Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Cult of Luna
A Dawn to Fear
Demo

Wraith (USA)
Absolute Power
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

23/09/19
JUMPSCARE
Don`t Close Your Eyes

23/09/19
IVORY TOWER
Stronger

27/09/19
OPETH
In Cauda Venenum

27/09/19
KMFDM
Paradise

27/09/19
MORTEM
Ravnsvart

27/09/19
FERALIA
Helios Manifesto

27/09/19
NETHERBIRD
Into The Vast Uncharted

27/09/19
BHLEG
Äril

27/09/19
WEAPON UK
Ghosts of War

27/09/19
CORELEONI
CoreLeoni II

CONCERTI

24/09/19
DEVILDRIVER + METHEDRAS + THAEIA (ANNULLATO!)
LEGEND CLUB - MILANO

25/09/19
DEVILDRIVER + METHEDRAS + THAEIA (ANNULLATO!)
ORION - ROMA

26/09/19
RIVERS OF NIHIL + GUESTS
CIRCOLO SVOLTA - ROZZANO (MI)

26/09/19
RATOS DE PORAO + NUCLEAR (ANNULLATO!)
SPAZIO POLIVALENTE - CARAMAGNA PIEMONTE (CN)

26/09/19
NERO DI MARTE + JUGGERNAUT
PADIGLIONE 14 - COLLEGNO (TO)

27/09/19
RATOS DE PORAO + NUCLEAR (ANNULLATO!)
TRAFFIC CLUB - ROMA

27/09/19
NERO DI MARTE + JUGGERNAUT
JOE KOALA - OSIO SOPRA (BG)

27/09/19
SOUL OF STEEL + ROBERTO TIRANTI
BLACKSMITH PUB - CRISPIANO (TA)

27/09/19
SATARIAL + NECROSHINE
CENTRALE ROCK PUB - ERBA (CO)

28/09/19
RATOS DE PORAO + NUCLEAR (ANNULLATO!)
AGRITURISMO AI DUE LAGHI - GAMBULAGA DI PORTOMAGGIORE (FE)

Brain Drill - Quantum Catastrophe
( 3247 letture )
Giù nella più insignificante parte di materia, annientando ogni minimo residuo di spirito, sviscerando qualunque singolo elemento. E’ proprio questa l’intenzione autodistruttiva e pericolosa della nostra era con il suo progresso folle e frenetico, questo è il fine ultimo dei Brain Drill. Il quartetto iper-tech americano con il suo nuovo full-lenght dimostra tutto ciò in maniera tragica ed esasperatamente disturbante. Il senso di oppressione e di imminente disfacimento totale si percepisce in tutti i brani di Quantum Catastrophe, con il quale il gruppo annienta platealmente qualsivoglia tipo di struttura razionale dei brani, tanto da saturarli di continue e noiose scorrazzate di immotivato tecnicismo.

Volendo in qualche modo giustificare l’operato sonoro di questa ultima fatica (sia del gruppo,sia per chi si trova nella non piacevolissima posizione di spettatore attonito) con ripetuti ascolti, è impossibile trovare un brano che riesca a spiccare in quanto a novità e freschezza, poiché si percepisce solo un continuo e inarrestabile fluire velocissimo di parti, sconnesse fra di loro, che come idea e scopo comune hanno solo quella di infastidire e destare negativamente chi si avvicina a questo genere, neofiti e non. Molte band dal 2000 in poi hanno cercato, recuperando i dettami dei maestri degli anni novanta, di portare avanti una gara in cui la voglia di creare un qualcosa di veramente diverso e degno di apprezzamento (avvalendosi quindi sempre di grandissima perizia tecnica e maniacale ossessione per la velocità), seppur ostico all’ascolto, viene quest’oggi evidentemente soppiantata da un immotivato utilizzo di futili espedienti che abrogano ogni forma di musicalità e di anima nei brano. In parole povere i Brain Drill sono la carnificazione di questo disfacente verbo. Sebbene all’interno del combo figuri un membro dei più moderati e accessibili ma non meno violenti Odious Mortem, esso va notevolmente fuori dallo scopo sonoro che si era prefissato, forse spontaneamente o forse per “ingannare” chi ascolta, rendendo veramente arduo l’apprezzamento di Quantum Catastrophe. Nessun tipo di giustificazione atonale e di armonia funzionale moderna, ma solo un inutile rincorsa nell’eseguire quante più note in un minuto, toccando il fondo con l’ultima traccia omonima di circa 16 minuti priva di qualsiasi momento pacato e di groove.

