Privacy Policy
 
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
I Mastercastle
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

24/11/17
ALMANAC
Kingslayer

24/11/17
AETHERIAN
The Untamed Wilderness

24/11/17
DEEP AS OCEAN
Lost Hopes | Broken Mirrors

24/11/17
STRAY TRAIN
Blues From Hell

24/11/17
WILDNESS
Wildness

24/11/17
LOCH VOSTOK
Strife

24/11/17
TAAKE
Kong Vinter

24/11/17
HOUSTON
III

24/11/17
STARBLIND
Never Seen Again

24/11/17
SCORPIONS
Born To Touch Your Feelings

CONCERTI

24/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
ALMAGIA' TRANSMISSIONS FESTIVAL - RAVENNA

24/11/17
DESPITE EXILE
VECCHIA SCUOLA PUB - PALAZZOLO (BS)

24/11/17
BLACK STAR RIDERS ----> ANNULLATO!
CIRCOLO COLONY - BRESCIA

24/11/17
6TH COUNTED MURDER + KALIAGE
THE ONE - CASSANO D'ADDA (MI)

24/11/17
UFOMAMMUT + GUESTS
EREMO CLUB - MOLFETTA (BA)

24/11/17
INDACO + MOUNTAINS OF THE SUN
COMUNITA' GIOVANILE - BUSTO ARSIZIO (VA)

24/11/17
SHAMELESS + TUFF
DEDOLOR - ROVELLASCA (CO)

25/11/17
THE MODERN AGE SLAVERY + DESPITE EXILE + AMBER TOWN
LA TENDA - MODENA

25/11/17
COUNCIL OF RATS + NIDO DI VESPE + MALLOY
CASEIFICIO LA ROSA - POVIGLIO (RE)

25/11/17
PROSPECTIVE + UNDERTHEBED + OBSCURAE DIMENSION
CENTRO GIOVANILE CA' VAINA - IMOLA

Mastercastle - Last Desire
( 2391 letture )
Last Desire è il secondo album per l’italianissimo combo Mastercastle, capitanato dall’axeman Pier Gonnella (Necrodeath, ex-Labyrinth). Di come avevano positivamente impressionato il sottoscritto, potrete leggere nella recensione di The Phoenix, album di debutto della band, che dopo un solo anno è tornata sugli scaffali con Last Desire. Con questa nuova release, il gruppo cambia leggermente coordinate: se prima l’heavy-power di fondo aveva un’impronta neoclassica, adesso ha sfumature più hard rock in senso stretto, donando -probabilmente- un maggiore appeal ai pezzi, anche se manca la vera hit su questo album, come lo è stata Princess of Love dal precedente disco, ma non è detto che questo sia un male. Vorrei, altresì, rassicurare gli shredder più incalliti del fatto che avranno pane per i loro denti, perché Pier Gonnella non si è certo negato il piacere di dar sfogo alla sua fantasia, sprigionandola su due pezzi strumentali come Space Trip e La Serenissima. Un’ottima traccia la prima, un giusto mix di virtuosismo e melodia, ma è soprattutto la seconda ad avermi colpito, trattandosi di una cover dell’ensemble Rondò Veneziano un gruppo italiano di musica da camera di notevole successo, soprattutto nelle scorse decadi.

Per il resto, l’album viaggia in equilibrio sulla linea di demarcazione del confine tra heavy metal e hard rock, facendo registrare una buona dose di tecnica, e spiccano le capacità vocali della cantante Giorgia Gueglio, sempre più punto fermo e vera trascinatrice di questo gruppo. Per il resto, la sezione ritmica composta da Steve Vawamas e Alessandro Bissa (Vision Divine, Labyrinth) svolge -senza sbavature- il proprio compito. Certo, non aspettatevi rivoluzioni copernicane dai Mastercastle, la sensazione di “già sentito” varrà anche per questa band, però sono dell’opinione che la qualità vada sempre premiata, ed è per questo che mi sento di consigliare Last Desire un po’ a tutti: ai neofiti della band, a chi aveva già apprezzato Princess of Love, e -infine- a chi semplicemente abbia voglia di ascoltare un buon disco.

L’album inizia a spron battuto con una delle tracks migliori del lotto: Event Horizon, una canzone potente dall’ottimo refrain. Segue la più cadenzata Misr, pezzo costruito su un riffone tagliente di Gonnella, molto ispirato anche in fase d’accompagnamento. Wild Spell continua su ritmi più sostenuti, risultando un po’ meno ispirata rispetto alle due songs precedenti, e -soprattutto- rispetto alla title track, Last Desire, che si apre con un riff ai limiti del thrash, per poi sciogliersi nella calda interpretazione della Gueglio davvero brava nel trasmettere emozioni. Così prosegue sulla stessa strada Away dove dobbiamo necessariamente segnalare il bellissimo assolo centrale di Gonnella. Jade Star è l’unica ballad del disco, e a conti fatti, forse una delle canzoni meno convincenti, salvo la parte finale, evocativa e sognante. Molto meglio quando si alza il ritmo, come nella successiva Great Heaven’s Climb, frenetica nel suo incedere, per giungere a un convincente ritornello, ancora una volta ben interpretato dalla Gueglio. Più orientata verso lidi hard rock la successiva Cat-House, un pezzo buono ma non trascendentale, costruito sempre sulla forza del ritornello, proprio come la successiva Taxie-Radd, altra canzone di buona fattura, un po’ oltre la sufficienza, come l’intero album. Di La Serenissima abbiamo già detto, per cui non ci resta che parlare di Scarlett, pezzo conclusivo di questo buon album, dove è soprattutto Pier Gonnella a mettersi in evidenza con un’ottima performance.

Ripeto, Last Desire non è un disco seminale, ma, per tutto quanto detto fino ad ora, mi sento in dovere di consigliarvene l’acquisto.



VOTO RECENSORE
70
VOTO LETTORI
42.61 su 31 voti [ VOTA]
INFORMAZIONI
2010
Lion Music
Heavy
Tracklist
01. Event Horizon
02. Misr
03. Wild Spell
04. Last Desire
05. Away
06. Space Trip
07. Jade Star
08. Great Heaven’s Climb
09. Cat-House
10. Toxie Radd
11. La Serenissima
12. Scarlett
Line Up
Giorgia Gueglio – Vocals
Pier Gonella – Guitar
Steve Vawamas – Bass
Alessandro Bissa - Drums
 
RECENSIONI
80
78
77
70
72
ARTICOLI
16/06/2013
Intervista
MASTERCASTLE
La parola alla band
28/11/2011
Intervista
MASTERCASTLE
Tre diamanti pericolosi
02/06/2009
Intervista
MASTERCASTLE
Parliamo di fenici
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]