Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Phil Campbell
Old Lions Still Roar
Demo

Pinewalker
Migration
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

22/11/19
THE WHO
Who

22/11/19
MAGIC KINGDOM
MetAlmighty

22/11/19
LINDEMANN
F & M

22/11/19
BLOOD INCANTATION
Hidden HIstory of the Human Race

22/11/19
LORD MANTIS
Universal Death Church

22/11/19
AVATARIUM
The Fire I Long For

22/11/19
BLOOD EAGLE
To Ride In Blood & Bathe In Greed - Part III

22/11/19
BLOOD INCANTATION
Hidden History Of The Human Race

22/11/19
CRYSTAL VIPER
Tales of Fire and Ice

22/11/19
SKYBLOOD
Skyblood

CONCERTI

22/11/19
EARTH + GUEST
BLOOM - MEZZAGO (MB)

22/11/19
SKID ROW + HOLLOWSTAR + RED RIOT
CAMPUS MUSIC INDUSTRY - PARMA

22/11/19
HEIDEVOLK + GUESTS
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

22/11/19
STRANA OFFICINA + COLONNELLI
THE CAGE THEATRE - LIVORNO

22/11/19
HADDAH + GUESTS
OFFICINE SONORE - VERCELLI

22/11/19
SAKEM + GUESTS
CENTRALE ROCK PUB - ERBA (CO)

22/11/19
THE END AT THE BEGINNING + GUESTS
PADIGLIONE 14 - COLLEGNO (TO)

23/11/19
EARTH
TPO - BOLOGNA

23/11/19
HELLUCINATION + JUMPSCARE
PHOENIX FEST - FORMIA (LT)

23/11/19
HEIDEVOLK + GUESTS
REVOLVER - SAN DONÀ DI PIAVE (VE)

Darkend - Assassine
( 3979 letture )
Era un bel po' di tempo che non sentivo un album di questo tipo. I Darkend si inseriscono con merito in quel filone metal-orrorifico i cui maggiori rappresentanti sono sicuramente Cradle Of Filth e Dimmu Borgir, ma senza raggiungerne le (neanche troppo) recenti cadute commerciali.

La proposta dei Darkend somiglia molto infatti, per sound ed attitudine, a quella ancora fresca e genuina che tempo addietro caratterizzava uscite come VEmpire o Dusk... and Her Embrace, con tutti gli entusiasmi, le noie, i pregi e gli stereotipi che ciò comporta. Secondo full-length della band emiliana, registrato ai Remaster Studios di Vicenza, presentato con una buona grafica ed altrettanta cura dei testi e del concept, questo Assassine mostra come sia ancora possibile produrre del buon metal estremo sinfonico vecchio stile, semplicemente puntando su composizioni d'atmosfera efficaci ed aggiungendo qualche elemento moderno (cosa che potrebbe accomunare i nostri, ad esempio, ai Dark Fortress).

Ci troviamo dunque di fronte ad un'opera sufficientemente curata negli arrangiamenti, nella produzione, nel concept e nell'attitudine. Ma andiamo con ordine. Le composizioni denotano ottimi spunti creativi (sebbene spesso non granché originali: i richiami al riffing, alle ritmiche ed alla forma-canzone tipici dei Cradle Of Filth appaiono limpidissimi) e gli arrangiamenti sinfonici non raggiungono, grazie al cielo, i manierismi di molti pomposi album sin troppo in voga ultimamente. Cosa che permette ai Darkend di privilegiare ritmiche veloci (Poisoned Lips Of Lust, Mater Terribilis) ed indulgere solo di rado in suite melodiche alla lunga noiose (Two Faced Beast e Her Majesty Ogress ne sono in parte un esempio). La voce, a cavallo tra Dimmu Borgir e Naglfar, completa l'opera.
La produzione è (facile intuirlo) moderna, sufficientemente limpida, come al solito con poca dinamica (soprattutto la sezione ritmica), è tutto sommato adatta al genere proposto. Da questo punto di vista, forse si potrebbe osare con qualcosa di meno tipicamente heavy, soprattutto per quanto concerne le chitarre, ma sono dettagli.

Per pura coincidenza ho avuto l'occasione di vedere questa band dal vivo non molto tempo fa (al Mac2 di Schio, Vicenza) e le impressioni che ne ho ricevuto non si discostano da ciò che si può evincere ascoltando il cd, e questo è indubbiamente un pregio. Devo dire, per onestà, che neanche l'attitudine "vampiresca", molto stereotipata, era diversa rispetto a ciò che si può evincere dal booklet, e questo può essere un difetto per chi (me, per esempio) si è stancato della pacchianaggine orrorifica che ha infestato da molti anni il metal estremo underground dopo aver infestato il music-biz con il suo immaginario plastic-gotico da quattro soldi.

