Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Phil Campbell
Old Lions Still Roar
Demo

Pinewalker
Migration
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

21/11/19
SIGNUM REGIS
The Seal Of A New World

21/11/19
DUST
Breaking The Silence

22/11/19
THE WHO
Who

22/11/19
LINDEMANN
F & M

22/11/19
HYPNO5E
A Distant (Dark) Source

22/11/19
BLOOD INCANTATION
Hidden HIstory of the Human Race

22/11/19
LORD MANTIS
Universal Death Church

22/11/19
AVATARIUM
The Fire I Long For

22/11/19
BLOOD INCANTATION
Hidden History Of The Human Race

22/11/19
CRYSTAL VIPER
Tales of Fire and Ice

CONCERTI

21/11/19
SKID ROW + HOLLOWSTAR
PHENOMENON - FONTANETO D/AGOGNA (NO)

22/11/19
EARTH + GUEST
BLOOM - MEZZAGO (MB)

22/11/19
SKID ROW + HOLLOWSTAR + RED RIOT
CAMPUS MUSIC INDUSTRY - PARMA

22/11/19
HEIDEVOLK + GUESTS
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

22/11/19
STRANA OFFICINA + COLONNELLI
THE CAGE THEATRE - LIVORNO

22/11/19
HADDAH + GUESTS
OFFICINE SONORE - VERCELLI

22/11/19
SAKEM + GUESTS
CENTRALE ROCK PUB - ERBA (CO)

23/11/19
EARTH
TPO - BOLOGNA

23/11/19
HELLUCINATION + JUMPSCARE
PHOENIX FEST - FORMIA (LT)

23/11/19
HEIDEVOLK + GUESTS
REVOLVER - SAN DONÀ DI PIAVE (VE)

Strapping Young Lad - City
( 8456 letture )
Il disco definitivo, anche se non saprei dirvi di quale genere. Ad oggi, probabilmente il disco più violento mai pubblicato. Un capolavoro dal punto vista lirico, concettuale, artistico a tutto tondo. Contestualizziamolo: Devin Townsed, dopo aver cantato per Steve Vai, recluta il meglio del meglio sulla piazza per un progetto delirante, gli Strapping Young Lad. Non è neanche lontanamente il Devin Townsend degli esperimenti prog-ambient, ma piuttosto un canadese furioso e dannatamente geniale. City si inserisce senza dubbio in una certa tradizione canadese, dove trovano ampio spazio gli orrori po-mo dei Voivod, ma anche l'attitudine destrutturante dei Rush. I piani di lettura completamente sfasati rendono questo album praticamente un ipercubo, in cui ogni dimensione successiva alla prima è una scoperta al tempo stesso agghiacciante ed esaltante. Ma è death metal? Non direi, non del tutto. Alcune bordate lo richiamerebbero, ma decisamente non si può parlare di un disco death. Thrash? Assolutamente no, mai sentito un disco thrash così pesante, quasi malsano. Industrial? Riduttivo, i campionamenti non giustificano la definizione.

