Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Nile
Vile Nilotic Rites
Demo

Prysma
Closer To Utopia
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

17/12/19
HAXANDRAOK
KI SI KIL UD DA KAR RA

19/12/19
DAEMONIAC
Dwellers of Apocalypse

20/12/19
NEUROSPHERE
Anthem of the Lost - part I Nightwars

20/12/19
SUN OF THE ENDLESS NIGHT
Symbols of Hate and Deceitful Faith

20/12/19
EMBRYO
Misguided Legacy

24/12/19
THE BASTARD WITHIN
Better Dead Than Friends

27/12/19
CIANIDE
Unhumanized (EP)

09/01/20
WAR DOGS
Die By My Sword

10/01/20
RAGE
WIngs Of Rage

10/01/20
UNHERZ
Mainstream

CONCERTI

14/12/19
JINJER + GUESTS (SOLD OUT!)
MAGAZZINI GENERALI - MILANO

14/12/19
KNOCKED LOOSE + GUESTS
CS RIVOLTA - MARGHERA (VE)

14/12/19
LEAVES` EYES + SIRENIA + FOREVER STILL + GUESTS
REVOLVER - SAN DONA DI PIAVE (VE)

14/12/19
FOLKSTONE
DRUSO - RANICA (BG)

14/12/19
SAIL AWAY + ALLUME
ROCK HEAT - AREZZO

15/12/19
LEAVES` EYES + SIRENIA + FOREVER STILL + GUESTS
DAGDA LIVE CLUB - RETORBIDO (PV)

15/12/19
FOLKSTONE
DRUSO - RANICA (BG)

17/12/19
THE TREAD MANICS + GUESTS
KILLJOY - ROMA

18/12/19
SPECTRAL VOICE + EKPYROSIS
CIRCOLO SVOLTA - MILANO

19/12/19
BENEDICTION + DISTRUZIONE + BLOODSHED + NECROFILI
TRAFFIC CLUB - ROMA

Swallow The Sun - The Morning Never Came
( 6497 letture )
E' con grande ritardo che mi accingo a recensire il primo album dei finnici Swallow The Sun, ma come si suol dire, non tutti i mali vengono per nuocere. Il lungo tempo trascorso ad ascoltare il cd, infatti, mi ha permesso di capire che il gruppo ha sì talento e tutto il necessario per un glorioso futuro, ma anche questa volta non abbiamo fra le mani il capolavoro, e cioè quell'ottimo full-length, che invece tale The Morning Never Came pare essere durante i primi ascolti d'avvicinamento all'opera.
Ma andiamo con ordine: gli Swallow The Sun si formano inizialmente come side-project a cui partecipano membri provenienti da formazioni abbastanza sconosciute dell'underground finnico.
Con l'ingresso di M.Kotamaki dai Funeris Nocturnum nel ruolo di vocalist, gli ormai completi Swallow The Sun pubblicano il loro primo lavoro, il demo Out Of This Gloomy Light, datato 2003.
Il full-length non si fa tuttavia aspettare troppo, e a un anno di distanza esce infatti il qui presente The Morning Never Came, contenente comunque le quattro canzoni edite del primo demo in forma riarrangiata. Il suono degli Swallow The Sun è passibile di essere circoscritto in quell'ambito del doom/death tanto in voga ultimamente, specie nell'ambito del roster Firebox. Il vocione catacombale è ben presente e si esprime sempre in maniera egregia, la sezione ritmica alterna passaggi ultrarallentati ad accelerazioni degne dei primi My Dying Bride, mentre i testi sono tuttavia l'ormai tipico minestrone di clichè del genere, tra amore e morte, donne morte che appaiono, e donne vive che non la danno.
Complessivamente il punto a favore dei finlandesi, ed in effetti ciò che permette loro di elevarsi un pochetto da quello stagno dal quale spuntano come funghi gruppi senza capo nè coda, è il gustoso "tocco gotico" del loro impasto musicale. In primis, si notino le superbe clean vocals, le quali spuntano nella seconda parte del platter e aiutano a stemperare, in un clima orgasmicamente onirico, la tensione accumulatasi nell'ascolto delle tracce precedenti (Silence Of The Womb, Out of This Gloomy Light); in secondo luogo merita menzione anche l'ottimo lavoro delle tastiere, le quali donano molto all'atmosfera dei brani pur senza dimostrarsi invadenti (degna di menzione l'intro pianistica dell'opener Through Her Silvery Body, che anticipa il tema del riffing portante della traccia); ma soprattutto eleva la proposta artistica degli Swallow The Sun la particolare attenzione riposta nella melodia-tipo, sempre curatissima, che rifugge l'oscurità stereotipata di molte band del genere, abbracciando un easy-listening di stampo più gothic, sulla scia di quanto fatto sentire anni fa dai geniali Saturnus.
Il problema maggiore tuttavia, come si ricordava all'inizio, emerge con l'aumentare delle sessioni d'ascolto; in tal senso, infatti, si giunge a notare come il lavoro di riffing del gruppo, che tanto aveva stupito e tanto era entrato in testa nei primi ascolti grazie all'estrema fruibilità, è poco più che un ricamo fine a sé stesso, che non aggiunge nulla di veramente valido al disco, se non una gran dose di ruffianeria. Di conseguenza, messo da parte questo fattore freschezza-melodia in ambiti solitamente estranei, ecco che quel che resta di The Morning Never Came è un'anima solamente discreta, con gravi pecche di scrittura della musica (come non citare l'eccessivo riproporsi dello stesso schema-canzone per tutte e otto le tracce), ma comunque piacevoli spunti.
Se sapranno imparare dai propri errori, levigare i difetti, e sviluppare maggiormente quanto di buono fatto, è sicuro che gli Swallow The Sun sapranno regalare grandi soddisfazioni, ma per il momento la loro proposta artistica vale solo una tranquilla, ma meritata sufficienza, e nulla più.



