Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Dirge
Lost Empyrean
Demo

In Autumn
Greyerg
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

21/12/18
IN SHADOWS AND DUST
Enlightened By Darkness

21/12/18
BLOOD FEAST
Chopped, Diced and Sliced

21/12/18
JON SCHAFFER`S PURGATORY
Purgatory

21/12/18
WITCHING HOUR
...And Silent Grief Shadows the Passing Moon

23/12/18
BOLTHORN
Across the Human Path

23/12/18
MALVENTO/THE MAGIK WAY
Ars Regalis

23/12/18
ICE WAR
Manifest Destiny

24/12/18
BEATEN TO DEATH
Agronomicon

30/12/18
FERAL
Flesh for Funerals Eternal

04/01/19
CALLEJON
Hartgeld Im Club

CONCERTI

16/12/18
NOVEMBRE + LES DISCRETS
CYCLE CLUB - CALENZANO (FI)

18/12/18
A PERFECT CIRCLE
MEDIOLANUM FORUM - ASSAGO (MI)

19/12/18
A PERFECT CIRCLE
PALALOTTOMATICA - ROMA

21/12/18
METHEDRAS
THE ONE - CASSANO D'ADDA (MI)

21/12/18
SPLEEN FLIPPER
OFFICINE SONORE - VERCELLI

21/12/18
AMTHRYA + DANNATI + EFYD
BLUE ROSE SALOON - BRESSO (MI)

22/12/18
METHEDRAS
L'ANGELO AZZURRO - GENOVA

22/12/18
NANOWAR OF STEEL
EXENZIA DER CLUB - PRATO

22/12/18
DEWFALL + FYRNIR
EVILUTION CLUB - ACERRA (NA)

22/12/18
NATIONAL SUICIDE + ADVERSOR + UNORTHODOX
THE FACTORY - VERONA

Mastodon - Remission
( 10830 letture )
Ci avevano lasciati con l'EP Lifesblood, e ci sorprendono ancora una volta con la loro miscela di noise-core. In realtà la loro proposta musicale è inclassificabile, perché questi ragazzi spaziano tranquillamente da momenti più “jazzati” ad altri più tipicamente thrash, o death.

L’opener di questo favoloso platter è Crusher Destroyer, due minuti di assalto noise, di vocals filtrate, un lavoro dietro le pelli da far invidia anche ai grandi nomi, ed un muro sonoro di chitarre distorte, sporche. È la volta di March of the Fire Ants (di cui è stato girato anche un video), un macigno di canzone che comincia proprio come una marcia, per poi sfociare in territori doomeggianti: bella l’apertura melodica a metà traccia che dura per tutto il finale, un ibrido fra accordi classic ed altri di matrice più noise tipiche della band, il tutto supportato dal lavoro di Mr. Dailor alla batteria: preciso, chirurgico, non sbaglia un colpo, tra sfuriate di doppia cassa, momenti rilassati ed altri più tecnici. La seguente Where Strides the Behemoth, fonde sonorità thrash ad altre vagamente progressive, e lasciano subito spazio al capolavoro di Remission, cioè Workhorse. Certo, non sarà la traccia dove i Mastodon esprimono tutta la loro proposta, ma questa canzone ha un riff iniziale (ed un Brann Dailor ripeto eccezionale), che difficilmente vi leverete dalla testa. Dopo un’intro molto soft rock, Troy urla subito quelle poche parole che fanno da cornice a Ol’e Nessie, poche parole che sono una particolarità dell’album. All’ascolto di Burning Man, invece, ci addentriamo in sonorità death-core. Seppur nella brevità o nella eccessiva ma mai stancante durata delle loro canzoni, il gruppo dimostra di avere un tasso tecnico elevatissimo. Stavolta con Trainwreck, si toccano quasi i sette minuti. Pura psichedelia noise, arpeggi acidi e passaggi malati, un Dailor che, ripeto, è colui che detta legge con i suoi ritmi complessi, ma alla fine il brano non impazzisce più di tanto rispetto gli altri. Già se prendiamo la seguente Trampled Under Hoof possiamo notare la differenza, dato il suo ritmo incessante che non farà altro che portarvi ad un headbanging senza sosta. Anche la successiva Trilobite come le altre songs (Trainwreck su tutte), mette in un giusto equilibrio melodia e schizofrenici momenti di puro assalto hc, mentre con Mother Puncher capirete che prog metal non significa solo Dream Theater. Qui infatti il già citato genere si innesta perfettamente a scale di matrice death/thrash: devastante. Si passa al momento più atteso: quello di circa sei minuti della strumentale Elephant Man. Sempre tempi più rilassati, mischiati ad altri un po’ più heavy, con un solo di chitarra finale sognante come non mai.

