Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Uriah Heep
Living the Dream
Demo

Raum Kingdom
Everything & Nothing
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

24/09/18
AZAGHAL
Valo Pohjoisesta

24/09/18
HUMAN DECAY
Mefitico

25/09/18
TO END IT ALL
Scourge of Woman

25/09/18
SINATRAS
God Human Satan

26/09/18
OSSUARY ANEX
Holy Blasphemition

27/09/18
STELLAR DESCENT
The Future is Dark

28/09/18
BONEHUNTER
Children of the Atom

28/09/18
RUNNING WILD
Pieces Of Eight - The Singles, Live and Rare 1984 – 1994"

28/09/18
NAZARETH
Loud & Proud! The Box Set

28/09/18
EVILON
Leviathan

CONCERTI

28/09/18
HOUR OF PENANCE
ENJOY CLUB - VICENZA

28/09/18
GRAVEYARD + BOMBUS
ZONA BRONSON - BOLOGNA

28/09/18
THE SECRET + GUESTS
KRAKATOA FEST - TPO - BOLOGNA

28/09/18
EDU FALASCHI
DEFRAG - ROMA

28/09/18
SVLFVR + GUESTS
EXENZIA - PRATO

29/09/18
GRAVEYARD + BOMBUS
BLOOM - MEZZAGO (MI)

29/09/18
EDU FALASCHI + ACID TREE + GUESTS
ARCI TOM - MANTOVA

29/09/18
TORCHIA
KRACH CLUB - MONASTIER (TV)

29/09/18
NWOIBM FEST
GARAGESOUND - BARI

29/09/18
GO! FEST
CSOA SPARTACO - ROMA

Necrodeath - Old Skull
( 4430 letture )
Vecchia scuola, fino alla morte: è con un simpatico gioco di parole inglese che i Necrodeath ceebrano i loro primi 25 anni, pubblicando una raccolta di cover indirizzata alla riscoperta e al tributo delle origini di questa band italiana che tanto ha dato alla scena nazonale, affermandosi come peso massimo del thrash-black-death anche oltre i confini patri. Genova, 1985: un gruppo di ragazzi innamorati dell'heavy metal classico e di quello che si sta muovendo verso innovativi sentieri estremi impugnano i loro strumenti e iniziano a cantare di satanismo, violenza, occultismo, accelerando i tempi e appesantendo le atmosfere, con una collera sonora che dal debutto (datato 1987) si farà sempre più possente e agghiacciante nel corso di 25 anni, corredati da otto studio album. Fragments of Insanity, a detta di molti, resta il migliore; Phylogenesis è l'ultimo inedito, uscito nel 2009 a due anni da Draculea e pochi mesi prima di Old Skull, il disco tributo che ci apprestiamo ad analizzare e di cui si è detto in incipit. La raccolta di cover è succulenta e presenta la riproposizione di alcuni classici tra i più amati dai metalhead di ogni latitudine e generazione, ad iniziare dalla leggendaria Paranoid dei Black Sabbath, con il suo riff inconfondibile e il suo ritmo incalzante: un capitolo vivace che i Nostri interpretano senza troppe variazioni al tema originale. Identico discorso va fatto per la travolgente Ace Of Spades dei Motorhead, adrenalinica come sempre, e per quella Am I Evil? dei Diamond Head tanto cara ai Metallica, con i suoi mirabolanti assoli melodici e quel ritornello semplice ma azzeccato! Chi ama la vecchia scuola, appunto, può sfrenarsi riscoprendo il riffing letale tipicamente slayeriano dell'irruenta Black Magic o il thrash tambureggiante di Sodomy And Lust, naturalmente dei Maestri tedeschi Sodom; presenti in scaletta anche brani dei Venom (rappresentati con Bloodlust) e dei Bathory (Raise The Dead), mentre la palma di miglior brano del lotto va alla devastante Pleasure To Kill degli immortali Kreator, se possibile ancora più letale dell'originale. Una sezione ritmica impazzita, le vocals marce come non mai, la melodia completamente bandita rendono il pezzo una virulenta mazzata sulla nuca che non doimenticherete facilmente! I Necrodeath rivisitano anche la loro Mater Tenebrarum, inclusa nel debut Into The Macabre (1987) e qui ripresa prima nella soffocante e datata versione originale che in una ringiovanita interpretazione odierna. E' difficile dare un voto ad un album di cover, perchè la perizia e l'energia con la quale i Necrodeath celebrano il loro passato è innegabile, così come il valore immenso di queste tracce: potrebbe essere un disco dal voto stellare, se si trattasse di inediti, ma essendo appunto cover preferiamo limitarci ad un giudizio più moderato, costruito esclusivamente sul piacere prodotto dall'ascolto del platter più che sul valore intrinseco ed effettivo delle dieci tracce in scaletta. I Necrodeath suonano i pezzi più estremi con la giusta foga e l'irruenza sporca e maligna tipica del loro thrash-death, ma peccano forse in originalità quando affrontano le tracce più tradizionali, come Paranoid o Ace O Spades, suonate fedelmente e con feeling ma che magari sarebbe stato più interessante sentire in versione estremizzata, più veloci e feroci. E' solo un piccolo appunto che non guasta l'essenza di un'opera sicuramente accattivante per i fans oltranzisti del combo italiano, ma che non aggiungerebbe granchè alle discografie di chi non palpita particolarmente per i Nostri. Sarà anche banale, ma è la verità, sempre meglio gustarsi ed amare innanzitutto le versioni originali, da apprezzare rigorosamente attraverso un ascolto completo degli interi album storici dai quali sono estratte. Resta l'orgoglio di una band italiana giunta a tali livelli, resta il piacere del loro ringraziamento a tutti quei gruppi che hanno forgiato il loro background e che tutti noi continueremo sempre ad amare, rispettare e riascoltare.


