Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Esoteric
A Pyrrhic Existence
Demo

Prysma
Closer To Utopia
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

07/12/19
CARONTE
Wolves of Thelema

11/12/19
THE RIVER
Vessels into White Tides

12/12/19
ALASTOR
Šumava

13/12/19
ARKONA (PL)
Age Of Capricorn

13/12/19
HORRIFIED
Sentinel

13/12/19
VOLTUMNA
Ciclope

13/12/19
SATYRICON
Rebel Extravaganza (rimasterizzato)

13/12/19
MOSAIC
Secret Ambrosian Fire

13/12/19
COMANDO PRAETORIO
Ignee Sacertà Ctonie

13/12/19
EREGION
Age Of Heroes

CONCERTI

07/12/19
AGENT STEEL + CRISALIDE + INNERLOAD
CENTRALE ROCK PUB - ERBA (CO)

07/12/19
NAZARETH
LEGEND CLUB - MILANO

07/12/19
KADINJA + GUESTS
LA TENDA - MODENA

07/12/19
SCALA MERCALLI
BANDIT BIKERS PUB - PARMA

07/12/19
JUGGERNAUT + SUDOKU KILLER
NUOVO CINEMA PALAZZO - ROMA

07/12/19
ESSENZA + GUESTS
GALTOR CAFFE' - MORROVALLE (MC)

07/12/19
ANTIDEMON + GUESTS
CASTELLO INCANTATO - SCIACCA (AG)

07/12/19
WRETCHED CONCEPTION FEST
STELLA NERA - MODENA

07/12/19
JUMPSCARE + ASPHALTATOR
EQUINOX PUB - VEROLI (FR)

07/12/19
NATIONAL SUICIDE + GUESTS
GRIND HOUSE CLUB - PADOVA

W.A.S.P. - W.A.S.P.
( 9296 letture )
W.A.S.P.= Eccesso = Blackie Lawless. Questa l’equazione vincente di una band che non ha pari: o si ama o si odia, senza nessuna soluzione mediana. Un’incarnazione assoluta del super capo Blackie Lawless che ha sempre gestito il quartetto come roba propria: principale compositore, leader concettuale, cantante, bassista, chitarrista, polistrumentista. Blackie è i W.A.S.P., i W.A.S.P. sono Blackie!
Steven Duren, il suo vero nome, nasce il 4 Settembre del 1956 a N.Y, vive e cresce a Staten Island, e proprio lì conosce un giovanissimo Ace Frehley, con il quale diventa compagno di bisbocce. Immaginatevi due caratterini come quelli messi insieme, azz…!!!. Steve, a 14 anni, a seguito di svariate risse è internato in un collegio militare perché acquisisca disciplina e infatti dopo poco viene cacciato perché non trova di meglio che pestare di brutto un sergente maggiore. Dopo numerose “ragazzate” Blackie si dedica alla musica ed entra nel circuito underground e proprio la musica, a suo dire, gli ha salvato la vita. Suona la chitarra in tanti gruppuscoli, poi fonda nel ‘76 i Sister, vera incarnazione pre-W.A.S.P., dove incontra Randy Piper (chitarrista): in quella formazione militò, per breve tempo, anche Nikki Sixx, bassista e mente degli immensi Mötley Crüe. Dopo qualche tempo i Circus Circus rimpiazzano i Sister, precisamente negli anni dal ‘79 al ‘81, periodo durante il quale Lawless era anche impegnato coi London, altra heavy metal band che aveva contribuito a fondare già nel 1978. Gli W.A.S.P. vengono alla luce nel 1982 a Los Angeles, ovviamente da una idea di Blackie coadiuvato dal fido Randy Piper, un binomio che fece gavetta insieme in varie band. Cominciano subito a suonare live con un atteggiamento oltraggioso, trovate sceniche d’effetto e un mix musicale di heavy e spuntoni d’acciaio. In breve tempo riempiono i locali e si creano una fama altisonante, lavorando su un look già buonissimo. Il mitologico Troubador, sul Sunset Strip di L.A., li ospita più volte e proprio lì si reca a vederli il manager degli Iron Maiden, Rod Smallwood, il quale viene colpito profondamente da quei quattro pazzi sullo stage. Li prende sotto la sua ala protettrice, li fa firmare per la Capitol Records e nei primi mesi del ‘84 la band entra in studio per dare fiato alla violenza sonora da intrappolare sui solchi del loro debut album. In precedenza avevano pubblicato ben 4 demo, il primo di questi prodotto da Ace Frehley nell'autunno del 1982, poco prima di lasciare i KISS. Nel 1984, dopo alcuni mesi di lavoro al mixer, esce l'omonimo W.A.S.P. e diviene da subito un grande successo.

