IMMAGINI
Clicca per ingrandire
Freddie nel 1974
Clicca per ingrandire
Celebre scatto dei Queen
Clicca per ingrandire
I Queen al completo nel 1974
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

26/10/14
BLOODSHOT DAWN
Demons

27/10/14
SOLEFALD
Norrønasongen. Kosmopolis Nord

27/10/14
MINDWARS
The Enemy Within

27/10/14
LATITUDE EGRESS
To Take Up The Cross

27/10/14
EINHERJER
Av Oss, For Oss

27/10/14
ABYSMAL DAWN
Obsolescence

27/10/14
MYSTICUM
Planet Satan

27/10/14
NEUROTECH
Infra Versus Ultra

27/10/14
NERO DI MARTE
Derivae

27/10/14
ANCIENT DOME
Cosmic Gateway to Infinity

CONCERTI

25/10/14
FORGOTTEN TOMB + SIMULACRO + AD VITAM
CUEVAROCK LIVE - QUARTICCIU (CA)

25/10/14
DEATHSTARS
ROCK `N` ROLL ARENA - ROMAGNANO SESIA (NO)

25/10/14
SIXTY MILES AHEAD
BLUE ROSE SALOON - BRESSO (MI)

25/10/14
VALLEY OF THE SUN
LATTERIA - BRESCIA

26/10/14
MANILLA ROAD + ETRUSGRAVE + AXEVYPER + LADYREAPER
EXENZIA - PRATO

26/10/14
NEKROFILTH + REPUKED
BLUE ROSE SALOON - BRESSO (MI)

27/10/14
NEKROFILTH + REPUKED
FREAKOUT - BOLOGNA

30/10/14
HALLOWEEN FEST - DAY 1
PARCO DEL RIVELLINO - OSOPPO (UD)

31/10/14
ELUVEITIE + ARKONA + SKALMOLD
NEW AGE CLUB - RONCADE (TV)

31/10/14
HAGGARD + MATERDEA
Audiodrome, Moncalieri (TO)

Queen - Sheer Heart Attack
( 5485 letture )
Devo dire la verità: i Queen non mi hanno mai preso molto, questo perchè non sono mai riuscito a conciliare la contemporanea presenza nella loro discografia di capolavori come Innuendo e di pezzi incredibilmente commerciali, ma questo probabilmente è un mio limite. Tuttavia questa mia posizione "neutra" nei confronti della band è probabilmente un vantaggio nel momento in cui è necessario da parte mia formulare un giudizio su uno dei loro lavori più importanti, dato che probabilmente mi consente un maggiore distacco.

Sheer Heart Attack è il terzo album della discografia della band di Freddie Mercury, ed il primo di reale successo commerciale dopo Queen e Queen II (uscito solo sette mesi prima) più che interessanti, ma che solo in seguito raggiunsero un volume di vendite importante. Sheer Heart Attack rappresenta uno dei momenti migliori dei Queen sia dal punto di vista prettamente creativo, sia da quello dell'uso della chitarra in chiave veramente rock, dato che in precedenza la presenza più massiccia del pianoforte di Freddie spostava il focus delle composizioni su un versante maggiormente melodico.
La sei corde di Brian May si ritaglia qui uno spazio di primo piano, confezionando una serie di riff di alto livello emotivo ed una serie di soli particolarmente sentiti, con l'acme emozionale rappresentato da quello contenuto all'interno di Brighton Rock, connotato in particolare dall'uso massiccio del delay.
E qui mi permetto la mia prima riflessione da "esterno" rispetto ai fan più sfegatati dei Queen: è una bestemmia dire che questa canzone in alcuni frangenti può essere considerata proto-thrash? Pensateci, perchè ho la sensazione che la prestazione vocale da urlo di Mercury -impegnato a rendere sia la parte femminile che quella maschile- con passaggi tonali favolosi abbia fatto passare un po' in cavalleria questo aspetto.
A prescindere dalla fondatezza o meno di questa mia osservazione rimane il fatto che May ha trovato in Sheer Heart Attack, ed in particolare in Brighton Rock, il punto di equilibrio migliore tra la necessità di non soverchiare le qualità di Freddie e quella di far sgorgare il proprio talento senza legacci particolari imposti da un songwriting più orientato sulla melodia, tanto da influenzare con questo pezzo chitarristi quali Satriani e Vai.

