Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Premiata Forneria Marconi
Emotional Tattoos
Demo

Rust
Rust
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

22/11/17
HYPERION
Dangerous Days

24/11/17
SCORPIONS
Born To Touch Your Feelings

24/11/17
LOCH VOSTOK
Strife

24/11/17
STRAY TRAIN
Blues From Hell

24/11/17
WILDNESS
Wildness

24/11/17
HOUSTON
III

24/11/17
AETHERIAN
The Untamed Wilderness

24/11/17
DEEP AS OCEAN
Lost Hopes | Broken Mirrors

24/11/17
STARBLIND
Never Seen Again

24/11/17
DEGIAL
Predator Reign

CONCERTI

19/11/17
CRIPPLED BLACK PHOENIX + EARTH ELECTRIC + JONATHAN HULTEN
SANTERIA SOCIAL CLUB - MILANO

19/11/17
ROCK TOWERS FESTIVAL
ESTRAGON - BOLOGNA

19/11/17
BACKYARD BABIES + GUESTS
LAND OF FREEDOM - LEGNANO (MI)

19/11/17
SOULS OF DIOTIMA
THE ONE - CASSANO D'ADDA (MI)

22/11/17
MARILYN MANSON + GUEST
PALA ALPITOUR - TORINO

22/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
SANTERIA SOCIAL CLUB - MILANO

23/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
QUIRINETTA - ROMA

24/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
ALMAGIA' TRANSMISSIONS FESTIVAL - RAVENNA

24/11/17
DESPITE EXILE
VECCHIA SCUOLA PUB - PALAZZOLO (BS)

24/11/17
BLACK STAR RIDERS
CIRCOLO COLONY - BRESCIA

Emperor - In The Nightside Eclipse
( 10526 letture )
Monumentale, grandioso, fondamentale, ineccepibile, innovativo, superlativo... E' possibile iniziare una recensione con soli aggettivi? Nel caso di questo album direi proprio di si. In the Nightside Eclipse rappresenta la punta di diamante dell'intera scena black metal norvegese, scena che fino a quel momento - era il 1994 - era stata conosciuta più che altro per la sua violenza e che tutt'a un tratto scopre la bellezza suadente delle orchestrazioni dei synth uniti alla violenza del sound. La palma del disco dell'anno purtroppo dovranno dividerla con i rivali albionici Cradle of Filth che nello stesso anno pubblicarono il loro debutto The Principle of Evil made Flesh, consacrando ufficialmente la nascita del symphonic black metal.
Questo lavoro giunse in un momento molto particolare della carriera della band e fu proprio il cosiddetto album giusto al momento giusto; in precedenza la band aveva dato alle stampe un demo intitolato Wrath of the Tyrant e soprattutto un Mlp in compagnia dei conterranei Enslaved che portò loro una discreta notorietà, notorietà che, con il debutto ufficiale su Candlelight, verrà amplificata a dismisura (anche e purtroppo a causa delle vicende giudiziarie che coinvolgeranno il talentuoso Samoth, intrigato nelle misteriose attività dell'Inner Circle).

