Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Protest The Hero
Palimpsest
Demo

Oneiric Celephaïs
The Obscure Sibyl
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

03/07/20
POWERWOLF
Best Of The Blessed

03/07/20
MORA PROKAZA
By Chance

03/07/20
BLACK FUNERAL
Scourge of Lamashtu

03/07/20
HAUNT
Flashback

03/07/20
CONVOCATION
Ashes Coalesce

03/07/20
LEPROUS
Coal / The Congregation (ristampa)

03/07/20
BORIS
NO

03/07/20
POLTERGEIST
Feather Of Truth

03/07/20
IMPERIVM
Holy War

09/07/20
NUCLEAR WINTER
StormScapes

CONCERTI

02/07/20
VOLBEAT (SOSPESO)
ROCK IN ROMA - IPPODROMO DELLE CAPANNELLE (RM)

03/07/20
ROCK THE CASTLE (day 4) - POSTICIPATO
CASTELLO DI VILLAFRANCA - VERONA

04/07/20
LYNYRD SKYNYRD (SOSPESO)
LUCCA SUMMER FESTIVAL - LUCCA

04/07/20
NOIROCKERCAMP IV (POSTICIPATO)
SANTA NINFA (TP)

05/07/20
ROCK THE CASTLE (day 6) - POSTICIPATO
CASTELLO DI VILLAFRANCA - VERONA

05/07/20
PEARL JAM + PIXIES (SOSPESO)
AUTODROMO INTERNAZIONALE ENZO E DINO FERRARI - IMOLA

06/07/20
DEEP PURPLE + GUESTS (SOSPESO)
BOLOGNA SONIC PARK - ARENA PARCO NORD - BOLOGNA

06/07/20
FAITH NO MORE (SOSPESO)
IPPODROMO SNAI SAN SIRO - MILANO

06/07/20
MARKY RAMONE + WAHNSINN + RUNN + THE VORTICOUS (SOSPESO)
DRUSO - RANICA (BG)

08/07/20
THE DEAD DAISIES (SOSPESO)
LIVE CLUB - TREZZO SULL'ADDA (MI)

Amorphis - Tales From The Thousand Lakes
( 7305 letture )
Durante la mia adolescenza vivevo il territorio musicale come il luogo dell'inatteso. Ascoltavo dall'hard rock al prog all'aor al metal ma ancora la mia sete rimaneva inappagata; immaginavo infatti possibilità musicali volte ad una forte impronta evocativa in grado di smuovere le mie più nascoste ed oscure emozioni.
Quando scoprii Tales from the Thousand Lakes degli allora giovanissimi Amorphis rimasi euforico e turbato, sembrava ci fosse qualcosa di inquietante in quelle teoriche infinite possibilità che quel disco apriva alla mia rinnovata coscienza musicale. Fu come una droga: benchè infatti presto compresi di non poterne più fare a meno, il mio animo non pareva in grado di reggere o contenere tutta quella dirompente forza.

