Privacy Policy
 
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
Iron Maiden
Clicca per ingrandire
Bruce Dickinson
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

17/11/17
NIGHT OF SUICIDE
Broken

17/11/17
DESPITE EXILE
Relics

17/11/17
ETERNAL FLIGHT
Retrofuture

17/11/17
UNMASK
One Day Closer

17/11/17
THE ADICTS
And It Was So!

17/11/17
ELECTRIC WIZARD
Wizard Bloody Wizard

17/11/17
HUMANASH
Reborn from the Ashes

17/11/17
IMPERIOUS
ales Of Woe - The Journey Of Odysseus - Part II: From Hades To Ithaca

17/11/17
IMPERIOUS
Tales Of Woe - The Journey Of Odysseus - Part I: From Ilion To Hades

17/11/17
OBLIVION
The Path Towards

CONCERTI

17/11/17
KOBRA AND THE LOTUS + SECRET RULE + RAVENSCRY
CIRCOLO SVOLTA - ROZZANO (MI)

17/11/17
ELECTRIC BALLROOM + GUESTS
OFFICINE SONORE - VERCELLI

17/11/17
PANDEMIA + TALES OF DELIRIA + GUESTS
MAT LABORATORIO URBANO - TERLIZZI (BA)

17/11/17
BAFFODORO + UMBRA NOCTIS + TULPA
CIRCOLO ARCI DALLO' - CASTIGLIONE DELLE STIVIERE (MN)

18/11/17
EXTREME NOISE TERROR + GUESTS
CSO RICOMINCIO DAL FARO - ROMA

18/11/17
HELLOWEEN
MEDIOLANUM FORUM - ASSAGO (MI)

18/11/17
BE THE WOLF + GUESTS
OFFICINE SONORE - VERCELLI

18/11/17
MORTUARY DRAPE + SULFUR + PRISON OF MIRRORS
CIRCUS CLUB - SCANDICCI (FI)

18/11/17
CELESTIA + IMAGO MORTIS + BLAZE OF SORROW
COMUNITA' GIOVANILE - BUSTO ARSIZIO (VA)

18/11/17
HAVENLOST + DISEASE ILLUSION
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

Iron Maiden - Fear Of The Dark
( 16322 letture )
L'istituzione Iron Maiden incorpora da sempre nella sua iconografia sonoro-visiva l'essenza storica dell'heavy metal stesso. Prima con l'album omonimo, datato 1980 e capace di riportare in auge questa corrente musicale, e poi con capolavori del calibro di The Number Of The Beast, la leggendaria formazione inglese aveva compiuto passi da gigante verso la leggenda al quale possono ambire solo pochi grandissimi. Tuttavia, nel 1992, Steve Harris, bassista e leader carismatico del gruppo, stava assistendo ad un periodo poco felice per la sua creatura, che tra l'altro sarebbe sfociato di lì a poco nello split con l'ugola storica Bruce Dickinson, attratto dalle sirene di un'avventura solista. Due anni erano passati dal mezzo flop di No Prayer For The Dying, mal accettato dai fans di vecchia data ancora troppo legati ai fasti di album spaziali come Powerslave e poco inclini agli ammodernamenti stilistici successivamente introdotti. Fear Of The Dark sembra riportare il sorriso sulle labbra degli aficionados, anche se sarà l'ultimo squillo della prima parte di carriera della Vergine di Ferro; tuttavia il disco non è ancora al livello dei classici e finisce spesso per essere sopravvalutato da critica e fans. E questa recensione, che scatenerà forse polemiche e opinioni contrastanti -ma questo non può essere che positivo, perchè ognuno ha i propri gusti e il dialogo educato è alla base del vivere civile- cercherà di infilarsi dentro alla pancia del platter, per spiegare come e perchè esso gode di una stima comune e di una popolarità notevole di gran lunga superiore a quella che si merita effettivamente sul campo.

Il biglietto da visita di Fear Of The Dark è tambureggiante, scandito da un riff scoppiettante come quello di Be Quick Or Be Dead, pezzo dalla ritmica molto veloce e dal mood travolgente nel quale giganteggia un Bruce Dickinson dal tono insolitamente aspro. Decisamente una canzone dura e diretta, sulla quale cola liquido il classico assolo di meravigliosa fattura maideniana, per aprire il disco nel migliore dei modi. La seconda traccia, From Here to Eternity, è tuttavia un lieve passo indietro, che colloca il sound del quintetto britannico più in direzione hard rock che non esplicitamente metal: e sarà una caratteristica ricorrente, se è vero come è vero che altre tracce in scaletta saranno contraddistinte da un taglio rockeggiante molto elegante e leggero, ma privo talvolta di mordente (Chains of Misery, The Apparition, Weekend Warrior che sembra parlare di hooligans, brani secondari, easy, nei quali spiccano solo i sempre validi solo di chitarra). L'hard rock è certamente nel DNA dell'ensemble inglese, ma l'heavy metal è quanto riesce meglio e più incarna l'essenza dell'act di Mr. Harris, che infatti giganteggia in canzoni del calibro di Afraid to Shoot Strangers, intricato e prolungato esempio del classico stile Iron Maiden, strutturato in pezzi lunghi, complessi, capaci di emozionare con lunghe introduzioni lente e solenni che successivamente sfociano in riff di rara bellezza e malinconia, in accelerazioni spettacolari e grondanti enfasi, mirabolanti progressioni di chitarra all'unisono, rallentamenti evocativi e assoli cristallini dalla melodia stupefacente. Insomma, un piccolo gioiellino che si potrebbe benissimo collocare sull'olimpo delle grandi composizioni ottantiane. Come del resto la titletrack, Fear Of The Dark, altro meraviglioso monumento all'heavy metal melodico e polidimensionale proposto dalla seminale formazione londinese. Capaci come pochi di proporre cambi di tempo, di atmosfera e di melodia, gli Iron Maiden aprono il pezzo con un arpeggio malinconico ed un riff dolce, sul quale Bruce Bruce sussurra i suoi versi oscuri con passionale intensità; dal lento si passa improvvisamente al veloce, vale a dire ad un rifff travolgente e l'inconfondibile ritornello da cantare in coro, ancora oggi immancabile nelle esibizioni live. Così come Afraid to Shoot Strangers, anche Fear Of The Dark è accostabile alla leggendaria Hallowed Be Thy Name per la sua struttura piano-forte, con rallentamenti e folgoranti ripartenze infuocate dagli assoli squillanti e irresistibili di Dave Murray e di Janick Gers, colui il quale aveva da poco raccolto la pesante eredità di Adrian Smith, da poco partito per dedicarsi alla carriera solista.

Posta a conclusione del platter, la title track costituisce una delle tre gemme assolute del full length assieme alla citata Afraid... e all'opener Be Quick Or Be Dead: pezzi decisamente all'altezza della tradizione maideniana, che da soli cancellano il basso valore di quelle canzoni-riempitivo dal taglio rock poco incisivo di cui si è detto sopra. E il resto? Poco aggiungono al computo del disco la sopravvalutata ballad Wasting Love o l'oscura e ossessiva Fear Is the Key, mentre appena più piacevoli risultano The Fugitive, che alterna un riff teso ad un altro molto rilassato, e Judas Be My Guide, dal ritornello orecchiabile e dal sound leggermente più potente. Molto bella invece Childhood's End, impreziosita da un paio di riff evocativi da brividi: grande melodia, pezzo serioso e dall'atmosfera drammatica con l'immancabile sezione strumentale che accelera di colpo per lasciare esterefatto l'ascoltatore, con la sua bellezza ed intensità melodica. Childhood's End si colloca giusto alle spalle delle tre gemme principali di questo full length, che per il resto, dunque, rimane nella media senza troppi clamori. Per questo il platter risulta essere, a conti fatti, di gran lunga sopravvalutato dal giudizio collettivo, troppo influenzabile dall'efficacia di uno o due pezzi trainanti. Quattro grandi canzoni non possono costituire un disco leggendario, e così Fear Of The Dark rimane un ottimo album che, forse, aquisirà ancor più valore affettivo in seno ai fans della Vergine di Ferro in quanto ultimo della prima era Dickinson. Superiore sia a No Prayer... che a quanto i Maiden sapranno fare nell'era Bayley, ma lontano dall'accostamento coi mostri sacri della decade precedente.