Il primo singolo tratto è il brano Animal (Fuck Like a Beast), che viene immediatamente censurato dal P.M.R.C. a causa dei suoi contenuti altamente scabrosi ed espliciti. Blackie Lawless si oppose ferocemente a questa censura e la sua lotta fu seguita giorno per giorno dai giornali che, indirettamente, contribuirono a costruire un’enorme pubblicità sia al gruppo che all'album. Alla fine l'etichetta discografica fu costretta a ristampare il lotto di canzoni escludendo la traccia incriminata, causando l'indignazione della band. Blackie Lawless ha sempre ritenuto, a ragione, che in quel modo l'album fosse incompleto, privato del manifesto che tanta notorietà aveva dato alla band; il singolo però di Fuck like... vendette vagonate di copie, con una copertina fantastica basata su un istantanea che ritraeva il parapalle di Blackie a sega circolare. Il secondo singolo, I Wanna Be Somebody, li catapulta immediatamente tra le preferenze assolute dei metalhead entrando, fin dal debutto, nelle prime posizioni delle classifiche americane, assicurando così ai quattro entrate economiche, fama e possibilità di suonare concerti un po’ dappertutto, anche oltre oceano. L'album, in definitiva, è il risultato di brani apparsi sui vari demo pubblicati nei due anni precedenti con l'aggiunta di L.O.V.E. Machine (già suonata da Lawless ai tempi dei “Circus Circus”) ma privato di schegge quali Animal (Fuck Like a Beast) e Show No Mercy che però già spopolavano dal vivo. Rilasciato inizialmente con il titolo Winged Assassins, venne rieditato come W.A.S.P., dopo qualche mese, raggiungendo in breve la cifra eccezionale di 500 mila copie vendute. Copertina malvagia, pervasa da atmosfere rosso sangue, sullo sfondo due occhi satanici che benedicono uno strumento di tortura e la band che emerge dai fumi pronta a lacerare le convenzioni perbeniste della stantia società americana. Quando scoppia il rullante di I Wanna Be Somebody ci si trova Blackie attaccato alla carotide mentre Randy Piper, il pazzoide Chris Holmes e lo sconclusionato Tony Richards con i canini piantati tra le carni innocenti di chi ascolta. Un assalto sonoro brutale, forsennato, travolgente, una song che diventa un inno dopo appena tre minuti e rotti, una voce che dilania le fiancate, le chitarre polverizzano, la drum che tira mazzate in ogni direzione; una song criminale! L.O.V.E. Machine, ennesimo singolo dotato di un clip dark ma eccellente, sminuzza e tritura nuovamente con Blackie che sembra aver le lamette in gola per come ruggisce rabbia e disprezzo, stacchi ritmici detonanti, sei corde fuori controllo: altra perla irrefrenabilmente ferale. The Flame scaccia gli spiriti maligni dalla nostra strada, una performance vocale che funziona più di un esorcista, un Blackie superlativo, chitarre che si fondono con l’atmosfera sulfurea, soli minimali, incroci delle soliste, batteria che catrama il tutto con un immane lavoro. Tre stilettate a mo’ di uragano. E dopo il tre che giunge? Il quattro no…Beh B.A.D. è fenomenale nella sua struttura e la voce annichilisce, una tonalità unica in tutto il panorama hard and heavy mondiale, un vero marchio di fabbrica impossibile da plagiare. Bello il solo di chitarra che acutizza le note e finale scavezzacollo. Filastrocca recitata a più voci da teneri bimbetti, poi cala la mannaia della chitarra e tutto diventa scannatoio. School Daze è un mattatoio di cori oscuri, una voce demoniaca (ascoltare lo “...strike down” sull’inizio del secondo chorus e brividi vi percorreranno la cervicale), un vero armageddon, l’ideale colonna sonora per un film terrificante e crudo come The Hostel. Hellion inserisce la baionetta insanguinata e si getta all’attacco sfrontato del nemico, una sorta di anthem molto tetro, cupo oscuro, dotato però di un solo vivace e veloce mentre con Sleeping (In the Fire) giunge il primo momento dove tirare il fiato dopo tanto sguazzare in crudeltà. La violenza sonora si arresta per un attimo, ma non attendetevi una ballad di mollezze in stile Mariah Carey, qui c’è tutta la carica selvaggia di una song lenta che sfocia in un massacro di chitarre e voci al top della scala metallica. On Your Knees è paurosa nel suo incalzare, diretta nel suo testo maschilista, a ginocchioni nel suo incedere, fiaccante e prostrante per tanta brutalità. Ma non è finita, si sente la catena del becchino…che non gira mai a vuoto. Quando si mette in moto un assassino ha già colpito e consumato, ecco Tormentor. Pathos, le sei corde che straziano, un solo entusiasmante, ad incrocio, tra le due chitarre, riff elaborati, struttura possente che sa di sangue rappreso e femori abbandonati in bella vista; suonando questo pezzo la band apparì anche in un breve cameo nel film TerrorVision del 1986. The Torture Never Stops è scolpita da un titolo che non ha bisogno di commenti e viene rafforzata da six-strings incessanti e circolari più un chorus cattivissimo che termina con una nota alta dopo un riff accattivante abbarbicato ad un solo fumoso che preoccuperebbe chiunque.

