Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Metallica
S&M²
Demo

Black Spirit Crown
Gravity
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

25/09/20
STEVE HACKETT
elling England By The Pound & Spectral Mornings: Live at Hammersmith

25/09/20
SAPIENCY
For Those Who Never Rest

25/09/20
VOUS AUTRES
Sel de Pierre

25/09/20
TRANSCENDENCE
Towards Obscurities Beyond

25/09/20
ATLAS
Parallel Love

25/09/20
KATAKLYSM
Unconquered

25/09/20
SPELLBOOK
Magick & Mischief

25/09/20
ANNA VON HAUSSWOLFF
All Thoughts Fly

25/09/20
MORTA SKULD
Suffer for Nothing

25/09/20
OBSIDIAN KINGDOM
Meat Machine

CONCERTI

26/09/20
STAY STEEL FEST
SKULLS CLUB - SERRAVALLE (SAN MARINO)

27/09/20
VISIONS OF ATLANTIS + YE BANISHED PRIVATEERS + AD INFINITUM
LEGEND CLUB - MILANO

29/09/20
WITHIN TEMPTATION + EVANESCENCE
MEDIOLANUM FORUM - ASSAGO (MI)

03/10/20
PAGAN FEST
LAGHI MARGONARA - GONZAGA (MN)

03/10/20
SKELETOON
LEGEND CLUB - MILANO

08/10/20
HOUR OF PENANCE + GUEST TBA
TRAFFIC CLUB - ROMA

08/10/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
TEATRO CELEBRAZIONI - BOLOGNA

09/10/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
GRAN TEATRO GEOX - PADOVA

09/10/20
ESOTERIC + NAGA + (ECHO) (ANNULLATO)
TRAFFIC CLUB - ROMA

09/10/20
HOUR OF PENANCE + GUEST TBA
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

Helloween - The Time Of The Oath
( 8996 letture )
E' il 1996 quando gli Helloween pubblicano il loro settimo album, The Time Of The Oath, il secondo con la nuova formazione, che presenta gli innesti di Andi Deris al microfono e Uli Kusch dietro i tamburi, già presenti nel precedente Master Of The Rings, lavoro non da tutti apprezzato e primo album che vede un ritorno al power metal dopo il fallito tentativo prog-rock di Chameleon. Con questa nuova uscita il sound della band teutonica è decisamente ancora più orientato verso il power, con alcuni brani potenti e trascinanti, perfetti per essere cantati dal vivo, e alcune ballads davvero molto intense; mentre la prima metà del disco è senza dubbio la migliore e più piacevole da ascoltare, nella seconda s’incontrano i brani meno riusciti, ciononostante sempre apprezzabili, così che l’ascolto del disco non porta praticamente mai alla noia. The Time Of The Oath è un concept album basato sulle profezie di Nostradamus, in special modo quelle riguardanti un possibile millennio di pace che farebbe seguito ad una terza guerra mondiale profetizzata dal vate francese, e presenta una copertina che rimanda ai due precedenti Keeper Of The Seven Keys, con il Guardiano Incappucciato e le stelle a ricoprire lo spazio del volto, questa volta con l’aggiunta di tre anelli che ricordano l’artwork di Master Of The Rings.

Il disco si apre con una canzone già molto spinta e dal titolo semplice e diretto, We Burn, a voler indicare che ci si trova davanti ad un album in puro stile Helloween e dal quale rimarrete folgorati (in bene, s’intende) sin dal primissimo ascolto, ed al quale fa seguito la piacevole Steel Tormentor, canzone che non intende in alcun modo distaccarsi dalla precedente e prosegue quindi su toni power e spediti, ma che ci permette già di notare quanto di buono riesca a dimostrare la voce del singer Andi Deris, non troppo apprezzato da coloro che si erano abituati a vedere dietro al microfono la figura di Michael Kiske, cantante dalle doti indiscusse, ma che ha abbandonato il progetto Helloween nel 1993, a seguito della già citata svolta pop-rock di Chameleon. La terza traccia, Wake Up The Mountain, cala leggermente di velocità ma guadagna nettamente sulla linea melodica, presentando un ritornello molto orecchiabile e ben pensato; e se vogliamo iniziare a scrutare tra i dodici brani del disco per andare alla ricerca della hit, non possiamo che fermarci già al quarto pezzo, ovvero Power, una delle canzoni più riuscite dell’intera carriera delle Zucche di Amburgo, con delle linee di chitarra che s’intersecano perfettamente alla voce qui davvero sublime di Deris mentre intona il conosciutissimo refrain:

