Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Candlemass
The Door to Doom
Demo

BlurryCloud
Pedesis
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

22/03/19
ANGEL BLACK
Killing Demons

22/03/19
DYING GORGEOUS LIES
The Hunter and the Prey

22/03/19
STEVEN WILSON
Home Invasion: In Concert At The Royal Albert Hall

22/03/19
FROZEN CROWN
Crowned In Frost

22/03/19
THE TREATMENT
Power Crazy

22/03/19
TERROR OATH
Terror Oath

22/03/19
IMPRECATION
Damnatio Ad Bestias

22/03/19
AORATOS
Gods Without Name

22/03/19
VESPERINE
Espérer Sombrer

22/03/19
ACCURSED SPAWN
The Virulent Host

CONCERTI

22/03/19
PROSPECTIVE
SATYRICON - ALATRI (FR)

22/03/19
PINO SCOTTO + GUESTS
LA CLAQUE - GENOVA

22/03/19
PROFANAL + EKPYROSIS + CARRION SHREDS
EXENZIA - PRATO

23/03/19
FUROR GALLICO
DAGDA CLUB - RETORBIDO (PV)

23/03/19
IMAGO IMPERII + GUESTS
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

23/03/19
SEPTICFLESH + KRISIUN + DIABOLICAL + XAON
CENTRALE ROCK PUB - ERBA (CO)

23/03/19
HELLUCINATION + GUESTS
EVOL LIVE CLUB - ROMA

23/03/19
NANOWAR OF STEEL
MEPHISTO - ALESSANDRIA

24/03/19
SEPTICFLESH + KRISIUN + DIABOLICAL + XAON
ALCHEMICA - BOLOGNA

24/03/19
INCANTATION + DEFEATED SANITY + GUEST
CENTRALE ROCK PUB - ERBA (CO)

Annihilator - Annihilator
( 8851 letture )
Heavy, speed, rock e soprattutto thrash metal: Jeff Waters ci ha viziati bene, prendendo tutti questi elementi (e non solo) e mescolandoli a folle velocità e con una perizia tecnica chirurgica sfavillante nel grande calderone che, ormai dal 1984, prende il nome di Annihilator. Chi non li conosce rispolveri i libri di storia, perchè la band canadese è stata sin dal debut Alice In Hell uno dei pilastri primordiali del thrash metal rivisitato in chiave tecnica, con tonnellate di melodia Made in Maiden saggiamente miscelata alla potenza iperveloce delle band della Bay Area. Un connubio sorprendente dovuto alla passione sfrenata per l'heavy-rock ottantiano di Jeff Waters, oltre che -ovviamente- dalla sua bravura incantevole con la chitarra. Più che una band, un progetto solista di un uomo solo al comando, capace di cambiare line-up con la frequenza con la quale cambiavano i giocatori dell'Inter nel primo decennio di presidenza morattiana, ma al tempo stesso in grado di cogliere risultati sempre eccellenti, come per il successivo Never, Neverland (1990), secondo ed ultimo episodio della prima parte di carriera del fondamentale combo canadese. Gli anni '90 e 2000 hanno infatti segnato un tourbillon di inclinazioni stilistiche, dall'heavy metal melodico e commerciale privato della componente thrash ascoltato in Set The World On Fire e King Of The Kill al ritorno ad un thrash tecnico e potente (Refresh The Demon), dai suoni quasi industrial di Remains al classico stile della band -thrash & melody- riabbracciato in Criteria For A Black Widow, dalle venature hardrock spruzzate qua e là su Carnival Diablos alla direzione ormai moderna e tipicamente Annihilator ribadita da Wacking The Fury e dai successivi tre dischi, sorprendentemente tutti affidati alle corde vocali di uno stesso cantante, evento assai raro nell'hotel canadese: stiamo parlando di Dave Padden, ragazzo dalla timbrica armonica e aggressiva, che su All For You e Schizo Deluxe (quest'ultimo, forse, il più robusto prodotto della formazione dell'Ontario) va a incarnare perfettamente la trasposizione lirica del sound potente e melodico della band. Quello che era un progetto solista è diventato un progetto a due, e a tre anni dall'ultimo disco, Metal, la coppia Waters-Padden torna a ruggire con un lavoro autointitolato (dichiarando semplicemente di non aver trovato un titolo migliore) che resta omogeneo dal primo all'ultimo minuto, privo di ballads e strumentali che in passato si erano fatte piacere e rinvigorendo il sound della band con un'altra serie di sfuriate thrash suonate con meodia non comune.