VOTO RECENSORE
75
VOTO LETTORI
75.50 su 297 voti [ VOTA]
lisablack
Venerdì 4 Agosto 2017, 17.31.10
236
La title track è molto bella e anche Afraid to shoot strangers, per il resto la penso come Klostri..e poi in questo album si "sente" già la crisi che porterà poi ai seguenti album, i peggiori degli Iron. Si riprenderanno dal 2000 con Brave new world..
TheSkullBeneathTheSkin
Venerdì 4 Agosto 2017, 17.23.42
235
Nella mia ignoranza, in fatto di Maiden, questo potrebbe essere un po' il loro black album: ha diviso i fan vecchi ed ha accolto nuovi proseliti... chiaro ascoltando Powerslave ad esempio non c'è paragone... però in quest'album non manca qualche bel pezzo e sopratutto ho sempre trovato di grande gusto artistico la "paura del buio", concetto tanto semplice quanto efficace e distante dalle cagate gratuite sul demonio, ecc.
Stagger Lee
Venerdì 4 Agosto 2017, 17.21.18
234
Hai ragione Klostridiumtetani, leggendo i titoli che citi e tirando le somme con quelli che indico come i miei preferiti nel mio commento n.229 direi che siamo lì...No Prayer è assolutamente di maggior valore anche se mi da la sensazione che Bruce sforzi un po' troppo ma brani come la title track o Running Silence Running Deep, the Assassin, e Mother Russia già lo rendono superiore.
klostridiumtetani
Venerdì 4 Agosto 2017, 16.01.02
233
No prayer per me è nettamente superiore a questo. Apparition , From here... , Weekend... , Fear is the key, The fugitive, veramente inascoltabili dall'inizio alla fine senza alcun momento quantomeno "interessante". Il palese scimmiottamento degli AC/DC in alcune e agli Zeppelin più "kashmiriani" in altre risulta addirittura ridicolo. Wasting love non è nulla di eccezionale, ma perlomeno ha degli spunti interessanti quindi ci può stare. E' un peccato perché il resto delle song è di ottima/eccelsa fattura. Secondo me questo è il disco in cui mostrano nello stesso momento il meglio e il peggio di loro.
Alessio
Venerdì 4 Agosto 2017, 11.07.21
232
E pensare che questo è l'album degli Iron al quale sono più affezionato in assoluto, forse proprio perchè ho iniziato a muovere i miei primi passi nell'heavy metal quando avevo 15/16 anni e questo è stato il terzo o quarto album acquistato all'epoca... brividi lungo la schiena
The_Guest
Domenica 30 Luglio 2017, 23.22.01
231
...pardon, quest'album...
The_Guest
Domenica 30 Luglio 2017, 23.20.03
230
Ai miei tempi, questo'album era considerato un greatest hits, certo, non a livello dei primi 7 album, ma comunque un disco valido e più che dignitoso. Rimane un capolavoro se confrontato con l'attuale merdografia dei Maiden che 'vanta' cacate pazzesche come "A Matter Of Life And Death" (questo sì che è logorria inconcludente allo stato musicale), l'orrido "The Final Frontier" e lo scarso e vuoto (ma iperpompato dai fan) "The Book Of Souls". Purtroppo, con i primi della classe si è, qualche volta, volutamente, troppo indulgenti. E se lo fa prima di tutto per non deludere se stessi e le proprie convinzioni...
Stagger Lee
Domenica 30 Luglio 2017, 22.23.05
229
I brani che ascolto da questo album sono Be Quick or Be Dead, Afraid To Shoot Strangers,Fear Is The Key, Childhood's End e Fear Of The Dark...il resto lo salto. Per me l'album meno bello dei Maiden insieme a Virtual IX. Il resto della discografia non si tocca.
Faberxander
Domenica 30 Luglio 2017, 22.02.12
228
Uno dei peggiori album in assoluto. Si salvano solo la cover, l'opener e la title track. Il resto, un'accozzaglia di canzoncine buone, forse, solo per avvicinare i bambini alla band. Voto 40, e morta lì.
Andrea
Sabato 22 Luglio 2017, 15.22.18
227
Recensione severa ma tutto sommato giusta. L'unico punto in disaccordo è il giudizio su Wasting Love, ma qui entriamo nel gusto personale.
galilee
Venerdì 21 Luglio 2017, 23.13.04
226
X Bisio. Capisco il tuo discorso, e per molte band può essere vero. Però il fatto di non cambiare stile non è sinonimo di svendita commerciale. Come ci sono ascoltatori più statici, ci sono anche musicisti. Riguardo agli Angel Witch, non mi sembra abbiano sfornato 7 capolavori.
Mulo
Venerdì 21 Luglio 2017, 23.00.57
225
Si ce l'ho quel DVD,il concerto con Di Anno del '81 e il Beast on the road sono stellari..... Tornando al discorso di prima,nel caso di Maiden e A.W. la differenza l'ha fatta la perseveranza dei Maiden ( nonostante le difficoltà).
Silvia
Venerdì 21 Luglio 2017, 22.56.26
224
Verissimo Mulo, e molte di queste cose sono raccontate dai diretti protagonisti nel DVD Early Days 1, è davvero interessante x un fan e sono anche spiegati nelle interviste i motivi dei cambi di line up ma immagino che tu l'abbia giá visto. Fra l'altro anche i concerti inseriti sono fantastici.
Mulo
Venerdì 21 Luglio 2017, 22.40.35
223
Anche i Maiden hanno avuto bei problemi di line up all'inizio (mica era facile rimpiazzare Di Anno),la differenza è che Harris è stato perseverante mentre altri al posto suo avrebbero sciolto la band...
Silvia
Venerdì 21 Luglio 2017, 22.31.37
222
@Bisio, infatti gli Angel Witch sono un bel rebus, non capirò mai come non abbiano fatto successo perchè il loro primo album è una perla stupenda che tuttora emoziona anche me, sebbene il successo e il talento non sempre vadano di pari passo. Se hai seguito nel dettaglio la storia dei Maiden è chiaro che oltre al talento ci sono anche altri fattori che hanno contribuito al successo. Steve ha lottato con i denti x affermare il suo gruppo, ha trovato un manager che ha creduto in loro, è andato dritto x la sua strada spesso non guardando in faccia nessuno, come lui stesso ammette, e anche Eddie ha fatto la sua parte. Però al di lá di questo secondo me traspare proprio che abbia portato avanti un sogno e che lo stia facendo ancora oggi e in questo concordo con Mulo. Pace e bene anche a te
Mulo
Venerdì 21 Luglio 2017, 22.27.53
221
Gli Angel Witch piaciono parecchio anche a me,purtroppo si sciolsero nell'83 dopo mille problemi di line up x poi tornare a fine '85 quando ormai il treno x le band nwobhm era passato. Il solo talento non basta,ci vuole sorte favorevole e molta decione (e palle)nel portare avanti i propri progetti....
Bisio
Venerdì 21 Luglio 2017, 22.19.10
220
Ma si io non ho detto che facciano male, solo che il mio interesse per gruppi così è veramente scarso, per le varie ragioni che ho elencato. Ma si parla di gusti personali, pour parler. Chiudo dicendovi che qualche mesetto fa mi sono andato a vedere gli Angel Witch, che uscirono col loro primo disco lo stesso anno della prima uscita Iron Maiden. Beh, loro di soldi non ne hanno fatti, di dischi quasi nulla e di fama poca poca per la proposta veramente (per me eh) incredibile. E come tu o Silvia vedi i tuoi che si svenano, io ho visto loro e non lo nascondo, mi sono commosso. Pace e bene.
Mulo
Venerdì 21 Luglio 2017, 22.09.52
219
Avete presente quegli industriali che creano un'azienda (piccola o grande chr sia),ecco quelli smettono quando muoiono. Idem farà Harris (e farà bene a farlo). I Maiden si divertono ancora,hanno passione (a differenza di Lars e Hammett che sembrano li x forza),salute e fan bene a continuare. Ovvio non son più la band del '84 ma x la loro età se la cavano egregiamente.
Silvia
Venerdì 21 Luglio 2017, 22.07.48
218
Carina ma non sono d'accordo, c'è una fetta ipercritica che non perdona e il successo dei Maiden io non lo liquiderei cosi'. Non solo, ma piaccia o non piaccia è un gruppo che ha fatto storia, Steve ha saputo condensare tutte le sue influenze tirandone fuori qualcosa di nuovo e dirompente, musicisti iperprofessionali che all'epoca hanno colpito tutti. Oggi vivono di rendita ma tanti gruppi con inizi folgoranti sono finiti nel dimenticatoio. Se loro resistono e riempiono gli stadi e sono ancora idolatrati cosi' non e' x l'idiozia di 4 gatti in croce che ci sbavano dietro o perché devono mandare avanti la baracca. Li vedi sul palco che si svenano, che suonano con lo stesso impegno e energia di una band emergente, che migliorano la tecnica e non penso che sia solo x il conto in banca. E non lo dico da fangirl delle nuove cose, anzi, x me i loro capolavori si sono fermati a Powerslave ma non posso non vedere la loro grandezza al di lá del mio gusto. Almeno questa è la mia impressione
Bisio
Venerdì 21 Luglio 2017, 21.45.39
217
Si Silvia, potevano chiudere da un pezzo e i loro conti sarebbero stati a posto per l'eternità comunque, ma, come dicevo prima, e tutte le centinaia di persone che gravitano intorno all'impero maiden? Quelle non è che si fanno i milioni , quelle devono continuare ad avere introiti. Poi, di preciso non so bene che contratti discografici abbiano loro, ma comunque c'è roba da rispettare e mandare avanti per forza. Aggiungiamo poi l'abitudine ad essere idolatrati che andrebbe perduta, perchè la gente dimentica in fretta (soprattutto chi è ancora vivo). Sul fatto di riproporre la stessa roba mi viene in mente il Freak Antoni: "largo all'avanguardia, pubblico di merda, tu gli dai la stessa storia, tanto lui non c'ha memoria". Quoto.
Silvia
Venerdì 21 Luglio 2017, 21.00.20
216
@Bisio certo che ormai è una azienda ma allo stesso tempo poteva chiudere secoli fa e il conto in banca sarebbe stato assicurato comunque. Il fatto che Steve suoni anche in un altro gruppo con cui va in tour alla sua età dimostra secondo me che la voglia di suonare c'è ancora e inoltre il fatto di riproporre sempre la stessa roba è un'arma a doppio taglio perché la gente si può stufare presto.
Bisio
Venerdì 21 Luglio 2017, 18.43.35
215
Che l'approccio verso la musica ci sia stato mi sembra evidente. E qualsiasi musicista suona prima di tutto per passione. E qui ci siamo. Quando poi trovi una soluzione, vedi che funziona e la porti avanti per 2 secoli, allora significa che ti sta bene che il conto in banca diventi spropositato, che la gente ti veneri , che ti fai un aereo personale, che ti fai un sacco di fighe etc. Ecco quando questi ingredienti materiali entrano in ballo, la passione rimane indubbiamente perchè quella è roba innata, ma l'ingenuità con cui nascono le opere d'arte vere se ne va a quel paese. Dietro ai maiden girano centinaia di persone, come per tutte le grandi band commerciali, che ci guadagnano e ci campano, per cui la macchina va spremuta fino alla fine. Ecco allora qui di fianco due dozzine di cavalcate, riffs e gorgheggi mitici. Capisco quanto uno possa esserci affezionato e su questo non ci si può fare nulla, ma non capire che è tutto un dare un prodotto per avere in cambio ricchezza, ossia nè più nè meno che qualsiasi commerciante, mi sembra poco carino. Sarò io sbagliato, ma a me viene da considerare solo chi si reinventa, chi non si ferma mai sulle soluzioni semplici, chi si arrangia povero in canna e riesce a tirare fuori qualcosa.
Luky
Venerdì 21 Luglio 2017, 15.59.40
214
Il commento 204 mi ha fatto morire dalle risate, io lo voterei come commento dell'anno Comunque, secondo me, questo è un album discreto, ed è giusto il voto (forse avrei dato anche qualcosa di meno): spiccano solo la leggendaria title track e l'atipica ma da brividi afraid to shoot strangers, mentre le altre sono canzoni godibili ma abbastanza anonime, e non a caso deve essersene accorto anche Bruce, dato che dall'album successivo inizierà il temporaneo distacco dalla band.
Silvia
Venerdì 21 Luglio 2017, 14.09.41
213
Esatto Fabio e poi forse chi non li segue dagli inizi non conosce la loro storia e non si ricorda di come siano esplosi senza passaggi mediatici ma grazie ai tour estenuanti che all'epoca non erano comuni. Io sono affezionata alle loro vecchie sonorità quindi questo album non è fra i miei preferiti, anzi, ma su alcuni pezzi mi piace l'interpretazione di Bruce
Fabio Yaaaaaaaahhhhhh
Venerdì 21 Luglio 2017, 14.00.25
212
Secondo me si rischia di confondere la questione vendite con l'approccio verso la musica, non sempre sono la stessa cosa
Silvia
Venerdì 21 Luglio 2017, 13.29.37
211
Iron Maiden capolavoro commerciale? What? Come si fa a ridurre la passione di Steve ad un lavoro commerciale? Bisio tutte le cose che citi come trucchetti hanno delle origini precise nel background di Steve, non sono delle trovate commerciali. "Gli assoli doppiati" vengono dalla passione di Steve x gli Ashbone Ash, esempio, non sono un effetto x fare coesione. Bisogna conoscere la storia dei Maiden x sapere di cosa si parla
Bisio
Venerdì 21 Luglio 2017, 12.46.39
210
Caro sod, mi sa che qui l'unico che non capisce di musica sei tu. Le cavalcate epiche, i brani scritti ad hoc con coretti mitici per coinvolgere il pubblico ai concerti ed esaltarli in casa, il foot-monitoring del bassista, gli assoli doppiati per rendere un'idea forte di coesione, che manca al singolo in quanto singolo, e quindi stimolatissimo a questi trucchi sonori. Questi sono gli iron maiden, un capolavoro commerciale che ha raccolto una nicchia enorme di scontenti. Qui siamo davanti a dei geniacci. Renditene conto prima di scrivere cazzate.
nonchalance
Venerdì 21 Luglio 2017, 12.29.41
209
Ma, a cancellarli certi commenti non si fa prima..?! o.O
SoD
Venerdì 21 Luglio 2017, 9.27.15
208
No diego, non dovresti provare vergogna per chi non capisce di musica, ma aiutarli, perché conoscere la musica è importante.
SoD
Venerdì 21 Luglio 2017, 9.24.25
207
No diego, non dovresti provare vergogna per chi non capisce di musica, ma aiutarli, perché conoscere la musica è importante. È soprattutto importante rendersi conto di cosa
Diego
Venerdì 21 Luglio 2017, 9.16.08
206
Io, invece, provo vergogna per i troll e quelli che non capiscono nulla di musica...
SoD
Venerdì 21 Luglio 2017, 9.10.33
205
Per me gli airons sono sempre stati un gruppo da sfigati. Con quella voce da scemo e quei riffetti cretini. Non sono mai riuscito a capire quale energia volessero trasmettere. Io ho sempre e solo provato vergogna per loro.
ELIO MARRACINY
Venerdì 21 Luglio 2017, 3.05.42
204
ALBUM OSCENO....BRUCE DICK IN SON COSA CREDE DI FARE IL FIGO NELLA BALLATA BE QUICK OR BE DEAD CON QUELLE MANI SPORCHE? MENO MALE CHE HANNO PRESO BLAZE BAILEY...FROM HERE TO ETERNITY ADDIRITRURA A COPIARE QUEI PAGLIACCI DEGLI AC/DC...MA POI QUEL VALZER DI MERDA DI AFRAID TO SHOT STRANGER...SEMBRA DI STA AD ASCOLTARE STRAUSS SUONATO DA UN ORCHESTRA DI DAWN...FEAR IS THE KEY...CHIAVE DI COSA POI? BO? CMQ COSA CAZZO COMBINA NICOLA? SECONDO ME NON SI ERA RIPRESO DA UNA SBRONZA E L HANNO LASCIATO SUONARE...COSA VOLEVA IMITARE MIKE PORTNOY CON COTANTA MONNEZZA SONORA...MA POI ADDIRITTURA A COPIARE DA KASHMIR...E BASTA È UN PEZZO OSCENO CHE FA SCHIFO PASSATO ALLA STORIA SOLO PER QUEL CAZZO DI GIRO ORIENTALE...MA SCHIFO BASTA...STESSO DISCORSO PER CHILDHOOD END DOVE NICOLA SEMBRA QUELL'ALTRO SCONCLUSIONATO DI LARS ULRICH...POI IL NULLA TRA BALLATE INUTILI E RUBASOLDI DEGNE DEL MIGLIOR GATTO PANCIERI...UNOCI PEZZI DEGNI DI ATTENZIONE SONO CHAINS OF MISERY( DA CUI È STATA ISPIRATA LA SECONDA PUNTATA DEL MAGHETTO DICKENSIANO) E JUDAS(PRIEST) BE MY GUIDE...RIVELANDO COME HANNO COPIATO A MAN BASSE DAL QUINTETTO CAPITANATO DA LUCIO DALLA...THE APPARITION E WEEKEND WARRIOR SEMPRE MEGLIO CMQ DI QUALSIASI BRANO DEI LINKIN PARK MA SEMPRE INUTILI...POI FEAR OF THE DARK L'INGIUSTO PROSEGUO DI KILLERS MA CON RISULTATI COSÌ SCADENTI CHE INFATTI LA SUONANO AD OGNI CONCERTO PERCHÉ APPUNTO SI TRATTA DI BECERO POP RUBASOLDI...IRON FUORI CORDINATE CON QUESTA IMMONDIZIA MUSICALE...COLPA DEL BERCIATORE DALLE MANI ZOZZE BRUCE...MENO MALE CHE SE NE ANDRA DOPO QUESTO ALBUM...GLI IRON RITORNANO SENZA DI LUI AI FASTI DI UN TEMPO E ALLA SERIETA...VISTO CHE LE COSE BELLE NON ERANO PER LORO E MANCO PER IL GRANDE PUBBLICO CAPRA DOVRANNO FAR RITORNARE QUEL RITARDATO...
