Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Phil Campbell
Old Lions Still Roar
Demo

Pinewalker
Migration
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

18/11/19
MARRAS
Where Light Comes to Die

21/11/19
SIGNUM REGIS
The Seal Of A New World

21/11/19
DUST
Breaking The Silence

22/11/19
SODOM
Out of the Frontline Trench

22/11/19
MAGIC KINGDOM
MetAlmighty

22/11/19
THE WHO
Who

22/11/19
LINDEMANN
F & M

22/11/19
CRYSTAL VIPER
Tales of Fire and Ice

22/11/19
BLOOD INCANTATION
Hidden HIstory of the Human Race

22/11/19
LORD MANTIS
Universal Death Church

CONCERTI

17/11/19
PROFANATICA + DEMONOMANCY
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

18/11/19
LEPROUS + THE OCEAN + PORT NOIR
CAMPUS INDUSTRY MUSIC - PARMA

19/11/19
SACRED REICH
LEGEND CLUB - MILANO

19/11/19
GODSPEED YOU! BLACK EMPEROR + METTE RASMUSSEN
HALL - PADOVA

20/11/19
AMON AMARTH + ARCH ENEMY + HYPOCRISY
ALCATRAZ - MILANO

21/11/19
SKID ROW + HOLLOWSTAR
PHENOMENON - FONTANETO D/AGOGNA (NO)

22/11/19
EARTH + GUEST
BLOOM - MEZZAGO (MB)

22/11/19
SKID ROW + HOLLOWSTAR
CAMPUS MUSIC INDUSTRY - PARMA

22/11/19
HEIDEVOLK + GUESTS
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

22/11/19
STRANA OFFICINA + COLONNELLI
THE CAGE THEATRE - LIVORNO

Lacrimas Profundere - Ave End
( 2631 letture )
Sembra passata un’infinità da quando per la prima volta ascoltai i Lacrimas Profundere: all’epoca, quella dello splendido Memorandum, facevano un ibrido di lentissimo doom con death e forti venature gothic. Poi, con Burning: A Wish, la svolta, basta con le tristezze adolescenziale che si diventa ometti: si fa Rock’n’Sad, a sentir loro. E lo fanno anche piuttosto bene, con un disco che del passato ha ancora qualche linea vocale in growl. Che scompariranno nel disco successivo. Una svolta alla Paradise Lost, gridano in molti. Eravate più originali, gridano in molti, ora siete più commerciali. Definizione che per definizione fa inorridire i metallari. Loro, come i Paradise Lost, dicono che si sono evoluti. Sono cresciuti, come dimostrano le foto, e pubblicano un album maturo, con belle canzoni. Rientrano nel filone del gothic, da non confondersi però con Tristania o Theatre Of Tragedy tanto per intenderci, ma quello con un cantante bello e dannato con una voce maschia, da far impazzire le ragazzine. Certo, strizzano l’occhio al mainstream, ma mai cadono nella scontatezza, è questo il loro miglior pregio. Usando tutti i cliché classici del genere riescono comunque a sfornare un lavoro fresco e sufficientemente competitivo da conquistare chi lo ascolta, con delle canzoni che grazie al romanticismo e a ritornelli catchy entrano direttamente in testa, come Sarah Lou, o ballate strappalacrime (con tale monicker, chi se non loro?) come Come, Solitude. Il disco è accattivante in ogni particolare, grazie alla bella confezione digipack e l’artwork curato da niente-popò-di-meno che Niklas Sundin, dalla Limited Edition che regala una canzone in più, dal video della tile-track e dalla possibilità grazie ad un link, di scaricare dal loro sito una canzone aggiuntiva. In più, il disco suona in maniera ottima. Cosa non va? Perché il voto non è il massimo? Perché la loro musica, per quanto bella sia, non è nulla di trascendentale, e un disco che si ascolta certamente con piacere, ma manca il lampo di genio, alla fine mi sembra di aver ascoltato un ottimo album, ma senza aver avuto alcun sussulto al cuore che mi faccia gridare al miracolo. La bilancia comunque sembra pendere dalla loro parte, è arrivato finalmente il loro meritato momento di gloria?


VOTO RECENSORE
73
VOTO LETTORI
25.97 su 34 voti [ VOTA]
killing
Mercoledì 25 Gennaio 2006, 23.27.17
1
Questo disco e' semplicimente stupendo.. ascoltatevi Evade...fantastici!!
INFORMAZIONI
2004
Napalm Records
Gothic
Tracklist
Tracklist:
1-One Hope’s Evening
2-Ave End
3-To Bleed Or Not To Bleed
4-Sarah Lou
5-Amber Girl
6-Testified
7-Astronautumn
8-Evade
9-Wake Down
10-Black
11-Come, Solitude
12-Ever (Bonus Track)
+
Ave End Video
Line Up
Cristopher Schmid: Voce
Daniel Lechner: Basso
Oliver Nikolas Schmid: Chitarra
Christian Steiner: Hammond, Tastiere
Willi Wurm: Batteria
Christian Freitsmiedl: Chitarra
 
RECENSIONI
65
70
45
74
73
78
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]