We've got the power, we are divine
We have the guts to follow the sign
Extracting tension from sources unknown
We are the ones to cover the throne


Forever And One (Neverland) è invece la prima delle tre ballate che incontreremo, incantevole e delicata, una vera gemma donataci dal lato più sentimentale della band tedesca, capace di provocare sempre forti emozioni quando tira fuori brani di questo tipo, ed in quest’occasione la voce di Deris dimostra anche una grandiosa capacità interpretativa; con Before The War siamo di fronte ad un altro brano veloce e tirato, con una parte strumentale notevole, riempita dagli ottimi assoli firmati Weikath-Grapow, oltretutto dal testo ricaviamo una delle interpretazioni che può avere Il Guardiano presente sulla copertina, ovverosia la stupidità del genere umano. Million To One è la seconda ballata, se così la vogliamo intendere, resa tale dalla bellissima linea vocale e da quella melodica, dai toni quasi epici, in particolare nella parte del ritornello, che viene ripetuto verso la fine e seguito dai cori a sfumare: un’altro gran pezzo. Ed eccoci arrivati al pezzo più divertente, Anything My Mama Don’t Like, che ricorda tanto un brano di tre anni prima nello stesso stile (Crazy Cat, tratto dall’album Chameleon), posto all’incirca a metà lavoro come per spezzare l’atmosfera e rinfrescare l’attenzione dell’ascoltatore con qualcosa di diverso dal consueto; un brano tutto sommato riuscito, ma che non merita più di tanto la nostra attenzione, che invece dovremmo concentrare sui brani della parte finale dell’album, in particolar modo gli ultimi due. Kings Will Be Kings è l’ennesimo pezzo eseguito a grande velocità, ma che in questo caso manca un po’ d’inventiva, e finisce per l’essere troppo ripetitivo, quasi al limite del noioso, seppur non di certo da considerare sbagliato o addirittura brutto; Mission Motherland risulta essere eccessivamente prolissa nella parte centrale, e poco coinvolgente nel suo insieme: peccato, perchè potenzialmente poteva diventare l’ennesimo brano capolavoro dell’album. If I Knew invece lo è sicuramente, grazie all’ottima base melodica e all’interpretazione vocale di Deris, grandiosa anche in questo caso, dalla quale emergono vere emozioni, ed anche una vena di tristezza imposta dalla cadenza drammatica del brano stesso, impreziosito da un buon assolo eseguito nell’ultima parte di canzone; ed eccoci quindi agli ultimi sette minuti, quelli della titletrack The Time Of The Oath, che rimanda all’opera di Johann Wolfgang von Goethe, Faust Part Two, dove vi è la presenza del personaggio di Mefistofele, qui interpretato liberamente dalla voce di Andi Deris, a creare un brano in cui atmosfere sinistre e magiche si fondono a meraviglia con le melodie power tipiche delle Zucche, qui tirate a lucido per l’occasione, con l’aiuto del Coro dell’Orchestra “Johann Sebastian Bach” di Amburgo, il quale nella parte finale esegue il Dies Irae.

Insomma, una conclusione coi fiocchi per un lavoro assolutamente degno della fama degli Helloween, e che meriterebbe un tantino più di riguardo perchè se siete alla ricerca di una band dalle innegabili qualità, capace di tirar fuori dischi del genere, allora gli Helloween faranno per voi. Quasi un capolavoro.



