Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

The Ocean
Phanerozoic I - Palaeozoic
Demo

Derdian
DNA
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

11/12/18
SCARLET AURA
Hail to You!

11/12/18
ADAESTUO
Krew Za Krew

13/12/18
MIND ENEMIES
Mind Enemies

14/12/18
CURRENTS
I Let The Devil In

15/12/18
SPEED KILLS
Speed Kills

15/12/18
YSENGRIN/STARGAZER
D.A.V.V.N.

21/12/18
BLOOD FEAST
Chopped, Diced and Sliced

21/12/18
JON SCHAFFER`S PURGATORY
Purgatory

21/12/18
WITCHING HOUR
...And Silent Grief Shadows the Passing Moon

23/12/18
MALVENTO/THE MAGIK WAY
Ars Regalis

CONCERTI

10/12/18
RISE OF THE NORTHSTAR + DOPE D.O.D.
LEGEND CLUB - MILANO

10/12/18
THE DEAD DAISIES
REVOLVER - SAN DONA DI PIAVE (VE)

11/12/18
CLUTCH
FABRIQUE - MILANO

11/12/18
H.E.A.T + ONE DESIRE + SHIRAZ LANE
LOCOMOTIV CLUB - BOLOGNA

14/12/18
EXODUS + SODOM + DEATH ANGEL + SUICIDAL ANGELS - MTV Headbangers Ball Tour
PHENOMENON - FONTANETO D'AGOGNA (NO)

14/12/18
NANOWAR OF STEEL
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

14/12/18
OPERATION MINDCRIME + GUEST
TEATRO CARIGNANO - GENOVA

14/12/18
NOVEMBRE + LES DISCRETS
ARCI TOM - MANTOVA

15/12/18
WITHIN TEMPTATION
FABRIQUE - MILANO

15/12/18
NANOWAR OF STEEL
REVOLVER CLUB - SAN DONA DI PIAVE (VE)

Epica - The Phantom Agony
( 6737 letture )
UN PO' DI STORIA
L'Olanda è sempre stata una terra avvezza al metal sinfonico, lo dimostrano alcune grandi band che questo paese ha prodotto a partire dalla metà degli anni novanta, una su tutte gli After Forever: la band di Sander Gommans si fece conoscere nel mondo come una delle migliori realtà di quel periodo, evolvendosi da una radice più influenzata da certe sonorità doom a quel symphonic gothic che farà la loro fortuna all'inizio del nuovo millennio.
Tutta questa noiosa disquisizione storica serve per introdurre la figura di Mark Jansen: un giovane chitarrista che suona con gli After Forever sin dagli inizi ma che nel 2002 lascia il gruppo (la leggenda vuole che sia stato cacciato da Gommans per gravi divergenze musicali); una volta fuori fonda immediatamente una nuova band chiamata Sahara Dust, con quella che sarà poi la prima formazione degli Epica, fatta eccezione per la voce; il gruppo nel 2002 produce il primo demo Cry for the Moon ma la cantante Helena Michaelse lascia la band subito dopo; a quel punto Mark si accorge che la diciottenne con cui è fidanzato, tale Simone Simons, ha una stupenda voce da mezzosoprano (oltre ad essere una fanciulla piuttosto graziosa) e decide quindi di farla entrare nella formazione del nuovo gruppo, che frattanto ha appena cambiato nome in Epica, in onore dell'omonimo album dei Kamelot.

