Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Candlemass
The Door to Doom
Demo

BlurryCloud
Pedesis
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

22/03/19
THE END MACHINE
THE END machine

22/03/19
PSYCHOPUNCH
We Are Just As Welcome As Holy Water In Satans Drink - 22nd anniversary special edition

22/03/19
DYING GORGEOUS LIES
The Hunter and the Prey

22/03/19
IMPRECATION
Damnatio Ad Bestias

22/03/19
FROZEN CROWN
Crowned In Frost

22/03/19
THE TREATMENT
Power Crazy

22/03/19
TERROR OATH
Terror Oath

22/03/19
S91
Along The Sacred Path

22/03/19
ANGEL BLACK
Killing Demons

22/03/19
AORATOS
Gods Without Name

CONCERTI

22/03/19
PROSPECTIVE
SATYRICON - ALATRI (FR)

22/03/19
PINO SCOTTO + GUESTS
LA CLAQUE - GENOVA

22/03/19
PROFANAL + EKPYROSIS + CARRION SHREDS
EXENZIA - PRATO

23/03/19
FUROR GALLICO
DAGDA CLUB - RETORBIDO (PV)

23/03/19
IMAGO IMPERII + GUESTS
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

23/03/19
SEPTICFLESH + KRISIUN + DIABOLICAL + XAON
CENTRALE ROCK PUB - ERBA (CO)

23/03/19
HELLUCINATION + GUESTS
EVOL LIVE CLUB - ROMA

23/03/19
NANOWAR OF STEEL
MEPHISTO - ALESSANDRIA

24/03/19
SEPTICFLESH + KRISIUN + DIABOLICAL + XAON
ALCHEMICA - BOLOGNA

24/03/19
INCANTATION + DEFEATED SANITY + GUEST
CENTRALE ROCK PUB - ERBA (CO)

Dream Theater - Awake
( 16834 letture )
THE GREAT DIVIDE
L’uscita sul mercato di Awake equivalse a una scossa tellurica di magnitudo considerevole, che andò a scuotere con vigore le fondamenta dell’universo Dream Theater.
Registrato tra maggio e luglio del 1994, il disco fu pubblicato nell’ottobre dello stesso anno, ma per molti fan del gruppo il platter non era nato certo sotto una buona stella. Ad agosto dello stesso anno la notizia dell’abbandono di Kevin Moore arrivò secca e tagliente quanto un colpo di mannaia di un boia. Il tastierista -autore di alcune delle più belle melodie scritte dal gruppo- salutò tutti e andò a cercare pascoli più verdi da brucare; si disse a causa di divergenze musicali tra Moore e il resto della band, anche se i più maligni insinuarono un’incompatibilità tra Kevin e il crescente ego di Portnoy, sempre meno disposto a stare dietro le pelli e sempre più incline a dar sfogo al proprio solipsismo. Bisogna riconoscere che l’assenza di Moore poneva dei seri dubbi sulla sopravvivenza della band e, soprattutto, scatenò una contagiosa diffidenza nei confronti dell’album che avrebbe visto la luce circa tre mesi dopo: era più o meno questo lo stato d’animo della fitta schiera di supporter dei teatranti, quanto mai spaccati proprio alla vigilia dell’uscita dell’album. Così, ancor prima dell’uscita del disco, i Dream Theater furono costretti a trovare un sostituto per rimpiazzare il vuoto lasciato da Moore, vuoto che non sarebbe certo stato facile da riempire per il nuovo arrivato, data la caratura compositiva ed esecutiva dell’ormai ex-tastierista. Quello che molti non sanno, ma scommetto non i fan della band, è che i Dream Theater avevano già individuato il suo successore, e parliamo di Jordan Rudess, che dopo la sola data del 9 Settembre fu costretto a declinare la proposta per tener fede agli impegni presi coi Dixie Dregs. Tutto da rifare, quindi, col nuovo Waking Up the World Tour, pianificato da metà ottobre, ormai alle porte. L’uomo su cui ricadde l’investitura -per il momento solo come turnista- fu l’istrionico Derek Sherinian, già visto all’opera on stage con mostri sacri come Kiss ed Alice Cooper.

La spasmodica attesa dei fan di mezzo mondo finì il 4 ottobre e, se ci si aspettava una conferma dopo il capolavoro Images and Words, il risultato fu l’esatto contrario: una spaccatura ancor più profonda nella fanbase dei Dream Theater. Awake suonava cupo, oscuro e a molti perfino incomprensibile. Se da un lato questo svegliarsi gli fece guadagnare credibilità tra i metallari più oltranzisti -per merito di un sound granitico, e qui gran parte del merito è da attribuire all’Ibanez 7 corde di Petrucci che gli consentiva di raggiungere tonalità più basse- dall’altra la schiera di progster storceva -a dir poco- il naso dinanzi a soluzioni violentissime quali Lie o The Mirror. Sul disco aleggiava -e aleggia ancora oggi a distanza di tanti anni- un’atmosfera cupa, pesante e malinconica, per molti frutto del canto del cigno di Moore che -come confermato da Portnoy- si stava lentamente e progressivamente allontanando dagli altri componenti della band. Se a questi fattori sommiamo la già citata sferzata heavy, probabilmente scaturita dall’effetto farfalla del ciclone Pantera che aveva investito con forza, in quegli anni, l’intero panorama metal, bè, allora ci può risultare più comprensibile la frattura -quasi insanabile- che generò Awake tra i fan del gruppo. Parte qui la dicotomia amore-odio che contraddistingue da sempre il gruppo.

