Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Dark Tranquillity
Moment
Demo

Veritas
Threads of Fatality
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

30/11/20
COLOSSUS OF DESTINY
Last Call

30/11/20
VEIL OF SECRETS
Dead Poetry

30/11/20
GOLGATA
Tempel

04/12/20
ANGEL
A Womans Diary The Hidden Chapter

04/12/20
TAU CROSS
Messengers Of Deception

04/12/20
IRON SAVIOR
Skycrest

04/12/20
NEAL MORSE
Jesus Christ The Exorcist (Live At Morsefest 2018)

04/12/20
SCULPTOR
Untold Secrets

04/12/20
IRON MASK
Master of Masters

04/12/20
MAGIC DANCE
Remnants

CONCERTI

30/11/20
MARDUK (RIMANDATO)
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

01/12/20
ORPHANED LAND
LEGEND CLUB - MILANO

02/12/20
ORPHANED LAND
TRAFFIC CLUB - ROMA

03/12/20
ROSS THE BOSS + GUESTS (CANCELLATO!)
LEGEND CLUB - MILANO

03/12/20
NAPALM DEATH
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

04/12/20
NAPALM DEATH
TRAFFIC CLUB - ROMA

06/12/20
BORKNAGAR + SAOR + CAN BARDD
CAMPUS MUSIC INDUSTRY - PARMA

11/12/20
NANOWAR OF STEEL
LIVE CLUB - TREZZO SULL'ADDA (MI)

18/12/20
DESTRUCTION + GUESTS (ANNULLATO!)
LEGEND CLUB - MILANO

19/12/20
SKANNERS + ARTHEMIS + GUESTS
THE FACTORY - S. MARTINO BUON ALBERGO (VR)

Carcass - Choice Cuts
( 6497 letture )
Ed è giunto anche il momento per i Carcass. Il momento della gran raccolta, del tributo che tutti i grinders di questa marcia terra, desideravano. Non mi scompone il fatto che i best of siano mere operazioni commerciali, questo è il giusto omaggio ad una delle band più importanti della vecchia Inghilterra e del panorama mondiale. Una band che ha saputo far uscire il grind dalla nicchia, dalla quale era obiettivamente difficile venire fuori. Carcass, una delle mie prime band, quasi mi vengono i brividi a parlarne in questi termini, dello split finale, del deleterio passaggio all’aldilà musicale. Più facile ricordare le copertine splatter, i bisturi, il male che prende forma, la sporcizia sonora, l'inizio di un'era. Che sensazione avere fra le braccia il vinile di Reek Of Putrefaction e pensare… ma che musica faranno questi pazzi sanguinari? E poi scoprire un nuovo mondo, l'olezzo della morte su tutte le tracce, la decomposizione sonora, il grungnito tipico grind. Ecco i Carcass, un'istituzione del genere ed un esempio per tutti i corpse-grinder del pianeta (Aborted docet). Choice Cuts riprende quindi la storia del combo di Liverpool, cercando nel limite del possibile di non trascurare nulla. Due pezzi (non resti umani) per album, in ordine temporale, quasi a voler dimostare l'evoluzione compiuta (a livello tecnico).