THE PHANTOM AGONY
Recensire un esordio non è mai compito facile, farlo però ad anni di distanza, quando la band in oggetto ha già portato avanti un'onorata carriera ci permette di guardare indietro e individuare i punti fermi che ne determineranno il successo (o il fallimento); guardando agli Epica è chiaro come abbia prevalso la prima opzione vista la fama di cui godono oggi questi ragazzi ormai giunti al quarto album in studio, ma da dove è partita quest'ascesa?
The Phantom Agony è un album che riesce a stupire notevolmente l'ascoltatore, nonostante i difetti che illustrerò più avanti, comunque fisiologici in un gruppo giovane che tenta di suonare una musica così complessa; già, perchè complessa è proprio la parola giusta per descrivere la proposta degli Epica: il sound è dominato dall'orchestra abilmente sintetizzata da Coen Janssen e dalla voce da mezzosoprano di Simone (all'epoca non ancora perfetta specie sugli acuti, ma comunque stupefacente considerata l'età) supportata da un coro completo ed esperto e soprattutto (giusto per non abbandonare il clichè de “La Bella e la Bestia”) dai grunts di Mark Jansen, abbastanza acerbi e poco performanti nonostante il tentativo di registrarli con più linee vocali sovrapposte; mi sto dunque unendo ai detrattori del chitarrista olandese? Assolutamente no: chiariamo subito, Mark era, è, e rimarrà anni luce lontano da maestri come Mikael Akerfeld, però, personalmente, non posso che constatare che negli anni che seguiranno la sua voce migliorerà sensibilmente, quindi la bocciatura c'è ma è limitata a questo disco.
La ritmica è abbastanza variegata: la batteria tiene bene gli sporadici passaggi in doppia cassa e riesce a creare le giuste atmosfere legandosi in modo appropriato con l'orchestra pur senza virtuosismi (eccezion fatta per qualche apprezzabile tempo dispari), il basso invece rimane molto legato alle chitarre e risulta fondamentale per tirarle su, dato che proprio queste ultime sono le più sacrificate: il volume è sempre molto inferiore a quello dell'orchestra, questo però non rovina particolarmente i pezzi dato che non si tratta di un errore di mixing ma di una precisa scelta tecnica della band.
Il disco si apre con Adyta, intro orchestrale maestosa, retta da cori completamente in latino, collegata alla seconda canzone (formula che diventerà un marchio degli Epica negli album a venire), segue quindi senza pause Sensorium, primo vero pezzo: riff insistenti, passaggi solisti del piano e l'orchestra in grande evidenza.
Arriviamo dunque a Cry for the Moon, pezzo su cui mi sento di fare un discorso a parte, non solo perché è la perla più brillante di questo disco, ma anche perché è una canzone che ha dietro una storia notevole: il sottotitolo (The Embrace That Smothers - part IV) la identifica come il proseguimento di una saga di canzoni iniziata dagli After Forever che ha come tema il fondamentalismo religioso e le malefatte compiute dall'uomo in nome delle varie divinità; questa in particolare tratta del tema (spesso agli onori delle cronache) dei preti pedofili. La canzone che parte solenne e maestosa accelera lentamente raggiungendo lo spannung nei tratti cantati da Mark, in cui il riff delle chitarre si fa violento e la prima strofa affidata al chitarrista (che trasuda seriamente rabbia) è più eloquente di mille descrizioni:

Don't try to convince me with messages from God
You accuse us of sins committed by yourselves
It's easy to condemn without looking in the mirror
Behind the scenes opens reality


Dopo questa passiamo a Feint, ballad molto melodica in cui tutti gli strumenti esterni all'orchestra rimangono sobri lasciando posto alla dolce voce di Simone; se avete provato invece delusioni in campo amoroso apprezzerete sicuramente la successiva Illusive Consensus, song tra le più aggressive presenti sul disco, il giusto mood per affrontare il discorso dei voli di fantasia creati dall'arco di Cupido troncati poi sul più bello da un/a partner colpito/a solo di striscio dalla freccia del dio (con ogni probabilità temporaneamente sbronzo).
Facade of Reality è la prima delle 2 lunghe suite di questo album, fa parte anch'essa della saga The Embrace that Smoothers, questa volta è il terrorismo islamico ad essere preso di mira, in un pezzo molto tirato, in cui sono inserite parti in cui la voce narrante ci ricorda di quel tragico 11 settembre 2001.
Segue Run for a Fall, canzone in cui viene per la prima volta usata una chitarra acustica che prosegue lenta fino a metà dove il suono diventa elettrico e accelera improvvisamente, come un rapido declino e il conseguente fallimento che guarda caso sono proprio i temi della canzone; Seif al Din è l'ultima canzone della saga principe degli Epica per questo album, orientaleggiante per voce e orchestrazioni, travolgente per via della ritmica che include degli ottimi passaggi di doppia cassa ad elicottero della batteria di Jeroen Simons.
Siamo giunti alla title-track: The Phantom Agony è una lunga suite sull'illusione dell'aldilà, con gli archi dell'orchestra in evidenza, anche se tutta la canzone è un buon mix delle caratteristiche principali dell'album.
Chiude la strumentale Triumph or Defeat in cui la voglia di virtuosismo trattenuta durante tutto l'album si sfoga prima con degli ottimi passaggi di pianoforte e soprattutto con dei mini-solos delle chitarre in sweep picking.

Questo disco è stato uno degli esordi che più mi ha colpito tra i molti che ho ascoltato, certo i difetti rimangono, ma resta probabilmente uno dei migliori dischi di questa band e del symphonic gothic in generale, oltre che una grande dimostrazione di talento innato.