La rullata di 6:00 è, effettivamente, un vero e proprio colpo di genio. Solo una mente come quella di Portnoy poteva immaginare di aprire una canzone con un vero e proprio “riff di batteria”. Per i più curiosi c’è da segnalare che questo è l’unico album in cui Mike ha utilizzato un drum kit Mapex al posto della consueta Tama. Tornando al pezzo, le tastiere vagamente cyber, l’aggressività della chitarra di Petrucci, il basso incalzante di Myung e, soprattutto, la voce acida e aggressiva di LaBrie -altra scelta molto discussa- completano il quadro di una canzone molto diversa da quelle contenute in Images and Words, la quale fin dall’inizio scrive a caratteri cubitali in prima pagina che parecchie cose erano cambiate in casa DT. Per darvi un’idea, mi pare utile proporvi un video dal tour in Giappone del 1995:



Ulteriore conferma del cambiamento la dà Caught in a Web, altro pezzo che trasmette -con la musica e col testo- l’angoscia prospettata dal titolo: l’unica apertura più melodica la si registra nel ritornello. Al terzo gradino compare una canzone che, al contrario, si apre con un bel lavoro melodico di Petrucci. Innocence Faded squarcia la folta coltre di nubi che staziona su Awake per far entrare un raggio di luce che tenta -invano- di risollevare i toni di un disco per lunghi tratti tenebroso. Da rimarcare l’assoluta prestazione di LaBrie, del quale vi propongo un piccolo estratto da Score (2006) per smentire le malelingue che lo davano per defunto da parecchi anni orsono -anche se, ad onor del vero, bisogna ricordare che James ebbe notevoli problemi per tutto il tour a causa dell’infezione alle corde vocali contratta a Cuba nel Dicembre del ’94, che ne minerà le performance dal vivo almeno fino al 1999:



Segue un’altra perla che mandò in visibilio i progster più incalliti: la strumentale Erotomania. Nella canzone ci vengono anticipati alcuni temi delle due tracce successive -con le quali forma la minisuite A Mind Beside Itself- che culminano nel bellissimo ritornello di The Silent Man suonato con l’elettrica da Petrucci. Un inquietante giro di basso apre Voices, lungo pezzo che colpisce per la camaleontica capacità di cambiare pelle più volte in soli nove minuti, caratteristica evidenziata magistralmente dai continui cambi di registro di LaBrie, forse ai massimi livelli di espressione artistica; in coda Petrucci ci dimostra perché viene considerato da molti uno dei migliori chitarristi sul globo terracqueo. The Silent Man è un autentico capolavoro: l’unica canzone interamente acustica della band è una ballata struggente e malinconica di cui non posso fare a meno di riproporvi il video ufficiale, nel quale potrete scorgere per la prima e ultima volta John Myung alle prese con una chitarra.



Se il disco fino a questo punto era risultato sconvolgente per buona parte dei sostenitori dei Dream Theater, da questo punto in poi, e cioè dopo l’accoppiata killer The Mirror-Lie, s’incattivisce picchiando duro, e ripeto duro, sul muso dell’ascoltatore. Poco più di tredici minuti per una doppia bordata di metallo allo stato puro. The Mirror è costruita su un piccolo intro scritto ai tempi di Images and Words, chiamato Puppies On Acid, che la band usava per introdurre Take the Time e che in futuro attaccherà a Just Let Me Breathe. La particolarità di questo breve pezzo è data dal fatto che Petrucci suona sempre la stessa nota. Insomma, una doppietta letale come questi due pezzi è davvero difficile da trovare; intanto, beccatevi il bel video di Lie, dove purtroppo la canzone appare mutilata per questioni di minutaggio:



È ancora il basso ad aprire la meravigliosa Lifting Shadows Off A Dream, altra ballad malinconica e angosciante dove la penna di Myung sfiora moments of being, per dirla con le parole di Virginia Woolf, di assoluta poesia:

Lifting Shadows
Off a Dream once broken
She can turn a drop of water
Into an Ocean


La successiva Scarred è il terzo pezzo a iniziare con un giro di basso di Myung, forse quanto mai presente come su questo album. Si tratta di un lungo pezzo di undici minuti facilmente catalogabile sotto la dicitura progressive: molto suggestiva la parte finale che parte col lungo assolo di Petrucci. Un pianoforte struggente che gronda malinconia da ogni nota apre il pezzo più triste, tetro, oscuro e impenetrabile mai composto dai Dream Theater, o meglio, partorito dall’oceanica mente di Kevin Moore, che regalò l’ultima preziosissima perla a schiere di fan in giro per il mondo. Una chiusura perfettamente in linea col mood dell’album.

Probabilmente, i detrattori di Awake hanno veramente capito l’album solo dopo anni di distanza. Spesso ci vuole molto tempo per abituarsi ai cambiamenti e per valutare con maturità un disco; questa valutazione avviene grazie alle lenti della saggezza che solo il susseguirsi degli anni possono far indossare. Voi intanto però non perdete altro tempo e andate a comprare questo disco.



