Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Long Distance Calling
How Do We Want to Live?
Demo

Mordred
Volition
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

22/09/20
OSSUARY ANEX
Obscurantism Apogee

23/09/20
MYSTHICON
Silva-Oculis-Corvi

25/09/20
SKALMOLD
10 Year Anniversary - Live in Reykjavik

25/09/20
LONEWOLF
Division Hades

25/09/20
VOUS AUTRES
Sel de Pierre

25/09/20
KATAKLYSM
Unconquered

25/09/20
ANNA VON HAUSSWOLFF
All Thoughts Fly

25/09/20
BLOODRED
The Raven/s Shadow

25/09/20
MORTA SKULD
Suffer for Nothing

25/09/20
OBSIDIAN KINGDOM
Meat Machine

CONCERTI

23/09/20
STEVEN WILSON (ANNULLATO)
MEDIOLANUM FORUM - ASSAGO (MI)

26/09/20
STAY STEEL FEST
SKULLS CLUB - SERRAVALLE (SAN MARINO)

27/09/20
VISIONS OF ATLANTIS + YE BANISHED PRIVATEERS + AD INFINITUM
LEGEND CLUB - MILANO

29/09/20
WITHIN TEMPTATION + EVANESCENCE
MEDIOLANUM FORUM - ASSAGO (MI)

03/10/20
PAGAN FEST
LAGHI MARGONARA - GONZAGA (MN)

03/10/20
SKELETOON
LEGEND CLUB - MILANO

08/10/20
HOUR OF PENANCE + GUEST TBA
TRAFFIC CLUB - ROMA

08/10/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
TEATRO CELEBRAZIONI - BOLOGNA

09/10/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
GRAN TEATRO GEOX - PADOVA

09/10/20
ESOTERIC + NAGA + (ECHO) (ANNULLATO)
TRAFFIC CLUB - ROMA

Warlock - True As Steel
( 4337 letture )
Dopo esserci occupati in precedenza di Burning The Witches ed Hellbound, tocca ora a quella che considero la migliore realizzazione dei Warlock -o almeno quella a cui io sono maggiormente affezionato- ossia True As Steel, un vero concentrato di metallo fuso che segnò, assieme ad una manciata di altri selezionati vinili, il mio personalissimo ed ormai purtroppo lontanissimo 1986.

Ottenuta buona visibilità con il lavoro precedente ed inserita ormai abbastanza stabilmente nel circuito metal Europeo, la band capitanata da Doro -la “contenuta” cantante più desiderata dell’epoca- entrò negli studi di registrazione, (i Country Lane prima e gli Hammerton dopo), sotto la guida del produttore Henry Staroste per registrare un album che a conti fatti li proietterà nell’Olimpo del Metal, nel billboard Americano, in rotazione su MTV con un fortunato video, e portando il gruppo ad esibirsi al Monsters of Rock come prima band con una donna dietro al microfono.

Il fatto è che True As Steel era veramente un ottimo album, vero, immediato, sentito, e poteva contare su una serie di anthems di immediata presa che andavano a costituire una tracklist monoliticamente avvincente.
Le danze si aprivano con Mr. Gold, e già mentre scrivo il ritornello mi torna in mente quasi di forza e con immutati effetti da headbanging:

See the master of evil
Diamonds in his eyes
Fingertips like a needle
Stab you from behind.

He´ll pay and price
To buy your heart and soul
He makes a deal with heaven
All he wants is your life.

No mercy for Mr.Gold


E che dire di quello di Fight For Rock? Un pezzo basato su un riff quadrato, heavy nel migliore dei sensi possibile, e poi marchiato a fuoco dal solito chorus senza prigionieri: Fight for rock, We’re dying for rock.. Ingenuo forse, ma di grandissima presa unito alla musica. Atmosfere d’amore epicamente difficile per Love In The Danger Zone, e poi ancora nessun respiro in Speed Of Sound, chitarre serratissime da parte della premiata ditta Arvanitis/Szigeti ed interpretazione da brividi di Doro.
Una raffinatezza mai raggiunta in precedenza è avvertibile in Midnite In China, un pezzo che difficilmente i Warlock avrebbero potuto comporre in precedenza.
Il successivo attacco frontale di Vorwarts, All Right è sicuramente più grezzo, ma ragazzi... nel 1986 questa roba “spaccava” veramente, ed i miei vicini se lo ricordano bene, e visto il volume con cui lo ascoltavo anche tutto il quartiere se è per quello.
Più “facile” Lady In A Rock ‘N’ Roll Hell, ma dal vivo doveva essere veramente coinvolgente, mentre la ballad Love Song risulta superiore alla media in virtù ancora una volta della voce e dell’interpretazione di Doro.
Si chiude con un pezzo tipico come Igloo On The Moon (Reckless) e con i poco più di due minuti di T.O.L. inglobati nel precedente.

Un album quasi perfetto per l’epoca, ben arrangiato, ben prodotto e con un ottimo sound, che nel suo piccolo ha segnato un anno che ha visto molte altre uscite di livello e che ricorderò sempre con grandissimo affetto.

