Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Iamthemorning
The Bell
Demo

Break Me Down
The Pond
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

24/10/19
PLATEAU SIGMA
Symbols - The Sleeping Harmony of the World Below

25/10/19
CLOAK
The Burning Dawn

25/10/19
VISION DIVINE
When All Heroes Are Dead

25/10/19
LEPROUS
Pitfalls

25/10/19
RINGS OF SATURN
Gidim

25/10/19
NOVERIA
Aequilibrium

25/10/19
MELTDOWN (NOR)
Deadringer

25/10/19
DAWN RAY`D
Behold Sedition Plainsong

25/10/19
EDELLOM
Sirens

25/10/19
STEVE HACKETT
Genesis Revisited Band & Orchestra: Live at the Royal Festival Hal

CONCERTI

25/10/19
MACHINE HEAD
LIVE CLUB - TREZZO SULL'ADDA (MI)

25/10/19
INTER ARMA
LIGERA - MILANO

25/10/19
ARBORES AUTUMNALES FESTIVAL
GRIND HOUSE CLUB - PADOVA

25/10/19
FOLKSTONE
VIPER THEATRE - FIRENZE

25/10/19
HELLRETIC + BRVMAK
500CAFFE' - PIEDIMONTE S. GERMANO (FR)

26/10/19
DESTROYER 666 + ABIGAIL + DEAD CONGREGATION + GUESTS
MU CLUB - PARMA

26/10/19
MACHINE HEAD
HALL - PADOVA

26/10/19
INTER ARMA
FREAKOUT - BOLOGNA

26/10/19
SOUL SELLER + GUESTS
DEDOLOR MUSIC HEADQUARTER - ROVELLASCA (CO)

26/10/19
CRISALIDE + INNERLOAD + PERPETUAL FATE
KRACH CLUB - MONASTIER (TV)

Spit Like This - We Won’t Hurt You (But We Won’t Go Away)
( 1965 letture )
E’ con una certa curiosità che mi sono avvicinato a questo gruppo che non conoscevo, ciò perché dopo aver raccolto in rete quante più informazioni possibile sul loro conto e dopo essermi imbattuto in più di una recensione entusiasta sia sulla stampa estera che su quella nazionale, mi ero fatto l’idea di una band in grado di rinverdire la grande tradizione Sleazy/Glam che tanti eccellenti dischi ci ha regalato in passato.

Probabilmente però le mie aspettative sono risultate troppo alte rispetto a quanto gli Spit Like This sono effettivamente in grado di offrire, perché al di là di una discreta carica concettuale malata, di un certo apprezzabile humor di fondo, di qualche testo noir e spinto e di qualche buon riff sparso qua e là, nulla di quanto contenuto all’interno di We Won't Hurt You (But We Won't Go Away) può essere considerato di particolare rilievo, essendo già stato sentito in tutte le salse perlomeno dai tempi del primo Alice Cooper fino alle Glam-Metal band degli anni 80, passando per il Rocky Horror Picture Show -cui la band si rifà palesemente- e per i Sex Pistols, mischiando il tutto con una forte attitudine Pop ed arrivando infine a Marylin Manson, e quest’ultimo riferimento per conto mio non è esattamente lusinghiero.
Da non tralasciare qualche tinta Dark-Wave che impreziosisce il tutto, seppur in maniera molto relativa.

La band capitanata e fondata dal duo Lord Zion/Vikki Spit ha fatto una certa gavetta, e non si può dire che non si sia data da fare per arrivare ad incidere un album contenente delle cose anche interessanti a patto che vi interessi solo qualcosa di divertente e trasgressivo, (anche se i riferimenti che ho dato in precedenza indicano come questa trasgressione di tipo simil-Fetish sia ripetutamente Dejà Vu), e senza particolari sovrastrutture musicali come l’opener Sex, Drugs & Heavy Metal , in possesso di un riff abbastanza riuscito nella sua semplicità, e la seguente Heart Thief, mid-time tutto sommato non disprezzabile.
Per ciò che concerne il resto le tinte nerastre di Dead Girl Walking non sono male, e se il “già sentito” affiora continuamente non riesco ad identificare con chiarezza un pezzo in particolare che gli somigli, e questo è forse il massimo che si può chiedere in questo ambito.
Anche Coming After You fa la sua parte, imprimendo una certa accelerazione in un momento in cui il Cd sembrava attraversare un momento di pericoloso ed eccessivo rilassamento. Dignitosa Pussywhipped, non fosse altro che per il titolo, merito che condivide con Sleazy Sells... but Who’s Buying?, una citazione questa più che evidente.
Accettabile, se non proprio congrua, pare anche la presenza della cover di Sweet Transvestite tratta proprio dal Rocky Horror Picture Show e quella del divertente video di Sex, Drugs & Heavy Metal, ma i meriti del Cd si esauriscono sostanzialmente qui.

Troppo leggero e poppeggiante il resto per lasciare il segno, tanto che probabilmente questo We Won't Hurt You (But We Won't Go Away) è più indicato per un pubblico generalista finto-rock che per quello effettivamente dedito alla scena Sleazy/Glam, assolutamente da evitare poi per gli amanti delle atmosfere realmente pesanti.
Pezzi come Trust Your Instinct, Act Of God e praticamente tutti gli altri sono semplicemente impalpabili, troppo leggeri e scontati per incidere in qualsiasi maniera.
Credo che il modo migliore per fruire di We Won't Hurt You (But We Won't Go Away) ed in generale degli Spit Like This sia quello di metterli di sottofondo ad un party, mentre si è in un locale, mentre si viaggia e/o si discorre con qualcuno, possibilmente di argomenti correlati al sesso ed affini, addirittura mentre si vede uno di quei filmetti che scaricate in continuazione rischiando la conseguente cecità e gli improperi dei genitori sconvolti laddove minorenni, o di ascoltare i pezzi in sede live dove –suppongo- la carica della band dovrebbe coinvolgervi maggiormente, ma se si è alla ricerca di qualcosa di articolato e musicalmente serio, è altrove che dovete rivolgervi.



VOTO RECENSORE
59
VOTO LETTORI
15.69 su 23 voti [ VOTA]
INFORMAZIONI
2010
GMR
Glam Rock
Tracklist
Sex, Drugs & Heavy Metal
Heart Thief
Trust Your Instincts
Young, Dumb And Full Of Fun
Dead Girl Walking
Down On You
Pussywhipped
Hunt You Down
Act Of God
Coming After You
Top Of The World
Sleaze Sells… But Who’s Buying?
Trick Or Mistreat
Sweet Transvestite - from “The Rocky Horror Picture Show"
Sex, Drugs & Heavy Metal - Video


Line Up
Lord Zion - Vocals
Vikki Spit - Bass, B. Vocals
Vile Gilez - Drums
Rob Riot - Guitar
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]