Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Ayreon
Electric Castle Live and Other Tales
Demo

Morningviews
You Are Not the Places You Live In
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

29/05/20
CENTINEX
Death In Pieces

29/05/20
PALAYE ROYALE
The Bastards

29/05/20
DEF LEPPARD
London to Vegas

29/05/20
XIBALBA
Anos En Infierno

29/05/20
SORCERER
Lamenting Of The Innocent

29/05/20
VIOLENT HAMMER
Riders of the Wasteland

29/05/20
PARALYSIS
Mob Justice

29/05/20
MORBID ANGELS
Altars of Madness – Ultimate Edition

29/05/20
OUR POND
Paraphernalia

29/05/20
GRAVE DIGGER
Fields Of Blood

CONCERTI

29/05/20
RAIN + GUESTS (ANNULLATO)
BLACK DEVILS SPRING PARTY - S. GIOVANNI IN PERSICETO (BO)

29/05/20
NECRODEATH (ANNULLATO)
LEGEND CLUB - MILANO

30/05/20
MARK LANEGAN BAND (ANNULLATO)
TEATRO MANZONI - BOLOGNA

09/06/20
PERIPHERY (ANNULLATO)
ORION - CIAMPINO (ROMA)

10/06/20
IN.FEST
CIRCOLO MAGNOLIA - MILANO

12/06/20
SYSTEM OF A DOWN + KORN + GUESTS TBA (SOSPESO)
I-DAYS - AREA EXPO - MILANO

12/06/20
GUNS N` ROSES + GUESTS TBA (ANNULLATO)
FIRENZE ROCKS - VISARNO ARENA (FIRENZE)

13/06/20
AEROSMITH + GUESTS (SOSPESO)
I-DAYS - AREA EXPO - MILANO

16/06/20
STEEL PANTHER + THE WILD (SOSPESO)
ALCATRAZ - MILANO

16/06/20
DEATHLESS LEGACY
CRAZY BULL - GENOVA

Anathema - Alternative 4
( 10725 letture )
Nel 1978 un tale Leslie Watkins pubblicò un curioso libretto dall'enigmatico titolo Alternative 3. In realtà il libro di Watkins era solamente la “trascrizione” di un documentario televisivo - ad opera di David Ambrose & Christopher Miles - uscito nel '77, in contemporanea in diversi Paesi, il quale metteva in luce almeno 2 fatti sconcertanti per l'umanità intera.
Primo fatto: diversi scienziati sarebbero scomparsi o morti in quella che sarebbe stata definita come operazione brain drain. Tra le morti misteriose figurerebbe anche quella di un certo Professor Ballantine, il quale avrebbe passato prima di morire una videocassetta ad un amico; videocassetta che inserita in un normale lettore vhs non ebbe mai modo di funzionare. I documentaristi ipotizzano che gli scienziati scomparsi sarebbero coinvolti in un segretissimo progetto congiunto tra Stati Uniti e (l'allora) Unione Sovietica per dei misteriosi viaggi spaziali, fatto avvalorato dai contenuti della videocasseta di Ballantine una volta che fu trovato il sistema di decodifica: il filmato conterrebbe le immagini di un atterraggio su Marte avvenuto nel 1962.
Secondo fatto: la Terra starebbe morendo come conseguenza del massiccio inquinamento. Gli sconvolgimenti climatici porterebbero alla fine della vita sul pianeta.
Sebbene il primo fatto possa fare sorridere (ed in effetti alcune versioni dichiarano che il documentario sarebbe dovuto essere solamente uno scherzo che inoltre sarebbe dovuto andare in onda il primo di aprile, cosa che poi non avvenne per comuni problemi di tempistiche televisive), il secondo sarebbe ancora di estrema attualità. Watkins puntò la propria attenzione proprio sull'inevitabile fine del mondo e sulle 3 uniche alternative elaborate per salvare l'umanità.