Detto del brano di apertuta toccò comunque a Killer Queen il compito di fare da apripista all'album con un pezzo in grado di mostrare il lato più istrionico e teatrale di Freddie -che lo firma- imponendo così i Queen anche come fenomeno commerciale a dispetto di un testo poco edificante per la borghesia imperante all'epoca e che, se vogliamo, impera tutt'ora.
Tenement Funster -scritta e cantata da Taylor durante un periodo di degenza ospedaliera di May a seguito di una epatite- dopo le prime note che possono ricordare The Unforgiven evolve poi in una melodia dal sapore triste e tipicamente Tayloriana che poi si armonizza con la seguente Flick of the Wrist -retro del singolo Killer Queen- il brano che segna la fine della malattia di May ed il suo ritorno in seno alla band, e mostra una linea piuttosto dura per lo standard Queen dell'epoca, anche grazie ad un testo relativamente oscuro.

Dislocate your spine if you don't sign
He says I'll have you seeing double
Mesmerize you when he's tongue tied
Simply with those eyes ooh
Synchronize your minds and see
The beast within him rise
Don't look back don't look back
It's a rip off
Flick of the wrist and you're dead baby


I toni scendono poi decisamente con il piano di Lily of the Valley, che riprende i temi dell'infanzia di Mercury già toccati in Seven Seas of Rhye.
Now I'm Here -secondo singolo estratto- chiude la facciata A dell'album con un brano firmato da May ed inciso per il rotto della cuffia durante la parte finale delle session di registrazione. Un hard rock post sessantiano in debito con il lavoro dei The Who reso poi assolutamente made in Queen.
La facciata B viene aperta da In The Laps Of God, a mio avviso il pezzo più sentito dell'album per l'armonia particolarmente ricercata, per le parti vocali estremamente intense e per gli arpeggi di piano che possano far considerare il brano come il primo mattone di A Night At the Opera.

Come molti riconoscono, i Queen hanno avuto un ruolo-probabilmente involontario- nello sviluppo di una forma-canzone che poi avrebbe generato l'heavy in senso stretto, e per avere un chiaro esempio di ciò basta ascoltare il riff di Stone Cold Crazy. Il brano è stato composto da Mercury all'inizio degli anni '70, prima di entrare a far parte della band, ed è tanto proto-heavy che probabilmente la versione più conosciuta al giorno d'oggi è quella dei Metallica, e la cosa è abbastanza triste, a pensarci bene.
La tensione scende -o forse muta in diversa forma- con la breve Dear Friends.
Misfire va ricordata quale primo contributo completamente indipendente di John Deacon nei Queen. Brano di atmosfera post-sessantiana, vede il bassista impegnato anche alle chitarre a causa dei perduranti problemi fisici di May al momento dell'incisione.
La penna di Mercury ci regala poi Bring Back That Leroy Brown, inconsueta commistione tra musica sud-statunitense e fonti di ispirazione caraibiche ed afroamericane, pezzo da valutare con calma per gli spunti che offre sottotraccia. Semplice ed efficace, She Makes Me (Stormtrooper in Stilettos) si basa sul gioco delle chitarre acustiche tra Deacon e May, curioso il finale molto effettato.
L'anthem da esibizione live In The Lap Of Gods...Revisited (Revisited per modo di dire, visto che solo parte del testo viene condiviso), chiude il lavoro. Non è efficace come We Are The Champions, ma è più "canzone".

Album fondamentale per conoscere i Queen e -come abbiamo visto- anche per conoscere certi spunti importanti o addirittura fondamentali per giudicare alcuni sviluppi intervenuti successivamente, ci consegna per la prima volta la band in equilibrio tra qualità assoluta del platter e riscontro commerciale. Come dire: non sempre la classe non paga nel suo rapporto con la massa, talvolta lo fa, eccome, critica compresa...