Gli Annihilator sono infatti una di quelle band dotate di un sound magico e del tutto particolare, che riconosceresti tranquillamente tra decine di imitatori: il marchio dell'ensemble canadese si tasta con mano sin dalle primissime note dell'opener The Trend, abbellite attorno a intricate trame di chitarra ultramelodiche intrise di una musicalità quasi malinconica. Il tocco di Jeff Waters è inequivocabile e suadente: una lunga parte strumentale lascia spazio ad un crescendo di potenza che culmina in un assolo fulminante da capogiro, spalleggiato dalle vocals aggressive e da un ritornello trainante (e canticchiabile) di Padden. Sei minuti di heavy metal classico e moderno al tempo stesso, veloce, che sbatte in faccia a chi non conoscesse questa band seminale tutta l'essenza tecnica della stessa, assoli folgoranti e sezione ritmica potentissima. Ma gli Annihilator, è bene ricordarlo, suonano principalmente thrash metal, e allora ecco due podersoe mazzate sulla nuca come Coward e la successiva Ambush, puri manifesti di adrenalina e furia sparate a velocità incontrollata, un assalto di assoli e riffs eccitanti che duellano mitragliati a mille all'ora e con uno spessore tecnico sorprendente. E a farsi piacere sono anche i refrain vocali, sempre curati e accattivanti nella loro potenza. Cambi di tempo e atmosfera danno tridimensionalità ad ogni pezzo della scaletta, ma sicuramente la peculiarità più affascinante della band americana è quella di saper costruire delle meravigliose parti strumentali, ora brevi ed ora veloci, impreziosite da soli sfibranti e fluidi come l'acqua che sgorga fresca da una sorgente. Ai due pezzi di thrash assassino sopracitati fanno seguito altre due tracce velocissime, ma più complesse e strutturate, decisamente calzanti nella definizione di technical thrash: stiamo parlando di Betrayed e di 25 Seconds, dall'assolo melodico leggiadro; le improvvise accelerazioni tipèiche del genere rendono alla perfezione il concetto di goduria orgasmica che il thrash stesso rappresenta, e se con Nowhere To Go ci imbattiamo nel pezzo più 'commerciale' del lotto -gran ritornello vocale melodico- con The Other Side torniamo su livelli eccellenti di thrash devastante: la velocità d'esecuzione è devastante e da delirio, l'assolo è a dir poco mozzafiato e splendidamente bissato nei minuti introduttivi della successiva Death In Your Eyes, dalla caratteristica ritmica thrash con riffs stoppati e a rincorsa continua.

Naturalmente anche le parti vocali affidate all'ugola di Padden rimangono coinvolgenti e convincenti dal primo all'ultimo brano, e proprio in Death In Your Eyes manifestano un chiaro esempio di come esaltare l'ascolto con ritornelli 'botta e risposta' tipici del genere. Waters è, indubbiamente, un chitarrista sublime, e grazie al suo lavoro in studio Annihilator sembra essere posseduto di una vita propria che sgorga dalle sei corde, come se a suonare sul disco non ci fosse una sola chitarra ma un intero esercito di guitar heroes: l'imprevedibilità e la varietà delle parti strumentali, prolungate e melodiche, lasciano che le stesse si evolvano con armonia orgasmica e tiepida intelligenza seguendo il delinearsi dei pezzi posti in successione, passando per Payback e sfociando nella conclusiva Romeo Delight, cover dei Van Halen che svela tutto l'amore di Waters per il rock d'annata (adora anche gli AC/DC, oltre a tutte le band classiche dell'heavy metal ottantiano). Che dire di un album come questo? Sicuramente la recensione che state leggendo è entusiasta e diretta al pubblico elogio, eppure il voto complessivo, per quanto buonissimo, potrebbe sembrare discostante dai toni enfatici usati tra le righe. L'arcano è presto spiegato: gli Annihilator ci hanno abituato ad album di questa portata, e l'ultimo nato in casa Waters pur essendo godibilissimo e dal valore impeccabile nulla aggiunge ad una discografia già sterminata. Superare Alice In Hell, anche dal punto di vista storico, è pressochè impossibile: per cui lasciamo che gli Annihilator continuino a deliziarci con la loro miscela di thrash, heavy e technical metal man mano che il tempo passa, senza pretendere ogni volta un capolavoro capace di riscrivere la storia per originalità e innovazione.