VOTO RECENSORE
97
VOTO LETTORI
82.77 su 203 voti [ VOTA]
Riky
Martedì 26 Febbraio 2019, 15.57.42
99
Magnifico
Luka2112
Sabato 9 Febbraio 2019, 0.08.31
98
Ultimo disco con Kevin Moore e si sente, personalmente nel precedente Images and words trovavo bruttissimo e “finito il suono del rullante ” qui al contrario il suono della batteria ma non soltanto quello ,è decisamente un passo in avanti, belle le atmosfere più pesanti così come quelle più rarefatte di Space dye vest ad opera di un sempre ispirato è mai troppo invadente Kevin Moore.
Philosopher3185
Martedì 27 Febbraio 2018, 23.04.49
97
Ottimo album,all'inizio non mi piaceva e cè voluto un po' di tempo per assimilarlo,ero partito con l'idea di ascoltare qualcosa di simile a image and words e sono rimasto spiazzato ma ora l'ho apprezzato molto..anche se in alcuni passaggi mi annoia un pochino...
TheSkullBeneathTheSkin
Mercoledì 6 Dicembre 2017, 17.49.07
96
Non ho mai amato troppo quest'album ed i DT in generale, ma ancora oggi di tanto in tanto vado a ripescarlo ed ascolto sempre e solo Lifting shadows off a dream... il crescendo del pezzo è qualcosa di liberatorio, come cantare sotto la doccia, non importa se da schifo o salendo come labrie: fino a dove il fiato vi fa arrivare sentite la libertà.
Psychosys
Lunedì 29 Maggio 2017, 15.26.40
95
Era da un po' che sentivo parlare dei Dream Theater come una band dall'ascolto difficile che necessita di molto tempo per essere apprezzata. Avevo già ascoltato Hollow Years ma ufficialmente sono partito da Awake, scelto come primo approccio con la band come ai vecchi tempi: mi piacevano titolo e copertina. E che dire, amore a primo ascolto. 6:00 è diventata immediatamente la mia canzone preferita del gruppo anche se dovrei citare tutte le canzoni della tracklist per onore del merito. Awake è decisamente un masterpiece del genere - con una delle copertine più belle che abbia mai visto - e non posso che inchinarmi di fronte ai Dream Theater, in particolare a Kevin Moore (Erotomania e Space Dye Vest!!!) , per essere riusciti a creare atmosfere simili.
iron69
Martedì 14 Marzo 2017, 13.06.59
94
Secondo me è un'Image & Words 2 tanto è bello, innovativo e completo, di soliti li ascolto di seguito...Per me voto 99. Tastiere di Moore splendide come sempre.
venom
Venerdì 25 Novembre 2016, 0.29.00
93
comprato all epocaquando usci.disco di rara bellezza un capolavoro assoluto uno dei miei preferiti di sempre. petrucci semplicemente stratosferico.
Maxdaft
Giovedì 24 Novembre 2016, 23.54.51
92
Li seguo proprio dall'uscita di questo Capolavoro. Ho fatto un po`fatica all'inizio a capirlo..troppo complicato per le mie ancora giovani orecchie..Ora posso dire che mi e`entrato nel cuore, per me il loro migliore disco.
TheFreeman
Mercoledì 19 Ottobre 2016, 23.13.46
91
Il mio album preferito della loro discografia, ed in generale della musica, per me è secondo solo a White Pony dei Deftones (opinione personale eh).
Jojo
Sabato 23 Aprile 2016, 14.02.08
90
Quando lo sentì per la prima volta gli avrei dato al massimo un 65. Oggi dopo anni di ascolti e riascolti gli do un 95 minimo, inferiore solo a I&W e SFAM. Una canzone meglio dell' altra, le ultime 2 poi...sono da pelle d'oca.
Charleston11
Domenica 28 Febbraio 2016, 20.28.39
89
SPETTACOLARE
Undertow
Domenica 14 Febbraio 2016, 12.43.33
88
Grande grandissimo album. Ammetto che anche io ci misi un po' a farmelo piacere davvero (a differenza di quanto avvenne con Images and Words, lì fu amore a primo ascolto). Allo stato attuale viene subito dopo I&W e Scenes from a Memory. Erotomania impareggiabile. Scarred uno dei miei pezzi preferiti dei DT. @ Rob Fleming: Aridaje co sto "freddo"...ma perché a te i Dream Theater primi tempi fanno veni' tutto sto freddo? (ho già letto il commento su I&W)
Max
Martedì 9 Febbraio 2016, 8.40.31
87
Probabilmente l'ultimo grande album! In seguito , soprattutto con l'arrivo di Rudess, si sono avvitati nell'autocelebrazione tecnica , nella gara a chi è più bravo, ma nel vuoto e nella ripetitività compositiva.(quasi quasi meglio quando hanno osato fare una capatina nel thrash/speed ,versione DT!!) In questo lavoro ancora di più si apprezzano la discrezione e l'incisività delle tastiere di Moore che sapevano creare la giusta atmosfera senza mai essere banali e noiose, cosa che succede invece spesso con Rudess , impegnato a rincorrere gli assoli di Petrucci!!!
Rob Fleming
Giovedì 21 Gennaio 2016, 11.36.26
86
Non mi è mai piaciuto più di tanto. L'ho sempre trovato eccessivamente freddo con rare eccezioni: la bellissima Space-dye vest (stupendo epitaffio per Kevin Moore); Voices, The mirror e Lie. VOTO 70
Christian death rivinus
Giovedì 3 Dicembre 2015, 1.36.44
85
E' stato il primo disco dei d.t. Che ho avuto e resta per me non solo il mio preferito ma anche il migliore
Alessandro Piria
Mercoledì 2 Dicembre 2015, 22.37.35
84
Altro disco tra i più belli in assoluto del prog e dalle intriganti atmosfere che a sentirlo non sembrerebbe scritto da chi 2-3 anni prima compose Images & Words !
Thrasher87
Domenica 25 Ottobre 2015, 10.43.21
83
@freedom: Grazie del supporto :')
Therocker77
Giovedì 10 Settembre 2015, 17.50.38
82
Bellisimo disco, dei Dream gli unici album presenti nella mia collezione sono questo, il precedente ed il successivo..dei tre Awake è quello a cui sono più legato a che preferisco, I&W è certamante il loro capolavoro e Falling il più easy..
freedom
Mercoledì 29 Luglio 2015, 12.13.37
81
Mi sento di appoggiare l'ultimo commento in tutta la sua brutalità. Disco fantastico.
Thrasher87
Mercoledì 29 Luglio 2015, 12.07.42
80
@fango ma che stracazzo stai dicendo?
Vitadathrasher
