Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Opeth
Garden Of The Titans (Opeth Live at Red Rocks Amphitheatre)
Demo

Vincenzo Marretta
Il Seme della Follia
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

18/01/19
PAPA ROACH
Who Do You Trust?

18/01/19
LEMURIA
The Hysterical Hunt

18/01/19
LAHMIA
Resilience

18/01/19
DEFECAL OF GERBE
Mothershit

18/01/19
METAL INQUISITOR
Panopticon

18/01/19
ASTROPHOBOS
Malice of Antiquity

18/01/19
MUSMAHHU
Reign of the Odious

18/01/19
ECTOVOID
Inner Death

18/01/19
CALICO JACK
Calico Jack

18/01/19
RAVEN
Screaming Murder Death From Above: Live In Aalborg

CONCERTI

16/01/19
BEHEMOTH + AT THE GATES + WOLVES IN THE THRONE ROOM
ALCATRAZ - MILANO

18/01/19
TERRORIZER + SKELETAL REMAINS + DE PROFUNDIS + GUEST
REVOLVER CLUB - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

18/01/19
CLAUDIO SIMONETTI`S GOBLIN
DRUSO - RANICA (BG)

19/01/19
DON BROCO
LEGEND CLUB - MILANO

19/01/19
TERRORIZER + SKELETAL REMAINS + DE PROFUNDIS + GUEST
LEGEND CLUB - MILANO

25/01/19
EMBRYO
HAPPY DAYS PUB - NAPOLI

25/01/19
TOTHEM + SOUND STORM + ELARMIR
JAILBREAK - ROMA

25/01/19
NODE + FIVE MINUTES HATE
MADHOUSE PUB - MORNAGO (VA)

25/01/19
ARCANA OPERA + CONSTRAINT
ARCI TOM - MANTOVA

26/01/19
EMBRYO + COEXISTENCE + DRANEKS ORDEN
FUCKSIA - ROMA

Mechanical God Creation - Cell XIII
( 3195 letture )
A sorpresa, ecco giungere da Milano un buon disco Death; o, per essere più precisi, questo è stato il mio primissimo pensiero. Maledetti Finnvox Studios, è tutta colpa loro: sfornano sempre dei mastering di qualità audio così elevata da far dimenticare l'effettivo valore della proposta musicale presa in esame... almeno per un po' di tempo.
In realtà, andando ad analizzare la musica di Cell XIII, freschissima produzione targata Mechanical God Creation, si scopre che ogni aspetto delle composizioni ha dei precisi aspetti positivi e negativi, e sta all'ascoltatore decidere se prendere in simpatia i primi o in antipatia i secondi.

Partiamo dall'elemento a mio avviso più importante, ovvero la varietà dei brani. Da una parte bisogna riconoscere che i cinque meneghini hanno messo insieme una quantità di "atmosfere" non indifferente, grazie alla fusione di diverse varianti di Death Metal: in particolare il Core della voce di Lucy alternato al profondo growling di Simo, e l'ampio range delle chitarre di Simo e Runza che spazia dal Death classico fino a raggiungere il Brutal.
L'elemento che concorre a "rovinare" questa interessante varietà è purtroppo la batteria, da sempre croce e delizia di mille band estreme. Con questo non voglio insinuare che Jay non sappia suonare (in giro si sente molto di peggio), ma che probabilmente questo non è il genere che si confa' alle sue capacità.
In effetti, al fine di valorizzare il riffing di chitarra -che come ho già detto ha il suo punto di forza nella varietà dell'approccio- andrebbe abbinata una costruzione ritmica molto complessa: non sto parlando di attitudine progressive (che non c'azzeccherebbe granchè col resto) ma piuttosto di un arrangiamento più curato dei piatti e dei fill out.
Così com'è arrangiata in Cell XIII, la batteria purtroppo concorre ad appiattire le composizioni, che altrimenti sarebbero parse molto più varie ed adrenaliniche.

Viceversa, il fattore tecnico che più mi sento di applaudire è la voce di Lucy: a mio avviso questa cantante sarà presto in grado di competere con i nomi più blasonati della scena internazionale, soprattutto in virtù del coraggio dimostrato nell'affrontare un genere così "virile e bellicoso" (anche se sappiamo tutti bene che non è la prima e non sarà l'ultima donna ad affrontarlo, in Italia).
Per il resto, le composizioni si snodano fluide fino alla fine del disco, e sono sicuro che gli amanti del genere troveranno più di uno spunto interessante in Cell XIII.
Aumentando il dialogo tra le chitarre e la batteria (magari proprio grazie ai recenti acquisti della band, Ale alle chitarre e Manuel alla batteria) si potranno ottenere degli effetti davvero notevoli, e questo è ciò che mi attendo dal futuro compositivo dei Mechanical God Creation: spaccare il culo a mezzo mondo, e far capire che l'Italia non è seconda a nessuno... almeno nel Death Metal.



VOTO RECENSORE
79
VOTO LETTORI
40.2 su 25 voti [ VOTA]
INFORMAZIONI
2010
Aural Music
Death
Tracklist
1. MTBF
2. Project kill
3. 2012
4. Process of mental killings
5. I shall remain unforgiven (feat.Cadaveria)
6. Divinity
7. Inhuman torture surgery
8. Trespass and kill
9. Death Business
Line Up
Jay : Drums
Simo : Vocals, Guitar
Runza : Guitar
Veon : Bass
Lucy : Vocals
 
RECENSIONI
ARTICOLI
05/03/2015
Live Report
SCHIRENC PLAYS PUNGENT STENCH + RIEXHUMATION + MECHANICAL GOD CREATION + ANY FACE
Circolo Colony, Brescia - 27/02/2015
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]