Un disco davvero da rispolverare, da risuonare, da risentire fino alla noia, ma la noia non arriverà mai. Un sound mefistofelico e chitarroso, prodotto dallo stesso Blackie Lawless (poteva essere altrimenti?) e da Mike Varney, geniale assemblatore e scopritore di diamanti a sei corde come Yngwie Malmsteen, Richie Kotzen, Paul Gilbert e tanti altri. Non entro in merito al tanto discusso nome della band, l'acronimo “W.A.S.P.”, che in lingua inglese viene generalmente inteso come “White Anglo-Saxon Protestant” (“protestante bianco anglosassone”), fu invece reinterpretato dai membri del gruppo perché significasse “We Are Sexual Perverts” (“siamo maniaci sessuali”). Queste ipotesi vennero poi smentite, distorte, reinterpretate, ma chissenefotte da dove deriva il nome quando ci si trova al cospetto di un marchingegno da supplizi metallici di questa portata? Nulla infatti. I loro live acting entrarono nella storia per alcune trovate molto scenografiche e “forti”, derivate dalla “american old school” quella di Alice Cooper, Kiss, Lizzy Borden: carne sanguinolenta buttata sull’audience dopo averla tagliata con un’ascia, Blackie beveva sangue da un teschio e poi lo sputava sulle prime file, giochi pirotecnici, follie di Chris Holmes, motoseghe, donne incappucciate e nude, simulazioni di sacrifici. Insomma il diktat di ogni rocker estremo con il gusto spinto per il glam-horror-splatter. Dopo la pubblicazione di questo monumento fatto a vinile, appena prima del tour inglese, il drummer Tony Richards, lascia per alcuni, viene defenestrato per la maggioranza delle fonti, e prende il suo posto l’ex-Keel, Steve Riley. W.A.S.P. viene ripubblicato come remaster nel ‘98 con l’aggiunta dei pezzi ingiustamente giubilati quattordici anni prima, appaiono dunque la sporcacciona Animal (Fuck Like a Beast) la ribelle Show No Mercy e la cover degli Stones Paint it Black. Lavoro memorabile, e chi non l’avesse mai ascoltato, senza scuse, si accomodi in ginocchio su borchie piramidali dietro i Marshall a palla!!



