Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Ayreon
Electric Castle Live and Other Tales
Demo

Morningviews
You Are Not the Places You Live In
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

27/05/20
HELIKON
Myth & Legend

29/05/20
DEF LEPPARD
London to Vegas

29/05/20
XIBALBA
Anos En Infierno

29/05/20
SORCERER
Lamenting Of The Innocent

29/05/20
PARALYSIS
Mob Justice

29/05/20
OUR POND
Paraphernalia

29/05/20
BEHEMOTH
A Forest (EP)

29/05/20
MORBID ANGELS
Altars of Madness – Ultimate Edition

29/05/20
VIOLENT HAMMER
Riders of the Wasteland

29/05/20
GRAVE DIGGER
Fields Of Blood

CONCERTI

29/05/20
RAIN + GUESTS (ANNULLATO)
BLACK DEVILS SPRING PARTY - S. GIOVANNI IN PERSICETO (BO)

29/05/20
NECRODEATH (ANNULLATO)
LEGEND CLUB - MILANO

30/05/20
MARK LANEGAN BAND (ANNULLATO)
TEATRO MANZONI - BOLOGNA

09/06/20
PERIPHERY (ANNULLATO)
ORION - CIAMPINO (ROMA)

10/06/20
IN.FEST
CIRCOLO MAGNOLIA - MILANO

12/06/20
SYSTEM OF A DOWN + KORN + GUESTS TBA (SOSPESO)
I-DAYS - AREA EXPO - MILANO

12/06/20
GUNS N` ROSES + GUESTS TBA (ANNULLATO)
FIRENZE ROCKS - VISARNO ARENA (FIRENZE)

13/06/20
AEROSMITH + GUESTS (SOSPESO)
I-DAYS - AREA EXPO - MILANO

16/06/20
STEEL PANTHER + THE WILD (SOSPESO)
ALCATRAZ - MILANO

16/06/20
DEATHLESS LEGACY
CRAZY BULL - GENOVA

M.IRE - Mortali Irae
( 2833 letture )
Primo fattore positivo: i M.IRE, nonostante le premesse, non sono una band commerciale. Chiunque abbia la volontà di unire il grunge rock con il dark ed il gothic metal, come ha fatto la presente band, non solo dimostra di voler elevarsi al di sopra della massa di band cloni (dei rispettivi generi musicali), ma anche di non mettere in primo piano la voglia di hit chart a discapito della personalità. A tal proposito, un fattore determinante che mi permette di catalogare la band anche nel genere metal è ad esempio la presenza di diversi assoli di chitarra, un particolare che sembra insignificante ma che, in realtà, è un messaggio a chiare lettere: “le nostre canzoni non sono prettamente radiofoniche, la passione e lo studio per noi vengono prima”. Tante scelte musicali che troverete ascoltando “Mortali Irae” sono piuttosto inusuali, e rendono difficile catalogare il gruppo in un filone preciso. Ben venga! Quando la miscela di diverse influenze non crea confusione, deve essere apprezzata senza indugi. Un brano come “In Sweet Company” è in grado di mandare in tilt la bussola di qualsiasi coordinata musicale si possa immaginare (nei contesti sopraccitati), ma sempre senza perdere immediatezza e senso della melodia. Per quel che concerne questo ultimo aspetto, la musicalità, va detto che nell’album va per la maggiore il filone del “rock depressivo” (Verdena?), se mi passate la definizione, un triste abbandono alle emozioni umane, amplificato da distorsioni cupe e riff malinconici. Bisogna osservare tuttavia che la proposta dei M.IRE tende ad annoiare con una certa facilità, visto che il mood rimane fin troppo costante nel corso dei sette brani, tant’è che a volte si fatica a capire quando finisce un pezzo e dove comincia il successivo… e nonostante il cd duri soltanto 23 minuti… Dal punto di vista della produzione, il suono è stato curato con ottimo gusto. Le distorsioni passano dal grunge-style ad uno stile più sognante pieno di delay e riverbero, e il tutto è integrato molto bene. La voce rende più nelle cleaning piuttosto che nel growl, ma l’idea di alternare (sporadicamente) i due stili è un’idea sicuramente pregevole. Stesso discorso per la batteria, il suono è potente e ben definito. L’unico appunto che posso fare riguarda il mastering, che mi sembra non abbia dato la “spinta” giusta al suono globale. Una band da tenere d’occhio, piena di buona musica e buone idee. Bravi M.IRE.


VOTO RECENSORE
77
VOTO LETTORI
32.87 su 40 voti [ VOTA]
INFORMAZIONI
2004
Autoprodotto
Rock
Tracklist
Tracklist:
1. And Then
2. The Following Day
3. Waiting For You
4. In Sweet Company
5. Sadness
6. Memories
7. One Day
Line Up
Raffaello Galbiati: lead back and growl vocals
Mattia Galbiati: lead and back vocals, lead guitar
Matteo Sangiorgio: bass
Manuel Giaconia: drums
Valentina Iiriti: Piano
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]