Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Long Distance Calling
How Do We Want to Live?
Demo

Mordred
Volition
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

22/09/20
OSSUARY ANEX
Obscurantism Apogee

23/09/20
MYSTHICON
Silva-Oculis-Corvi

25/09/20
SKALMOLD
10 Year Anniversary - Live in Reykjavik

25/09/20
NASTY
Menace

25/09/20
HATEFUL
Set Forever on Me

25/09/20
THE OCEAN
Phanerozoic II: Mesozoic | Cenozoic

25/09/20
MORTA SKULD
Suffer for Nothing

25/09/20
BLOODRED
The Raven/s Shadow

25/09/20
SCORGED
Scorged

25/09/20
KATAKLYSM
Unconquered

CONCERTI

20/09/20
HARDCORE THE SUNDAY FEST
CIRCOLO ARCI MU - PARMA

23/09/20
STEVEN WILSON (ANNULLATO)
MEDIOLANUM FORUM - ASSAGO (MI)

26/09/20
STAY STEEL FEST
SKULLS CLUB - SERRAVALLE (SAN MARINO)

27/09/20
VISIONS OF ATLANTIS + YE BANISHED PRIVATEERS + AD INFINITUM
LEGEND CLUB - MILANO

29/09/20
WITHIN TEMPTATION + EVANESCENCE
MEDIOLANUM FORUM - ASSAGO (MI)

03/10/20
PAGAN FEST
LAGHI MARGONARA - GONZAGA (MN)

03/10/20
SKELETOON
LEGEND CLUB - MILANO

08/10/20
HOUR OF PENANCE + GUEST TBA
TRAFFIC CLUB - ROMA

08/10/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
TEATRO CELEBRAZIONI - BOLOGNA

09/10/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
GRAN TEATRO GEOX - PADOVA

Yes - The Yes Album
( 8070 letture )
La parabola degli Yes inizia a Londra nel 1968 eccellendo nell’eseguire cover di altri gruppi modificandole, però, in modo da renderle più lunghe e complesse.
Dopo aver realizzato due discreti album (Yes e Time And A Word), la line up originaria cambia grazie all’innesto del fantasioso chitarrista Steve Howe in sostituzione del più convenzionale Peter Banks: la band diventerà soprattutto grazie a lui una delle più importanti del movimento rock progressivo degli anni settanta.
La nuova formazione pubblicherà nel marzo del 1971 The Yes Album, prodotto unitamente a Eddie Offord (famoso per aver lavorato anche con gli Emerson Lake & Palmer), che rappresenta uno dei vertici assoluti della loro produzione e vero e proprio punto di riferimento di tanti gruppi dediti al progressive rock.
Il talento di Howe trasformerà radicalmente il songwriting degli Yes in quanto le composizioni diventeranno molto più articolate (non mancano, ad esempio, palesi riferimenti alla musica classica) e porranno in costante evidenza l’eccezionale virtuosismo dei singoli componenti. In tal senso è giusto parlare degli Yes definendolo un vero e proprio supergruppo.
I brani presenti su questo disco verranno eseguiti a lungo nelle esibizioni dal vivo a testimonianza della loro bellezza che permane tutt’oggi immutata a distanza di quasi quarant’anni.

La cover piuttosto lugubre contrasta con la cristallina armonia del platter che include quattro lunghe composizioni da annoverare, in particolare la stratosferica Yours Is No Disgrace, tra i classici del gruppo e due brevi giudicate sovente meno importanti (anche se l’acustica The Clap, pur essendo avulsa dal contesto strutturale dell’album, è una vera e propria perla country/ragtime di Howe, dedicata al figlio di Dylan, qui registrata dal vivo al The Lyceum di Londra il 17 luglio 1970).
Le tracks sono dinamiche passando da linee suadenti e melodiche a parti più sostenute dove gli eccezionali componenti della band danno sfoggio della loro incommensurabile tecnica; il versatile vocalism quasi fanciullesco di Jon Anderson ha il potere di soggiogare l’ascoltatore, mentre le lunghe cavalcate strumentali si dipanano ponendo in particolare evidenza il fraseggio chitarristico di Steve Howe: i suoni prodotti dalla sua sei corde (la preferita è la Gibson ES-175) sono avvolgenti e corposi diversi da quelli proposti da tanti altri perché più ricercati; le sue escursioni quasi jazzistiche vestono le song di arricchimenti barocchi tracciando i prodromi per le lunghe suite divise in più movimenti che saranno sviluppate più significativamente nei full lenght successivi.
Assolutamente epico l’assolo di chitarra contenuto in Würm -composta originariamente da Howe quando militava nei Bodast- facente parte di Starship Trooper.
I've Seen All Good People ha anche venature quasi folk ed è un brano che ho sempre amato molto gioioso e solare.

Taluni critici sostengono che The Yes Album non sia il capolavoro della band nella considerazione che con il tastierista Rick Wakeman (prenderà il posto di Tony Kaye a partire dal quarto album intitolato Fragile) la musica degli Yes raggiungerà la piena maturazione stilistica.
Sono stato sempre di diverso avviso perché i lavori seguenti peccheranno talvolta di eccessiva ridondanza a danno di un’opportuna immediatezza ed omogeneità che è ben riscontrabile e gradita in questo fenomenale disco.