VOTO RECENSORE
80
VOTO LETTORI
86.55 su 138 voti [ VOTA]
Ludwig
Lunedì 30 Dicembre 2019, 17.56.02
66
The time of the oath, come scrisse allora Metal Shock, "è un grande album che rimanda direttamente ai fasti di Keeper of the seven keys"! E per me è forse questo l'album storicamente più titolato al blasone di "Keeper 3" PS: Fortunatamente questa recensione fu affidata a qualcuno che ne capiva di più e non era accecato da odio o rosicamenti vari verso la band di Weikath e Deris.
Radamanthis
Sabato 29 Dicembre 2018, 23.21.48
65
Il poker Master-Tiime-Better-Dark è favoloso! I miei preferiti in ordine dark ride, time of the oath, master of the rings e better than raw.
Silvia
Sabato 29 Dicembre 2018, 23.11.33
64
Sì forse Master è il mio preferito dei 3
lisablack
Sabato 29 Dicembre 2018, 23.04.53
63
Io adoro Master of the ring, pure quello ho ancora la cassetta..Steel Tormentor, ma soprattutto la title track, la mia preferita
Silvia
Sabato 29 Dicembre 2018, 22.52.51
62
Io il CD, molto bella Steel Tormentor. X me la triade Master - Time - Better è molto carina con pezzi stupendi ma altri non esaltanti. Uli Kusch batterista fantastico, super-funzionale ai pezzi e stile unico nella sua semplicità
lisablack
Sabato 29 Dicembre 2018, 22.46.07
61
Questo è stupendo, consumato all'epoca, ho la cassetta ancora..
David D.
Sabato 29 Dicembre 2018, 21.30.03
60
Brutta produzione, ma ottimi pezzi. Peccato, perchè come su Better Than Raw, la pessima produzione compromette degli album che basandosi sui soli pezzi, potevano davvero essere tanto. Voto 77.
Area
Lunedì 4 Giugno 2018, 15.12.29
59
Sicuramente il miglior disco del periodo post Chameleon insiema a Better Than Raw... non solo per la copertina che comunque riprende una figura familiare! I pezzi sono quasi tutti belli, ma ugualmente su una cosa voglio insistere... io Deris lo preferivo con i Pink Cream 69 con cui ha inciso almeno due capolavori su tre, una band che consiglierò sempre a chi ama le sonorità Americane Hair. @megna, Si sono d'accordo ad Andi Deris va il merito di aver rilanciato gli Helloween , almeno in Europa. E lo dico io che non ho amato Pink Bubbles ma Chameleon si.
megna
Lunedì 4 Giugno 2018, 14.24.40
58
Deris ha dato nuova linfa al gruppo fondato nel lontano 1983 con il suo timbro vocale molto caratteristico che tanta fortuna ha portato ai Pink Cream '69. Power sembra davvero calzargli a pennello e diventa il tormentone dell'anno. Tutti la fischiettano almeno una volta. Il ritorno in pompa magna del combo teutonico è ormai dietro l'angolo !
ELIO MARRACINY
Martedì 22 Maggio 2018, 2.07.53
57
COSA CAZZO E KINGS WILL BE KINGS! MA ANCHE LA TITLE TRACK E L EPICA A MILLION TO ONE.
Nergal
Martedì 15 Novembre 2016, 23.30.42
56
Correva l'anno 1996 quando usci' questo bel disco.A seguito di una visita medica che ho dovuto fare al Gemelli di Roma comprai questo capolavoro proprio in un negozio di musica della capitale.Ricordo che avevo dietro un lettore cd a batterie e al ritorno nel pullman lo ascoltai infinitamente fino a esaurimento scorte delle pile.Un album che ho a cuore e che ascolto cn immenso piacere ancora oggi ricordando i bei tempi.Stesso discorso x "Better Than Raw"...album spettacolari.Voto 90
Lemmy
Martedì 15 Novembre 2016, 23.09.01
55
Anche questo davvero niente male sia come espressività vocale che strumentale, insieme a Better Than Row, diciamo che per i miei gusti sono quelli più digeribili musicalmente con Deris al microfono.Bel disco.
ivancarli86