Il disco si apre con una breve intro e letteralmente esplode con la bellissima Into the Infinity of Thoughts, sulla quale finalmente è apprezzabile l'ottima sezione ritmica e - come dicevamo in apertura - il pregevole lavoro orchestrale che enfatizza e valorizza le atmosfere, senza compromettere l'aggressività delle composizioni. Inutile cercare le parole per descrivere le atmosfere della glaciale The Burning Shadows of Silence, implacabile cavalcata tra le brucianti ombre del silenzio, nella quale compare già qualche clean vocals, che solo in seguito diventeranno una prerogativa imprescindibile della band.
Cosmic Keys to my Creations & Times è sicuramente uno dei brani più belli del disco, tratta dal Mlp omonimo, riporta tra le firme dei compositori quella dell'odiatissimo Mortiis che, ai tempi del su citato vinile, suonava le keyboards nella band e che da lì a poco avrebbe lasciato per intraprendere la carriera solista col suo progetto pseudo-ambient (ricordo che ai tempi del processo a Bard Faust per l'uccisione di un omosessuale testimoniò contro l'ex amico, determinandone l'arresto).
Incantevoli i mid-tempos di Beyond The Great Vast Forest, atmosferici e sontuosi così come i paesaggi che riescono a ricreare con la loro musica, sormontata dall'acidissima voce di Ihsahn che con il suo screaming gracchiato sarà anch'esso un punto di riferimento per le generazioni a venire. L'apice dell'atmosfera si raggiunge con la sognante Towards the Pantheon, cadenzata e meno furibonda: il pezzo denota un notevole miglioramento tecnico rispetto al passato e soprattutto una produzione decisamente meno zanzarosa e più corposa, mentre anche i synth assumono il loro spessore che - in particolare nelle parti lente - saranno la marcia in più rispetto al passato.
The majesty of the nightsky, dopo una partenza velocissima, si rivela un brano d'atmosfera, nel quale i nostri sottolineano l'ormai eccelso grado tecnico raggiunto nonchè la maturità delle composizioni, che spaziano in modo più che abile tra parti veloci e parti meno veloci, spesso anche molto lente ed atmosferiche, in particolar modo nell'intermezzo da brividi che deve interrompersi bruscamente per lasciare spazio ad una magnifica accelerazione che conclude un brano epocale.
Impossibile descrivere con le sole parole il riff d'apertura di I am the Black Wizard, con il suo inizio che è entrato nell'Olimpo di ogni headbanger del mondo: anch'essa tratta del precedente Mlp ma finalmente onorata da una registrazione adeguata, è un brano con una varietà di riffs davvero notevole, non particolarmente veloci, che sarà uno dei loro classici per eccellenza, mentre con la conclusiva Inno a Satana - violentissima e malefica all'ennesima potenza - gli Emperor raggiungono l'apoteosi in un wagneriano crescendo che si suggella con il coro finale davvero micidiale nella sua epica magnificienza.

Con questo lavoro gli Emperor entrarono nella storia del black metal scrivendo una delle pagine più belle, ma soprattutto pubblicando un disco che a detta di molti è l'emblema assoluto del cosiddetto black metal norvegese. Un voto in più al giudizio finale lo aggiungo volentieri per tributare una band che - prima di rendersi ridicola o ripetitiva - ha avuto la modestia di saper tirarsi indietro lasciando ai posteri solamente grandissimi album e nulla più.
Fondamentali!

Piccola nota di colore: nei ringraziamenti del booklet possiamo trovare l'onnipresente Marco DePlano, artista del panorama industrial italiano, che per l'occasione ha vestito il ruolo di fotografo.