Pietro
Venerdì 7 Aprile 2017, 23.06.29
203
MA SEI SCEMO?!?!?!? , SOLO 75?!?!?!??!. È IL CAPOLAVORO ASSOLUTO DEI MAIDEN INSIEME A THE BOOK OF SOULS!!!
vincent
Venerdì 10 Febbraio 2017, 18.43.12
202
per me capolavoro non ci ho mai trovato un brutto pezzo ,tra i miei preferiti dei maiden in assoluto
Doomale
Domenica 27 Novembre 2016, 18.20.25
201
A me e' sempre piaciuto. Sara' che e' stato il mio primo acquisto degli Iron..mi compro la musicassetta mia sorella, forse avevo 13 anni..o meno booo..Ovviamente neanche paragonabile ai primi 7 capolavori..ma un 7,5 / 8..per me ci sta!
manaroth85
Domenica 27 Novembre 2016, 12.37.57
200
Per me il migliore in assoluto, il primo che ho ascoltato loro, un capolavoro! il mio voto è 100
lisablack
Domenica 27 Novembre 2016, 12.36.03
199
mmm a parte un paio di brani, questo album non mi fa impazzire..piacevole da ascoltare ma è lontano anni luce dai loro capolavori, un disco sufficiente senz'altro..anchè perchè dopo verrà di peggio.Gli anni 90 per alcune band, sono da cancellare.
Argo
Domenica 27 Novembre 2016, 12.24.48
198
E allora oggi, dopo 24 anni (!) dall'uscita di questo cd, tento di "rivalutare" la mia sensazione su questo album che ho sempre ritenuto quasi sufficiente. Ad oggi mi piacciono veramente tanto solo la traccia 1 e 10 (capolavoro). Vediamo cosa ne esce con un ascolto diverso, anche se rimarrò sempre convinto che l'ultimo album dei "veri" Maiden sia No prayer.
ELIO MARRACINY
Lunedì 21 Novembre 2016, 15.22.58
197
JUDAS BE MY GUIDE CAPOLAVORO
Therocker77
Giovedì 4 Agosto 2016, 11.54.05
196
Grande Album!
HERMANN 60
Lunedì 6 Giugno 2016, 18.22.29
195
Non mi piacque all'uscita e non mi piace tuttora, ultimo disco acquistato dei Maiden, poi il Thrash ha preso il sopravvento
Rob Fleming
Mercoledì 27 Gennaio 2016, 10.54.25
194
Un capolavoro (Afraid to shoot strangers) e 5 pezzi fantastici (Be quick or be dead, From here to Eternity, Fear is the key, Wasting love e Fear of the dark). In mezzo tanto buon metal tra cui emerge The fugitive. Certo che Fear of the Dark (la canzone) paga più di un pegno ai Sisters of mercy (mi pare Temple of love)
klostridiumtetani
Giovedì 17 Dicembre 2015, 15.32.50
193
D'accordo con @Alexi, però terrei Wasting love e toglierei From here to Eternity. Comunque almeno un 65 ci sta solo per la bellezza delle altre song
Psychosys
Giovedì 17 Dicembre 2015, 15.22.48
192
*il disco resta da 5 pieno
Psychosys
Giovedì 17 Dicembre 2015, 15.22.11
191
A me Weekend Warrior piace, piuttosto toglierei Chains Of Misery e Judas Be My Guide, pezzi non brutti ma senza nulla di speciale. Il disco secondo me resta da pieno: fatto bene per metà.
Alexi Laiho
Giovedì 17 Dicembre 2015, 15.16.56
190
Se quest album non avesse Wasting Love, The Fugitive, Fear Is The Key, The Apparition e Weekend warrior staremmo parlando di un ottimo album, capace di tener testa almeno a Somewhere in Time, ma i filler so veramente troppi. 73
Angelo
Venerdì 2 Ottobre 2015, 20.31.25
189
Secondo me l'album dei Maiden che contiene più riempitivi. Tagliato di 3 o 4 pezzi guadagnerebbe almeno 10 punti. I bei brani però tipo Afraid, Be Quick, e la title track sono indimenticabili.
lisablack
Martedì 15 Settembre 2015, 20.24.50
188
Questo album ha dei brani notevoli, Afraid to shoot strangers e la title track che io ritengo un capolavoro, un brano che ancora oggi mi mette i brividi
Christian Death Rivinusa
Martedì 1 Settembre 2015, 23.24.08
187
sono pienamente daccordo con il commento di baron the red...ottimo album..forse io vrei dato qualche punticino in più....dopo seventh son...pochi album lo hanno eguagliato....a matter of life..un po sopra...ma il resto tutti leggermente al di sotto di questo....peccato che la voce di bruce gratta un po troppo...se no avrebbe raggiunto i 90....molto affascinante come album...poi l'ho visto uscire....bello...ho tantissimi bei ricordi legati a quell'album...grandi maiden..apprezzo tantissimo anche x factory..e sono contento che adesso è stato un po rivalutato...io lo riproporrei in una versione rimasterizzata con bruce alla voce e adrian come chitarra aggiunta...ne verrebbe fuori un bel disco...
Baron the Red
Martedì 1 Settembre 2015, 22.16.05
186
Un ottimo album con dei pezzi davvero notevoli....per me un 80 pieno ci sta tutto..e sinceramente non capisco chi parla di album orribile...Quelli dopo allora che sarebbero??anche se a sto punto per me non e' da buttare nemmeno la pietra dello scandal X factor...tutt'altro. Questo pero' e' l'ultimo album dei Maiden che ho amato veramente...Grandissimi
klostridiumtetani
Sabato 8 Agosto 2015, 20.49.36
185
Sei proprio Mulo!
Mulo
Sabato 8 Agosto 2015, 19.15.21
184
Orribile,i brani hanno la solita ripetuta un milione di volte ( la title track è strutturata uguale a hallowed be thy name) e son troppo semplici,veramente 4 note ripetute over and over... This is metal for dummies
DirtyBoots
Mercoledì 1 Luglio 2015, 12.10.36
183
Non uno dei dischi migliori della vergine nonostante contenga, come dice giustamente il recensore, 4 pezzi memorabili(Be Quick or Be Dead,Afraid to Shoot Strangers,Childhood's end e la title track). l'album è infatti pieno di riempitivi (lo sono tutti a mio parere i pezzi dal 7 all'11). Wasting Love, From Here to Eternity e Fear is the Key sono pezzi decenti ma che si dimenticano facilmente. Peccato perchè sarebbe potutto essere un grande album. voto 70
InvictuSteele
Venerdì 22 Maggio 2015, 1.18.28
182
Album che segue la scia del precedente lavoro, solo che qui i fillers sono troppi. Metà canzoni buone e metà anonime sono un po' poche per decretare la riuscita di un disco. Posso dare al massimo un 70.
Psychosys
Mercoledì 11 Febbraio 2015, 0.08.57
181
Con questo album ho sempre avuto un rapporto strano. Nonostante sapessi di non sopportare il disco nella sua interezza, entrava sempre nel mio lettore cd per qualche motivo strano. Poi è caduto nel dimenticatoio, finché non mi è venuta voglia di ascoltare la title track. Dopo averla ascoltata ho recuperato il cd e lo ho ascoltato tutto. Be Quick Or Be Dead fornisce una scarica di adrenalina non indifferente, From Here To Eternity è una discreta traccia, nulla di speciale. Afraid To Shoot Strangers è dotata di un'arpeggio iniziale troppo lungo, controbilanciato da una solida parte strumentale finale. Fear Is The Key è una traccia oscena, senza alcun senso, con qualche richiamo a Kashmir. Entra in scena una grandissima e sottovalutatissima canzone, un pezzo che gli Iron di oggi si sognano di scrivere: Childhood's End. Fra lyrics commoventi e cavalcate in puro stile Maiden, siamo al top. Il pezzo forte del disco. Wasting Love è una canzone troppo monocorde e noiosa per attirare l'attenzione. The Fugitive ha un ritornello notevole ma troppe battute irregolari e cambi di tempo che disorientano e tentano di portare ad un livello superiore una canzone che non se lo può permettere. Chains Of Misery tenta di occultare palesi carenze con un coretto insistente. The Apparition è un abominio. Judas Be My Guide è una canzone ben fatta e con un suo senso. Non è un capolavoro e non si grida al miracolo, però almeno c'è qualche cosa che quadra. Weekend Warrior non mi convice, però non è brutta. Un gradevole filer, mettiamola così. Fear Of The Dark ha un songwriting ben curato e "divertente", ben studiato. Alla lunga però viene messa a nudo e dopo vari ascolti, si intuisce come Phantom of The Opera, Hallowed Be Thy Name e compagnia bella avessero una (forse anche due) marcia in più. Tirando le somme restano 5 brani di buon livello, due appena sufficienti, quattro pessimi. Poteva uscirne un bellissimo EP, oppure qualche cosa di interessante. Invece, Fear Of The Dark risulta un disco pesissimo, una mattonata in faccia. Ascoltarlo è veramente un'impresa, causa lunghezza eccessiva di alcuni brani ed altri inulti. Caro mio, torni nel dimenticatoio, ci vediamo fra qualche lustro. Voto: 49\100
HMF LucaR16
Lunedì 19 Gennaio 2015, 14.40.57
180
Concordo con @Diego, una canzone veramente brutta. A mio avviso se la gioca con 'The Assassin' come peggior pezzo dei Maiden.
Diego
Lunedì 19 Gennaio 2015, 9.37.12
179
The apparition è la peggior canzone scritta da Harris e la più brutta, in generale, della'intera discografia maideniana...
Pankiller
Lunedì 19 Gennaio 2015, 6.40.35
178
D'accordo con molti di voi, é il disco che ascolto meno volentieri dei Maiden. Tante canzoni semplicemente per me coi Maiden non c'entrano nulla, sembrano uscite da una rock band agli esordi che cerca di farsi posto in classifica. Title track mai sopportata, spudoratamente catchy e inspiegabilmente inserita in Tours e best dedicati all'era precedente. Un album che qualunque nome porti in copertina non può raggiungere la sufficienza. Il suono poi mi pare più morbido di No prayer. 50.
Arrraya
Domenica 18 Gennaio 2015, 23.06.15
177
accettabile*
Arrraya
Domenica 18 Gennaio 2015, 23.05.17
176
Andrew Lloyd@ Sono d'accordo su alcune cose che hai detto.Anche a me piacque quando usci, e c'era pure il traino del Monsters of Rock a pomparlo, ma come ha gia scritto, il tempo lo ha risistemato in una posizione piu consona al suo valore, se non mediocre, almeno acettabile, il che per i maiden non è sufficiente. Diciamo che un pezzo che ora non sopporto piu è la fin troppo esaltata (inspiegabilmente) title track, un pezzo da cartoni animati, sia musicalmente che dal punto di vista del testo. Un "Apparition" veramente oscena e che probabilmente non piaceva nemmeno alla band. Dall' altra (per continuare con le cose inspiegabili) un pezzone come come "Judas be my guide", in pieno stile Maiden golden era, che credo non sia mai stato suonato mai in sede live. Insomma, primi segnali di suicidio creativo. Mentre "The Fugitive" non era poi cosi malaccio, e "Weekend Warriors" era comunque gradevole, british diciamo. Comunque l'aria di nausea all' interno della band si sentiva eccome, e i fatti successivi lo dimostrarono. Se devo dare un voto gli do 70, perchè una voragine tra questo e la successiva era da 45/50 per album la devo tracciare.
Andrew Lloyd
Domenica 18 Gennaio 2015, 22.44.12
175
Un album in chiaroscuro che all'inizio mi piacque molto perché più incisivo, a livello di produzione , rispetto al moscio "No Prayer". l'album con gli anni si è "assestato" a un moderato gradimento. Qualche filler di troppo. La migliore è la perla Afraid To Shoot Strangers. Ok anche Be quick or be dead, Fear Of The Dark e Childhood's end. Il resto è tra il passabile e noioso. The Fugitive , The Apparition, Fear Is The Key, Weekend Warrior e non salvo neppure Wasting Love assolutamente non nelle corde del gruppo. Pensate, gli preferisco The X Factor"
giuseppe
Mercoledì 14 Gennaio 2015, 14.21.14
174
Non è ai livelli di the numer of the beast ma lo trovo un bell album voto 90
MetalMark
Martedì 30 Dicembre 2014, 10.32.12
173
Ricordo che personalmente mi è subito piaciuto un casino sin dai primi ascolti. Ok non tutti i pezzi sono all'altezza del massimo dei voti ma in generale lo reputo un disco da ricordare e da portare sempre nel cuore se non altro perchè ci ha regalato episodi importantissimi della carriera Maideniana come "Fear of the dark" e "Afraid..." - Apprezzo molto anche "Be quick" ottima opener che ti dà una scarica di potenza non indifferente.
HMF LucaR16
Venerdì 5 Dicembre 2014, 19.36.19
172
Dopo il pessimo 'No Prayer For The Dying', i Maiden tentano di rialzare la testa. Harris riesce a fare il boom di vendite con 'Fear Of The Dark'. Attira a se milioni da fan, ma il disco li merita tutti? NO. 'Fear Of The Dark' è un disco che contiene quattro canzoni sopra la sufficienza: Be Quick Or Be Dead, From Here To Eternity, Afraid To Shoot Strangers, Childhood Ends e Fear Of The Dark. Il resto si può tirare nel cestino, perché è mediocre. Fear Is The Key è la prova che i Maiden si possono confrontare con gli Zeppelin. Missione fallita. Wasting Love è noiosa, The Fugitive, Chains Of Misery, The Apparition, Judas Be My Guide e Weekend Warrior sono 5 brutti riempitivi che fanno venire il latte alle ginocchia. Che cazzo, se mettevano 7-8 tracce non li uccideva nessuno ed il disco sarebbe chiaramente oltre la sufficienza. Uno dei peggiori della Vergine di Ferro, un disco che non mi dice niente esclusa qualche traccia interessante. Superiore solo a quell'aborto di No Prayer For The Dying e la schifezza chiamata The Final Frontier. Be Quick or Be Dead= 7 From Here To Eternity= 8 Afraid To Shoot Stranger= 7,5 Fear Is The Key= 4 Childhood's End= 8,5 Wasting Love= 4 The Fugitive= 4 Chains Of Misery= 4 The Apparition= 3 Judas Be My Guide= 4 Weekend Warrior= 5 Fear of The Dark= 9 Voto Finale= 50\100
Argo
Martedì 23 Settembre 2014, 21.06.49
171
@Enomis: ti confermo che sono io!
klostridiumtetani
Martedì 23 Settembre 2014, 17.41.11
170
Ah, trovo il commento di @Upload #150, molto interessante che forse ha inquadrato al meglio la situazione
klostridiumtetani
Martedì 23 Settembre 2014, 17.36.00
169
Con quest'album ho uno strano rapporto di amore/odio, dovuto a delle canzoni che reputo veri capolavori ed altre che reputo "insulse" (ops! con gli Iron si può dire?) Weekend warrior Wasting love e From here... su tutte e Fear is the key e Apparition che a volte le "odio" ed altre ce le vedo bene nel contesto dell'album. Poi come qualcuno ha detto la title track è bellissima e fatta bene, un gran bel classico, ma che ormai mi ha stufato da quanto viene proposta. Solo una cosa: io non lo reputo superiore a No prayer... che reputo molto buono, quasi ottimo, mentre questo veleggia tra il più che sufficiente al buono (a seconda appunto della giornata )
AL
Martedì 23 Settembre 2014, 16.39.28
168
@freedom: spiegami il trucco e lo faccio anche io! ahahahah. a parte gli scherzi a me stanca alla svelta nonostante ci sia qualcosa di buono
freedom
Martedì 23 Settembre 2014, 12.43.21
167
Non ho mai capito l'astio nei confronti di quest'album. E' uno di quelli che ascolto più spesso dei Maiden assieme TNOTB, SIT e POM.
Enomis
Venerdì 12 Settembre 2014, 0.46.43
166
@Argo (commento 151) Confermami che non sei me... cioè che non sono io che scrivo da sonnambulo sotto un altro nome Anche se c'è da dire che a questo album sono legato, benché non sia affatto uno dei miei preferiti, perché è stato il primo degli Iron (lo so, sono giovane ahah), e poi per la copertina, che è una tra le mie preferite: quindi devo cercare di farmelo piacere in qualche modo
blackinmind
Mercoledì 3 Settembre 2014, 17.48.06
165
Si salvano si e no la metà delle canzoni, direi...e sono di manica larga. "The apparition" è semplicemente imbarazzante!
Simon
Mercoledì 3 Settembre 2014, 17.22.15
164
Il disco degli Iron Maiden che mi convince di meno in assoluto, per me inferiore a No Prayer For The Dying, The X Factor e Virtual XI; come dice la recensione non bastano 3-4 pezzi su 12 per promuovere un disco. La title track ho finito con l'odiarla grazie alla loro ostinazione di inserirla sempre anche fuori contesto (Somewhere Back in Time Tour e Maiden England Tour).
Daniele 68
Lunedì 11 Agosto 2014, 13.25.50
163
Cattivoni!!!!
Sambalzalzal
Lunedì 11 Agosto 2014, 13.21.20
162
Siano lodati i santi!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
Gigi lo sciocco
Lunedì 11 Agosto 2014, 13.15.05
161
No, ti prego continua con i commenti..io ne ho bisogno!!!
Lisa Santini metallara forever
Lunedì 11 Agosto 2014, 13.01.01
160