Lunedì 31 Ottobre 2016, 10.50.12
54
Così...solo perchè oggi è Halloween e Radamanthis lo scriverà sicuro: happy happy Helloween!!!
Vitadathrasher
Domenica 30 Ottobre 2016, 23.23.25
53
Benché sia cresciuto con le seven keys, trovo che questo lavoro sia sullo stesso livello, riuscito in toto. Mi piace poco la produzione, che suona un po piatta. 90
Sonia
Giovedì 18 Agosto 2016, 22.41.10
52
Favolosi.
Ciccio
Lunedì 18 Luglio 2016, 23.06.35
51
È vero, è un disco molto molto bello. Ho adorato gli Helloween sin dall'inizio, poi dopo Rabbits li ho persi di vista. Credo che al prossimo concerto non me li perderò...voglio rinverdire un po' i magnifici ricordi di gioventù legati indissolubilmente a questa grande Band! Steel Tormentor!
Metal Shock
Lunedì 18 Luglio 2016, 21.59.51
50
MONUMENTALE! Album capolavoro per gli Helloween. Tanti preferiscono l band con Kiske, ma io adoro la voce di Andi e questo disco lo metto allo stesso livello dei Keepers. Tutto l`album e` splendido, Power ha il miglior coro mai scritto dalla band, e poi We burn, Still tormentor, King..., la titletrack e soprattutto Mission Moherland lla mia preferita, un capolavoro unico. Album da 97!!!!
Therocker77
Venerdì 24 Giugno 2016, 15.59.14
49
Indubbiamente il loro miglior lavoro dopo i primi 3 album. 85/100
xXx
Martedì 1 Marzo 2016, 13.49.29
48
i keeeprs, walls e chameleon sono da 100! pink bubbles da 90. l'era deris invece si assesta su un 85 di media con picchi sui 90 (oath-dark-gambling-straight) e una sola caduta (rabbit) cmq sufficiente. gli helloween sono degli dei. punto.
Steelminded
Martedì 1 Marzo 2016, 11.18.36
47
Comunque viva gli Helloween capostipiti e creatori di un sub-genere nobilissimo, a dispetto dei detrattori del power che comunque comprendo perchè è un genere che può non piacere... I keepers sono da 100!
Galilee
Martedì 1 Marzo 2016, 11.14.11
46
Diciamo che ci sono una decina di band decisamente trattate malino su questo sito. Ma parlando oggettivamente è una questione di coincidenze, visto che i recensori sono sempre diversi. Quindi, è capitato cosi, pazienza.
Radamanthis
Martedì 1 Marzo 2016, 10.55.27
45
@galilee: capisco ciò che intendi. A me piace invece come canta in quel disco ma ovviamente de gustibus! Il discorso voti e giudizi sulla discografia degli Helloween è veramente qualcosa che fatico a digerire. Per restare sulle ultime uscite mi chiedo...come si fa a dare solo 77 a Straight out of hell? o addirittura 71 a Gambling che è il migliore dell'era Gerstner (per intenderci meglio, era post Grapow - Kursh)!? Paradossi dell'esistenza...ma d'altronde se Walls e Keeper 21 prendono solo 90 e sono pitere miliari del power metal da cui molti hanno preso spunto, copiato ecc ogni discorso cade nel baratro...
xXx
Lunedì 29 Febbraio 2016, 18.55.07
44
e soprattutto concordo che su metallized certe band vengono un pò sottovalutate.........diciamo così......
xXx
Lunedì 29 Febbraio 2016, 15.59.20
43
concordo con radamanthis e steelminded. su pink bubbles sono sulla stessa lunghezza d'onda di radamanthis.
galilee
Lunedì 29 Febbraio 2016, 12.30.56
42
Aggiungerei al mio breve discorso, che non lo considero un disco commerciale o facilone, anzi tutt'altro. Ma proprio lo aborro.
Galilee
Lunedì 29 Febbraio 2016, 12.22.21
41
Il mio odio è ricolto oltre ai pezzi, alla voce di Kiske. Troppo acuta, troppo cugini di campagna(si è un paradosso), ma a me il metal cosi fa proprio schifo. E' una questione di stile. Adoro la voce di Kiske quando la usa al 100% come su Chamaleon o i due Keeper. In Pink è tutto pulitissimo, troppi acuti. Quando ascolto kids of the century spaccherei lo stereo dal nervoso. Mi irrita come pochi questo disco.