VOTO RECENSORE
70
VOTO LETTORI
33.10 su 37 voti [ VOTA]
marco
Mercoledì 19 Maggio 2010, 22.35.27
10
il disco e' certamente un po' superfluo..rimane il fatto che, almeno per i miei timpani, la sola voce di Flegias e' sufficiente per dare un nuovo smalto ad ogni pezzo
Uno qualsiasi
Mercoledì 19 Maggio 2010, 16.16.40
9
Ma infatti. Io gli metto 20 perché alla fine anche un fan dei necrodeath credo che di questo disco non se ne faccia granché, conveniva metterlo come bonus cd a qualche ristampa. Alla fine sto disco è come il cd cover dei Children of Bodom, godibile, da discografia minore e godibile quanto ve pare, ma comunque lo si rigiri, lascia pur sempre il tempo che trova.
Mastica
Mercoledì 19 Maggio 2010, 10.07.45
8
Questa uscita non ha senso. NON HA SENSO.
Khaine
Martedì 18 Maggio 2010, 20.01.08
7
@ sandman: ora ho afferrato quello che volevi dire! In effetti c'hai pure ragione.
fabriziomagno
Martedì 18 Maggio 2010, 17.33.36
6
che barba che noia, che noia che barba! paranoid, ace of spades, pleasure to kill e la versione '85 di mater tenebrarum...mmm...uau
Uno qualsiasi
Martedì 18 Maggio 2010, 17.04.06
5
Quoto Sandman, e poi se potevano sforza un pò de più tipo che riempivano tutto il cd de cover, e invece secondo voi me vado a compra sto cd a 20 euri e passa, per 8 (dico otto) cover sputt####issime e 30 - 35 minuti circa de musica?
sandman
Martedì 18 Maggio 2010, 16.05.42
4
io semplicemente intendevo che sono scelte un pò banalotte. capisco che è un album di classici e tutto il resto. però per non essere scontato e anche un pochetto senza utilità un album di cover dovrebbe avere qualche chicca inaspettata, come i metallica che fanno nick cave o gli slayer i minor threat
Ale
Martedì 18 Maggio 2010, 15.14.20
3
SEMPRE E COMUNQUE NECRODEATHHHHHHHHHH
Khaine
Martedì 18 Maggio 2010, 14.36.46
2
Beh, si tratta di una scaletta classica fatta da un gruppo classico per omaggiare i... classici che più sono stati importanti nella formazione musicale e culturale metal dei musicisti. Mi pare normale che non ci siano brani recenti o di nicchia (che poi, la "nicchia" nel metal bisogna anche vedere cos'è...)
sandman
Martedì 18 Maggio 2010, 14.27.06
1
non lo so il voto mi sembra un pò altino. i pezzi sono certamente belli e suonati bene su questo non ci piove. ma la scelta della setlist è un pò banalotta oltre che eccessivamente corta...
INFORMAZIONI
2010
Scarlet Records
Heavy
Tracklist
1. Mater Tenebrarum (2010)
2. Black Magic
3. Raise The Dead
4. Pleasure To Kill
5. Paranoid
6. Sodomy And Lust
7. Bloodlust
8. Ace Of Spades
9. Am I Evil?
10. Mater Tenebrarum (1985)
Line Up
Lineup:
Flegias - Vocals
Pier - Guitars
GL - Bass, Backing Vocals
Peso - Drums