Ecco quindi le seminali Genital Grinder e Maggot Colony, dallo storico Reek Of Putrefaction, anno 1988. Bill Steer (futuro Napalm Death), il batterista Ken Owen, il bassista e cantante Jeff Walker, studente di anatomia, danno vita ad un'operazione a cuore aperto, dove le efferatezze di medicina vengono descritte minuziosamente. Non dimentichiamo però pezzi come Malignant Defecation e Vomited Anal Tract, grindcore allo stato puro.
Exhume To Consume e Swarming Vulgar Mass Of Infected Virulency arrivano da Symphony Of Sickness (1989), altra pietra miliare del genere. La produzione migliora, il genere si sta aprendo, gli assoli prendono forma. In Exhume To Consume si intravede già una certa luce stoner, un breve assolo di Bill Steer, nel segno dei fasti sabbathiani, apre porte impossibili da chiudere in futuro. Titoli come Embryonic Necropsy And Devourment ed Excoriating Abdominal Emanation non possono lasciare indifferenti, il macabro rito del bisturi sui nostri cervelli, prende forma. Le paure, le angosce vengono messe a nudo da questi quattro inglesotti simil-chirurghi. Dopo Tools Of The Trade, tratta dall'omonimo EP, anno 1992, ecco arrivare la svolta. Un anno indietro, il 1991: Necroticism: Descanting The Insalubrious. Mike Amott (ex Carnage) alla seconda chitarra. Brani allungati, piu' melodici, un genere reinventato. Corporal Jingsore Quandary, Incarnated Solvent Abuse: dalla sala operatoria alle vostre orecchie. Ma il progresso non si ferma: Heartwork (1994). Death metal ragionato come non mai, più pulizia sonora. Troviamo Buried Dreams, No Love Lost e soprattutto quello che considero il loro vero capolavoro, la title track, pronta a farci sbattere contro le pareti del nostro personale manicomio. Da Swansong vengono prelevate Keep On Rotting In The Free World e R**k The Vote. I nostri hanno ormai abbandonato il genere, concentradosi sull'heavy, a volte progressivo. I vecchi Carcass scompaiono e con loro le armi di seduzione chirurgica presenti nei loro splatter. Choice Cuts offre anche delle bonus tracks (per fan affamati di carne vecchia). Peel session datate 1989 e 1990. Un po’ di titoli? Cadaveric Incubator of Endoparasites, Slash Dementia, Foeticide, Empathological Necrocitism.

Nel complesso un'ottima raccolta, un buon ricordo per questi paladini del grind prima e del death tecnico poi. Precursori... e visto la nazionalità inglese e l'amore per gli squartamenti razionali eseguiti da teneri bisturi, perché non parafrasare un film del bravissimo Johnny Deep?
…un giorno gli uomini diranno che siamo stati i precursori del grind…

Da un vostro fan, un personale ringraziamento.



VOTO RECENSORE
80
VOTO LETTORI
37.75 su 41 voti [ VOTA]
davide
Venerdì 18 Aprile 2014, 17.42.07
2
80 ???? 80 calci nel culo
Alessandro DON ZUKER Bevivino
Giovedì 14 Marzo 2013, 12.42.29
1
INFORMAZIONI
2004
Earache
Grindcore
Tracklist
1. Genital Grinder
2. Maggot Colony
3. Exhume To Consume
4. Swarming Vulgar Mass Of Infected Virulency
5. Tools Of The Trade
6. Corporeal Jigsore Quandary
7. Incarnate Solvent Abuse
8. Buried Dreams
9. No Love Lost
10. Heartwork
11. Keep On Rotting In The Free World
12. R**k The Vote
13. This Is Your Life
14. Crepitating Bowel Erosion (Peel Session, 2nd January 1989)
15. Slash Dementia (Peel Session, 2nd January 1989)
16. Cadaveric Incubator Of Endoparasites (Peel Session, 2nd January 1989)
17. Reek Of Putrefaction (Peel Session, 2nd January 1989)
18. Empathological Necrotism (Peel Session, 16th December 1990)
19. Foeticide (Peel Session, 16th December 1990)
20. Fermenting Innards (Peel Session, 16th December 1990)
21. Exhume To Consume (Peel Session, 16th December 1990
Line Up
Jeff Walker (vocals / bass),
Bill Steer (guitar),
Ken Owen (drums)
 
RECENSIONI
75
80
77
72
95
95
86
73
ARTICOLI
29/11/2013
Live Report
AMON AMARTH + CARCASS + HELL
Live Club, Trezzo sull’Adda (MI), 24/11/2013
30/08/2013
Intervista
CARCASS
Surgical Steer
10/01/2013
Articolo
CARCASS
Biografia di una band straordinaria
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]