Il fatto è che, mentre la sezione ritmica si muove in apparenza incontrollata e frenetica, Townsend passa con agilità stupefacente dal growl allo scream al cantato melodico (ma mai del tutto pulito, come invece vedremo nei dischi successivi), dominando il muro sonoro con feroce spietatezza. Heavy Devy canta della decadenza del mondo attuale, metropolitano e quindi spersonalizzante, della mediocrità dell'uomo e della "merda" (shit è, almeno a occhio, la parola che viene rantolata più volte nel corso del platter) prodotta dalla società. A finire nel tritatutto sonoro della band sono i marchi commerciali, le aspettative di lavoro pressoché nulle, le teorie della cospirazione, la banalità di una middle class priva di qualsiasi requisito non dico di eccellenza, ma almeno di particolarità. I riff involuti e atonali vengono letteralmente sepolti da una marea nera di campionamenti, suoni elettronici, e soprattutto da una sezione ritmica inarrivabile: in particolare è il gigantesco Gene Hoglan a stupire, con pattern contorti e perversi mantenuti con precisione, è proprio il caso di dirlo, estrema. Velvet Kevorkian (Kevorkian è il Dottor Morte, l'uomo che ha praticato oltre 130 eutanasie in nome del diritto di scelta dell'uomo di fronte al proprio destino) apre il gioco al massacro, e non ce n'è per nessuno, impossibile salvarsi. All Hail the New Flesh è crudeltà innalzata come una bandiera, fiera perversione, menefreghismo per le sorti di un'umanità senza speranza (tutti voi stronzi potete restare lì a marcire, a me non importa, io non ci sarò), e puro delirio sonoro. Oh My Fucking God accelera con proporzioni inusitate, regalandoci una parte vocale assolutamente impossibile da replicare: ventisei secondi di urla frenetiche, con passaggi di difficoltà inimmaginabile regalati come se niente fosse. Trovano posto un paio di bestemmie e una riflessione sull'incomunicabilità dell'arte odierna, sulla dicotomia della vita di chi la notte è un leone e il giorno siede ad una scrivania, tutto mescolato insieme a formare un quadro di bellezza futurista. Detox ha ritmi quasi tribali, ossessivi, e parti vocali sconnesse; trovano spazio momenti più abbordabili di grande profondità melodica, anche se manca in parte la sacra scintilla della follia che anima City. Detto fatto: Home Nucleonics, due minuti e mezzo insostenibili, con un testo pesantissimo, un suono che è un carroarmato con la velocità di una Zonda, e le solite extravaganze di Townsend (c'è un ululato in falsetto nascosto da qualche parte), oltre all'elettronica "discreta" che fin qui ha massacrato l'ascoltatore. AAA sussurra, insinua, esplode, si placa, rotea, attacca a sorpresa, ma la cosa più clamorosa è che è un brano cantabile. Anzi, la melodia entra in testa con una certa facilità, tanto da far quasi passare in secondo piano i soliti versi sovversivi e i richiami alla paranoia e alla malattia mentale. Underneath the Waves è attesa frustrante, meccanica ripetizione di gesti: la definizione di industrial ha senso solo se tradotta, visto che è puro rumore industriale, di macchinari che si scontrano, collidono senza senso e ripetutamente. Room 429 è una cover dei Cop Shoot Cop, dalle linee melodiche esaltanti e dal significato ambiguo e inquietante. In chiusura c'è Spirituality, l'assenza di comunicazione nella routine, che sfianca l'uomo senza dargli la possibilità di condividere la sua anima con chi gli è accanto, mentre la devastante Centipede, spesso presente nelle scalette live della band (c'è anche in No Sleep Till Bedtime), trova posto solo come bonus track dell'edizione giapponese.

City non può piacervi: se provate sentimenti positivi all'ascolto, comincio a nutrire dubbi sulla vostra tenuta psicologica. City è fatto per far male, per colpire lì dove duole maggiormente. Un disco per certi versi nauseante, frutto di puro genio, un caso irripetibile, e verrebbe quasi da dire per fortuna. Malsano, nauseabondo, putrido, al tempo stesso il secondo album degli Strapping Young Lad è sfolgorante come le lamiere corrose alla luce del sole di mezzogiorno, che stritolano corpi umani di cui nessuno si ricorderà. La vita va avanti, ma è vita?