VOTO RECENSORE
94
VOTO LETTORI
83.70 su 108 voti [ VOTA]
Andre72
Venerdì 22 Novembre 2019, 17.41.25
41
Album per gli amanti del metal anni 80 nudo e crudo. Bellissimo.
Rik bay area thrash
Giovedì 7 Novembre 2019, 15.32.59
40
Nell anno della sua pubblicazione, questo album fu il disco del mese 🤘in quella che era l unica rivista musicale italiana che trattava seriamente l hard & heavy. Album irruente, selvaggio, viscerale, dalla produzione grezza (come suoni, intendo reali, live), e con una serie di song che si potrebbe pensare a un great hit. Blackie lawless senza freni, e cmq tutta la band fa la sua porca figura. Imho
Area
Giovedì 7 Novembre 2019, 13.42.12
39
Uno dei migliori dischi Hair-Glam del periodo! Da avere soprattutto la ristampa citata in recensione, quella con ANIMAL, che sarebbe dovuta essere la vera opener.
Aceshigh
Sabato 19 Maggio 2018, 13.14.47
38
Immortale ! Questo album lo potrò riascoltare altre 1000 volte, ma... la noia non arriverà mai, come dice Frankiss nella recensione. Canzoni come I Wanna Be Somebody, Sleeping (In the Fire), On Your Knees o LOVE Machine sono da subito diventati dei supermega classici. Per me tra gli album della prima fase della band (quella chiusa da Live... in the Raw per intenderci) è il migliore, pertanto non posso che associarmi al 94 della recensione.
Philosopher3185
Giovedì 4 Gennaio 2018, 14.58.23
37
Questo album e' di un grezzo di una cafonaggine di un maschilismo assoluti!un vero sputo in faccia all 8pocrisia e al perbenismo americano.Album geniale
Steiner92
Giovedì 14 Dicembre 2017, 2.14.44
36
L'unico che conosco per intero dei W.A.S.P.! Che dire, fighissimo anche per me che non sono un amante del metallo; mi ci avvicinai alcuni anni fa per pura curiosità e da subito ho notato che va giù come un bicchiere d'acqua, energico, diretto ed evocativo, con quasi ogni ritornello che ti si stampa in testa; concordo con il voto! Proprio l'heavy metal più puro!
Dee
Sabato 3 Giugno 2017, 15.33.16
35
Ciao! Per quello che riguarda la "storia" di Blackie presentata, la parte su Ace Frehley... beh non è mai avvenuta. Ace non solo è del Bronx e non di Staten, ma egli stesso ha smentito ogni racconto riguardante L'aver passato tempo con Blackie in giovinezza. L'unica interazione confermata risale al 1980 quando si vociferò una collaborazione di Ace alla produzione di un demo dei Circus Circus chiamato "1980 Ladies".
Leandro
Martedì 21 Febbraio 2017, 1.02.40
34
Ho scoperto questo gruppo quasi per caso, su una rivista metal. Decido di ascoltare questo disco e, dopo che sento qualche strofa della prima traccia, "i wanna be somebody", penso: "cosa caspita sto sentendo??". Che dire...gli W.A.S.P. sono di quei gruppi che trasmettono energia e ti arrivano addosso come una badilata. Personalmente penso che senza una voce come quella di Blackie, forse, le canzoni perderebbero parecchio mordente. Ecco, la voce di Blackie Lawless: unica, irriproducibile. Una sorta di corvo incazzato nero....che però sa anche "addolcirsi" in pezzi più calmi come Sleeping in the Fire (in cui nelle prime strofe mi ricorda un po' la voce della Gianna Nannini degli anni 80). voto 90!