Una forza che scaturisce innanzitutto dalla freschezza e dalla spontaneità, doti ad esclusivo appannaggio dei giovanissimi: questi spregiudicati ragazzi finlandesi nell'ormai lontano 1994 (musicalmente parlando sembra un'era fa!), ancora tecnicamente acerbi, misero insieme un album capace di trascendere gli allora canonici stilemi del death metal (genere che tra l'altro attraversava un periodo di crisi) in favore di un'amalgama in cui a prevalere sarebbe dovuta essere l'atmosfera, il sentimento. Al centro della poetica amorfa c'è infatti una forte sensibilità verso l'epica del proprio Paese, Tales è infatti incentrato sul mito Kalevala: i finlandesi ci raccontano di un'epoca che si va allontanando con apparente vorticosa rapidità da noi, ma ci è al contrario molto più vicina di quanto sospettiamo, perchè in essa c'è gran parte di quel che ancora oggi siamo.
Fedeli alla regola in cui in un'opera l'emozione giganteggia proprio quando non è raccontata o comunque ostentata, gli Amorphis mettono in scena il mito con una sempicità espressiva disarmante: il loro è uno stile empatico e coinvolgente, capace di alternare situazioni spiccatamente drammatiche a puri momenti ad ampio respiro epico, senza però mai perdere di vista il suo essere molto diretto e poco impegnativo all'ascolto.
Benchè Tales poggi solidamente su fondamenta death melodiche sarebbe disonesto ricondurre il disco unicamente a tali sonorità. A tal proposito mi rifiuto di pensare che le diverse anime che convivono all'interno del disco (doom, folk, gothic per citarne alcune) siano in qualche modo studiate o volute: l'intera tracklist suona alle mie orecchie come un fluire continuo di giovanile spontaneità, di ragazzi che con pochi mezzi a disposizione (tecnici ed economici – la produzione non è niente di che) puntano tutto sulla forza dell'emozione e dell'ideale, ed è proprio questa la magia. Prendete ad esempio il pezzo di chiusura, Magic and Mayhem: chi si sarebbe mai sognato una chiusa così secca e dalle sonorità al limite della techno (!) dopo un inizio struggente subito tramutatisi in un riff di ispirazione classic doom? Pazzesco, veramente pazzesco.
E ciò che precede non è certo da meno: tonnellate di riff diretti e coinvolgenti (in puro finnish style) fanno il paio con le travolgenti melodie intessute dalla chitarra solista mentre un cantato growl di pregevole fattura (non posso dire lo stesso delle clean vocals, l'unico elemento – per fortuna sparuto - che non sopporto di quest'album) alimenta di aggressività e peso specifico i brani. Ma la grossa differenza la fanno le tastiere, utilizzate come mai prima di allora in ambito death: tutto ciò che le riguarda, dai suoni ai tempi di utilizzo (sempre misurate e mai sovrautilizzate), donano al feeling del disco quell'effetto di mistero ed al contempo di intima malinconia che ha immortalizzato quest'album nel cuore di chiunque gli abbia prestato attenzione.

In seguito gli Amorphis sforneranno diversi lavori di assoluta classe ma il loro testamento spirituale è tutto contenuto in questo grandioso masterpiece.
Perciò se siete degli animi troppo nobili per gli uomini d'argilla, le gallerie o i macellai d'anime, allora i mille laghi finlandesi potrebbero proprio fare al caso vostro.