Per contro, ho apprezzato la cura dei testi e del concept, basato sulla raccolta di macabre storie di assassinii realmente avvenuti per opera delle più svariate fanciulle-killer della storia.
I Darkend si confermano quindi un'ottima realtà nostrana per gli amanti del genere, forti inoltre della felice scelta d'aver preso a modello non tanto la parte più commerciale del metal estremo sinfonico, quanto piuttosto retaggi provenienti dagli anni '90. Sono certo che, con un po' di fortuna ed un preciso impegno anche in senso compositivo (non si fa mai abbastanza per rendere la propria musica originale e poco ripetitiva), questa band potrà ritagliarsi il suo spazio, sviluppando quelle buone idee che già sono presenti.

Ancora questi cazzo di vampiri. Ma stavolta sono simpatici.



VOTO RECENSORE
71
VOTO LETTORI
68.05 su 51 voti [ VOTA]
Selvans
Lunedì 9 Maggio 2016, 12.04.46
10
Un buon inizio per la band italiana, lontano dall'ultimo capolavoro ma comunque di qualità. Fa tristezza leggere certi commenti pieni d'invidia, comunque. Astaroth se sei quello dei Kurgaal possiamo capire... la tua band fa merda da ogni lato la si guardi!!
Marco72
Venerdì 5 Dicembre 2014, 11.51.28
9
Zero meno! Pessimi e ripetitivi e ormai, vecchi!
astaroth
Venerdì 21 Novembre 2014, 15.04.27
8
Solito vomito
Shade
Giovedì 12 Settembre 2013, 0.33.25
7
Chapeau... l'estremo del paese passa da qui. Capolavoro.
Heil
Martedì 2 Ottobre 2012, 11.18.18
6
...Vampiri??? Cosa ha visto il recensore...Impatto scenico devastante...Album strpitoso....Mha....
Abyssos
Martedì 17 Aprile 2012, 9.44.39
5
lavoro fantastico, preso sulla scia dell'ultimo e apprezzato moltissimo anche questo. Cmq tanto per far presente al recensore, qui i vampiri non c'entrano proprio un cazzo eh... sti paragoni superficiali e steorotipati hanno un davvero stancato
Sothis
Giovedì 15 Dicembre 2011, 17.43.18
4
Certo che far recensire un album a chi già di partenza storce in naso per il genere... che scelte illuminate avete a volte. Cmq i Darkend spaccano di brutto dal vivo e sul palco sono fenomenali. Da 90 pieno.
Lars
Mercoledì 14 Dicembre 2011, 11.48.30
3
Questo album merita davvero l'acquisto. Una delle migliori band metal italiane secondo il mio modesto parere
Passenger79
Giovedì 2 Giugno 2011, 23.09.11
2
Visti di supporto ai Rotting Christ al R'n'R Arena di Novara... mamma mia, devastanti. Una presenza scenica che fa rimanere senza respiro, il cantante è IL demonio. Naturalmente mi sono lanciato a comprare questo loro album e che dire... lo sto consumando! Di una bellezza a tratti commovente!
December Soul
Giovedì 27 Maggio 2010, 16.12.36
1
arrivato per prosta la settimana scorsa! Per me è bellissimo, song varie e mai noiose, riffs che richiamano a tratti il miglior metal oscuro di metà anni 80, assoli al fulmicotone mai sentiti in un disco black e una voce con un'interpretazione e drammaticità sconcertanti!!! Promosso a pieni voti.
INFORMAZIONI
2010
Crash & Burn
Black
Tracklist
1. Tenebrae I
2. Mater Terribilis
3. A Bizarre Alchemical Practice
4. Poisoned Lips Of Lust
5. Bounded, Sisters By Solitude
6. Tenebrae II
7. Two Faced Beast
8. Her Majesty Ogress
9. The Thorns, The Pain, The Horror
10. Perinde Ac Cadaver
11. Tenebrae III
Line Up
Animæ - Vocals
Imajes - Lead /rhythm guitar
Ashes - Rhythm guitar
Antarktica - Keyboards
Specter - Bass
Valentz - Drums
 
RECENSIONI
86
71
70
ARTICOLI
24/09/2018
Live Report
BATUSHKA + DARKEND
Traffic Live Club, Roma, 18/09/2018
11/11/2015
Live Report
SHINING + DARKEND + SELVANS + LUNARSEA
Traffic Club, Roma, 05/11/2015
02/12/2012
Live Report
CRADLE OF FILTH + GOD SEED + ROTTING CHRIST + DARKEND
Magazzini Generali, Milano, 27/11/2012
16/07/2012
Intervista
DARKEND
Dietro le quinte del teatro degli orrori
20/05/2011
Live Report
ROTTING CHRIST + OMNIUM GATHERUM + DAYLIGHT MISERY + DARKEND + altri
Init Club, Roma, 15/05/2011
20/02/2010
Live Report
CYBER CROSS + DARKEND + ABYSS OF PAIN
Tre concerti, due giudizi
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]