VOTO RECENSORE
70
VOTO LETTORI
56.17 su 51 voti [ VOTA]
Pink christ
Lunedì 30 Ottobre 2017, 9.51.31
38
Per me è da 80. Lo preferisco a ciò che è venuto dopo, ci son degli assoli pazzeschi
Christian death rivinus
Sabato 17 Dicembre 2016, 0.24.17
37
Album che a me piace...non un capolavoro ma comunque piacevole da ascoltare,la prima traccia e' fantastica....li jeff mostra una tecnica e dei riff firmidabili
Doom
Venerdì 16 Dicembre 2016, 23.00.17
36
Questo devo rimetterlo su, che se non ricordo male era un buon album..lontano dai capolavori del passato come giusto che sia ma comunque con un suono abbastanza incazzato e con la solita fucina di riff.
Jukka
Sabato 11 Maggio 2013, 14.44.48
35
Dave Padden può essere benissimo sostituito in qualsiasi momento che nessuno ne sentirebbe la mancanza anzi...
Steelminded
Domenica 7 Aprile 2013, 19.06.19
34
Rivalutato - in negativo. Di molto. )-; Evviva!
Steelminded
Giovedì 14 Febbraio 2013, 22.47.51
33
A me neanche - 80 di cuore. Le parti solistiche mi fanno godere di brutto.
zerba
Sabato 27 Ottobre 2012, 14.51.58
32
ma son l'unico a cui non dispiace Padden?
The Void
Lunedì 30 Aprile 2012, 18.31.53
31
A me questo disco è piaciuto un sacco! E' grazie a questo, a The Trend, a Coward, che ho scoperto gli annihilator
Undercover
Lunedì 30 Aprile 2012, 17.23.44
30
La bambina non ha tutti i torti, la cover è una schifezza, a me non fa paura ma è ottima dopo una sbronza per buttar fuori la roba in più. Un saluto e te, passa un buon primo maggio e speriamo che il prossimo Annihilator sia meglio di questo.
fdrulovic
Lunedì 30 Aprile 2012, 17.20.03
29
Si, ma la cosa buffa è averlo fatto in contemporanea con un'altra persona!!! . Nel mio caso avevo dei problemi ad ascoltare il disco perchè mia figlia piccola si spaventava alla vista della copertina. Sicchè mi tocco "infilarlo" in un posto nascosto. E me ne dimenticai. Poi con le pulizie di Pasqua di quest'anno.... ) ahahah. Un saluto
Undercover
Lunedì 30 Aprile 2012, 17.12.37
28
eheh capita anche questo, alle volte si viene attirati da dischi, ehm, impensabili XD
fdrulovic
Lunedì 30 Aprile 2012, 17.10.45
27
@Undercover: Non ci posso credere!!!! Anche io sono un paio di settimane che lo ri-ascolto! Si è vero, ci sono passaggi a vuoto, ma devo dire che alla fine lo ascolto volentieri. Tanto che mi sono messo come suoneria del cellulare il primo minuto di "The Trend"... . Ciao.
Undercover
Domenica 15 Aprile 2012, 20.07.43
26
Lo sto riascoltando giusto adesso, è uno di quei dischi che ti fa incazzare, c'è tanta di quella buona carne al fuoco che tiresti le mura giù a bestemmie, perché, perché e ancora perché? A parte Padden che comunque è vero, il ragazzo ha fatto passi in avanti, rende di più anche se non è ai livelli dei cantanti storici Rampage e Comeau, quello che fa imbestialire è ascoltare un Jeff Waters che potrebbe sfornare riff di altissima qualità e in certi momenti ripropone uno pseudo-passato per accontentare i fan della vecchia e si dedica sin troppo agli assoli a quale scopo? Attirare i neofiti con quest'esibizione perpetua di stile? Fossero state tutte sul calibro di "Betrayed" e "The Other Side" sarebbe stata una perla quest'album invece c'è sempre "Nowhere To Go" a ricordarci perché questa realtà sia rimasta in pratica ferma ai box.
Flag Of Hate
Martedì 22 Novembre 2011, 21.51.57
25
Ciao Billo, l'hard disck del mio Pc ha tirato le cuoia alcune settimane fa... ti sono mancato?
BILLOROCK fci.
Martedì 22 Novembre 2011, 21.42.11
24
aah ben tornato eh ??
Flag Of Hate