VOTO RECENSORE
83
VOTO LETTORI
83.72 su 108 voti [ VOTA]
duke
Domenica 31 Maggio 2020, 13.35.20
35
...disco maestoso....di gran qualita' e fascino .....capolavoro !
Freccia
Domenica 31 Maggio 2020, 11.15.19
34
Concordo con gli ultimi due commenti... Secondo me il più bel disco death di sempre... Lo comprai quando uscì e da allora non ho mai smesso di apprezzarlo!
Kiodo 74
Martedì 21 Aprile 2020, 2.55.25
33
Questa dannata quarantena ormai mi ha fatto scambiare la notte per il giorno.....ed allora da amante del crepuscolo ne approfitto per contemplare dischi magici che in piena notte in cuffia hanno un fascino diverso......ti cullano e ti inondano di piacere come sta succedendo ora con questo meraviglioso ed indimenticabile album sopra recensito che ti trasporta direttamente nelle terre finniche innevate camminando su sponde di laghi ghiacciati ed attraversando foreste incantate mentre in lontananza si odono eleganti melodie ed echi di oscuri rituali nordici.......Tales è un gioiello raro..... Voto 92. Ossequi!
Mrsleaze
Martedì 24 Marzo 2020, 23.54.57
32
Lo ascolti e ti senti avvolto dall'inverno scandinavo...voto 97
tartu71
Lunedì 9 Settembre 2019, 12.31.45
31
e ma gia' si sentiva il talento, la classe....
ch3m15try
Mercoledì 20 Marzo 2019, 16.44.39
30
ne mescolano di cose, stavo cercando death anni novanta da alternare agli at the gates e ho trovato questo disco, sorprendentemente variegato e d'altri tempi. bello (in crescendo, tra l'altro).
simonefraskogene
Lunedì 19 Giugno 2017, 13.03.04
29
Questo disco è fondamentale per il death anni 90. Voto:95
TheSkullBeneathTheSkin
Giovedì 15 Giugno 2017, 22.44.54
28
Buon album, anche se acerbi e malprodotti c'era solo da scommetterlo e sperarlo che avrebbero fatto grandi cose in futuro, perchè una Black Winter Day tante band non la scriveranno mai, da sola vale l'album intero, una gemma di pura magia. Oppure procuratevi l'omonimo EP
Doomale
Lunedì 7 Marzo 2016, 14.00.58
27
Non l'ho mai commentato??bene...rimedio subito!d'accordissimo con chi lo ritiene uno dei migliori album anni 90!...Stupendo Capolavoro.
Voig
Lunedì 7 Marzo 2016, 12.24.32
26
Poche balle, album fondamentale della scena anni '90
Rob Fleming
Sabato 16 Gennaio 2016, 14.10.09
25
Per i miei personalissimi gusti faranno di meglio. Ma i germi son già tutti qui: Into hiding, The casaway, Black winter day... 70
Galilee
Sabato 19 Aprile 2014, 14.11.30
24
Il miglior disco degli Amorphis. È uno de migliori dischi Metal anni 90. 95/100
deedeesonic
Mercoledì 15 Maggio 2013, 18.28.14
23
Ricordo che lo comprai a Zurigo... ne restai folgorato e le mie sensazioni furono le stesse del recensore
Andy '71
Venerdì 18 Gennaio 2013, 9.26.36
22
Concordo, questo è un fottuto capolavoro,una perla rara. voto: 95!
organium
Martedì 6 Novembre 2012, 22.34.51
21
Concordo con Theo qui sotto, capolavoro assoluto, Voto: 93
Theo
Domenica 16 Settembre 2012, 15.04.30
20
Capolavoro! Per me il più bello degli Amorphis: Voto 90
tommy
Domenica 9 Settembre 2012, 18.35.13
19
macchè...li ho scoperti 1 ora fa ed ho ascoltato il disco su you tube...veramente coinvolgente...ovviamente è molto easy listening per il genere a cui appartiene ma ripeto l atmosfera è veramente ottima...ok ascolterò anche il successivo...
enry
Domenica 9 Settembre 2012, 18.15.54
18
Tommy se non l'hai ancora fatto recupera anche il successivo 'Elegy', meno death metal, molta melodia mai pacchiana, molte più clean vocals...Quello che poi è diventato il best seller della band, anche se io preferisco un pelo di più questo.
tommy
Domenica 9 Settembre 2012, 17.58.10
17
molto coinvolgente...lo sto scoprendo ora...diciamo che è molto melodico rispetto ad un certo tipo di death....ottime le tastiere...la forza di questo disco al contrario di molte produzioni metal è la semplicità come precisato dal recensore...grande atmosfera grande disco davvero...mentre scrivo sono al primo ascolto e non ho dubbi sul fatto che sia un ottimo disco grazie alla sua immediatezza...il voto potrebbe essere forse una media tra il 90 per il pathos ed un 70 abbondante per tecnica...
enry
Giovedì 6 Settembre 2012, 18.59.32
16
Disco strepitoso, io che mi lamento dei voti sparati questa volta mi lamento del contrario xd...90 secco.
vitadathrasher