VOTO RECENSORE
96
VOTO LETTORI
90.10 su 255 voti [ VOTA]
Deicidio
Sabato 22 Luglio 2017, 11.37.19
74
RISPETTO!!!
lisablack
Domenica 30 Aprile 2017, 16.54.54
73
Sto ascoltando adesso questo disco, l'album della mia vita..voto illimitato, eterna devozione.
gianmetal
Mercoledì 8 Marzo 2017, 23.42.49
72
C'é poco da dire,disco CAPOLAVORO
Suarez
Martedì 31 Gennaio 2017, 12.00.56
71
Ci aggiungerei anche a blaze in The Northern sky e hvis lyset tar oss, così giusto per completezza
Masterburner
Martedì 31 Gennaio 2017, 10.01.26
70
All'epoca mi ci volle un pò a riprendermi dallo shock causato dalla produzione caotica e low-fi, alla quale non ero abituato, dopo anni di metal 'registrato bene'. Questo, 'Pure Holocaust' e 'Filosofem' sono i migliori album black di sempre.
enzo assaulter
Martedì 31 Gennaio 2017, 9.39.48
69
99 è troppo poco x questo capolavoro!
Fabio Yaaaaaaaahhhhhh
Martedì 31 Gennaio 2017, 0.45.17
68
Ennesimo capolavoro in ambito black del 1994,e come per Transilvanian Hunger e De Mysteriis Dom Sathanas ha fatto storia,una delle copertine che mi viene in mente quando penso a questo genere,il suo impatto è fondamentale e contribuisce alla nascita del Symphonic Black...per il resto è il loro capolavoro,dall'introduzione fino alla conclusiva tutte le tracce sono sullo stesso livello,se proprio dovessi scegliere tre canzoni direi "I Am the Black Wizards""Into the Infinity of Thoughts" e la stessa "Inno a Satana" che chiude il lavoro più bello della band,gelido come i ghiacci della Norvegia,che forse in quell'anno fa uscire il suo miglior album insieme a quello dei Satyricon
mikmar
Sabato 14 Gennaio 2017, 22.26.46
67
I Dimmu li avevo già sentiti, il secondo disco citato da Terzo no, e nemmeno gli "In The Woods", che reputo interessanti di primo acchitto, forse più vicini agli Agalloch, che non sono Black metal puro, ma sono molto contaminati da altro. Però ammetto che a chi piace veramente il black, questo deve essere un disco imprescindibile, anche se personalmente non ci trovo la fantasia, il genio compositivo, il gelo e la melodia del capolavoro dei Dissection. Spesso e volentieri nei dischi black mi rimane il gelo e basta, ma non mi basta
terzo menati
Sabato 14 Gennaio 2017, 21.36.20
66
Se uno non è portato per il Black se vuole avvicinarsi dovrebbe optare per qualcosa di più orecchiabile, ad esempio enrhroned darkness triumphant oppure morbid fascination of Death, ma va a gusti
klostridiumtetani
Sabato 14 Gennaio 2017, 20.48.27
65
@mikmar, hai mai ascoltato i "Limbonic art", o i "Solefald", o gli "In the Woods"? Comunque hai citato un discone non da poco!!! "Storm of the light's bane" è un capolavoro (secondo me) inarrivabile!
mikmar
Sabato 14 Gennaio 2017, 20.14.52
64
Ogni tanto provo ad ascoltare qualche disco di black metal, pur sapendo che non è esattamente la sfumatura di metal che preferisco. Proprio per questo vado sui dischi ritenuti da tutti i grandi classici, come questo ad esempio, ma niente da fare, non mi piace granchè. C'è un'unica eccezione, che stranamente e incoerentemente per i miei gusti, penso che sia un capolavoro : "Storm of the Light's Bane" dei Dissection. Lì godo. Per il resto trovo poco altro nel back.
Gilli1997
Mercoledì 14 Dicembre 2016, 18.44.53
63
Questo è tutto! Anthems è sicuramente un capolavoro, ma trovatelo voi un esordio glaciale come ITNE. NON ESISTEEEE
space dye vest
Martedì 13 Dicembre 2016, 11.52.36
62
album bellissimo anche se il top gli emperor lo raggiungono con Anthems.
Steelminded