@Lizard@ allora che cosa devo commentare? Ogni giorno vado sullo stesso gruppo (Iron Maiden, Motörhead, AC/DC , Metallica , Judas Priest, ecc...) non so che cosa scrivere se hai notato ho quasi scritto le stesse parole... A questo punto non commento più che cosi' gli altri non si lamentano dei miei commenti.
Lizard
Lunedì 11 Agosto 2014, 12.31.03
159
Beh Lisa, se non si ha niente da dire non è mica indispensabile commentare a caso tanto per scrivere qualcosa.
Lisa Santini metallara forever
Lunedì 11 Agosto 2014, 12.14.33
158
@the Thrasher@ lo so che lo avete capito, e non sono mica una stupida, a me piace commentare. Quando commento cosi' e' perche' non so che cosa scrivere hai capito?
SNEITNAM
Lunedì 11 Agosto 2014, 12.10.28
157
Amo quest'album anche perchè ci sono parecchio legato. Me lo ha regalato mio padre in cassetta appena uscito. Non avevo nemmeno tredici anni a quell'epoca e ricordo che fremevo a manetta per l'uscita di Fear of the Dark. Sia io che mio padre eravamo andati al Panorama a controllare se fosse uscito ma c'era il cd di No prayer for the dying così lui mi ha chiesto se lo volevo ma io gli ho detto che avrei aspettato l'ultimo. E qualche giorno dopo è uscito. Lo avrò consumato a furia di ascoltarlo assieme all'Use your illusion II dei Guns. Bei ricordi veramente
Olof
Lunedì 11 Agosto 2014, 12.08.52
156
@the Thrasher: ahahahahahah
the Thrasher
Lunedì 11 Agosto 2014, 11.59.29
155
@Lisa: il tuo punto di vista entusiastico su questo disco l'abbiamo capito, non occorre che lo ribadisci ogni due giorni!
Lisa Santini metallara forever
Lunedì 11 Agosto 2014, 8.54.36
154
I dischi degli Iron Maiden sono stra belli!!! Hanno tutti della buona musica, sono fatti bene, le tracce sono stupende. Insomma sono un gruppo heavy metal che li adoro. Le copertine sono tutte fatte con grande orgoglio per ogni disco... Parliamo del disco Fear of the Dark: ci e' messo tutto l'impegno e il sangue per farlo!!! E' un album fantastico!!!!!! Voto: 100
Simon
Venerdì 8 Agosto 2014, 23.28.42
153
Il loro album che apprezzo di meno, non bastano 3-4 pezzi su 12 per salvare un intero disco. personalmente apprezzo decisamente di più No Prayer For The Dying, The X Factor e Virtual XI.
herr julius
Sabato 2 Agosto 2014, 12.43.31
152
Attenzione che negli anni 90 ci furono certi nirvana che fecero un disco che di commerciale non aveva nulla e costrinsero molti metallari su quella strada (io fui uno di quelli)...idem per certi pantera...nessuno aveva il pilota automatico o la sfera di cristallo per sapere cosa avrebbe venduto e cosa no, sicuramente si andava e si va anche a culo. PS negli exploit novantiani ci infilo anche i dream Theater che pure loro con images non erano certamente radio friendly
Argo
Sabato 2 Agosto 2014, 12.31.04
151
Schifato dalla magnificenza dei primi 7 album dei Maiden, devo dire che in questo ultimo periodo nel mio stereo stanno suonando a ripetizione No Prayer (che comunque mi è sempre piaciuto) e Fear of the Dark (che non mi è mai piaciuto). Sto cercando in qualche modo forse di rivalutare il disco in questione, anche se continuo a pensare che con 4-5 canzoni in meno sarebbe stato ben oltre la sufficienza.
UpLoad
Sabato 2 Agosto 2014, 12.19.58
150
Io non penso che ci siano bands che fanno scelte in base al guadagno ...il guadagno è una cosa implicita, io penso che si facciano scelte in base al successo ( che appunto porta il guadagno , ma non il fine ), ma l'espansione, il successo, la grandezza, il fatto di portare la propria musica a più gente possibile. Io non posso immaginare che ( ac dc a parte ) un gruppo dica: "ok abbiamo i nostri 5000 fans ( di mesia ) nei palazzetti adesso siamo apposto inseriamo il pilota automatico e facciamo lo stesso album per i prossimi 30 anni. Tanti gruppi sono andati dietro ai cambiamenti musicali del momento, c'è chi l'ha fatto in maniera sguaiata sputtanandosi del tutto come i megadeth ad esempio e chi come i maiden di fear of the dark ha dato un colpo al cerchio e uno alla botte raggiungendo un buon compromesso ( ricordatevi che i maiden registrano per la emi non per la ....megaforce..... ) è....una specie di nuvola in cui ti ritrovi: alla radio senti sempre il solito tipo di musica, vedi che le solite band hanno successo, la casa discografica ti spinge verso ua direzione, c'è tutta una serie di gente che ti pompa l'idea chela musica degli anni 90 sia questa e bla bla bla...alla fine ti viene spontaneo... poi dopo harris ha chiuso bottega alle influenze esterne e ha iniziato a fare a modo suo.
herr julius
Sabato 2 Agosto 2014, 11.20.55
149
I Maiden li ho mollati anche io dagli anni 90 perché e soprattutto il bombardamento di musica nuova faceva sì che la mia attenzione e i miei ascolti andassero ad altro. Ancora oggi faccio fatica a stare sul pezzo perché i gruppi e le uscite sono tali che rendono impossibile tutti gli ascolti che meriterebbero...poi spesso non ho nemmeno voglia di,ascoltare musica. Però non penso che loro musica recente sia merda, forse musica ordinaria, come non penso che Harris sia uno che se ne frega dei fan, è un musicista che si è fatto da se e manda avanti la baracca facendo scelte, giuste e sbagliate. Poi queste scelte sono opinabili, io per esempio penso abbia fatto bene a ripartire da Bruce e a non licenziare senza motivo gers
Sambalzalzal
Sabato 2 Agosto 2014, 10.26.31
148
Upload@ quando dici che la patente della purezza non ce l'ha nessuno sono d'accordo al 100% qua si parla di bands che hanno fatto scelte diverse per guadagnare più seguito o comunque stabilizzare il successo che in larga parte già avevano guadagnato con i veri capolavori degli anni precedenti. Poi c'è chi è riuscito nell'impresa a tutti gli effetti (tipo i Metallica appunto nel bene e nel male come sappiamo) e sia chi invece ce l'ha fatta a metà tipo i Maiden. Tutto il periodo che va da No Prayer fino a Virtual XI a me ancora oggi sembra veramente strano. Contrasti interni veri o pianificati, scelte maldestre sia sul versante registrazione che su quello prettamente ed obbiettivamente musicale (un giorno Harris dovrà dare spiegazioni sulla scelta di prendere bayley nella band perché in tanti anni non sono mai riuscito ad afferrare il concetto), fatto sta che io personalmente mollai i Maiden quando Dickinson rientrò nella band. la capii che non erano più i Maiden che avevo amato alla follia. per quanto Bayley non mi piacesse avrei continuato a seguirli ma con il ritorno di Dickinson, tutta la cosa delle tre chitarre, i pezzi infiniti e claustrofobici che a parte pochi non decollano mai, sentii che la band non era più la stessa, era diventata una copia studiata a tavolino di quello che era un tempo. Harris è un grande uomo d'affari ed anche un gran marpione. Dei propri fans non gliene frega nulla. Registra in casalinga, risparmia un botto di soldi e poi però grazie al nome anche se il disco che incide è una merda vende uguale e va in tour uguale con responsi ovunque anche se appunto come dice Painkiller@ la scaletta è sempre la solita. Un vero peccato per una band che a mio avviso può ancora emulare la qualità dei dischi fatti negli 80'!!! AL@ ancora oggi ripensando a quel concerto del 93' non sai quanto mi girano le palle!!!
Painkiller
Sabato 2 Agosto 2014, 8.35.04
147
@gigi: sulle scalette live dei Maiden abbiamo scritto centinaia di commenti...sempre le stesse, da anni. Sembra impossibile sentire pezzi diversi dai soliti, un vero peccato.
Gigi lo sciocco
Venerdì 1 Agosto 2014, 20.06.31
146
Ricordo che erano in classifica su tv sorrisi e canzoni (lo comprava mia nonna) e il commento sotto il disco era :gli iron danno l'addio al caro vecchio heavy metal con la loro prima ballad, wasting love...peccato che non abbiano più suonato be quick or be dead dal vivo, secondo me è un brano che spacca veramente, soprattutto live...ma in effetti ce ne sono decine tra tutti gli album che non hanno mai suonato, o comunque raramente...quando ci fu la reunion con l'aggiunta della terza chitarra bruce diceva che finalmente potevano suonare alexander the great dal vivo...magari l'avessero fatta!!!
UpLoad
Venerdì 1 Agosto 2014, 19.56.38
145
( rispondo al commento poco sottostante che dice che fear of the dark è la canzone dei maiden più conosciuta dal popolo bue). Semplice, tra il 1989 e il 1993, questa musica fece il botto commerciale, è la musica che andava di moda e pure i Maiden in qugli anni provarono a seguire il successo commerciale; prima con somewhere in time, poi e soprattutto con seventh son e ancor più nel 1992 con fear of the dark ( album che può essere accostato a use your illusions e il black album così come a pornograffitti ), pur cercando di mantenere il proprio sound si sente molto l'inflessione hard rock pomposo in puro stile inizio anni 90...e va bene così, anche i maiden non è che erano li a far musica per il loro zoccolino duro di fan, tutti hanno avuto il sacrosanto diritto di elevarsi al rango du rock star...ci son riusciti solo i metallica ( i maiden avevano le spalle molto parate cmq ), qui la patente di purezza non ce l'ha nessuno.
AL
Venerdì 1 Agosto 2014, 16.35.22
144
io non riesco proprio a rivalutarlo. anzi... la title track la odio da sempre... Apparition è orrenda... salvo be quick perchè ottima per iniziare un live e farsi del male e poi la migliore per me è Afraid. Sulla qualità dei live dei Maiden l'avevo scritto anche io tempo fa, soprattutto su quelli usciti nel 93: suoni vergognosi per una band del genere. mi ricordo il tour d'addio e quoto Samba Dickinson potevano farlo cantare in playback e mettere una controfigura che era meglio. anche io come Painkiller a Fear preferisco No prayer, invce X factor proprio no. la voce mai piaciuta
herr julius
Venerdì 1 Agosto 2014, 12.33.46
143
Sono d'accordo con samba al commento 136, io da fan storico dei Maiden li ho "mollati" dopo no prayer perché era un epoca in cui ero preso per megadeth, pantera, alice in chains, Pearl Jam,...insomma il metal classico l'avevo trascurato. Fear of the dark non mi piaceva anche se amavo be quick...ora da qualche tempo, dopo vent'anni l'ho rispolverato ed è secondo me un gran bel disco, anche le canzoni sotto tono secondo me sono piacevoli. Le canzoni che invece già apprezzavo sono fantastiche...be quick, the fugitive, from here, afraid...la title track è grandiosa (fino a poco tempo fa la odiavo
Galilee
Venerdì 1 Agosto 2014, 12.20.38
142
Se questo è un lavoro più che sufficiente, allora siamo messi male.
Painkiller
Venerdì 1 Agosto 2014, 12.12.43
141
Hai ragione, quel tour di addio fu una pena, per vari motivi. Comunque io contonuo a gradire mille volte di più no prayer e X factor a fear of the dark....su redeemer of souls sto facendo come te, qualche giorno di pausa....anche perchè ultimamente ascolto tutti i giorni gli ultimi lavori di Epuica e WT che alivello sonoro sonno eccellenti....
Sambalzalzal
Venerdì 1 Agosto 2014, 10.38.33
140
Pare che dopo il tour di SSOASS iniziò a soffrire di polipi alle corde vocali (benigni fortunatamente)... anche sulle foto di No prayer si vede che fisicamente non stava al top. Poi su fear of The Dark ristà nuovamente in tiro e penso che alla fine be quick or be dead sia probabilmente la canzone più violenta di tutta la loro carriera anche dal punto di vista vocale. Sui suoni che dire... anche io mi sono sempre chiesto come mai i loro live sotto quel punto di vista da un certo punto sono stati pessimi. Ricordo l'ultima esibizione di Bruce con il tour di addio e ci rimasi male davvero. Lui scoglionato e fuori forma, i suoni orrendi... pazienza l'evento "storico" ma a distanza di anni non mi faccio problemi a dire che furono soldi buttati. nel 92' li vidi due volte sia a Donington che a Reggio e quando me li ritrovai davanti nel 93' al palaghiaccio non volevo proprio crederci... pareva un'altra band! Painkiller@ Redeemer proverò ad ascoltarlo ancora più in la ma non credo ci sia tanto da fare...
Painkiller
Venerdì 1 Agosto 2014, 10.21.41
139
Mah....Bruce aveva parecchi problemi alla voce a quei tempi, l'ugola si era fatta parecchio gracchiante. Io ho nel cuore il mio primo concerto a tredici anni....REGGIO EMILIA e il tour di Seventh Son!!! . Quello per me è stato il canto del cigno di QUELLA BAND. Quello che mi chiedo poi è come mai il suono dal vivo ha sempre fatto pena, nel tour di No prayer al palatrussardi, al forum nel '92 e via via nei successivi.....fino al tour di AMOLAD dove invece per la prima volta da REGGIO il suono finalmente era bello pulito e si sentivano tutti i dettagli. Misteri. I Judas invece dal vivo hanno sempre avuto suoni perfetti.....quindi a sentire il suono di Redeemer mi incazzo ancora di più!!!
Sambalzalzal
Venerdì 1 Agosto 2014, 10.13.53
138
Si esatto, ragazzi! fear of the dark non penso sia brutto dire che è la The Unforgiven dei Maiden, nel bene e nel male... da quell'album furono estratti ben tre video clips, BQOBD, From here to eternity e wasting love. Poi postumo quello di fear of the dark preso dall'esibizione di Donington dello stesso anno. Palese quindi l'intenzione di esporsi al grande pubblico come mai avevano fatto prima, perlomeno non in questi termini. Dopo questo anche io tornai ad apprezzare no prayer for the dying che all'inizio mi parve molto mesto... non brutto dico ma proprio triste e melanconico nelle atmosfere ma comunque comprensibile considerando la fuoriuscita di Smith e se non erro un' operazione alla gola di Dickinson. Anni strani quelli per i Maiden... ancora oggi eventi alla mano e salvo alcuni sprazzi negli anni successivi considero l'esibizione di Donington come il canto del cigno della band, perlomeno fu l'evento che chiuse un ciclo della band...
Vitadathrasher
Venerdì 1 Agosto 2014, 10.00.43
137
.... su videomusic ricordo che be quick or be dead girava molto. Comunque nei primi anni 90, anche grazie al black album e ai maiden che erano ben consolidati, ci fu una ventata che iniziò molti metalheads.....e anche tanti poser.
Painkiller
Venerdì 1 Agosto 2014, 9.53.03
136
@Samba: ho semre odiato la title track, proprio perchè quel giro di chitarra sulla continua ripetizione di "fear of the daaaaark...." era molto facile e catchy. Come dici tu ricordo paginoni di giornali e tanti nuovi proseliti tra i più giovani (avevo 17 annima ero già un "vecchio" fan, e infatti rimasi deluso). A questo album preferisco mille volte no prayer, che ha un suono delle chitarre molto più diretto ed heavy. Anche la produzione di Birch è sottotono su fear of the dark.
Sambalzalzal
Venerdì 1 Agosto 2014, 9.44.26
135
Al Monsters spaccarono di brutto, indubbiamente. Curioso il fatto che Fear of the dark non piacque a chi seguiva la band già da anni ma fece parecchio proselitismo tra chi li conosceva poco o niente. Ancora oggi la canzone fear of the dark è il pezzo credo più conosciuto dei maiden tra le persone che non ascoltano metal. Fu un album che ricordo fu pompato, stranamente, anche da testate giornalistiche, apparve un paginone pure sul Messaggero.
Gigi lo sciocco
Giovedì 31 Luglio 2014, 23.43.00
134
Nessuno tra quelli che conosco lo apprezzò nel 92 e il giudizio non è cambiato negli anni. Li vidi al monster of rock quell'anno e furono comunque ottimi, ma il disco continuò a farmi schifo.
Vitadathrasher
Giovedì 31 Luglio 2014, 22.56.03
133
Questo album resta comunque su livelli più che sufficienti. Ci sono 3 pezzi più che buoni e personalmente un album con 3 buoni pezzi non lo boccerei mai. X factor è il vero capitombolo della band non si salva proprio niente.
Arrraya
Giovedì 31 Luglio 2014, 21.35.46
132