VOTO RECENSORE
94
VOTO LETTORI
84.80 su 118 voti [ VOTA]
Max1
Lunedì 4 Dicembre 2017, 15.50.44
33
Detox, basterebbe solo questo pezzo !!!!!!!!!!!!!!!!!
jaw
Lunedì 4 Dicembre 2017, 15.23.10
32
Per me ad esempio questo e' un possibile amplimento del metal volendo, visto che passano dai F.F., e visto che nei '90 qualcuno ha avuto l insana idea di indicare i Chemical B. come nuovo rock.
Metal Maniac
Martedì 29 Marzo 2016, 18.28.48
31
@cons: visto che la recensione fu scritta nel 2010 forse è sbagliato dire: "AD OGGI...", ma fino al momento della sua uscita, il 1997, è molto probabile di sì, o forse anche fino a tutti gli anni '90... al secondo posto io ci metto benissimo "chaosphere" dei meshuggah (sempre riferito al momento storico della sua uscita)...
Holguin
Venerdì 1 Maggio 2015, 16.06.33
30
Lunga vita a questo artista! voto 100
freedom
Martedì 21 Gennaio 2014, 15.36.19
29
Rispolverato dalla mia collezione qualche giorno fa', non lo sentivo da un pezzo...ricordo che all'epoca fui spinto ad acquistarlo dalla (secondo me) bellissima copertina che riuscì a darmi un idea di quello che il disco poi effettivamente conteneva prima ancora di sentirlo. Sicuramente uno dei migliori dischi metal degli anni '90. Voto 95.
Lifeismoney
Martedì 14 Gennaio 2014, 20.12.16
28
Non lo so. Non è un disco che merita di subire commenti.
vecchio peccatore
Domenica 24 Novembre 2013, 12.48.26
27
Uno dei dischi Metal più esaltanti di sempre, dovrei ascoltarlo più spesso, voto 95.
Cons
Lunedì 11 Novembre 2013, 20.00.46
26
Senza dubbio un disco pazzesco, stupendo e suonato in maniera superba. Il più violento mai pubblicato, mah...spero ti riferissi esclusivamente alla loro discografia. Cmq album eccezionale. Stupendo il finale della recensione haha. Grande
ecodont
Giovedì 13 Settembre 2012, 18.55.32
25
disco recensito sul mio canale di youtube. cosa dire se non capolavoro immenso? uno dei miei dischi preferiti e assieme a demanufacture dei fear factory il migliore nel suo genere.....ovviamente sono solo opinioni personali..
deadc
Mercoledì 13 Giugno 2012, 17.14.10
24
...quante mazzate.
Hab666
Sabato 19 Maggio 2012, 7.22.49
23
Ho provato sentimenti positivi all'ascolto... Voto: 95
Delirious Nomad
Giovedì 10 Maggio 2012, 15.44.08
22
Una recensione veramente stupenda, per un album che ti schiaccia al suolo con una forza impressionante finchè non entri in coma. Splendida la definizione finale.
The Mad Avenger
Giovedì 19 Aprile 2012, 15.03.26
21
Il loro capolavoro...un qualcosa di incredibile...da ascoltare!!!! Assolutamente!! Se si e` metallari estremi e` un must have!!! Il genere e` un misto tra Industrial, cyber, technical e Thrash metal ma e` uscito qualcosa di totalmente diverso da tutto il resto...incredibile davvero!!! CAPOLAVORO!! Voto 99 (100)
HevyDevy
Mercoledì 28 Marzo 2012, 15.19.43
20
quando ho ascoltato questo disco la prima volta non potevo crederci... davvero degli esseri umani possono suonare in questo modo? da allora per me questo è "il disco più esaltante del mondo"... impossibile restare fermo, non farsi contagiare dalla follia allo stato puro. un disco che rappresenta le nevrosi e le paranoie umane, la voce malata e schizoide di townsend che si poggia su autentico rumore, ma è rumore fatto bene e piacevolissimo per le mie orecchie. questa è misantropia e disprezzo per la razza umana. capolavoro assoluto. voto 99 obbligatorio.
xutij
Giovedì 10 Novembre 2011, 21.54.18
19
probabilmente il disco piu violento che io abbia mai sentito. per violento intendo le "esplosioni" della sezione ritmica, le chitarre che sembrano solo rumore, i campionamenti Industrial, i testi malsani, il cantato di Devin, l'atmosfera Cyberpunk che si respira in generale..... prendere le singole canzoni non ha senso, il disco deve essere sentito nella sua folle interezza VOTO 99