Giovedì 6 Settembre 2012, 18.22.38
15
Conosciuti quando uscì il disco e ascoltato tutt'ora. Atmosfere di altre terre (finniche). In questo tipo di sonorità apprezzerei un altro tipo di voce....Musiche stupende appiattite da un growl che ne inibisce il coinvolgimento
il vichingo
Venerdì 8 Giugno 2012, 10.59.35
14
Uno dei massimi capolavori del metal estremo, niente da eccepire. Tutto è perfetto, anche la copertina (una delle mie preferite in assoluto). Un 90 su 100 è d'obbligo.
The Nightcomer
Mercoledì 16 Novembre 2011, 22.07.55
13
E' stato il primo che ho ascoltato di questa band (preso all'epoca di uscita), poi ho avuto la fortuna di vederli dal vivo dalle mie parti durante il tour di elegy (gli headliners erano i Therion)... Il debutto, che pure non mi spiace, non avrebbe lasciato immaginare l'evoluzione successiva: questo album ed elegy sono quelli che preferisco degli Amorphis.
Savy
Domenica 16 Ottobre 2011, 22.32.24
12
Decisamente il miglior album che gli Amorphis abbiano inciso a mio parere, è perfetto. Non saprei proprio che canzone scegliere come preferita di questo masterpiece, tutte quante mi lasciano infinite e piacevoli emozioni.
LazzaLazza
Domenica 16 Ottobre 2011, 22.27.01
11
questo CD è fantastico, lo trovo il migliore della discografia
AL
Lunedì 5 Settembre 2011, 15.46.16
10
disco che merita veramente! bella copertina!
DevizKK(1991)
Domenica 10 Ottobre 2010, 18.40.57
9
Disco della madonna!!!Personalmente amo in maniera assurda anche le Clean vocals!!!!!
Aileen
Lunedì 5 Luglio 2010, 14.38.04
8
Quanti ricordi evoca! anch'io lo ascoltai appena uscito e Black Winter Day è stato in assoluto il primo pezzo in growl che abbia mai cantato!
hm is the law
Lunedì 5 Luglio 2010, 12.49.29
7
Un disco che amo e che bella la cover!
N.I.B.
Sabato 3 Luglio 2010, 16.28.44
6
Stupendo... preso anch'io appena uscito...!!!!
Ghenes
Giovedì 1 Luglio 2010, 0.42.55
5
ho comprato il cd quando è uscito ma con Elegy avrebbero dato un segno importante a tutta la scena.
Autumn
Mercoledì 30 Giugno 2010, 17.21.46
4
Mi riferivo al declino di metà anni 90 del death della vecchia scuola, americana ed europea. Il genere ha poi tratto nuova linfa vitale grazie ai derivati: brutal, melodic ecc.
AngelSlayer
Mercoledì 30 Giugno 2010, 10.26.57
3
Mi spieghi perchè il death passava un periodo di crisi? Per curiosità eh, non per dire nulla alla tua recensione, eppure non riesco a comprendere quella frase. Comunque album da 85, forse un po' troppo sopravvalutato, il quale, spero, non verrà rovinato dai nuovi Amorphis ma soprattutto dal nuovo cantante che è una sega col growl, lo faccio meglio io mentre dormo.
Metal Pedro '71
Mercoledì 30 Giugno 2010, 1.18.02
2
Mi ricordo quando acquistai questo cd lo presi cosi senza conoscere niente di loro solamente grazie ad una recensione che avevo letto, forse su metal shock mi sembra, me ne sono subito innamorato grande album per me un pezzo da NOVANTA........
fabriziomagno
Mercoledì 30 Giugno 2010, 0.58.18
1
uno degli album che mi ha maggiormente influenzato: giorni e giorni a cantare (?!?!) i testi e a suonare Into Hiding...eehh...gioventù! Il cuore dice 100, il buon senso 87.
INFORMAZIONI
1994
Relapse Records
Death
Tracklist
1. Thousand Lakes
2. Into Hiding
3. The Castaway
4. First Doom
5. Black Winter Day
6. Drowned Maid
7. In The Beginning
8. Forgotten Sunrise
9. To Fathers Cabin
10. Magic And Mayhem
Line Up
Tomi Koivusaari – vox, guitar
Esa Holopainen – guitar
Olli-Pekka Laine – bass
Jan Rechberger – drums
Kasper Martenson – keyboards
 
RECENSIONI
80
83
82
70
75
80
88
s.v.
70
79
85
95
83
77
ARTICOLI
17/02/2019
Live Report
AMORPHIS + SOILWORK + JINJER + NAILED TO OBSCURITY
Live Club - Trezzo sull'Adda (MI) - 12/02/2019
16/04/2016
Live Report
AMORPHIS
Fabrique, Milano (MI), 11/04/2016
04/12/2015
Live Report
NIGHTWISH + ARCH ENEMY + AMORPHIS
Unipol Arena, Casalecchio di Reno (BO), 29/11/2015
22/04/2013
Intervista
AMORPHIS
Gli aedi del "lirismo finnico"
11/12/2011
Intervista
AMORPHIS
L’inizio dei tempi è lontano
20/11/2011
Live Report
AMORPHIS + LEPROUS + NAHEMAH
Alcatraz, Milano, 16/11/2011
04/12/2010
Live Report
AMORPHIS + ORPHANED LAND + GHOST BRIGADE
Estragon, Bologna, 26/11/2010
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]