Stay hard
True as steel



VOTO RECENSORE
82
VOTO LETTORI
70.86 su 59 voti [ VOTA]
Silvia
Mercoledì 12 Agosto 2020, 11.21.35
17
Condivido la recensione, molto bella e molto "sentita". Anche x me fu un album importante e infatti lo comprai in vinile (allora si faceva una grande cernita sui titoli). Purissimo metallo anni 80 e grande frontwoman 🤘🏻
Dario
Mercoledì 12 Agosto 2020, 11.07.17
16
Aspettiamo ancora Triumph And Agony...
Peppe
Martedì 5 Aprile 2016, 20.58.09
15
Ok, grazie!
Raven
Martedì 5 Aprile 2016, 16.06.34
14
Prima o poi arriverà
peppe
Martedì 5 Aprile 2016, 16.04.06
13
ma triumph and agony?
Raven
Venerdì 21 Settembre 2012, 12.26.30
12
Roba concepita per i live. Facilona, ma divertente.
fabio II
Venerdì 21 Settembre 2012, 12.26.18
11
ahahah! non ricordavo questo intervento Nightcomer, per fortuna su Metallized non si censura niente.
The Nightcomer
Venerdì 21 Settembre 2012, 12.17.53
10
Ha ha, Fabio e Raven, mi avete fatto sbellicare. In particolare il sillogismo ai limiti della censura (che ricordo anch'io, sebbene in forma leggermente diversa), è irresistibile. Tornando seri: condivido l'analisi tecnica fatta da Fabio nel commento, relativamente al debut ed a Triumph; però a me quell'opener piaceva, nonostante non abbia mai amato certi inni volutamente ruffiani ed un pò troppo orecchiabili.
Raven
Martedì 20 Dicembre 2011, 11.41.34
9
eh eh ti assicuro che era veramente sexy, però c'era mia moglie a pochi metri da me, e non ho potuto approfondire, se no adesso non sarei qui intero
fabio II
Martedì 20 Dicembre 2011, 11.16.45
8
Grande Raven sei un signore, perchè non nè fai mai un questione personale. Sia ben chiaro, la tua opera storicistica del metal ti fa grande onore. Dei Warlock questo è il più equilibrato, quello con più classe. Anche se personalmente il mio preferito rimane il debutto nella sua ingenuità. La mia valutazione di cui sotto è rivisitata in base stato delle cose per come le vedo oggi; all'epoca non la pensavo così, visto che mi sono avvalso anche del successivo 'Triumph'; ma proprio in questo, quando l'opener 'All We Are' ( terribile! ) attaccò, feci scendere il sipario sui Warlock. Chissà magari una voce sussurrata per telefono potrebbe riaccendere i miei appetiti..
Raven
Venerdì 16 Dicembre 2011, 18.25.14
7
che dirti? Il poster di Doro lo avevo anch'io... quello che posso aggiungere è che quando abbiamo parlato al telefono aveva la voce abbassata da un concerto della sera prima, molto sexy, ed mostrava l'entusiasmo di una ragazzina quando parlava degli anni 80, ma anche del presente.
fabio II
Venerdì 16 Dicembre 2011, 16.56.16
6
Ecco, questa è una di quelle band che compravo perchè erano à la page; se la sintassi sonora si menteneva nella media ( i connazionali Steeler non erano di certo inferiori, solo per citare un nome a caso ) per i miei gusti il problema era proprio Doro, sempre per me; una delle peggiori voci femminili ( decisamente monocorde ); anzi credo che proprio che il gentil sesso abbia spalancato le vie del successo presso i metallari dell'epoca e, scusate la trivial-franchezza, ma credo che una celebre frase che avevo letto sul bus scolastico ( 'la voglia è tanta, la figa manca, il cazzo riposa sulla mano stanca') l'abbia scritta un suo fan (ehm...beninteso all'epoca potrei averne approfittato anch'io, boh chi se lo ricorda ahahaha)
raven
Lunedì 12 Dicembre 2011, 15.39.39
5
tanti
The Nightcomer
Lunedì 12 Dicembre 2011, 14.55.28
4
All'epoca ricordo di aver ascoltato molto anche Triumph and Agony. E' da allora però che non lo rimetto sul piatto... Azz, quanti anni sono passati!
AL
Martedì 15 Giugno 2010, 11.32.59
3
grande album! puro metal anni 80, truzzo di brutto, ma sempre grande metal!
Captain Wild
Domenica 13 Giugno 2010, 18.34.54
2
STAY HARD TRUE AS STEEL! BELLISSIMO!
Radamanthis
Domenica 13 Giugno 2010, 15.39.47
1
Grande Doro, grandi Warlock...DORO IS TRUE AS STEEL
INFORMAZIONI
1986
Vertigo
Heavy
Tracklist
01- Mr. Gold
02- Fight for Rock
03- Love in the Danger Zone
04- Speed of Sound
05- Midnite in China
06- Vorwärts, All Right!
07- True as Steel
08- Lady in a Rock 'n' Roll Hell
09- Love Song
10- Igloo on the Moon (Reckless)
11- T.O.L.
Line Up
Doro Pesch – Voce
Niko Arvanitis – Chitarra
Peter Szigeti – Chitarra
Frank Rittel – Basso
Michael Eurich - Batteria
 
RECENSIONI
77
76
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]