Martedì 22 Novembre 2011, 21.39.35
23
Un disco dalle alte potenzialità, che però perde punti (e molti, per di più) a causa di un cantante non all'altezza. 65/100. Se avessero avuto una formazione stabile, anzichè le mille che il buon Waters ha collezionato, oggi sarebbero nell'Olimpo del Metal, invece che esser confinati nel ruolo di band di nicchia sconosciuta ai più. Ma dicendo questo, purtroppo, sfondo una porta aperta.
Matocc
Domenica 3 Aprile 2011, 18.38.58
22
gran bel disco a mio parere; veloce e potente... e mi piace pure la copertina!
Diddì Verni
Lunedì 6 Dicembre 2010, 19.46.27
21
a me da fastidio sto cazzo di padden, magari ritornasse joe comeau la sua voce si che stava bene negli annihilator, e jeff waters dovrebbe usare qualche distorsione meno fasulla è + cazzuta
Diddì Verni
Lunedì 6 Dicembre 2010, 19.46.19
20
a me da fastidio sto cazzo di padden, magari ritornasse joe comeau la sua voce si che stava bene negli annihilator, e jeff waters dovrebbe usare qualche distorsione meno fasulla è + cazzuta
Alex
Domenica 17 Ottobre 2010, 14.28.36
19
Disco decisamente buono, ma "Schizo deluxe" rimane secondo me il miglior album da "Never, neverland", nettamente migliore di questo nuovo capitolo e fra i migliori di sempre nella discografia degli Annihilator.
space_85
Martedì 22 Giugno 2010, 17.13.09
18
Bè devo dire che lo ascolto da un pò e confermo il mio 85,la voce di padden ad ascoltarlo con un filo di attenzione denota un netto passo avanti da quella vocina pop di "all for you" (coward!!!! XD).....per la storia dei riff,per me che ero un chitarrista è un paradiso,ma si,avete ragione,la stronzata di pubblicizzarne 66 poteva evitarla,ma non giudico un disco per quello che sento dire...ma per quello che sento e basta!
Er Trucido
Venerdì 18 Giugno 2010, 15.58.04
17
Vero luca, poteva farne una decina in meno e dedicarsi di più al riffing
luca
Venerdì 18 Giugno 2010, 13.36.52
16
ad ascoltarlo su internet sembra ma buono...ma quando vedo scritto sul cd in maiuscolo "66 SOLO IN THIS RECORD!" mi pare una presa per il culo pubblicitaria!cmq rispetto per Waters da grandissimo musicista qual è!
Rumo
Mercoledì 16 Giugno 2010, 11.16.30
15
mmm...non l'ho ancora ascoltato, non vedo l'ora di gustarmelo appena ho tempo...
tribal axis
Mercoledì 16 Giugno 2010, 0.15.49
14
per far meglio del precedente lavoro ci voleva veramente poco e questo disco è qualcosa di più di "meglio del disco precedente". voto: 75
fabriziomagno
Martedì 15 Giugno 2010, 21.23.52
13
meglio delle ultime produzioni, ma piuttosto mediocre lo stesso. Qualche brano carino, alcuni riffs killer (era ora!) e tanta esperienza. Se un giorno lo trovo usato a 5 euro forse lo potrei comprare Voto: 61
ROSSMETAL65
Martedì 15 Giugno 2010, 20.14.21
12
Per me e' un ottimo disco thrash vecchio stampo,con le sue stoppate,le sue ripartenze speed e i suoi riff accattivanti.Ad essere sincero ascolto piu' volentieri questo lavoro,che il nuovo Exodus,anche perche',per finirlo,bisogna prendere un giorno di ferie!
Metalmania
Martedì 15 Giugno 2010, 20.03.28
11
Sono abbastanza d'accordo con il recensore! Secondo me è un buon lavoro, e come già detto da altri, forse il miglior capitolo della band negli ultimi anni!!
Er Trucido
Martedì 15 Giugno 2010, 19.24.20
10
Io l'ho comprato appena uscito, la fan edition con adesivi, portachiavi e spille. devo dire che è superiore a Metal (e meno male), anche se parte bene e poi piano piano cala. Una osservazione: i dischi migliori degli Annihilator sono quelli in è presente una band, non il solo waters...vorrà pur ben dire qualcosa...