VOTO RECENSORE
89
VOTO LETTORI
69.68 su 67 voti [ VOTA]
Steelminded
Domenica 12 Ottobre 2014, 13.41.57
40
Posso dirlo? Sono d'accordo con Galilee (e Raven) questa volta
Galilee
Domenica 12 Ottobre 2014, 11.50.08
39
Personalmente, il loro disco migliore.
Andy \\\'71
Martedì 18 Giugno 2013, 17.27.58
38
A me personalmente non piacciono molte cose dei Queen,ma questo disco è una di quelle che mi piacciono e molto,davvero bello e molto R'n'R!Poi c'è la mia song preferita"Killer Queen"
sadwings
Martedì 18 Giugno 2013, 17.18.02
37
Come tutti i primi album dei queen è perfetto!
NikkitheSixx
Martedì 18 Giugno 2013, 11.28.18
36
Signori cari questo è senza mezzi termini il miglior album dei Queen...senza alcun calo dall'inizio alla fine, poi in the lap of the gods...
robbie
Sabato 27 Ottobre 2012, 15.25.30
35
come al solito strepitoso album con pezzi rock fenomenali stone cold crazy brighton rock..e poi ci sono quei testi molto"freddie"killer queen e in the lap of the gods
blackie
Venerdì 21 Settembre 2012, 4.10.07
34
bellissimo un album fondamentale con dei grandi pezzi!tra i migliori della loro discografia
Love Queen!
Giovedì 20 Settembre 2012, 21.00.31
33
the best band ever!!!!!!! la migliore band di sempre!!!!!!!
ulver
Domenica 13 Maggio 2012, 11.08.59
32
Boh, questo è un capolavoro e un classico intramontabile. C'è di tutto, tra i suoi solchi.
BILLOROCK fci.
Venerdì 13 Gennaio 2012, 19.25.49
31
In questi giorni lo sto riascoltando piacevolmente, ed è bellissimo a distanza di anni riascoltare dei cd che magari ai tempi apprezzi poco, invece ora me lo gusto alla grande! Canzoni come, flick of the wrist, stone cold crazy, now im here e In the laps of a god , trasmettono a pieno tutto il loro potenziale rock dei queen anni 70....bello Bello BELLO...
Celtic Warrior
Giovedì 12 Gennaio 2012, 13.01.44
30
Grande Album !!!!! rock and roll ....
BILLOROCK fci.
Giovedì 12 Gennaio 2012, 12.37.00
29
in the lap of a god (Revisited) Grande pezzo finale di un garnde disco...
freedom
Giovedì 27 Ottobre 2011, 12.51.22
28
A me l'attacco di Tenement Funster, ricorda più nothing else matters che the unforgiven...
Rashomon
Lunedì 24 Ottobre 2011, 19.19.05
27
Disco eccezionale, uno dei loro migliori.
alessia79
Lunedì 24 Ottobre 2011, 17.35.11
26
pienamente daccordo, questo album non si discute....
Alex
Venerdì 14 Ottobre 2011, 16.59.14
25
Cambia mestiere che è meglio dai retta a me ... questo cmq è un disco INDISCUTIBILE senza tanti fronzoli
BILLOROCK fci.
Mercoledì 10 Agosto 2011, 18.54.13
24
lo sto riascoltando in questi giorni, MOSTRUOSA "Stone cold crazy" non l avevo colta subito, zio caro che schitarrata... wuauuuhhhh, per non parlare di: flick of the wrist, brighton rock, laps of the god e la magnifica "Now i m here" una delle migliori del loro repertorio....!! Dovevo essere un pò brillo, per non averlo apprezzato bene, da subito !! rock roll baby....
BILLOROCK fci.
Lunedì 4 Luglio 2011, 20.23.29
23
album un pò legnoso inizialmente, ma con delle chicche rock da grido !! their best again !!
the rover
Lunedì 31 Gennaio 2011, 20.06.09
22
album stupendo!!!!!!!rip freddie!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
ummira
Lunedì 3 Gennaio 2011, 20.58.35
21
infatti è charleston...non musica sudamericana o caraibica..
Raven
Sabato 25 Dicembre 2010, 17.53.44
20