Giovedì 27 Ottobre 2016, 22.30.25
61
Boum! Spata-boum! Boum-boum!
Alcest
Giovedì 27 Ottobre 2016, 22.03.34
60
Album mediocre quanto sopravvalutato. Se dovessi dare 100 a sta roba, Deafheaven dovrei dare 150.
Gilli1997
Domenica 25 Settembre 2016, 10.11.20
59
Il 100 se lo becca tutto. SEMPLICEMENTE ESSENZIALE PER IL BLACK METAL. DIVINO, ULTRATERRENO, TRASCENDENTALE, SPETTRALE, GLACIALE, TAGLIENTE.
lisablack
Mercoledì 10 Agosto 2016, 20.49.56
58
Album Che ascolto quasi ogni giorno da 20 anni a questa parte..mi ha fatto ammalare da quanto e' bello!! Immenso...
Kriss
Venerdì 29 Luglio 2016, 21.30.02
57
Questo Disco è semplicemente di una maestosità e genialità fuori scala.
Metal Maniac
Domenica 3 Aprile 2016, 16.17.00
56
forse è riferito all'esclusivo ambito del symphonic black metal... senza scordarsi di "for all tid" dei dimmu borgir, sempre del 1994, altro album di debutto di quella scena...
Nick
Domenica 3 Aprile 2016, 9.55.35
55
Palma di disco dell'anno con "The principle of evil made flesh"?? Ma scherziamo? Solo in ambito black nel 1994 ci sono state così tante uscite fondamentali...dove li mettiamo hvis lyset tar oss, transilvanian hunger, de mysteriis dom sathanas, opus nocturne, frost...insomma aveva molti più rivali che non il solo, ottimo, debutto dei cradle of filth. Comunque disco spettacolare cosmic keys, i am the black wizards e inno a satana mi fanno impazzire. Voto: 95.
Rob Fleming
Venerdì 22 Gennaio 2016, 18.21.00
54
Nel suo genere (non il mio) un autentico classico. Il black metal non mi piace, però ci sono dei gruppi (Ulver, Satyricon ed Emperor in primis) che meritano più di un ascolto, senza pregiudizi, per quello che hanno saputo creare. Questo album (con Nattens madrigal e Dark medieval times) è stato la colonna sonora della lettura della Trilogia di Magdeburgo di Alan Altieri. Ma scelta fu più felice (e disturbante). La violenza, la maestosità, la furia inconoclasta dei tre libri si sposa perfettamente con The Majesty of the nightsky (la mia preferita), I am the black wizards o Inno a Satana. Ma ogni brano è meritevole di più ascolti, sebbene la voce (ma, me ne rendo conto, è una questione di gusti) non sia assolutamente digeribile. Altrimenti altro che 80, sarei andato ben oltre
Alexi Laiho
Domenica 3 Gennaio 2016, 18.19.40
53
Mai avuto i brividi per 48 minuti di fila. È probabilmente uno degli album Black da ascoltare necessariamente nella vita:l'attacco di Into the Infinity of Thoughts, l'intro di Towards the Pantheon, l'orchestrale durante la parte centralr di Beyond The Great Vast Forest e il riff leggendario di I Am The Black Wizard, pezzo migliore del platter insieme all'opener. 99, perché davanti a sé ha solo un album: Hammerheart dei Bathory.
VomitSelf
Domenica 15 Novembre 2015, 15.34.09
52
Eh vabè. Un classico. 100.
Philosopher3185
Mercoledì 4 Novembre 2015, 21.39.27
51
Capolavoro di Black metal! mi piacciono molto i cori femminili e le orchestrazioni,e il sound piu' nitido e meno marcio rispetto ad altre band..sara' che non sono abituato ad ascoltare il Black Metal,ma il sound troppo marcio e grezzo,non mi piace.
lisablack
Lunedì 13 Aprile 2015, 22.17.31
50
Inno a satana da sola vale 100! Album stupendo.
miss
Martedì 7 Ottobre 2014, 19.03.49
49
Grande bel disco. l'unico problema per me è la voce che mi irrita.
ignis
Venerdì 8 Agosto 2014, 23.35.19
48
Grande Depla!
enry
Lunedì 16 Giugno 2014, 8.48.24
47