Alternativa 1: drastica riduzione della popolazione umana.
Alternativa 2: costruzione di rifugi sotto la superficie terrestre per gli uomini più potenti della Terra e per una fetta accuratamente selezionata di popolazione meritevole (la cosiddetta elite) finchè il clima non si stabilizzi.
Alternativa 3: costruzione di navi spaziali per il trasferimento dell'elite terrestre su Marte.

Bene, cosa c'entrerebbe tutto ciò con gli Anathema? E' presto detto: il libro di Watkins ispirò, una ventina d'anni dopo la sua uscita, proprio Duncan Patterson, all'epoca bassista e principale songwriter insieme a Danny Cavanagh del combo di Liverpool. Le teorie ivi contenute diedero lo spunto a Duncan per portare ad estremo compimento la sua visione iperpessimistica della condizione umana. Alternative 4 è infatti il disco della totale perdita di speranza, della forte presa di coscienza sul fatto che la vita non abbia alcun senso, se non il dolore. Difatti l'apertura affidata a Shroud of False (le cui note di pianoforte non dimenticherete mai più), manifesto assoluto della poetica anathemiana, non lascia adito a a dubbi:

We are just a moment in time

Dopo averci così ridotto alla stregua di un semplice frammento di tempo della durata di un battito di ciglia Duncan suggella la nostra condizione con l'augurio migliore che potesse fare:

I hope you don't understand.

La felicità risiede nell'ignoranza, nel non sapere, nel non capire. Da qua le lyrics si dipanano a proposito del vuoto e della disperazione che ci circondano, dei sadici tradimenti che la vita mette in atto per noi, della nostra incapacità di capire l'importanza degli affetti finchè non li si è persi per sempre, finanche al logorìo dei rimorsi, dei pentimenti, del “come sarebbe stato se”. E naturalmente, come ciliegina, la oramai fatidica

Alternativa 4: l'olocausto totale dell'umantà.

Gli Anathema vogliono quindi far passare il messaggio che l'unica fonte di salvezza sia la morte. E lo fanno con un pezzo, la title track, dotato di una inquietante e psicotica bellezza che ha dell'incredibile.
Curioso come la title track sia affidata all'unico pezzo dotato di un legame con i trascorsi musicali del gruppo, perchè musicalmente parlando Alternative 4 è il disco della grande svolta gothic: gli Anathema puntano ad una semplificazione massiccia del sound e ad una eliminazione quasi totale della componente doom (comunque ancora abbastanza presente sul precedente Eternity). Il suono viene di conseguenza alleggerito di spessore metallico, virando su una maggiore cura per le melodie e per gli arrangiamenti tastieristici ed aprendo verso il mondo della psichedelia (processo che troverà pieno compimento nel successivo Judgement). Tutto ciò in un contesto musicale volutamente molto minimale. Una produzione finalmente all'altezza dona al disco quella fredda asetticità che ne accentua le sensazioni di assoluta solitudine e di abbandono.
Patterson e Vincent sono i due protagonisti del disco: il primo per i suoi eccellenti lavori di basso e per l'atmosfera ricreata; il secondo per l'interpretazione vocale dei pezzi, disperata e rabbiosa quanto serve.
Le nuove soluzioni adottate comprendono l'introduzione degli archi (l'esaltante riff di apertura di Fragile Dreams, oramai un loro inno), dell'organo Hammond (come nella mia preferita e piccolo capolavoro Regret) e di un uso sempre più massiccio del pianoforte come elemento melodico.
La solita, immensa, sensibilità nel toccarci l'animo nel profondo è l'unico filo conduttore di tutta la produzione degli Anathema ed in questo disco raggiunge degli apici incredibili. Vi sentirete letteralmente sciogliere il cuore in amare lacrime sulle note di Inner Silence (tra i pezzi più toccanti che abbia mai sentito), così come vi struggerete per le urla di dolore che sentirete a volte in sottofondo; vi abbandonerete ai ricordi di una felicità sempre vissuta in differita, perchè incapaci di goderne se non nei ricordi e vi lascerete dolcemente attanagliare lo spirito dai rimorsi di una vita.