Domenica 26 Aprile 2015, 16.05.22
79
Insieme a images......i lavori migliori. Band troppo "brava" troppo presuntuosa, troppo glaciale. Alcuni spunti gli trovo belli e superlativi, altri cadono nell'eccesso.
fango
Domenica 26 Aprile 2015, 15.43.27
78
Disco che sancisce la fine dei DT...ultimo loro album acquistato e usato come spessore per non far più muovere un mobile in salotto....
dimebag89
Domenica 26 Aprile 2015, 15.20.51
77
Dopo il capolavoro Images and Words, ecco Awake. Un disco diverso, più oscuro, per certi versi coraggioso ma siamo comunque di fronte ad uno dei migliori lavori del Teatro del Sogno. Nella mia personale classifica di gradimento lo metto sul podio,e poi Space-Dye vest è qualcosa di indescrivibile..
Steelminded
Mercoledì 11 Marzo 2015, 15.17.23
76
Pino, ma guarda che Moore è vivo ancora... se fosse così geniale a differenza delle pippe Petrucci e Rudess che non fanno altro che sbrodolare note ne avremmo sentito parlare di più no (sono ironico)?
Pino
Mercoledì 11 Marzo 2015, 15.04.46
75
Per me basterebbe Space Dye Vest a renderlo un capolavoro. E a farmi rimpiangere per sempre Kevin Moore
Steelminded
Lunedì 4 Agosto 2014, 17.59.52
74
Su questo ti dò ragione sai? Mai amato a fondo...
UpLoad
Lunedì 4 Agosto 2014, 17.52.02
73
Mai esaltato....
Galilee
Giovedì 26 Settembre 2013, 11.18.22
72
Questo è l'unico disco dei dream theater che mi piace veramente. Non amo particolarmente il genere né la band in sè, e i virtuosismi heavy prog. Sono invece un gran fan del prog rock anni 70, ma questa è un'altra storia. Anyway, l'album ai tempi lo ascoltai parecchio. Ha un suono cupo, dark, che con la voce di labrie a far da contrasto , risulta molto accattivante e ipnotico. Concordo con recensione e voto.
Macca
Giovedì 26 Settembre 2013, 11.01.15
71
Il mio primo dei DT, mi convinsi ad ascoltarlo dopo che lo trovavo ovunque sugli scaffali di qualunque negozio...credo sia la copertina che odio di più al mondo Bellissimo album, questo e I&W sono gli unici album loro che possiedo. Non sono un loro fan accanito quindi non entro nelle lamentose diatribe sul fatto che siano finiti o meno, non me ne frega neanche nulla a dire il vero: questi due album sono splendidi e stop.
Olof
Martedì 20 Agosto 2013, 23.20.21
70
Genesis dell'era Gabriel, Metallica, Death. Questo il podio, poi tanti altri tra cui i Dream Theater fino a train of thoughts... I generi rispecchiano i vari gruppi, Thrash metal, Progressive rock e metal, progressive death metal. Comunque possiamo parlarne meglio magari sul forum!
Steelminded
Martedì 20 Agosto 2013, 20.36.57
69
Olof, in effetti mi sa che ne abbiamo già parlato. Per curiosità: quali sono i tuoi 4 gruppi preferiti? E i generi?
Olof
Martedì 20 Agosto 2013, 14.38.54
68
Eh lo so Steelminded, ne abbiamo già parlato altrove... Li ho amati alla follia, chiusoni adolescenziali che nemmeno immagini con gli album anni '90: però sono 10 anni buoni che io, personalmente, mi sento deluso e "tradito" da loro. E' proprio perchè mi hanno affascinato così tanto con i primi album, dove vedevo sentimento mischiato perfettamente a una tecnica sopraffina, che ora sono così dispiaciuto riguardo le uscite post Scenes from a Memory. Ormai quello che loro mi trasmettono è sfoggio di tecnica e tempi dispari fini a se stessi, quasi suonassero davanti allo specchio per compiacersi da soli. C'E' un post Awake di cui si può e si deve parlare, ed è davvero una lunga discesa, non tecnica, ma qualitativa.
Steelminded
Martedì 20 Agosto 2013, 14.18.49
67
Ebbeh... per me é un classico caso di ascoltatori che non apprezzano i DT in quanto tali... ci può stare, punto. Anch'io non amo il new metal, il core, il post-tutto, l'AOR e il black metal. Voglio dire non amo i Cradle of Filth, ma non mi metto a disquisire su quanto siano calati dopo Dusk and Her embrace (che comunque non era male). Volenti o nolenti i DT sono questi, album fantastici, con alti e bassi, ma sempre di alto livello qualitativo. Non c'é un pre o post Awake di cui si possa parlare, vi é stata qualche leggera evoluzione ma la coerenza stilistica e qualitativa della loro opera per me é evidente. Poi é assolutamente legittimo non apprezzarli in quanto tali - ma il discorso fino a Awake sì, poi la merda per me non ha alcun senso... Evviva!
Olof
Martedì 20 Agosto 2013, 14.18.27
66
freedom
Martedì 20 Agosto 2013, 14.11.40
65
"Sistemati il Coso". Ahahahaha!!! Grande!
Undercover
Martedì 20 Agosto 2013, 13.11.16
64
Concordo parola per parola con Olof.
Olof
Martedì 20 Agosto 2013, 13.06.09
63
Caro Steelminded, non riusciamo quasi mai ad essere d'accordo! Per me Awake se la batte con Images & Words, e forse tra i due preferisco proprio Awake. E, rifacendomi al tuo commento nella rece di Change of season, parli di "una strana orda di denigratori dei Dream Theater", che schifano tutte le uscite post Awake... Per me è esattamente così; Awake è il top, mai più raggiunto: si sono molto avvicinati con Scenes From a Memory, altro disco stellare, ma tutto il resto si barcamena tra buone cose (six degress e train of thought) cose davvero mediocri (octavarium, suite compresa) altre cose al limite della decenza (gli ultimi due) o sotto la decenza (sistemati il coso)... i veri DT muoiono dopo Images e Awake, d'altronde era impossibile bissarli.
Steelminded
Domenica 18 Agosto 2013, 23.28.22
62
wow (commento 60) secondo me non ha torto... Da fan di tutta la discografia DT, devo dire che Awake non è tra i miei preferito (per quanto lo ritenga sempre un grandissimo album)...
BJP
Sabato 17 Agosto 2013, 12.25.38
61