Leandro
Martedì 21 Febbraio 2017, 1.01.13
33
ho scoperto questo gruppo quasi per caso, su una rivista metal. Decido di ascoltare questo disco e dopo che sento qualche strofa della prima traccia "i wanna be somebody" penso: In senso assolutamente positivo. Che dire...gli W.A.S.P. sono di quei gruppi che trasmettono energia e ti arrivano addosso come una badilata. Personalmente penso che senza una voce come quella di Blackie, forse, le canzoni perderebbero parecchio mordente. Ecco, la voce di Blackie Lawless: unica, irriproducibile. Una sorta di corvo incazzato nero....che però sa anche "addolcirsi" in pezzi più calmi come Sleeping in the Fire (in cui nelle prime strofe mi ricorda un po' la voce della Gianna Nannini degli anni 80). voto 90!
LexLutor
Domenica 5 Febbraio 2017, 20.26.23
32
Condivido l'opinione di matt2
Rob Fleming
Giovedì 11 Febbraio 2016, 9.13.59
31
Bello. Ma il capolavoro lo scriveranno con The Crimson Idol
silverman902
Domenica 6 Dicembre 2015, 21.44.22
30
"Suona la chitarra in tanti gruppuscoli". Sono un gruppuscolo anche i New York Dolls? Comunque ho avuto modo di scambiare due chiacchere con Blackie Lawless alla fine degli 80. Era più svalvolato il mio insegnante di matematica del liceo.
matt2
Lunedì 3 Agosto 2015, 18.45.06
29
autentico monolite su cui a mio parere non spicca nessun pezzo in particolare.non penso di spararla troppo grossa dicendo che fra i successivi album (pur ottimi) tipo last command , headless children o cose più recenti tipo helldorado e dominator non si riscontra la stessa incredibile continuità di livello dei pezzi. se non si da almeno 90 al primo omonimo degli wasp mi chiedo quali nozioni musicali si abbiano in questo campo.
ScomodePresenze
Venerdì 11 Aprile 2014, 2.13.47
28
Spacca Blackie, spacca ancora. Mai un passo indietro!
Vitadathrasher
Venerdì 10 Gennaio 2014, 22.23.12
27
Album stupendo, prodotto in modo perfetto. Singer dalla voce graffiante e carismatica, pezzi trascinanti, inni immortali del rock. Lo stesso vale per i prossimi 4 album.......A mio avviso si rasenta l'album perfetto.
sadwings
Domenica 25 Agosto 2013, 16.51.35
26
grandissimo debutto selvaggio, violento come non mai. 90
Blsckie Lawless
Lunedì 8 Luglio 2013, 9.32.37
25
Ops...Che cacchio ho scritto?Mi correggo...E' stato a Novembre che ci son stati gli WASP....! A marzo ci sono andato per i i Gammaray + Helloween ... Ho confuso le date AHAHAH
Blsckie Lawless
Lunedì 8 Luglio 2013, 9.14.05
24
Visto il mio nickname non potevo evitare di commentare la recensione di questo album... Si tratta di uno dei miei album preferiti...Se bisogna trovare due aggettivi per descriverlo direi "maledetto" e "bastardo"... Mi ha sempre colpito (positivamente) la coraggiosa mancanza di ritegno che ha Blackie in questo album: pur conscio dei rischi ci sputa in faccia una mitragliata di violenza e sesso...L'urlo ANIMAL alla fine dell'opener F*ck like a beast è secondo me emblematico forse come l'urlo HELLIOOOOOON nella canzone omonima! Anche sleeping in the fire, l'unico momento di calma dell' LP non può che trasudare un nonsochè di fascino per il maligno...Album veramente stratosferico e sboccato...Sono stato anche a vederli a Marzo allestragon a Bologna...Anche se non è più accompagnato dalla coppia d'asce Holmes/Piper, il nostro Lawless fa ancora la sua figura in fatto di carisma....Grandi WASP, grande Lawless. Voto 100 senza pensarci troppo