Attesi quest'album trepidante, in quel fantastico 1992. Devo ammettere che mi piacque all'inizio,forse per l'attesa e la voglia di ascoltare qualcosa di meglio di NPFTD (che alla luce delle cagate successive è un "capolavoro"), ma alla distanza si è rivelato un disco veramente mediocre. Salvo la gia citata Judas...Forse perchè ha quel sapore anni '80 e che insiegabilmente non suonarono mai live (boh, vai a capirli) e quelle che avete scritto anche voi. una band che fallì miseramente i rimpiazzi con Gers prima, e con Bailey dopo. Con quest'album si può decretare la fine dello splendore come band.
Enomis
Giovedì 31 Luglio 2014, 19.11.56
131
Wasting Love è così brutta? E' una delle mie preferite del disco A parte le note salvo pure The Fugitive e Judas Be..., Weekend Warrior nì, Fear is the Key è ai livelli di The Apparition.
Painkiller
Giovedì 31 Luglio 2014, 19.07.23
130
@Samba: be quick or be dead, from here to eternity, wasting love e fear of the dark. Questi sono i quattro singoli estratti, se hai sentito chains of misery è colpa del dj!
Painkiller
Giovedì 31 Luglio 2014, 18.30.21
129
è il disco che mi piace meno in assoluto dei Maiden, è lì a far la polvere. The apparition, weekend warrior, per non parlare di wasting love...una delusione assoluta.
TheDisturbedPriest
Giovedì 31 Luglio 2014, 18.16.35
128
Proporrei una bella petizione per costringere Steve Harris a riscrivere The Apparition e stavolta come si deve!! In alternativa possiamo rapirlo.. avete presente "Misery non deve morire"?
Galilee
Giovedì 31 Luglio 2014, 18.04.04
127
No beh, Childwood's end non è proprio a quei livelli. Però from here to eternity è forse il singolo peggiore della storia dei Maiden. Le canzoni belle in questo disco sono: Be Quick Or Be Dead, Afraid To Shoot Strangers,Judas Be My Guide, Fear Of The Dark. Comunque un disco da 50 in pagella.
Diego
Giovedì 31 Luglio 2014, 16.15.26
126
Mettiamoci pure Childhood's end
Diego
Giovedì 31 Luglio 2014, 16.13.38
125
The apparition mette i brividi...purtroppo nel senso negativo del termine. Da maideniano (iper) convinto ho provato in tutti i modi a "comprenderla", ma ci ho rinunciato e la definisco ancor oggi la peggior canzone di Harris (mi spiace Steve ma 'sta cagata non era degna neanche come b-side). Disco che si regge, a stento, sulla opener BQOBD, sulla stranota FOTD e su quel gioiellino di JBMG...
Sambalzalzal
Giovedì 31 Luglio 2014, 16.02.29
124
Su Apparition mi sentirei di aprire un discorso a parte obbiettivamente... non è secondo me la canzone più brutta mai scritta dai maiden ma una delle più brutte mai scritte in assoluto... ricordo che quando arrivai a quella traccia mi si gelò il sangue. In tutto l'ho ascoltata 2 volte, dopo la prima bissai per paura di non aver capito bene e invece era proprio così, una cagata assurda. Anche io mi chiedo quali motivi ci siano stati dietro alla registrazione di una schifezza simile.
EvilEvil
Giovedì 31 Luglio 2014, 15.45.43
123
In effetti pubblicare una 'canzone' come The Apparition richiede una certa dose di coraggio. Non ce la vedrei neanche come b-side.
Galilee
Giovedì 31 Luglio 2014, 15.39.21
122
Una canzone come the apparition invece funziona meglio di Activia.
Steelminded
Giovedì 31 Luglio 2014, 15.34.56
121
A Brave New World credo lo usino negli asili nido per far addormentare i bambini...
EvilEvil
Giovedì 31 Luglio 2014, 15.33.59
120
Comprato nel '92 in doppio vinile per 23 mila lire. Mi è difficile dare un giudizio oggettivo, è legato a troppi bei ricordi. Comunque non è un lavoro omogeneo, i brani sottotono ci sono eccome. Judas Be My Guide tra le più sottovalutate! Secondo me Brave New World appartiene a un'altra storia.. la fine degli Iron (come li chiamavo allora) e l'inizio dei Maiden (come li chiamo adesso).
Galilee
Giovedì 31 Luglio 2014, 15.08.49
119
Io dico invece che è un disco davvero mediocre, con 4/5 pezzi ottimi e il resto da dimenticare. Dopo comunque faranno molto di di peggio, per riprendersi finalmente con Brave new world.
Sambalzalzal
Giovedì 31 Luglio 2014, 14.55.39
118
AL@ ahhh secondo me ha parecchio tiro come pezzo! pensa che Chains Of Misery fu la prima che ascoltai di questo disco... fu per radio e se non ricordo male la lanciarono come singolo ma non ho mai approfondito se fu scelta da loro come singolo ufficialmente o se furono le emittenti radio a farlo
UpLoad
Giovedì 31 Luglio 2014, 14.01.55
117
e aggiungo che se avesse avuto laproduzione di un somewhere in time o del più successivo brave new world sarebbestato ancor più "stellare" ( per il periodo ) invece è stato registart nello studio privato di steve harris che rese catastrofico no prayer e mediocre la produzione di questo. Io continuo a sostenere che per inizio anni 90 ( per me il periodo miglio dell'hard'n' heavy ) è un disco spettacolare, poi certo se volgiamo fare i duri e puri non c'entra una mazza con i maiden, ma neanche il tanto esalatat seventh son of a seventh son.....
gianmarco
Sabato 19 Luglio 2014, 11.23.24
116
weekend warrior straordinaria.
roberto
Lunedì 14 Luglio 2014, 1.10.41
115
p.s. se questo disco è da 75, allora tutto il periodo pre No prayer for the dying allora è da oltre 120!!
roberto
Lunedì 14 Luglio 2014, 1.08.03
114
"sopravvalutatissimO" volevo dire
roberto
Lunedì 14 Luglio 2014, 1.07.29
113
Sopravvalutatissimi. Anzi, mi chiedo come si possa dare un 75 a sto album quando solo 3/4 canzoni sono di buono/ottimo livello e il resto mediocre o nettamente insufficiente? A scuola se uno fa un compito e azzecca 4 esercizi su 12, il prof ti mette 4 se ti va bene. Per me è un album non proprio da 40 solo perchè la title track e Afraid sono a livello stellare, ma per me non arriva alla sufficienza sicuramente si. Weekend warrior, Chains of misery o Apparition sono pezzi da zero assoluto!!
Lisa Santini metallara forever
Lunedì 7 Luglio 2014, 14.27.00
112
Fear of che Dark e' di sicuro il disco migliore degli Iron Maiden. E' molto bello ascoltarlo con gioia e passione , e poi se qualcuno non e' d'accordo come scrive pure...
UpLoad
Domenica 6 Luglio 2014, 21.55.43
111
Grande album che rispecchia perfettamente il modo di suonare hard n heavy dei primi anni 90 ( per me gli anni migliori del rock dal 1977 ), la svolta hard rock è più che giustificata visti i tempi. Si era meno veloci e più potenti e con ritornelli da ribatare gli stadi, ed è giusto così. Be quick, eternity, afraid, judas, wasting love e la title track ti rimangono subito dentro, cosa gli vuoi dire ad un album del genere? Un 85/100 mi pare il minimo sindacale.
tesla
Domenica 29 Giugno 2014, 14.07.51
110
troppe canzoni sottotono e imparagonabile ai primi 7 capolavori. Voto 65 per le 2/3 canzoni stupende qui presenti, rovinate da tutto il resto
Lisa Santini
Martedì 24 Giugno 2014, 13.27.40
109
Questo album e' spettacolare, la mia canzone preferita e' FEAR OF THE DARK!!!!!!!!!!!!!!
Thomas
Martedì 17 Giugno 2014, 13.26.48
108
Io sono nato musicalmente con questo album...avevo 9 anni e adesso a 31 lo ascolto ancora e ho sempre la stessa pelle d'oca.
Enomis
Lunedì 9 Giugno 2014, 22.43.52
107
Al primo ascolto quest'album mi fece girare abbastanza le scatole: dov'erano finiti i tempi dei Magnifici 7 (album)? Spariti col buon Adrian? Ma poi cosa c'entrava l'Hard Rock con i Maiden: canzoni come From Here to Eternity, Chains of Misery e Weekend Warrior mi sapevano di prese in giro in un album maideniano. Devo però ammettere che col tempo ho imparato ad apprezzare questo lavoro (non me la sento di anticipare al parola con "capo-") dei Maiden Anni '90: di Afraid..., Be quick... e dela title-track (da Top 10 in termini di Maiden) si è già detto, ma voglio spezzare una lancia in favore delle canzoni #5, #6, #7, a mio avviso affatto sopravvalutate, come ho letto in giro per il web, in primo luogo perché non è che se ne parli moltissimo, ma soprattutto per il fatto che non sfigurano affatto a confronto con numerose altre canzoni della band, pur non essendo delle Revelations/The Evil that Men do. Il più gran difetto di quest'album? Non scopro l'acqua calda dicendo che sono le ben 12 canzoni, troppe per un album così: senza From Here..., Chains... e The Apparition sarebbe stato un ottimo album a mio parere. Comunqu mi sento di dare al platter un 8, non so perché, ma sento che è il voto che trovo più adatto.
Robysus2
Lunedì 9 Giugno 2014, 16.56.59
106
3/4 pezzi ottimii come Afraid to shhot strangers, Fear of the dark, Wasting love e se vogliamo Be quick or be dead, il resto pare ordinaria amministrazione. Sopravvalutato
The Lion
Martedì 27 Maggio 2014, 19.52.29
105
Tra alti e bassi un disco dignitoso. il voto 75 va bene, i Maiden hanno fatto molto di meglio ma anche molto molto di peggio.
Lisa Santini
Lunedì 26 Maggio 2014, 1.33.13
104
Fear of the Dark e' un disco stupendo giuro!!!!!!! Adoro l'oscurita' e la notte, quando non c'e' nessuno, si sta' soli aspettare che la luce del mattino vieni fuori.... La copertina e' bellissima!!!!!!!!! Appena vado in un negozio di cd, me lo prendo assolutamente!!!!!!!!!!!!!!! I LOVE
deedeesonic
Venerdì 11 Aprile 2014, 18.01.45
103
Secondo me (oltre a quelle citate giustamente da @Samba #98) un'altra canzone molto sottovalutata è "The fugitive" (che all'inizio non piaceva neanche a me), e non ho mai sentito parlare troppo bene neanche di "Childhood's end" che ritengo stupenda!
Lisa Santini
Venerdì 11 Aprile 2014, 17.37.50
102
EL'album Fear of The Dark e' stra bello!!!!!! Poi il discoe stupendo!!!!
Struzzo
Sabato 29 Marzo 2014, 16.07.42
101
Meritano 100 solo cover (capolavoro del sig. Grant) e afraid to shoot strangers. Album di valore medio, quindi concordo con il 75 di "the trasher".
AL
Lunedì 17 Marzo 2014, 10.59.47
100
per me vale 68. alcuni riempitivi. The Apparition insopportabile. la produzione non mi piace molto. Afraid il capolavoro di questo album. la title track è buona ma l'ho ascoltata talmente tante volte che adesso mi annoia... @Samba: a me invece Chains of misery proprio non piace.
Arrraya
Lunedì 17 Marzo 2014, 10.12.53
99
Gia, Judas be My Guide un bel pezzo che non sono piu capaci di scrivere, infatti non lo hanno mai suonato dal vivo, il tutto per far posto a pappardelle oscene di 348 minuti. Per me un buon album, non memorabile ma dignitoso, e ho comunque un bel ricordo culminato nel legendario Monsters di R. Emilia, poi...il nulla.
Sambalzalzal
Lunedì 17 Marzo 2014, 8.49.45
98
Su questo album compagliono anche due delle canzoni più snobbate ma più belle secondo me della discografia dei Maiden assieme all'altra storica e dimenticata Sun And Steel. Chains Of Misery and Judas be My Guide! Con tre fillers in meno sarebbe stato davvero un bellissimo album
Metalfrank
Lunedì 17 Marzo 2014, 3.39.32
97
L'album che mi ha fatto avvicinare al Metal....quando l'ho ascoltai nel lontano 2001 mi sentii come se avessi fatto sesso la prima volta!Oggi invece lo reputo un grande album ma non il migliore dei Maiden,ma mi regala comunque le stesse emozioni!Voto 80 ma a livello affettivo il mio voto non può che essere 100!
Lisa Santini
Mercoledì 12 Marzo 2014, 23.02.21
96
Fear of the Dark e' la traccia migliore!!!!
Ragnarok 79
Sabato 9 Novembre 2013, 12.55.31
95
Un disco nel complesso buono, con molti alti e bassi.
davide
Giovedì 19 Settembre 2013, 21.58.48
94
un poco meglio del precedente come voto siamo sul 93
enzo
Martedì 10 Settembre 2013, 20.35.41
93
quasi un capolavoro per quel che mi riguarda peccato che bruce e leggermente sottotono probabilmente si era gia rotto le palle comunque be quick or be dead afraid fear wasting fugitive judas e weekend hai detto niente bellissimo
Blackie Lawless
Lunedì 8 Luglio 2013, 15.38.40
92
A me piace un casino! L'opener è davvero una fucilata....e la title track...beh...credo ci sia poco da dire...Penso anche io che certi pezzi tipo the apparition siano di troppo...Non che siano malaccio come canzosi, solo che ...boh...mi sembra che contribuiscano a rallentare la fluidità dell'ascolto...Non so se mi son spiegato bene...Però tutto sommato è un album che ascolto sempre più che volentieri...Un vel novantone glielo do
freedom
Lunedì 8 Luglio 2013, 14.20.13
91
Io lo trovo molto gradevole, alcuni brani spaccano, tipo Be Quick Or Be Dead o Afraid To Shoot Strangers. Fu anche la prima cosa in assoluto che ascoltai dei Maiden, quindi ci sono affezionato. Mi piace molto anche la copertina. Voto 78.
Alex Deutsch
Lunedì 8 Luglio 2013, 14.15.22
90
Non credo proprio si possa dire che questo album sia migliore di tutto ciò che è venuto dopo. Cioè, meglio di Brave New World? Meglio di Dance of Death? Meglio di AMOLED e meglio di Final Frontier? Io non credo. Però ...de gustibus ...
ilvino
Giovedì 27 Giugno 2013, 13.29.02
89
concordo pienamente con tutto ciò che ha scritto. Penso anche che se l'album avesse avuto soltanto questi 8 brani be quick.. from here.. afraid childoods end wasting love the fugitive judas fear of the dark sarebbe stato già migliore, anche se di certo non a livello dei precedenti,ma giusto un gradino sotto. Invece la presenza di 4 brani - bidone fa perdere ulteriore terreno.
Vitadathrasher
Mercoledì 19 Giugno 2013, 22.38.26
88
Mah, già il fatto che salvate 5 o 6 pezzi dovreste accontentarvi.....inoltre questo album è peggio dei precedenti ma molto meglio di tutto ciò che è venuto dopo.
Jeff
Mercoledì 19 Giugno 2013, 22.31.40
87
Si salvano: Be quick or be dead, from here to eternity,afraid to shoot strangers,chains of misery,judas be my guide, fear of the dark. peccato,poteva essere un bel disco.
Alex Deutsch
Giovedì 30 Maggio 2013, 16.40.47
86
Per me l´unica canzone che si salva è Fear of the Dark, ma solo rispetto alle altre dell´album. Anche Be quick or be Dead non è da buttare, ma tutte le altre sono davvero dei pezzi mosci e pallosi. Quindi, a mio modesto parere non c`è album peggiore nella storia dei Maiden con Bruce alla voce, e se la batte con The X Factor e Virtual XI (questi due sarebbero comunque meglio se ci fosse stato Bruce alla voce). A confronto con Fear of the Dark anche The Final Frontier ne esce alla grande. Voto 49.
enzo
Martedì 23 Aprile 2013, 18.46.44
85
gran disco prodotto abbastanza male purtroppo
deedeesonic
Martedì 23 Aprile 2013, 15.59.15
84
L'album che mi piace meno degli Iron, ma comunque contiene almeno 6 ottime canzoni.Io trovo molto belle anche chidhood's... e judas... Quelle che proprio non c'entrano per me sono fear is the key, apparition, weekend... e forse anche from here to eternity
Fa
Giovedì 11 Aprile 2013, 19.41.03
83
miserY... scusate l'errore
Fa
Giovedì 11 Aprile 2013, 19.40.50
82
Io credo che si debba collocare Qasting Love ai primi posti insieme ad Afraid to shoot strangers, Fear of the Dark e Be quick or be dead. Piacevole From hear to eternity e anche la poco conosciuta e considerata Chains of miseri
iron
Mercoledì 3 Aprile 2013, 19.53.00
81
x me fear of the dark meriterebbe 100
Luke25
Sabato 19 Gennaio 2013, 11.52.13
80
per me questo è un signor album, 75 è poco...
dario
Domenica 2 Dicembre 2012, 5.13.59
79
Wally sostiene che gli iron fanno hard rock...sono un pò d'accordo per i primi due album con di anno, decisamente non una voce metal, e le sonorità e le ritmiche non sono certo quelle di TNOTB o SIT. Con l'arrivo di bruce ...eh no....bruce è una sirena quindi decisamente metal cosi come tutto il resto della discografia. ciao
ac
Martedì 30 Ottobre 2012, 14.28.12
78
l'album inizia in modo travolgente con la velocissima be quick or be dead,prosegue con la bellissima fron here to eternity,e proseguire poi con la gemma afraid to shoot a strangers che reputo musicalmente e non solo una delle piu' belle e riuscite canzoni dei maiden,poi si arriva alla meravigliosa wasting lovee si conclude con quella che forse e' la piu' bella canzone (sicuramente la piu' famosa) dei maide fear of the dark un capolavoro immortale che ha consacrato i maiden nell'olimpo della musica e anche piu' in alto.voto 100!!