Radamanthis
Lunedì 29 Febbraio 2016, 12.01.59
40
@Galilee: presi Pink bubbles go ape originale e presi (pochi anni fa) PBGA rimasterizzato in deluxe edition e i suoni cambiarono drasticamente rendendolo moooolto più heavy. ti consiglio l'ascolto di quella versione. Se poi il tuo non gradimento è rivolto ai brani veri e propri è un altro discorso. A me piace molto, un Kiske superlativo su tutto! Se vuoi leggerti il mio post 22 sotto la rece del disco in questione meglio spiego il perchè del mio giudizio positivo su quel disco!
Galilee
Lunedì 29 Febbraio 2016, 0.46.54
39
Basta leggere la recensione di Better than raw dove il recensore definisce questo disco un passo falso. Fu solo la rinascita mondiale degli helloween, sia come popolarità che vendite. Artistica no perchè sinceramente, come di Radamanthis, non hanno mai sbagliato un disco. Anche se io odio Pink. Inascoltabile per me, ma lo sapete già.
Radamanthis
Domenica 28 Febbraio 2016, 22.37.52
38
Beh effettivamente su questo sito non mi sembrano molto amati gli Helloween...eppure hanno fatto la storia del power, anzi, sono loro la storia del power ma evidentemente qui sono un pò più orientati su altro...basta leggere sulla colonna a fianco l'elenco dei dischi e rispettivi voti...
Steelminded
Domenica 28 Febbraio 2016, 21.15.33
37
Cavolo Gals, hai ragione Keepers 3 merita davvero (e qui mi sembra che gli abbiano sparato un 55 o giù di lì , sai il peso del titolo). Comunque un grande album, King for a 1000 Years a me fa impazzire per inciso (I know your secrets...)... Non so perché non ti piaccia!
Galilee
Domenica 28 Febbraio 2016, 20.37.52
36
La produzione in effetti è strana, ma è bella sporca e non mi dispiace. Se devo citare i migliori dischi del dopo Dark Ride, cito keeper 3(peccato solo per king for a day, non mi piace per nulla, soprattutto il chorus) e Gamblng. L'ultimo a me è piaciuto, ha 4/5 pezzi da urlo. Sicuramente su questo portale, almeno dal mio punto di vista una delle band più bastonate in assoluto.
Steelminded
Domenica 28 Febbraio 2016, 17.26.19
35
DI fronte a Radamanthis, mi tolgo il cappello. Sono essenzialmente d'accordo con le sue critiche all'ultimo corso degli Helloween... Poi a me l'ultimo My God Given Right non piace proprio. Però in 7sinners e Straight out of Hell ci sono delle perle davvero notevoli, a me quegli album piacciono di brutto! Cito solo If A Mountain Could Talk e Nabathea secondo me tra i pezzi migliori delle zucche in assoluto... Tornando a questo Time of the Oath, un altro difetto che identifico non so se siete d'accordo è la produzione: per me è registrato male, il sound è un po' scadentino sia rispetto al passato che al proseguio. Potrei anche condividere il commento di Galilee, fore il voto è un po' bassino. Soprattutto condivido che non si possa paragonare allo stile precedente perchè è un'altra cosa. Comunque grandissimi Helloween, davvero meritano un posto tra i giganti del metal.
Galilee
Domenica 28 Febbraio 2016, 15.40.10
34
Visto che anch'io adoro questo disco mi sento tirato in causa. Si miglior disco era Deris, al pari dei due successivi, più gambling with the devil. La titletrack è un capolavoro, sicuramente tra le 10 canzoni migliori degli Helloween. Per me il voto è basso, visto che lo reputo quasi perfetto. Quindi 90 a tutti e 4. Evito di paragonarli ai dischi dell'era antecedente. Anche lo stile è molto diverso.