Sambalzalzal
Mercoledì 5 Settembre 2012, 11.33.41
23
100!!!
Zombi Blues
Martedì 6 Marzo 2012, 15.21.58
22
ovviamente voto: 100 se non pure 1000
Queen W.A.S.P.
Martedì 6 Marzo 2012, 15.21.13
21
Veloce, volgare, cruento, perverso, potente e melodico (Si, ho detto bene melodico!) che strizza l'occhio un pò all'hard rock ed un pò al glam. i W.A.S.P. sbattono in faccia a tutto il mondo il loro concetto di musica. La voce di Blackie è inconfondibilmente aggressiva, Holmes e Piper macinano riff memorabili al vetriolo, ibrani ti stampano tutti in mente già dopo un solo ascolto! Mai come in questo album la violenza si era mai sposata con la melodia. Se lo si ascolta una volta non ci si può più liberare...ascoltare per credere, pregare per dimenticare! We Are Sexual Perverse!!!
fabio II
Mercoledì 18 Gennaio 2012, 12.15.15
20
I Wasp sono stati una grande band, personalmente i lavori che preferisco sono 'The Headless Childern' e 'The Crimson Idol'; più che la fase iniziale 'a testa bassa'. I Wasp come dice Frankiss sono Lawless, ma per me il buon Blackie non è mai stato un astro di prima grandezza. Oltre alla carica animalesca, come duttilità nelle vocals, non aveva molto altro da proporre ( infatti nelle parti più melodiche usa la stessa timbrica del repertorio 'scream', e per me è un grave difetto, da cui il temine monocorde) . Anche nel somewhere in tour dell'86 con i Maiden non mi fece una grande impressione.
The sinner
Giovedì 15 Settembre 2011, 20.49.15
19
Comprai all'epoca il vinile nonchè pure il maxi-single di "Animal fuck like a beast"...beh che dire? I truculenti (allora) W.A.S.P promettevano in musica ciò che declamavano ai quattro venti e cioè rock'n'roll selvaggio, sesso e depravazione. Il loro ottimo debut è quindi farcito di tutte queste squisitezze e mise d'accordo all'epoca le due fasce più oltranziste del settore (thrashers e glamsters). Peccato che in futuro non si riproposero più su questi incendiari livelli !!!
Franzedge
Martedì 31 Maggio 2011, 20.01.25
18
il battesimo di fuoco per i W.A.S.P non poteva cominciare meglio di così. DA AVERE ASSOLUTAMENTE SENZA SE e SENZA MA!!!!
Maurizio
Martedì 31 Maggio 2011, 17.02.38
17
A prescindere dal fatto che come persone mi sono stati sempre sui cosiddetti (hanno veramente seri problemi di perversioni e sono andati ben oltre i limiti del gusto da sempre) questo cd è un pugno nello stomaco ed è coinvolgente come pochi. Vi troverete senza accorgervi a schitarrare una inesistente ascia in soggiorno e urlare I wanna be somebody,be somebody too, fuck like a beast, love machineeee.......
blackie
Giovedì 16 Dicembre 2010, 1.48.58
16
grande disco!potente e perverso!uno dei miei preferiti
Frankiss
Sabato 22 Maggio 2010, 12.50.32
15
Grazie Marco, son contento ti abbia suscitato ilarità....
