Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Voivod
The Wake
Demo

Panni Sporchi
III
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

22/10/18
MORBID MESSIAH
Demoniac Paroxysm

23/10/18
BAD BONES
High Rollers

26/10/18
BLOODBATH
The Arrow of Satan is Drawn

26/10/18
ICARUS WITCH
Goodbye Cruel World

26/10/18
FIFTH ANGEL
The Third Secret

26/10/18
KMFDM
Live In The USSA

26/10/18
UNLEASHED
The Hunt For White Christ

26/10/18
ENGST
Flächenbrand

26/10/18
CARCHARODON
Bukkraken

26/10/18
CARCHARODON
Bukkraken

CONCERTI

22/10/18
HALESTORM
ALCATRAZ - MILANO

25/10/18
KILLING JOKE
CAMPUS INDUSTRY - PARMA

26/10/18
HOLY SHIRE + GUESTS
LEGEND CLUB - MILANO

26/10/18
THOMAS SILVER + SMALL JACKETS
GRIND HOUSE CLUB - PADOVA

26/10/18
AEVUM + GUESTS
THE ONE - CASSANO D'ADDA (MI)

27/10/18
LIFE OF AGONY
ROCK PLANET - PINARELLA DI CERVIA (RA)

27/10/18
INFERNAL FORCES
LIVE CLUB - TREZZO SULL`ADDA (MI)

27/10/18
GLI ATROCI
SOUND CLUB - MILANO

27/10/18
AFFLUENTE + GUESTS
GRIND HOUSE CLUB - PADOVA

27/10/18
BARBARIAN + INGROWN
CSOA ANGELINA CARTELLA - REGGIO CALABRIA

Necrodeath - Fragments Of Insanity
( 5866 letture )
Secondo attacco frontale della storia dei Necrodeath e, per ciò che mi riguarda, miglior capitolo della loro storia musicale.
Lasciate alle spalle l'eccessiva -ma maledettamente efficace- crudezza dell'esordio ufficiale di Into The Macabre, la band trovò con Fragments Of Insanity quell'equilibrio interno e quella maturazione, che unita ad un affinamento della resa acustica in virtù di una produzione più raffinata, che tuttavia non snaturava od affievoliva l'impatto clamoroso della tracklist, produssero un album assolutamente devastante, che a distanza di ben ventuno anni dalla sua uscita originale può essere tranquillamente considerato come uno degli esempi migliori di thrash estremo relativo alla più che gloriosa decade degli 80's e non solo.

Nonostante i riferimenti "filosofici" all'opera degli Slayer massicciamente presenti, i Necrodeath riuscirono comunque a produrre un disco che trasudava personalità e malevola potenza distruttiva, tanto da porsi come punto di riferimento più o meno velato per parecchie altre band che oggi godono di unanime consenso presso la platea dei Thrashers più estremi.
Anche stavolta isolare e descrivere singoli pezzi risulta affare piuttosto improbo, tanto devastanti e tendenti al Black sono le linee vocali di Ingo (in seguito sostituito da Flegias, il quale darà una più marcata impronta in questa direzione), tanto martellanti sono le prestazione degli strumentisti ed taglienti i riff di base dei pezzi.
La slayeriana opener Choose Your Death? La chirurgica State Of Progressive Annihilation? La strumentale Metempsichosys che già annunciava velatamente i futuri sviluppi introdotti dai Sadist? Gli olocausti sonici di Tanathoid o di Eucharistical Sacrifice? Una qualunque delle altre per gli stessi motivi in ordine sparso? Quali scegliere per descrivere la rabbia e la furia cieca che questi solchi spandono come venefica nube in un'aria per molti versi già irrespirabile?
Qualunque parametro consideriate per isolare le vostre sensazioni rispetto a questo album, quel che è certo è che Fragments Of Insanity era ed è cattivo, pesante, violento, assassino, insomma... proprio quello che i thrashers più oltranzisti aspettavano di sentire da un gruppo dalle loro potenzialità.