Spendo due parole sulla 20th Anniversary Edition. Detto che la Candlelight con sto disco ci sta marciando alla grande (siamo alla terza ristampa), l'edizione è eccezionale e questa volta non ho resistito pur avendo da una vita la stampa originale. Ottimo il remaster di Jens Bogren che rende il suono più potente senza snaturare l'opera originale. Ma le chicche arrivano dai bonus: il 7" As the shadows rise, una tapes del 93 e una versione inedita del disco mix 93. Tutta roba introvabile e, almeno per me, molto interessante, soprattutto il 7".
Cons
Venerdì 9 Maggio 2014, 19.35.18
46
Uno dei più bei dischi black metal
Metal Maniac
Venerdì 9 Maggio 2014, 17.20.44
45
"i am the black wizards" e non "i am the black wizard".
L'Imperatore
Giovedì 1 Maggio 2014, 16.11.29
44
ah ah ah, ottima idea la tua!
Delirious Nomad
Giovedì 1 Maggio 2014, 15.36.45
43
Ogni tanto chissà perchè fanno di queste piccole e irritanti scemenze... Io ho utilizzato un programma per tagliare la canzone in due e metterle l'album "corretto" sul mio mp3
L'Imperatore
Giovedì 1 Maggio 2014, 15.30.45
42
e già hai ragione, ci sono le due cover come bonus tracks... che coglioni però, non potevano ristamparla pari pari senza questa stucchevole inesattezza?
Delirious Nomad
Giovedì 1 Maggio 2014, 15.27.20
41
@L'Imperatore: no no, purtroppo è la ristampa con bonus track di qualche anno fa... Si trova solo quella nei negozi
L'Imperatore
Giovedì 1 Maggio 2014, 15.22.40
40
ma solo io ho la versione con la tracklist differente, con l'intro incorporata dentro a "into the infinity of thoughts"?
Nightfall's Dream
Lunedì 9 Dicembre 2013, 15.32.13
39
Capolavoro IMMENSO...100 e Lode, considerando poi la giovane età dei membri del gruppo quando questa pietra miliare venne alla luce il tutto acquista ancora più enormità...Gloria all'imperatore!
Andy \\\'71
Lunedì 22 Aprile 2013, 8.14.49
38
Capolavoro del genere,insieme al primo stupendo dei Cradle of Filth,che diedero il via al black sinfonico,canzoni stupende con un atmosferica malefica ed una gran tecnica esecutiva voto 95!
Claudio
Lunedì 22 Aprile 2013, 8.04.13
37
Questo è il miglior lavoro Black Metal, tutto il resto sta dietro voto 100
The Nightcomer
Lunedì 18 Marzo 2013, 22.39.55
36
@ vecchio peccatore: In questo perido lo sto ascoltando parecchio e devo ammettere di trovarmi assolutamente d'accordo con te! Ciliegina sulla torta: anche le due covers di Bathory e Mercyful Fate sono splendide!
vecchio peccatore
Lunedì 18 Marzo 2013, 22.18.35
35
Tra i migliori dischi Black di sempre, 95/100 è il mio voto, il più bello degli Emperor, maligno ma contemporaneamente sognante e tremendamente evocativo. Capolavoro assoluto
manaroth85
Domenica 6 Gennaio 2013, 20.18.28
34
capolavoro, chitarre stupende, grandissima la batteria, la voce di IHSAHN è diabolica come non mai..voto 100 senza dubbi uno dei dischi migliori del black metal, attendo con ansia di vederli live prima o poi
The Nightcomer
Giovedì 6 Dicembre 2012, 9.30.45
33
Non credevo mi sarei trovato a commentare un gruppo black, però è decisamente vero che nella vita tutto è possibile! Ricordo, negli anni in cui uscirono questi dischi, di non aver troppo gradito la proposta, nonostante avessi acquistato qualche album (in seguito rivenduto). Saranno il tempo galantuomo e l'età che avanza, ma ascoltando le note di questo album sono rimasto invischiato come un insetto nella tela del ragno. In linea di principio ho sempre considerato positivamente l'utilizzo delle tastiere nel metal, a patto venissero utilizzate intelligentemente, come avviene in questi brani, nei quali un equilibrato amalgama tra atmosfera, oscurità, violenza e tecnica rende l'ascolto (finalmente scevro da pregiudizi), assai gradevole. Davvero un bel disco! Ok lo confesso: la colpa è del Vichingo! A son di vedere il suo avatar degli Emperor mi sono persuaso a varcare l'oscura soglia.