matteo36
Sabato 8 Settembre 2012, 11.13.26
77
concordo con quanto scritto qui sotto , 4 pezzi entrano di diritto nei classici del gruppo veramente ispirati. altri 2 buoni pezzi ovvero wasting love e fugitive e la title track buona ma sopravvalutatissima. fanno 7. le 5 restanti sono pane per gli opearatori ecologici in particolare sono vent'anni che mi chiedo perchè scegliere come singolo una schifezza come from here to eternity (ispirazione zero) e lasciare fuori un capolavoro raro nella carriera dei maiden come childhood's end. povero steve quante sòle c'ha rifilato (poveri noi) .voto 77
Warhead
Venerdì 24 Agosto 2012, 13.14.15
76
Bell'album, il problema è che è pieno di filler. poteva essere un bellissimo EP togliendo almeno 6 o 7 pezzi
Joker
Giovedì 28 Giugno 2012, 16.49.36
75
La recensione coglie in pieno quello che anche secondo me è l'album: tanto fumo e poco arrosto. Meglio di No Prayer... resta un disco valido, coinvolgente, aggressivo; ma a tratti. Troppo permeato sulla (veramente bellissima) title-track, e sulle altre 2 o 3 sopracitate; si arriva alla fine dell'album con quel senso di "mah...bello si ma questi sono i vecchi Maiden???" per poi accorgersi che quelli di un tempo non torneranno più. Chiusa questa parentesi a mio parere è stata bella la trovata di inserire una power ballad nel repertorio della band (tra l'altro è l'unica storia d'amore che hanno scritto) ti fà capire che anche loro possono fare qualcosa di diverso; appunto, i vecchi Maiden non esistono più........
Luca
Martedì 26 Giugno 2012, 13.24.46
74
Che dire.... grande disco ne facessero ancora dischi così!!! a proposito Bruce fatti crescere i capelli!!!!
Argo
Domenica 10 Giugno 2012, 14.09.20
73
Pur amando questo gruppo, continuerò a sparare merda su questo album perchè è orrendo, pieno di filler, si salvano giusto la prima traccia e la decima. Dopo 20 anni faccio una fatica immane ad ascoltarlo tutto e le canzoni continuo a trovarle pallose e poco ispirate, oltre che alle chitarre assenti e Dickinson ai minimi storici, non so come la gente possa preferire questo disco a No Prayer.
manaroth85
Domenica 10 Giugno 2012, 13.39.48
72
per me è da 9, forse perchè è stato l album con cui l ho scoperti, sicuramente i primi erano superiori però cè una cosa da dir gli IRON MAIDEN sono i più grandi!!!han sempre fatto grandi album e grandi concerti...non hanno mai fatto quelle cagate che han fatto i metallica...sempre e solo IRON!!
Wally back
Mercoledì 11 Aprile 2012, 0.38.42
71
Gli Iron Maiden sono metal tanto quanto lo sono i Deep Purple, i Led Zeppelin, i Black Sabbath ecc... siccome il recensore nota in questo album una svolta hard rock, io ho sostenuto argomentando che PER ME gli Iron lo hanno sempre fatto (hard rock)... negli ultimi 30 anni, il metal ne ha fatto di strada e gli Iron suonano come all'inizio ( e forse più morbidi) e non è una critica.. ...se gli Iron sono l'heavy metal...allora lo sono anche i Rolling Stones (contrapposti ai Beatles). poi ognuno è libero di ascoltarli per quello che sono..... se mi ascolto tra gli ultimi lavori per esempio "El Dorado, il singolo" ....non mi sembra per niente metal... Per me puzza più di metal Paintkiller dei JP..uscito nel 1990, due anni prima di FoTD.... poi ognuno è libero di pensare quello che vuole... Khaine, leggiti questa intervista anni 80 , in cui i Maiden stessi si definiscono Hard Rock e danno una definizione di Hm.... http://www.truemetal.it/modules.php?name=News&file=article&sid=13081 Poi Khaine, se dopo aver messo un cd (originale) su un impianto decente, la batteria di The Fugitive , Childhood's End, From Here To Eternity,tanto per citare qualche brano, ti sembra ancora piatta...fai una corsa al più vicino centro amplifon o visto che sei bravo a non argomentare nulla...definisci cosa intendi per piatto e magari cita qualche esempio di batteria non piatta... Khaine spiegami pure quali sarebbero le balle che ho raccontato e perchè dovrei tirarmela, su cosa scusa? Porta rispetto per le opinioni degli altri e impara ad argomentare.....
Radamanthis
Sabato 7 Aprile 2012, 10.44.07
70
I Maiden nonf anno metal? AH ah ah...va che oggi non è il primo aprile...il tempo del pesce è passato...I MAIDEN SONO IL METAL!!!!!
Khaine
Sabato 7 Aprile 2012, 10.21.49
69
WAlly, tiratela di meno, e racconta meno balle! I maiden fanno metal (non c'è molto da aggiungere) e si, la batteria in questo disco è piatta.
Wally
Sabato 7 Aprile 2012, 9.21.46
68
"...sound del quintetto britannico più in direzione hardrock che non esplicitamente metal" ...non ho mai considerato metal la musica degli IRON... è un sano hard rock..per tempi, sound granitici delle chitarre (diverso dal metal equilizzato a campana a V, per esempio anche i Megadeth non hanno propriamente un sound metal).....ecc... qualcuno scrive che in questo album la batteria è piatta... ma scherzate? ma con cosa ascoltate la MUSICA? con mp3 compressi (scaricati) e cuffiette da detersivo? suvvia un pò di onestà...la batteria (e il basso) hanno un fronte sonoro da paura...... e poi se sommate i vari commenti a me piace questa, questa è un capolavoro...ecc....noterete che alla fine dei conti piacciono tutte le canzoni..... forse è un album che ha molte sfacettature.....c'è chi le coglie in un modo chi in un altro....comunque se siamo ancora nel 2012 a parlarne...un motivo ci sarà? Ripeto gli Iron non fanno metal...e quindi riguardate il parametro di giudizio......
Arrraya
Martedì 7 Febbraio 2012, 22.22.17
67
Quoto in toto il commento 65 di Stefano.Come dargli torto? Visti gli album successivi questo è senz'altro godibile.Poi come dimenticare che fu l'album del Monsters of Rock di Reggio Emilia nel '92.Solo per questo e per i ricordi è un album a cui sono affezionato,pur non essendo ai livelli degli anni '80. Judas... la migliore.
Golosone 666
Martedì 3 Gennaio 2012, 23.46.10
66
Un bel disco... solo togliete le tredici filler
Stefano
Sabato 17 Settembre 2011, 23.17.27
65
Che abbia odiato questo disco è vero...childshood and poi....ma manco a farlo apposta gli Iron confezionano un disco con 6 classici da antologia o si e no' siamo li' i quali oggi sono dei veri "classici "che possono fronteggiare su livelli buoni con le memorie degli eighties..i brani in questione?? eh eh...ok a parte l'immesa titletrack, "afraid to shott stranger ", "from here to eternity"(puzza di AC/DC da tutti i pori..) lasciano ben sperare..gli altri pezzi ok nn saranno mai alla pari col passato (chechhè se ne dica Harris e co sono abilissimi nel far passr breni tutto sommato buoni come dei capolavori...vedesi "be qick or be death") ma vi sono gemme come "wasting love" " judas my guide" "weekend warrior" che sono veramente apprezzabili...gli altri brani?!!?? sono dei bellissimi filler che dato il passaggio dall'analogico al digitale che ha creato molto più minutaggi a disposizione del disco inevitabilmente le classiche 8 traccie per disco preseti in ttti i dischi vengono infarciti di altri brani per nn sprecare tale spazio....eppure questi brani riembi buchi sono veramente belli e si fanno ascoltare...oggi pAGEREI per vedrci in "FINAL FRONTIER" brani tipo (nn pretendo molto) Childhood's End Waisting Love o The Fugitive o qulacosa che gli assomigli..conscio che pretendere una "trooper" o un SSOASS" pt2 sarebbe chiedere un miracolo...n n che disprezzi quello che hanno fatto nelll'ultima decade ma dannazione persini "no peayer for the dying " (a me piace poi de gustibus..) hanno una certa marcia e verve rispetti alla laccata produzione del 2000.... Fera of the dark l'ultima luce reietta di un mondo che oggi più che mai sembra perduto affossato in gioiosi ricordi che furono..perfetto affresco musicale di quello che furoni gli oscuri (ma bellissimi) anni 90'...disco da avere per ogni metallaro che si rispetti..sarà pure un disco "mediocre" (che brutto termine!!) ma ha un anima..nn so se mi spiego e se all'inizio lo odierete fidatevi che col tempo vi ci affezionerete e rimpiagerete che oggigiorno nn escano dischi del genere....UP THE IRON!!!!!!!!!!!!
MAIDEN 65
Martedì 9 Agosto 2011, 15.44.01
64
Più che discreto : 75
Finntrollfan
Giovedì 4 Agosto 2011, 8.08.37
63
Il giudizio dei lettori mi sembra un po' troppo severo.... è vero, il disco ha molti alti e bassi ma questo è l'ultimo disco ben fatto dei Maiden (tralasciando Dance of death)
Master of Reality
Sabato 30 Luglio 2011, 0.55.45
62
Be Quick or Be Dead = 6.5; From Here to Eternity = 6.5; Afraid to Shoot Strangers = 7; Fear is the Key = 6.5; Childhood's End = 7.5; Wasting Love = 7; The Fugitive = 6; Chains of Misery = 6; The Apparition = 5; Judas Be My Guide = 7.5; Weekend Warrior = 6; Fear of the Dark = 9.5 Voto album = 7
blackie
Martedì 12 Luglio 2011, 1.30.18
61
ho amato fear of the dark alla follia!ci sono troppi ricordi con questo disco!un grande album!prodotto benissimo.afraid to shoot strangers,e la halloweed be thyu name degli anni 90 la fulminea be quick or be dead la grandiosa wastin love (con un dickinson come sempre spettacolare)e l immensa magnifica fear of the dark!peccato x qualke episodio un po sottotono come chain of misery e l inutile the apparition,ma x il resto un album stupendo che confermo ancora una volta che steve harris e compagni sono di un altro pianeta!i migliori!up the irons!!!!!!!!!
metalhammer
Sabato 9 Luglio 2011, 20.24.47
60
E' stato senz'altrp un buon album, migliore senz'altro di roba come i due album successivi, The X Factor e Virtual IX, debaclé nella discografia degli Iron. Bisogna inquadrare anche il contesto storico: siamo in piena era grunge, e qst album, assieme a Painkiller dei Judas Priest e The Triumph of Steel dei Manowar, è cm un grido di orgoglio Metal in un universo che tale genere voleva schiacciare. Fear of the Dark e gli album citati sono la reazione del cosiddetto "True Metal Classico" all'incedere dellla desolazione musicale. E' noto che il grunge rase al suolo l'universo Hair Metal, mise nell'angolo l'Heavy Metal Classico e condiziono la crisi del genere Thrash (si veda l'albu omonimo dei Metallica, il "Black Album") e Death. Senza un'album come questo il Metal sarebbe, a mio dire, morto.
cobmust
Lunedì 6 Giugno 2011, 15.09.10
59
per come la vedo io se i maiden avesserò dedicato più tempo a questo album curando dei pezzi che sembra facciano solo da toppa questo sarebbe stato un grandissimo album a livello degli album degli anni 80
Philosopher3185
Mercoledì 25 Maggio 2011, 15.02.43
58
è un album che almeno si attesta oltre la sufficienza...non è un capolavoro,però almeno ci sono pezzi molto belli come:be quick or be dead,fear of the dark e i divertenti hard rock.weekend warrior e chains of misery..per il resto però ci sono pezzi normali...peccato che Bruce abbia iniziato a gracchiare come una specie di lemmy meno brutale..la sua prestazione contribuisce a infiacchire il disco..altrimenti forse il risultato sarebbe stato un po superiore
Maurizio
Mercoledì 30 Marzo 2011, 17.54.47
57
Così così perchè troppi filler inseriti per allungare il timing e renderlo un doppio su vinile o un cd corposo. C'è qualcosa di ottimo che lo salva e che lo rende un passo avanti rispetto allo scivolone di No prayer..
Alex Metalheart
Giovedì 24 Marzo 2011, 17.53.03
56
disco abbastanza mediocre della band britannica, si salvano pochi brani, tra cui la titletrack e wasting love, buona la registrazione ed i riff non sono certo il top dell'originalità, 7.25?
Argo
Domenica 20 Febbraio 2011, 12.14.47
55
Disco orrendo e pieno di riempitivi, solo 3 canzoni si salvano per me: Judas (bellissima e sprecata in questo disco, l'unica canzone che sembra degna dei Maiden e che mi ricorda le melodie di Seventh Son), Be quick e la ormai pallosissima title track. Canzoni come Childhood's end o The fugitive nonostante siano ormai passati 20 anni, non riesco proprio a farmi piacere ascoltanto il disco con mente aperta. Da collocare tra i peggiori dischi della banda insieme ai 2 di Blaze e FInal frontier. Non ho mai capito perchè a quei tempi fece tutto quel clamore ed essendo osannato da tutti, ma mi sembre un disco giusto da essere apprezzato solo da teenager ai primi passi col metal, con tutto il rispetto per i teenager.
DaveStillRocks
Lunedì 3 Gennaio 2011, 14.08.03
54
wasting love sopravvalutata? Ma dai! Quella canzone è semplicemente straordinaria!! Per me è nella top 15 delle canzoni dei Maiden. Poi in quest'album non è tutto da buttare, a parte la title track e wasting love ci sono altre 3-4 canzoni che meritano: Be quick or be dead, Afraid to Shoot Strangers, judas be my guide e Childhood's End. Voto: 78/100
zoso
Domenica 21 Novembre 2010, 14.55.34
53
fatta eccezione per alcuni brani, è un album mediocre (il cui acquisto e giustificato solo per quei massimo 5 brani)
leonardo
Giovedì 21 Ottobre 2010, 22.05.40
52
okok forse non vergognoso ma cmq sottotono e con molti riempitivi che allungano inutilmente la durata di un disco discusso e discutibile
hm is the law
Mercoledì 20 Ottobre 2010, 23.25.05
51
A me il disco piace gli iron hanno fatto di peggio! Voto 73
Khaine
Mercoledì 20 Ottobre 2010, 23.20.05
50
Beh, vergognoso... ci sono dei gran pezzi qui dentro, dai! Io ho amato alla follia Afraid TO Shoot Strangers, Hudas Be My Guide, Waisting Love (una delle mie preferite dei Maiden) e From Here To Eternity...
leonardo
Mercoledì 20 Ottobre 2010, 21.14.52
49
disco vergognoso si salvano se va bene la title track , afraid, judas e childhood il resto è afflitto dalla scarsa presentazione di bruce , dalla batteria di un piattume unico e dalla poca presenza di grinta meglio decisamente the x factor( se fosse registrato bene perchè le chitarre sembrano finte) 50
Arekusu
Martedì 19 Ottobre 2010, 10.11.12
48
Vabbé: l'unica canzone di questo disco che skippo senza pietà è Wasting Love. Per il resto, adoro quel feeling progressive che hanno le canzoni "filler" sue questo disco!
AL
Martedì 19 Ottobre 2010, 9.26.36
47
wasting love .... mmhhhhh... c'è di peggio nell'album.. judas be my guide è stupenda anche per me!!!
Renaz
Sabato 16 Ottobre 2010, 11.40.45
46
Anche per me Wasting Love è ottima...
Zarathustra
Sabato 16 Ottobre 2010, 10.53.21
45
@Painkiller: Wasting Love ridicola? ora, non volermene, ma dai commenti ai vari dischi dei Maiden te vorresti che facessero black metal, in pratica!
Arekusu
Venerdì 15 Ottobre 2010, 21.04.29
44
Ma allora non sono l'unico ad apprezzare Judas my guide!
LedVoglinaro
Venerdì 15 Ottobre 2010, 20.08.22
43
Fear Of The Dark non e' uno degli album migliori di Iron Maiden per il semplice fatto che ci sono troppi rimpetivi e canzoni inutili (su tutte the Apparition). La title track pero' e' semplicemente meravigliosa, per me e' una delle piu' belle canzoni Heavy Metal di tutti i tempi. Bellissime anche Be Quick Or Be Dead, Judas Be My Guide e Afraid To Shoot Strangers. Un brutto difetto di questio album a mio avviso e' che non ci sono assoli fantastici, cosa piuttosta rara per gli Iron Maiden. Nel complesso Fear Of The Dark e' un buon album, non certo un capolavoro. Il mio voto e' 75.
Ok
Giovedì 14 Ottobre 2010, 1.53.53
42
disco mediocre l'era degli iron era finita da qualche anno
Ubik
Martedì 12 Ottobre 2010, 21.21.00
41
è stato il mio secondo album dei maiden dopo The X Factor quindi sono legato molto a tutti e 2 a proposito a quando le recensione dell'era bayley
luci di ferro
Martedì 12 Ottobre 2010, 0.19.15
40