Ritorno su quest'album dopo due mesi. Trovo che le tracce e la produzione del disco siano stupende. Concordo con il voto della recensione
wow!
Domenica 9 Giugno 2013, 1.21.15
60
see..97...ma chi mette i voti ai dischi??? Mahhhh... Album a detta della maggior parte dei fans dei DT, tra i piu deboli...
BJP
Giovedì 6 Giugno 2013, 22.20.25
59
Pur non amando il prog, ho comunque voluto acquistare questo e il precedente album dei Dream Theater (Images and Words).. Di quest'album conoscevo solo Caught in a Web e Lie. Nel corso di questi ultimi due giorni (Awake l'ho acquistato ieri) ho avuto modo di ascoltarlo: ci trovo molte canzoni interessanti e belle (le già citate Caught in a Web e Lie, Erotomania, Voices e The Silent Man per il momento)... Continuerò ad ascoltarlo
dreamtheaterlove
Martedì 14 Maggio 2013, 23.27.35
58
stupendo questo album... un album con i contro coglioni
opeth72
Martedì 14 Maggio 2013, 16.59.16
57
scusa,,,, ARRRAYA...
opeth72
Martedì 14 Maggio 2013, 16.47.12
56
@ARRAYA... no so per quale motivo , ma la pensiamo spesso alla stessa maniera.... su alcuni commenti.... qui e forse con - Metropolis Pt. 2: Scenes from a Memory.... si sono un po' esauriti.....
Fabio II
Sabato 6 Aprile 2013, 22.34.08
55
Che disco! Caught in a web
marco
Sabato 2 Febbraio 2013, 18.08.59
54
Cd bello ma non eccezionale.
Arrraya
Domenica 27 Gennaio 2013, 0.23.43
53
Ascoltando i Chroma Key del Buon Kevin Moore ho capito dove son morti (per me) i DT. l'anima umana della band aveva portato via con se il meglio. Per me l'ultimo grande album dei DT, il resto arrivato in seguito è una sequenza di album perfetti dal punto di vista tecnico-formale, ma privi di anima appunto.
zerba
Venerdì 28 Dicembre 2012, 1.56.04
52
Six o'clock on a Christmas morning!!!!!!
Delirious Nomad
Domenica 9 Settembre 2012, 15.31.55
51
Un album stupendo, avvolgente, in cui la melodia é da cercare, la produzione incredibile e i Theater grandiosi. 97 non solo perché se lo merita, ma anche perché, secondo me, é proprio adatto (io vedo il numero 97 e penso ad Awake !) Dimenticavo...una delle cover che in assoluto preferisco.
Almetallo
Domenica 9 Settembre 2012, 13.21.42
50
Album bellissimo il mio primo dei Dream incredibile dalla prima al ultima canzone !!!!
Joker
Lunedì 2 Luglio 2012, 19.31.00
49
E da questo album decisi quale strada intraprendere: Amore, a prescindere. Che sia l'album più tetro ed oscuro dei Dream, insieme a Train Of Through, non ci sono dubbi; ma che poesia ragazzi!!! Ancora una volta questi mostri della musica si dimostrano capaci di grandi imprese, creando un album veramente stupendo, che con la sua misticità ci trasporta in luoghi dipinti di nero e nuvole grigie. Dire che Scarred non è da brividi significa rifiutare le emozioni che la musica stessa regala. Voto 97
Simone
Giovedì 12 Gennaio 2012, 13.22.21
48
Quest album mi fa ringraziare Dio di non essere sordo
Master Killer
Domenica 27 Novembre 2011, 22.40.27
47
proprio nella parte iniziale della batteria intendevo T_T
Master Killer
Domenica 27 Novembre 2011, 22.38.17
46
Matocc: .-. nel senso che la parte iniziale è molto bella infatti per la semplicità dell'inizio D: poi il resto è davvero bello D:
Matocc
Giovedì 24 Novembre 2011, 20.08.24
45
@ Master Killer: " la semplice 6:00 " ?!???!!??? con questa puoi fare un provino per Zelig!
Master Killer
Giovedì 24 Novembre 2011, 19.47.22
44
Ooooh quanto lodo questo Disco, la bellezza di questo disco si trovano in alcune traccie come Caught in a Web, la potentissima Mirror/Lie (che considero queste due canzoni come una delle migliori canzoni potenti mai scritte dai Dream Theater) la commovente Space Dye Vest, la semplice 6:00 E Le altre traccie che insieme uniscono un CD Da avere subito, e da ascoltarlo 24 h su 24 (io è già da tre giorni che mi ascolto pezzo per pezzo Awake e devo dire che non mi annoio mai!! 98 Per me
Macbeth
Martedì 27 Settembre 2011, 13.51.41
43
Well done, sir, well done!
Fabio
Sabato 24 Settembre 2011, 21.02.43
42
Posso dirlo? Album che, prima di Erotomania, non mi dice assolutamente niente. Dopo è delirio puro. Voto 90
Ascarioth
Venerdì 23 Settembre 2011, 20.34.50
41
MMMMMamma mia che album... 100.
alessio
Mercoledì 31 Agosto 2011, 11.46.26
40
... massima espressione artistica della band... 99
luci di ferro
Mercoledì 3 Agosto 2011, 21.15.21
39
Dream theater - AWAKE CAPOLAVORO ASSOLUTO, MONUMENTO DEL PROGRESSIVE, MASTERPIECE, OLD WORK, senza troppi se e ma, ALBUM DA AVERE.
Sono il vostro Dio
Sabato 18 Giugno 2011, 3.02.44
38
disco spettacolare...Erotomania è un pezzo strumentale non stupendo...di più!
EDDIE
Mercoledì 1 Giugno 2011, 0.44.58
37
che disco!!!sopra i 90
blackie
Giovedì 5 Maggio 2011, 0.35.32
36
grandioso.il disco che preferisco con un petrucci stellare e un portnoy come sempre inarrivabile.il loro disco piu heavy.stupendo
Argo
Martedì 3 Maggio 2011, 17.38.23
35
Disco massiccio. Bellissimo, ogni volta che lo ascolto non posso fare e meno di tornare indietro al 94... begli anni.
Rob
Martedì 3 Maggio 2011, 17.22.20
34
Vabbè, almeno ti piace la recensione thx Electric Warrior...
Screamforme77
Martedì 3 Maggio 2011, 16.23.25
33
correggo "....un Masterpiece come AWAKE..." -I MAKE MY AMENDS-
Screamforme77
Martedì 3 Maggio 2011, 16.20.20
32
@Electric.I gusti sono senz'altro gusti,ci mancherebbe e rispetto ogni parere.Io non so se a te piacciono i DT salvo non resistere dal farti rapire dalla magia di I&W(se la risposta è no allora si spiegherebbero molte più cose).Ma leggere una critica su un Masterpiece come devo ammettere che mi da una sensazione molto ma molto strana.A meno che e ribadisco non ti piace la musica dei Dream Theater allora il discorso sarebbe diverso.
Screamforme77