Additional/guest musicians:
Claudio (ex-Necrodeath) - Guitar on track 3
A.C. Wild (Bulldozer) - Vocals on track 1
Andy Panigada (Bulldozer) - Guitar on track 8
Andy Bonfiglio (ex-Necrodeath) - Guitar on track 9
Alberto Penzin (ex-Schizo, Mondocane) - Bass on track 6
John (ex-Necrodeath, Raza de Odio, Cadaveria, Dynabite) - Bass on track 2
 
RECENSIONI
75
72
71
72
70
79
69
84
77
84
85
86
83
ARTICOLI
02/05/2018
Intervista
NECRODEATH
Gli anni di Cristo
20/04/2018
Live Report
NECRODEATH + LAPIDA + WHISKEY & FUNERAL
Defrag, Roma, 14/04/2018
29/05/2015
Live Report
NECRODEATH + PATH OF SORROW + SINPHOBIA + MOLOSSO
261, Genova, 22/05/2015
08/08/2014
Intervista
NECRODEATH
Peccati Capitali
30/03/2013
Intervista
NECRODEATH
The Rocky Road to Dublin
11/10/2012
Intervista
NECRODEATH
Tra passato e futuro
26/09/2012
Live Report
NECRODEATH + CO2 + UNTORY + ESCAPEINOUT
Insomnia - Scordia (CT) 15/09/2012
02/04/2012
Live Report
NECRODEATH + EXCRUCIATION + DEATH MECHANISM ed altri
Lo-Fi, Milano, 24/03/2012
04/03/2012
Intervista
NECRODEATH
Into The Macabre, 1987 - 2012
13/12/2011
Intervista
NECRODEATH
Quando il thrash si tinge di pulp...
10/03/2011
Live Report
NECRODEATH + RAZA DE ODIO + DATAKILL + SHAKE WELL BEFORE
Bulldog, Serra Riccò (GE), 05/03/2011
09/01/2010
Live Report
NECRODEATH + DEATH MECHANISM + SHINING FEAR
Resoconto di una grande serata
04/01/2010
Intervista
NECRODEATH
Venticinque anni di furia metallica
01/12/2007
Live Report
NECRODEATH + CRIPPLE BASTARDS
Target Club, Bari, 23/11/2007
29/07/2006
Intervista
NECRODEATH
Parlano Peso e Flegias
30/10/2004
Live Report
NECRODEATH + KISS OF DEATH + DISEASE
Alpheus, Roma, 10/10/2004
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]