Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Falconer
From a Dying Ember
Demo

Chaosaint
In the Name of
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

14/07/20
INISANS/SEPULCHRAL FROST
Death Fire Darkness

15/07/20
THE FUNERAL ORCHESTRA
Negative Evocation Rites

15/07/20
EISENKULT
...gedenken wir der Finsternis

16/07/20
NOCTEM AETERNUS
Landscape of Discord

17/07/20
LONELY ROBOT
Feelings Are Good

17/07/20
SERENE DARK
Enantiodromia

17/07/20
THYRANT
Katabasis

17/07/20
U.D.O.
We Are One

17/07/20
GUARDIAN OF LIGHTNING
Cosmos Tree

17/07/20
MEAN STREAK
Eye of the Storm

CONCERTI

17/07/20
GIACOMO VOLI + EMPATHICA
THE FACTORY - S. MARTINO BUON ALBERGO (VR)

23/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

24/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

25/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

26/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

29/07/20
DROPKICK MURPHYS
FESTIVAL DI MAJANO - MAJANO (UD)

07/08/20
KORPIKLAANI
MONTELAGO CELTIC FESTIVAL - SERRAVALLE (MC)

07/08/20
SUMMER METAL 2020
LONCA DI CODROIPO (UD)

08/08/20
SUMMER METAL 2020
LONCA DI CODROIPO (UD)

09/08/20
SUMMER METAL 2020
LONCA DI CODROIPO (UD)

Dare - Beneath the Shining Water
( 5382 letture )
I Dare, creatura magica e sconosciuta ai più, ma con un passato di tutto rispetto. I Dare, la band che per rapporto qualità/popolarità è finita nel novero dei gruppi più sottovalutati di sempre. I Dare, ricordati da molti per il solo fatto che il mainman Darren Wharton fu tastierista e uno dei perni su cui si appoggiarono gli ultimi Thin Lizzy prima della scomparsa di Lynott.
Tutto ciò (e molto altro) per una band che, pur ripercorrendo strade ampiamente battute come quelle del melodic rock, ha saputo innovarsi e conservare una fortissima personalità lungo gli anni, dai primi dischi più hard-oriented, sino al penultimo Belief (2001), disco sorprendente, che abbandonò per buona parte l'hard rock degli esordi in favore di atmosfere più rarefatte e oniriche, contaminato com'era dalla musica celtica del Nord Europa.
Questo nuovo Beneath the Shining Water non fa altro che portare ancora più in là queste atmosfere da sogno, che riecheggiano la purezza delle montagne, dei fiumi e dei laghi, delle foreste e delle immense distese di acqua, perfetto come una sfera e dannatamente coinvolgente e immediato.
La semplicità delle composizioni è il vero punto di forza di uno degli album meglio arrangiati degli ultimi anni, nel quale ogni cosa sembra incastrarsi alla perfezione, dall'inizio sognante dell'opener Sea of Roses, alle melodie senza tempo di Last Train passando per il refrain della title-track, indimenticabile anche dopo un solo ascolto.
Esaltante la prova al microfono di Wharton, con il suo tipico tono quasi smorzato e tenue, che mette alla prova le sue doti emotive piuttosto che quelle vocali, caratterizzandosi in questo modo come uno dei singer più originali di tutto il panorama melodic-rock. Per un disco come questo non si può certo parlare di tecnica o di complessi intrecci strumentali, pur trattandosi in ogni caso di un album ottimamente suonato e curato fin nei minimi dettagli, con una produzione decisamente azzeccata, piena e corposa, ma anche dolce e tenue nei momenti opportuni.
Come non apprezzare inoltre l'uso di strumenti e stacchi anticonvenzionali, fortemente debitori nei confronti delle tradizioni centenarie del folk britannico? Tutto sembra fatto apposta per riportare in musica la meraviglia delle bianche scogliere di Dover, uno dei posti più incantevoli del mondo, dove si possono osservare alcuni tra i migliori tramonti del pianeta e ritrovare l'armonia con il paesaggio.
Sia chiaro comunque che di metal o hard rock non vi è nulla in Beneath the Shining Water. Se proprio vogliamo etichettarlo, potrebbe essere un album di pop colto, il perfetto esempio di un radio-album anni '80, pieno di potenziali hit d'annata e di ballad senza tempo, di quelle considerate ormai "vintage", ma sempre incommensurabilmente superiori a ciò che ci viene propinato dai mass-media oggigiorno. Ma si sa bene come funziona il mondo della musica in questi anni, ed è chiaro che un disco come questo non potrà mai trovare spazio in un mondo dominato da suoni finti, melodie idiote e tette a profusione.
Qua si respira solamente l'immensa classe di quattro musicisti (su tutti Darren e Andrew Moore, giovane e talentuoso chitarrista dal cognome scomodo) che fanno della passione e delle emozioni l'unica ragione per la quale valga la pena di proseguire su questa difficile strada. E, se i risultati sono questi, come si può non mostrare loro tutta la nostra stima?



VOTO RECENSORE
90
VOTO LETTORI
53.33 su 57 voti [ VOTA]
jaw
Venerdì 23 Febbraio 2018, 22.06.27
4
Band inimitabile, per me sono tutti validi ed un discorso a parte per blood from Stone perche' seppur valido e' un disco che sposta il tiro sull hard usa che non e' il loro genere. Il primo comunque rimane inarrivabile, Darren era grande gia' nei thin lizzy, si sente la sua mano, ed è in renegade che getta le basi, avete mai sentito la title track? Fa a pezzi molti singoli dei Dire
dab
Giovedì 23 Giugno 2016, 22.37.11
3
quando ascolto i dare mi faccio molte domande sul mondo della musica: ad esempio: come mai non si sente mai un loro pezzo alla radio? eppure tali pezzi (eccezionali) spiazzerebbero molte mediocri pezzi pseudo melodici di oggi. non capisco proprio.
Rob Fleming
Domenica 17 Gennaio 2016, 17.04.39
2
Confermo. Hanno scritto solo album bellissimi (Belief, poi, è pura magia). Una sola domanda. Quand'è che il mondo scoprirà la voce di Wharton? Anzi due: ma 40 persone che bocciano senza pietà l'album conoscono almeno il gruppo? Ne dubito
lux chaos
Domenica 2 Settembre 2012, 14.23.20
1
grandissimo gruppo, ritengo i primi 3 album dei capolavori assoluti...la voce di darren poi è una cosa di un intensità emotiva pazzesca...grandi
INFORMAZIONI
2004
MTM Records
Rock
Tracklist
1. Sea Of Roses
2. Days Gone By
3. Silent Hills
4. Beneath The Shining Water
5. The Battles That You've Won
6. Allowed To Fall
7. I'll Be With You
8. Where Darkness Ends
9. Storm Wind
10. Last Train
Line Up
Darren Wharton (vocals)
Andrew Moore (guitar)
Gavin Mart (drums)
Richard Dews (guitar)
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]