Martedì 3 Maggio 2011, 16.20.14
31
@Electric.I gusti sono senz'altro gusti,ci mancherebbe e rispetto ogni parere.Io non so se a te piacciono i DT salvo non resistere dal farti rapire dalla magia di I&W(se la risposta è no allora si spiegherebbero molte più cose).Ma leggere una critica su un Masterpiece come devo ammettere che mi da una sensazione molto ma molto strana.A meno che e ribadisco non ti piace la musica dei Dream Theater allora il discorso sarebbe diverso.
Electric Warrior
Martedì 3 Maggio 2011, 15.16.07
30
La recensione mi è piaciuta veramente molto, ma il disco purtroppo non mi piace per nulla. Ho ascoltato Images & Words fino alla noia e in questo Awake non trovo nulla che assomigli ai Theater del precedente disco. Alcuni pezzi sono sufficienti (Erotomania) altri indecenti (The Mirror, Lie, sembra di ascoltare i Metal Church). Un disco che si perde molto su se stesso, noioso. 50
Gouthi
Venerdì 31 Dicembre 2010, 13.50.09
29
Comprai questo disco verso Marzo, e solo un paio di mesi fa circa ho capito quanto sia un capolavoro. Do 99 anche a questo. Tra tutte le traccia, spiccano sicuramente Erotomania, Voices, Lifting Shadows off a dream, Scarred e Space-Dye Vest!
madovesono
Giovedì 30 Dicembre 2010, 2.26.49
28
grande disco, pieno di prog e di varietà di soluzioni come ormai i DT non hanno più da tempo...anche io ci ho messo un po' di ascolti per capirlo...bellissimo
Franky1117
Mercoledì 15 Settembre 2010, 2.10.17
27
ah quando ancora erano un grande gruppo.....disco stupendo,vario e ispiratissimo.su tutte erotomania voices e scarred
Franky1117
Mercoledì 15 Settembre 2010, 2.10.16
26
ah quando ancora erano un grande gruppo.....disco stupendo,vario e ispiratissimo.su tutte erotomania voices e scarred
Matocc
Venerdì 3 Settembre 2010, 22.43.25
25
il mio primo album dei DT, lo ricevetti in regalo... stupendo! disco abbastanza difficile, posso capire le iniziali perplessità dei fans della prima ora -anche se personalmente non ho mai dubitato della validità di questa release. fantastico il drumming di 6:00, magnifica TSM, bella pesante Lie, poi CIAW, Voices e la mitica strumentale Erotomania... e infine lei, LSOAD... pura poesia... chi ancora non ce l'ha se lo procuri, è un grandissimo disco!!!!!
Gemini
Lunedì 9 Agosto 2010, 15.30.20
24
Ok, al primo ascolto l'ho odiato: troppo diverso da quello che avevo sentito fin a quel momento ("Images..." e "Metropolis 2" ai tempi). Poi però poco a poco mi ha preso, e canzoni come "Erotomania", "Innocence Faded", "The Silent Man" sono piccoli gioielli, per non parlare di quel capolavoro dimenticato di "Lifting Shadows...". Anche qui rilancio il mio appello: torna Kevin!!! 85
toni
Venerdì 6 Agosto 2010, 15.09.39
23
Pur rimanendo un disco davvero molto bello IMHO è un po' esagerato il 97! E' evidente come in questo album i DT - o il loro produttore- cercano disperatamente un singolo che li lanci in ambiti un po' più mainstream. Le canzoni sono più mature e riflessive rispetto ad Images and Words e su tutte spiccano le già citate Lie, the Mirror e Space Dye Vest. Purtroppo con la partenza di Moore i DT hanno perso un bravissimo compositore e molto del loro suono prog. Altri episodi sono meno memorabili ma comunque interessanti e sensati. Tutto sommato Awake è un album molto bello che però non copre l'unica lacuna dei DT ovvero di accostarsi alle sonorità mainstream pià in voga del momento; nel '94 gli U2 tiravano di brutto...e allora ascoltate certi riff, fill di batteria, soluzioni sonore su lifting shadows off a dream (canzone bellissima per carità, mi riferisco alla produzione), e noterete certe assonanze.
Plinio
Giovedì 8 Luglio 2010, 11.56.25
22
Dopo live at Marquee che fu il mio primo contatto con i Dream (il mio gruppo preferito di sempre), questo disco mi fece entrare definitivamente in un nuovo mondo musicale. Non posso non adorarne i contenuti. Ogni album dei Dream merita a prescindere da quello che suonano!!
Flv
Mercoledì 7 Luglio 2010, 17.28.08
21
le parole con cui si chiude la recensione mi rappresentano perfettamente , all'epoca rimasi deluso sopratutto dall'indurimento del sound in un momento in cui andava di moda rincorrere certi suoni ... da dietro questo c'era molto di piu' e me ne sono accorto col passare degli anni scoprendo a poco a poco uno dei dischi piu' importanti del genere . Bella recensione , grazie !!
Rob
Martedì 6 Luglio 2010, 13.00.19
20
Che ormai sia in fase calante è evidente. E penso di averlo scritto anche in qualche recensione dei DT, ma non ricordo quale Cmq, l'ultima volta che li ho visti dal vivo, -Ottobre 2007 a Roma- cantò benissimo!
Painkiller
Martedì 6 Luglio 2010, 9.11.50
19
@Rob: può darsi, ma sono più le volte che canta malaccio ormai di quelle in cui canta bene!
Rob
Martedì 6 Luglio 2010, 2.29.13
18
@sonny73: grazie! @Painkiller: LaBrie anche nel 'Live at Budokan' non è malaccio...
sonny73
Lunedì 5 Luglio 2010, 16.09.24
17
...dimenticavo, complimenti per la recensione!!
sonny73
Lunedì 5 Luglio 2010, 16.07.01
16
album di non facile assimilazione se non avezzi al genere ma dando il giusto tempo si può riscoprire un capolavoro!
Painkiller
Lunedì 5 Luglio 2010, 14.44.43
15
Di questo album ho amato molto alcune canzoni, altre le ho sempre trovate noiose. Mi spiece essere fuori dal coro ma per i miei gusti Images e Scene f.a.m. sono superiori. E poi LaBrie dal vivo non riesce più a scandire le parole dei ritornelli, come quello di caught in a web, perchè deve preoccuparsi di urlare...vero, score è l'unico live in cui canti bene...peccato. 75
Croptic
Lunedì 5 Luglio 2010, 12.06.58
14
Disco mostruoso con una produzione incredibile, secondo me migliore di quella di I&W.