Sugara 'Sug Zug'
Martedì 21 Giugno 2011, 21.07.13
18
Il casino non è stato mai così bello.
PanTheoN
Domenica 1 Maggio 2011, 19.57.36
17
mai sentito nulla di così violento, malato e malsano... capolavoro unico nel suo genere
PanTheoN
Domenica 1 Maggio 2011, 19.57.35
16
mai sentito nulla di così violento, malato e malsano... capolavoro unico nel suo genere
NoRemorse
Domenica 26 Settembre 2010, 19.45.01
15
CAPOLAVORO...l'esaltazione e la furia fatta musica...imprescindibile...con lode
Zarathustra
Giovedì 16 Settembre 2010, 18.39.26
14
@enry [mi hai sgamato, ma ora mi devi dire in privato chi sei tu. ho un'idea, ma non sono sicuro].
enry
Giovedì 16 Settembre 2010, 18.07.50
13
Un gran disco che non è mai entrato del tutto nelle mie corde, non chiedetemi il perchè. Insomma, mi piace ma lo ascolto veramente di rado. OT Festuccia: smettila di tirartela e flammare con Colosso su TW. Ti ho sgammato, vero? Si scherza eh...E cmq tutti quelli che vogliono la rottura della streak non capiscono un cazzo. Fine OT
DIMMONIU73
Giovedì 16 Settembre 2010, 8.41.36
12
100 E LODEEEEE!!!
ALex
Mercoledì 15 Settembre 2010, 16.23.38
11
solo il voto: 100 e lode. C A P O L A V O R O.
nedogiuda
Martedì 14 Settembre 2010, 20.24.55
10
Disco spettacolare, una perla del metal estremo anni 90, da avere assolutamente!
Bloody Karma
Martedì 14 Settembre 2010, 10.51.25
9
l'unico disco che veramente apprezzo fino in fondo del caro Dave...un massacro e Detox è un cane rabbioso che ti morde le palle...
Enzo
Domenica 12 Settembre 2010, 21.20.36
8
bella recensione!!!la prima volta che ascoltai questo disco ero in macchina col mio chitarrista in cui mi disse "oh senti che bastonata di gruppo malato!!!" io lo guardai e dissi :"piu' malati dei Fear Factory o dei Meshuggah nn c'è ne..." lui si mise a ridere e fece partire Detox...risultato?Ci rimasi come uno stronzo è il giorno dopo aquistai il Cd!!!
Alex Ve
Domenica 12 Settembre 2010, 10.28.12
7
Quando anni fa ho ascoltato questo disco la prima volta ho pensato: "mai sentita una roba del genere" a cui è seguita l'espressione: "minchia" e dalla quale è derivato l'acquisto dell'album. Nel metal è per me uno dei dischi migliori di tutti i tempi.
hm is the law
Domenica 12 Settembre 2010, 9.48.52
6
Capolavoro, geniale, superbo. Recensione molto bella.
ThreePieces
Domenica 12 Settembre 2010, 0.06.14
5
L'ho ascoltato la prima volta, ero rimasto schifato, ma che è sto rumore??????.... dopo un paio di ascolti: quel disordine non era altro che un macello ordinato da tanta violenza, tantissima violenza, troppa violenza, ecco cos'è che mi faceva stare male, Capolavoro
tribal axis
Sabato 11 Settembre 2010, 21.23.03
4
complimenti per la recensione! disco ostico, da ascoltare più e più volte: ma quando lo si riesce a capire totalmente ci si rende conto di essere davanti ad uno dei capolavori del metal di tutti i tempi. insuperabile.
AdemaFilth
Sabato 11 Settembre 2010, 18.34.11
3
Recensione davvero empatica e coerente (insomma mi piace!)
Zarathustra
Sabato 11 Settembre 2010, 14.35.02
2
Muchas gracias!
Hellion
Sabato 11 Settembre 2010, 14.26.19
1
...disco micidiale, recensione bellissima!
INFORMAZIONI
1997
Century Media Records
Industrial
Tracklist
01 Velvet Kevorkian
02 All Hail the New Flesh
03 Oh My Fucking God
04 Detox
05 Home Nucleonics
06 AAA
07 Underneath the Waves
08 Room 429 (Cop Shoot Cop cover)
09 Spirituality
Line Up
Devin Townsend - Voce, chitarra, programming
Jed Simon - Chitarra
Byron Stroud - Basso
Gene Hoglan - Batteria
 
RECENSIONI
79
74
94
80
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]