Purtroppo questo album soffrì di alcune situazioni esterne che ne influenzarono parecchio il feedback da parte del mercato. In primo luogo mi riferisco all'anno della sua pubblicazione. Il 1989 ancora non presentava pienamente la deriva Grunge che tanti problemi di visibilità e di possibilità di incidere per le band metal porterà almeno per la prima metà degli anni 90, (ma anche oltre), ma le avvisaglie di questa situazione erano già piuttosto chiare, anzi, si può dire che l'anno che diede la stura al Grunge a livello mondiale fu proprio questo. Ciò produsse una diminuzione numerica della platea dedita all'estremo, con conseguente scarsa diffusione di prodotti come questo, che se solo fossero usciti un paio di anni prima avrebbero smosso ben altre acque nella scena Europea.
A ciò si aggiunga il fatto che la casa discografica dei Necrodeath non si segnalò in positivo, nè per ciò che attiene alla distribuzione del platter, nè in generale per il supporto dato -o meglio, non dato- al gruppo. Questo coacervo di fattori portò i Necrodeath allo scioglimento di inizio anni novanta, proprio quando invece avrebbero dovuto imporsi visti gli sforzi profusi e la qualità intrinseca della proposta.

Ancora oggi considerato da molti un prodotto inferiore a talune altre loro realizzazioni, per me rappresenta invece l'apice delle stesse, soprattutto se storicizziamo l'album e lo rapportiamo a talune releases posteriori che ebbero ben altra sorte e che invece -più o meno esplicitamente- traevano ispirazione da Fragments Of Insanity, conferendo con ciò al gruppo una dimensione internazionale che i Necrodeath meritano certamente.



VOTO RECENSORE
86
VOTO LETTORI
85.73 su 146 voti [ VOTA]
Mulo
Venerdì 29 Dicembre 2017, 17.31.50
15
Vero,si sente una forte passione x il genere ascoltando questo platter!Si idolatrano tanto i sarcofago e deatcrush che a confronto di questo e di into the macre sono poca roba.
thrasher
Venerdì 29 Dicembre 2017, 11.09.08
14
Adoro quest album e quello d esordio into The macabre... Claudio mi manca molto anche se tecnicamente inferiore al chitarrista attuale, aveva un attitudine thrash al 1000%. Il thrash viene fatto con il cuore non con la tecnica.
Mulo
Venerdì 29 Dicembre 2017, 9.46.58
13
Altro disco di grande qualità,Ingo ci da dentro di brutto (vocals da cardiopalma)!!Velocissimo pure questo ma i pezzi sono più lunghi e sono fatti con perizia tecnica maggiore rispetto al debutto.Nel '89 sono usciti Slowly we rot,Altar of madness,Benath the remains e mille altri dischi che nn si è cagato nessuno....Proprio in quell'anno li (diciamo 89/90)il thrash era al massimo della sua popolarità!Certo la proposta dei Necrodeath era molto estrema e di nicchia...Vorrei ricordare che nemmeno i Mayhem e i Darktrhone non rano considerati nel'89,ma hanno perseverato e hanno sfondato qualche anno dopo,purtroppo chi molla nn raccoglie mai nulla..Cmq grande disco,un classico nel genere 95/100.
LexLutor
Domenica 15 Gennaio 2017, 9.29.08
12
Quanto ho amato quest'album. Uno dei pilastri deaththrash metal italiani. Culto.
manaroth85
Martedì 23 Aprile 2013, 22.12.21
11
capolavoro, non capisco perchè siano cosi sottovalutati, ah italia paese di stolti e amici di maria de filippi...vergogna
Sugara 'Sug Zug'
Venerdì 13 Aprile 2012, 0.35.36
10
Concordo su tutto nella recensione, capolavoro dei Necrodeath. E nonostante gli anni ogni volta che posso vado a vederli dal vivo e torno sempre a casa senza voce...
lux chaos
Domenica 4 Marzo 2012, 22.14.04
9
Grandissimo disco, dopo ascolti approfonditi emerge in tutta la sua fierezza. Capolavoro (per me l'unico vero capolavoro del gruppo!) e caposaldo del metal italiano e non!
luci di ferro
Domenica 4 Marzo 2012, 13.24.30
8
Mi devo ricredere (con più ascolti) l'album Fragments Of Insanity lo ho assimilato meglio e correggo il commento qui sotto per me il voto cambia e di molto perchè Fragments Of Insanity si merita un 85/100, è proprio vero per giudicare un album bisogna ascoltarlo più e più volte per poterlo assimilarlo per bene e poi giudicarlo!!
luci di ferro
Lunedì 4 Aprile 2011, 23.25.43
7
questo album non è un capolavoro, si salvano la title track e la strumentale, le restanti canzoni fanno sbadigliare parecchio, 65/100.
DIMMONIU73
Lunedì 20 Settembre 2010, 12.49.27
6
Concordo pure io: album spettacolare, purtroppo mai eguagliato dalle successive produzioni...100 e lode!!!
Master Of Pizza
Domenica 19 Settembre 2010, 21.49.47
5
Non averlo è un'offesa al metal italiano...album spettacolare
pincheloco
Domenica 19 Settembre 2010, 14.25.10
4
Sono d'accordo anch'io con raven e trucido, ne conservo gelosamente la versione in vinile.
Er Trucido
Domenica 19 Settembre 2010, 0.26.43
3
Concordo al 100% con raven e con i commenti fatti finora: il miglior disco dei Necrodeath in assoluto! Chi non ce l'ha deve averlo, cercatelo e compratelo non rimarrete delusi
Blackster
Sabato 18 Settembre 2010, 23.15.19
2
Disco che parla da solo
Dan g warrior
Sabato 18 Settembre 2010, 18.56.53
1
grandissimo disco,il capolavoro dei necrodeath e del metal italiano.
INFORMAZIONI
1989
Metalmaster/Discomagic
Thrash
Tracklist
1. Choose Your Death
2. Thanatoid
3. State Of Progressive Annihilation
4. Metempsychosis
5. Fragments Of Insanity
6. Entermy Subconscious
7. Stillbirth
8. Eucharistical Sacrifice
Line Up
Ingo - Voce/chitarra
Claudio - Chitarra
Peso - Batteria
Paolo - Basso
 