Jimi The Ghost
Domenica 4 Luglio 2010, 18.01.31
13
"L'unico possibile criterio di verità è la percezione dell'accordo o del disaccordo che la mente percepisce fra esse."(John Locke) Tutti d'accordo. Nessun escluso. Opera in atti dei Dream. Nessuna polvere sul disco. JTG
hm is the law
Sabato 3 Luglio 2010, 22.30.08
12
Disco fantastico una sinfonia metal pazzesca. Ottima rece Rob!
Jack
Sabato 3 Luglio 2010, 22.11.19
11
STREPITOSO
Screamforme77
Sabato 3 Luglio 2010, 20.08.28
10
Era ora! Non poteva mancare qui queata race.Come ho ho detto nel commento di I&W ho conosciuto i DT grazie a 2 canzoni di questo album(Erotomania e The Mirror).Gia dai primi ascolti capii che nn si trattava di una Band come le altre e specialmente nell ascolto di Erotomania,nn pensavo ke una band metal potesse essre cosi variegata in una stessa traccia.Il Disco in questione lo metto di pokissime unita dietro I&W.Grazie a questi due capolavori e alla suite ACOS sono diventato un grande loro fan;amero anke tutti gli album successivi e precedenti,ma le loro migliori opere sta nell intero lotto di I&W e in gran parte in questo album.Tutto questo nn significa che il resto sara da buttare o ke sara roba limitata anzi....dico solo ke purtroppo nn raggiungeranno piu certi livelli ke sono ineguagliabili.Cio ke mi colpisce di Awake sono le sue atmosfere avvolgenti e il suo pathos incredibili specie in canzoni come:Voices,Lifting Shadows Off A Dream ,Scarred e Space Dye Vest.L'apertura di 6:00 è ottima ma andando avanti mi accorgo ke sara la canzone con meno attrattiva.Caught In A Web è un ottimo pezzo aggressivo e dal ritornello accattivante.Innocenced Faded era l'unica canzone assiema a SDV ke nn conoscevo quando lo comprai,il suo inizio mi sa molto di una sigla da sit-com,il ke mi da dimostrazione della loro versitilita e poi c'è quell acuto di james ke da solo vale tutto il pezzo.Erotomania è il loro miglior pezzo strumentale.D Voices ho gia detto prima.Silent Man è pura poesia e i loro riprise di Erotomania sia cantati ke acustici rendono tutto piu interessante.The Mirror anke se si torna a strutture piu semplici è fantastica e Lie è un ottimo pezzo Heavy.Le ultime 3 sono un vero capolavoro nota per nota,Lifting.....ribadisco è una delle migliori opere e nn ho mai capito perke nn è considerata nel lotto dei grandi classici almeno quanto lo merita.Di Scarred,altro capolavoro assoluto,conoscevo la versione di OIALT e ricordo quanto rimasi colpito all ascolto dell assolo ke rimane il mio preferito dei DT.Space Dye-Vest è l'ultima perla di Moore degna di un grandissimo artista ke senza di lui i DT nn saranno piu gli stessi(nn me ne voglia il pur GRANDE Jordan Rudess).
Rob
Sabato 3 Luglio 2010, 15.46.05
9
@LaSte e metal4ever: alla fine ho mantenuto la promessa, grazie a voi per i complimenti! Vorrei aggiungere che anche per me 'Awake' è stato il primo contatto ravvicinato con i Dream Theater...
Broken Dream
Sabato 3 Luglio 2010, 14.54.34
8
Da fan accanito della prima parte della loro carriera [da qui il mio nick..] lo metto tra i migliori dischi prog metal di sempre e il mio secondo preferito dietro l'irraggiungibile I&W
Autumn
Sabato 3 Luglio 2010, 14.43.04
7
L'estrema delicatezza di lifting shadows non è più stata lontanamente eguagliata. Album magnifico
Blackster
Sabato 3 Luglio 2010, 14.33.58
6
Che musicisti pazzeschi... che album pazzesco... Capolavoro!!!
Khaine
Sabato 3 Luglio 2010, 14.33.30
5
Il mio primo disco dei DT... che ricordi. Lo ascolto ancora molto spesso. Che dire? Album così non vengono fuori tutti i giorni... se capita uno ogni anno è tanto!
metal4ever
Sabato 3 Luglio 2010, 14.23.46
4
Evviva!!!!!!!!! finalmente è arrivata!!! Bè che dire è un album strasferico!! inferiore solo ad I&W un album cupissimo, che tuttavia esprime delle sensazioni bellissime, ed ogni volta che lo ascolta mi catapulta in un sogno..l'alchimia tra sound grezzo e melodico e al dir poco perfetta!!! un altro grande capitolo dei DT, Complimenti rob gran bella recensione e il 97 ci sta tutto!!
LaSte
Sabato 3 Luglio 2010, 14.10.26
3
Oh, e Lifting shadows off a dream su tutte! "Moved by desire and fear, he takes a few steps away"...Myung dovrebbe parlare più spesso!!! O scrivere, quanto meno...
LaSte
Sabato 3 Luglio 2010, 14.06.18
2
Wow, da quanto tempo aspettavo di veder comparire questa rece! Quindi innanzitutto GRAZIE! Che altro aggiungere a quanto già magistralmente detto da Roberto?? I DT come non erano mai stati, e come non saranno più! Un album oscuro, freddo; se I&W era il giorno, Awake è la notte, una di quelle notti terse d'inverno delle mie parti, in cui anche il brillio delle stelle si fa inquietante, sembra quasi un messaggio in una lingua impenetrabile. Amo questo disco alla follia! Innocence faded, Erotomania, Voices, The silent man, Scarred mi lasciano ogni volta senza parole! So che probabilmente sono l'unica al mondo, ma sento di amarlo anche più di I&W. Spero solo di vedere alzarsi la media lettori... per me è 99! E ancora complimenti!
AL
Sabato 3 Luglio 2010, 13.31.22
1
Lifting shadow... è una delle mie canzoni preferite dei DT! questo è un album spettacolare anche se preferisco Images and words (ma di pochissimo)... cmq quando c'era facevano degli album incredibili !
INFORMAZIONI
1994
EastWest Records
Prog Metal
Tracklist
1. 6:00
2. Caught in a Web
3. Innocence Faded
4. Erotomania
5. Voices
6. The Silent Man
7. The Mirror
8. Lie
9. Lifting Shadows Off a Dream
10. Scarred
11. Space-Dye Vest
Line Up
James LaBrie - Vocals
John Petrucci - Guitar
Kevin Moore - Keyboards
John Myung - Bass
Mike Portnoy - Drums & Percussions

