Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Armored Saint
Punching the Sky
Demo

Lazy Legs
Moth Mother
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

30/10/20
WILDNESS
Ultimate Demise

30/10/20
LIKE MOTHS TO FLAMES
No Eternity in Gold

30/10/20
DEEP RIVER ACOLYTES
Alchemia Aeterna

30/10/20
CURIMUS
Garden of Eden

30/10/20
OCCULT BURIAL
Burning Eerie Lore

30/10/20
YAWNING MAN
Live at Giant Rock

30/10/20
STALKER
Black Majik Terror

30/10/20
URIAH HEEP
Fifty Years in Rock

30/10/20
VISIONS OF ATLANTIS
A Symphonic Journey To Remember

30/10/20
SVARTSYN
Requiem

CONCERTI

30/10/20
ULVEDHARR + GUESTS
DRUSO - RANICA (BG)

30/10/20
OTTONE PESANTE
INK CLUB - BERGAMO

30/10/20
HELLUCINATION + NEBULAE
TRAFFIC CLUB - ROMA

31/10/20
DEATHLESS LEGACY + DAMNATION GALLERY
CRAZY BULL CAFE' - GENOVA

31/10/20
OTTONE PESANTE
IL CASTELLO - PARMA

31/10/20
CLAUDIO SIMONETTI`S GOBLIN + VICOLO INFERNO
LOCOMOTIV CLUB - BOLOGNA

02/11/20
SCOTT STAPP
NEW AGE CLUB - RONCADE (TV)

03/11/20
FIT FOR A KING + GUESTS
CIRCOLO SVOLTA - MILANO

04/11/20
W.A.S.P. (CANCELLATO)
HALL - PADOVA

05/11/20
W.A.S.P. (CANCELLATO)
LIVE CLUB - TREZZO SULL'ADDA (MI)

Armored Saint - La Raza
( 4424 letture )
Seneca scrisse:
Continua ciò che hai cominciato e forse arriverai alla cima, o almeno arriverai in alto ad un punto che tu solo comprenderai non essere la cima.

La coerenza è un dono destinato a pochi e quei pochi che riescono a rimanere ben saldi sui binari dei buoni propositi riescono ad ottenere continue gratificazioni, rispetto ed apprezzamento per aver creduto nel proprio progetto evitando contagi e contaminazioni.

Gli Armored Saint possono sventolare orgogliosamente il vessillo della coerenza, in quanto nell'arco dell'intera carriera -iniziata nel lontano 1983 con l'uscita dell'EP omonimo- hanno sempre dimostrato di credere nel proprio sound, mantenendolo pressoché immutato e qualitativamente a livelli molto elevati.

La scarsa fecondità nella produzione di album -tre nell’ultimo ventennio- si sarebbe potuta trasformare in un potente deterrente nei confronti della continuità d’attenzione al progetto Armored Saint, ma questa band racchiude in sé qualcosa di misterioso.
Seppur poco celebre e dalla visibilità commerciale non eccelsa, la band losangelina è comunque riuscita ad accaparrarsi un’interessante schiera di seguaci che ha atteso la pubblicazione del nuovo full-lenght La Raza con la stessa diligente calma che li ha caratterizzati per venti lunghissimi anni.
Non è semplice mantenere solida la soglia d’attenzione quando i tempi di produzione di un platter vengono così diluiti negl’anni -vedi questa news- ma la devozione dimostrata sia dai fan che dai semplici estimatori è stata ripagata con la stesa moneta.

La Raza, seppur mantenendo riconoscibile il marchio di fabbrica Armored Saint, segna un significativo cambio di rotta a livello musicale, opacizzando lievemente lo smalto e la qualità che caratterizzava Revelation, ledendo tenuemente la carica emotiva che trasudava nei precedenti platters.
Il nuovo sound destina le sue priorità infiltrando maggiori dosi di placidità, introducendo un’acusticità più schiumosa, sintetica e ricca di refrain non lontani dall'hard rock, senza intaccare la qualità compositiva alla quale ci eravamo abituati.

A prescindere dalle mie “critiche”, La Raza rimane comunque un'ottima opera, mantenendo pressoché invariata la logica della struttura ritmica con il duo Joey Vera e Gonzo Sandoval, improntando riffs di chitarra tecnicamente degni dei nomi che li cavalcano e mantenendo l'estrema visibilità la caratteristica e riconoscibilissima timbrica di un'eccellente John Bush.
Già dalle prime battute intuirete la virata che caratterizza questo nuovo lavoro degli Armored Saint; Loose Cannon mette subito in risalto l'introduzione di refrain sia sulle chitarre che sulla lyric-line, lasciando comunque spazio agli amarcord che hanno sempre distinto la band.
Dalla terza traccia Head On a scendere, i toni del platter cambieranno forma introducendo maggiore melodia ed orecchiabilità, mantenendo ritmiche serrate e ben coese, sorrette da grandiosi riffs stampo heavy-rock della coppia Duncan/Sandoval, destinando un posto d'onore alle eccelse modulazioni di Bush.
Da sottolineare la piacevole sensazione di respiro che potete provare ascoltando Chilled e la “sorella” Black Feet, due tracce dal sapore quasi grunge e dai richiami vagamente Soundgardeniani, che staccano con il resto delle tracce e che donano lustro ad una album fortemente atteso da tutti.