Plauso sicuro ai 4 per la conoscenza totale (ma disgraziatamente unilaterale, e fine a se stessa, per l’arrangiamento) del proprio strumento e anche per la collaborazione con l’artista Pär Olofsson, autore di interessantissimi artwork, apprezzati e utilizzati dalla maggior parte dei gruppi brutal-death moderni (Disavowed, Insidious Decrepancy, il penultimo degli Hour of Penance).

Attitudine musicale irrilevante e di scarso feed-back emotivo… si cambierà? Mi auguro di si.



VOTO RECENSORE
55
VOTO LETTORI
33.13 su 22 voti [ VOTA]
il vichingo
Lunedì 2 Luglio 2012, 17.28.07
10
Appena ascoltate la quattro canzoni centrali, per porre rimedio alla mia ignoranza. Diciamo che non aggiungono proprio nulla ad una scena che è ormai sovrasatura di questi gruppi, e qui quoto Flag, ma alcuni passaggi sono piacevoli da ascoltare. Concordo anche sul fatto che in alcuni momenti vi sono eccessivi onanismi sonori, e ciò per quanto mi riguarda non è un bene, ma a conti fatti non si tratta di una band così disastrosa.
il vichingo
Lunedì 2 Luglio 2012, 15.14.52
9
Mai sentiti prima d'ora...
Flag Of Hate
Lunedì 2 Luglio 2012, 14.39.48
8
Uno dei gruppi più inutili, insignificanti e superflui che abbia mai ascoltato. Li nomino seduta stante alfieri dei rasponi sonori™.
Ascarioth
Sabato 29 Ottobre 2011, 17.50.41
7
Beh, secondo me se avessero un buon Songwriter nel gruppo potrebbero fare grandi cose, le doti non mancano!
Electric Warrior
Domenica 7 Novembre 2010, 9.55.13
6
Quando leggo che esistono generi di questo tipo, mi viene solo da ridere, mantenendomi alla larga dai suddetti gruppi e lavori.
kvmeternich
Sabato 6 Novembre 2010, 16.32.51
5
Io invece ne apprezzo il coraggio e la voglia di spingersi sempre al limite. Secondo me vale il discorso che si può fare anche per gruppi come i meshuggah: apprezzo il disco proprio per come suonano piu che per quello che effettivamente suonano. Possono non piacere, ma secondo me sono tutt'altro che inutili e li apprezzo. Voto : 75.
Gnezz
Sabato 6 Novembre 2010, 15.21.54
4
I Brain Drill sono uno dei gruppi più inutili e ridicoli della scena. UNO SCEMPIO. Grande Gnosis!
Undercover
Sabato 6 Novembre 2010, 12.03.33
3
Difficile non essere in sintonia su una recensione che parla di uno degli aborti più evidenti del mondo metal, due dischi due sottobicchieri da collezione fate un po' voi, questo disco era già stroncato prima di nascere data l'attitudine onanistico dipendente di cui la band in maniera ossessivo compulsiva si fa rappresentante. Questo merita un 30 di fiducia...
Mika
Sabato 6 Novembre 2010, 11.57.31
2
CIao Alberto, benvenuto (anche se in ritardo, ma non mi ero accorto che era già stata pubblicata una tua rece)...sono in sintonia con te circa la recensione. Stay Brutal
Atheist
Sabato 6 Novembre 2010, 11.43.07
1
Meno male che esiste qualcuno che si rende conto che la tecnica non serve a un cazzo se non c'è il songwriting...concordo in pieno con la tua analisi
INFORMAZIONI
2010
Metal Blade Records
Technical Brutal Death
Tracklist
1. Obliteration Untold
2. Beyond Bludgeoned
3. Awaiting Imminent Destruction
4. Nemesis of Neglect
5. Entity of Extinction
6. Mercy to None
7. Monumental Failure
8. Quantum Catastrophe
Line Up
Dylan Ruskin (guitar)
Steve Rathjen (vocals)
Ron Casey (drums)
Ivan Munguia (bass)


Link e Contatti:
Brain Drill @MySpace
 
RECENSIONI
70
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]