Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Witchwood
Before the Winter
Demo

Bleakheart
Dream Griever
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

08/12/20
UNALEI
Galatea

08/12/20
SHATTERED HOURGLASS
Timekeeper

10/12/20
HORNA
Kuoleman Kirjo

10/12/20
EDRAN
Clockwork - Overture

11/12/20
JACKYL
Family Reunion - Live In Kansas City

11/12/20
DANIEL TOMPKINS
Ruins

11/12/20
THE MAGIK WAY
Il Rinato

11/12/20
PHASE REVERSE
Phase IV: Genocide

11/12/20
BORIS & MERZBOW
2R0I2P0

11/12/20
ISHVARA
Shape of Void to Come

CONCERTI

06/12/20
BORKNAGAR + SAOR + CAN BARDD
CAMPUS MUSIC INDUSTRY - PARMA

11/12/20
NANOWAR OF STEEL (SOSPESO)
LIVE CLUB - TREZZO SULL'ADDA (MI)

18/12/20
DESTRUCTION + GUESTS (ANNULLATO!)
LEGEND CLUB - MILANO

19/12/20
SKANNERS + ARTHEMIS + GUESTS
THE FACTORY - S. MARTINO BUON ALBERGO (VR)

14/01/21
THE BLACK DAHLIA MURDER + RINGS OF SATURN + VISCERA
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

20/01/21
SHADOW OF INTENT + GUESTS
LEGEND CLUB - MILANO

06/02/21
MAGNUM + GUEST TBA (CANCELLATA)
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

11/02/21
VENOM INC. + GUESTS
TRAFFIC CLUB - ROMA

12/02/21
VENOM INC. + GUESTS
THE FACTORY - S. MARTINO BUON ALBERGO (VR)

13/02/21
VENOM INC. + GUESTS
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

Finntroll - Jaktens Tid
( 4929 letture )
Voci nella foresta, strani spiriti sussurrano antiche litanie all’ombra oscura e malevola di selve buie e immortali. In questo gelido e onirico universo nordico, si aggirano creature senza nome e senza volto, nascoste agli occhi impauriti e pavidi dei mortali. Gli uomini scrutano pensierosi la nebbia sulle montagne lontane, guardano ma non vedono, aspettano tremanti che la Natura si scateni e piombi loro addosso, con il fragore di un tuono e il rombo di una montagna che si spezza. Non è un trip di funghi allucinogeni, tantomeno un affascinante incubo da cui ci si risveglia sudati e inquieti. È solo la fumosa ed esaltante sensazione che sembra strisciar fuori dal lettore non appena una mano incauta vi getta dentro quello che probabilmente rimane ancora oggi, a quasi dieci anni dalla sua pubblicazione, il capolavoro indiscusso del folk metal mondiale.