VOTO RECENSORE
81
VOTO LETTORI
62.81 su 65 voti [ VOTA]
Ste
Lunedì 16 Ottobre 2017, 16.18.54
9
Disco enormemente sopravvalutato, più per ragioni affettive dei più che per altro, immagino. Come esordio è un disco discreto, mostra tutte le potenzialità del gruppo che nei dischi successivi saranno in grado di far evolvere. Le canzoni prese a sé sono buone, qualche capolavoro c'è come Feint e Cry for the Moon, sicuramente. Bene per l'opener Sensorium mentre la title track, una palla allucinante. Purtroppo lungo l'ascolto molto spesso s'incappa in secche di noia e di svariati passaggi a vuoto. La performance dei musicisti è piuttosto elementare, Simone intuba troppo la voce e rimane su un range vocale assai contenuto. Come opera prima è un onesto e compiuto affresco di quello che al momento gli Epica erano e sapevano fare, ovviamente sappiamo tutti che già dal successivo Consign to oblivion inizierà la loro ascesa su una proposta musicale notevolmente più valida e ricca e completa sotto tutti gli aspetti. Buon inizio, ma hanno fatto di meglio. 62/100
Mauroe20
Mercoledì 15 Aprile 2015, 22.17.06
8
Il mio preferito degli epica.Ispiratissimi.voto 80
9Fede9
Sabato 24 Maggio 2014, 12.41.35
7
Grande esordio!!! Il suono è ancora leggermente rozzo, la voce di Simone da migliorare, ma ci sono bellissime atmosfere e passaggi memorabili. Voto 80
powermetaltothend
Lunedì 11 Novembre 2013, 19.19.49
6
bello
stefano
Mercoledì 20 Marzo 2013, 10.15.48
5
Ragazzi, breve info utile, è in corso la Ristampa della rediviva Transmission records in arrivo il 23 Marzo di the phantom agony con 15 bonus ( tra cui un'inedita songs) disponibile in doppio digipack o doppio vinile... chapeau!!
Celtic Warrior
Mercoledì 21 Dicembre 2011, 14.30.18
4
Gran bel album , mi piacciono tantissimo questi olandesi , anzi nel genere sono i miei preferiti .
MAIDEN 65
Mercoledì 20 Luglio 2011, 21.25.31
3
Rivelazione voto 80 Simone voto 96
Giasse
Sabato 22 Maggio 2010, 18.37.52
2
Per quanto zeppa di cliché è comunque una delle release interessanti degli Epica. La mia preferita è Illusive Consensus.
Vlaew
Sabato 22 Maggio 2010, 16.36.40
1
Scrivi proprio bene miseria! Mi hai fatto venire voglia di ascoltare il cd!
INFORMAZIONI
2003
Transmission Records
Gothic
Tracklist
1.Adyta ( The Neverending Embrace - prelude)
2.Sensorium
3.Cry For The Moon (The Embrace That Smothers - part IV)
4.Feint
5.Illusive Consensus
6.Façade Of Reality (The Embrace That Smothers - part V)
7.Run For A Fall
8.Seif Al Din (The Embrace That Smothers - part VI)
9.The Phantom Agony
1.Impasse of Thoughts
2.Between Hope and Despair
3.Nevermore
10.Triumph or Defeat
Line Up
Simone Simons - Vocals
Mark Jansen- Guitars/Grunts
Ad Sluijter- Guitars
Coen Janssen-Keyboards
Yves Huts – Bass
Jeroen Simons - Drums
 
RECENSIONI
89
85
80
83
76
59
80
82
81
ARTICOLI
01/08/2018
Live Report
FESTA DELL’UNICORNO - EPICA
Vinci (FI), 28/07/2018
13/06/2017
Live Report
RHAPSODY + EPICA + LABYRINTH
Alcatraz, Milano, 07/06/2017
26/01/2017
Intervista
EPICA
Oltre i nostri limiti
22/01/2017
Live Report
EPICA + POWERWOLF + BEYOND THE BLACK
Live Club, Trezzo sull'Adda (MI) - 18/01/2017
19/09/2016
Intervista
EPICA
The Holographic Principle: Tra realtà e illusione
09/11/2015
Live Report
EPICA + ELUVEITIE + SCAR SIMMETRY
Live Club, Trezzo sull'Adda (MI), 04/11/2015
30/11/2014
Live Report
EPICA + DRAGONFORCE + DAGOBA
Alcatraz, Milano, 24/11/2014
31/05/2014
Intervista
EPICA
L'enigma svelato
22/04/2012
Live Report
EPICA + STREAM OF PASSION + XANDRIA
Alcatraz, Milano, 17/04/2012
20/02/2012
Intervista
EPICA
Il destino di una cantante
09/11/2010
Intervista
EPICA
Presente, passato e soprattutto futuro
03/10/2009
Intervista
EPICA
Disegnatori Universali
06/06/2009
Intervista
EPICA
Cospirando con il divino
05/01/2008
Live Report
SONATA ARCTICA + EPICA
Alcatraz, Milano, 19/11/2007
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]