"La penna di Mercury ci regala poi Bring Back That Leroy Brown, inconsueta commistione tra musica sud-americana e FONTI DI ISPIRAZIONE CARAIBICHE ed afroamericane". Ummira, se leggessi prima di scrivere rilasceresti commenti più centrati. Per inciso mi sono preso la libertà di fare un giro in rete inmerito e tanto per citare una sola fonte, da Wikipedia: " Bring Back That Leroy Brown [modifica] Scritto e cantato da Mercury, questo è uno dei brani più sperimentali dell'intero album. Composto da un arrangiamento base di pianoforte, ukulele-banjo (per l'occasione, suonato da May), basso e batteria, con un cambio di tempo nel mezzo della canzone, appare chiaramente ispirato alla musica tradizionale americana e ad alcuni balli afroamericani come il ragtime o il charleston. Verrà eseguita in versione accorciata e strumentale in alcuni dei primi tour dei Queen."
ummira
Sabato 25 Dicembre 2010, 17.20.25
19
bring back that leroy brown musica caraibica? afroamericana??? ma che caspita stai a scrivere???
destin
Giovedì 18 Novembre 2010, 11.59.29
18
Questo disco è un capolavoro assoluto. Gemma preziosa, geniale sfaccettata e sublime.
Enzo
Domenica 10 Ottobre 2010, 20.57.08
17
@matocc e vero hai ragione!mi sono confuso!!!grazie per avermelo ricordato! volevo dire brighton rock e stone cold crazy!cmq la canzone sheer heart attack di the news of the world è ancora piu' pesante! di queste due qua!!!ahhaah senza farlo apposta!!
regina
Domenica 10 Ottobre 2010, 16.45.45
16
danza regina "abba"
Matocc
Domenica 10 Ottobre 2010, 14.02.54
15
@ Enzo: forse ho capito male quello che hai scritto ma Raven si riferiva alle canzoni Brighton Rock e Stone Cold Crazy presenti in questo disco, la canzone Sheer Heart Attack -nonostante il titolo sia uguale a quello di questo lp- si trova nell' album News Of The World del 1977
Khaine
Domenica 10 Ottobre 2010, 13.41.46
14
@ regina-finto tribal axis: guarda che l'ho corretto due ore fa, puoi anche smetterla di fare il bambino
regina
Domenica 10 Ottobre 2010, 13.30.52
13
ragazzi le date è impossibile che freddie dio mercurio, la foto è del 1874 capisco che è un dio
Khaine
Domenica 10 Ottobre 2010, 12.31.31
12
@ tribal: I know, ho appena checkato (ma non ne avevo dubbi comunque)
tribal axis
Domenica 10 Ottobre 2010, 12.19.54
11
chi è il merdone che si è firmato col mio nome: "bella la foto di freddie dio mercurio del 1874" non l'ho scritto io.
Raven
Sabato 9 Ottobre 2010, 16.08.49
10
Mi fa piacere che altri concordino con me circa il sapore prot thrash di Sheer
tribal axis
Sabato 9 Ottobre 2010, 15.31.05
9
bella la foto di freddie dio mercurio del 1874
tribal axis
Sabato 9 Ottobre 2010, 14.18.41
8
gran bel disco si si, però penso sia il disco peggiore del loro primo periodo (per intenderci il periodo che va da "Queen" a "A Day At The Races"). se si vuole fare il paragone con il resto della discografia è sicuramente superiore a molti loro dischi sopratutto dopo la svolta dance/pop dei primi anni ottanta.
Federico95
Sabato 9 Ottobre 2010, 13.37.26
7
Uno degli album più belli del Rock tutto e il migliore dei Queen dopo A Kind Of Magic secondo me, il mio voto è 99
Enzo
Sabato 9 Ottobre 2010, 13.35.09
6
Recensione giustissima,e peraltro concordo pure su la Canzone Sheer heart attack,come una song proto-thrash....ben visto!Brian ci aveva già pensato!VOTO 90
hellvis
Sabato 9 Ottobre 2010, 12.45.08
5