Tempo di caccia in casa Finntroll, Jaktens Tid nell’antico idioma svedese che i nostri scelgono per raccontare le gesta dei Troll, temibili creature che infestano le fantasie (e i boschi) finlandesi. Chiamati alla prova del fatidico secondo album, dopo il successo inatteso dell’ottimo Midnattens Widunder, il combo finnico sfonda le porte del nuovo millennio a colpi frenetici di humppa (danza tipica con evidenti riferimenti alla polka, di cui condivide l’approccio popolare e parte della strumentazione) miscelata con sfuriate black metal costanti e devastanti. Ciò che ne fuoriesce è un folleggiante ed epico miscuglio di tradizioni folk e ritmi estremi con un cantato lacerante e profondamente ironico. Mai il continente musicale europeo ha visto nulla del genere. Eppure l’incipit lascia spiazzati, attoniti, quasi spaesati. Tamburi nella notte e un andamento cadenzato, fiati in lontananza accompagnano l’incedere di Krig, prima traccia dell’album, una sorta di breve viaggio nelle profondità del tenebroso e alberato cosmo dei Troll. Giusto il tempo di abituare gli occhi al buio che le tastiere di Födosagan squarciano le tenebre e danno il via alle danze: la voce stridula di Katla scatena la caccia agli ignari abitanti dei villaggi al limitare della foresta, mentre i cinque minuti del brano scorrono via tra passaggi acustici e riflessivi e assoli al fulmicotone. Il Finntroll-sound è ancora lontano, pochi tempi veloci e uno scorrere ancora decisamente maestoso delle note: cori lontani preparano a un refrain ossessivo e ipnotico, oscuro e dannatamente malato. Sembra tutto sfumare nel buio più recondito di una miniera tolkeniana, quando all’improvviso Slaget Vid Blodsälv scatena il delirio: addio atmosfere tetre e antiche, benvenuti in un’osteria da quattro soldi stracolma di loschi beoni totalmente ubriachi. La birra scorre a fiumi, come le note della fisarmonica in questa discesa danzereccia negli anfratti di una festa vichinga. È impossibile trattenere testa e gambe e non lasciarsi trascinare sottobraccio nel vortice delirante della successiva Skogens Hämmd, in cui la furia black metal attanaglia il ritmo del ballo folk più sfrenato. L’apice emotivo e compositivo del marchio finnico si condensa probabilmente nel finale di questa traccia e nell’inizio della title track, che prosegue e persegue l’incontrollabile rincorrersi di tastiere e chitarre nel sottoscala alcoolico dove i nostri giganti barbuti stanno festeggiando il bottino appena conquistato. Giusto il tempo di rifiatare con la simpatica e straniante Bakon Varye Funa, ironica traccia strumentale di un paio di minuti, che è già tempo di ricominciare la caccia a uomini e animali a colpi di fisarmonica e urla dal profondo delle caverne. La qualità dei brani rimane altissima, non stancando mai nonostante l’ecletticità continua degli stili proposti: Kitteldags e Krigsmjöd scorrono via tra refrain orecchiabili e il costante alternarsi di fisarmonica e tastiera. Si cavalca verso la fine, ma le sorprese sono solo all’inizio. Vargtimmen sembra partire come una colonna sonora ideale per un western ambientato sulle cupe vette scandinave, prima di sfociare in una brano diretto, senza fronzoli, heavy e catchy al punto giusto. Le danze sono momentaneamente accantonate per una preghiera corale al Dio supremo, affinché il nemico sia terrorizzato e sconfitto alla sola vista delle creature della foresta. Mai abbassare la guardia davanti ai Troll: nessuna preghiera, nessun esorcismo li può fermare, e l’incipit orante in latino di Kyrkovisan versa inevitabilmente nel ruggito della bestia e nel brano più furioso dell’album. L’(auto)ironia del combo finlandese non viene mai meno, divertendo e amalgamando materiale mitico e musicale piuttosto eterogeneo senza mai scadere nel pacchiano o nel ridicolo. Den Hornkrönte Konungen sprona nuovamente i cavalli al galoppo e lancia l’ultima traccia dell’album, Aldhissla. Oltre sei minuti piuttosto particolari, vorticosi e affascinanti, come un’ode al vento lontano: tamburi e cori creano una coltre di epicità, spazzando gli ultimi residui di birra dal pavimento dell’animo per trasportare guerrieri e armi su una distesa di battaglia nebbiosa e lontana. Una sorta di peana scandinavo in cui il pro patria Finlandia di stampo Impaled Nazarene (la cui storia è direttamente intrecciata con quella dei Finntroll) prende vita e viene difeso a colpi di ascia. Il soffio di una brezza leggera conclude (o forse no…) la caccia, ma le sorprese in casa Finntroll sono il piatto più prelibato e la voglia di tornare strisciando al boccale lasciato mezzo vuoto sul bancone è troppo forte.

Probabilmente la storia del folk metal non sarebbe stata la stessa senza Jaktens Tid, migliore incarnazione dei Finntroll che furono e capolavoro tuttora ineguagliato. Impossibile prescinderne, impossibile non rimanerne affascinati, incantati, sedotti. I Finnvox Studio dove Katla e soci concepiscono questo piccolo gioiello garantisce una qualità di suono praticamente inaccessibile per la stragrande maggioranza del panorama folk metal (e non solo) continentale: quello che esce fuori è una pietra miliare, reso ancora più unico dalla tragica fine del chitarrista Somnium e dall’abbandono forzato di una delle più grandi voci che il black metal abbia mai avuto. Tutto ciò crea un alone di malinconica bellezza ad ogni singola melodia, come se si stesse osservando un quadro nebbioso e fugace, ma al contempo intimamente ipnotico e suadente. E se alla fine la sensazione è quella di girarsi e rigirarsi nelle coperte dopo una sbornia colossale, allora la cosa migliore è bere l’ultimo sorso della bottiglia e rintanarsi sotto il lenzuolo: una creatura della notte potrebbe bussare alla porta da un momento all’altro…