l'album che mi ha fatto conoscere gli iron maiden, Be Quick Or Be Dead, From Here To Eternity, Afraid To Shoot Strangers, Waisting Love, Fear Of The Dark, se gli altri ne sono capaci, di scrivere canzoni cosi!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
Dan g warrior
Lunedì 11 Ottobre 2010, 16.03.21
39
a parte la title-track niente di speciale.
slide
Lunedì 11 Ottobre 2010, 15.06.09
38
Si, decisamente sopravvalutato (ma addirittura peggiore di virtual XI!?) giusto quelle 3/4 canzoni le ascolto volentieri - fear of the dark ma lenta da studio, wasting love perchè appena ho iniziato a suonare non riuscivo a farla, judas be my guide perchè è orecchiabile e childhood's end. Alla fine si lascia ascoltare, ma non mi è mai parso memorabile...allora dance of death dove lo mettiamo? Per non parlare di Powerslave...
AL
Lunedì 11 Ottobre 2010, 13.41.41
37
concordo con frankiss al commento 12... Dickinson era già praticamente fuori dal gruppo... poco mordente... anche se Fear of the dark è un gran pezzo... come Afraid...
Maria Paola
Lunedì 11 Ottobre 2010, 13.38.52
36
L'unico problema è che la CANZONE Fear Of The Dark è la canzone dei poser. Non perchè sia una brutta canzone, ma perchè in molti dicono di ascoltare gli Iron Maiden e poi ascoltano solo quella canzone.
Painkiller
Lunedì 11 Ottobre 2010, 9.45.24
35
Cresciuto a "pane e Maiden" quest'album per me fu uno shock, tanto era moscio e lontato dal tipico Maiden style. Canto del cigno del grandissimo Matin Birch alla console, pagò l'ormai chiaro abbandono da parte di Dickinson con brani pallosi, poco heavy, poco Maiden e spesso anche ridicoli, come wasting love. Per quelli che sono i miei gusti si tratta del punto più basso della produzione Maideniana, anche peggiore di Virtual XI. a distanza di 18 anni da quella uscita è l'unico cd dei Maiden che non riesco nemmeno ad inserire nel lettore cd. Anche la canzone che da il titolo all'album mi parve allora, (seppur l'unica piuttosto in linea col passato con "be quick...") molto scontata. Tra l'altro inserita insensatamente nel tour e nei dischi/dvd relativi al "somewhere back in time" tour.
metal4ever
Domenica 10 Ottobre 2010, 21.03.51
34
@Matocc: Bè a radiorock c'era un periodo che mettevano solo quella eppoi quando andavo alle discoteca (venerdì sera c'era una selezione di canzoni rock/metal e musica anni 80) mettevano quella più Run to the hills
krok
Domenica 10 Ottobre 2010, 20.02.05
33
Disco mediocre...concordo in pieno con Zarathustra su x-factor...
Matocc
Domenica 10 Ottobre 2010, 18.48.37
32
@ metal4ever: quando mai si sono sentiti gli Iron in radio????????? magari...
metal4ever
Domenica 10 Ottobre 2010, 15.25.06
31
@Ghenes: Per la title track per carità è bellissima ma l'ho sentita troppe volte!!! Per radio e tv pare che hanno fatto solo quella
Ghenes
Domenica 10 Ottobre 2010, 14.10.02
30
...ah! cmq io quoto il giudizio espresso da Zarathustra.
Ghenes
Domenica 10 Ottobre 2010, 14.07.42
29
...ma lo straquoto era per la title track o per il disco?
Radamanthis
Domenica 10 Ottobre 2010, 13.07.45
28
@Leccese90: straquoto pure io!
metal4ever
Domenica 10 Ottobre 2010, 12.58.13
27
@Leccesetraquoto!!
il leccese90
Domenica 10 Ottobre 2010, 11.28.47
26
uno dei dischi più sottovalutati della storia..anche se la title-track mi ha un po' rotto i coglioni
Nightblast
Domenica 10 Ottobre 2010, 11.18.44
25
Primo album dei Maiden che comprai ed al quale sono perticolarmente affezionato, tanto da tatuarmi la bellissima coperina...Sul reale valore del disco...Purtroppo si sente un pò di crisi compositiva...Ci sono circa 3-4 brani inutili, filler, che nulla dicono sennò mettere in evidenza un pò di indurimento della vena creativa...Però detti brani risulatno essere solo sul "lato b" del cd...Dalla sesta traccia in poi...In fondo son solo 3, Apparition, Chains of Misery e Weeken warrior...Per il resto l'album scorre via bene tra brani veloci, brani cadenzati, e brani ricchi di pathos...Di sicuro non è un flop come piace dire a tanti...E' un album di mutazione, ma che ha segnato comunque un'epoca, più ne bene che nel male...80.
Ghenes
Domenica 10 Ottobre 2010, 11.06.12
24
mamma mia schifezz... ogni volta che sento l'intro di Fear of the dark scappo via da qualche parte. e dire che piace a tanti boh?!?!?
Mastica
Sabato 9 Ottobre 2010, 21.47.34
23
Di questo disco sono ottime o belle 3 forse 4 canzoni. Il resto è Iron Merda, brani che Steve Harris scrive in cinque minuti mentre sta facendo la sua inglese cacca.
mariamaligno
Sabato 9 Ottobre 2010, 21.18.43
22
La rece e' perfetta, descrive al meglio il disco e premia i brani che meritano di essere premiati l'unico appunto e' su Wasting Love che per me e' una grandissima ballad per nulla sopravvalutata..ma sono quisquilie))) Aggiungo che quoto e "sposo" con entusiasmo Zarathustra sull'era Bayley ma allo stesso tempo apprezzo moltissimo questa recensione che premia Fear per me infinitamente superiore a BNW, AMOLAD e TFF (non invece a DOD)..leggendo qua e la' le opinioni di altri redattori di Metallized me ne sarei aspettato una stroncatura e invece "the thrasher" mi ha piacevolemnte sorpreso con un giusto 75 che confermo!!
Gemini
Sabato 9 Ottobre 2010, 19.54.17
21
Concordo con chi dice che la copertina è tra le cose migliori Per me è l'ultima davvero bella ed evocativa, poi una peggio dell'altra (tè, forse quella di "Brave..." non è male, ma le altre...). Poi posso fare un appunto al recensore (senza offesa, sia chiaro: è solo un punto di vista)? Parlare di "...assoli cristallini dalla melodia stupefacente..." riferito a Gers mi fa storcere un po' il naso... (soprattutto quello di "Afraid..." xD)
hellvis
Sabato 9 Ottobre 2010, 19.48.24
20
Secondo disco che mi deluse non poco dei Maiden dopo il tonfo di NPFTD. Un paio di buoni pezzi per il resto si va dal sufficiente all'imbarazzante. Assolutamente lontano dai fasti e dalla creatività del periodo d'oro e la mancanza di Adrian continua a farsi sentire come un macigno.
Screamforme77
Sabato 9 Ottobre 2010, 19.44.09
19
Aspettavo questa recensione.E devo dire che mi trovo abbastanza d'accordo,specialmente quando si dice che è un album sopravvalutato.Io credo che molti fan o non e critici si siano un po troppo fatti influenzare dalla celebrità della title-track(praticamente l'ultimo grande classico che i maiden suonano ad ogni show alla pari di quelli ottantiani) a mo di considerare questo disco una pietra miliare della loro carriera e per me non lo è,almeno in confronto del loro resto di carriera sia precedente che futura.A mio modestissimo parere,non è un criterio sufficente per giudicare un album,un album va valutato in tutti i suoi punti per trarne un conto finale.Si d'accordo,alcune tracce sono monumentali e all altezza del loro nome,tra questi ci metto:la title track,la adrenalinica Be Quick...,Afraid To Shoot...(la mia preferita) e la discreta ballad Wasting Love.Se il resto dell album sarebbe stato come questi pezzi elencati,avremmo avuto un disco ai livelli di un TNOTB,7SOA7S o Powerslave;ma purtroppo non è così.Il resto dell album sono poco piu che dei discreti pezzi,ma che non si lasciano ricordare(appunto dei riempitivi come dicono molti di voi);di questo particolare lotto metto avanti:l'affascinante Fear Is The Key che le cui sonorità orientali fin dai primi ascolti(album che ho avuto in presa diretta) mi ricorda powerslave,pur non avendo lo stesso mordente;Childhood's End;Chains Of Misery;Judas Be My Guide,la melodia il suo punto di forza.Il resto è pura apatia che si risveglia con qualche buon mid strumentale,mentre The Apparition la trovo addirittura inascoltabile e questo mi succede davvero raramente riguardo a un pezzo dei Maiden.Parliamo dell album loro probabilmente piu sopravvalutato,che tutto sommato lo trovo superiore a NPFTD,ma nettamente inferiore a tutti i dischi del post reunion da molti di voi tanto criticato;mentre molti di voi hanno detto che TXF sarà superiore,io invece vado un po controcorrente e dico che è superiore a TXF ma inferiore a Virtual XI.Cmq sia il fatto che sia considerato così importante questo disco,mi fa essere orgoglioso di aver fatto in tempo a diventare loro fan per vederlo nascere.Up The Irons!!
LaSte
Sabato 9 Ottobre 2010, 19.36.07
18
Il primo disco dei Maiden che comprai! Non mi è mai piaciuto molto...ma davvero la titletrack vi piace tanto? La considerano tutti un capolavoro! Cioè, non che a me faccia schifo, però se penso a quali sono i grandi capolavori dei Maiden FOTD non mi viene proprio di includerla! è fatta bene ma a me non dice tutto sto granchè...x il resto concordo con la rece! L'opener e ATSS sono proprio belle! Besooos!
maurilio
Sabato 9 Ottobre 2010, 17.31.43
17
Sottoscrivo in pieno la recensione,solo che anche io preferisco The x factor a questo, dove ci sono solo 4-5 canzoni veramente belle.La copertina é eccezionale. Comprai anche la maglietta. Fra l´altro dopo questa le altre copertine le trovo bruttine e poco rilevanti. Anche io ho il doppio vinile apribile. La confezione era davvero bella.
Undercover
Sabato 9 Ottobre 2010, 16.34.31
16
La recensione dice il vero ma al solito il voto è troppo alto, disco che se la cava con una stentata sufficienza fra il 63-65 oltre è regalato per affetto non per valore reale.
alzailcorno93
Sabato 9 Ottobre 2010, 16.16.57
15
non me la sento di dare un voto a questo cd perchè è stato il mio primo vero cd e, anche se non è il migliore, ci sono tropo legato...cmq questa copertina anni fa mi ha fatto scoprire un mondo totalmente nuovo e per questo le sarò sempre grato!
Blackster
Sabato 9 Ottobre 2010, 16.05.23
14
Uno dei peggior album che abbia mai sentito...
Gemini
Sabato 9 Ottobre 2010, 15.18.48
13
... e finalmente è arrivata! Allora, disco mediocre, per me di poco superiore al precedente (tra l'altro, mi unisco anch'io al coro di chi non è d'accordo con l'ultima frase della recensione, secondo me "The X Factor" è superiore a questo, produzione a parte). Giustamente sottolineate le tre perle del disco: "Be Quick...", "Afraid..." e la title-track, forse il prezzo che preferisco dei Maiden. Carine nella loro semplicità e leggerezza "From Here...", "Judas..." e "Chain...", per il resto tanta noia e mediocrità, con "Fear Is the Key" a tratti inascoltabile e "Tha Apparition" assurdamente piatta e noiosa. 65
Frankiss
Sabato 9 Ottobre 2010, 15.10.47
12
Parere personale...questo disco rappresenta l'inizio del vuoto compositivo dei Maiden..che prosegue ormai da decadi...non l'ho mai apprezzato e men che meno posso farlo oggi!
Er Trucido
Sabato 9 Ottobre 2010, 13.39.14
11
Concordo anch'io con Matocc sulla copertina, pure io ce l'ho in vinile e rende tantissimo!
Nikolas
Sabato 9 Ottobre 2010, 13.22.06
10
Ah, piccolo appunto personale, From Here To Eternity è forse il pezzo che odio di più di tutta la discografia dei Maiden, quel ritornello non l'ho MAI sopportato
Matocc
Sabato 9 Ottobre 2010, 13.16.14
9
diciamo subito che non si tratta di un capolavoro, ma personalmente ci sono molto affezionato: lo comprai in doppio vinile -poi sono passato al CD- da un amico che ascoltava metal "per seguire la moda" -ancora oggi definisce i gruppi HM "filo di ferro" ah ah ah! è stato il mio primo acquisto Maiden... effettivamente Bruce ha un tono molto "aspro" come già nel precedente NPFTD e nei successivi dischi live, ma cmq FOTD ha un suo fascino tutto particolare. nonostante si senta una certa stanchezza latente, questo è, come sostengo da anni, l'ultimo album dove si trova un GRANDE CLASSICO -ovviamente sto parlando della title track- nel vero senso del termine (al pari di The Trooper o Hallowed Be Thy Name e non sto bestemmiando, chiunque sia stato ad un concerto degli IM sa cosa rappresenta quella song col suo lento- forte /POGO!!\- lento). ci sono dei riempitivi, è vero, ma anche dei gran bei pezzi come la trascinante opener BQOBD, il lentone WL -in tanti all' epoca si davano alle ballads e questa è davvero bella- la buona FHTE, CsE che pur essendo abbastanza atipica è una gran bella canzone e poi c'è la più affascinante del platter, ATSS che come avete giustamente scritto nella rece darà l'input alle basi dei pezzi futuri... inoltre anche se non è una cosa fondamentale, la copertina del disco è STUPENDA!!!! un buon album secondo me... UP THE IRONS!!!!
Metallico
Sabato 9 Ottobre 2010, 13.07.32
8
Concordo abbastanza con il voto... Trovo alcuni pezzi davvero belli mentre altri a dir poco inutili! Apprezzo molto i primi tre brani e gli ultimi due...per intenderci: Be Quick Or Be Death, From Here To Eternity, Afraid To Shoot The Strangers, Weekend Warrior (che pur essendo hard rock mi piace davvero tanto) e per concludere la title track!! La parte centrale del disco invece la trovo davvero pessima e riempitiva...magari eliminare qualche pezzo e far uscire un disco con 8 e non 12 tracce non sarebbe stata una brutta idea!! (Piccola parentesi: nella tracklist avete tralasciato Weekend Warrior e la title track)
Nikolas
Sabato 9 Ottobre 2010, 12.36.27
7
Dopo No Prayer e Virtual XI, il disco dei Maiden che mi piace meno
Zarathustra
Sabato 9 Ottobre 2010, 12.35.32
6
@metal4ever: sono un blazemaniac dichiarato!
metal4ever
Sabato 9 Ottobre 2010, 12.34.45
5
@zarathustra:Ero convinto che avresti fatto questo tipo di commento XD
Franky1117
Sabato 9 Ottobre 2010, 12.32.01
4
sono quasi d'accordo con tutta la recensione, apparte per il fatto che che ritengo wasting love e weekend warrior delle belle canzoni mentre fear is the key orripilante.Soprattutto non concordo sulla conclusione finale, con x-factor (gran disco) si risolleveranno qualitativamente in modo netto (per poi crollare con virtual XI)
Zarathustra
Sabato 9 Ottobre 2010, 12.30.20
3
L'unico punto su cui io personalmente mi trovo in disaccordo è il giudizio sull'era Bayley, che in X Factor ha un lavoro secondo me superiore a Fear. Però è un gusto che condivido con pochi, quindi non lo spaccio per verità!
Er Trucido
Sabato 9 Ottobre 2010, 12.26.25
2
Hai ragione Rino, questo disco è uno di quelli più discussi, tra chi lo considera un capolavoro e chi una schifezza. Questo è stato il primo disco dei Maiden che abbia ascoltato e putroppo è l'unico che non ho mai voglia di ascoltare. A parte Fear, Be Quick e Afraid (che è l'archetipo della maggior parte delle composizioni maideniane future, con e senza Bruce) non salvo altro, forse Wasting Love perchè mi ricorda quando la suonavo col vecchio gruppo e la dedicavamo all'amico di turno che aveva delle storiacce con la tipa (cit. Elio) . Purtroppo questo disco è la testimonianza di un rapporto artistico che di lì a poco si sarebbe interrotto, con una serie di scazzi e dichiarazioni taglienti. Sono d'accordo con la tua analisi, anche se in termini di voto lo valuto in maniera inferiore... questione di gusti in fondo!
metal4ever
Sabato 9 Ottobre 2010, 12.18.23
1
Sono abbastanza d'accordo con la recensione pochi pezzi buoni e troppi riempitivi, Penso che The Apparition sia una delle più brutte fatte dai Maiden, sono tuttavia da considerare la title track, Be Quick or be Dead e Afraid to shoot strangers. NPFTD lo ritengo leggermente superiore, e in futuro secondo me faranno di peggio cmq....
INFORMAZIONI
1992
EMI
Heavy
Tracklist
1. Be Quick Or Be Dead
2. From Here To Eternity
3. Afraid To Shoot Strangers
4. Fear Is The Key
5. Childhood's End
6. Wasting Love
7. The Fugitive
8. Chains Of Misery
9. The Apparition
10. Judas Be My Guide
11. Weekend Warrior
12. Fear Of The Dark
Line Up
Bruce Dickinson - Voce
Dave Murray - Chitarre
Janick Gers - Chitarre
Steve Harris - Basso
Nicko McBrain - Batteria
 