L'Imperatore
Lunedì 5 Novembre 2012, 14.32.09
32
voto: 99.
Persephone
Domenica 26 Agosto 2012, 22.40.26
31
Semplicemente adoro questo disco...
L'Imperatore
Sabato 31 Marzo 2012, 18.24.29
30
ragazzi questo disco è pazzesco... anch'io come il recensore lo descriverei con una miriade di aggettivi, ma lo riassumo con uno solo: MAESTOSO. l'atmosfera SPETTRALE che le tastiere riescono a conferire a questo album mi ha mandato fuori di testa sin dal primo ascolto. CAPOLAVORO A-S-S-O-L-U-T-O.
Enrico
Lunedì 19 Marzo 2012, 0.47.18
29
Voto massimo per questo capolavoro, sfornato da menti geniali e musicisti eccezionali, sempre coerenti con la loro idea di musica. Perfezione...altre parole all'infuori di questa sono superflue.
zacky vengeance 97
Domenica 26 Febbraio 2012, 19.16.38
28
Grande album,anche se il mio preferito è IX equilibium. 85 più che meritato.
il vichingo
Sabato 28 Gennaio 2012, 12.14.27
27
Questo ragazzi è una pietra miliare del Black Metal. Per quel che mi riguarda uno dei dischi più belli non soltanto del black, ma dell'intero panorama metal. Cosmic keys to my creation è probabilmente una delle più belle ed epiche canzoni che abbia mai sentito!! Una volta un mio amico che ascolta hard rock / punk mi ha chiesto di fargli ascoltare qualcosa di Black. Ho preso il mio lettore mp3 e gli ho fatto ascoltare I am the Black wizard. A mio parere, assieme a Battles in the North, Dark medieval Times e Filosofem si tratta dell'apice della scena black. 110 e lode. I tanto osannati Dimmu borgir, che per la carità hanno prodotto due ottimi album, For all Tid e Stormblast (il terzo EDT è buono ma mi piace meno dei primi due), non saranno mai ai livelli di Samoth e soci!! Lode agli Emperor!
Blakkstr90
Domenica 11 Dicembre 2011, 11.55.23
26
Il voto lettori mi fa ridere, quest'album merita 100. IN THE NIGHTSIDE ECLIPSE = BLACK METAL, non si discute. Tutto il resto (Burzum, Dimmu Borgir, Satyricon) viene dopo!
Khaine
Venerdì 9 Settembre 2011, 11.14.54
25
@ Judas: chiaramente bisogna dare certe priorità. E poi di gruppi di nicchia ne recensiamo a iosa in realtà
Judas
Venerdì 9 Settembre 2011, 11.06.15
24
Capolavoro.... peccato qui vengano recensiti solo i lavori in studio delle band al top del movimento black.... Emperor, pietre miliari. Bella recensione comunque, Gabriele.
cobmust
Sabato 23 Aprile 2011, 18.17.14
23
merita 100 come de mysteris . potete recensire anche l'album successivo a questo . grazie
SNEITNAM
Venerdì 17 Dicembre 2010, 19.51.31
22
Una pietra miliare di inestimable valore. Uno dei passi in avanti più importanti nella storia del Black Metal. Malefico, notturno, oscuro, stregato, epico, gelido, estremo. 110 e lode
Pandemonium
Mercoledì 1 Settembre 2010, 18.25.55
21
Capolavoro fondamentale: questo è il symphonic black metal. Grande Furio, voto azzeccatissimo.
enry
Domenica 29 Agosto 2010, 8.07.33
20
Consiglio, sempre che sia ancora disponibile, il box della Candlelight del 2007. Oltre l'ottima confezione il disco è stato finalmente rimasterizzato come si deve, e sia le chitarre che gli intrecci sinfonici hanno un suono mai sentito prima. Hanno ristampato tutta la discofrafia, io ho fatto il sacrificio solo per questo perchè è di gran lunga il mio preferito, e la differenza con la stampa originale c'è e si sente. Voto al disco 95.