Passiamo al contenuto dell’edizione limitata - la reissue del 2003- che comprende oltre che un packaging favoloso, un DVD più una cover: ma andiamo con ordine. L’artwork, eseguito da Paul Romano, è una delle copertine più sensibili, toccanti e stupende che abbia mai visto nel panorama metal. Un cavallo sofferente, squarciato a metà, ma che ancora vuole nitrire, nonostante stia morendo.
Un logo elegantissimo, per non parlare del lavoro fatto all’interno per quanto riguarda il layout. Sotto lo spazio dove si inseriscono i CD, sono stati stampati i testi delle canzoni: semplicemente geniale. Riguardo la cover, si tratta di Emerald dei Thin Lizzy. Il pezzo è stato eseguito magistralmente, è fedele anche all’originale, e all’ascolto delle parti di batteria si riconosce il trademark dei Mastodon.
Il DVD contiene un’esibizione risalente al 2002 al Masquerade in Atlanta, peraltro spettacolare.



VOTO RECENSORE
88
VOTO LETTORI
84.28 su 195 voti [ VOTA]
Matocc
Sabato 30 Settembre 2017, 17.13.53
10
mamma mia che album!!! tiro e botta pazzeschi, disco di livello qualitativo superiore. grandioso
Havismat
Lunedì 17 Ottobre 2016, 18.46.03
9
Secondo me anche migliore del successivo. Una perla in momento di crisi del Metal.
Giaxomo
Giovedì 26 Settembre 2013, 19.39.19
8
E' un esordio che, seppur presentando un sound ancora grezzo, più diretto e meno raffinato dei lavori futuri, legato più all'hardcore che al "loro" progressive- psichedelico (nonostante diversi eccellenti episodi come Elephant Man)che li caratterizzerà negli anni a venire, si fa valere alla grande con tracce meravigliose. Memorabile il mini assolo a metà di Crusher Destroyer.
velereds
Giovedì 26 Settembre 2013, 19.04.42
7
Un esordio pazzesco, bello dall'inizio alla fine
Macca
Giovedì 26 Settembre 2013, 10.41.43
6
Esordio ruvido e contorto, canzoni pesanti e una sensazione di oppressione costante per tutta la durata del platter. Crusher, March, Trainwreck, Workhorse, Burning Man e Mother Puncher sono degli autentici orgasmi. Bellissimo disco, anche se in seguito secondo me riusciranno ad accentuare maggiormente i punti cardine del loro sound raggiungendo il loro apice compositivo. Voto 85
freedom
Domenica 10 Giugno 2012, 17.13.30
5
Quando i Mastodon facevano i Mastodon. Questo, Leviathan e Blood Mountain sono da 90.
Macca
Domenica 10 Giugno 2012, 17.04.43
4
Brutale, crudo, diretto....in una parola DEVASTANTE! Grandi Mastodon!
Skogarmaidur
Venerdì 24 Giugno 2011, 22.42.07
3
Ehi "The-Reaper" dici: musica fuori tempo??? o.O Questo è progressive groove. Sei tu che non lo conosci
ahab
Lunedì 11 Maggio 2009, 19.23.35
2
regolatevi con i rating..vedere remission con una valutazione piu alta di leviathan fa alquanto ridere
The-Reaper
Venerdì 6 Febbraio 2009, 19.19.01
1
Scusate ma io ancora devo capire che genere fa questo gruppo..... non mi piacciono proprio.... canzoni senza un filo logico e fuori tempo anche per quanbto mi riguarda... e i cd li ho sentiti tutti eh....bohh stay metal a tutti comunque
INFORMAZIONI
2002
Relapse Records
Metal
Tracklist
1. Crusher Destroyer
2. March of the Fire Ants
3. Where Strides the Behemoth
4. Workhorse
5. Ol’e Nessie
6. Burning Man
7. Trainwreck
8. Trampled Under Hoof
9. Trilobite
10. Mother Puncher
11. Elephant Man
12. Emerald *

+ Bonus DVD
Mastodon Live at the Masquerade, Atlanta, GA 2002
*
1. Ol’e Nessie
2. March of the Fire Ants
3. Hail to Fire
4. Where Strides the Behemoth
5. Battle at Sea
6. Mother Puncher
7. Burning Man
8. Workhorse
9. Crusher Destroyer

* 2003 digipak Limited Edition
Line Up
Troy Sanders – Voce, Basso
Brent Hinds – Chitarra, Voce
Bill Kelliher – Chitarra
Brann Dailor – Batteria, Voce
 
RECENSIONI
63
66
69
80
92
82
88
ARTICOLI
02/12/2017
Live Report
MASTODON + RED FANG + RUSSIAN CIRCLES
Live Club, Trezzo sull'Adda (MI), 27/11/2017
16/06/2015
Live Report
MASTODON + THE RAVEN AGE
Estragon, Bologna - 10/06/15
14/12/2014
Live Report
MASTODON + BIG BUSINESS + KROKODIL
Fabrique, Milano (MI), 10/12/2014
02/07/2012
Live Report
MASTODON + DEAD CITY RUINS
Atlantico, Roma, 27/06/2012
30/06/2009
Live Report
METALLICA + LAMB OF GOD + MASTODON
Palalottomatica, Roma, 24/06/2009
09/11/2006
Articolo
MASTODON
La biografia
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]