RECENSIONI
72
80
81
81
90
s.v.
s.v.
69
53
90
69
81
75
71
99
86
85
99
80
90
95
83
85
92
96
ARTICOLI
27/07/2016
Live Report
IRON MAIDEN + THE RAVEN AGE
Lisbona/Assago (MI), 11-22/07/2016
24/01/2015
Articolo
IRON MAIDEN
757 Stranger in the... Maiden - La logistica della Bestia
14/03/2013
Articolo
IRON MAIDEN
Run to the Hills: In Memory of Clive Burr
11/05/2012
Articolo
IRON MAIDEN
Paul Di'Anno, la biografia
13/04/2012
Articolo
IRON MAIDEN
Nicko McBrain, la biografia
19/03/2012
Articolo
IRON MAIDEN
Janick Gers, la biografia
18/02/2012
Articolo
IRON MAIDEN
The Voice Of The Beast, # 4
11/02/2012
Articolo
IRON MAIDEN
Dave Murray, la biografia
01/02/2012
Articolo
IRON MAIDEN
The Voice Of The Beast, # 3
24/01/2012
Articolo
IRON MAIDEN
Adrian Smith, la biografia
14/01/2012
Articolo
IRON MAIDEN
The Voice Of The Beast, # 2
08/01/2012
Articolo
IRON MAIDEN
Steve Harris, la biografia
04/01/2012
Articolo
IRON MAIDEN
The Voice Of The Beast, # 1
23/10/2011
Articolo
IRON MAIDEN DALLA A ALLA Z
La recensione
06/10/2011
Articolo
IRON MAIDEN
Bruce Dickinson, la biografia
20/04/2011
Articolo
IRON MAIDEN
Nel nome di Eddie
07/01/2011
Articolo
IRON MAIDEN
Le Origini Del Mito - Lettura, analisi e critica
20/08/2010
Articolo
IRON MAIDEN
Sia santificato il loro nome
14/02/2008
Editoriale
IRON MAIDEN!
Vinci 2 t-shirt esclusive
03/07/2007
Live Report
IRON MAIDEN + MOTORHEAD + MACHINE HEAD
Stadio Olimpico, Roma, 20/06/2007
22/03/2003
Articolo
IRON MAIDEN
La biografia
10/10/2002
Articolo
IRON MAIDEN
Le interviste del Rock in Rio
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]