InvictuSteele
Domenica 28 Febbraio 2016, 14.35.38
33
La butto li, secondo me questo è il miglior album della storia delle zucche, si avete capito bene, ogni brano è un gioiello. Per me la seconda era con Deris alla voce è decisamente superiore alla prima, va bene i due Keeper pero questo album, better than raw, dark ride, gambling with the devil, anche keeper the legacy sono dello stesso livello. Del resto, concordo con voi, gli Helloween non hanno mai sbagliato in carriera.
Radamanthis
Domenica 28 Febbraio 2016, 14.11.05
32
Da helloweeniologo incallito posso dirti che concordo con te. The time of the oath è, anche a mio avviso ed al pari di Dark ride (pur essendo due dischi differenti) il migliore dell'era Deris. Però sono in disaccordo con il resto. A mio avviso i primi 4 dell'era Deris (da Master of the rings a Dark ride) e quindi i 4 con Grapow e Kursh sono superiori a quelli dell'era Gerstner / Loebe. Trovo una band musicalmente più ancorata ai dischi inarrivabili dell'era Kiske, poi hanno un pò abbandonato quei lidi per indurire un pò il loro sound e molte canzoni peccano di originalità risultando un pò simili tra loro. In certi dischi ci sono un pò troppi filler mentre a tratti faccio fatica a ricordare se un brano o un altro sono centenuti in queto o quel disco (è un pò un discorso "estremo" ovviamente, è per far capire ciò che intendo). Detto ciò gli helloween sono in assoluto la mia band preferita e non hanno mai sbagliato un colpo nonostante tutti i cambi di line up e problematiche annesse.
Steelminded
Domenica 28 Febbraio 2016, 13.56.06
31
Non lo so se questo è il migliore dell'era Deris, secondo me se la gioca con Seven Sinners e Straight Out of Hell. Certo è che è un bell'album, concordo con il voto della recensione. Non sono molto d'accordo sul calo della seconda parte, che anzi per me contiene un po' i pezzi forti del lotto, come Mission Motherland, Kings will be Kings, If I Knew e The Time of the Oath. E' vero che vi sono delle fillers inutile, la cui esclusione avrebbe fatto forse bene all'economia del disco, parlo di Anything my mama don't like e A Million to One. Non sono affatto d'accordo sulla critica sulla parte centrale di Mission Motherland, che a mio avviso ci sta tutta e funziona bene... Da questa prospettiva, allora anche la parte di The Rime of the Ancient Mariner non ha senso (e forse è anche più vero in quest'ultimo caso...)...
Steelminded
Sabato 27 Febbraio 2016, 14.09.19
30
Sarà questo il migliore dell'era Deris?
K1LleRxINstincT
Mercoledì 27 Gennaio 2016, 19.21.30
29
WE BUUUUUUURN!!!!!!!!!!! Che figata di album!
Christian death rivinus
Venerdì 6 Novembre 2015, 8.41.39
28
No dell'era ferie...ma si dell'era deris....scusate e' stato un errore di battitura...
Christian Death Rivinusa
Domenica 1 Novembre 2015, 11.01.57
27
per me medaglia d'argento dell'era ferie primo master of the ring,poi exequo better t.r. e the dark ride… ..
paolo
Sabato 29 Agosto 2015, 2.56.54
26
Bellissimo e Andi Deris ha una voce fantastica!!! Cantante sempre troppo sottovalutato.
klostridiumtetani
Giovedì 6 Agosto 2015, 22.35.25
25
Esatto! Quasi un capolavoro!!! Bellissimo disco!
Ludwig
Giovedì 6 Agosto 2015, 17.37.26
24