RECENSIONI
75
72
71
72
70
79
69
84
77
84
85
86
83
ARTICOLI
02/05/2018
Intervista
NECRODEATH
Gli anni di Cristo
20/04/2018
Live Report
NECRODEATH + LAPIDA + WHISKEY & FUNERAL
Defrag, Roma, 14/04/2018
29/05/2015
Live Report
NECRODEATH + PATH OF SORROW + SINPHOBIA + MOLOSSO
261, Genova, 22/05/2015
08/08/2014
Intervista
NECRODEATH
Peccati Capitali
30/03/2013
Intervista
NECRODEATH
The Rocky Road to Dublin
11/10/2012
Intervista
NECRODEATH
Tra passato e futuro
26/09/2012
Live Report
NECRODEATH + CO2 + UNTORY + ESCAPEINOUT
Insomnia - Scordia (CT) 15/09/2012
02/04/2012
Live Report
NECRODEATH + EXCRUCIATION + DEATH MECHANISM ed altri
Lo-Fi, Milano, 24/03/2012
04/03/2012
Intervista
NECRODEATH
Into The Macabre, 1987 - 2012
13/12/2011
Intervista
NECRODEATH
Quando il thrash si tinge di pulp...
10/03/2011
Live Report
NECRODEATH + RAZA DE ODIO + DATAKILL + SHAKE WELL BEFORE
Bulldog, Serra Riccò (GE), 05/03/2011
09/01/2010
Live Report
NECRODEATH + DEATH MECHANISM + SHINING FEAR
Resoconto di una grande serata
04/01/2010
Intervista
NECRODEATH
Venticinque anni di furia metallica
01/12/2007
Live Report
NECRODEATH + CRIPPLE BASTARDS
Target Club, Bari, 23/11/2007
29/07/2006
Intervista
NECRODEATH
Parlano Peso e Flegias
30/10/2004
Live Report
NECRODEATH + KISS OF DEATH + DISEASE
Alpheus, Roma, 10/10/2004
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]