare e che per sbaglio suonano death metal, o di essere al cospetto di una combriccola di audaci provocatori. Considerate le capacità e il curriculum dei suddetti, sono incline alla seconda alternativa. Una ragione in più per essere obbiettivo e cercare di non fermarmi ad un singolo episodio, che magari in altre circostanza mi avrebbe portato a cestinare l'album senza troppe remissioni di peccati. Allora veniamo a Anshur-Za. Ma parallelamente voglio ancora ragionare con tutti voi. Quando un gruppo risulta originale? Quando mescola diversi elementi nella speranza di fare un mix giusto senza sapere il perchè, oppure quando consapevolmente crea nuove sonorità e nuovi spunti? Domanda retorica, osserverete. A conti fatti, quest'oggi i Thy Disease risultano essere contraddittori e non pienamente compiuti, nonostante siano giunti alla loro quinta fatica (è bene ripeterlo) e abbiano sul groppone un'esperienza di tutto rispetto. Sicuramente si distinguono nel panorama estremo polacco anche grazie all'innesto di elementi non propriamente comuni ai classici canoni est-europei: un uso davvero interessante del sinth, ma purtroppo anche una voce pulita mutevole e sovrapposta all'irruento growling, infarcendo i componimenti con ritornelli che, francamente, lasciano il tempo che trovano. C'è qualcosa di avvincente soprattutto quando premono il piede sull'acceleratore, e Collateral Damage ne è la riprova, ma ciò evidentemente non basta. Alle volte sembrano gli Ulver, altre i Depeche Mode, altre ancora ricordano gli Apollion Sun o Rob Zombie, altre addirittura i Placebo, con una base di metal che è un misto di Morbid Angel, Fear Factory e Korn, ma il death metal, pur con tutti i suoi distinguo e sperimentazioni, è a mio avviso tutt'altra cosa.

Parlo con il cuore in mano. Se intendete suonare musica incline ad influenze più "commerciali" siete liberi di farlo, ma evitate di spacciarla come un prodotto open-mind. Per concludere, a fronte di quanto espresso in passato, le capacità tecniche, e, non da meno, gli spunti interessanti ostentati, preferisco considerare questo Anshur-Za come un passo falso figlio di una passeggera crisi di identità. Le potenzialità per sviluppare un discorso musicale diverso, appassionante, estremo e singolare non mancano assolutamente: spero che le energie future vengano indirizzate a tal fine, recuperando la personalità evidentemente smarrita.

Oggi, Thy Disease, qual'è la vostra malattia? Che sia il death metal?



VOTO RECENSORE
45
VOTO LETTORI
30.36 su 25 voti [ VOTA]
Mika
Giovedì 29 Aprile 2010, 10.43.37
2
@cipmunk: il mio giudizio ha lo stesso valore del tuo; in effetti credo che questo sia un album che dividerà l' opinione pubblica. Io appartengo a quelli che non sono riusciti a digerirlo, anche perchè, come ho scritto, non mi sono piaciute alcune scelte che i Thy Disease hanno intrapreso, e per queste scelte ho maturato la mia recensione.
cipmunk
Giovedì 29 Aprile 2010, 2.14.15
1
mah !! senza entrare nel merito a quello ke possano o nn possano essere, a me è piaciuto.....sufficienza ampia .., nn son del parere ke l'album sia da stroncare così(Gustibus), 45 è realmente troppo poco....
INFORMAZIONI
2010
Mystic Production
Death
Tracklist
1. Blame
2. Fog Of War
3. Rotten Structure
4. Collateral Damage
5. Nightmare Scenario
6. Moral Supremacy
7. Freedom For Anshur-Za
8. Code Red
9. Generals' Speech
10. Salah-Dhin
11. Sinner In Me (Depeche Mode cover)
12. Frozen (Madonna cover)
Line Up
Michał "Psycho" Senajko (Vocals)
Dariusz "Yanuary" Styczeñ (Guitar/Bass)
Jakub "Cube" Kubica (Keyboards/Synthesizer)
Jakub "Cloud" Chmura (Drums)


Link & Contatti:
Thy Disease @Myspace
 
RECENSIONI
45
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]