marco
Venerdì 21 Maggio 2010, 22.50.22
14
"in ginocchio su borchie piramidali dietro i Marshall a palla"....ah ah bellissima veramente, complimenti per l'immagine, quando due righe ti strappano un sorriso spontaneo!!!!
Dan g warrior
Mercoledì 19 Maggio 2010, 23.34.08
13
discone,un classico,anche se gli w.a.s.p. il loro massimo lo raggiungono con -the headless children- e -the crimson idol-
Compagno di Merende
Martedì 18 Maggio 2010, 18.22.57
12
c'è poi da dire che Blackie suonò nei New York Dolls al posto di Johnny Thunders e poi nei Killer Kane, non si è fatto mancare nulla.
Uno qualsiasi
Martedì 18 Maggio 2010, 13.54.17
11
Adoro questo disco.
Frankiss
Lunedì 17 Maggio 2010, 18.57.52
10
Grazie per i complimenti, diciamo che il disco in questione è fortemente ispirante.....un pezzo di metalrockglam immarcescibile che resiste all'usura dei decenni.... Glam Rules!!
AdemaFilth
Lunedì 17 Maggio 2010, 18.33.29
9
Ehi io non ho il vinile ma il CD l'ho consumato comunque! Appena ho visto WASP ho subito pensato "questo è di Frankiss". Finalmente uno spazio per il glam!
Electric Warrior
Lunedì 17 Maggio 2010, 16.36.39
8
Grandissimo disco, ma non il migliore dei W.A.S.P.
Nikolas
Lunedì 17 Maggio 2010, 15.25.54
7
Bello, per quanto non sia mai stato un fan dei Wasp, ma sicuramente spettacolare! Non voto solo perché per me non ha l'importanza che ha per molti di voi, a quanto leggo
pincheloco
Lunedì 17 Maggio 2010, 15.21.45
6
E potevo mancare io tra quelli che hanno questo vinile? Comprato all'epoca e conservato gelosamente.
NoRemorse
Lunedì 17 Maggio 2010, 12.57.06
5
Album fenomenale! e poi che voce ragazzi...adoro Blackie (nonostante i suoi continui cambi di opinione su tutto...)...ottimo esordio, pieno di inni da cantare a squarciagola!!!! e come sempre complimenti per l'ottima recensione Frankiss!!!!
LAMBRUSCORE
Lunedì 17 Maggio 2010, 12.56.49
4
mi aggiungo alla schiera di possessori, in vinile, di questo grande album
AL
Lunedì 17 Maggio 2010, 12.24.06
3
grande album! mi è piaciuto subito di brutto! LOVE machine grande pezzo!
Ghenes
Lunedì 17 Maggio 2010, 11.08.26
2
anche io ho il vinile comprato a quattro soldi per giunta. I WANNA BE SOMEBODY!!!
Raven
Lunedì 17 Maggio 2010, 10.23.20
1
Ho ancora il vinile a casa, gran bel disco.
INFORMAZIONI
1984
Capitol Rec
Hard Rock
Tracklist
1. I Wanna Be Somebody
2. L.O.V.E. Machine
3. The Flame
4. B.A.D.
5. School Daze
6. Hellion
7. Sleeping (In the Fire)
8. On Your Knees
9. Tormentor
10. The Torture Never Stops
Line Up
Blackie Lawless - Voce / Basso
Randy Piper - Chitarra / Cori
Chris Holmes - Chitarra
Tony Richards - Batteria / Cori
 
RECENSIONI
72
s.v.
50
78
77
95
89
70
96
94
ARTICOLI
10/11/2015
Live Report
W.A.S.P. + LUCKY BASTARDZ
Il Deposito, Pordenone (PN) , 05/11/2015
25/11/2012
Live Report
W.A.S.P.
30 Years of Thunder – Estragon (Bologna), 21/11/2012
06/11/2010
Live Report
W.A.S.P.
Live Club, Trezzo Sull'Adda, 01/11/2010
06/11/2006
Live Report
W.A.S.P. + FATAL SMILE
La data a Roma
01/01/2007
Live Report
W.A.S.P.
Lo show di Milano
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]