La Raza verrà ricordato da molti sia per il suo altro grado di coerenza sia per il coraggioso arricchimento generato da spruzzate di modernità e freschezza; queste due novità non permettono comunque agli Armored Saint di raggiungere l'obiettivo “magnificenza” ma resterranno padroni di onorevole considerazione e rispetto per l'arte dimostrata.
Adesso provate voi a mantenere coerenza e fedeltà dimostrata nei confronti di questa band e correte ad ascoltare questo nuovo platter titolare di qualità e piacere intrinseco.



VOTO RECENSORE
79
VOTO LETTORI
59.07 su 40 voti [ VOTA]
American Graffiti - lupo solitario
Giovedì 13 Settembre 2018, 9.27.17
27
Invece alzerei il voto di qualche punto, giusto perché di cantanti come Bush ne senti davvero pochi, l'album ha pochi cedimenti, di spruzzate di modernità però non né sento, semmai c'è qualcosa di antecedente il metal corrosivo degli anni '80, c'è una ricerca acustica che ha a che fare col blues di cui vi è traccia. Eppoi mi piace il titolo. la razza, direi che le origini hanno importanza, o no? e sui santi il rock ha sempre fatto poco affidamento
Macca
Lunedì 20 Maggio 2013, 12.00.50
26
Non riesce a prendermi...adoro il timbro di Bush e alcune canzoni sono buone, ma nel complesso è un disco che mi annoia. Concordo cmq sulla media voti insulsa (47 nel momento in cui scrivo).
Undercover
Mercoledì 13 Febbraio 2013, 14.21.32
25
E' stato rettificato in corsa, una volta si poteva votare anche 0 se non ricordo male...
THOR OF VALHALLA
Mercoledì 13 Febbraio 2013, 14.11.03
24
Mah impedire ai soliti poveri stronzi di votare sarebbe difficile,l'unica soluzione per me sarebbe rendere visibili i voti dei singoli votatori con il nome di chi vota tanto il voto non deve per forza essere segreto o no?Oppure a questo punto tanto vale togliere la possibilità di votare il disco e lasciare solo il voto del recensore,in più credo che ci siano anche difetti di programmazione del sito io ho commentato poco fa il disco dei Rosae Crucis Worms of the earth e li la media scandalosa dei votanti è di 21 ma come è possibile se meno di 30 non si puo votare??
Undercover
Mercoledì 13 Febbraio 2013, 14.10.34
23
Samba su quello siam d'accordo... ci mancherebbe.
Andy '71
Mercoledì 13 Febbraio 2013, 14.02.09
22
Samba@Concordo col tuo pensiero!Non può assolutamente essere un disco da 47,e che cazzo!Allora la maggior parte dei dischi che escono cosa dovrebbero essere?
Sambalzalzal
Mercoledì 13 Febbraio 2013, 13.57.01
21
Undercover@ ovviamente quando ho nominato la D'Avena non ce l'avevo con te ahahahahah ma ci sono rimasto male perchè è impossibile una media simile. Posso capire possano non piacere, posso capire che magari per te sia appena sufficiente ma votazioni sul 30 x questo disco sono da imbecilli che probabilmente l'album neanche lo hanno ascoltato. Veramente ci vorrebbe vicino al modulo del commento uno integrato con il voto o con l'astensione. Se qualcuno visita le pagine e si basa sul voto dei lettori questo album appare come un album di merda ed assolutamente non è vero.
Celtic Warrior
Mercoledì 13 Febbraio 2013, 13.29.12
20
@Lizard : dovete trovare il modo per una votazione oggettivamente giusta , non è possibile vedere certe medie che non stanno ne in celo ne in terra . Un saluto.
Undercover
Mercoledì 13 Febbraio 2013, 12.59.52
19
Samba io l'ho ascoltato e riascoltato e continuo a reputarlo appena sufficiente, sono gli Armored Saint non una band al debutto, ci sono dei pezzi che son talmente mosci che mi si calano le braghe da sole . Poi oh, i gusti son gusti e il voto dei lettori è inguardabile, ma il mondo è pieno di pirla, lo sappiamo.
Andy '71
Mercoledì 13 Febbraio 2013, 8.48.14
18
Massimo rispetto per questa gloriosa band,che nonostante le molte sfighe è andata avanti imperterrita per la propria strada,ed è tornata con un ottimo disco di Heavy Metal,e che cazzo volevamo di più?Voto 80!
Sambalzalzal
Mercoledì 13 Febbraio 2013, 8.24.20
17