Drugo
Mercoledì 9 Giugno 2010, 19.40.14
19
E' stato uno dei miei primi dischi BM. Semplicemente sublime.
DIMMONIU73
Lunedì 7 Giugno 2010, 12.02.38
18
QUESTO DISCO E' IL BLACK METAL!!!
Moro
Domenica 6 Giugno 2010, 15.22.24
17
Un disco incredibilmente notturno. Nessun altro album contiene queste atmosfere plumbee e disperate. Un album ingigantito anche dall'età media dei componenti, che a quel tempo viaggiava attorno ai 18 anni. Incredibili. voto: 98
Nightblast
Domenica 6 Giugno 2010, 10.23.21
16
Questo disco è il puro e semplice emblema del Black Metal...Inoltre ha insita in sè un aura malavagia e sontuosa che ho potuto riscontrare solo in un altro grande capolavoro del passato: "The Return" dei Bathory. "In the Nightside..." e un disco che regala mozioni dalla prima all'ultima nota, un qualcosa di superlativo.
FURIO
Sabato 5 Giugno 2010, 20.20.43
15
Avete ragione! Non ho messo un voto da 100 perchè normalmente cerco di evitarlo, ma in alcuni casi - come questo - ci sta abbondantemente...
Blackster
Sabato 5 Giugno 2010, 19.45.42
14
Potessi dare 100... comunque lo considero di molto superiore a The Principle Of Evil Made Flesh che è pur semre un ottimo disco ma i Cradle of FIlth non mi hanno mai preso
claus
Sabato 5 Giugno 2010, 16.32.31
13
Questo è il disco Black Metal Made In Norge, il mio voto è 100
Giasse
Sabato 5 Giugno 2010, 13.58.23
12
Devo dire che per quanto apprezzi The Principle Of Evil Made Flesh riserverei comunque un paio di punticini simbolici in più a questo In The Nightside Eclipse. Semplicemente eccezionale, nonchè uno dei pochi album sinfo-black ad esaltarmi per davvero!
Blackout
Sabato 5 Giugno 2010, 13.51.48
11
Capolavoro assoluto. Bravo Furio!
n.platz
Sabato 5 Giugno 2010, 13.26.22
10
Pietra miliare, purtroppo non ho mai avuto l'opportunità di vederli dal vivo....e mi rode un bel pò....ragazzi poche storie questo disco è da 100...
Adimiron
Sabato 5 Giugno 2010, 13.09.21
9
aspetto "anthems..."
Ghenes
Sabato 5 Giugno 2010, 12.26.33
8
se non sbaglio il mio primo disco black metal e non potrei non considerarlo FONDAMENTALE!
AdemaFilth
Sabato 5 Giugno 2010, 12.20.23
7
Non sono un estimatore del black ma gli Emperor meritano.
Maiden1976
Sabato 5 Giugno 2010, 12.20.09
6
Al contrario per me è stato semplicissimo innamorarmene. Imprescindibile.
Filippo Festuccia
Sabato 5 Giugno 2010, 11.39.38
5
@Nikolas: è vero, non è un disco facile. è estremo oltre ogni considerazione, perché sembra venire da un altra dimensione. nella top 3 del black metal, direi.
Mika
Sabato 5 Giugno 2010, 11.23.23
4
Quando l' ascoltai per la prima volta, mi sembrò di ascoltare qualcosa di "sacro". Emozionante!
AngelSlayer
Sabato 5 Giugno 2010, 11.12.39
3
Capolavoro.
Nikolas
Sabato 5 Giugno 2010, 11.03.32
2
Assolutamente si! Personalmente l'ho sempre trovato un po' "difficile", ma me ne sono perdutamente innamorato. Capolavoro.
Filippo Festuccia
Sabato 5 Giugno 2010, 10.51.23
1
Capolavoro indiscutibile.
INFORMAZIONI
1994
Candlelight Records
Black
Tracklist
1. Intro
2. Into The Infinity Of Thoughts
3. The Burning Shadows Of Silence
4. Cosmic Keys To My Creations & Times
5. Beyond The Great Vast Forest
6. Towards The Pantheon
7. The Majesty Of The Nightsky
8. I Am The Black Wizard
9. Inno A Satana
Line Up
IHSAHN - voce, chitarra
SAMOTH - chitarre
TCHORT - basso
BARD FAUST - drums
 
RECENSIONI
s.v.
83
92
96
ARTICOLI
16/12/2010
Live Report
GODSPEED YOU! BLACK EMPEROR
Tripod, Dublino, 10/12/2010
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]