Sito ufficiale della band
 
RECENSIONI
77
70
65
70
65
71
93
s.v.
82
70
83
99
72
88
97
99
88
ARTICOLI
12/05/2017
Live Report
DREAM THEATER
Images, Words & Beyond. Auditorium Agnelli, Torino, 7/5/2017
26/01/2014
Live Report
DREAM THEATER
Along for the Ride Tour, OBIHall (ex Saschall), Firenze 21/01/2014
26/02/2012
Live Report
DREAM THEATER + PERIPHERY
Mediolanum Forum, Assago (MI), 21/02/2012
10/07/2011
Live Report
DREAM THEATER + GAMMA RAY + ANATHEMA
Ippodromo Delle Capannelle, Roma, 04/07/2011
09/05/2011
Articolo
DREAM THEATER
Da Mike a Mike: critica alla telenovela
15/09/2010
Articolo
DREAM THEATER
Un Teatro di Sogni infranti da Mike?
14/11/2009
Intervista
DREAM THEATER
La band ieri, oggi e domani
03/11/2009
Live Report
DREAM THEATER + OPETH + BIGELF + UNEXPECT
Zoppas Arena, Conegliano Veneto (TV), 30/10/2009
08/11/2007
Intervista
DREAM THEATER
Parla Mike Portnoy
03/11/2007
Live Report
DREAM THEATER + SYMPHONY X
Palalottomatica, Roma, 26/10/2007
08/11/2005
Live Report
DREAM THEATER
Palamalaguti, Bologna, 30/10/2005
22/02/2005
Articolo
DREAM THEATER
La biografia
05/03/2004
Live Report
DREAM THEATER
Palamalaguti, Bologna, 06/02/2004
05/04/2003
Articolo
DREAM THEATER
La biografia
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]