UnderCover
Martedì 15 Giugno 2010, 18.23.43
9
Il disco è carino avesse avuto ancora Randy o Joe dietro il microfono le canzoni avrebbero preso una svolta diversa, purtroppo come già altri hanno detto anche qui Padden è l'anello debole, ha un futuro come Popstar ma col metal c'azzecca proprio poco, alle volte è talmente smielato che è da far cadere le @@ come è successo nel precedente "Metal" più volte. Silurasse lui e tenesse i musicisti in pianta stabile. E' vero che Jeff non si è mai ripetuto dopo i primi due come qualità effettiva, personalmente però reputo gli album con Comeau disconi che meritano un gran rispetto.
roby
Martedì 15 Giugno 2010, 17.22.23
8
Però, prossimo album voglio tutte tracce alla The Trend! Cioè con rimandi a fun palace e alice in hell!
Nightblast
Martedì 15 Giugno 2010, 15.41.48
7
Non un capolavoro...Ma quel gusto retrò alla Alice ih Hell, che secondo me si respira per quasi tutta la durata del disco è grandiosa. Inoltre la prova vocale di Padden è molto buona...Il ragazzo ha anche segnato un record...E' il primo cantante che Jeff Waters non licenzia dopo al massimo due dischi...Un graditissimo ritorno, di molto superiore alla debolezza dello scialbo precedente Metal.
roby
Martedì 15 Giugno 2010, 13.49.49
6
Beh, il recensore è molto più entusiasta di me. Comunque sia più o meno anche io la penso cosi, soprattutto con l'ultima parte della recensione. Superare alice in hell è impossibile ormai.
DevizKK(1991)
Martedì 15 Giugno 2010, 13.16.13
5
Nessuno pretende un capolavoro ogni volta,pretendo solo un cantante con i coglioni è chiedere troppo??
space_85
Martedì 15 Giugno 2010, 12.14.46
4
85......mi è piaciuto.....un passo,anzi due,avanti rispetto ai 2 precetenti lavori...padden perfortuna sta migliorando...
Radamanthis
Martedì 15 Giugno 2010, 11.23.11
3
Album a mio avvisso molto bello, suonato come sempre in modo impeccabile e cantato bene (anche se l'ho sempre sostenuto, con un cantante migliore gli Annihilator sarebbero senza dubbio ad un livello superiore). La cover è il biglietto da visita ed è un superlativo biglietto da visita, veramente bella! Considerando l'impossibilità di sfiorare (neanche pensare di toccare) capolavori come Alice in Hell o Never, Neverland questo è senza dubbio uno dei capitoli piu' riusciti della storia della band di Waters. Ps: eh eh, bello si il paragone con la mia amata Inter!!!
Blackster
Martedì 15 Giugno 2010, 11.14.06
2
Ahahaha bellissimo il paragone con l'Inter (di cui ne sono tifoso u.u) e azzeccatissima recensione, non ci si aspetta sempre il capolavoro però io qualcosina in piu' me lo sarei aspettato.
hm is the law
Martedì 15 Giugno 2010, 11.02.25
1
La cover è fichissima!
INFORMAZIONI
2010
Earache Records
Thrash
Tracklist
1. The Trend
2. Coward
3. Ambush
4. Betrayed
5. 25 Seconds
6. Nowhere to Go
7. The Other Side
8. Death In Your Eyes
9. Payback
10. Romeo Delight
Line Up
Dave Padden - Vocals
Jeff Waters - Guitars, Bass
Ryan Ahoff - Drums
 
RECENSIONI
70
45
84
70
72
79
75
75
76
70
75
90
89
ARTICOLI
09/12/2017
Live Report
TESTAMENT + ANNIHILATOR + DEATH ANGEL
Live Club, Trezzo sull'Adda (MI), 1/12/2017
16/12/2016
Intervista
ANNIHILATOR
Non abbiamo mai smesso di crederci
15/09/2015
Intervista
ANNIHILATOR
Ho vinto io!
18/08/2013
Intervista
ANNIHILATOR
A tu per tu con Jeff Waters
22/11/2011
Articolo
ANNIHILATOR
La biografia
11/11/2010
Live Report
ANNIHILATOR
Live Club, Trezzo Sull'Adda (MI), 03/11/2010
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]