Fortunatamente questa recensione è stata assegnata a qualcuno di preparato, a differenza che per Master....altrimenti si sarebbe preso una bocciatura (roba da non credere). "Power" è l'inno delle zucche anni'90, Kings will be kings e Before the war il modo più convincente per scrivere pezzi di doppia cassa senza fare il verso al passato. E pure un paio di ballad di classe e senza banalità. Produzione non impeccabile e anzi piuttosto grezza, ma...un album quasi miracoloso se si pensa che solo 3 anni prima era stata partorita roba come In the night e Step out fo hell.
Buona
Giovedì 6 Agosto 2015, 10.12.12
23
bellissimo ! infatti fu disco di platino ;o)
lisablack
Giovedì 18 Giugno 2015, 21.46.30
22
Bellissimo questo album, quanti bei ricordi!! La title track è grandiosa, anche Steel tormentor e Mission Motherland e la super ballar Forever and one, un brano da sogno! Per me il voto è 90!
InvictuSteele
Sabato 6 Giugno 2015, 16.25.11
21
Si anche per me il miglior album della storia delle zucche. Con Kiske o senza di Kiske che è un dio alla voce ma Deris gli dà una pista su creatività e liriche.
Galilee
Lunedì 16 Febbraio 2015, 12.23.37
20
Dopo i due Kepper e l'ep omonimo per c'è questo TTOTO. Semplicemente magnifico. Un capolavoro. 95/100
wonderghio
Mercoledì 3 Dicembre 2014, 16.48.17
19
Per me è il miglior disco degli helloween e uno dei migliori di tutto il panorama Power, semplicemente un capolavoro.
Radamanthis
Venerdì 31 Ottobre 2014, 15.09.17
18
Come lo scorso anno: Così...solo perchè oggi è Halloween: happy happy Helloween!!!
Cirith Ungol
Sabato 30 Agosto 2014, 1.35.43
17
Ma quanto è bella la title track.
matteo38
Martedì 26 Agosto 2014, 18.14.21
16
forse il migliore dell'era deris poco al di sotto dei capolavori con kiske. togliendo un paio di riempitivi che per me sono million to one e if i knew siamo di fronte a un albumone. deris è un autore coi controcoglioni e lo dimostrano pezzi come we burn , before the war e forever and one (ballad più bella degli helloween insieme con a tale that wasn't right). disco cagato poco dagli helloween fan come dimostrano solo 15 commenti . mai capito il perchè voto85
Master Killer
Lunedì 11 Novembre 2013, 23.06.02
15
Album che ho apprezzato ma poco.. ci sono canzoni che mi colpiscono tanto (Power, Before the War, Steel Tormentor, The Time of the Oath e Anything My Mama Don’t Like) Canzoni che passano normalmente (Forever and One, Wake Up the Mountain, Mission Motherland, Million to One, If I Knew) e canzoni che non mi fanno impazzire (We Burn e Kings Will Be Kings) però lo si ascolta con piacere, voto tra il 75 e l'80
gousep80
Sabato 9 Novembre 2013, 18.06.34
14
Per me è una bomba sto disco...
Radamanthis
Giovedì 31 Ottobre 2013, 10.55.53
13
Così...solo perchè oggi è Halloween: happy happy Helloween!!!
Le0vince
Sabato 29 Giugno 2013, 15.47.21
12
Album power con tendenze heavy. Le zucche ci sparano nelle orecchie 12 tracce potentissime che ci rimarranno in mente per un bel po'. Molto melodiche le canzoni e riff pittosto potenti, ovviamente si distaccano molto dall''happy metal iniziale. La prima parte è quasi da 90 la seconda parte cala(ultime 5 canzoni) Complessivamente ottimo album. Voto:85
Radamanthis
Martedì 5 Febbraio 2013, 16.42.41
11
