Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Rikard Sjöblom`s Gungfly
Alone Together
Demo

Profanity (GER)
Fragments Of Solace
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

22/01/21
WARDRUNA
Kvitravn

22/01/21
JASON BIELER AND THE BARON VON BIELSKI ORCHESTRA
Songs for the Apocalypse

22/01/21
RED CAIN
Kindred - Act II

22/01/21
PHANTOM ELITE
Titanium

22/01/21
CONVICTION
Conviction

22/01/21
EKTOMORF
Reborn

22/01/21
ASPHYX
Necroceros

22/01/21
GRIMA
Rotten Garden

22/01/21
WIG WAM
Never Say Die

22/01/21
STEVE HACKETT
Under A Mediterranean Sky

CONCERTI

20/01/21
SHADOW OF INTENT + GUESTS
LEGEND CLUB - MILANO

06/02/21
MAGNUM + GUEST TBA (CANCELLATA)
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

11/02/21
VENOM INC. + GUESTS
TRAFFIC CLUB - ROMA

12/02/21
VENOM INC. + GUESTS
THE FACTORY - S. MARTINO BUON ALBERGO (VR)

13/02/21
VENOM INC. + GUESTS
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

17/02/21
IMONOLITH + TBA
BARRIO'S CAFE - MILANO

18/02/21
IMONOLITH + LOGICAL TERROR
MK LIVE - CARPI (MO)

19/02/21
THE DEAD DAISIES
LIVE CLUB - TREZZO SULL'ADDA (MI)

20/02/21
ANCIENT + GUESTS
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

21/02/21
TURMION KATILOT
LEGEND CLUB - MILANO

Sick Of It All - Based On A True Story
( 4334 letture )
Se la coerenza fosse quotata in borsa i Sick Of It All avrebbero la maggioranza del pacchetto azionario.

Da ventiquattro anni fedeli al messaggio, ai contenuti, all'immagine. Disco, tour, sudore e ancora disco, tour e sudore. Una carriera lunga che ne ha viste di ogni, che è passata attraverso mode, stili, ghetti e generazioni. Un suono figlio di uno stile che sfocia nell'immagine che ancora sopravvive. Una band che ha contribuito alla nascita dell'hardcore, che ha fomentato l'unione tra la cresta, il chiodo e il cappello da baseball. Un simbolo vivente di come il sudore di un vero sport praticato -l'hardcore- vinca contro l'ormonica pomposità di muscoli anabolizzati -il metalcore.

Storie di fratelli, coltelli, tirapugni, mosh, violent dancing, fratture e stage diving . Questo sono i Sick Of It All e questo rimangono. Cos'è Based On A True Story? E' l'essenza di questa band, come lo sono le opere precedenti. E' l'insieme delle definizioni che li hanno contraddistinti dalla nascita. Poco conta rilevare che la produzione sia stata affidata ad un boss del suono quale Tue Madsen e non deve ingannare il fatto che il nuovo album esca sotto l'egida di un'etichetta rinomata, Century Media Records. I Sick Of It All non deviano da quella che è la loro direzione naturale. Vanno dritti al punto, come hanno sempre fatto e come continueranno a fare. New York Hardcore, e basta. Sarà pur vero, in questo caso si strizza maggiormente l'occhio all'hardcore classico, rinunciando ai modernismi tanto in voga negli ultimi tempi, così come è onesto affermare che tale disco non è il migliore per il gruppo. Questa band ha però nelle corde la possibilità permessa a pochi. Quella che si sostanzia nell' essere sintomatica di riferimenti, continuati e continuativi, che contribuiscono ad identificarla già dalle note iniziali. Based On A True Story è un manifesto, l'unico modo che il gruppo ha per dire "volete suonare hardcore? Non siete nati a New York? No problem, ascoltate la nostra musica, vivete il nostro sound, rapportatelo alla vita di tutti i giorni e a quel che volete esprimere. Trasformate la rabbia in energia propulsiva. Il resto sarà conseguenza". Così come è conseguenza il seguito enorme che i Sick Of It All hanno costruito negli anni. Un esercito di adolescenti, uomini più o meno giovani, di ogni sesso, cultura, nazionalità che li seguono in ogni angolo remoto del globo terracqueo. Espressione sonora dell'art.3 della Costituzione Italiana? In senso lato. Coerenza? Al 100%. Divertimento? Garantito.

Calarsi nel dettaglio freddo di ogni singola canzone non serve a niente con album come questo e in particolar modo con band come quella di cui si parla. I Sick Of It All hanno realizzato un prodotto che farà la felicità di coloro che li hanno sempre amati, che continuerà a coniugare il verbo dell'Hardcore con l'H maiuscola. Chi detesta questo genere ancora una volta non vi troverà niente di interessante. Tutti gli altri avranno quattordici tracce con cui divertirsi, con cui vivere la loro personale trasposizione di Kerouac, magari all'interno di un ghetto (realtà urbanistica difficile che ahimè riguarda sempre più anche l'Europa Occidentale), di certo tra le proprie emozioni.

Basato su una storia vera, appunto. La colonna sonora di chi resiste, resiste e ancora resiste. In strada, nelle periferie, sotto il palco e non solo. Semplicemente Sick Of It All.

Lunga vita ai simboli.



VOTO RECENSORE
75
VOTO LETTORI
18.57 su 21 voti [ VOTA]
horrorifico
Martedì 4 Maggio 2010, 16.40.36
3
Ottimo album...ottima band.
Taaut
Domenica 2 Maggio 2010, 18.59.08
2
Death to Tyrants era decisamente superiore. Peccato.
hm is the law
Domenica 2 Maggio 2010, 17.41.45
1
Grande band mi procurerò il disco!
INFORMAZIONI
2010
Century Media Records
Hardcore
Tracklist
01. Death or Jail
02. The Divide
03. Dominated
04. A Month of Sundays
05. Braveheart
06. Bent Outta Shape
07. Lowest Common Denominator
08. Good Cop
09. Lifeline
10. Watch It Burn
11. Waiting for the Day
12. Long as She's Standing
13. Nobody Rules
14. Gone to Ground
Line Up
Lou Koller (Vocals)
Pete Koller (Guitars)
Craig Setari (Bass)
Armand Majidi (Drums)
 
RECENSIONI
s.v.
75
81
85
88
85
ARTICOLI
16/11/2010
Live Report
SICK OF IT ALL + MADBALL + STRENGHT APPROACH
Roma, Alpheus, 17/10/2010
09/02/2007
Live Report
SICK OF IT ALL + WALLS OF JERICHO + HATEBREEDERS + CRUSHING CASPARS
La data a Trezzo D'Adda
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]