Penso che Arraya@ abbia ragione. Questo è un ottimo album, considerati anche i tempi in cui esce, ma la gente che cazzo s'ascolta, Cristina D'Avena!?!!??!
Arrraya
Mercoledì 13 Febbraio 2013, 3.07.19
16
Sarebbe bello che ognuno dei commentatori lasci il proprio voto sul proprio post, cosi da evitare gli scempi della media voto ormai in pasto a dei/del soliti/o sottosviluppati/o.
Celtic Warrior
Lunedì 8 Ottobre 2012, 17.44.05
15
Direi un ottimo ritorno , un album di Heavy ben suonato e ben cantato .
Radamanthis
Lunedì 2 Luglio 2012, 12.02.43
14
Mi ha tagliato il resto del commento...uff...devo riscrivere tutto...Brillante ritorno per una super band! I grandi classici degli 80 è difficile riprenderli però, soprattutto a livello di riff di chitarre erano schiacciasassi. Bush mi sembra comunque in ottima forma, l'attivita negli Anthrax lo ha tenuto in ottimo stato di grazia. Non sarà bello come March of the saints ma è piacevole e un ottimo ritorno. voto 80
Radamanthis
Lunedì 2 Luglio 2012, 11.57.45
13
Brillante ritorno per un asuper band!
Delirious Nomad
Giovedì 19 Aprile 2012, 15.37.51
12
Little Monkey mi sa veramente tanto di Riot, sia nel riff che nel ritmo che nel solo...non che sia un male, ovvio.
Ballbreaker
Venerdì 16 Luglio 2010, 15.09.11
11
eh, tiro COSTRANTE invece vuol dire tanto...già...
Bone Pumpkin
Giovedì 15 Luglio 2010, 15.23.19
10
ERRATA CORRIGE ... sostituire le parole "tiro scostante (nella penultia riga) con "tiro COSTRANTE" ... pardon, i 40° si fanno sentire!!!! LOL
Bone Pumpkin
Giovedì 15 Luglio 2010, 15.14.08
9
Devodire che rispetto al passato sono rimasto un po' deluo anch'io ... sia in Revelation che in Symbol of Salvation, la taratura qualitativa era superiore, ma come ho scritto nella rece hanno perso smalto e carica emotiva, ma hanno riguadagnato in freschezza di soorità. Obiettvamente, se fossero rimasti sulla stessa lunghezza d'onda di Revelation si sarebbero presi una bellastecca tra i denti, ma il cambio di rotta mi fa ben sperare! Effettivamente verso il finale l'album si affloscia un po' ma solo perchè eravamo a bituati a sentire un tiro scostante, SEMPRE!!! Vediamo cosa avranno il coraggio di sfornare tra altri 10 anni ... )))
Hab666
Giovedì 15 Luglio 2010, 7.25.19
8
A me è piaciuto e anche rispetto ai vecchi lavori non sfigura. E' un genere un po' diverso e può non piacere a tutti. Comunque mi sembra anche ottimamente registrato e prodotto. Concordo sul voto, tra 80 e 85.
ROSSMETAL65
Mercoledì 14 Luglio 2010, 22.08.13
7
Discreto fino ad un certo punto,poi,secondo me, perde pian piano di potenza e quindi l'interesse cala un po'.
centipede
Mercoledì 14 Luglio 2010, 21.19.14
6
Ero abbastanza curioso riguardo questo disco dopo tanti anni, però devo dire che sono rimasto deluso.
Undercover
Mercoledì 14 Luglio 2010, 10.31.10
5
Dopo un periodo nello stereo mi ha annoiato, non sfiora neanche alla lontana i primi ne si avvicina al loro periodo pre-scioglimento. Disco che oltre una piena sufficienza non mi sento da dare.
pincheloco
Mercoledì 14 Luglio 2010, 8.32.48
4
Un piacevole ritorno. Come scritto dal recensorenon raggiunge la magnificenza ma un buon album comunque.
Federico95
Mercoledì 14 Luglio 2010, 0.29.53
3
Bellissimo. Il mio voto è 90
Er Trucido
Martedì 13 Luglio 2010, 23.24.00
2
Ho avuto occasione di ascoltarlo...non male, un bel ritorno! Da questo disco si capisce da dove venivano certe idee degli Anthrax con John Bush alla voce (gran cantante, a mio parere!)
Ghenes
Martedì 13 Luglio 2010, 23.19.27
1
...grazie del consiglio,)
INFORMAZIONI
2010
Metal Blade Records
Heavy
Tracklist
01 Loose Cannon
02 Head On
03 Left Hook From Right Field
04 Get Off The Fence
05 Chilled
06 La Raza
07 Black Feet
08 Little Monkey
09 Blues
10 Bandit Country
Line Up
John Bush – voce
Jeff Duncan – chitarra
Phil Sandoval – chitarra
Joey Vera – basso
Gonzo Sandoval – batteria
 
RECENSIONI
77
83
79
83
92
82
84
86
ARTICOLI
16/11/2018
Live Report
ARMORED SAINT + ATHROX
Legend Club, Milano (MI), 11/11/2018
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]