Ecco che dopo aver commentato il debut dei "nuovi Helloween" Master of the rings arriva il momento del suo successore Time of the oath! Si parte col botto con la tracca a mio parrere migliore: We burn con un Deris sugli scudi sia come songwriter che come singer; si passa poi ad altre grandi hit quali Steel tormentor, Wake up the mountain e la bellissima Power, momento soft con la bella ballata Forever and one e ripartenza a razzo con Before the war. La seconda parte del disco ha 2 momenti ancora esaltanti: Kings will be kings e la title track che ha un incedere oscuro come fin qui nessun brano degli helloween ebbe...il resto è skippabile: A million to one è più da bonus track che da traccia vera e propria, Anything my mama don't like vorrebbe essere una parente della grandiosa Crazy cat di Chameleon (bravo Flight ad aver trovato il paragone) ma forse è una cugina di 4°grado e pure bruttina...If I jnew direi inutile dopo che hai messo una grande ballad come Forever and one e Mission motherland che se studiata un pò meglio avrebbe potuto dire qualcosina in più invece di risualtare noiosetta. Un passo avanti rispetto al debut con Deris, uno dei migliori in assoluto dell'era con Andi alla voce, un mezzo capolavro che si merita un 88
Legacy
Domenica 8 Luglio 2012, 17.36.11
10
soggettivamente è il mio terzo album preferito degli Helloween...riff pesanti e allo stesso tempo melodici e veloci...Andi Deris non sarà Kiske ma si impegna e si sente bene...ottimo lavoro anche di Uli Kusch...Power, Steel Tormentor, la titletrack, Before The War e We Burn sono le migliori....92
Mickelozzo
Giovedì 8 Marzo 2012, 14.45.26
9
Ci sono un po' di canzoni eccellenti (We Burn, Steel Tormentor, l'eccezionale Before The War), e una quantita` di canzoni variabile tra il buono ed il discreto, tra cui si annidano un po` di filler non pessimi ma tutt'altro che necessari (3 ballad 3? e la title track sinceramente mi dice pochino...). Forse valeva la pena di mettere qualche pezzo in meno. Voto: 80
simone
Martedì 1 Novembre 2011, 23.15.35
8
questi sono gli helloween!!!!questo disco li rappresenta perfettamente!!!!!!
Radamanthis
Venerdì 10 Giugno 2011, 16.06.20
7
Uno dei miei preferiti dell'era Deris anche se con troppi filler. Con al max 9 songs era davvero ottimo! A me fa impazzire We burn...
Franky1117
Mercoledì 8 Dicembre 2010, 14.47.42
6
disco abbastanza buono, forse il migliore dell'era Deris. su tutte if i knew e wake up the mountain
LadyDeris
Mercoledì 17 Novembre 2010, 15.09.12
5
assoluatemnte l album migliore degli helloween !!
Painkiller
Lunedì 15 Novembre 2010, 15.25.30
4
un suono pieno di scratch e davvero pessimo, alcune canzoncine da asilo, un peccato che altre belle canzoni siano state rovinate dalla pessima produzione. 60
AL
Giovedì 19 Agosto 2010, 16.30.06
3
il miglior album con quella gallina di Deris! Before the war è potentissima!!!
Er Trucido
Giovedì 19 Agosto 2010, 16.19.54
2
Uno dei miei dischi preferiti dell'era Deris, mi piacciono molto i due brani di apertura!
Room 101
Giovedì 19 Agosto 2010, 16.02.39
1
Adoro Power !
INFORMAZIONI
1996
Castle Communications
Power
Tracklist
1. We Burn
2. Steel Tormentor
3. Wake Up The Mountain
4. Power
5. Forever And One (Neverland)
6. Before The War
7. A Million To One
8. Anything My Mama Don’t Like
9. Kings Will Be Kings
10. Mission Motherland
11. If I Knew
12. The Time Of The Oath
Line Up
Andi Deris - Voce
Michael Weikath - Chitarra
Roland Grapow - Chitarra
Markus Grosskopf - Basso
Uli Kusch - Batteria
 
RECENSIONI
70
77
40
75
72
74
55
58
68
75
80
80
70
64
67
82
90
95
90
ARTICOLI
23/11/2017
Live Report
HELLOWEEN
Mediolanum Forum, Assago (MI), 18/11/2017
27/07/2015
Intervista
HELLOWEEN
La vita è più facile se ascolti gli Helloween!
19/08/2012
Articolo
HELLOWEEN
La biografia
24/01/2011
Live Report
HELLOWEEN + STRATOVARIUS
Atlantico, Roma, 19/01/2011
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]