Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Iamthemorning
The Bell
Demo

Break Me Down
The Pond
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

24/10/19
PLATEAU SIGMA
Symbols - The Sleeping Harmony of the World Below

25/10/19
DOUBLE CRUSH SYNDROME
Death To Pop

25/10/19
CREST OF DARKNESS
The God Of Flesh

25/10/19
DAWN RAY`D
Behold Sedition Plainsong

25/10/19
STEVE HACKETT
Genesis Revisited Band & Orchestra: Live at the Royal Festival Hal

25/10/19
NIGHTGLOW
Rage of a Bleedin’ Society

25/10/19
LEPROUS
Pitfalls

25/10/19
MAYHEM
Daemon

25/10/19
ENEMYNSIDE
Chaos Machine

25/10/19
DICTATED
Phobos

CONCERTI

22/10/19
CELLAR DARLING + FOREVER STILL + OCEANS
LEGEND CLUB - MILANO

23/10/19
FOLKSTONE
ORION - ROMA

23/10/19
PINO SCOTTO
MOB CLUB - PALERMO

25/10/19
MACHINE HEAD
LIVE CLUB - TREZZO SULL'ADDA (MI)

25/10/19
INTER ARMA
LIGERA - MILANO

25/10/19
ARBORES AUTUMNALES FESTIVAL
GRIND HOUSE CLUB - PADOVA

25/10/19
FOLKSTONE
VIPER THEATRE - FIRENZE

25/10/19
HELLRETIC + BRVMAK
500CAFFE' - PIEDIMONTE S. GERMANO (FR)

26/10/19
DESTROYER 666 + ABIGAIL + DEAD CONGREGATION + GUESTS
MU CLUB - PARMA

26/10/19
MACHINE HEAD
HALL - PADOVA

AV Project - This Century
( 2515 letture )
AV Project, un nome tutt’altro che originale (AV sta per Alberto Venturini, leader del gruppo) che identifica una band italiana, certo emergente, ma formata da elementi già esperti del panorama musicale nostrano. Spicca perciò la debita preparazione tecnica dietro agli strumenti di competenza dei singoli, ma l’amalgama finale è ben lungi dalla perfezione.

Lo stile del gruppo si rifà all’AOR e all’heavy metal più classici, con qualche spruzzata di progressive, ma è noto quanto sia difficile rimanere all’interno della soglia che divide la reinterpretazione dei miti dall’emulazione degli stessi, e in questo senso Venturini & Co non sono stati particolarmente attenti.
Lo stesso leader è decisamente al di sotto delle proprie possibilità al microfono, tanto nell’interpretazione melodica dei pezzi quanto nella pronuncia inglese, fattore da non sottovalutare assolutamente se si vuole avere un respiro internazionale sul mercato, e se poi le dieci canzoni presentate sono in lingua anglosassone, capiamo che la cosa è tutt’altro che risibile.
Prendendo in esame solo le scelte melodiche, la parte più debole del lavoro è costituita dalle ballate, più o meno power, ma quasi sempre abbastanza “boring”, a causa dell’utilizzo di motivi che schizzano via dalle orecchie dell’ascoltatore come già troppo sentiti, nonostante alcuni accompagnamenti al piano, eseguiti dal singer, appaiano piuttosto godibili.

La summa della prima uscita di questo progetto, tra l’altro distribuito da Alkemist Fanatix, a mio avviso non può comunque essere sufficiente, l’album non soddisfa e anzi, come sempre nei casi di elevate potenzialità poco sfruttate, lascia decisamente l’amaro in bocca. Un peccato, un reale peccato. Sicuramente le occasioni per rifarsi non potranno mancare, ma se, per la fiera delle banalità, chi ben comincia è a metà dell’opera, cominciare con un passo falso non è né d’aiuto e nemmeno un buon biglietto di presentazione. Ritentate, guys.



VOTO RECENSORE
45
VOTO LETTORI
16.66 su 18 voti [ VOTA]
INFORMAZIONI
2010
Copro Records
AOR
Tracklist
1. This Century
2. Memories
3. This Is A Love Song For You
4. Eyes Of May
5. I Want To Believe
6. Love Me Tonight
7. Speed
8. Living
9. Every Day
10. S.F.
Line Up
Alberto Venturini – voce, tastiere, corno
Jonathan Gasparini – chitarra
Luca Venturini – basso
Gregorio Ferrarese – batteria
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]