VOTO RECENSORE
65
VOTO LETTORI
45.35 su 54 voti [ VOTA]
Lyuk
Mercoledì 24 Aprile 2019, 8.45.06
8
Disco bello ma, almeno secondo me, ancora acerbo
frankio
Giovedì 24 Gennaio 2019, 10.18.42
7
Album fantastico, recensione da rifare , voto 94
d.r.i.
Martedì 1 Gennaio 2019, 22.44.00
6
Diego capisco che la recensione sia vecchia ma indipendentemente dalla data è cannata in toto
Er Trucido
Giovedì 16 Agosto 2018, 10.40.05
5
Sta recensione è talmente vecchia da averci la muffa, dai. Prima o poi ce ne occuperemo, cercate di capirci.
Punto Omega
Giovedì 16 Agosto 2018, 10.38.09
4
La recensione andrebbe effettivamente rifatta. Questo è ormai universalmente considerato come uno dei capolavori di Gothic/Doom e la recensione è oggi utile solo per farsi due risate...
Diego
Giovedì 16 Agosto 2018, 9.49.08
3
ma lo avete ascoltato bene???? un ascolto non basta come tutta la discografia degli swallow. quest'album è intenso...è davvero bello ed è suonato bene! per me 90!
DP
Lunedì 1 Gennaio 2018, 20.48.30
2
65 ? Mah.....Voto lettori 40.63? VI DROGATE, non è il vostro genere? Ascoltate i MERDALLICA
Red Rainbow
Mercoledì 25 Gennaio 2012, 16.49.08
1
Letteralmente piegato in due per il "donne vive che non la danno" come musa ispiratrice dei testi , ma non posso sottoscrivere il voto..... Grande album di un grandissimo gruppo che, come poneva in forma dubitativa la rece in chiusura, "ha saputo toglierci grandi soddisfazioni"....
INFORMAZIONI
2004
Firebox
Doom
Tracklist
01. Through Her Silvery Body
02. Deadly Nightshade
03. Out of This Gloomy Light
04. Swallow
05. Silence of the Womb
06. Hold this Woe
07. Under the Waves
08. The Morning Never Came
Line Up
Mikko Kotamäki (Voce)
Markus Jämsen (Chitarre)
Juha Raivio (Chitarre)
Aleksi Munter (Tastiere)
Matti Honkonen (Basso)
Pasi Pasanen (Batteria)
 
RECENSIONI
s.v.
80
78
88
90
78
85
82
65
ARTICOLI
15/12/2015
Live Report
SWALLOW THE SUN + WOLFHEART + ADIMIRON
Circolo Colony, Brescia (BS) - 10/12/2015
11/12/2015
Intervista
SWALLOW THE SUN
Answers from the North
29/10/2013
Live Report
SWALLOW THE SUN + ANTIMATTER + THE FORESHADOWING + TETHRA
Rock'n Roll Arena, Romagnano Sesia (NO), 26/10/2013
18/11/2012
Live Report
MOONSPELL + PAIN + SWALLOW THE SUN + LAKE OF TEARS + SCAR OF THE SUN
Estragon, Bologna, 15/11/2012
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]