Terzo disco e già capolavoro. Mito assoluto.
Nikolas
Sabato 9 Ottobre 2010, 12.37.15
4
Essendo un ultra-fan dei Queen, come Matocc, non posso essere neutrale, questo disco e' peraltro uno dei miei preferiti in assoluto!
metal4ever
Sabato 9 Ottobre 2010, 12.29.18
3
Discone!!!!!! Lo ritengo secondo solo a A Night at the Opera tuttavia in sto platter ci sono delle gemme di inestimabile valore come l'opener bella carica Brighton Rock, senza parlare di Killer Queen che la canto da quasi dieci anni visto che è stata una delle canzoni a farmi innamorare di questo gruppo senza contare le tre splendide canzoni dopo che sono state coverizzate (pure molto bee) dai DreamTheater nell'ultimo loro album. Stone Cold Crazy è pezzo più Heavy che hanno fatto, Concordo sul fatto di Lap of Gods che ci dà un assaggio del futuro e Immenso album che faranno dopo. Ottima rece Raven per uno a cui i Queen non piacciono alla follia Voto disco 94
hm is the law
Sabato 9 Ottobre 2010, 12.27.46
2
Un grande album senza dubbio, ma conconrdo pienamente con Raven circa la disomogeneità dei queen durante la loro carriera avendo alternato composizioni sublimi ad altre oltremodo deludenti.
Matocc
Sabato 9 Ottobre 2010, 12.22.46
1
Sublime... io purtroppo non posso essere neutrale parlando dei Queen, ma in questo disco è talmente evidente la bellezza dei brani che posso dire la mia senza paura di apparire come un fan sfegatato. BR si apre con un vociare di luna park che introduce la trascinante schitarrata di May seguita da un grandissimo drumming -pezzo stratosferico anche nella parte di solo centrale; segue la famosissima KQ, molto bella, e quindi arriva il rock duro (tipico di Taylor) con TF che sfuma poi in FOTW, un pezzo sottovalutato che secondo me ha molto di hard rock, uno dei momenti più alti del disco; anche qui fade out e arriva la stupenda LOTV ... con SCC abbiamo un altro esempio di proto-thrash -come giustamente propone Raven- mentre BBTLB secondo me ha un' aria molto più New Orleans di inizio '900 piuttosto che sudamericana. Chiude l'album ITLOTGR che è il loro primo "inno da stadio" (ne sforneranno tanti altri durante la loro carriera...) Dopo Queen II la band si mantiene su livelli altissimi, anzi secondo la critica si migliorerà col successivo, ma io personalmente preferisco SHA ad ANATO... May fa delle cose incredibili con la sua Red Special (che si era costruito a casa DA SOLO!!!!!) e Freddie è semplicemente fantastico. Da grande appassionato della band dico che sentir dire che i Queen hanno con alcune composizioni piantato il seme del thrash non è una bestemmia, è un complimento!!!!!!! IMMORTALI
INFORMAZIONI
1974
EMI
Rock
Tracklist
1. Brighton Rock
2. Killer Queen
3. Tenement Funster
4. Flick Of The Wrist
5. Lily Of The Valley
6. Now I'm Here
7. In The Lap Of The Gods
8. Stone Cold Crazy
9. Dear Friends
10. Misfire
11. Bring Back That Leroy Brown
12. She Makes Me (Stormtrooper In Stilettos)
13. In The Lap Of The Gods...Revisited
Line Up
Freddie Mercury (Voce, pianoforte)
Brain May (Chitarra, voce, piano)
John Deacon (Basso, chitarre su taccia 10, contabbasso su traccia 11)
Roger Taylor (Batteria, voce)
 
RECENSIONI
77
s.v.
93
77
69
55
76
98
84
73
91
90
90
89
ARTICOLI
07/04/2005
Live Report
QUEEN + PAUL RODGERS
Palalottomatica, Roma, 04/05/2005
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]