Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Wheel
Moving Backwards
Demo

E.G.O
Everything Goes On
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

19/07/19
SCOTT STAPP
The Space Between the Shadows

19/07/19
CANCER
Ballcutter

19/07/19
LINGUA IGNOTA
Caligula

19/07/19
WORMED
Metaportal

19/07/19
CROWN THE EMPIRE
Sudden Sky

19/07/19
CULT OF EXTINCTION
Ritual in the Absolute Absence of Light

19/07/19
FALLS OF RAUROS
Patterns In Mythology - Album Cover

19/07/19
SABATON
The Great War

21/07/19
SHARKS IN YOUR MOUTH
Sacrilegious

26/07/19
HATRIOT
From Days Unto Darkness

CONCERTI

17/07/19
NICK MASON
ARENA SANTA GIULIANA - UMBRIA JAZZ

17/07/19
YAWNING MAN
THE CONCEPT - LECCO

18/07/19
KING CRIMSON
ARENA SANTA GIULIANA - PERUGIA

18/07/19
NICK MASON
PIAZZA DELLA LOGGIA - BRESCIA

18/07/19
ROCK INN SOMMA (day 1)
SOMMA LOMBARDO (VA)

18/07/19
YAWNING MAN + HERBA MATE
SIDRO CLUB - SAVIGNANO SUL RUBICONE (FC)

19/07/19
PORTO LIVE METAL FEST
PORTO ANTICO - GENOVA

19/07/19
ROCK INN SOMMA (day 2)
SOMMA LOMBARDO (VA)

19/07/19
HELLUCINATION + GUESTS
HILL METAL FEST - MOTTOLA (TA)

19/07/19
YAWNING MAN + ELEPHARMERS + COSMIC SKYLARK
SET TO SUN FESTIVAL c/o TORRE DI BARI' - BARI SARDO (NU)

Lacrimas Profundere - Ave End
( 2585 letture )
Sembra passata un’infinità da quando per la prima volta ascoltai i Lacrimas Profundere: all’epoca, quella dello splendido Memorandum, facevano un ibrido di lentissimo doom con death e forti venature gothic. Poi, con Burning: A Wish, la svolta, basta con le tristezze adolescenziale che si diventa ometti: si fa Rock’n’Sad, a sentir loro. E lo fanno anche piuttosto bene, con un disco che del passato ha ancora qualche linea vocale in growl. Che scompariranno nel disco successivo. Una svolta alla Paradise Lost, gridano in molti. Eravate più originali, gridano in molti, ora siete più commerciali. Definizione che per definizione fa inorridire i metallari. Loro, come i Paradise Lost, dicono che si sono evoluti. Sono cresciuti, come dimostrano le foto, e pubblicano un album maturo, con belle canzoni. Rientrano nel filone del gothic, da non confondersi però con Tristania o Theatre Of Tragedy tanto per intenderci, ma quello con un cantante bello e dannato con una voce maschia, da far impazzire le ragazzine. Certo, strizzano l’occhio al mainstream, ma mai cadono nella scontatezza, è questo il loro miglior pregio. Usando tutti i cliché classici del genere riescono comunque a sfornare un lavoro fresco e sufficientemente competitivo da conquistare chi lo ascolta, con delle canzoni che grazie al romanticismo e a ritornelli catchy entrano direttamente in testa, come Sarah Lou, o ballate strappalacrime (con tale monicker, chi se non loro?) come Come, Solitude. Il disco è accattivante in ogni particolare, grazie alla bella confezione digipack e l’artwork curato da niente-popò-di-meno che Niklas Sundin, dalla Limited Edition che regala una canzone in più, dal video della tile-track e dalla possibilità grazie ad un link, di scaricare dal loro sito una canzone aggiuntiva. In più, il disco suona in maniera ottima. Cosa non va? Perché il voto non è il massimo? Perché la loro musica, per quanto bella sia, non è nulla di trascendentale, e un disco che si ascolta certamente con piacere, ma manca il lampo di genio, alla fine mi sembra di aver ascoltato un ottimo album, ma senza aver avuto alcun sussulto al cuore che mi faccia gridare al miracolo. La bilancia comunque sembra pendere dalla loro parte, è arrivato finalmente il loro meritato momento di gloria?


VOTO RECENSORE
73
VOTO LETTORI
25.97 su 34 voti [ VOTA]
killing
Mercoledì 25 Gennaio 2006, 23.27.17
1
Questo disco e' semplicimente stupendo.. ascoltatevi Evade...fantastici!!
INFORMAZIONI
2004
Napalm Records
Gothic
Tracklist
Tracklist:
1-One Hope’s Evening
2-Ave End
3-To Bleed Or Not To Bleed
4-Sarah Lou
5-Amber Girl
6-Testified
7-Astronautumn
8-Evade
9-Wake Down
10-Black
11-Come, Solitude
12-Ever (Bonus Track)
+
Ave End Video
Line Up
Cristopher Schmid: Voce
Daniel Lechner: Basso
Oliver Nikolas Schmid: Chitarra
Christian Steiner: Hammond, Tastiere
Willi Wurm: Batteria
Christian Freitsmiedl: Chitarra
 
RECENSIONI
65
70
45
74
73
78
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]