Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Selvans
Faunalia
Demo

Bullet Ride
The Choice
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

16/11/18
OF GRACE AND HATRED
Toxic Vows

16/11/18
SKULL PIT
Skull Pit

16/11/18
AFIRE
On The Road From Nowhere

16/11/18
ARTILLERY
The Face Of Fear

16/11/18
AMON AMARTH
The Pursuit Of Vikings: 25 Years In The Eye Of The Storm

16/11/18
THE TANGENT
Proxy

16/11/18
DIVINE ASCENSION
The Uncovering

16/11/18
SACRIFICIUM CARMEN
Hermetica

16/11/18
SLEGEST
Introvert

16/11/18
ESBEN AND THE WITCH
Nowhere

CONCERTI

14/11/18
IGORRR
ORION CLUB - CIAMPINO (RM)

15/11/18
BRANT BJORK
SPAZIO 211 - TORINO

15/11/18
LACUNA COIL + AMBERIAN DAWN
SANTERIA - MILANO (MI)

15/11/18
IGORRR
LOCOMOTIV CLUB - BOLOGNA

16/11/18
MYSTIFIER + CRAVEN IDOL
CENTRALE ROCK PUB - ERBA

16/11/18
SIRENIA + TRIOSPHERE + GUEST TBA
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

16/11/18
SHINING (NOR) + ALITHIA
LEGEND CLUB - MILANO

16/11/18
SISKA
BIRRERIA TRENTI - POVE DEL GRAPPA (VI)

16/11/18
IGORRR
SPAZIO211. BUILT TO R-ESIST AREA - TORINO

16/11/18
ELECTRIC WIZARD + CARONTE
ORION CLUB - CIAMPINO (RM)

Nuclear - Jehovirus
( 2051 letture )
Di sicuro l'artwork di Jehovirus non passerÓ inosservato: uno scheletro orripilante vestito da Pontefice che tiene per i piedi i corpi putrefacenti di due bambini. Se non altro, curata e spettacolare. Per quanto riguarda la musica di questi Nuclear, c'Ŕ parecchio di cui parlare: thrash metal, naturalmente, della vecchia scuola pur senza disdegnare qualche spruzzatina di potenza e modernitÓ che si traduce in strutture articolate e mai limitate al solo gusto per il riff adrenalinico sparato a mille all'ora infinite volte. Il quintetto arriva dal Cile ed Ŕ attivo ormai da dodici anni (1998), ha pubblicato un paio di demo a inizio carriera ed Ŕ arrivato al debutto nel 2006 con Heaven Denied, bissato nel 2008 da 10 Broken Codes e da un live album l'anno successivo (Mosh Detonation Official Bootleg, 2009). Tematiche liriche affrontate dalla band sono la guerra, la decadenza della societÓ, il caos e la violenza, la ribellione. Il terzo capitolo della saga Ŕ stato registrato e mixato in patria e masterizzato nel Regno Unito, e si rivela un discreto prodotto nel panorama thrash internazionale: insomma, valido ma non fondamentale.

La direzione thrash metal battuta dal quintetto cileno Ŕ evidentemente derivata da un background classicamente old school che attinge a piene mani dal repertorio di band come i Metallica, e basti ascoltare l'eccitante riff portante dell'opener Belligerance per rendersene conto: sembra quasi di udire una cover di Blackened, caratterizzata da una ritmica battente priva di orpelli e melodie, una voce furiosa, nervosa e tesa e i classici fendenti di riff stoppati ad arte e ripetuti a mille all'ora. La struttura dei pezzi Ŕ variegata dalla presenza di rallentamenti e brevi stacchi di atmosfera: la successiva Brutal Yet Precise, meno elettrizzante ma comunque assassina, accelera con l'inclazare dei minuti, mentre la terza traccia, The One We Must Kill esalta ancora una volta i riff 'a rincorsa' e il drumming quadrato, potente e incessante di Eugenio 'Punto' Sudy; il batterista crea uno sfondo compattissimo attraverso un sapiente utilizzo del doppio pedale, e il suo lavoro Ŕ completato dal riffing delle due chitarre -da follia il riff che si incendia al terzo minuto, convulsi l'assolo e le accelerazioni da capogiro. Meno brillante appare invece la voce di MatÝas Leovicio, abrasiva ma non particolarmente trascinante. On Killing Ŕ un altro assalto frontale a briglie sciolte e a velocitÓ notevole, mentre la sinistra Asphyxia Ŕ l'episodio cadenzato e claustrofobico quasi immancabile nelle uscite discografiche thrash di questo periodo. Si ritorna su sentieri di violenza e velocitÓ di stampo Bay Area con Acts Of Depravity, anche se il spound originario della Baia appare riletto, in questo disco, in chiave pi¨ roboante e furiosa, orientata verso lo stile intrapreso dai Testament dell'ultimo decennio. Queste similitudini con la band di Chuck Billy si denotano anche nelle parti vocali del singer Leovicio, pur se non con la stesa resa e la stessa intensitÓ. Le influenze dei Nuclear non si fermano alle band finora citate, se Ŕ vero come Ŕ vero che Criminal Solicitation Ŕ impreziosita da un assolo che rimanda in maniera palese agli Slayer.

