Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Rome in Monochrome
Away from Light
Demo

Arch Echo
Arch Echo
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

23/04/18
NO FUN AT ALL
Grit

23/04/18
SHRINE OF THE SERPENT
Entropic Disillusion

26/04/18
AETRANOK
Kingdoms Of The Black Sepulcher

27/04/18
TOTALSELFHATRED
Solitude

27/04/18
SPITEFUEL
Dreamworld Collapse

27/04/18
DRAKKAR
Cold Winters Night

27/04/18
BLOOD TSUNAMI
Grave Condition

27/04/18
FACING THE ORACLE
Haunted One

27/04/18
MIDAS FALL
Evaporate

27/04/18
FOREIGNER
Foreigner With The 21st Century Symphony Orchestra & Chorus

CONCERTI

21/04/18
ROGER WATERS
UNIPOL ARENA - BOLOGNA

21/04/18
KRASHAH + PROLIFERHATE + IN-DIGNITY
POP EX-LAVANDERIE RAMONE - TORINO

21/04/18
EXUMER
DEDOLOR - ROVELLASCA (CO)

21/04/18
ACCIAIO ITALIANO FESTIVAL
ARCI TOM - MANTOVA

21/04/18
UNDERGROUNDS UNDERSTARS (DAY 2)
GRIND HOUSE CLUB - PADOVA

21/04/18
OLIVER/DAWSON SAXON + GUESTS
CLUBHOUSE - FOGGIA

21/04/18
TRICK OR TREAT
TRAFFIC CLUB - ROMA

21/04/18
SINPHOBIA + GUESTS
COMUNITA GIOVANILE - BUSTO ARSIZIO (VA)

21/04/18
LOVE MACHINE + SCALA MERCALLI + SKELETOON
DAGDA - RETORBIDO (PV)

21/04/18
LACHESIS
LEGENDS PUB - BRIVIO (LC)

D.A.M.N. - Forbidden Anger
( 2431 letture )
I D.A.M.N., attivi dal 2001, giungono per la svedese Unexploded Records al loro secondo album in studio. Pur non trattandosi di un disco eccelso, bisogna ammettere che siamo di fronte ad un prodotto sincero, che non basa la propria fortuna su eccessivi virtuosismi, ma su una propensione onesta al genere presentato. Trattasi di un death/tharsh di stampo prevalentemente europeo, che in buona sostanza non richiede il dispendio di molte energie cerebrali. Un platter volutamente e inevitabilmente grezzo che deve molto alla scena di Goteborg, ma che prende in prestito anche tanti cliché statunitensi (old school), sopratutto nei micidiali mid tempos.

Dicevamo, Forbidden Anger paga tanti piccoli pegni nei riguardi dei mitici anni '90; provare per credere la conclusione in Close The Border, che probabilmente a molti ricorderà i Pantera e ad altri gli Obituary d'annata, ma anche il riff iniziale di Hate che mi ha subito portato alla mente, forte di quelle melodie svedesi indimenticabili. Un album quindi – è bene precisarlo - pienamente sufficiente, il quale tuttavia non lesina momenti tutt’altro che memorabili. Si raschia il fondo del barile con First Class Suicide, un invito al suicidio per l' ascoltatore, martoriata da un assolo vietato ai diabetici per quanto melenso, eretto su un arpeggio di cartapesta. In altri termini, se l' intento era di lasciare intendere di essere anche dei musicisti di classe, i nostri evidentemente devono ancora finire le scuole dell' obbligo. Fortuna vuole trattasi di un episodio, francamente inspiegabile, ma che non sposta più di tanto gli equilibri e il giudizio globale sull'album. Spiacevole inconveniente a parte, il resto del letto risulta ben architettato con momenti tanto epici quanto potenti, che indubbiamente non potranno lasciare indifferenti i proseliti del death metal di marchio svedese. Qualche parola in più per le asce, le quali riescono a stendere dei bei tappeti musicali, forti di trame sufficientemente articolate; non mancano all’appello sfuriate di livello pregevole, il tutto senza nulla togliere all’aspetto melodico e, a tratti, catchy dei brani. Anche la sezione ritmica svolge egregiamente il compitino, precisa, veloce, ordinata dinamica nei limiti del genere, così come la singer convince appieno con una voce che lascia presupporre delle disfunzioni ormonali.

Probabilmente dal vivo i tedeschi, proprio per l 'immediatezza e orecchiabilità del loro songwriting (nonché per la frontman decisamente carina), potrebbero essere divertenti e tutto sommato coinvolgenti, più di quanto esibito in questo Forbidden Anger. Intanto vi consiglio, senza troppe remore, di andare a sentire i loro pezzi disponibili su Myspace, per poi decidere se dare una chance reale a questi teutonici. Per quanto espresso i D.A.M.N. sono una band interessante che, se riuscirà a compiere una evoluzione sia tecnica che compositiva, potrà riservarci in futuro delle piacevolissime sorprese.



VOTO RECENSORE
65
VOTO LETTORI
17.36 su 19 voti [ VOTA]
INFORMAZIONI
2010
Unexploded Records
Death
Tracklist
1. Urt La Bu Tal
2. Lost In Lines
3. Close to The Border
4. Deathinfection
5. Hate
6. Ewigkeit
7. First Class Suicide
8. Forbidden Anger
9. Across The Street
10. Hall Of Fame
Line Up
Antonie Mrusek - vocals
André Epp - guitar
Daniel Thunig - guitar
Mat Rahlmeyer - bass
Regi Sukopp - drums
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]