Alla fine, per come io l'ho recepito, il disco attraverso la sua carica di negatività sembra quasi invitare l'ascoltatore a gioire finchè ce n'è il tempo, finchè ci sono le energie, finchè la vita col suo rito strano e incomprensibile ci trascina dentro la grammatica del desiderio e dietro un sogno di felicità.
Semplicemente imperdibile per chiunque.



VOTO RECENSORE
90
VOTO LETTORI
86.26 su 111 voti [ VOTA]
Aceshigh
Domenica 29 Ottobre 2017, 8.53.15
26
Grande band ! Nella loro continua ed imperturbabile evoluzione hanno sfornato delle vere e proprie gemme musicali, come questo Alternative 4, uno dei vertici della loro produzione. Concordo con il voto in calce alla bellissima recensione!
Morlock
Venerdì 24 Marzo 2017, 20.57.15
25
CAPOLAVORO!
lovro
Martedì 19 Luglio 2016, 10.26.11
24
spettacolo dark anche se la copertina é bianca. le foto nel booklet con un pelo mancato nella rasatura? fuori ma epico. da ascoltare con calma per poter viaggiare nei meandri della mente
Andrew Lloyd
Martedì 29 Marzo 2016, 21.51.16
23
Bellissimo disco, bellissima recensione.
Undertow
Lunedì 15 Febbraio 2016, 0.51.55
22
Grandissimo album. Superato solo dall'immediatamente successivo Judgment. Le prime 6 tracce sono pura poesia. 93.
Rob Fleming
Sabato 16 Gennaio 2016, 14.47.08
21
Clamorosa svolta con una serie di perle che ancora oggi fanno bella mostra ai loro concerti. Su tutte Fragile Dreams, Lost control, Empty e la stessa Alternative 4. Quando si dice capolavoro 85
Andy \\\'71
Mercoledì 24 Aprile 2013, 18.36.25
20
Capolavoro!90 pieno!
vitadathrasher
Giovedì 6 Settembre 2012, 18.00.14
19
Bello, ma The silent enigma? è superiore
Flavio
Mercoledì 11 Luglio 2012, 12.49.23
18
Meraviglioso. Punto.
Felix
Giovedì 5 Luglio 2012, 12.29.45
17
Ottima recensione.. sicuramente è l'album di svolta nella carriera degli Anathema che lasciano i lidi del Doom verso sonorità più melodiche e poetiche. Album perfetto voto 95
luci di ferro
Domenica 4 Marzo 2012, 20.46.06
16
la band crea questa pietra miliare del genere che tuttavia non è del tutto definibile entro i confini di uno stile preciso; spazia invece al di là della semplice parola gothic, CAPOLAVORO ASSOLUTO ascoltate Fragile Dreams !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
freedom
Giovedì 16 Febbraio 2012, 16.57.48
15
Stupendo. Voto 93.
Lontano
Giovedì 5 Gennaio 2012, 19.35.10
14
Grazie ad Autumn ed a Metallized per avermi fatto conoscere questa band e, soprattuto, questo disco. Suona da settimane costantemente nel mio lettore. 90? per me capolavoro da 99,9 !!
La Cura
Domenica 16 Ottobre 2011, 15.51.09
13
Complimenti Stefano bella recensione , questo album è per me ottimo .
enry
Domenica 21 Agosto 2011, 8.51.35
12
Il migliore dei 'nuovi' Anathema, disco a dir poco stupendo. Per me si piazza al secondo posto, subito dietro a The Silent Enigma...Un 90 che questa volta ci sta tutto.
The sinner
Sabato 20 Agosto 2011, 23.57.06
11
