Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Hamferd
Támsins likam
Demo

Steven Wilson
Last Day of June
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

25/01/18
VORACIOUS SCOURGE
Our Demise

26/01/18
LOUDNESS
Rise To Glory

26/01/18
LABYRINTH
Return To Live

26/01/18
LIONE-CONTI
Lione-Conti

26/01/18
VICTORIUS
Dinosaur Warfare - Legend Of The Power Saurus

26/01/18
PORTAL
ION

26/01/18
VARGRAV
Netherstorm

26/01/18
MACHINE HEAD
Catharsis

26/01/18
REBELLION
A Tragedy In Steel Part II: Shakespeares King Lear

26/01/18
MIKE LEPOND`S SILENT ASSASSINS
Pawn And Prophecy

CONCERTI

25/01/18
LUNARSEA
TRAFFIC CLUB - ROMA

26/01/18
COMEBACK KID
TRAFFIC CLUB - ROMA

27/01/18
COMEBACK KID
ROCK PLANET - PINARELLA DI CERVIA (RA)

27/01/18
ELVENKING
ROCK TOWN - CORDENONS (PN)

27/01/18
DARK QUARTERER + IL SEGNO DEL COMANDO
CENTRALE ROCK PUB - ERBA (CO)

27/01/18
HIEROPHANT
OBSCENE - MODENA

27/01/18
DAMNATION GALLERY + OVERWHELM
ANGELO AZZURRO - GENOVA

27/01/18
HEAVENFALL + CHRONOSFEAR
THE ONE - CASSANO D'ADDA (MI)

27/01/18
LUCKY BASTARDZ
MEPHISTO ROCK CAFE - LU MONFERRATO (AL)

27/01/18
HIGHLORD + GUESTS
COMUNITA' GIOVANILE - BUSTO ARSIZIO (VA)

Cataract - Killing The Eternal
( 1764 letture )
Nuovo album di inediti per i Cataract. La band è fautrice di un metalcore/thrash stile Bullet For My Valentine ma, se posso permettermi, più incisivo e molto più violento. Dispiace quindi constatare che con la loro quinta fatica discografica, gli svizzeri sferrano un duro colpo al loro curriculum semi immacolato. Non che i Cataract abbiano rivoluzionato un genere, e neanche contribuito con capolavori epocali, ma dal produrre album validi (con cui la band ci ha abituati) al propinarci un lotto di musica insipida e già sentita fino alla noia, le perplessità non possono essere che tante.

Al primo ascolto rituale, Killing The Eternal appare subito scialbo e povero di idee e la situazione non migliora col tempo. Pochi i riff riusciti, e i pezzi risultano vuoti e per nulla vari. Never non dice niente e sfuma in un clima di aggressività gratuita, mentre Lost Souls sembra iniziare con il piede giusto, con un bel solo e batteria portante, ma si perde quasi subito nella banalità e purtroppo la situazione non migliora con il procedere del disco. L'atmosfera è piena di fumo e pressapochismo, sembra quasi che la band abbia allestito il tutto senza voglia, giusto per rilasciare il nuovo album e far contenta la casa discografica, il tutto, ovviamente, a discapito dei fan. La title-track è una strumentale senza capo ne coda che praticamente funge da intro per Failed (titolo che riassume in una parola quasi tutti il disco), ennesimo attacco metalcore/trash che cerca di coprire il pasticcio del songwriting con un mixaggio grezzo e la consueta falsa rabbia da spacco tutto. E a proposito della produzione, il volume di alcune tracce si abbassa e si alza a intervalli irregolari e inaspettati (a primo impatto ho pensato che il mio impianto stereo fosse andato a farsi benedire…), cercando di creare una tensione altalenante che purtroppo manca di parecchio l'obbiettivo. Mankinds Burden recupera, finalmente, un po' di smalto e ci propone qualche giro interessante e un buon refrain, ma siamo lontani anni luce dal capolavoro. Diciamo che se Killing The Eternal si fosse mantenuto su questo livello ci saremmo trovati di fronte ad una prova soddisfacente, senza comunque stravolgere il percorso musicale della band.

Considerando le ultime uscite del genere, fra cui l'ottimo Nightmare degli Avenged Sevenfold, non mi sembra il caso di dormire sugli allori (neanche fossimo a certi livelli!). C'è da dire che questo è il primo passo falso del combo elvetico, ma, ripeto per l'ennesima volta a scanso di qualsiasi equivoco, non trovandoci al cospetto della band più gettonata del pianeta terra, ritengo sia quantomeno consigliabile mantenere un minimo costante, tale da garantire uno standard qualitativo appagante (in altri termini un andamento lineare, per amor dei grafici e dell’aritmetica). Chi segue la band, inutile dirlo, merita almeno questo e, in attesa che i Cataract si riprendano, il consiglio è quello di volgere lo sguardo altrove.



VOTO RECENSORE
50
VOTO LETTORI
30.84 su 26 voti [ VOTA]
Claudius
Sabato 19 Novembre 2011, 22.54.55
8
Tra Slayer e Hatebreed? Caspita, questi stili si che centrano molto... perché non ci mettiamo anche i Cannibal Corpse? Disco atroce
marduk
Venerdì 18 Novembre 2011, 19.06.31
7
stile bullet for my valentine direi che non esite lontanamente....XDXD io direi un misto tra slayer e hatebreed...direi che è molto più calzante...cmq sicuramente è un discreto ma ha prodotto di meglio....disco da 65....inoltre non è da paragonare nemmeno agli avenged sevendold...stili che non c'entrano nulla...
Gary Holt
Mercoledì 5 Ottobre 2011, 0.28.08
6
spazzatura
Psycroptic
Lunedì 25 Luglio 2011, 12.54.09
5
Sile stile Bullet For My Valentine? Ma da dove? Hai ascoltato il disco? Non è paragonabile ai due dischi precedenti, ma pur sempre un buon disco thrashcore.
sud sud
Lunedì 4 Ottobre 2010, 17.13.30
4
stile Bullet For My Valentine???????????????
AdemaFilth
Mercoledì 29 Settembre 2010, 13.48.19
3
Il mio è un parere personale, l'importante è stimolare l'ascolto e se vi piace sono contento per voi
wangel
Mercoledì 29 Settembre 2010, 10.33.09
2
premetto che questo disco lo devo ancora ascoltare ma da loro fan ti dico che i bullet for my valentine e avengend sevenfold non centrano nulla con i cataract....trash si scrive THRASH e questo non è metal core ma thrashcore visti i palesi richiami ai maestri SLAYER.Secondo me "kingdom" è il punto più alto della loro discografia....si insomma un gran disco!!miscela alla perfezione thrash e hardcore!non la band più originale del mondo ok....ma la potenza sprigionata è davvero notevole!!prendo le loro difese e questo secondo me sarà un bel disco!!quantomeno per prendere a mazzate qualcuno!!
Ma....?
Mercoledì 29 Settembre 2010, 8.52.45
1
Stile Bullet for my Valentine mi sembra un associazione che centra veramente poco.....
INFORMAZIONI
2010
Metal Blade Records
Death Core
Tracklist
01. Never
02. Lost Souls
03. Reap The Outcasts
04. Killing The Eternal
05. Failed
06. Urban Waste
07. Mankinds Burden
08. Hollow Steps
09. Drain, Murder And Loss
10. The Faith You Have Misused
11. Black Ash
12. Allegory To A Dying World
Line Up
Fedi – Vocals
Greg – Guitar
Tom – Guitar
Ricky – Drums
Nico – Bass
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]