Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Falconer
From a Dying Ember
Demo

Chaosaint
In the Name of
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

13/07/20
AGONY FACE
IV Time Totems

14/07/20
INISANS/SEPULCHRAL FROST
Death Fire Darkness

15/07/20
EISENKULT
...gedenken wir der Finsternis

15/07/20
THE FUNERAL ORCHESTRA
Negative Evocation Rites

16/07/20
NOCTEM AETERNUS
Landscape of Discord

17/07/20
KANSAS
The Absence of Presence (Nuova data)

17/07/20
THYRANT
Katabasis

17/07/20
WORSHIP
Tunnels

17/07/20
SERENE DARK
Enantiodromia

17/07/20
ZOMBI
2020

CONCERTI

13/07/20
KISS (SOSPESO)
ARENA - VERONA

17/07/20
GIACOMO VOLI + EMPATHICA
THE FACTORY - S. MARTINO BUON ALBERGO (VR)

23/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

24/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

25/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

26/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

29/07/20
DROPKICK MURPHYS
FESTIVAL DI MAJANO - MAJANO (UD)

07/08/20
KORPIKLAANI
MONTELAGO CELTIC FESTIVAL - SERRAVALLE (MC)

07/08/20
SUMMER METAL 2020
LONCA DI CODROIPO (UD)

08/08/20
SUMMER METAL 2020
LONCA DI CODROIPO (UD)

The Archetype - The Fallen Grace
( 2218 letture )
The Untouchables di Brian De Palma è uno dei miei film preferiti. Quando lo trasmettono in televisione non me lo lascio mai sfuggire, e niente o nessuno deve disturbarmi. Mi piace il giusto mix di violenza, poesia, classe, suspense oltreché la trama avvincente.

Voi mi direte: "Che ce ne frega di De Niro, Connery e Costner in questo contesto; piuttosto parlaci dei The Archetype!". E giù con le offese, più o meno velate. In realtà stasera ho provato a guardare il film in questione, ma durante la visione un pensiero non mi ha mai abbandonato, distogliendomi dal consueto rituale: "Come faccio a recensire The Fallen Grace, cosa scrivere, come inquadrare i The Archetype, che voto dare...", ma sopratutto "accidenti al mio capo (Arakness) che mi mette sempre in difficoltà, sembra godere nel complicarmi la vita! Prima o poi me la pagherà cara...".

Poi, d'improvviso, una illuminazione. Avete presente quando Al Capone rivolgendosi a Eliot Ness esclama: "Che hai detto???... non sei niente, sei solo chiacchiere e distintivo, solo chiacchiere e distintivo...". Bene, penserete voi, vuoi dire che i The Archetype sono dunque solo chiacchiere e distintivo? Niente Affatto! Sono un gruppo molto interessante, pochi vaniloqui, molta sostanza e soprattutto nessun genere direttamente paragonabile. I nostri fiorentini (ovviamente lascio a voi la briga di approfondire la bio sul loro MySpace), mi hanno davvero trascinato per di più suonando qualcosa che solitamente non mi aggrada per nulla: un prog-death con parti che alle volte nulla hanno da spartire con il metallo della morte, e linee vocali spesso e volentieri pulite. Personalmente sono intransigente nei riguardi del metal estremo, e di solito non ascolto gruppi così contaminati, o meglio, preferisco altre corruzioni altamente deterioranti. Di primo acchito, ero tentato a stroncarli senza remissione di peccati; in seguito, riascoltando l'album mi sono dovuto ricredere, seppur continuo a non ritenere The Fallen Grace un prodotto death strictu sensu, anzi di quest’ultimo, in tutta franchezza, nelle loro composizioni i nostri toscanacci potrebbero anche farne a meno.

The Fallen Grace è il debutto di questi 5 baldi giovani, che ad ascoltarli bene non sembrano affatto novellini, ma piuttosto navigati ed esperti. Un songwriting molto interessante, già maturo e vario accompagna tutto il concept dell' album, suonato in modo raffinato e convincente. Vogliamo parlare dalle influenze: Death, Dream Theather, Lamb Of God, Antrax, Opeth, pensate possano bastare? Guitar work zeppo di idee, compresso, assoli coinvolgenti ed intensi, parti heavy e progressive avvincenti, una voce che per certi versi si ispira per le parti vocali pulite a James LaBrie, con una spruzzatina di James Hefield per quelle più thrash oriented, e growling ricco ed espressivo, rendono il platter un debutto formidabile. Per non parlare della sezione ritmica multiforme, perfetto legante e spina dorsale dei The Archetype, che dimostra una espressività e vitalità non comuni alla maggior parte dei debuttanti in circolazione.

Un album da ascoltare tutto d' un fiato: io, francamente, ho già perso il conto di quante volte l'ho fatto, perchè coinvolgente, sfaccettato, narrante, davvero ben prodotto, con pochi punti deboli, di cui, trattandosi di un debutto coi fiocchi, posso anche non scrivere. Ragazzi i The Archetype irrompono sul mercato con un prodotto interessantissimo, davvero ispirati e in piena forma, cacciando fuori anima e attributi. Speriamo che ci riservino tante belle sorprese per il futuro.
Ascolto consigliato a tutti.



VOTO RECENSORE
80
VOTO LETTORI
38.47 su 23 voti [ VOTA]
NagasH
Domenica 7 Novembre 2010, 10.01.57
1
Platter molto valido, l'unica pecca che ho riscontrato è il timbro delle clean vocals, non mi ha convinto molto
INFORMAZIONI
2010
Lost Sound Rec.
Prog Death
Tracklist
The Fall
Parasites
Ghost
Ethereal
Blinded by Sand
Twisted Visions
Rise Again
Memoria
Line Up
Gianluca Rossi (Voce)
Giordano Bruni (Chitarra)
Alessandro Italiani (Chitarra)
Niccolò Fasciani (Basso)
Alessandro Rashade (Batteria)


Link e Contatti:
The Archetype @MySpace
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]