Un viaggio dentro l'anima, un viaggio inquietante, un viaggio commovente........un album che bisogna capire per apprezzare...ascoltare e riascoltare...per poi realizzare che sei di fronte ad un Opera d'Arte !!!!!
Ghenes
Sabato 4 Settembre 2010, 12.26.59
10
...disco a momenti commovente anche se l'impronta Pink Floyd è notevole.
Il Mentalista
Lunedì 30 Agosto 2010, 14.08.46
9
Un capolavoro che si aggrappa all'anima col tutto il suo peso, trascinandola in un pozzo senza fondo di emozioni. Meraviglioso.
flv
Lunedì 30 Agosto 2010, 11.43.20
8
musica che tocca l'anima . Bella recensione come al solito !
nonpoint
Domenica 29 Agosto 2010, 15.33.43
7
DISCO STRATOSFERICO TRA I MIGLIORI 5 DISCHI DI TUTTI I TEMPI!!!!!!!!!!!! GRANDISSIMI ANATHEMA
andrea
Domenica 29 Agosto 2010, 2.04.34
6
meraviglioso, sicuramente uno dei miei preferiti degli anathema! 95 anche per me!
tribal axis
Sabato 28 Agosto 2010, 21.28.56
5
non l'ho mai ascoltato ma questa ottima recensione me ne ha fatto venire voglia. complimenti.
Franky1117
Sabato 28 Agosto 2010, 19.35.35
4
album di una classe infinita,insieme a judgement il migliore degli Anathema
Federico95
Sabato 28 Agosto 2010, 14.30.50
3
Bellissimo, il mio voto è 95, è davvero perfetto.
Pandemonium
Sabato 28 Agosto 2010, 13.03.21
2
Bella recensione, come sempre Autumn. Questo è il disco migliore della "nuova era" degli Anathema per quanto mi riguarda: testi e musica sono di una passionalità e perfezione stilistica unica ed irripetibile.
Giasse
Sabato 28 Agosto 2010, 12.34.50
1
Nella loro musica -malinconica per definizione- ho sempre percepito un fortissimo contrasto: gli Anathema non mi hanno mai "intristito" perchè, come sottolinea Autumn nella sua chiusura, il loro messaggio pessimistico rivolge in un qualche modo alla vita. E' un concetto difficile da spiegare, perché probabilmente è una sensazione intima che provo a livello emotivo. Come sognare la morte, svegliarsi e ringraziare di POTER andare con le proprie gambe al quotidiano patibolo: questo è per me A4...
INFORMAZIONI
1998
Peaceville Records
Gothic
Tracklist
1. Shroud of False
2. Fragile Dreams
3. Empty
4. Lost Control
5. Re-Connect
6. Inner Silence
7. Alternative 4
8. Regret
9. Feel
10. Destiny
Line Up
Duncan Patterson – Basso, chitarra, piano
Vincent Cavanagh – Voce, chitarra
Daniel Cavanagh – Chitarra, piano, tastiere
Shaun Steels – Batteria
 
RECENSIONI
58
56
76
50
68
78
78
87
90
93
90
80
ARTICOLI
26/07/2017
Intervista
ANATHEMA
Intervista con Vincent Cavanagh (esclusiva!)
26/07/2017
Intervista
ANATHEMA
Interview with Vincent Cavanagh (english)
17/07/2017
Live Report
ANATHEMA (acoustic)
Monk, Roma, 12/07/2017
08/09/2011
Live Report
ANATHEMA + RIVERSIDE + METHODICA
Prog Days, Veruno, 03/09/2011
10/07/2011
Live Report
DREAM THEATER + GAMMA RAY + ANATHEMA
Ippodromo Delle Capannelle, Roma, 04/07/2011
19/11/2010
Live Report
ANATHEMA
Bologna/Milano 2010
03/11/2008
Live Report
ANATHEMA
La data di Roma
19/11/2007
Live Report
ANATHEMA + PORCUPINE TREE
La data di Milano?
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]