VOTO RECENSORE
90
VOTO LETTORI
73.09 su 54 voti [ VOTA]
The Chosen One
Giovedì 27 Settembre 2018, 13.31.35
19
Album incredibile, un mix di atmosfera ancestrale, violenza ed esplosivitá. Semplicemente meraviglioso
Shadowplay72
Venerdì 1 Dicembre 2017, 20.38.08
18
forse la migliore band del genere.gran bel disco di folk viking metal!
euronymous
Mercoledì 13 Aprile 2016, 4.16.10
17
indubbiamente quest'album e nattfodd rappresentano l'apice della loro carriera
Angelo
Venerdì 1 Aprile 2016, 16.57.53
16
Ragazzi che fenomeni!!!! li ho scoperti a 43 anni.....ma ora mi faccio tutta la discografia!!
VIKING2000
Venerdì 2 Maggio 2014, 19.16.40
15
Bello, veramente bello... Jonne dei Korpiklaani che canta in Yoik su Jaktens Tid è il massimo! Voto:95
Unia
Mercoledì 19 Settembre 2012, 22.47.50
14
Sì, ma è l'unica parola in finlandese che conosco! Per il resto... Non m'interessa
Delirious Nomad
Mercoledì 19 Settembre 2012, 22.34.18
13
@Unia: figurati... non avevo notato prima ma immagino tu sappia di avere un nick in finlandese !
Unia
Mercoledì 19 Settembre 2012, 22.17.16
12
@Delirious Nomad: grazie. In effetti notavo la leggera "somiglianza" di alcune parole con il tetesco. Tanto per esserne sicura, è sempre meglio chiarire.
Delirious Nomad
Lunedì 17 Settembre 2012, 22.22.01
11
@Unia: no, é svedese, lingua ufficiale in finlandia come il finlandese. Si vede che titoli e testi sono di estrazione germanica, se fosse finlandese non sembrerebbe nulla di conosciuto... ad esempio Moonsorrow cantano in finnico
Unia
Domenica 16 Settembre 2012, 22.23.09
10
Sì, concordo in pieno! Jaktens Tid lo considero un capolavoro. Intro ed outro mistici, quasi "glaciali". Ricordano le foreste finlandesi con quel senso di pericolo in agguato... Brani ballabili e divertenti come "Skogens Hammd", "Vargtimmen", la stessa che ne porta il titolo (un qualcosa di veramente... finnico!), e l'epica "Aldhissla"... Davvero bello! Voto 9.5, oltre che la simpatia verso questo impareggiabile gruppo! E' l'ora della caccia! P.S: l'idioma, perdona l'ignoranza, non è finlandese?
Theo
Venerdì 30 Dicembre 2011, 18.09.22
9
Lavoro fresco, dinamico, divertente e fottutamente buono!! voto 88
il vichingo
Venerdì 30 Dicembre 2011, 18.01.41
8
Eh eh questo è lo stile dei mitici Finntroll!! Musica coinvolgente, dannatamente ispirata e che diverte ad ogni ascolto!! Voto 90 con convinzione!! Grande band e grandissimi "Trollhorn" Sorvali e Katla: vi adoro!!
fabriziomagno
Sabato 13 Agosto 2011, 16.29.08
7
lavoro straordinario, vero capolavoro del genere. Voto: 92
Finntrollfan
Martedì 26 Luglio 2011, 10.55.54
6
Il migliore dei Finntroll! Album leggendario! Slaget Vid Blodsälv e Jaktens Tid sono straordinarie.
Michele
Lunedì 11 Ottobre 2010, 16.33.43
5
Semplicemente il miglior gruppo Folk Metal di sempre! Passeranno alla storia (o lo sono già?)
Mattia
Domenica 10 Ottobre 2010, 9.23.39
4
Diciamo che dalla prima demo a Nattfodd sono stati i tempi d'oro dei Finntroll. anche se il mio preferito resta il mitico debut.
enry
Sabato 9 Ottobre 2010, 18.53.37
3
Bello, il mio preferito cmq resta il debut.
alzailcorno93
Sabato 9 Ottobre 2010, 16.08.32
2
che bello tra un pò mi arriva originale!!!!!! Cmq ha ragione blackster, questo ed altri album sono essenziali ed inarrivabili nell'ambito folk
Blackster
Sabato 9 Ottobre 2010, 13.08.08
1
Per me quest'album non ha voto, è semplicemente sensazionale, è una parte di storia... bella recensione.
INFORMAZIONI
2001
Spinefarm Records
Folk Metal
Tracklist
1. Krig
2. Födosagan
3. Slaget Vid Blodsälv
4. Skogens Hämnd
5. Jaktens Tid
6. Bakom Varje Fura
7. Kitteldags
8. Krigsmjöd
9. VargTimmen (Hedningarna cover)
10. Kyrkovisan
11. Den Hornkrönte Konungen
12. Aldhissla
13. Tomhet Och Tystnad Härska
Line Up
Katla (Voce)
Skyrmer (Chitarra)
Somnium (Chitarra)
Tundra (Basso)
Trollhorn (Tastiera)
Beast Dominator (Batteria)
 
RECENSIONI
50
85
77
74
89
90
80
ARTICOLI
28/09/2013
Live Report
FINNTROLL + TÝR + SKÁLMÖLD
Rock'N'Roll Arena, Romagnano Sesia (NO), 24/09/2013
06/10/2009
Live Report
TMF ON THE ROAD: FINNTROLL + FOLKSTONE
Morte, Folklore e Metallo!
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]