VOTO RECENSORE
95
VOTO LETTORI
78.40 su 104 voti [ VOTA]
Luka2112
Sabato 15 Agosto 2020, 23.30.25
12
Un ottimo album da parte di una band straordinaria e creativa, ai tempi nemmeno si usava dividere i gruppi in categorie o generi, comunque sono del parere ( personale) che qui manca ancora Wakeman per definire il suono che raggiungerà il suo apice con Close to the edge.
cowboy big 80
Domenica 29 Dicembre 2019, 0.25.42
11
saro' come Raven ma e' cosi', mood prima degli Who, che non sono mai stati prog e neanche punk. E' scontato che chi non ha mai ascolltato questo capoavoro, domani si ascolta uma merda
Squire
Sabato 28 Settembre 2019, 10.21.38
10
Vado controcorrente. Questo "The Yes Album" è un disco ottimo ma senza acuti. Mi pare che stilisticamente (come viene fatto notare nella recensione) gli yes troveranno la definitiva quadra nel successivo Fragile. Per quanto mi riguarda la perfezione verrà raggiunta solo con Close to the Edge, un punto di riferimento non solo per la band ma per il genere intero. Tecnico, maestoso, compatto e cosa rara, senza una nota fuori posto.
Aceshigh
Sabato 26 Maggio 2018, 13.08.13
9
Album straordinario! Un milligrammo sotto Fragile e Close to the Edge, album che meritano il 100 pieno. The Yes Album è comunque un capolavoro imprescindibile, una vera e propria pietra miliare. Dagli arpeggi di Yours is no Disgrace, a Starship Trooper col suo memorabile crescendo finale, alla delicata e solare I've Seen Good People (da brividi l'ingresso dell'organo alla fine di Your Move) fino al divertentissimo strumentale The Clap (sì, questo è decisamente l'album di Steve Howe!)... è tutto un susseguirsi di momenti scolpiti nella storia del rock. Concordo comunque con quello che scrive qui sotto JoeFalco: a prescindere da chi c'era in formazione e da cambiamenti stilistici gli Yes hanno sempre sfornato musica di gran livello. The Yes Album comunque è tra gli imprescindibili della band. Voto 95
joe falco
Martedì 10 Maggio 2016, 0.28.34
8
A me sembra che tutte le formazioni degli Yes hanno sfornato lavori belli o bellissimi o straordinari . Cioè sempre a livelli elevati. Anche qui avverti una capacità di stupire con la bravura di ognuno. Se lo ascolti per la prima volta fatichi a credere che sia del '71. Erano talmente tagliati per il genere appena nato che ne diventeranno una pietra angolare. Si fanno apprezzare da chi era in cerca di aria nuova, lontana dai 4 di Liverpool o dalle Pietre Rotolanti. Essere se stessi ed avere successo non si improvvisava : o eri super o la noia del coverista ti sommergeva. Io voto 94,con riconoscenza per la spinta innovativa.
DarkSide
Mercoledì 25 Giugno 2014, 12.31.40
7
Inizia qui lo splendido trittico degli Yes: non è al livello di Fragile e Close to The Edge ma rimane un album ottimo. Voto 80-85.
Sveva
Mercoledì 25 Aprile 2012, 13.01.04
6
Very good!
Agesofrock
Lunedì 19 Dicembre 2011, 10.18.48
5
Di qui comincia la grandezza della band, primo di alcuni episodi leggendari !
AL
Giovedì 14 Aprile 2011, 20.15.12
4
ottimo album veramente...
Broken Dream
Mercoledì 5 Maggio 2010, 12.06.58
3
Disco che rappresenta le Fondamenta del progressive rock
Ghenes
Mercoledì 5 Maggio 2010, 10.51.51
2
...come dici tu disco fenomenale anche se poi con il passare del tempo le loro composizioni (perchè canzoni non sono) sono diventate troppo elaborate anche per chi come me il prog lo apprezzava molto.
Raven
Mercoledì 5 Maggio 2010, 8.54.03
1
Sarò scontato, ma......album da avere.
INFORMAZIONI
1971
Atlantic Records
Prog Rock
Tracklist
1. Yours Is No Disgrace
2. The Clap
3. Starship Trooper
a. Life Seeker
b. Disillusion
c. Würm
4. I've Seen All Good People
a. Your Move
b. All Good People
5. A Venture
6. Perpetual Change
Line Up
Jon Anderson (voce, percussioni)
Chris Squire (basso, seconde voci)
Steve Howe (chitarra elettrica e acustica, vachalia, seconde voci)
Tony Kaye (piano, organo, moog)
Bill Bruford (batteria, percussioni)
 
RECENSIONI
87
85
80
80
94
95
94
ARTICOLI
09/01/2018
Intervista
LEAVES` EYES
Di saghe vichinghe e cambiamenti
18/04/2017
Intervista
THE 69 EYES
Come il mercurio
02/03/2017
Live Report
BELZEBONG + SONIC WOLVES + THREE EYES LEFT
Alchemica Music Club, Bologna, 25/02/1017
25/06/2013
Live Report
NERVE + NO MAN EYES
L'Angelo Azzurro Club, Genova, 21/06/2013
01/12/2012
Intervista
THE 69 EYES
È solo il decimo disco con dieci brani!
12/03/2012
Live Report
WINO & CONNY OCHS + THREE EYES LEFT + MONUMENTAL
Lo-Fi, Milano, 09/03/2012
09/04/2011
Live Report
EYES SET TO KILL + VANNA + STRAY FROM THE PATH
Init Club, Roma, 03/04/2011
10/11/2009
Live Report
LEAVES` EYES
Lo show di Triora
27/12/06
Intervista
CRYSTAL EYES
Parla Mikael Dahl
10/03/2005
Live Report
69 EYES
Indian Saloon, MIlano, 25/02/2005
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]