La penultima traccia, World Depletion, ripropone ancora una volta le peculiaritÓ dell'ensemble sudamericano, riffing da delirio e accelerazioni poderose; la conclusiva Defleshed Ŕ uno degli episodi pi¨ violenti dell'intero full length, con le sue sfuriate prepotenti e tutto il resto del repertorio dei Nuclear: assoli inviperiti e taglienti ultraveloci, vocals urlate, cambi di tempo. I limiti di un prodotto del genere sono sempre gli stessi, accomunabili a gran parte delle miriadi di uscite thrash metal che affollano le nostre scrivanie (fortunatamente) con assidua frequenza: un po' di ripetitivitÓ dei pezzi nell'ultima porzione di album, poche varianti sul tema, nulla di nuovo all'orizzonte per chi non gradisce lo stile retr˛; per i thrashers incalliti, invece, il disco Ŕ consigliato, pur se manca un quantitativo di riff particolarmente orgasmici per soddisfare tutte le loro richieste: in altre parole, non tutti i pezzi sono caratterizzati da un riff egualmente esaltante e riconoscibile, uno di quelli capaci di far saltare in piedi l'ascoltatore. Nove brani e appena trentotto minuti di durata, come i grandi dischi degli eighties: per fortuna si Ŕ invertita la tendenza novantiana di infarcire i dischi di riempitivi violentando la soglia di resistenza.



VOTO RECENSORE
70
VOTO LETTORI
41.70 su 31 voti [ VOTA]
Doom
Lunedý 16 Gennaio 2017, 13.51.27
5
Capitolo a parte per la voce che sembra una clonazione perfetta del mix Petrozza-Bolthendal. Rimesso su stamattina...molto piacevole.
Doom
Martedý 20 Dicembre 2016, 16.34.21
4
Mi accorgo solo ora della presenza di questa recensione...Ok d'accordo in pieno con voto rece e commento di Undercover. Tolta la prima traccia che davvero sembra una Blackned pi¨ rozza, dopo si scatena un thrash tipicamente Slayeriano. Buon album e cover spettacolare.
Undercover
Domenica 22 Gennaio 2012, 18.15.01
3
E' vero forbiddenevil Ŕ slayeriano alla grande sarÓ anche per quello che mi piace davvero tanto
forbiddenevil
Domenica 22 Gennaio 2012, 18.01.57
2
....discreto disco, per˛ Ŕ troppo SLAYER !!!!
Undercover
Domenica 19 Settembre 2010, 11.01.12
1
Il disco mi Ŕ piaciuto, "Jehovirus" Ŕ ci˛ che la descrizione della recensione presenta nÚ pi¨, nÚ meno ma nel piattume offerto dalle band che godono di produzione in stile catena di montaggio almeno offre una prova genuina e questo basta per farmelo piacere.
INFORMAZIONI
2010
Sick Bangers Records
Thrash
Tracklist
1. Belligerance
2. Brutal Yet Precise
3. The One We Must Kill
4. On Killing
5. Asphyxia
6. Acts Of Depravity
7. Criminal Solicitation
8. World Depletion
9. Defleshed
Line Up
MatÝas Leovicio - Vocals
Francisco Haussmann - Guitar
Sebastian Puente - Guitar
Raimundo Correa - Bass
Eugenio 'Punto' Sudy - Drums
 
RECENSIONI
70
ARTICOLI
17/11/2016
Live Report
NUCLEAR WAR NOW! FEST
Day 2, Postbahnhof Club, Berlin, Germania, 05/11/2016
15/11/2016
Live Report
NUCLEAR WAR NOW! FEST
Day 1, Postbahnhof Club, Berlin, Germania, 04/11/2016
16/12/2015
Intervista
NUCLEAR DETONATION
Tra Pay-to-Play e Purezza
08/12/2015
Live Report
E-FORCE + NUCLEAR DETONATION
La Saletta, Reggio Calabria (RC) , 04/12/2015
30/07/2015
Live Report
NUCLEAR ASSAULT + ASSAULTER + ENFORCES
Traffic Club, Roma, 23/07/2015
18/11/2014
Live Report
NUCLEAR WAR NOW! FEST
Day 2, Fritzclub, Berlino, Germania, 08/11/2014
17/11/2014
Live Report
NUCLEAR WAR NOW! FEST
Day 1, Fritzclub, Berlino, Germania, 07/11/2014
02/10/2014
Intervista
NUCLEAR SIMPHONY
Lost in Wonderland. Again!
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]